LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 7 Dicembre 2014 <

Venerdì 5 Dicembre 2014

Sabato 6 Dicembre 2014

Domenica 7 Dicembre 2014

Lunedì 8 Dicembre 2014

Martedì 9 Dicembre 2014

Mercoledì 10 Dicembre 2014

Giovedì 11 Dicembre 2014

Venerdì 12 Dicembre 2014

Sabato 13 Dicembre 2014

Domenica 14 Dicembre 2014


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

  II DOMENICA DI AVVENTO (ANNO B)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Viola
BA020 ;

``In confronto all’introduzione discreta nel tempo dell’Avvento avvenuta domenica scorsa, l’annuncio di oggi è spettacolare: “Ecco, io mando il mio messaggero davanti a te... Voce di uno che grida nel deserto: preparate la strada del Signore, raddrizzate i suoi sentieri”.
Giovanni Battista fa il suo ingresso spettacolare nel mondo, vestito di peli di cammello. Le sue parole bruciano l’aria, le sue azioni frustano il vento. Predica “un battesimo di conversione per il perdono dei peccati” ed immerge i suoi discepoli nelle acque del Giordano. Il suo messaggio, pur legato a un momento della storia, è eterno. Si rivolge anche a noi. Anche noi dobbiamo preparare la strada del Signore, poiché un sentiero si spinge fino ai nostri cuori. Sfortunatamente, troppo spesso, durante l’Avvento, molte distrazioni ci ostacolano nell’accogliere, spiritualmente, il messaggio del Vangelo. Non dovremmo, invece, cercare di dedicare un po’ di tempo alla meditazione di quanto dice san Pietro: “Noi aspettiamo nuovi cieli e una terra nuova, nei quali avrà stabile dimora la giustizia” (2Pt 3,13)?

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Popolo di Sion,
il Signore verrà a salvare i popoli
e farà sentire la sua voce potente
per la gioia del vostro cuore. (cf. Is 30,19.30)

Non si dice il Gloria.


Colletta
Dio grande e misericordioso,
fa’ che il nostro impegno nel mondo
non ci ostacoli nel cammino verso il tuo Figlio,
ma la sapienza che viene dal cielo
ci guidi alla comunione con il Cristo, nostro Salvatore.
Egli è Dio, e vive e regna con te...

Oppure:
O Dio, Padre di ogni consolazione,
che agli uomini pellegrini nel tempo
hai promesso terra e cieli nuovi,
parla oggi al cuore del tuo popolo,
perché in purezza di fede e santità di vita
possa camminare verso il giorno
in cui manifesterai pienamente
la gloria del tuo nome.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Is 40,1-5.9-11
Preparate la via al Signore.

Dal libro del profeta Isaìa

«Consolate, consolate il mio popolo
– dice il vostro Dio –.
Parlate al cuore di Gerusalemme
e gridatele che la sua tribolazione è compiuta,
la sua colpa è scontata,
perché ha ricevuto dalla mano del Signore
il doppio per tutti i suoi peccati».
Una voce grida:
«Nel deserto preparate la via al Signore,
spianate nella steppa la strada per il nostro Dio.
Ogni valle sia innalzata,
ogni monte e ogni colle siano abbassati;
il terreno accidentato si trasformi in piano
e quello scosceso in vallata.
Allora si rivelerà la gloria del Signore
e tutti gli uomini insieme la vedranno,
perché la bocca del Signore ha parlato».
Sali su un alto monte,
tu che annunci liete notizie a Sion!
Alza la tua voce con forza,
tu che annunci liete notizie a Gerusalemme.
Alza la voce, non temere;
annuncia alle città di Giuda: «Ecco il vostro Dio!
Ecco, il Signore Dio viene con potenza,
il suo braccio esercita il dominio.
Ecco, egli ha con sé il premio
e la sua ricompensa lo precede.
Come un pastore egli fa pascolare il gregge
e con il suo braccio lo raduna;
porta gli agnellini sul petto
e conduce dolcemente le pecore madri».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 84

Mostraci, Signore, la tua misericordia e donaci la tua salvezza.

Ascolterò che cosa dice Dio, il Signore:
egli annuncia la pace
per il suo popolo, per i suoi fedeli.
Sì, la sua salvezza è vicina a chi lo teme,
perché la sua gloria abiti la nostra terra.

Amore e verità s’incontreranno,
giustizia e pace si baceranno.
Verità germoglierà dalla terra
e giustizia si affaccerà dal cielo.

Certo, il Signore donerà il suo bene
e la nostra terra darà il suo frutto;
giustizia camminerà davanti a lui:
i suoi passi tracceranno il cammino.

>

Seconda lettura

2Pt 3,8-14
Aspettiamo nuovi cieli e una terra nuova.

Dalla seconda lettera di san Pietro apostolo

Una cosa non dovete perdere di vista, carissimi: davanti al Signore un solo giorno è come mille anni e mille anni come un solo giorno. Il Signore non ritarda nel compiere la sua promessa, anche se alcuni parlano di lentezza. Egli invece è magnanimo con voi, perché non vuole che alcuno si perda, ma che tutti abbiano modo di pentirsi.
Il giorno del Signore verrà come un ladro; allora i cieli spariranno in un grande boato, gli elementi, consumati dal calore, si dissolveranno e la terra, con tutte le sue opere, sarà distrutta.
Dato che tutte queste cose dovranno finire in questo modo, quale deve essere la vostra vita nella santità della condotta e nelle preghiere, mentre aspettate e affrettate la venuta del giorno di Dio, nel quale i cieli in fiamme si dissolveranno e gli elementi incendiati fonderanno! Noi infatti, secondo la sua promessa, aspettiamo nuovi cieli e una terra nuova, nei quali abita la giustizia.
Perciò, carissimi, nell’attesa di questi eventi, fate di tutto perché Dio vi trovi in pace, senza colpa e senza macchia.

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Lc 3,4.6)
Alleluia, alleluia.
Preparate la via del Signore,
raddrizzate i suoi sentieri!
Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!
Alleluia.

>

Vangelo

Mc 1,1-8
Raddrizzate le vie del Signore.


+ Dal Vangelo secondo Marco

Inizio del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio.
Come sta scritto nel profeta Isaìa:
«Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero:
egli preparerà la tua via.
Voce di uno che grida nel deserto:
Preparate la via del Signore,
raddrizzate i suoi sentieri»,
vi fu Giovanni, che battezzava nel deserto e proclamava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati.
Accorrevano a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati.
Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico. E proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Preghiamo il Padre perché, sull'esempio di Giovanni il Battista, sappiamo preparare la venuta del Signore Gesù nella nostra vita.
Lo invochiamo dicendo: Aiutaci a preparare la strada del Signore!

1. Per la Chiesa: come Giovanni sappia annunciare a tutti la Parola di Dio che chiama alla conversione e all'austerità di vita, preghiamo.
2. Per tutti coloro che hanno responsabilità nella società: promuovano il bene comune, nel rispetto di ogni uomo, preghiamo.
3. Per tutti i cristiani: riscoprano nella Parola di Dio la fonte della loro conversione e la luce che illumina il loro cammino, preghiamo.
4. Per ogni uomo: non si perda in cose effimere, ma sappia dare alla propria vita uno stile più austero, facendosi vicino a tanti uomini che portano la croce del disagio ogni giorno, preghiamo.
5. Per la nostra comunità: si riconosca strumento di Colui che viene a portare a tutti la salvezza, inventando segni nuovi di fratellanza e di solidarietà, preghiamo.

O Dio, nostro Padre e pastore, che non vuoi che nessuno dei tuoi figli perisca, esaudisci le preghiere del tuo popolo. Concedi ai tuoi figli il dono di una trasparente testimonianza della buona notizia della tua venuta nel mondo. Per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Ti siano gradite, Signore,
le nostre umili offerte e preghiere;
all’estrema povertà dei nostri meriti
supplisca l’aiuto della tua misericordia.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO DELL’AVVENTO I
La duplice venuta del Cristo

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno,
per Cristo nostro Signore.
Al suo primo avvento
nell’umiltà della nostra natura umana
egli portò a compimento la promessa antica,
e ci aprì la via dell’eterna salvezza.
Verrà di nuovo nello splendore della gloria,
e ci chiamerà a possedere il regno promesso
che ora osiamo sperare vigilanti nell’attesa.
E noi, uniti agli Angeli e alla moltitudine dei Cori celesti,
cantiamo con gioia l’inno della tua lode: Santo...

Oppure:

PREFAZIO DELL’AVVENTO I/A
Cristo, Signore e giudice della storia

È veramente giusto renderti grazie
e innalzare a te l’inno di benedizione e di lode,
Padre onnipotente, principio e fine di tutte le cose.
Tu ci hai nascosto il giorno e l’ora,
in cui il Cristo tuo Figlio, Signore e giudice della storia,
apparirà sulle nubi del cielo
rivestito di potenza e splendore.
In quel giorno tremendo e glorioso
passerà il mondo presente
e sorgeranno cieli nuovi e terra nuova.
Ora egli viene incontro a noi in ogni uomo e in ogni tempo,
perché lo accogliamo nella fede
e testimoniamo nell’amore la beata speranza del suo regno.
Nell’attesa del suo ultimo avvento,
insieme agli angeli e ai santi,
cantiamo unanimi l’inno della tua gloria: Santo...


Antifona di comunione
Gerusalemme, sorgi e stà in alto:
e contempla la gioia
che a te viene dal tuo Dio. (Bar 5,5; 4,36)

Oppure:
Voce che grida nel deserto:
Preparate la via del Signore,
raddrizzate i suoi sentieri! (cf. Mt 3,3; Mc 1,3; Lc 3,4)


