LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 14 Febbraio 2016 <

Venerdì 12 Febbraio 2016

Sabato 13 Febbraio 2016

Domenica 14 Febbraio 2016

Lunedì 15 Febbraio 2016

Martedì 16 Febbraio 2016

Mercoledì 17 Febbraio 2016

Giovedì 18 Febbraio 2016

Venerdì 19 Febbraio 2016

Sabato 20 Febbraio 2016

Domenica 21 Febbraio 2016


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:


  I DOMENICA DI QUARESIMA (ANNO C)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Viola
CQ010 ;

La Quaresima si apre con il racconto delle tentazioni di Gesù. Poste alla soglia del suo ministero pubblico, esse sono in qualche modo l’anticipazione delle numerose contraddizioni che Gesù dovrà subire nel suo itinerario, fino all’ultima violenza della morte. In esse è rivelata l’autenticità dell’umanità di Cristo, che, in completa solidarietà con l’uomo, subisce tutte le tentazioni tramite le quali il Nemico cerca di distoglierlo dalla sua completa sottomissione al Padre. “Cristo tentato dal demonio! Ma in Cristo sei tu che sei tentato” (sant’Agostino).
In esse viene anticipata la vittoria finale di Cristo nella risurrezione. Cristo inaugura un cammino - che è l’itinerario di ogni essere umano - dove nessuno potrà impedire che il disegno di Dio si manifesti per tutti gli uomini: la sua volontà di riscattarlo, cioè di recuperare per l’uomo la sovranità della sua vita in un libero riconoscimento della sua dipendenza da Dio.
È nell’obbedienza a Dio che risiede la libertà dell’uomo. L’abbandono nelle mani del Padre - “Io vivo per il Padre” - è la fonte dell’unica e vera libertà, che consiste nel rifiutare di venire trattati in modo diverso da quello che siamo. Il potere di Dio la rende possibile.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Egli mi invocherà e io lo esaudirò;
gli darò salvezza e gloria,
lo sazierò con una lunga vita. (Sal 91,15-16)

Non si dice il Gloria.


Colletta
O Dio, nostro Padre,
con la celebrazione di questa Quaresima,
segno sacramentale della nostra conversione,
concedi a noi tuoi fedeli
di crescere nella conoscenza del mistero di Cristo
e di testimoniarlo con una degna condotta di vita.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Dt 26,4-10
Professione di fede del popolo eletto.

Dal libro del Deuteronòmio

Mosè parlò al popolo e disse:
«Il sacerdote prenderà la cesta dalle tue mani e la deporrà davanti all’altare del Signore, tuo Dio, e tu pronuncerai queste parole davanti al Signore, tuo Dio: “Mio padre era un Aramèo errante; scese in Egitto, vi stette come un forestiero con poca gente e vi diventò una nazione grande, forte e numerosa. Gli Egiziani ci maltrattarono, ci umiliarono e ci imposero una dura schiavitù. Allora gridammo al Signore, al Dio dei nostri padri, e il Signore ascoltò la nostra voce, vide la nostra umiliazione, la nostra miseria e la nostra oppressione; il Signore ci fece uscire dall’Egitto con mano potente e con braccio teso, spargendo terrore e operando segni e prodigi. Ci condusse in questo luogo e ci diede questa terra, dove scorrono latte e miele. Ora, ecco, io presento le primizie dei frutti del suolo che tu, Signore, mi hai dato”. Le deporrai davanti al Signore, tuo Dio, e ti prostrerai davanti al Signore, tuo Dio».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 90

Resta con noi, Signore, nell’ora della prova.

Chi abita al riparo dell’Altissimo
passerà la notte all’ombra dell’Onnipotente.
Io dico al Signore: «Mio rifugio e mia fortezza,
mio Dio in cui confido».

Non ti potrà colpire la sventura,
nessun colpo cadrà sulla tua tenda.
Egli per te darà ordine ai suoi angeli
di custodirti in tutte le tue vie.

Sulle mani essi ti porteranno,
perché il tuo piede non inciampi nella pietra.
Calpesterai leoni e vipere,
schiaccerai leoncelli e draghi.

«Lo libererò, perché a me si è legato,
lo porrò al sicuro, perché ha conosciuto il mio nome.
Mi invocherà e io gli darò risposta;
nell’angoscia io sarò con lui,
lo libererò e lo renderò glorioso».

>

Seconda lettura

Rm 10,8-13
Professione di fede di chi crede in Cristo.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani

Fratelli, che cosa dice [Mosè]? «Vicino a te è la Parola, sulla tua bocca e nel tuo cuore», cioè la parola della fede che noi predichiamo. Perché se con la tua bocca proclamerai: «Gesù è il Signore!», e con il tuo cuore crederai che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvo. Con il cuore infatti si crede per ottenere la giustizia, e con la bocca si fa la professione di fede per avere la salvezza.
Dice infatti la Scrittura: «Chiunque crede in lui non sarà deluso». Poiché non c’è distinzione fra Giudeo e Greco, dato che lui stesso è il Signore di tutti, ricco verso tutti quelli che lo invocano. Infatti: «Chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato».

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Mt 4,4)
Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria!
Non di solo pane vivrà l’uomo,
ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio.
Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria!

>

Vangelo

Lc 4,1-13
Gesù fu guidato dallo Spirito nel deserto e tentato dal diavolo.


+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano ed era guidato dallo Spirito nel deserto, per quaranta giorni, tentato dal diavolo. Non mangiò nulla in quei giorni, ma quando furono terminati, ebbe fame. Allora il diavolo gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ a questa pietra che diventi pane». Gesù gli rispose: «Sta scritto: “Non di solo pane vivrà l’uomo”».
Il diavolo lo condusse in alto, gli mostrò in un istante tutti i regni della terra e gli disse: «Ti darò tutto questo potere e la loro gloria, perché a me è stata data e io la do a chi voglio. Perciò, se ti prostrerai in adorazione dinanzi a me, tutto sarà tuo». Gesù gli rispose: «Sta scritto: “Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto”».
Lo condusse a Gerusalemme, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù di qui; sta scritto infatti: “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo affinché essi ti custodiscano”; e anche: “Essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”». Gesù gli rispose: «È stato detto: “Non metterai alla prova il Signore Dio tuo”».
Dopo aver esaurito ogni tentazione, il diavolo si allontanò da lui fino al momento fissato.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
In Gesù ogni uomo ha la forza di mantenere la propria libertà anche di fronte alle seduzioni del peccato che conducono alla più radicale delle schiavitù.
Preghiamo insieme e diciamo: Mantienici nella Tua fedeltà, Signore.

1. Perché sappiamo sempre credere nella forza dell’unione che c’è tra noi e Te, più stabile delle distrazioni che comportano le tentazioni del momento. Preghiamo.
2. Perché siamo capaci di ribellarci al male presente nel mondo e che agisce anche in noi. Preghiamo.
3. Perché la coscienza del fatto che tu ci sei sempre vicino, anche nei momenti semplici e quotidiani, e soprattutto nei momenti bui di sofferenza, ci accompagni sempre. Preghiamo.
4. Perché la paura e la stanchezza non ci portino mai ad accettare compromessi e surrogati al Tuo amore per noi. Preghiamo.

O Padre, tu sei l’unico Signore che lascia liberi i suoi servitori, aiutaci a non cercare gloria lontano da te per trovare poi solo catene e disperazione. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Si rinnovi, Signore, la nostra vita
e col tuo aiuto si ispiri sempre più al sacrificio,
che santifica l’inizio della Quaresima,
tempo favorevole per la nostra salvezza.
Per Cristo nostro Signore.


Gesù vittorioso sulla tentazione del maligno.

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre Santo, Dio onnipotente ed eterno,
per Cristo nostro Signore.
Egli consacrò l’istituzione del tempo penitenziale
con il digiuno di quaranta giorni,
e vincendo le insidie dell’antico tentatore
ci insegnò a dominare le seduzioni del peccato,
perché celebrando con spirito rinnovato
il mistero pasquale
possiamo giungere alla Pasqua eterna.
E noi, uniti agli angeli e ai santi,
cantiamo senza fine
l’inno della tua lode: Santo...


