LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 25 Ottobre 2015 <

Venerdì 23 Ottobre 2015

Sabato 24 Ottobre 2015

Domenica 25 Ottobre 2015

Lunedì 26 Ottobre 2015

Martedì 27 Ottobre 2015

Mercoledì 28 Ottobre 2015

Giovedì 29 Ottobre 2015

Venerdì 30 Ottobre 2015

Sabato 31 Ottobre 2015

Domenica 1 Novembre 2015


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

  XXX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO B)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Verde
BO300 ;

L’evangelista Marco che ascoltiamo quest’anno ci presenta le azioni e le parole di Gesù durante il suo viaggio a Gerusalemme. Viaggio sicuramente topografico, ma anche e soprattutto simbolico. Questa strada che Gesù percorre con entusiasmo - “Gesù li precedeva” - e dove i discepoli lo seguono con diffidenza o inquietudine - “essi erano spaventati, e coloro che seguivano erano anche timorosi” (Mc 10,32) - qui arriva al termine. Ecco il contesto della lettura sulla quale meditiamo oggi.
Al termine del cammino, oggi incontriamo un cieco. Un cieco, che, in più, è un mendicante. In lui c’è oscurità, tenebre, e assenza. E attorno a lui c’è soltanto il rigetto: “Molti lo sgridavano per farlo tacere”. Gesù chiama il cieco, ascolta la sua preghiera, e la esaudisce. Anche oggi, qui, tra coloro che il Signore ha riunito, “ci sono il cieco e lo zoppo” (prima lettura) - quello che noi siamo -; ed è per questo che le azioni di Gesù, che ci vengono raccontate, devono renderci più pieni di speranza.
È nel momento in cui termina il viaggio di Gesù a Gerusalemme (e dove termina il ciclo liturgico), che un mendicante cieco celebra Gesù e lo riconosce come “Figlio di Davide”, o Messia; e questo mendicante riacquista la vista e “segue Gesù per la strada”. È un simbolo, un invito. Chiediamo al Signore che ci accordi la luce della fede e ci dia vigore, affinché lo seguiamo come il cieco di Gerico, fino a che non avremo raggiunto la Gerusalemme definitiva.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Gioisca il cuore di chi cerca il Signore.
Cercate il Signore e la sua potenza,
cercate sempre il suo volto. (Sal 105,3-4)


Colletta
Dio onnipotente ed eterno,
accresci in noi la fede, la speranza e la carità,
e perché possiamo ottenere ciò che prometti,
fa’ che amiamo ciò che comandi.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

Oppure:
O Dio, luce ai ciechi e gioia ai tribolati,
che nel tuo Figlio unigenito
ci hai dato il sacerdote giusto e compassionevole
verso coloro che gemono nell’oppressione e nel pianto,
ascolta il grido della nostra preghiera:
fa’ che tutti gli uomini riconoscano in lui
la tenerezza del tuo amore di Padre
e si mettano in cammino verso di te.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Ger 31,7-9
Riporterò tra le consolazioni il cieco e lo zoppo.

Dal libro del profeta Geremìa

Così dice il Signore:
«Innalzate canti di gioia per Giacobbe,
esultate per la prima delle nazioni,
fate udire la vostra lode e dite:
“Il Signore ha salvato il suo popolo,
il resto d’Israele”.
Ecco, li riconduco dalla terra del settentrione
e li raduno dalle estremità della terra;
fra loro sono il cieco e lo zoppo,
la donna incinta e la partoriente:
ritorneranno qui in gran folla.
Erano partiti nel pianto,
io li riporterò tra le consolazioni;
li ricondurrò a fiumi ricchi d’acqua
per una strada dritta in cui non inciamperanno,
perché io sono un padre per Israele,
Èfraim è il mio primogenito».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 125

Grandi cose ha fatto il Signore per noi.

Quando il Signore ristabilì la sorte di Sion,
ci sembrava di sognare.
Allora la nostra bocca si riempì di sorriso,
la nostra lingua di gioia.

Allora si diceva tra le genti:
«Il Signore ha fatto grandi cose per loro».
Grandi cose ha fatto il Signore per noi:
eravamo pieni di gioia.

Ristabilisci, Signore, la nostra sorte,
come i torrenti del Negheb.
Chi semina nelle lacrime
mieterà nella gioia.

Nell’andare, se ne va piangendo,
portando la semente da gettare,
ma nel tornare, viene con gioia,
portando i suoi covoni.

>

Seconda lettura

Eb 5,1-6
Tu sei sacerdote per sempre, secondo l’ordine di Melchìsedek.

Dalla lettera agli Ebrei

Ogni sommo sacerdote è scelto fra gli uomini e per gli uomini viene costituito tale nelle cose che riguardano Dio, per offrire doni e sacrifici per i peccati.
Egli è in grado di sentire giusta compassione per quelli che sono nell’ignoranza e nell’errore, essendo anche lui rivestito di debolezza. A causa di questa egli deve offrire sacrifici per i peccati anche per se stesso, come fa per il popolo.
Nessuno attribuisce a se stesso questo onore, se non chi è chiamato da Dio, come Aronne. Nello stesso modo Cristo non attribuì a se stesso la gloria di sommo sacerdote, ma colui che gli disse: «Tu sei mio figlio, oggi ti ho generato», gliela conferì come è detto in un altro passo:
«Tu sei sacerdote per sempre,
secondo l’ordine di Melchìsedek».