Preghiera dopo la comunione
O Dio, che in questo sacramento
ci hai nutriti con il pane della vita,
insegnaci a valutare con sapienza i beni della terra,
nella continua ricerca dei beni del cielo.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Wilma Chasseur     (Omelia del 07-12-2014)
Audio commento alla liturgia
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 07-12-2014)
Commento su 2Pt 3,8-14
Collocazione del brano La seconda lettera di Pietro ha come temi principali il ritorno di Cristo nella gloria e gli avvertimenti contro i falsi maestri. E' stata scritta tra la fine del I secolo e l'inizio del II secolo d.C.. In questo periodo i cristiani stavano perdendosi d'animo. La venuta di Cr ...
(continua)
mons. Vincenzo Paglia     (Omelia del 07-12-2014)
Commento su Mc 1,1-8
Introduzione Giovanni Battista fa il suo ingresso spettacolare nel mondo, vestito di peli di cammello. Le sue parole bruciano l'aria, le sue azioni frustano il vento. Predica "un battesimo di conversione per il perdono dei peccati" ed immerge i suoi discepoli nelle acque del Giordano. Il suo messa ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 07-12-2014)
Riconosciamo i nostri peccati
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 07-12-2014)
La buona notizia: Dio viene e profuma di vita la vita
Due voci parlano del venire di Dio. Isaia, voce del cuore: Viene il Signore con potenza. Ma subito specifica: con la potenza della tenerezza, tiene sul petto i piccoli agnelli e conduce pian piano le pecore madri. Tenerezza di Dio, potenza possibile ad ogni uomo. Giovanni delle acque e del sole: Vi ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 07-12-2014)
Colui che è più forte di me, viene dopo di me
Nella seconda domenica di Avvento incontriamo Giovanni il Battista che con la sua persona, i suoi gesti, la sua parola, annuncia a noi, oggi: "Il più forte di me viene dietro di me". L'inizio del Vangelo di Marco (Mc.1,1-8) è tutto un grido, una provocazione al risveglio, a prepararci ad accogliere ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 07-12-2014)
Viene dopo di me colui che è più forte di me
Ogni uomo deve essere onesto dinanzi a Dio, se vuole essere onesto dinanzi agli uomini. L'onestà per ciascuno di noi è la confessione della verità più pura e più santa del proprio essere. Chi sono? Cosa ha fatto di me il Signore? Quali doni mi ha dato? Quale missione mi ha affidato? Qual è lo spazio ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 07-12-2014)
Le donne cerniera: 1 + 1 = 4
Sono conti che non tornano nella casa di Elisabetta. Ne vedono due - lei, la cugina anziana, e l'altra, la Nazarena dai piedi di fretta - ma sentono d'essere in quattro. Fuori di quella casetta ad Ain Karim gli uomini curiosi e pettegoli fanno i conti: "uno più uno uguale due". Dentro quella casetta ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 07-12-2014)
Nuova Creazione
È una nuova Genesi, una nuova Creazione, un nuovo inizio. Perciò il giovane Giovanni Marco, uno dei discepoli della prima ora, di Gerusalemme, ha accettato il compito di redigere un testo ad uso delle nascenti comunità. E non ha fatto un trattato di teologia o una raccolta di detti al modo dei rab ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 07-12-2014)
Video commento a Mc 1,1-8
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 07-12-2014)
Video commento a Mc 1,1-8
...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 07-12-2014)
#StradeDorate - Commento su Marco 1,1-8
...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 07-12-2014)
L'essenziale e la Speranza
Sembra strano, o quantomeno inusuale, sentir parlare di "conversione per il perdono dei peccati" in questo periodo dell'Anno Liturgico. È vero che sono toni di un discorso che si confanno parecchio alla figura di Giovanni il Battista, ma di certo queste parole le sentiamo risuonare con più facilità ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 07-12-2014)
Preparate la via al Signore
Come ogni anno, soprattutto in questa seconda domenica del tempo di avvento, la parola di Dio è caratterizzata da una tonalità di pace e di consolazione. Il Signore chiede: Consolate, consolate il mio popolo. Il Signore vuole la nostra consolazione. La missione principale dello Spirito Santo che egl ...
(continua)
don Valentino Porcile     (Omelia del 07-12-2014)
Video commento a Mc 1,1-8
...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 07-12-2014)
Una strada di Dio per l'uomo
Inizio del vangelo di Gesù Marco aggiunge al suo scritto quasi un titolo: "Vangelo"; questa parola entrata nel vocabolario greco cristiano deriva da eu (bene, buono) e aggelos (annunciatore, annuncio): è la Buona novella di Gesù. Nel primo rigo Marco ci dice che è l'inizio (in greco arché); lo ste ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 07-12-2014)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Rocco Pezzimenti 1. L'annuncio della buona novella è quello della venuta del Redentore. Marco, però, non si limita ad annunciare un evento così straordinario, ma, citando l'Antico Testamento, sprona a prepararci interiormente per ricevere il Signore ch ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 07-12-2014)

Buon giorno ragazzi! Oggi celebriamo la seconda domenica di avvento, un tempo forte, importante, che ci prepara al Natale. Io so che già da domani, festa dell'Immacolata, qualcuno incomincerà a preparare il presepe o gli addobbi natalizi per l'albero. A questi preparativi esterni, utili per creare ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 07-12-2014)
Video commento su Mc 1,1-8
...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 07-12-2014)
Videocommento a Mc 1, 1-8
...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 07-12-2014)
Commento su Sal 84
"Amore e verità s'incontreranno, giustizia e pace si baceranno. Verità germoglierà dalla terra e giustizia si affaccerà dal cielo". Salmo 84 Come vivere questa Parola? Un mondo rigenerato.... Ecco quello che il salmo 84 ci fa vedere, ci fa sognare. Un salmo trai i più belli del salterio, un salmo ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 07-12-2014)

