LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 1 Giugno 2014 <

Venerdì 30 Maggio 2014

Sabato 31 Maggio 2014

Domenica 1 Giugno 2014

Lunedì 2 Giugno 2014

Martedì 3 Giugno 2014

Mercoledì 4 Giugno 2014

Giovedì 5 Giugno 2014

Venerdì 6 Giugno 2014

Sabato 7 Giugno 2014

Domenica 8 Giugno 2014


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

  ASCENSIONE DEL SIGNORE (ANNO A)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: SOLENNITA'
Colore liturgico: Bianco
AP080 ;

Il Signore risorto è ritornato nella Galilea pagana. È qui che egli aveva cominciato ad annunciare la conversione e il Vangelo del Regno (cf. Mt 4,15.17.23). È qui, in questo luogo di frontiera, che egli aveva dato appuntamento ai suoi discepoli, che si erano dispersi quando egli, il pastore, era stato ferito (cf. Mt 28,8-10). È ritornato sui luoghi dell’inizio, per dare loro la pienezza: il Risorto è la luce decisiva che rischiara tutti coloro che camminano nelle tenebre e nell’ombra della morte.
Egli ha convocato i discepoli - in numero di undici - su una montagna, come all’inizio li aveva condotti sulla montagna, quando parlò loro per annunciare la via della felicità del regno dei cieli (cf. Mt 5,1). Dio ha anche convocato il popolo ai piedi del Sinai quando ha voluto fare di lui la sua “ekklesia” (cf. Es 19). Il Risorto è su questa montagna in Galilea, che simboleggia l’incontro tra il cielo e la terra, dichiarandosi, solennemente, come colui che ha ricevuto tutta l’autorità nei cieli e sulla terra (cf. Mt 28,18).
Da questa montagna egli invia i discepoli - e in loro, e con loro, noi tutti che li seguiamo lungo la storia - a convocare la Chiesa per riunirla dai quattro punti cardinali del mondo nel regno; nessuno è escluso dalla parola e dalla partecipazione alla vita della famiglia divina: la comunione del battesimo con il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo (cf. Mt 28,19-20).
Oggi noi, come gli undici discepoli sulla montagna, lo adoriamo e riaffermiamo la nostra obbedienza al suo comando missionario. Egli sembra assente ma è in realtà sempre presente tra di noi (cf. Mt 28,20). È per questo che si è fatto uomo nel seno della Vergine Madre: per essere l’Emmanuele, il Dio con noi (cf. Mt 1,23), fino alla fine del mondo.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
“Uomini di Galilea,
perché fissate nel cielo lo sguardo?
Come l’avete visto salire al cielo,
così il Signore ritornerà”. Alleluia. (At 1,11)


Colletta
Esulti di santa gioia la tua Chiesa,
o Padre,
per il mistero che celebra
in questa liturgia di lode,
poiché nel tuo Figlio asceso al cielo
la nostra umanità è innalzata accanto a te,
e noi, membra del suo corpo,
viviamo nella speranza
di raggiungere Cristo,
nostro capo, nella gloria.
Egli è Dio, e vive e regna con te...

>

Prima lettura

At 1,1-11
Fu elevato in alto sotto i loro occhi.

Dagli Atti degli Apostoli

Nel primo racconto, o Teòfilo, ho trattato di tutto quello che Gesù fece e insegnò dagli inizi fino al giorno in cui fu assunto in cielo, dopo aver dato disposizioni agli apostoli che si era scelti per mezzo dello Spirito Santo.
Egli si mostrò a essi vivo, dopo la sua passione, con molte prove, durante quaranta giorni, apparendo loro e parlando delle cose riguardanti il regno di Dio. Mentre si trovava a tavola con essi, ordinò loro di non allontanarsi da Gerusalemme, ma di attendere l’adempimento della promessa del Padre, «quella – disse – che voi avete udito da me: Giovanni battezzò con acqua, voi invece, tra non molti giorni, sarete battezzati in Spirito Santo».
Quelli dunque che erano con lui gli domandavano: «Signore, è questo il tempo nel quale ricostituirai il regno per Israele?». Ma egli rispose: «Non spetta a voi conoscere tempi o momenti che il Padre ha riservato al suo potere, ma riceverete la forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi, e di me sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samarìa e fino ai confini della terra».
Detto questo, mentre lo guardavano, fu elevato in alto e una nube lo sottrasse ai loro occhi. Essi stavano fissando il cielo mentre egli se ne andava, quand’ecco due uomini in bianche vesti si presentarono a loro e dissero: «Uomini di Galilea, perché state a guardare il cielo? Questo Gesù, che di mezzo a voi è stato assunto in cielo, verrà allo stesso modo in cui l’avete visto andare in cielo».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 46

Ascende il Signore tra canti di gioia.

Popoli tutti, battete le mani!
Acclamate Dio con grida di gioia,
perché terribile è il Signore, l’Altissimo,
grande re su tutta la terra.

Ascende Dio tra le acclamazioni,
il Signore al suono di tromba.
Cantate inni a Dio, cantate inni,
cantate inni al nostro re, cantate inni.

Perché Dio è re di tutta la terra,
cantate inni con arte.
Dio regna sulle genti,
Dio siede sul suo trono santo.

>

Seconda lettura

Ef 1,17-23
Lo fece sedere alla sua destra nei cieli.

Dalla lettera di san Paolo apostolo agli Efesìni

Fratelli, il Dio del Signore nostro Gesù Cristo, il Padre della gloria, vi dia uno spirito di sapienza e di rivelazione per una profonda conoscenza di lui; illumini gli occhi del vostro cuore per farvi comprendere a quale speranza vi ha chiamati, quale tesoro di gloria racchiude la sua eredità fra i santi e qual è la straordinaria grandezza della sua potenza verso di noi, che crediamo, secondo l’efficacia della sua forza e del suo vigore.
Egli la manifestò in Cristo,
quando lo risuscitò dai morti
e lo fece sedere alla sua destra nei cieli,
al di sopra di ogni Principato e Potenza,
al di sopra di ogni Forza e Dominazione
e di ogni nome che viene nominato
non solo nel tempo presente ma anche in quello futuro.
Tutto infatti egli ha messo sotto i suoi piedi
e lo ha dato alla Chiesa come capo su tutte le cose:
essa è il corpo di lui,
la pienezza di colui che è il perfetto compimento di tutte le cose.

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Mt 28,19.20)
Alleluia, alleluia.

Andate e fate discepoli tutti i popoli, dice il Signore.
Ecco, io sono con voi tutti i giorni,
fino alla fine del mondo.

Alleluia.

>

Vangelo

Mt 28,16-20
A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra.


+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato.
Quando lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono. Gesù si avvicinò e disse loro: «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Gesù è asceso al cielo e siede alla destra di Dio, ma ha promesso che anche noi parteciperemo alla sua gloria. Chiediamo al Padre che tenga desta in noi la speranza della salvezza e della vita eterna.
Preghiamo dicendo: Ascoltaci Signore.

1. Perché la Chiesa, corpo visibile di Cristo, annunci con franchezza il Vangelo e sia luogo di carità e di salvezza per gli uomini. Preghiamo.
2. Perché i missionari siano testimoni credibili e appassionati del Vangelo che annunciano, dando così ragione della fede che li anima e che propongono ad ogni uomo. Preghiamo.
3. Perché ogni uomo si senta corresponsabile del progresso e agisca come protagonista nella storia, perseguendo la promozione dei valori della solidarietà, della giustizia e della pace. Preghiamo.
4. Per chi è lontano dalla fede, perché il Signore gli doni la grazia della conversione e dell’incontro con fratelli che siano convinti compagni di viaggio nel cammino della fede. Preghiamo.
5. Per la nostra comunità, perché riconosca la sua appartenenza al corpo di Cristo che è la Chiesa e viva in unità e comunione l’impegno all’edificazione del Regno di Dio. Preghiamo.

Ascolta, o Padre, le nostre preghiere e donaci di essere fedeli ai tuoi comandamenti, perché possiamo giungere a godere la gioia della comunione con te. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Accogli, Signore, il sacrificio che ti offriamo
nella mirabile ascensione del tuo Figlio,
e per questo santo scambio di doni
fa’ che il nostro spirito si innalzi alla gioia del cielo.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO DELL’ASCENSIONE DEL SIGNORE I
Il mistero dell’Ascensione

È veramente cosa buona e giusta,
che tutte le creature in cielo e sulla terra
si uniscano nella tua lode, Dio onnipotente ed eterno.
Il Signore Gesù, re della gloria,
vincitore del peccato e della morte,
oggi è salito al cielo tra il coro festoso degli angeli.
Mediatore tra Dio e gli uomini,
giudice del mondo e Signore dell’universo,
non si è separato dalla nostra condizione umana,
ma ci ha preceduti nella dimora eterna,
per darci la serena fiducia che dove è lui, capo e primogenito,
saremo anche noi, sue membra, uniti nella stessa gloria.
Per questo mistero, nella pienezza della gioia pasquale,
l’umanità esulta su tutta la terra,
e con l’assemblea degli angeli e dei santi
canta l’inno della tua gloria: Santo...


PREFAZIO DELL’ASCENSIONE DEL SIGNORE II
Il mistero dell’Ascensione

È veramente cosa buona e giusta,
che tutte le creature in cielo e sulla terra
si uniscano nella tua lode, Dio onnipotente ed eterno,
per Cristo nostro Signore.
Dopo la risurrezione
egli si mostrò visibilmente a tutti i discepoli,
e sotto il loro sguardo salì al cielo,
perché noi fossimo partecipi della sua vita divina.
Per questo mistero, nella pienezza della gioia pasquale,
l’umanità esulta su tutta la terra,
e con l’assemblea degli angeli e dei santi
canta l’inno della tua gloria: Santo...


Antifona di comunione
“Ecco, io sono con voi tutti i giorni
sino alla fine del mondo”. Alleluia. (Mt 28,20)


Preghiera dopo la comunione
Dio onnipotente e misericordioso,
che alla tua Chiesa pellegrina sulla terra
fai gustare i divini misteri,
suscita in noi il desiderio della patria eterna,
dove hai innalzato l’uomo accanto a te nella gloria.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

padre Fernando Armellini     (Omelia del 01-06-2014)
Video commento su Mt 28,16-20
...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 01-06-2014)
Commento su Mt 28,16-20
Collocazione del brano Ritorniamo per una domenica al vangelo di Matteo. Con il racconto dell'apparizione di Gesù agli Undici in Galilea Matteo pone fine al suo Vangelo. Si tratta perciò di un testo molto significativo, una sintesi di tutta la sua opera, in esso si trovano diversi elementi che ci ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 01-06-2014)
Commento su Ef 1,17-23
Collocazione del brano La lettera agli Efesini non sembra essere una lettera legata a circostanze precise, bensì si tratta probabilmente un discorso teologico, una lettera circolare che espone alcuni temi importanti e riporta anche degli inni mutuati dall'uso liturgico. Nonostante ciò si trovano i ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 01-06-2014)
Insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato
Dire e fare, annunziare ed operare, proclamare e vivere devono essere per i missionari del Vangelo una cosa sola. Vi è una grande differenza tra Gesù e Mosè. Mosè sale sul monte, riceve la Legge dal Signore. Scende dal monte, legge le Dieci Parole che il Signore aveva scritto sulle tavole di pietra, ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 01-06-2014)
Sulla Tua Parola - Mt 28,16-20
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 01-06-2014)
Audio commento alla liturgia
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 01-06-2014)
Dove incontrarlo?
Oggi è la domenica dell'Ascensione di Gesù. Noi però vogliamo soffermarci su un aspetto che potrebbe passare quasi inosservato: i discepoli incontrano per l'ultima volta Gesù e lo fanno sul monte che Lui stesso gli aveva indicato. Gesù dà appuntamenti! Le prime parole di questo vangelo sottolineano ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 01-06-2014)
Domande a Gesù
Oltre che invitarci a guardare in alto, l'Ascensione al Cielo di Gesù, ci invita anche a guardare dentro e a interrogarci sul suo significato profondo. In un mondo che ci invita a guardare dappertutto tranne che in alto e tranne che "dentro", ci voleva proprio questo richiamo . Così come ci è narra ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 01-06-2014)
Il Signore illumini gli occhi del nostro cuore
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Vari autori     (Omelia del 01-06-2014)

Un pastore della chiesa riformata, il pastore Paolo Ricca, scrivendo in questi giorni dell'Ascensione, diceva che "un po' dappertutto l'Ascensione è diventata o tende a diventare la cenerentola delle feste cristiane". Ascensione, festa cenerentola. E si chiedeva perché, come mai? Eppure dell'A ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 01-06-2014)
Andate, fate discepoli tutti i popoli
"Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino al compimento del tempo": celebriamo l'Ascensione del Signore leggendo il brano conclusivo del Vangelo di Matteo (28,16-20). Gesù, il Figlio di Dio entrato nella storia per essere "Dio con noi", realizza in pieno la sua missione nel dono totale di sé moren ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 01-06-2014)
Gesù ascende al Cielo
Gesù, il Maestro, aveva definitivamente spazzato via il senso di fallimento e di abbandono dei Suoi, suscitando stupore e gioia grande, perché era RISORTO e, quindi, meravigliosamente VIVO. Abbiamo letto, nella Domenica di Pasqua, come Gesù ?andava e veniva', nei modi più strepitosi, sempre sorprend ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 01-06-2014)
Io sono con te
Lunedì- L'attaccamento impedisce di vedere il Signore Oggi la Chiesa celebra l'Ascensione del Signore. Mt non ha la descrizione dell'Ascensione come Lc e Mc, ma ha un brano equivalente dove si esprime la presenza di Gesù nel tempo (nella terra) anche se Lui non c'è più (perché ora è nei cieli). ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 01-06-2014)
Video commento a Mt 28,16-20
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 01-06-2014)
In campo
Uomini di Galilea, perché continuate a guardare il cielo? Sono stupiti e amareggiati, i discepoli. Il Maestro se ne va proprio ora che, infine, avevano capito il grande disegno di Dio su Gesù, proprio ora che, finalmente, avevano superato il dolore e si erano convertiti alla gioia! Proprio ora che, ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 01-06-2014)
Video commento a Mt 28,16-20
...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 01-06-2014)
La comunità dei credenti accoglie la misericordia del Signore e l'annuncia gioiosamente a tutti
Celebriamo la solennità dell'Ascensione. "Il terzo giorno è risuscitato, è salito al cielo e siede alla destra del Padre" (dal Credo). Il Signore Gesù è salito al cielo. E' il compimento della sua missione, è la pienezza della sua gloria, cioè della sua bontà, della sua potenza, della sua grandezza. ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 01-06-2014)
Gesù è con noi sino alla fine del mondo
Chi è colui che sale al cielo? Il Dio che ha preso per sé la croce per offrirmi in ogni mio patire scintille di risurrezione, per aprire crepe nei muri delle mie prigioni: mio Dio, esperto di evasioni! Gesù lascia sulla terra il quasi niente: undici uomini impauriti e confusi, un piccolo nucleo di ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 01-06-2014)
Il potere di costruire ponti
?Non si va in Cielo salendo scale, ma costruendo ponti'. L'espressione è di don Tonino Bello, testimone credibile del nostro tempo. L'insegnamento è antico come la Chiesa, in cui i suoi ?pontefici' (dal latino pontifex, cioè ?costruttori di ponti') sono i primi garanti dell'eredità lasciataci da Ges ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 01-06-2014)
La mia catechista e la ripresa di Gesù
Ci aveva provato lei, ma a pensarci adesso era parsa proprio ridicola la mia maestra di catechismo. Ci parlava dell'Ascensione - a noi bambini che andavamo a catechismo col pallone nello zaino - aggrappandosi ad un sentimentalismo di vecchia data, ormai scaduto e stanco, ad immagini consunte, disuse ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 01-06-2014)
Perché fissare il cielo?
Nella domenica dell'ascensione dal cielo di nostro Signore Gesù Cristo, siamo inviati dallo stesso Signore a fare due cose: a fissare il cielo dove Cristo si è assiso alla destra del Padre e dove ci attende tutti, per condividere con noi la gioia del suo regno di luce e gioia eterna; a fissare la te ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 01-06-2014)
Con noi, tutti i giorni
Gesù, dopo che Dio lo ha risuscitato dalla morte, si è mostrato vivo ai suoi discepoli in varie opportunità e in momenti distinti: come dice Luca all'inizio degli Atti degli Apostoli, "si mostrò vivo, dopo la sua passione, con molte prove, durante quaranta giorni, apparendo loro e parlando delle cos ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 01-06-2014)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura delle Clarisse di Via Vitellia "Ecco, è ormai chiaro che per la grazia di Dio la più degna tra le creature, l'anima dell'uomo fedele, è più grande del cielo, poiché i cieli con tutte le altre creature non possono contenere il Creatore, mentre la sola anima ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 01-06-2014)

Continuiamo nel tempo di Pasqua a ripercorrere gli ultimi giorni di vita di Gesù, anche da Risorto. In particolare ci soffermiamo su dove è andato, dove si trova Gesù adesso e sullo speciale rapporto che aveva con gli apostoli. Tempo fa', mi è capitato di ascoltare una conversazione tra due fratell ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 01-06-2014)
Video commento su Mt 28,16-20
...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 01-06-2014)

Le ultime parole del Vangelo di Matteo, che ne contiene 18.278 (in greco) sono queste: "Io sono con voi". Eco di quelle alla nascita: "Emmanuele, Dio-con-noi". Sullo sfondo il monte, simbolo della montagna sacra, il Sinai. Dinanzi ai discepoli non c'è solo il Maestro, ma il Risorto: una "cristofania ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 01-06-2014)
Proprio perché incerti e deboli
Andarono in Galilea In Galilea Matteo porta a termine il racconto del suo Vangelo, e là, dove i discepoli hanno incontrato Gesù per la prima volta, lo incontrano per l'ultima. Da quell'incontro inizia il nuovo tempo della Chiesa. La Galilea è un luogo speciale, un luogo "lontano" dai poteri di Ger ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 01-06-2014)
Commento su At 1, 9
Detto questo, mentre lo guardavano, fu elevato in alto e una nube lo sottrasse ai loro occhi. At 1, 9 Come vivere questa Parola? Il racconto dell'ascensione di Gesù al cielo chiude il vangelo di Luca e apre il libro degli atti degli Apostoli. In questo modo lo stesso Luca ce ne offre due versioni ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 01-06-2014)

Il Vangelo della scorsa domenica, si concludeva con la promessa fatta da Gesù, prima di salire in croce, che non ci avrebbe abbandonati. Oggi, passati i giorni tragici della passione, il Signore risorto ritorna a promettere che sarà con noi tutti i giorni, fino alla fine del mondo. La promessa assu ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 01-06-2014)
E' asceso al cielo, ma è sempre qui
La festa dell'Ascensione è una di quelle che si capiscono subito, senza particolari spiegazioni: quaranta giorni dopo essere risorto dai morti, Gesù ha concluso la sua presenza terrena salendo al cielo, sotto gli occhi degli undici apostoli. E invece, indagando un po', il fatto riserva qualche sorpr ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 01-06-2014)
Non il vivo ma il Vivente
Quello che sta succedendo a Gesù di fronte agli sguardi attoniti dei suoi apostoli non ha nulla a che fare con uno sparire nella stratosfera o con un perdersi fra gli astri della volta celeste. Non riguarda un partire come un razzo da una rampa di lancio mentre il volo viene accompagnato dall'infitt ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 01-06-2014)
Ruminare i Salmi - Salmo 47,6 (Ascensione del Signore, anno A)
Ruminare i Salmi - Salmo 47 (Vulgata / liturgia 46),6 (Ascensione del Signore, anno A) CEI Ascende Dio tra le acclamazioni, il Signore al suono di tromba. TILC Dio procede fra grida di gioia. Il Signore avanza al suono delle trombe. NV Ascendit Deus in iubilo, et Dominus in voce tubae. At ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 01-06-2014)
Commento su At 1,1-11; Mt 28,16-20
Nell'arco di non pochi giorni i discepoli del Signore sono passati dalla disperazione alla speranza, dall'angoscia alla gioia. Prima, quella pietra rotolata dal sepolcro, e il grido disperato di Maria di Magdala: Hanno rubato il mio Signore; poi, l'annuncio dell'angelo: Gesù è risorto e vi aspetta i ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 05-06-2011)
Come il Padre ha mandato me anch'io mando voi
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 05-06-2011)
Ascensione del Signore (Anno A)
IO SONO CON VOI Andate! Il Vangelo di questa domenica ci urge ad andare a tutte le nazioni. Non ci invita, ci comanda, è imperativo! Il Signore Gesù raduna i suoi discepoli per una sola ragione, perché sappiano cosa devono fare da quel momento in poi: rivelare a tutte le genti l'attualizzazione ...
(continua)
don Daniele Muraro     (Omelia del 05-06-2011)
Rivelazione e osservanza - 2
"Se mi amate, osserverete i miei comandamenti" abbiamo ascoltato domenica scorsa in apertura del Vangelo e il discorso di Gesù si concludeva con le parole: "Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama. Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch'io lo amerò e mi manifeste ...
(continua)
don Mario Campisi     (Omelia del 05-06-2011)
Cristiani su strada
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 05-06-2011)

Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 05-06-2011)
Ascensione, festa della fiducia
Il termine «forza» lega insieme, come un filo rosso, le tre letture: «A­vrete forza dallo Spirito Santo» (prima lettura); «Possiate cogliere l'efficacia della sua forza» (seconda lettura); «Mi è stato dato o­gni potere in cielo e in terra» ( Vangelo). Forza per vivere, energia per andare e ancora a ...
(continua)
Monastero Janua Coeli     (Omelia del 05-06-2011)
Io sono con voi
Lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono. Sono trascorsi anni, giorni dopo giorni di vicinanza, di trepidazione, di novità. Esperienze forti e inaspettate. Ora Gesù va via, torna al Padre, rientra nel Mistero della sua invisibilità divina. E i discepoli si smarriscono. Sono momenti di passagg ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 05-06-2011)
Sedotti e abbandonati? I miss you!
Che sia un momento bello o triste? Dipende da come la guardi quest'ora. Vista da quaggiù, tra orti e case che si rimpiccioliscono, questi frammenti di tempo sono infinitamente tristi, questo giorno chiamato nei calendari Ascensione in verità per noi è la fine di un lungo Natale. Tra queste nuvole mi ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 05-06-2011)
Io sono con te tutti i giorni
Oggi la chiesa celebra la festa dell'Ascensione: Gesù sale al cielo. Può sembrare un addio, un abbandono, un distacco: in realtà, anche lo è. Ma la verità più grande è che Lui è sempre con noi (28,20). Se ne è andato non per abbandonarci ma per restare ancor di più con noi e dentro di noi. Dio adess ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 05-06-2011)
Ascensione: Gesù Cristo nei cieli e con noi sulla terra
"Il terzo giorno è risuscitato, è salito al cielo e siede alla destra del Padre" (dal Credo). Il Signore Gesù è salito al cielo. E' il compimento della sua missione, è la pienezza della sua gloria, cioè della sua bontà, della sua potenza, della sua grandezza. "Vado a prepararvi un posto perché vogl ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 05-06-2011)
Non guardare in cielo? ma davanti a te
Clicca qui per la vignetta della settimana Quale piccola incoerenza nelle letture di oggi... forse. Nel vangelo di Matteo, Gesù promette di rimanere per sempre con i suoi discepoli, fino alla fine del mondo, mentre negli Atti degli Apostoli, l'evangelista Luca (che scrive questo libro insieme al ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 05-06-2011)
Commento su Atti 1,11
Uomini di Galilea, perché state a guardare il cielo? Atti 1,11 Come vivere questa Parola? Quest'oggi, solennità dell'ascensione di Gesù, gli sguardi sono sollecitati a volgersi verso un cielo che sembra averci sottratto la sua presenza, proprio come riferiscono gli Atti degli apostoli circa i pri ...
(continua)
don Luigi Trapelli     (Omelia del 05-06-2011)
Andate e predicate il Vangelo
Il periodo della presenza di Gesù con i suoi discepoli termina con l'ascensione di Gesù al cielo, che precede di pochi giorni l'effusione dello Spirito Santo. Gesù sale al cielo per rendere i discepoli a loro volta liberi e responsabili di portare avanti il Suo messaggio. Gesù, però, sarà sempre vic ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 05-06-2011)
Video commento a Mt 28, 16-20
...
(continua)
padre Mimmo Castiglione     (Omelia del 05-06-2011)
Gravidi 40 giorni e passaggio di consegne ai ripetenti!
Eh sì! Salendo al cielo ci cammini innanzi. Guida! Anche da risorto, insegni. Mai ti stanchi di formare i tuoi. Continui a rimanere. Ti fai toccare e mangi con i tuoi. Il tempo necessario per convincere certezze. Apri le menti all'intelligenza per rileggere il passato. Ancor di più intimo ti fa ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 05-06-2011)
Commento su Mt 28,16-20
L'appuntamento è sul monte della Galilea, da dove tutto aveva preso inizio, predicazione e opere del Signore tra noi, e da dove tutto riparte fino agli estremi confini della terra, ma sempre con la presenza del risorto, tutti i giorni, fino alla fine. Dopo le donne, Gesù si fa incontro agli undic ...
(continua)
don Luca Orlando Russo     (Omelia del 05-06-2011)
Io sono con voi tutti i giorni
Siamo soliti titolare la solennità odierna "Ascensione del Signore" al cielo. Un'analisi dei testi che ci narrano dell'evento (Mc 16,19; Lc 24,51; At 1,2.9) fanno uso, però, di verbi ("fu assunto"; "fu portato"; "fu elevato") che hanno come soggetto Dio-Padre. Sarebbe, allora, più giusto parlare di ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 05-06-2011)
Solennità dell'Ascensione di Gesù al Cielo
In una manciata di 40 giorni - ben piccola cosa di fronte alla storia che conosce i tempi lunghi - si è come ripetuta la bellezza e la sofferenza della creazione, ma questa volta con un nome, che suona eternità: Resurrezione. E c'è voluta la Presenza e l'Opera di Dio, per compiere un miracolo del ge ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 05-06-2011)
Non guardare più il cielo
Luca negli Atti degli Apostoli ci dice che Gesù dopo la sua passione "si mostra vivo ai suoi discepoli con molte prove": la preoccupazione del Maestro, dopo la Resurrezione, è quella di dare ai suoi discepoli delle "prove" di quella che non era certo stata una cosa tranquilla, pacifica, facilmente c ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 05-06-2011)
Commento su Matteo 28, 16-20
Al racconto dell'Ascensione ci pervade sicuramente un senso di "abbandono". Gesù, che è stato Maestro, ma soprattutto guida per i discepoli si allontana da loro "lasciandoli" soli di fronte ai problemi del mondo. Ci vengono in mente i molti passaggi evangelici in cui i discepoli aspettano le indicaz ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 05-06-2011)
Sono con voi
Ogni anno, mentre mi preparo alla festa dell'Ascensione, ci sono degli interrogativi pungenti che vengono sempre a farmi visita. Anche oggi, mentre mi ritaglio del tempo per fermarmi un po' sulla Parola, eccoli puntuali... Come possiamo chiamare "festa" il giorno in cui il Signore se ne va? Perc ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 05-06-2011)
La perenne città
La celebrazione della Pasqua, memoriale della morte e risurrezione del Signore, è centrale nella fede cristiana, ragione per cui la si rinnova ogni sette giorni: questo è il senso primo della domenica. La Pasqua annuale non è diversa: è soltanto più solenne e articolata nei suoi successivi momenti, ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 05-06-2011)
Video commento a Mt 28,16-20
...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 05-06-2011)
Io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo
Nella festa della "Ascensione del Signore", seguendo il ciclo dell'anno liturgico di quest'anno, leggiamo la conclusione del Vangelo di Matteo (28,16-20). Proprio la lettura di questo testo nel quale non troviamo neppure il termine "Ascensione" ci stimola a comprenderne il significato con maggiore c ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 05-06-2011)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura delle Clarisse di Città della Pieve Oggi la Parola ci chiama ad un cammino di luce e di gloria, per farci "comprendere a quale speranza" siamo stati chiamati, siamo anzi continuamente chiamati, in quel ripetersi incessante del dinamismo pasquale nella nostra vita di ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 05-06-2011)

Oggi è una Domenica molto speciale per noi cristiani: festeggiamo la salita al Padre di Gesù Risorto! Pensate che, da bambina, alla parola Ascensione (termine che indica la festa odierna) io associavo il verbo scendere, e quindi non capivo come mai tutti continuavano a dire che Gesù saliva al cielo ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 05-06-2011)

Oggi celebriamo l'ascensione di Gesù al cielo, ma, più della partenza di Gesù, in questa festa è importante il mandato che ricevono i discepoli di creare la Chiesa; per questo Gesù se ne va, la sua è un'assenza voluta. Luca, negli Atti degli Apostoli, colloca l'ascensione a Gerusalemme. Matteo in G ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 05-06-2011)
Guardiamo in alto
L'Ascensione ci invita veramente ad alzare gli occhi. Così come ci è narrata da Luca, è tutta piena di segni celesti: la nube, gli Angeli, il cielo e Gesù che sale. E gli apostoli lo videro salire con i loro occhi perché - se alla Risurrezione era salito al cielo con l'anima e la divinità - ora vi s ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 05-06-2011)
Cristo ascende al cielo
"Esulti di santa gioia, la tua chiesa, o Padre per il mistero che celebra in questa liturgia di lode, poiché nel tuo figlio asceso al cielo la nostra umanità è innalzata accanto a te". Così ci fa pregare le liturgia in questo giorno solenne. Siamo sollecitati alla gioia, a dare lode a Dio perché Cri ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 05-06-2011)
Nel tempo della Chiesa...
San Matteo riferisce che Gesù disse agli undici discepoli: "andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo" (Mt 28,19). Queste parole fondano due eventi per l'umanità redenta. In primo luogo, il Messia afferma che la Chiesa viene d ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 05-06-2011)
Il mandato
Una strana festa, quella dell'ascensione, ammettiamolo. Come i discepoli, anche noi avremmo optato per un'altra soluzione: perché non immaginare uno staterello governato da Gesù in cui rifugiarsi da questo mondo infausto e rissoso? Gli apostoli, in effetti, sono tutti esaltati: ora che il grande sp ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 05-06-2011)
Video commento a Mt 28, 16-20
...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 05-06-2011)
Io sono con voi: andate!
Partiamo dalla fine Perché è tutto ha inizio dalla fine bellissima, dall'epilogo che epilogo non è. La storia non termina lì, perché proprio lì dove ti aspetteresti i titoli di coda inizia un mondo nuovo, una vita nuova. "Io sono con voi". Si certo lo sappiamo Gesù, però... Oggi non osiamo più ...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 05-06-2011)
Video commento su Matteo 28,16-20
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 05-06-2011)
Tempo di sapienza e di Rivelazione
Trascorsi i quaranta giorni di segni, prodigi e apparizioni, inizia il tempo della "sapienza e della rivelazione". Gesù infatti, pur restando vero Dio e vero Uomo, ritorna nella sfera di comunanza piena con il Padre, recuperando in pienezza la sua posizione di uguaglianza assoluta con Dio. Ascendere ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 05-06-2011)
Io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo
La presenza di Gesù nella vita dei suoi discepoli non è di uno che è con noi e che sta ad osservare la storia, confortando e sostenendo i suoi missionari, allo stesso modo che il contadino è presente quando il bue lavora e lo sprona con il pungolo perché perseveri nell'aratura della terra e tracci i ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 05-06-2011)
Video commento a Mt 28, 16-20
...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 05-06-2011)
Il meglio lo si dà quando non si è
Quando sale al cielo, ecco che il meglio scende sulla terra: una benedizione e una missione che dai suoi si espande all'universo intero. Ma proprio mentre non si è più insieme, ecco che appare il meglio, il succo e il concentrato di quello che avviene nella storia e attraverso il passaggio nella ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 04-05-2008)

Egli è con noi, fino alla pienezza dei tempi. Non se n'è andato, non ci ha lasciato soli, non è fuggito. È tornato al padre per restare, per insegnarci a diventare adulti, nell'umanità e nella fede. Oggi inizia il faticoso ed esaltante tempo della Chiesa! Oggi è la festa della presenza eterna di ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 04-05-2008)
Alla destra del Padre
L'Ascensione di Gesù ci invita a guardare in alto. Quest'anno poi, cade in un momento particolarmente propizio. Infatti in questi ultimi mesi non sentiamo altri inviti che quelli di guardare a destra o a sinistra; sollecitati a spron battuto a scegliere vari colori e a puntare verso una meta che nes ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 04-05-2008)
Video commento a Mt 28,16-20
...
(continua)
don Daniele Muraro     (Omelia del 04-05-2008)

I lbri dei quattro Vangeli sono i ricordi dei discepoli di Gesù messi per iscritto. Ad essi si aggiungono gli Atti degli Apostoli. San Luca, autore sia del terzo Vangelo che del libro degli Atti degli Apostoli, ci racconta per due volte l'episodio dell'Ascensione al cielo di Gesù. Infatti il suo Van ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 04-05-2008)
Perché guardare il cielo?
Celebriamo oggi la solennità dell'Ascensione di nostro Signore Gesù Cristo al cielo. E' la festa della speranza cristiana, è la festa della vera e definitiva meta di ogni credente, quel cielo ove Gesù si innalza per propria potenza, quel cielo che fissano i discepoli nel momento in cui Gesù Cristo l ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 04-05-2008)
Ascensione: festa della promessa
La prima cosa da fare celebrando la solennità dell'Ascensione di Gesù al Padre è sgomberare il campo (lo ripeto tutti gli anni), da un'impressione che a prima vista sarebbe anche giusto avere: quella di ritrovarci ad istituzionalizzare un'assenza: Gesù è salito al Padre e quindi è assente, non c'è p ...
(continua)
Monastero Janua Coeli     (Omelia del 04-05-2008)
Io sono con voi
In quel tempo. Undici discepoli. In Galilea, sul monte. In questo scenario in cui si torna alla vita quotidiana, sembra tutto scivolar via e perdersi. Ma Gesù non si allontana. Dice il Vangelo: Gesù, avvicinatosi... Quando riuscirà il Signore a fare a meno di noi? Noi tranquillamente ci muov ...
(continua)
padre Raniero Cantalamessa     (Omelia del 04-05-2008)
Non bisogna speculare sull'aldilà
Nella prima lettura, un angelo dice ai discepoli: "Uomini di Galilea, perché state a guardare il cielo? Questo Gesù, che è stato di tra voi assunto fino al cielo, tornerà un giorno allo stesso modo in cui l'avete visto andare in cielo". Questa è l'occasione per chiarirci una buona volta le idee su c ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 04-05-2008)
Cristo, pienezza e futuro di ogni cosa
«Uomini di Galilea, perché state a guardare il cielo?» È i­nutile inseguire quel volto, impossibile toccare quel cor­po. È finito il tempo degli in­contri e dei nomi, quando egli diceva: «Pietro!», «Maria!», «Tommaso!» e sulle sue labbra i nomi parevano bruciare; fi­nito il tempo del pane e del pe­s ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-05-2008)
Commento su Mt 28,20
Dalla Parola del giorno "Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo." Come vivere questa Parola? Così si conclude il vangelo di Matteo ed è come la riconsegna di tutto ciò che precede. Quel Gesù, di cui abbiamo percorso la storia, ascoltandone la Parola, ammirandone la gran ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 04-05-2008)
Non guardare il cielo... ma il mondo davanti a te
Clicca qui per la vignetta della settimana. Gesù quando è venuto nel mondo e dopo esser morto e risorto, ha fondato una nuova religione? Sembra una domanda un po´ assurda, lo so. Ma la risposta dipende forse da quale idea abbiamo in testa di religione. E´ forse per questo che molti rifiutano la ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 04-05-2008)

"Il terzo giorno è risuscitato, è salito al cielo e siede alla destra del Padre" (dal Credo). Il Signore Gesù è salito al cielo. E' il compimento della sua missione, è la pienezza della sua gloria, cioè della sua bontà, della sua potenza, della sua grandezza. "Vado a prepararvi un posto perché vog ...
(continua)
LaParrocchia.it     (Omelia del 04-05-2008)
Io sono con voi tutti i giorni
Mai come in questa domenica dell'anno liturgico occorre riprendere in mano il significato autentico della festa che stiamo per celebrare. Infatti l'Ascensione non è l'evento della salita al cielo di nostro Signore Gesù Cristo, ma è la continuazione della celebrazione della sua gloria, suggellata dal ...
(continua)
Antonio Pinizzotto     (Omelia del 04-05-2008)
"Mi sarete testimoni..."
La Liturgia odierna ci pone dinanzi ad un grande mistero della nostra fede, il mistero della gloriosa ascensione di Gesù al cielo, avvenuta secondo la tradizione sinottica 40 giorni dopo la risurrezione e, secondo l'evangelista Giovanni, nello stesso giorno della Pasqua. Oggi siamo invitati a vol ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 04-05-2008)
Gesù ascende al Cielo
Che Gesù, il Maestro, la grande Speranza che aveva attirato tanta gente nel suo breve viaggio tra la gente, avesse definitivamente spazzato via l'angoscia o il senso di fallimento di chi aveva accettato di seguirLo, facendo di Lui la sola Via, Verità e Vita, perché era RISORTO e, quindi, meraviglios ...
(continua)
don Ricciotti Saurino     (Omelia del 04-05-2008)
L?impasto
E' arrivato per Te, Gesù, il momento di separarti dai discepoli. Neppure la morte fisica è stata così lacerante quanto l'addio. La morte spezza un'esistenza, la separazione infrange i rapporti e questi tagli sono più dolorosi, perché i legami sono la vita... e poi, Tu sapevi che la tomba sarebbe sta ...
(continua)
mons. Ilvo Corniglia     (Omelia del 04-05-2008)

Nella festa dell'Ascensione la Chiesa celebra ancora la risurrezione di Gesù, ma nella sua dimensione più profonda. In che senso? Gesù è risorto, ha vinto la morte. Questa affermazione, che è il cuore dell'annuncio pasquale, potremmo intenderla in senso riduttivo o equivoco, pensando per es. che Ges ...
(continua)
padre Romeo Ballan     (Omelia del 04-05-2008)
Andate e fate discepoli tutti i popoli
Riflessioni L'Ascensione è una nuova epifania. Le letture bibliche e altri testi liturgici la presentano come una manifestazione gloriosa di Gesù Nella I lettura, appaiono la nube delle manifestazioni divine e uomini (angeli) in bianche vesti, ci sono ben quattro riferimenti al cielo in soli due ve ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 04-05-2008)
Commento Matteo 28,16-20
Introduzione. L'Ascensione del Signore: un pressante invito a fabbricare scale, ma anche impegno improrogabile per costruire ponti: Un autore di vita spirituale, Gustave Thibon ha scritto, che: < per unire gli uomini occorrono più scale, che ponti >. Io direi, è vero che occorrono più scale, ma p ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 04-05-2008)

Oggi la Chiesa ci invita a celebrare l'Ascensione del Signore: ma che cosa significa questa espressione? Vuol dire una cosa molto semplice: oggi ricordiamo il momento in cui Gesù saluta gli Apostoli per ritornare definitivamente dal Padre suo. Dopo la resurrezione, i discepoli hanno vissuto giorni ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 04-05-2008)
Io sono con voi tutti i giorni
A prima vista, l'Ascensione di Gesù al cielo è una di quelle celebrazioni che si capiscono subito, che non richiedono tante spiegazioni: quaranta giorni dopo essere risorto dai morti, Gesù ha concluso la sua presenza terrena salendo al cielo, sotto gli occhi degli undici apostoli. E invece, indagand ...
(continua)
don Stefano Varnavà     (Omelia del 04-05-2008)

L'Ascensione viene raccontata più da quelli che sono "venuti" dopo, che non da coloro che erano presenti. Un racconto lo abbiamo dagli Atti degli Apostoli; un altro racconto lo abbiamo in San Paolo, e poi in Matteo, che, anche se molto laconico, è però essenziale. Matteo si ferma su parole di ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 04-05-2008)

Gli Atti degli Apostoli ci descrivono l'ultima tappa delle apparizioni di Gesù dopo la sua morte e risurrezione: l'Ascensione è Gesù che sale al cielo ma per restare sempre con noi sotto forma di Spirito Santo. E' il momento fondamentale per noi cristiani: Gesù ci affida il compito di essere chiesa ...
(continua)
don Gianluca Peschiera (ragazzi)     (Omelia del 04-05-2008)
Chi si abbassa sarà innalzato
Gesù Risorto sale al cielo sotto lo sguardo dei suoi apostoli, poi nella nube scompare definitivamente alla loro vista e degli angeli invitano a non stare con il naso all'insù, ma a considerare qualcos'altro rispetto al guardare in alto. Sembra che, per entrare nel mistero della grande festa dell' ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 04-05-2008)
Sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo
L'Ascensione è la festa di Gesù Cristo, che si presenta al Padre nella sua natura umana, arricchita dei valori della salvezza, e con i meriti della fedeltà e dell'obbedienza. Anche la natura umana di Adamo era partita da Dio, ma non è riuscita da sola a ritornarvi. Grazie al sacrificio del Figlio de ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 04-05-2008)
Custoditi nel suo cuore
Oggi la chiesa celebra la festa dell'Ascensione. Dire ascensione è come dire Pasqua. Nei primi secoli Risurrezione, Ascensione e Pentecoste si celebravano nello stesso giorno. E' la stessa festa, lo stesso evento guardato da punti di vista diversi. E' la stessa montagna che noi guardiamo da prospett ...
(continua)
Suor Giuseppina Pisano o.p.     (Omelia del 04-05-2008)

L'Ascensione, compimento della Pasqua, ci parla della pienezza del mistero di Gesù, il Figlio di Dio, che, inviato dal Padre, ha assunto la nostra carne, vivendo nel tempo, come ogni altro uomo e condividendo, dell'uomo, anche quel momento estremo che è la morte; ora, in Lui risorto, la divinità del ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 04-05-2008)
Il domani è missionario
Straniti e sbigottiti gli apostoli fissano la volta celeste nella quale, a detta di Luca negli Atti degli Apostoli, Gesù viene avvolto per sottrarsi al loro sguardo definitivamente e il loro stupore si trasforma in sgomento misto a nostalgia, poiché comprendono che da questo momento in poi dovranno ...
(continua)
Il pane della domenica     (Omelia del 04-05-2008)
Non separiamo ciò che Dio ha unito
Mi è stato donato ogni potere in cielo e in terra Non è sempre facile, nella vita di ogni giorno, sentire che il Signore è presente con il dono del suo Spirito e ci accompagna e sostiene. La tentazione di scoraggiarsi, di lasciarsi andare al pessimismo e alla sfiducia e di venir così meno al nost ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 04-05-2008)

Nel momento in cui Gesù ascende al cielo, gli apostoli rimangono nella contemplazione di questo mistero. Nel brano parallelo degli Atti, gli angeli chiedono: "Perché state a guardare il cielo?". Questo significa che l'Ascensione ha una conseguenza immediata: l'annuncio della buona notizia su tutta l ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 08-05-2005)

Cosa è l'Ascensione che oggi celebriamo? Si sarebbe tentati di dire che il mistero dell'Ascensione riguarda in primo piano una separazione, quella di Gesù dai suoi discepoli, o una conclusione, quella della vita terrena di Gesù. In realtà, l'Ascensione di Gesù al cielo, non è niente di tutto questo ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 00-00-0000)
Io sono con voi
Vicini alla Pentecoste, celebriamo oggi la festa dell'Ascensione di Gesù. Vi devo confidare che nei giorni scorsi, mentre meditavo questo brano di Vangelo, c'era una cosa che proprio non mi andava giù: come possiamo chiamare "festa" il giorno in cui il Signore se ne va? