LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 26 Maggio 2015 <

Domenica 24 Maggio 2015

Lunedì 25 Maggio 2015

Martedì 26 Maggio 2015

Mercoledì 27 Maggio 2015

Giovedì 28 Maggio 2015

Venerdì 29 Maggio 2015

Sabato 30 Maggio 2015

Domenica 31 Maggio 2015

Lunedì 1 Giugno 2015

Martedì 2 Giugno 2015


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  San Filippo Neri

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Memoria
Colore liturgico: Bianco
Scheda Agiografica: San Filippo Neri
S0526 ; DO082

Filippo (Firenze 1515 – Roma 26 maggio 1595), sacerdote (1551), fondò l’Oratorio che da lui ebbe il nome. Unì all’esperienza mistica, che ebbe le sue più alte espressioni specialmente nella celebrazione della Messa, una straordinaria capacità di contatto umano e popolare. Fu promotore di forme nuove di arte e di cultura. Catechista e guida spirituale di straordinario talento, diffondeva intorno a sé un senso di letizia che scaturiva dalla sua unione con Dio e dal suo buon umore.

Ricevi la Liturgia via mail >
Leggi la sua scheda su Santiebeati.it >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
I tuoi sacerdoti, o Signore, si rivestano di giustizia,
e i tuoi santi esultino di gioia [T. P. Alleluia]. (Sal 132,9)


Colletta
O Padre, che glorifichi i tuoi santi
e li doni alla Chiesa come modelli di vita evangelica,
infondi in noi il tuo Spirito,
che infiammò mirabilmente
il cuore di san Filippo Neri.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Sir 35,1-15
Chi adempie i comandamenti offre un sacrificio che salva.

Dal libro del Siràcide

Chi osserva la legge vale quanto molte offerte;
chi adempie i comandamenti offre un sacrificio che salva.
Chi ricambia un favore offre fior di farina,
chi pratica l’elemosina fa sacrifici di lode.
Cosa gradita al Signore è tenersi lontano dalla malvagità,
sacrificio di espiazione è tenersi lontano dall’ingiustizia.
Non presentarti a mani vuote davanti al Signore,
perché tutto questo è comandato.
L’offerta del giusto arricchisce l’altare,
il suo profumo sale davanti all’Altissimo.
Il sacrificio dell’uomo giusto è gradito,
il suo ricordo non sarà dimenticato.
Glorifica il Signore con occhio contento,
non essere avaro nelle primizie delle tue mani.
In ogni offerta mostra lieto il tuo volto,
con gioia consacra la tua decima.
Da’ all’Altissimo secondo il dono da lui ricevuto,
e con occhio contento, secondo la tua possibilità,
perché il Signore è uno che ripaga
e ti restituirà sette volte tanto.
Non corromperlo con doni, perché non li accetterà,
e non confidare in un sacrificio ingiusto,
perché il Signore è giudice
e per lui non c’è preferenza di persone.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 49

A chi cammina per la retta via mostrerò la salvezza di Dio.

«Davanti a me riunite i miei fedeli,
che hanno stabilito con me l’alleanza
offrendo un sacrificio».
I cieli annunciano la sua giustizia:
è Dio che giudica.

«Ascolta, popolo mio, voglio parlare,
testimonierò contro di te, Israele!
Io sono Dio, il tuo Dio!
Non ti rimprovero per i tuoi sacrifici,
i tuoi olocausti mi stanno sempre davanti.

Offri a Dio come sacrificio la lode
e sciogli all’Altissimo i tuoi voti;
Chi offre la lode in sacrificio, questi mi onora;
a chi cammina per la retta via
mostrerò la salvezza di Dio».

Canto al Vangelo (Mt 11,25)
Alleluia, alleluia.
Ti rendo lode, Padre,
Signore del cielo e della terra,
perché ai piccoli hai rivelato i misteri del Regno.
Alleluia.

>

Vangelo

Mc 10,28-31
Riceverete in questo tempo cento volte tanto insieme a persecuzioni, e la vita eterna nel tempo che verrà.


+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Pietro prese a dire a Gesù: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito».
Gesù gli rispose: «In verità io vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi per causa mia e per causa del Vangelo, che non riceva già ora, in questo tempo, cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e la vita eterna nel tempo che verrà. Molti dei primi saranno ultimi e gli ultimi saranno primi».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Dio è fedele e generoso; egli ricompensa il più piccolo sacrificio compiuto per amore del vangelo. Con fede viva lo invochiamo dicendo:
Benedici il tuo popolo, Signore.

Per la Chiesa nostra madre: fà che il suo annuncio sia in limpido accordo con le sue opere. Preghiamo:
Per i nostri sacerdoti e religiosi: rendili spiritualmente fecondi, lieti nella loro povertà, obbedienza e castità. Preghiamo:
Per i genitori cui tu chiedi un figlio per la Chiesa: fà che abbiano consolazione e sentano la bellezza di donare. Preghiamo:
Per chi non ha famiglia: fà che senta il calore della comunità e la protezione del tuo Spirito. Preghiamo:
Per chi soffre a causa del vangelo: infondigli la forza e la speranza dei martiri e dei santi. Preghiamo:
Per i sacerdoti in crisi.
Per chi dispera della salvezza.

O Dio, che ci sei padre e madre, fratello, amico e sposo, in questa eucaristia ti esprimiamo l'anelito di tutta la Chiesa, che con il Cristo tuo Figlio è in cammino verso la beata eternità. A te la potenza e l'onore per i secoli dei secoli. Amen.

Preghiera sulle offerte
Accogli questo sacrificio di lode, Signore,
e fa’ che imitando san Filippo Neri
siamo sempre lieti di donare la vita
a gloria del tuo nome e a servizio dei fratelli.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
“Rimanete in me e io in voi”,
dice il Signore.
“Chi rimane in me e io in lui,
porta molto frutto” [T. P. Alleluia]. (cf. Gv 15,4-5)


Preghiera dopo la comunione
O Dio, che ci hai fatto gustare
le gioie della tua mensa,
fa’ che sull’esempio di san Filippo Neri
abbiamo sempre fame e sete di te,
che sei la vera vita.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 05-03-2019)
Commento su Sir 35, 12-13
?Dà all'Altissimo secondo il dono da lui ricevuto, e con occhio contento, secondo la tua possibilità, perché il Signore è uno che ripaga e ti restituirà sette volte tanto.? Sir 35, 12-13 Come vivere questa Parola? Il misterioso scambio che celebriamo in ogni eucaristia è raccontato dalla pagina d ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 05-03-2019)
Ecco, noi abbiamo lasciato tutto
L'uomo dai molti beni non ha lasciato tutto, non ha seguito Gesù. Si è esposto al pericolo della non salvezza eterna. Pietro rassicura Gesù. Loro hanno lasciato tutto e lo hanno seguito. Le regole di come tutto si lasci Gesù le ha dettate sia nel Vangelo secondo Matteo che in quello secondo Luca. Tu ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 29-05-2018)
Comento su Mc 10,31
?Pietro prese a dire a Gesù:«Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito».? Mc 10,31 Come vivere questa Parola? Gesù invita i suoi discepoli, che hanno lasciato tutto e lo hanno seguito - come afferma Pietro - ad essere fedeli alla vocazione ricevuta: questo comporta anche persecuzioni ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 29-05-2018)
Per causa mia e per causa del vangelo
Il Vangelo è un patto tra Cristo Gesù e ogni uomo che vuole sottoscriverlo. Le condizioni sono immutabili nei secoli. Ecco i termini invariabili: Gesù dona al sottoscrittore se stesso e in Lui gli dona il Padre e lo Spirito Santo e ogni altro dono spirituale e materiale, compresa l'eternità beata ne ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28-02-2017)
Per causa mia e per causa del Vangelo
Lasciare tutto non è per ascesi più alta e più nobile. È esigenza del Vangelo. Lasciare è obbligatorio per tutti, ognuno però secondo la vocazione ricevuta o secondo la sua particolare offerta fatta al Signore. Tutti lasciano, ma non tutti allo stesso modo. Mentre camminavano per la strada, un tale ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28-02-2017)
Commento su Mc. 10, 28-31
Pietro allora gli disse: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito». Gesù gli rispose: «In verità vi dico: non c'è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi a causa mia e a causa del vangelo, che non riceva già al presente cento volte tanto in ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24-05-2016)
Noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito
Pietro rassicura Gesù: "Noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito". È giusto chiedersi: "Ma loro, veramente hanno lasciato tutto? Sanno cosa vuol dire lasciare tutto? Quando possiamo dire di aver lasciato tutto?". Le regole di Gesù per lasciare tutto noi le conosciamo. Farsi un breve esame di ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24-05-2016)
Commento su Sal 97, 3
«Egli si è ricordato del suo amore, della sua fedeltà alla casa d'Israele». Sal 97, 3 Come vivere questa Parola? Il salmo 97 appartiene al quarto libro interno al libro dei salmi. Fa parte di questa famiglia di una quindicina di salmi che sono accumunati da un'intuizione: è possibile iniziare a s ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 26-05-2015)

Gli apostoli sono rimasti turbati dalla scena del giovane ricco. Probabilmente anch'essi pensano ciò che ho pensato io leggendo questa pagina: ma come, se se ne va questo ragazzo che, con onestà, ha ammesso di osservare con diligenza tutti i comandamenti, cosa devo fare io che invece, fatico ad osse ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 26-05-2015)
Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito
Cristo Gesù è il vero modello di sequela e di abbandono di ogni cosa. È Lui il solo che ha lasciato tutto. Al momento della Passione si è annientato, svuotandosi completamente di sé. Sulla Croce è come se Lui si fosse dimenticato di essere Dio. Lo era ma era come se non lo fosse mai stato. L'inno di ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 26-05-2015)
Commento su Mc 10, 28-31
Pietro allora gli disse: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito». Gesù gli rispose: «In verità vi dico: non c'è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi a causa mia e a causa del vangelo, che non riceva già al presente cento volte tanto in ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 04-03-2014)

Spesso siamo tentati di lamentarci della nostra condizioni: essere cristiani in questi tempi cupi non è certo semplice e spesso siamo travolti dalla logica di questo mondo e stentiamo a tenere accesa la lampada della fede. Siamo sempre pronti a sottolineare le tante (presunte) rinunce che facciamo p ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-03-2014)
Noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito
La vera vocazione è lasciare tutto. Si abbandona anche la storia di ieri per iniziare una nuova vita. Si lascia un mondo per entrare in un altro, abbandonandosi totalmente a Dio, al Signore. Mettendosi nelle sue mani e nella sua santa volontà. È Lui il solo Signore della nostra vita. Abramo, Mosè, E ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-03-2014)
Commento su 1Pt 1,16
"Sarete santi perché io sono santo." 1Pt 1,16 Come vivere questa Parola? L'origine, la causa, la forza e anche il "colore" della nostra santità è la santità di Dio. Il nostro corpo, la nostra psiche e il nostro spirito sono fatti per questa santità, tutta la nostra persona "aderisce" a se stess ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 28-05-2013)
Commento su Mc 10,28-31
La scena del giovane ricco che se ne va triste ha raggelato tutti gli aspiranti discepoli, soprattutto per la riflessione finale di Gesù che, sconfortato, nota come un cuore colmo di bramosia difficilmente riesce a far spazio all'assoluto di Dio. Nel silenzio generale si alza la voce del grandissimo ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 28-05-2013)
Non c'è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle a causa mia, che non riceva già al presente cento volte tanto
Stamani mattina sono passato dal mare, e come ogni volta che lo vedo penso a quando facevo le gare di pesca subacquea e mi immergevo quasi ogni giorno, a quando in estate andavo con il mio amico Luigi a pescare ogni mattina svegliandomi alle quattro e restando in mare fino al calasole per poi talvol ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28-05-2013)
Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito
Nell'Antica Scrittura solo per l'osservanza dei Comandamenti, il Signore ricolmava di ogni benedizione il suo popolo. Ogni bene era il frutto dell'obbedienza dell'uomo al suo Dio e Signore. L'uomo era fedele al Patto dell'Alleanza e Dio lo arricchiva oltremisura. Se tu obbedirai fedelmente alla v ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28-05-2013)
Commento su Siracide 35,13
"In ogni offerta mostra lieto il tuo volto, con gioia consacra la tua decima" Sir 35,13 Canto al Vangelo Come vivere questa Parola? Questa parola sapienziale, tratta dal Siracide, (un libro del Antico Testamento) ricorda al credente, che, secondo le sue possibilità, è tenuto a dar qualcosa di que ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 29-05-2012)
Commento su Marco 10,28-31
La scena del giovane ricco ha profondamente impressionato i discepoli. L'affermazione del Signore che, sconsolato, nota come la cupidigia ci possa distogliere dall'essenziale, li preoccupa. È Pietro a porre la domanda: e noi? Pietro e gli altri seguono Gesù da parecchio tempo, hanno lasciato il lavo ...
(continua)