Antifona di comunione
“Solo al Signore Dio tuo ti prostrerai,
lui solo adorerai”. (Lc 4,8)

Oppure:
Il Signore ti coprirà con la sua protezione,
sotto le sue ali troverai rifugio. (Sal 91,4)


Preghiera dopo la comunione
Il pane del cielo che ci hai dato, o Padre,
alimenti in noi la fede,
accresca la speranza,
rafforzi la carità,
e ci insegni ad aver fame di Cristo,
pane vivo e vero,
e a nutrirci di ogni parola che esce dalla tua bocca.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Wilma Chasseur     (Omelia del 14-02-2016)
Audio commento alla liturgia - Lc 4,1-13
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 14-02-2016)
Un grosso gradasso grasso. Eppur sensuale
Quell'essere, oltreché lurido e immondo, è alquanto tracagnotto. Il corpo di Giuda appeso al fico, al confronto, appare il simulacro di una bellezza antica e dissolta. Quello di Giuda fu un peccato d'ingordigia, una sorta di gelosia mai digerita. Eppur, in cuor suo, per l'Amico serbò sempre un che d ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 14-02-2016)
Vivere la realtà
E' sempre bello ed importante il tempo della quaresima, ma quest'anno, assume una importanza particolare se teniamo di conto del Giubileo straordinario della misericordia. Ma, come ho appena detto, si tratta di qualcosa di straordinario e quindi teniamo presente quello che è il cammino di sempre e c ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 14-02-2016)
Commento su Lc 4,1-13
Collocazione del brano Il brano di oggi viene chiamato Tentazioni di Gesù nel deserto. Il termine greco peirasmos significa mettere alla prova, fare un test per verificare la fedeltà e il valore di qualcuno. Anche i grandi protagonisti della storia sacra (Abramo, Mosè, Giobbe, il popolo di Israele ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 14-02-2016)
Commento su Rm 10,8-13
Collocazione del brano Cominciamo il nostro cammino di Quaresima con un brano della lettera di san Paolo ai Romani. Questa lettera è in pratica un piccolo trattato teologico che Paolo aveva mandato alla comunità di Roma per presentare se stesso, in vista di un suo viaggio nella città eterna. Roma, ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 14-02-2016)
Commento su Lc 4,1-13
Osa! Cerca il deserto, la solitudine. Innanzitutto rinuncia alla coscienza comune poi, si vedrà. In questa frase di Léon Chestov, filosofo russo di religione ebraica, sta, mi sembra, la sintesi dell'avventura umana di Gesù nel deserto, la pagina di Luca che meditiamo in questa prima domenica di ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 14-02-2016)
Commento su Lc 4, 1-13
«Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano ed era guidato dallo Spirito nel deserto, per quaranta giorni, tentato dal diavolo. Non mangiò nulla in quei giorni, ma quando furono terminati, ebbe fame. Allora il diavolo gli disse: "Se tu sei il Figlio di Dio, di' a questa pietra che diven ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 14-02-2016)
Resta con noi, Signore, nell'ora della prova
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 14-02-2016)
Tentati dalla parola
La Parola è una grande protagonista della battaglia che si scatena nel deserto. Da una parte Gesù, Figlio di Dio fatto uomo, sospinto dallo Spirito che lo riempie oltre modo come aveva riempito di grazia traboccante la Madre. Dall'altra il maligno, subdolo compagno di 40 giorni di solitudine e priva ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 14-02-2016)
Anche oggi
Per quaranta giorni Il numero di quaranta ci pone immediatamente sul piano simbolico del racconto. Questo non toglie nulla alla storicità dell'evento che è diversamente raccontato da tutti i sinottici, ma è proprio il modo con cui lo si racconta che evidenzia un aspetto simbolico rispetto all'altr ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 14-02-2016)
Commento su Luca 4,1-13
E' iniziato il tempo di Quaresima, tempo di grazia, di conversione, di purificazione della nostra fede dai tanti idoli e dalle false sicurezze che ci rendono schiavi per vivere da risorti. Nelle letture di questa prima domenica risuona proprio il tema della fede: nel Vangelo di oggi vediamo la vit ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 14-02-2016)
Il maestro di paure
Clicca qui per la vignetta della settimana. Poco dopo aver letto il brano di Vangelo di questa prima domenica di Quaresima che ci racconta dei 40 giorni di Gesù nel deserto, apro il giornale on line e leggo il titolo in testa a tutti gli altri: "Primo ministro francese: Ci saranno altri grandi at ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 14-02-2016)
Video commento a Lc 4,1-13
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 14-02-2016)
Video commento a Lc 4,1-13
...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 14-02-2016)
Prostriamoci davanti al Signore, inginocchiamoci davanti ai poveri
"La Quaresima di questo Anno Giubilare sia vissuta più intensamente come momento forte per celebrare e sperimentare la misericordia di Dio". Il Signore è clemente, misericordioso e grande nell'amore. "Benedici il Signore anima mia, non dimenticare nessuno dei suoi benefici. Egli perdona tutte le tue ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 14-02-2016)
Seguiamo Gesù nel deserto
La Chiesa, come ogni anno, alza il sipario sul ?prezioso tempo della Quaresima', con il racconto di una delle più sconcertanti, ma nello stesso tempo più umane, vicende vissute da Gesù. "In quel tempo, Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano ed era guidato dallo Spirito nel deserto, ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 14-02-2016)
Il diavolo si allontanò da lui fino al momento fissato
Chi conosce Dio, conosce Satana. Chi conosce Satana, conosce Dio. Chi non conosce Satana, non conosce Dio. Chi conosce falsamente Satana, conosce falsamente Dio. Satana vive di astuzia perfetta, insuperabile. Lui insegna una cosa sola all'uomo: che lo si veda dove lui non c'è, che non lo si veda dov ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 14-02-2016)
Commento su Luca 4,1-13
Il tempo che si apre oggi davanti a noi è il Tempo di Quaresima: 40 giorni in cui siamo chiamati a intensificare il nostro cammino verso la Pasqua che è mistero centrale della nostra fede, mistero di morte e risurrezione. In questo periodo di preparazione siamo invitati a riscoprire il nostro Batte ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 14-02-2016)
Amore e servizio, e satana è battuto.
Come sarebbe bello, se le tentazioni di Gesù - e le nostre! - durassero l'arco di una domenica di Quaresima, o al massimo i quaranta giorni nei quali, stando ai Vangeli, Gesù fu inviato dallo Spirito nel deserto! Invece, poiché nella Bibbia i numeri hanno sempre una valenza più simbolica che aritmet ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 14-02-2016)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Marco Simeone "Mettiamoci in viaggio" Siamo alla prima fermata del treno della Quaresima, sì perché come un treno porta i viaggiatori verso la meta desiderata, passando per paesaggi diversi, a volte belli e altre inquietanti, così ci viene offerta l ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 14-02-2016)