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Cf 2Tm 1,10)
Alleluia, alleluia.
Il salvatore nostro Cristo Gesù ha vinto la morte
e ha fatto risplendere la vita per mezzo del Vangelo.
Alleluia.

>

Vangelo

Mc 10,46-52
Rabbunì, che io veda di nuovo!


+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, mentre Gesù partiva da Gèrico insieme ai suoi discepoli e a molta folla, il figlio di Timèo, Bartimèo, che era cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. Sentendo che era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: «Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!».
Molti lo rimproveravano perché tacesse, ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!».
Gesù si fermò e disse: «Chiamatelo!». Chiamarono il cieco, dicendogli: «Coraggio! Àlzati, ti chiama!». Egli, gettato via il suo mantello, balzò in piedi e venne da Gesù.
Allora Gesù gli disse: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». E il cieco gli rispose: «Rabbunì, che io veda di nuovo!». E Gesù gli disse: «Va’, la tua fede ti ha salvato». E subito vide di nuovo e lo seguiva lungo la strada.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Come il cieco di Gerico, anche noi gridiamo a Gesù la nostra fede, per ottenere da lui misericordia e perdono. E ci facciamo voce delle tante persone che non sanno o non vogliono più rivolgersi al Signore, chiedendo per loro il dono della fede.
Preghiamo insieme e diciamo: Figlio di Davide, abbi pietà di noi.

1. Per la Chiesa: non impedisca come la folla di Gerico di avvicinarsi a Gesù, ma faccia risuonare davanti a lui le grida dei poveri, degli ammalati, di coloro che sono in difficoltà, preghiamo.
2. Per gli ammalati: perché non siano costretti a vivere in solitudine e nella tristezza, e trovino in Gesù conforto, luce per dare senso alla propria esistenza e speranza nella risurrezione, preghiamo.
3. Per tutti i credenti: riscoprano il senso profondo della liberazione e della salvezza donata da Gesù e siano testimoni autentici della fede, preghiamo.
4. Per la nostra comunità, che ha ricevuto la grazia della fede e cammina seguendo il Signore Gesù: cresca nella capacità di contemplare la bellezza del dono ricevuto e di adorarlo nella vita quotidiana, preghiamo.

O Padre, aiutaci a ritrovare in Gesù il senso festoso della vita, perché è il pensiero di camminare sulla sua strada l'unica certezza che ci da gioia profonda e illumina la nostra esistenza. Per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Guarda, Signore, i doni che ti presentiamo:
quest’offerta,
espressione del nostro servizio sacerdotale,
salga fino a te e renda gloria al tuo nome.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Esulteremo per la tua salvezza e gioiremo nel nome
del Signore, nostro Dio. (Sal 20,6)

Oppure:
Cristo ci ha amati: per noi ha sacrificato se stesso,
offrendosi a Dio in sacrificio di soave profumo. (Ef 5,2)

Oppure:
“Signore, fa’ che io veda!”.
“Va’ la tua fede ti ha salvato”. (Mc 10,51-52)


Preghiera dopo la comunione
Signore, questo sacramento della nostra fede
compia in noi ciò che esprime
e ci ottenga il possesso delle realtà eterne,
che ora celebriamo nel mistero.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Wilma Chasseur     (Omelia del 25-10-2015)
Audio commento alla liturgia - Mc 10,46-52
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 25-10-2015)
Il finto invalido del Vangelo
Cieco, accattone, solo. Alcuni uomini dicono che la fortuna è cieca, altri uomini dicono che la sfortuna, invece, ci vede benissimo. Stando a quello che dicono i Vangeli, fortuna e sfortuna sono così intrecciate tra loro che è d'azzardati dire anche solo sono fortunato, sono sfortunato: potrebbe sem ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 25-10-2015)