Marco ha chiamato "Vangelo (buona notizia)" il suo libro su Gesù. La buona notizia è Gesù e morire per il Vangelo è farlo per Lui, è fare sapere la "buona notizia" a tutte le patrie. Avendo chiamato "Vangelo" il suo libro, Marco dichiara che non si tratta di un resoconto, ma dell'annuncio del Cristo ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 07-12-2014)
Raddrizzate le vie del Signore
Sappiamo benissimo che l'Avvento è un tempo forte di conversione personale e comunitaria, un tempo di penitenza, di rinnovamento spirituale, di vera attesa e preparazione al santo Natale di ogni anno. In questa seconda domenica, che segue quella che ci ha fatto riflettere sul tema della vigilanza c ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 07-12-2014)
Commento su Marco 1,1-8
...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 07-12-2014)
Sulla Tua Parola - Mc 1,1-8
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 07-12-2014)
Il deserto e il "quadrinomio"
Figura molto significativa quella di Giovanni il Battezzatore, che mentre procede nel deserto geografico che separa la Palestina da Babilonia, invita tutti ad abbandonare il proprio deserto di immondezza peccaminosa e di perversione ostinata al male. L'aspetto di Giovanni è quello di un penitente ir ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 07-12-2014)
Commento su Is 40,1-5.9-11; Sal 84; 2Pt 3,8-14; Mc 1,1-8
The voice said, Cry. And he said, What shall I cry? All flesh is grass, and all the goodliness thereof is as the flower of the field: The grass withereth, the flower fadeth: but the word of our God shall stand for ever (Isaia 40,6-8) [King James Version]. Una voce grida: / «Annuncia un messaggio!»; ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 07-12-2014)
Un piano grandioso che ci coinvolge
Il vangelo prevalente, nell'anno liturgico cominciato domenica scorsa, è quello secondo Marco, del quale si legge oggi la prima pagina (capitolo 1,1-8). Dopo l'espressione che può considerarsi il titolo dello scritto ("Vangelo di Gesù Cristo, Figlio di Dio"), l'evangelista presenta subito la figura ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 07-12-2014)

Il Vangelo di Marco inizia citando la profezia di Isaia sull'avvento del Messia, il quale sarà preceduto da un messaggero. Costui reca un lieto annunzio: Dio non è un giudice inclemente che applica la legge alla lettera, senza sconti per nessuno. Dio è un pastore che porta gli agnellini sul petto e ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 07-12-2014)
Video commento su Mc 1,1-8
...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 07-11-2014)
Ruminare i Salmi - Salmo 85,10 (II domenica di avvento, anno B)
Ruminare i Salmi - Salmo 85 (Vulgata / liturgia 84),10 (II domenica di avvento, anno B) CEI Sì, la sua salvezza è vicina a chi lo teme, perché la sua gloria abiti la nostra terra. TILC Sì, egli è pronto a salvare chi l'ascolta, con la sua presenza riempirà la nostra terra. 2Pietro 3,10-13 Il ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 04-12-2011)
Preparate la via al Signore
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 04-12-2011)
Nuovi Evangelizzatori
Il Vangelo della seconda domenica di Avvento ci invita all'ascolto della voce di un messaggero, un profeta che grida dal deserto: "Preparate la strada del Signore, raddrizzate i suoi sentieri". Oh, come vorrei essere quel messaggero! Ma per poterlo essere devo rispondere alle caratteristiche descr ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 04-12-2011)
Commento su Marco 1,1-8
Contesto Il clima di attesa e vigilanza inaugurato domenica scorsa si arricchisce con la II e III domenica di Avvento di altri temi grazie alla figura di Giovanni il Battista, oggi con il testo di Mc 1,1-8 e la prossima settimana con il vangelo di Giovanni (Gv 1,6-8.19-28). Il Precursore è un testi ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 04-12-2011)

Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Mario Campisi     (Omelia del 04-12-2011)
Preparate!
Per capire la Parola di Dio è sempre importante partire dalla vita, il libro che Dio ha scritto, altrimenti la Bibbia finisce per sembrare un libro di racconti lontani e di esortazioni devote e astratte. Domandiamoci: cosa facciamo se arriva un amico che ci è caro e che per noi è importante o addir ...
(continua)
Monastero Janua Coeli     (Omelia del 04-12-2011)

Gesù, Cristo, Figlio di Dio. Chi è per te? Un ricordo, un personaggio storico, una ideologia... oppure è persona di nome Gesù, il Redentore atteso dal tempo della caduta dell'uomo nel peccato, il Figlio di Dio fatto carne? Chi è per te? La speranza che ti fa camminare, la roccia su cui costruire ciò ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 04-12-2011)
Nel deserto
Voce di uno che grida nel deserto Marco inizia il suo vangelo presentando Giovanni il Battista come una voce che grida nel deserto. Con queste tre parole indica tutta la forza e la debolezza di Giovanni, ma di tutto il vangelo che con queste parole sta iniziando. Una voce è soltanto un suono, u ...
(continua)
don Luca Orlando Russo     (Omelia del 04-12-2011)
«Preparate la via del Signore»
Oggi, seconda domenica di Avvento, la liturgia della Parola ci presenta la figura di Giovanni Battista, il prototipo dell'uomo che Dio si è preparato per stare davanti al suo volto e per aprirne agli altri la via di accesso. Giovanni è la persona pronta ad accogliere il Signore che viene, incarnando ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 04-12-2011)
Lavori in corso
Quando è iniziato tutto? Hanno conosciuto Gesù attraverso le parole degli apostoli. Sono diventati seguaci del Nazareno, sono chiamati "coloro che seguono la via", hanno il cuore pieno delle parole del Rabbì raccontato da anime infuocate e semplici. Conoscono le parole del Maestro, conoscono i suoi ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 04-12-2011)
Convertiamoci alla speranza!
Clicca qui per la vignetta della settimana Nel 2004 è stato inaugurato vicino a Millau nella Francia meridionale il viadotto più alto del mondo. I piloni che sostengono la sede stradale sono alti fino a 343 metri, più della Tour Eiffel di Parigi. Il viadotto passa sulla valle del fiume Tarn ed è ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 04-12-2011)
Video commento a Mc 1, 1-8
...
(continua)
don Luigi Trapelli     (Omelia del 04-12-2011)
Preparare la strada a Cristo
Iniziamo oggi il Vangelo secondo Marco che incontreremo per tutto l'anno liturgico. All'inizio, il testo, ci presenta la chiave di lettura del Vangelo: "Inizio del Vangelo di Gesù, Cristo e Figlio di Dio". Al capitolo ottavo, Pietro professerà la sua fede in Gesù Cristo, mentre al capitolo qui ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 04-12-2011)
I sentieri del Signore
E' la seconda domenica di Avvento. Abbiamo sentito: "Inizio del Vangelo, che è Gesù: il Cristo, il Figlio di Dio" (Mc 1,1). Marco inizia così il suo racconto per ricordarci che la buona noti­zia è Cristo: Lui deve essere al centro di tutto, perché Lui solo è il motivo dell'essere cristiani. Motivo d ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 04-12-2011)
Il tuo ritardo accende il mio desiderio, Amore
Troppo tardi per far carriera tra i profeti: la figura austera e saggia di Zaccaria - ultimo profeta dell'Antico Testamento - è appena dietro l'angolo. Troppo presto per far carriera tra gli apostoli: Pietro e Giacomo, Giovanni e i figli di Zebedeo e tutta la "compagnia del lago" abitano ancora nel ...
(continua)
don Nazareno Galullo (giovani)     (Omelia del 04-12-2011)
Autopsia: è possibile farla ad un'anima?
La voce di uno che grida nel deserto è la voce di un cercatore di verità. Il deserto, luogo della disperazione o luogo della ricerca? In tanti si dovrebbe ritornare a vivere esperienze vere di deserto: di quelle in cui la solitudine ti mangia dentro. E la sete di verità ti assale. Giovanni è st ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 04-12-2011)
Giovanni Battista prepara la strada
Essendo la venuta di Gesù, Figlio di Dio, davvero, il grande Evento per l'umanità che soffre, e tanto, dovrebbe suscitare in tutti gli uomini, la gioia dell'attesa. Così il profeta Isaia si fa interprete: "Consolate, consolate il mio popolo, dice il vostro Dio. Parlate al cuore di Gerusalemme e gri ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 04-12-2011)
Video commento a Mc 1, 1-8
...
(continua)
don Valentino Porcile     (Omelia del 04-12-2011)
Video commento a Mc 1, 1-8
...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 04-12-2011)

Marco comincia il suo Vangelo dicendo: "Inizio del Vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio." Vangelo significa lieto annuncio, buona notizia. Ne abbiamo un esempio nella prima lettura di oggi dove Isaia annuncia una buona notizia da gridare a tutto il popolo che è esiliato. Annuncia la liberazione e ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 04-12-2011)
Quelle buone novelle nella vita di ogni giorno
I l Vangelo di questa domenica è chiuso tra due parentesi che subito dilatano il cuore. La prima: inizio del vangelo di Ge­sù. E sembra quasi una annota­zione pratica, un semplice titolo esterno al racconto. Ma il sigillo del senso è nel termine «vangelo» che ha il significato di bella, lieta, gio ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 04-12-2011)
Una voce grida nel deserto
E' drammatico anche il solo pensiero di un uomo che si metta a gridare in mezzo a un deserto. Parli a se stesso, o lanci proclami, o invochi aiuto, è sempre penosamente inutile: e con questo significato l'espressione "voce nel deserto" è diventata di uso comune. Non tutti sanno che essa deriva dalla ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-12-2011)
Commento su Marco 1,3
Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri. Mc 1,3 Come vivere questa Parola? Il vangelo odierno si apre ricollegandosi direttamente alla prima lettura tratta dal libro di Isaia. Il profeta si rivolge a un popolo scoraggiato per il prolungarsi de ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 04-12-2011)
Come Giovanni
Sabato sera. Ore 21. Chiesa di Sant'Agostino. Con un gruppo di giovani e di adulti ci siamo regalati due ore di Adorazione Eucaristica, canti, silenzi, ascolto della Parola e intercessioni. Non c'è modo migliore - mi sono detto - di iniziare l'Avvento: stare davanti all'Atteso... Come Giovanni. L ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 04-12-2011)
Commento su Mc 1,1-8
Una voce grida e indica: è quella di Giovanni, il più grande e l'ultimo dei profeti. Proprio perché "ultimo" profeta, Giovanni indica il grande cambiamento, la svolta epocale attesa dall'umanità: la presenza del Salvatore. Il battesimo nelle acque del Giordano è simbolo di svolta, perché è indicazio ...
(continua)
Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 04-12-2011)
Giovanni predicava un battesimo di conversione
La terza lettura propostaci dalla liturgia di questa domenica è l'inizio del vangelo di Marco, che ci accompagnerà per tutto l'anno liturgico B. Quello di Marco è il primo in senso cronologico dei tre vangeli "sinottici" (quelli secondo Matteo, Marco e Luca), detti così perché hanno una struttura ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 04-12-2011)
C'è qualcuno più forte di noi
Non è facile riconoscere e accettare che, nella vita, ci sono persone che sanno fare le cose meglio di noi, che sono più preparate di noi, che sono più "forti" di noi. Questo lo avvertiamo maggiormente quando abbiamo una personalità molto egocentrica, con un "io" marcato, anche con un certo narcisis ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 04-12-2011)
Egli vi battezzerà nello Spirito Santo
La seconda domenica di Avvento si apre con una stupenda pagina dell'Antico Testamento, (Is.40,1-11), l'inizio della parte del libro di Isaia che si chiama "libro della consolazione", attribuito ad un profeta anonimo della fine dell'esilio del popolo di Israele in Babilonia. "Consolate, consolate il ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 04-12-2011)
Far nascere il...figlio.
Il vangelo di oggi ci presenta la figura di Giovanni Battista. Il Battista fu il maestro di Gesù. Certamente fu un riferimento e un modello all'inizio del suo viaggio nella ricerca di Dio. Ma poi il discepolo superò il maestro e se ne staccò. Tant'è vero che nei vangeli troviamo tracce (che i vangel ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 04-12-2011)
Video commento a Mc 1,1-8
...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 04-12-2011)
Nell'essenziale: in Gesù di Nazaret
L'itinerario di fede dell'Avvento si caratterizza di un elemento fondamentale: per non perdere l'occasione di riconoscere la venuta del Signore, dobbiamo sforzarci di vivere come Giovanni. San Marco afferma che il Figlio è presente nel mondo per mezzo di un profeta austero ed essenziale. L'atteggia ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 04-12-2011)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di don Paolo Ricciardi "Consolate, consolate il mio popolo dice il Signore Dio". Inizia così la seconda parte del libro del profeta Isaia, detto "libro della consolazione", ambientato al tempo dell'esilio di Israele in Babilonia, che viveva nell'attesa della libera ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 04-12-2011)
Commento su Marco 1,1-8
"Inizio del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio": così Marco comincia il suo vangelo. Sapete certamente che "Vangelo" significa "bella notizia", ma questa bella notizia non è un avviso, non è una informazione, non sono parole!!! E' una persona: Gesù. Cosa significa? Che Dio si è fatto così vicin ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 04-12-2011)
Conversione=Maestria
Nel Vangelo di oggi il maestro è Giovanni Battista. E sapete perché lo è? Perché dice di non esserlo, ma si definisce solo una voce che indica il vero maestro. E lo indica ai suoi stessi discepoli. Questa sì che è vera "maestria": la maestria dell'umiltà: solo essendo umili si è maestri. Quale maes ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 04-12-2011)
L'esilio è finito!
"Nell'orazione odierna così ci rivolgiamo al buon Dio: "Padre di ogni consolazione, che agli uomini pellegrini nel tempo hai promesso terra e cieli nuovi, parla oggi al cuore del tuo popolo, perché in purezza di fede e santità di vita possa camminare verso il giorno in cui manifesterai pienamente la ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 04-12-2011)
Riconoscere il nostro "deserto" per poterne uscire
Isaia annuncia: "Una voce grida: nel deserto preparate la via del Signore, spianate nella steppa la strada per il nostro Dio"; indicando che "una voce" esorta al ravvedimento e alla predisposizione nei confronti del Signore, invita alla conversione e al radicale mutamento di vita. Non può essere che ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 04-12-2011)
Video commento a Mc 1, 1-8
...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-12-2011)
Viene dopo di me colui che è più forte di me
Marco scrive il Vangelo di Gesù. Gesù è il Cristo. Il Cristo è il Figlio di Dio. Il Vangelo che Marco narra parla a noi di Gesù, del Figlio di Dio, del suo Messia. Raccontando le opere di Gesù, Marco vuole che noi giungiamo alla conoscenza della sua verità, non quella visibile, che è rivelata dalle ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 04-12-2011)
Commento su Isaia 40, 1-5, 9-11;Salmo 84 9-14; Seconda Pietro 3,8-14; Marco 1,1-8
Ora, dopo secoli di attesa, ora ha inizio la buona novella, proclamata dai profeti e che l'israele di Dio attendeva ed attende. Noi pensiamo che questa attesa sia già compiuta ed oggi ne celebriamo, nel consumismo, il ricordo, ma non è così. Gesù, la buona novella, è si venuto nel tempo della storia ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 07-12-2008)
Commento su Marco 1,1-8
Lectio L'esordio del Vangelo di Marco è piuttosto scarno e nessuno degli altri evangelisti ha seguito il suo esempio. Matteo e Luca hanno introdotto infatti i racconti dell'infanzia di Gesù e Giovanni ha il suo famoso prologo teologico e poetico al tempo stesso. Marco invece ha una frase che sembr ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 07-12-2008)

Marco inizia così il suo vangelo: "Inizio della buona notizia che è Gesù Cristo". Prepararsi al Natale vero significa riprendere in mano la buona notizia che è Gesù, farla diventare concretezza nelle nostre scelte, danza per la nostra vita. Come Giovanni il battezzatore possiamo diventare profe ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 07-12-2008)
Il regno dei cieli è vicino
In questo tempo d'Avvento, chi ci parla nel Vangelo, non è Gesù, ma Giovanni Battista, messaggero di salvezza che ne prepara la venuta. E' il profeta dell'Altissimo per eccellenza perché, se gli altri annunciavano Colui che doveva venire, il Battista fu testimone della Sua venuta e lo indicò come "C ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 07-12-2008)
Video commento a Mc 1,1-8
...
(continua)
don Valentino Porcile     (Omelia del 07-12-2008)
Video commento a Mc 1,1-8
...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 07-12-2008)
Anche Dio ha bisogno degli uomini
La seconda lettura che oggi la chiesa ci consegna ben ci colloca nel tempo della attesa: mentre aspettate e affrettate la venuta del Signore Dio... noi aspettiamo nuovi cieli e una terra nuova... una prima idea allora che mi piace condividere con voi e che lega il vangelo di domenica scorsa con la l ...
(continua)
don Daniele Muraro     (Omelia del 07-12-2008)

?Davanti al Signore un solo giorno è come mille anni e mille anni come un solo giorno?, lo afferma san Pietro nella prima lettura. A pensarci si tratta di un risvolto della eternità di Dio. Tra un anno e mille anni la scala è di mille volte di più, ma tra un giorno e l?eternità oppure tra mille anni ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 07-12-2008)
Noi operai nel costruire il vero domani
Celebriamo oggi la seconda domenica di Avvento, tempo propizio per prepararci all?annuale ricorrenza del Santo Natale e come strumento di accompagnamento spirituale è sicuramente la parola di Dio che in questo tempo forte dell?anno liturgico assume un ruolo ed una funzione molto importante per la no ...
(continua)
padre Raniero Cantalamessa     (Omelia del 07-12-2008)
Paolo, modello di vera conversione evangelica
L'anno paolino è una grazia grande per la Chiesa, ma presenta anche un pericolo: quello di fermarsi a Paolo, alla sua personalità, la sua dottrina, senza fare il passo successivo da lui a Cristo. Il Santo Padre ha messo in guardia contro questo rischio nell'omelia stessa in cui ha indetto l'anno pao ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 07-12-2008)
Ripartire dalla buona notizia di Dio
Inizio del vangelo di Ge­sù Cristo. Inizio della buona notizia. A partire da che cosa ricominciare a vivere, a progettare? Da una buona notizia. Non rico­minciare mai da pessimi­smo, non dai problemi, neppure dall?illusorio primato della realtà che sem­bra dominare nel mondo. Ricominciare da una ca ...
(continua)
padre Mimmo Castiglione     (Omelia del 07-12-2008)
Ambasciator non porta pena!
Ci sarà sempre qualcuno dopo di noi. Senza di noi la vita continuerà comunque. Vorremmo forse che dopo di noi finisse tutto? Ci sarà sempre qualcuno più forte di noi. Saggezza è arrendersi alla propria debolezza, accettare il proprio limite! O vorremmo forse eliminare il ?nascituro?? Ripe ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 07-12-2008)
Il sorriso e il dito
Clicca qui per la vignetta della settimana. È Giovanni il Battista la figura biblica che domina in questa seconda domenica dell?Avvento e ci accompagna verso il Natale. L?evangelista Marco ce lo presenta nel suo aspetto esteriore che per noi oggi risulta piuttosto originale: se infatti chiedete a ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 07-12-2008)
Prepara la strada del Signore
Tre sono i personaggi che ogni anno l'Avvento ci presenta: il profeta Isaia, Giovanni Battista e Maria Santissima. Questi tre personaggi ci mostrano come attendere la venuta di Gesù. Nella seconda domenica di Avvento siamo invitati a guardare la figura di Giovanni Battista che nel deserto grida l ...
(continua)
padre Romeo Ballan     (Omelia del 07-12-2008)
Avvento: tre personaggi per un solo Signore
Riflessioni Sono tre i personaggi principali che, nel tempo di Avvento, ci preparano all?incontro con Cristo: il profeta Isaia, Giovanni Battista e Maria. Ciascuno dei tre ha un rapporto missionario tutto particolare con il Salvatore che viene: Isaia lo preannuncia, Giovanni lo addita già presente, ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 07-12-2008)

Chi è Giovanni Battista oggi? La voce della mia coscienza, il grillo parlante, oppure chi mi dà buoni consigli, ma Giovanni era qualche cosa di più: Giovanni è voce di uno che grida nel deserto, nelle città, nelle famiglie sui luoghi di lavoro, fate il possibile per poter accogliere il Signore che ...
(continua)
LaParrocchia.it     (Omelia del 07-12-2008)
Dio - Giovanni - Gesù - Uomo
La liturgia della parola di questa seconda domenica di avvento si apre con un testo del profeta Isaia, che costituisce l'inizio di quello che viene chiamato il "Libro della Consolazione". La consolazione che annuncia il profeta è la salvezza di Dio, che penetra nella storia e si realizza in essa. La ...
(continua)
don Gianluca Peschiera (ragazzi)     (Omelia del 07-12-2008)
Cuore ben disposto
Confrontato con l?introduzione discreta nel tempo dell?Avvento avvenuta domenica scorsa, l?annuncio di oggi è molto diverso: ?Ecco, io mando il mio messaggero davanti a te... Voce di uno che grida nel deserto: preparate la strada del Signore, raddrizzate i suoi sentieri?. Giovanni Battista fa il su ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 07-12-2008)

Dalla Parola del giorno Nel deserto preparate la via al Signore, appianate nella steppa la strada per il nostro Dio. Come vivere questa Parola? La frase è presente in due testi della liturgia odierna: nella prima lettura e nel vangelo. Si tratta, allora, di un invito pressante che non può passa ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 07-12-2008)
Giovanni, la freccia
La scorsa settimana la Parola di Dio ci ha investito come un bomba di caffeina per svegliarci dal sonno e prepararci ad accogliere il Veniente. In questa nuova domenica siamo raggiunti dal grido forte e inquietante di Giovanni Battista, cugino asceta del Rabbì che amava i banchetti. Vi devo confess ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 07-12-2008)
Giovanni, la voce che grida nel deserto
Con quella materna tenerezza con cui la Chiesa ci invita a vivere ì grandi eventi di Dio tra noi - a cominciare dal Natale del Figlio, un Natale tanto vicino - oggi si fa eco della gioia che ci attende e ci viene donata, sempre che siamo disposti ad accoglierla. Sappiamo tutti di vivere una vita di ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 07-12-2008)
Un piano grandioso e coinvolgente
Il vangelo prevalente, nell?anno liturgico cominciato domenica scorsa, è quello secondo Marco, del quale si legge oggi la prima pagina. Dopo l?espressione che può considerarsi il titolo dello scritto (?Vangelo di Gesù Cristo, Figlio di Dio?), Marco presenta subito la figura di Giovanni Battista, ?vo ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 07-12-2008)
Prima di Gesù viene Giovanni
In questo cammino verso il Natale i vangeli ci presentano due figure: una più maschile, Giovanni Battista, l?altra più femminile, Maria. Oggi il vangelo di Mc si concentra su Giovanni Battista. Il compito di Giovanni è di preparare la strada. Prima di Gesù dev?esserci Giovanni Battista. Prima che p ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 07-12-2008)
Consolazioni
Fa molto freddo, anche se è l?ora più calda del giorno. Saremo a quattro o cinque gradi sotto zero. Il vento sta spazzando le nuvole, svelando un panorama bello da far male. I larici e gli abeti sono carichi di neve e il sole li illumina. Il silenzio del paesaggio innevato è assoluto. Mi sono rita ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 07-12-2008)

PRIMA LETTURA Dal libro del profeta Isaìa (40,1-5.9-11) Il popolo ebraico in esilio a Babilonia cominciò ad intravedere la possibilità di una liberazione: Dio non li aveva abbandonati ed attraverso le strade misteriose della Provvidenza, che si servono delle azioni degli uomini anche a loro insapu ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 07-12-2008)

Com?è andata la Prima Settimana di Avvento? Siamo riusciti a seguire l?invito di Gesù? Domenica scorsa ci aveva chiesto: ?Vegliate!?, cioè tenete gli occhi aperti per riconoscere e comprendere quello che succede intorno a voi! ?Vegliate!?, cioè tenete gli occhi aperti per essere attenti alle person ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 07-12-2008)
Preparate la via, raddrizzate i sentieri
Sin dall?antichità, ma la cosa conserva tutta l?attualità anche ai nostri giorni, quando veniva annunciato l?arrivo di grandi personaggi della storia, si procedeva con la massima celerità ad aggiustare al meglio le strade, a raddrizzare i sentieri per garantire loro la migliore accoglienza. Proprio ...
(continua)
don Remigio Menegatti     (Omelia del 07-12-2008)

PREGHIERA DI COLLETTA O Dio, Padre di ogni consolazione, che agli uomini pellegrini nel tempo hai promesso terra e cieli nuovi, parla oggi al cuore del tuo popolo, perché in purezza di fede e santità di vita possa camminare verso il giorno in cui manifesterai pienamente la gloria del tuo nome. P ...
(continua)
Totustuus     (Omelia del 07-12-2008)

SCHEMA RIASSUNTIVO Tema: Sollievo in Cristo 1. L'afflizione e sempre presente nella nostra vita. a) Sofferenze fisiche: malattie, incidenti, ecc. b) Sofferenze morali: problemi di lavoro, in famiglia, ecc. 2. Consolate, consolate il mio il popolo! Dice il vostro Dio. a) Dio è venuto per cons ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 07-12-2008)

La II Domenica di Avvento è segnata dall'inizio solenne, chiaro e coinvolgente del Vangelo di Marco. La prima lettura segna un altro inizio: quello di un popolo deportato che intravede la possibilità del ritorno a Gerusalemme e alla propria terra. Isaia annuncia la liberazione con una parola di cor ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 07-12-2008)
Ecco il Consolatore
La prima lettura è costituita dall'inizio di quella parte del libro di Isaia che, ancora durante l'esilio in Babilonia, annunzia al popolo la prossima liberazione e il ritorno in patria. La schiavitù di Israele è finita, Dio sta preparando una strada attraverso regioni inospitali per riportare gli e ...
(continua)
Suor Giuseppina Pisano o.p.     (Omelia del 07-12-2008)

"Se tu squarciassi i cieli e scendessi!"; è il grido del profeta Isaia che implora da Dio la liberazione del popolo, il quale vive in schiavitù; un grido che attraversa la storia e raggiunge ogni epoca, da tante parti della terra, infatti, ancora oggi, questo grido si leva verso il Cielo, invocando ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 07-12-2008)
Distruggerci per ricostruirci
Scrive Gian Franco Ravasi che il battesimo era una prassi già conosciuta prima di Giovanni Battista, poiché presso la comunità giudaica esistevano i riti del battesimo dei nuovi adepti, che introducevano gli iniziati nella comunità come pure vi erano tantissimi riti di ?battesimo ordinario?, consist ...
(continua)
mons. Ilvo Corniglia     (Omelia del 07-12-2008)

Nel tempo di Avvento siamo invitati a ravvivare l?attesa vigilante dell?ultima venuta di Cristo. Attesa colma di speranza e ricca di opere d?amore. Il futuro verso il quale siamo proiettati ce lo ha richiamato san Pietro nella sua II lettera (3, 8-14: II lettura): ?Secondo la sua promessa, aspettiam ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 07-12-2008)

L?immagine piena di tenerezza del pastore, che troviamo nel profeta Isaia, ci richiama a un Dio grande, che viene con potenza. Ma la sua potenza è l?amore e l?attenzione verso le sue creature, caratteristiche che ci fanno pensare a un Dio diverso da tutti i capi delle varie grandi nazioni. Il Dio d ...
(continua)
Il pane della domenica     (Omelia del 07-12-2008)
Convertitevi!
Raddrizzate le vie del Signore ?Quando fummo al Giordano e sedemmo appoggiati a pietroni della riva, scorsi mescolati tra la folla, ma ben distinguibili, anche gruppi di farisei e scribi, di sadducei. Avevo sentito dire che erano venuti lì per rendersi conto di quello che stava succedendo e rifer ...
(continua)
   > Translate this page (italian > english) with Google