In questa prima domenica di Quaresima accompagniamo Gesù nel deserto dove si è ritirato per riflettere, pregare, stare in solitudine e prepararsi alla vita da Rabbi che lo attende. L'evangelista Luca, nella pagina che abbiamo ascoltato, ci racconta che rimane lì, nel deserto, Gesù se ne sta proprio ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 14-02-2016)
Le tentazioni? Non si evitano, sono da «attraversare»
Le tentazioni di Gesù sono le forze, le lusinghe che mettono ogni uomo davanti alle scelte di fondo della vita. Ognuno tentato di ridurre i suoi sogni a pane, a denaro, di trasformare tutto, anche la terra e la bellezza, in cose da consumare. Ognuno tentatore di Dio: fammi, dammi, risolvi i miei p ...
(continua)
Michele Antonio Corona     (Omelia del 14-02-2016)
Commento su Luca 4,1-13
In questo anno particolare, per la velocità con cui si passa dal natale alla quaresima, ci sentiamo immessi in un tempo forte quasi senza aver avuto occasione per preparaci adeguatamente. Ma questa è la nostra tentazione: sentirci sempre impreparati a vivere profondamente il tempo che ci viene offer ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 14-02-2016)

Le tentazioni di Gesù. Non solo sue; anche dei santi. Persino di santa Teresina, che le vinceva con la ricerca di Dio solo e l'abbandono innocente. Le tentazioni sono una costante della vita; affidiamoci alla misericordia del Signore. Non solo nel deserto si è tentati. Gesù è sempre guidato dallo ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 14-02-2016)
Commento su Luca 4,1-13
È cominciata la Quaresima, un mese esatto dalla solennità del Battesimo di Gesù, che ha concluso il Tempo di Natale. Il 27 marzo sarà Pasqua: poco più di quaranta giorni per "centrare il bersaglio della conversione". Non possiamo parlare di misericordia, senza parlare anche di conversione; non poss ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 14-02-2016)
Video Commento a Lc 4, 1­ - 13
...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 14-02-2016)
#StradeDorate - Commento su Luca 4,1-13
...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 14-02-2016)
Prediche senza Pulpito - Commento al Vangelo
...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 14-02-2016)
Video commento su Lc 4,1-13
...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 14-02-2016)
Video commento su Luca 4,1-13
...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 14-02-2016)
Commento su Dt 26,4-10; Lc 4,1-13
Amici, siamo giunti alla quaresima, cerchiamo di coglierne un senso. Chiediamoci: chi siamo? Qual è la nostra fonte? Viviamo in contatto con la nostra origine fontale? Ci fidiamo dell'Amore come il piccolo appena nato, si abbandona senza riserve fra le braccia di chi lo ama? Solo allora si sco ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 14-02-2016)
Il pellegrinaggio quaresimale e giubilare
La prima domenica di Quaresima di questo anno giubilare straordinario della misericordia assume un significa speciale, per un duplice motivo: inizia il cammino verso la pasqua 2016 e si potenzia il nostro pellegrinaggio giubilare in questo anno della misericordia, di cui la Quaresima rappresenta il ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 14-02-2016)
La Parola - commento a Lc 4, 1-13
Commento a cura di don Stefano Caichiolo, parroco dell'Unità pastorale di Marchesane - Nove. Registrato nella chiesa arcipretale dei Santi Pietro e Paolo di Nove, Vicenza. ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 14-02-2016)
Sulla Tua Parola - Lc 4,1-13
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 14-02-2016)
Tre tentazioni per riassumerle tutte
Prima domenica di quaresima: come ogni anno, il vangelo è quello relativo al misterioso episodio delle tentazioni cui anche Gesù fu sottoposto. Lo riferiscono tre degli evangelisti: Marco si limita a dire che Gesù fu tentato; Matteo specifica come, elencando le tentazioni che dovette affrontare, men ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 14-02-2016)
Di fronte alla prova e alla tentazione
Di Sant'Antonio Abate, precursore del monachesimo cristiano in Oriente, San Atanasio scrive che visse nel deserto dove menava vita solitaria, ma proprio fra le asperità del luogo e nella lontananza dal contatto con la gente, subiva le provocazioni e le vessazioni del demonio. I santi anacoreti come ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 14-02-2016)
Video commento su Lc 4,1-13
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 17-02-2013)
Commento su Lc 4,1-13
Deponiamo le maschere: quelle di Carnevale e quelle che la vita ci ha cucito addosso, quelle che gli altri ci hanno messo, quelle dietro cui ci rifugiamo per paura delle scelte. Davanti a Dio, almeno davanti a lui, possiamo restare nudi senza provare vergogna. Gesù è spinto dallo Spirito Santo: i s ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 17-02-2013)
Commento su Lc 21,25-28.34-36.
Collocazione del brano Incominciamo un nuovo anno liturgico. Durante questo nuovo anno ci accompagnerà il vangelo di Luca (anno C). Il tempo di avvento ci introduce al ricordo semrpe attuale dell'incarnazione del Verbo di Dio. La prima domenica di avvento però ci proietta già verso la seconda venut ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 17-02-2013)
Audio commento a Lc 4,1-13
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 17-02-2013)
Gesù fu guidato dallo Spirito nel deserto e tentato dal diavolo
In quel tempo, Gesu?, pieno di Spirito Santo, si allontano? dal Giordano ed era guidato dallo Spirito nel deserto, per quaranta giorni, tentato dal diavolo. (Luca 4, 1-13) I quaranta giorni di Gesu? nei luoghi deserti di Palestina sono l'eco dei quaranti anni trascorsi dal popolo ebreo nel desert ...
(continua)
don Luigi Trapelli     (Omelia del 17-02-2013)
La Quaresima: tempo della purificazione
E' iniziato, con il mercoledì delle ceneri, il tempo forte della Quaresima.? Siamo chiamati a mettere in atto le tre pratiche della pietà cristiana: il digiuno, la preghiera e le opere di carità fraterna.? Il nostro obiettivo è chiaro: l'attesa della Pasqua, Gesù che morendo vince la morte e risorg ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 17-02-2013)
Dio non cerca schiavi ma figli liberi
Le tre tentazioni di Gesù sono le tentazioni del­l'uomo di sempre. Ten­tazione significa in realtà fa­re ordine nelle nostre scelte e nelle relazioni di fondo: o­gnuno tentato verso se stes­so: hai fame? Dì che queste pietre diventino pane! Tra­sforma tutto in cose da con­sumare, in denaro. Ognuno t ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 17-02-2013)
La giusta tentazione
Clicca qui per la vignetta della settimana. Questa estate, nel viaggio in Israele con i giovani delle parrocchie del paese e accompagnato dal carissimo amico don Fabiano, un giorno è stato dedicato al cammino nel deserto di Giuda. E' lo stesso deserto nel quale è collocato il racconto del Vangelo ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 17-02-2013)
Video commento a Lc 4, 1-13
...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 17-02-2013)
Commento su Luca 4,1-13
Il vangelo di oggi ci aiuta a comprendere che Dio non è lontano da noi, è vicino, abita nel nostro cuore. Il Suo, però, non è un semplice desiderio, non si limita alla presenza, ci permette di ascoltare e mettere in pratica la Sua voce. Se rimaniamo in silenzio, senza essere distratti dai rumori del ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 17-02-2013)
Resta con noi Signore nell'ora della prova
Abbiamo iniziato, mercoledì scorso, con il rito penitenziale delle Ceneri la Quaresima, tempo di rinnovamento spirituale che prepara alla celebrazione annuale della Pasqua. Ma che cosa significa entrare nell'itinerario quaresimale? Ce lo illustra il Vangelo di questa prima domenica, con il racconto ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 17-02-2013)
Video commento a Lc 4,1-13
...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 17-02-2013)
Il male non ce la può fare!
Ritenere che la tentazione o più in generale la presenza del male nella nostra vita, dentro e intorno a noi, rappresenti una diminuzione della nostra dignità di uomini e di credenti è qualcosa che fa parte di un retaggio culturale che ci portiamo dietro da parecchi anni, da secoli di storia, credo, ...
(continua)
don Luca Orlando Russo     (Omelia del 17-02-2013)
Se tu sei Figlio di Dio
Già mercoledì, con il rito dell'imposizione delle Ceneri, siamo stati ampiamente introdotti nel tempo della Quaresima. La liturgia della Parola di mercoledì ci ha invitato a prendere coscienza che il Dio della tradizione biblica desidera stabilire con noi uomini una relazione personale (vedi l'invit ...
(continua)
mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 17-02-2013)
Cercare la volontà di Dio
Riprendiamo il cammino quaresimale e ripetiamo al Signore: Resta con noi, Signore, nell'ora della prova. La quaresima è un tempo forte di prova. Tutta la vita è una prova. Siamo sempre provati, ma non sempre approvati. Tutta la vita è una croce. Siamo sempre tentati e non sempre attenti. Tutta la ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 17-02-2013)
Le tangenti dell'onorevole Lucifero
Sembra di assistere ad una disputa tra teologi, a palleggiarsi testi della Scrittura Sacra. Nessuno dei due parla con parole proprie ma fanno a gara mutuandole dai Libri Sacri. Lucifero è sceso nel deserto convinto che alla fine il Nazareno cadrà. Gesù di Nazareth è salito nel deserto convinto che S ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 17-02-2013)
Se tu sei il Figlio di Dio
La Liturgia ci introduce nel tempo quaresimale proponendoci il brano delle tentazioni di Gesù secondo la tradizione di Luca (Lc.4,1-13), il Vangelo che stiamo leggendo in quest'anno liturgico. La quaresima, preparazione alla Pasqua, è il tempo particolarmente importante per la pedagogia della fede, ...
(continua)
Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 17-02-2013)
Gesù, nel deserto, viene tentato dal diavolo
"La Quaresima di sua natura è simile al deserto che fa fondale al racconto evangelico delle tentazioni di Gesù. Come il deserto riduce l'uomo all'essenziale, spogliandolo delle sovrastrutture, del superfluo e delle vanità e proiettandolo verso alcune poche fondamentali cose (acqua, cibo, strada gius ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 17-02-2013)
Commento su Lc 4,1-13
Dopo il battesimo, Gesù vive un periodo di prova e tentazione. Lo testimoniano i Vangeli di Matteo, Marco e Luca spiegando che è proprio lo Spirito effuso nel Battesimo, a spingere Gesù nel deserto, per esservi tentato dal demonio. La prima opera di Cristo non è un miracolo, una guarigione, ma la lo ...
(continua)
mons. Vincenzo Paglia     (Omelia del 17-02-2013)
Commento su Luca 4,1-13
Introduzione La Quaresima si apre con il racconto delle tentazioni di Gesù. Poste alla soglia del suo ministero pubblico, esse sono in qualche modo l'anticipazione delle numerose contraddizioni che Gesù dovrà subire nel suo itinerario, fino all'ultima violenza della morte. In esse è rivelata l'aute ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 17-02-2013)
Uomo dove sei?
Gesù, prima di iniziare la sua missione tra di noi, ci ha dato esempio di come entrare nella verità, affrontando a viso aperto chi ci mette la maschera, ossia l'autore di ogni inganno, satana. Racconta il Vangelo di Luca: "Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano e fu condotto dallo ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 17-02-2013)
Il diavolo si allontanò da lui fino al momento fissato
Le tre tentazioni di Cristo Gesù sono paradigmatiche di tutta l'esistenza umana. È come se la vita dell'uomo fosse racchiusa in tre grandi momenti. Esse sono pertanto tentazioni universali, non particolari. Gesù viene tentato in ogni momento della sua vita e in tutta la sua vita. Nessun istante e ne ...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 17-02-2013)
Deserto
Non è certamente un caso che ?l'esame di ammissione' nella comunità cristiana, per ricevere il sacramento del Battesimo, preveda come prima domanda, quale indispensabile premessa, non l'adesione alla fede nel Dio trinitario, bensì la rinuncia a Satana, ovvero al male, a ciò che nella nostra vita quo ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 17-02-2013)
Liberi per la Parola
Per quaranta giorni Gesù, pieno di Spirito Santo che al Giordano è sceso sopra di lui, andò nel deserto guidato "nello spirito" (letteralmente)... si può azzardare nel dire che Luca ci racconta il senso profondo della comunione che in Gesù si realizza tra lo Spirito Santo ed il suo spirito. Lo Spir ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 17-02-2013)
Video commento a Lc 4, 1-13
...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 17-02-2013)
Commento su Deuteronomio 26,5
"Mio padre era un Aramèo errante..." Dt 26,5 Come vivere questa parola? CAMMINARE All'inizio della Quaresima è bello recuperare la condizione di fondo del nostro essere credenti: ce la ricorda l'espressione con cui Mosè, nella prima lettura, fa memoria di Abramo, l'arameo errante. Egli, il padr ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 17-02-2013)
Video Commento a Lc 4, 1-13
You need to install or upgrade Flash Player to view this content, install or upgrade by clicking here. ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 17-02-2013)
Una chiara traccia per la vita di ogni giorno
Quaranta giorni: da qui il nome della quaresima appena iniziata. Sono quaranta (non contando le domeniche) perché tanti sono stati i giorni trascorsi da Gesù nel deserto per preparasi all'adempimento della sua missione, a sua volta ricordando i quarant'anni trascorsi dal popolo di Dio nel deserto, p ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 17-02-2013)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di Paolo Matarrese In un film comico degli anni ?90 "Non ci resta che piangere", c'era un frate che continuamente ricordava al protagonista (il grande Troisi) il destino della sua vita con una frase lapidaria: "ricordati che devi morire". Questo fraticello ogni tant ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 17-02-2013)

Oggi incomincia un tempo veramente speciale: la Quaresima. Ehi, che succede?! Cosa sono quelle facce??!! Fermi, fermi, non cominciate a sbuffare, dicendo che tanto TUTTI gli anni arriva la Quaresima! Non cominciate a pensare che è una gran noia, con tutti che invitano a fare i bravi, a fare i "fior ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 17-02-2013)
Tentazioni necessarie
No la vita, non è semplice, non scherziamo. Ai più fortunati può andare abbastanza bene, per gli altri, per la maggioranza, spesso si rema controcorrente, si aprono sempre scenari di crisi: quando non è il lavoro è la salute, quando non sono i figli è la fede... A volte si ha l'impressione di perco ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 17-02-2013)
Video commento a Lc 4, 1-13
...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 17-02-2013)
Fu tentato dal diavolo
Madre Teresa diceva che non è bravo chi resiste alle tentazioni, ma chi non ne ha. Come è difficile per noi uomini fatti di impulsi, istinti, desideri, immersi in una società consumistica dove ogni cosa è tentazione. Come è difficile passare attraverso il fuco senza bruciarsi, eppure è così necessa ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 17-02-2013)
Le acque del Giordano trionfano sul maligno
Gesù è stato da poco confermato dal Padre come Figlio suo prediletto mentre usciva dall'acqua battesimale del Giordano; è stato rivestito di Spirito Santo, lo stesso Spirito che lo ha iniziato e lo conduce adesso alla missione di annuncio e lo conferma nella sua figliolanza divina e nella divinità. ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 17-02-2013)
Ruminare i Salmi - Salmo 91,11-12
Ruminare i Salmi - Salmo 91 (Vulgata/liturgia 90),11-12 (I domenica di quaresima, anno C) CEI 11 Egli per te darà ordine ai suoi angeli di custodirti in tutte le tue vie. 12 Sulle mani essi ti porteranno, perché il tuo piede non inciampi nella pietra. TILC 11 Il Signore darà ordine ai suoi ange ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 17-02-2013)
Non riduciamoci in cenere
Ecco la novità che m'è saltata agli occhi in questo vangelo! Contrariamente a quanto pensavo, Gesù non rimase sempre nel deserto, ma c'è scritto che il demonio, prima lo condusse in alto e poi lo condusse addirittura a Gerusalemme sul pinnacolo del tempio e gli propinò la famosa tentazione di buttar ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 17-02-2013)
Commento su Deuteronomio 26,4-10; Salmo 90; Romani 10,8-13; Luca 4,1-13
La prima domenica di Quaresima ci porta nel deserto con Gesù: ci avvolge la sensazione di sentirsi completamente soli, senza i conforti a cui siamo abituati e che ci danno sicurezza. Come l'uomo di allora anche noi oggi temiamo il deserto come luogo e come figura perché nel deserto si può contare so ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 21-02-2010)
Video commento su Lc 4,1-13
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 21-02-2010)
Audio commento a Lc 4,1-13
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 21-02-2010)
Con Gesù nel deserto
? 1 Lotta contro chi? Inizia la Quaresima. In questa prima domenica, il Vangelo ci porta nel deserto con Gesù, luogo dell'incontro e dell'intimità con Dio, ma anche luogo della lotta suprema con il tentatore. Ciò che mi colpisce in questo brano è proprio la realtà della tentazione e del tentatore ...
(continua)
don Daniele Muraro     (Omelia del 21-02-2010)
Prologo sulla terra
Avere una storia è una dimensione essenziale dell'uomo (uno ce l'ha anche quando dorme), poterla conoscere e orientare è una componente non secondaria della sua riuscita. Anche la nostra fede ci parla di una storia, la storia della salvezza. Per di più questa fede proviene da una catena di generazi ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 21-02-2010)
Gesù e il diavolo
Gesù e il Diavolo: due realtà che hanno a che fare con le nostre scelte di vita di ogni momento, di ogni giorno e della vita di chiunque. L'essere l'uno di fronte all'altro implica per noi l'attualità di un combattimento che solo il discernimento della Parola può guidare in ciascuno, affinché chi a ...
(continua)