Il cieco Bartimeo incontra Gesù. Bartimeo è uno che è diventato cieco: tempo prima ci vedeva, ora non più. In lui possiamo vedere l'immagine di tanti che con il tempo si sono allontanati da Gesù, dalla Chiesa, dal bene e che ora sono come ciechi. Bartimeo, avvertendo attorno a sé più movimento del s ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 25-10-2015)
Il sacerdozio di Gesù è trasmesso ai battezzati
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 25-10-2015)
Commento su Marco 10,46-52
La Parola di Dio di questa domenica, nel brano del Vangelo, ci presenta un miracolo. E' uno dei tanti miracoli che Gesù durante il suo ministero ha compiuto. Ogni miracolo raccontato nel Vangelo ha una sua peculiarità e questo non è di certo da meno. Gesù ci dice l'evangelista Marco entra, ma di pa ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 25-10-2015)
Dare una direzione
Con l'ascolto di questa domenica terminiamo la nostra riflessione sull'avvicinarsi Gesù... l'incontro tra il cieco e Gesù è secondo me il vertice, il modo più alto e bello di avvicinarsi a lui. Quello di cui non sono stati capaci scribi e farisei, discepoli, quel tale che cercava la vita eterna, è c ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 25-10-2015)
La sfida del buio
Clicca qui per la vignetta della settimana. Quando si entra in un luogo molto buio per doverlo attraversare venendo da un luogo al contrario molto luminoso, a tutti capita quella sensazione sgradevole di non vedere nulla e di sentirsi incapaci di andare avanti. L'esperienza insegna che basta solo ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 25-10-2015)
Video commento a Mc 10, 46-52
...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 25-10-2015)
Tornare a vedere
Quando leggiamo un vangelo come quello di oggi c'è il pericolo di dire: "Io non sono cieco. Sì, magari un po' miope, presbite, ma tutto sommato, magari con gli occhiali, ci vedo bene". Quindi uno pensa che questo vangelo non lo riguardi. Ma quando leggiamo i vangeli dobbiamo sempre tener presente co ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 25-10-2015)
La parola di Gesù è luce per i nostri passi
Gesù, il Salvatore, ha vinto la morte e ha fatto risplendere la vita per mezzo del vangelo. Il Vangelo di oggi ci riporta un miracolo particolare. Nel testo di Marco è l'ultimo miracolo riportato prima della passione e morte di Gesù. In quel cieco, Bartimeo, che grida lungo la strada, è raffigurato ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 25-10-2015)
La MISSIONE è ?vedere' Gesù, per contagiare il mondo di speranza
Domenica scorsa si è celebrata la Giornata mondiale missionaria. Ogni anno, ad ottobre, la Chiesa tutta è invitata a riscoprire questa sua vocazione missionaria, ricordando le parole di Gesù, dette prima di tornare al Padre: "Andate in tutto il mondo e portate il messaggio del Vangelo a tutti gli uo ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 25-10-2015)
Desiderio, incontro, sequela
Gerico avviene un incontro tra figli. Il figlio di Timeo incontra il figlio di Davide, che è anche figlio di Giuseppe. E il figlio di Giuseppe, venuto dal nord, dalla Galilea, restituisce a Bar-timeo (figlio di Timeo in ebraico) la dignità di figlio di Davide. Bartimeo, come Gesù, appartiene a un po ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 25-10-2015)
Un giorno, a Gerico
Trovarsi a Gerico non è una cosa qualsiasi, nelle Scritture. E neppure si tratta di un passaggio obbligato, quando - come Gesù - si sale dalla Galilea a Gerusalemme. Si potrebbe anche scegliere di affrontare subito le montagne passando per la Samaria: ma poiché in quella zona vivono "gli eretici", è ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 25-10-2015)
Commento su Mc 10, 46-47; 49-51
«Bartimeo, che era cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. Sentendo che era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: "Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!"... Gesù si fermò e disse: "Chiamatelo!". Chiamarono il cieco, dicendogli: "Coraggio! Alzati, ti chiama!". Egli, gettato via il suo ma ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 25-10-2015)
Credere fa bene, Cristo guarisce tutta l'esistenza
Un ritratto tracciato con tre drammatiche pennellate: cieco, mendicante, solo. Un mendicante cieco: l'ultimo della fila, un naufrago della vita, un relitto inchiodato nel buio sul ciglio di una strada di Gerico. Poi improvvisamente tutto si mette in moto: passa Gesù e si riaccende il motore della vi ...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 25-10-2015)
Ma egli gridava più forte
Nel vangelo di domenica scorsa Giacomo e Giovanni pretendevano qualcosa da Gesù. Lui, pacatamente, risponde con domanda assai disponibile ad accogliere la richiesta: "che cosa volete che io faccia per voi?" (Mc 10,36). Vogliono i primi posti mentre il Maestro sta dirigendosi all'ultimo posto e mentr ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 25-10-2015)
Salire e scendere
Lungo la strada Gesù inizia la lunga salita che da Gèrico porta a Gerusalemme. È insieme salita e discesa. Salita perché Gerusalemme è comunque sempre in alto, città collocata sul monte, meta finale del pellegrinaggio dei popoli: Verranno molte genti e diranno: «Venite, saliamo sul monte del Sign ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 25-10-2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Paolo Ricciardi Io sono la luce del mondo, chi segue me avrà la luce della vita. Siamo giunti ormai all'ultima tappa prima di salire a Gerusalemme. Gerico è l'ultima cittadina in cui passare, prima di iniziare l'ascesa al monte di Sion. Gerico è, se ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 25-10-2015)
#StradeDorate - Commento su Marco 10,46-52
...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 25-10-2015)
Video commento su Mc 10,46-52
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 25-10-2015)
Video commento a Mc 10, 46-52
...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 25-10-2015)
La fede di un incontro che si trasforma in amore e guarigione.
La parola di Dio odierna ci presenta, nel testo di Vangelo di Marco, Gesù che opera il miracolo della guarigione di Bartimeo, figlio di Timeo, che era diventato cieco. Il racconto della guarigione è davvero molto significativo e come è prassi in Marco, la descrizione è precisa e coinvolgente. Gesù, ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 25-10-2015)
Video commento a Mc 10, 46-52
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 25-10-2015)
Agire, anzi pensare come farebbe lui
Larga parte dei vangeli è costituita dal resoconto dell'attività taumaturgica di Gesù, chiara espressione da un lato della sua divinità (chi può compiere miracoli, se non Dio?) e dall'altro della sua speciale attenzione a chi si trova in difficoltà. A volte i vangeli riassumono tale attività, rifer ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 25-10-2015)
Confermava la Parola con i segni che la accompagnavano
Chi dice la Parola di Dio, chi manifesta e rivela la sua volontà, sempre dovrà essere riconosciuto vero in quello che dice e manifesta. Quando Dio agisce da se stesso sempre si rivela vero in quello che dice, perché la sua parola realizza, compie quanto da Lui rivelato, manifestato, comunicato. Se p ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 25-10-2015)
Balzò in piedi e venne da Gesù
Gesù è la luce del mondo, il sole della vita. È luce nella creazione. È luce nella redenzione. Lui è la Luce eterna incarnata accesa sul candelabro della croce per illuminare tutti quelli che abitano la casa del mondo. Anche l'eternità è tutta illuminata dalla luce di Gesù Signore. Così l'Apostolo G ...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 25-10-2015)

...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 25-10-2015)
Video commento su Marco 10,46-52
...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 25-10-2015)
La Parola - commento a Mc 10,46-52
Commento di don Piero Melotto, già missionario in Thailandia e da ottobre nuovo parroco di san Giuseppe al Mercato Nuovo, Vicenza. Registrato nella chiesa parrocchiale di san Floriano, Zimella ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 25-10-2015)
Commento su Ger 31,7-9; Mc 10,46-52
Amici, spesso vedo persone che non sanno cosa vogliono e dove vogliono arrivare. Ognuno di noi è ciò che un uomo e una donna erano al momento in cui, unendosi, ci han dato di esistere. Miscuglio di aggressività e remissività, di gioia e di passione. Amalgama del nostro dna e delle connessioni di n ...
(continua)
Michele Antonio Corona     (Omelia del 25-10-2015)

Con la guarigione di Bartimeo si chiude la "sezione della strada" iniziata subito dopo il miracolo graduale in favore del cieco a Betsaida (8,22-26). I brani che abbiamo ascoltato nelle ultime domeniche si trovano all'interno di questa grande inclusione dettata da due interventi sulla cecità. Dome ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 25-10-2015)
Sulla Tua Parola - Mc 10, 49-52
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 25-10-2015)
La fede che ricupera la vista
A S. Francesco di Paola, Fondatore dei Padri Minimi, si attribuiscono decine e decine di miracoli e parecchi sono gli episodi descritti nei quali viene avvicinato dalle masse di popolo che chiedono grazie e guarigioni. Taumaturgo, guaritore, esorcista, il Santo di Paola, divenuto Patrono di Marittim ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 25-10-2015)
Ruminare i Salmi - Salmo 126,4 (XXX domenica del tempo ordinario, anno B)
Ruminare i Salmi - Salmo 126 (Vulgata / liturgia 125),4 - (XXX domenica del tempo ordinario, anno B) CEI Ristabilisci, Signore, la nostra sorte, come i torrenti del Negheb. TILC Cambia ancora, Signore, le nostre sorti come risvegli i torrenti nel deserto. Ebrei 5,5-6 Cristo non attribuì a s ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 25-10-2015)
Commento su Marco 10,46-52
Dopo aver guarito Bartimeo dalla cecità, Gesù fa il suo ingresso trionfale in Gerusalemme: una coincidenza? l'idea originale di Marco, di scegliere questo miracolo, tra i tanti, per riproporre il tema della luce che splende nelle tenebre e che il Signore portava nella Città Santa, ma che Gerusalemme ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 25-10-2015)
Commento su Marco 10,46-52
L'ultimo incontro prima di salire a Gerusalemme per la sua Pasqua. Prima c'erano stati gli incontri con degli sposi, con i bambini, con l'uomo ricco di beni; poi i dialoghi con i suoi e la richiesta di Giacomo e Giovanni; fino a questo mendicante cieco seduto lungo la strada. Gesù si rapporta con tu ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 25-10-2015)
Video commento su Mc 10,46-52
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 25-10-2015)
Commento su Ger 31,7-9; Sal 125; Eb 5,1-6; Mc 10,46-52
La liturgia odierna ci insegna che la vera fede non solo salva, ma attiva anche il dinamismo della conversione. L'uomo, da sempre, si presenta come un cieco a causa della sua esasperata ricerca della perfezione e della onnipotenza. E questo accadde da sempre, da Genesi sino ad oggi. L'odierna umani ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 28-10-2012)
Commento su Marco 10,46-52
Il cristiano è un cieco e un mendicante, come tutti. Come tutti sta ai bordi della strada della vita, tende disperatamente le mani per avere di che vivere: attenzione, affetto, approvazione. Spesso, però, il mondo lo invita a tacere, a non disturbare, a lasciar perdere, a rassegnarsi. Siamo mendica ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 28-10-2012)
Commento su Marco 10,46-52.
Collocazione del brano La guarigione del cieco Bartimeo conclude il capitolo 10 di Marco e il viaggio di Gesù verso Gerusalemme. Infatti nel capitolo seguente verrà narrata l'entrata trionfale di Gesù nella città santa (è il brano di Vangelo che accompagna la processione delle Palme). Questo è più ...
(continua)
Vari autori     (Omelia del 28-10-2012)
Commento su Ger 31,7-9; Eb 5,1-6; Marco 10,46-52
Prima lettura - Geremia 31,7-9 Nel VII secolo a.C. il regno di Giuda corre verso la catastrofe. Il profeta Geremia condanna la decadenza e minaccia sventure. Così dice il Signore: " se non mi ascolterete e non ascolterete le parole dei profeti, miei servi, io ridurrò questo tempio come quello di Si ...
(continua)
don Mario Campisi     (Omelia del 28-10-2012)
Video commento - Un cieco dalla fede cieca
Pensiamo che il miracolo della vista fisica ridonata sia l'unica guarigione di questo racconto. In realtà Gesù dona luce non solo agli occhi del cieco, ma dona nuova vista a questa folla, nella quale si mescolano anche i suoi discepoli. Gesù con quell'ordine ("Chiamatelo!") guarisce la folla dalla c ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 28-10-2012)
Audio commento su Mc 10,46-52
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 28-10-2012)
Un cieco dalla fede cieca
Clicca qui per la vignetta della settimana. Sono stato a Gerico questa estate. Nel pellegrinaggio organizzato con i giovani della parrocchia, abbiamo previsto un cammino di 3 ore nel deserto, partendo da un punto in mezzo alle colline rocciose e aride della Giudea, fino alla città di Gerico, o al ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 28-10-2012)
Video commento a Mc 10, 46-52
...
(continua)
mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 28-10-2012)
Un cuore povero sa chiedere pietà
Il sommo sacerdote, Gesù, sente giusta compassione per quelli che sono nell'ignoranza e nell'errore. Bartimeo è al suo posto, nella condizione di estrema fragilità: icona di ogni uomo e di ogni donna che siedono lungo la strada della vita a mendicare. Bartimeo è un uomo che grida perché sente che a ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 28-10-2012)
Il tempo della divina compassione
Un mendicante cieco: l'ultimo della fila, u­no che ha fatto nau­fragio, seduto lungo la strada come chi si è fermato e si è arreso. E improvvisamente passa Gesù, uno che non per­mette all'uomo di arrender­si, ed ecco che tutto sembra mettersi di nuovo in moto. Bartimeo comincia a grida­re: Gesù abbi ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 28-10-2012)
Signore che io veda: donami la luce della Fede
Abbiamo appena iniziato l'Anno della Fede. Il vangelo di oggi ci aiuta a implorare, ad accogliere a rendere più viva la luce della Fede, cioè il nostro rapporto vitale con il Signore. Mons. Angelo Comastri presenta questo racconto: A Lourdes, nello stradello che scende dalla Basilica superiore alla ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 28-10-2012)
Rabbunì, che io veda di nuovo
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 28-10-2012)
E' tornato a vedere
L'episodio che racconto risale a luglio 2011, più di un anno fa. "Incontro degli Sposi in Cristo", (ECC) nella nostra Parrocchia, Santissima Trinità, a Cidade Olimpica, nell'ultima periferia di São Luis. L'incontro vedeva partecipi varie coppie di sposi invitate ad una ?tre giorni' di conferenze, mo ...
(continua)
don Luca Orlando Russo     (Omelia del 28-10-2012)
Rabbunì, che io veda di nuovo!
L'episodio del cieco Bartimèo è situato al capitolo 10 dall'evangelista Marco per un motivo ben preciso. Infatti, a partire dal capitolo 11, Gesù fa il suo ingresso in Gerusalemme dove si scontrerà con le autorità religiose e civili fino a quando lo scontro non culminerà con la sua morte. Prima di a ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 28-10-2012)
Il grido
Era cieco Gesù sta lasciando Gerico per salire inesorabilmente verso Gerusalemme e di lì sul Calvario. La folla e i discepoli lo stanno seguendo... ma come e fino dove? Quel tale cercava il paradiso a buon mercato, Giacomo e Giovanni cercavano una porzione di potere... non erano capaci di vedere. L ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 28-10-2012)
Commento su Mc 10,46-52
Gerico è l'ultima tappa prima che Gesù arrivi a Gerusalemme. La catechesi di Gesù ai suoi discepoli - e di Marco al suo lettore - conduce a un ultimo miracolo: la guarigione dalla cecità. Esser ciechi è l'impossibilità a vedere; è chiusura alla realtà, una sorta di sepoltura: il cieco non è mai venu ...
(continua)
Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 28-10-2012)
Va', la tua fede ti ha salvato
L'episodio evangelico di questa domenica si colloca in un punto assai significativo della struttura del testo di Marco, che si può così sinteticamente ricordare: Introduzione Marco 1,1-13 I° parte " 1,14 - 8,26 Gesù rivela la sua identità nella sua attività Centro: " 8,27-30 Pietro riconosce G ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 28-10-2012)
Il falso cieco: in realtà ci vedeva da Dio
Trenta chilometri alla disfatta. E come ultimo omaggio di una vita da Fallito una truffa in piena regola, con tanto di evangelica approvazione: è il primo caso di falso cieco che la cronaca annoveri tra le sue pagine. Del truffatore si traccia un identikit verosimile: il nome è Bartimeo, la genealog ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 28-10-2012)

Bartimèo, figlio di Timeo, è una persona eccezionale, che vuole vivere e non si accontenta. E' un cieco che però ci vede bene per quel che riguarda gli affari; in atti riesce a mettersi in un punto molto strategico, dove devono passare i pellegrini che salgono in pellegrinaggio a Gerusalemme, i qual ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 28-10-2012)
Una insistenza della preghiera che viene ripagata
"Che vuoi che io ti faccia?" E' domanda che Gesù pone al cieco, che aveva incontrato, mentre era in viaggio. E la risposta diretta del cieco è una grande lezione su cosa significhi avere fiducia, ossia fede: 'Rabbunì, che io riabbia la vistà. Tante volte capita anche a noi, nella necessità, di rivo ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 28-10-2012)
Chi è Colui che grida?
San Marco racconta che Gesù, mentre "partiva da Gerico" (Mc 10,46), viene fermato da un cieco di nome Bartimeo. Questi comincia a gridare e a dire: "Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me" (v.47). Il Maestro ascolta la sua implorazione, si accosta all'uomo e gli dice: "Che cosa vuoi che io faccia ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28-10-2012)
Commento su Matteo 10,46-49
BARTIMEO CHE ERA CIECO, sedeva LUNGO LA STRADA a mendicare (...) Cominciò a gridare: Gesù, Figlio di Davide, ABBI PIETA' DI ME. Molti lo rimproveravano perché tacesse ma egli gridava ancora più forte. Gesù si fermò e disse: "Chiamatelo!". Chiamarono il cieco dicendogli: "Coraggio, alzati, ti chiama! ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 28-10-2012)
Il grido del povero è professione di fede
Sono state tre domeniche particolarmente suggestive, quelle che oggi concludono l'Ottobre Missionario. Le letture ci hanno proposto tre diversi atteggiamenti di discepolato, legate a tre figure di personaggi che hanno un incontro molto particolare con il Maestro, e di conseguenza danno tre diverse r ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 28-10-2012)
Va', la tua fede ti ha salvato
Nella domenica XXX del tempo ordinario, leggiamo l'ultimo racconto di guarigione del Vangelo di Marco (10,46-52) dopo il quale inizia il ministero di Gesù in Gerusalemme, che culmina nella morte e nella risurrezione. Marco ha già narrato la guarigione di un cieco: dopo la seconda moltiplicazione de ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 28-10-2012)
Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!
Che bella l'insistenza quando significa Fede, fiducia nell'altro. Mi è capitato talvolta di non avere il tempo di rispondere a qualcuna delle tante mail che mi arrivano per richiesta di consigli sull'affidamento. Qualcuno lascia perdere e magari penserà "ecco un altro che non risponde, che si propon ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 28-10-2012)
Liberi di servire
Nel vangelo di oggi Gesù arriva a Gerico (10,46). Gerico è una città del deserto di Giuda, alle porte di Gerusalemme, ed è stata la prima città conquistata da Giosuè venendo dal deserto per entrare nella terra promessa. Ma Mc neppure ricorda il passato e il crollo delle mura di Gerico. La liberazion ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 28-10-2012)
Video commento a Mc 10, 46-52
You need to install or upgrade Flash Player to view this content, install or upgrade by clicking here. ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 28-10-2012)
Alzati!
Gesù sta per salire a Gerusalemme. Meno di trenta chilometri lo separano dalla sua morte. L'ultima tappa, Gerico, conclude la parte centrale del vangelo di Marco. Nelle ultime settimane abbiamo letto i tanti discorsi che Gesù ha fatto ai suoi discepoli, temi centrali quali il matrimonio, la sequela ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 28-10-2012)
Video commento a Mc 10, 46-52
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 28-10-2012)
Imitare chi non aveva né televisione né internet
Gerico: il cieco Bartimeo stava sulla strada a mendicare, quando avvertì l'avvicinarsi di una folla di gente; informatosi, apprese che stavano accompagnando Gesù con i suoi discepoli. Allora "cominciò a gridare e a dire: ?Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!' Molti lo rimproveravano perché tace ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 28-10-2012)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di Massimo Cautero "Cosa voglio che il Signore faccia per me?". Questa è una bella domanda! Una di quelle domande a cui rispondere sembra facile ma ... non lo è affatto! La mia indigenza, se ce ne fosse una, forse mi porterebbe a chiedere al Signore un qualche soll ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 28-10-2012)

Mentre erano in viaggio per salire a Gerusalemme, Gesù e gli apostoli si fermano a Gerico, una città molto bella, la più antica del mondo, situata a 240 metri sotto il livello del mare, nella depressione del Mar Morto. Era sicuramente una città ricca e per questo si fa ancora più stridente la descr ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 28-10-2012)
La fede, prospettiva possibile
Su indicazione di Benedetto XVI la Chiesa sta intraprendendo l'anno della fede, nel quale siamo invitati a riflettere sul significato del nostro Credo, della sua professione da parte nostra, della fede in senso soggettivo e in senso oggettivo. E proprio questa riflessione ci conduce, per ciò stesso, ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 28-10-2012)
Video commento a Mc 10,46-52
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 28-10-2012)
Commento su Geremia 31,7-9; Salmo 125 (126); Ebrei 5,1-6; Marco 10,46-52
Gesù: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». E il cieco: «Rabbunì, che io veda di nuovo!». Gesù: «Va', la tua fede ti ha salvato». E subito vide di nuovo... Un breve dialogo, scarno ed essenziale, ci schiude le porte per una matura riflessione sulla fede. Ci auguriamo che l'anno della fede contr ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 28-10-2012)
Video commento a Mc 10, 46-52
...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28-10-2012)
Che cosa vuoi che io faccia per te?
Nella fede non si hanno gli occhi del corpo, ma si possiedono quello dello spirito e si vede Dio e il suo regno di luce eterna. Nella non fede, anche se si possiedono gli occhi del corpo, sono invece ciechi quelli dello spirito, dell'anima e l'uomo brancola in un buio morale immenso. Ecco quanto ci ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 25-10-2009)
Commento su Marco 10,46-52
Lectio Contesto Il viaggio verso Gerusalemme, itinerario teologico più che topografico, sta per concludersi; l'ultima tappa è Gerico dove Marco situa l'incontro con il cieco Bartimeo. L'episodio acquista così un significato rilevante perché conclude gli insegnamenti impartiti ai discepoli e diven ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 25-10-2009)
Audio commento a Mc 10,46-52
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 25-10-2009)
"Mendicanti di luce"
"Mentre Gesù partiva da Gerico" così inizia il Vangelo di questa domenica. E dove andava? Andava verso Gerusalemme: A fare cosa? Andava a morire su una croce! Tragico epilogo della vita del Figlio di Dio sulla terra. L'ultimo viaggio di Gesù Questo è dunque l'ultimo viaggio di Gesù! Lungo la ...
(continua)
don Daniele Muraro     (Omelia del 25-10-2009)
Secondo l'ordine di Melchisedek
Gesù nel Vangelo viene chiamato "Figlio di Davide" e quindi Re. Chi si rivolge a Lui con questa espressione è un mendicante cieco, seduto lungo la strada che uscendo da Gerico porta a Gerusalemme. "Figlio di Davide" propriamente fu Salomone conosciuto anche come sovrano misericordioso e vicino alla ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 25-10-2009)
Facilitare un incontro
Con l'ascolto del vangelo di oggi, arriviamo al vertice del nostro cammino sul verbo avvicinarci e quindi, (visto che questo è un po' l'obiettivo che ci siamo posti) arriviamo a definire anche il volto del discepolo. E il volto del discepolo non ce lo raccontano gli apostoli, ma questo cieco, seduto ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 25-10-2009)
La cecità delle nostre idee, la luce della fede in Cristo
Celebriamo oggi la XXX Domenica del tempo ordinario e la parola di Dio ci mette di fronte alla guarigione del cieco, che come tematica richiama alla nostra attenzione la cecità delle nostre idee e la luce che viene dalla fede in Cristo. L'incontro con Gesù da parte di Timeo lo guarisce nel corpo ria ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 25-10-2009)
Vedenti ciechi
Clicca qui per la vignetta della settimana Tempo fa', in un gruppo del quale facevo parte e che si radunava per confrontarsi sulla vita e la fede, venne richiesto ad ognuno dei partecipanti di scegliere il nome da dare al gruppo, dato che fino ad allora si ritrovava senza un nome specifico. C'er ...
(continua)
LaParrocchia.it     (Omelia del 25-10-2009)
Il grido del povero
Nel vangelo di questa domenica l'interlocutore principale di Gesù è Bartimeo, che grida tutta la sua disperazione e il suo dolore di fronte all'abbandono e, ancor più, all'indifferenza della gente che l'ha lasciato "marcire" ai bordi della strada. Mentre vive la sua quotidianità impregnata di tante ...
(continua)
padre Mimmo Castiglione     (Omelia del 25-10-2009)
Accecato dal buio, non smetto di gridare!
Eravamo in parecchi, chierici al Sacro Convento in Assisi, tanto tempo fa! S'era giovani. Tanti ideali e molto zelo! Ogni settimana: prove di canto! Anche se prese molto alla leggera. Gli stonati non mancavano di certo, ed anche i presuntuosi! Un confratello napoletano a me caro, p. Giovanni Raia, c ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 25-10-2009)
Ogni uomo è un mendicante di luce
La guarigione di Barti­meo è l'ultimo miraco­lo del Vangelo di Mar­co. Ultimo e necessario è questo bellissimo racconto, così scarno e vivo, pieno di movimento, di grida, di stra­de e di luce. Un mendican­te cieco, icona di ogni uomo, mendicante di luce e di stra­de, di orizzonti e di com­passione. ...
(continua)
Monastero Janua Coeli     (Omelia del 25-10-2009)
Lungo la strada
Balza in piedi, lascia ogni sostegno e si precipita verso Gesù. Ecco la risposta del cieco che vive lungo la strada all'invito ricevuto da Gesù. La vita si rimette in movimento quando riceve in qualche modo la presenza di Dio ... è come un vortice la conversione del cuore. Chi sta nelle tenebre apre ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 25-10-2009)
Signore che io veda! La tua fede ti ha salvato
Il Vangelo di oggi ci riporta un miracolo particolare. Nel testo di Marco è l'ultimo miracolo riportato prima della passione e morte di Gesù. In quel cieco, Bartimeo, che grida lungo la strada, è raffigurato ognuno di noi, il nostro percorso verso Gesù, l'inizio del nostro discepolato. È cieco, B ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 25-10-2009)
La missione è contagiare il mondo di speranza
Desidero chiudere questo mese di ottobre, dedicato non solo alla 'catena d'oro che porta al Cielo', il S. Rosario, ma come richiamo per tutti, anche se in diversi modi, all'impegno della missione. Quando parliamo di 'missioné, normalmente il nostro pensiero corre ai 'missionari', ossia a sacerdoti, ...
(continua)
don Remigio Menegatti     (Omelia del 25-10-2009)
Grandi cose ha fatto il Signore per noi
PREGHIERA DI COLLETTA O Dio, luce ai ciechi e gioia ai tribolati, che nel tuo Figlio unigenito ci hai dato il sacerdote giusto e compassionevole verso coloro che gemono nella oppressione e nel pianto, ascolta il grido della nostra preghiera: fa' che tutti gli uomini riconoscano in lui la tenerezza ...
(continua)
padre Romeo Ballan     (Omelia del 25-10-2009)
La fede riscalda il cuore e illumina i passi del discepolo
Riflessioni Gerico: città nella valle del fiume Giordano, 10 km a nord del Mar Morto, città dal clima mite al di sotto del livello del mare, "città delle palme" (Dt 34,3); è considerata la prima città murata della storia (8000 a.C.), le sue mura crollarono in modo spettacolare davanti al popolo di ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 25-10-2009)
Commento su Marco 10,46
Dalla Parola del giorno "Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!". Come vivere questa Parola? Bartimeo, figlio di Timeo, cieco e mendicante, ha fede nel Figlio di Davide e sa chiedere e bussare con perseveranza. In ricompensa riceve molto di più di quello che ha domandato. Ha pregato Gesù di ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 25-10-2009)
Tocca a me...
Quello del cieco è l'ultimo dei miracoli raccontati nel Vangelo di Marco. Ultimo e definitivo: la guarigione dalla cecità. Il Rabbi di Nazareth si prepara ad entrare a Gerusalemme (Mc 11,1ss) e gli occhi dei discepoli si devono aprire per riconoscere la novità inaudita del Messia Crocifisso. Proprio ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 25-10-2009)
Come se fosse al mio posto
A volte i vangeli riassumono l'attività taumaturgica di Gesù, riferendo che nel tal posto, o in una certa circostanza, guarì molti storpi, sordomuti, ciechi, lebbrosi etc. In altre pagine invece i vangeli si soffermano a narrare singoli episodi, all'apparenza ripetendosi. Ma non è così, perché ogni ...
(continua)
don Valentino Porcile     (Omelia del 25-10-2009)
Video commento a Mc 10,46-52
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 25-10-2009)
Commento su Marco 10,46-52
PRIMO COMMENTO ALLE LETTURE A volte ci sono delle coincidenze che mi fanno pensare che gli eventi che vivo non siano puramente casuali. Da diverso tempo, da metà settembre circa, come ogni volta che devo pubblicare una riflessione sul sito con cui collaboro, meditavo dentro di me il contenuto de ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 25-10-2009)

Il miracolo di cui ci parla il Vangelo di oggi mi commuove ogni volta che lo leggo. Senza dubbio, ogni miracolo ci dà gioia, perché ci mostra senza possibili dubbi che davvero nulla è impossibile a Dio e che la fede in Cristo Gesù può cambiare ogni realtà, anche la più difficile. Però il racconto d ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 25-10-2009)
Video commento alle letture (vangelo: Mc 10,46-52)
...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 25-10-2009)
Con tutte le tue forze
Questo vangelo segue quello di domenica scorsa dove gli apostoli si sono dimostrati ciechi. Mc pone questo brano poco prima dell'entrata di Gesù a Gerusalemme. Come a dire che per comprendere il senso della sua vita e della sua sofferenza dobbiamo avere gli occhi della fede, dobbiamo vederci. E ment ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 25-10-2009)
Coraggio, alzati!
Dio è venuto per insegnare agli uomini ad essere a servizio gli uni della gioia degli altri, lui, il Maestro, si è fatto servo perché imparassimo a mettere i nostri carismi a disposizione degli altri fratelli e sorelle. La lunga riflessione del vangelo di Marco volge ormai al termine e Pietro, maes ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 25-10-2009)
Video commento a Mc 10,46-52
Clicca qui per leggere il testo del commento di Paolo Curtaz per la stessa domenica. ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 25-10-2009)
Rabbunì, che io riabbia la vista!
Il cieco del brano evangelico di oggi rappresenta l'uomo sulla via della fede; non vede ancora Gesù, ma ne percepisce la presenza. E' una percezione però così viva che gli fa intuire come solo da Dio gli può venire la salvezza e gli fa gridare: «figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me». Il suo è un ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 25-10-2009)

Le letture di questa trentesima domenica del tempo ordinario sono un invito a guardare oltre le apparenze. Geremia, guardando oltre, vede il ritorno degli ebrei, che partono in esilio verso Babilonia, pur non sapendo quando avverrà e ignorando dell'esistenza di Ciro, vede il loro rientro nella gioia ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 25-10-2009)

Raramente il Vangelo riporta il nome di chi riceve un miracolo. Stavolta c'è anche il nome del Padre, Timeo e il luogo, Gerico. Gesù è in viaggio dalla Galilea verso Gerusalemme, lascia Gerico per andare incontro al destino che lo attende nella città santa. Per tre volte annuncia che sta andando non ...
(continua)
Il pane della domenica     (Omelia del 25-10-2009)
Senza fede non si vede
Rabbunì, che io riabbia la vista! Quando leggiamo il vangelo, ci viene spontaneo e, forse, ci risulta anche abbastanza facile sostare in meditazione sull'una o sull'altra delle tante parole di Gesù. Ne siamo certi: anche se i cieli e la terra passeranno, quelle parole non passeranno. Anzi dopo duem ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 25-10-2009)
Un Padre fedele
Nel libro di Geremia i cc. 30-33 costituiscono un "libretto della consolazione", nel quale oracoli pronunziati in situazioni diverse sono raccolti e letti in prospettiva unitaria come annunzio di una restaurazione di tutto Israele (regni del nord e del sud), che non è semplice ritorno al passato ma ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 25-10-2009)
"Coraggio, alzati, ti chiama"
Aprire gli occhi al cieco è espressione di gioia, liberazione e salvezza e chiunque nella Bibbia venga reso destinatario di questo beneficio da parte di Dio, viene dallo stesso Signore reso oggetto di amore e di predilezione nella consolazione e nella novità della vita nuova. E' sempre il Signore c ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 25-10-2009)
Video commento a Mc 10,46-52
...
(continua)
   > Translate this page (italian > english) with Google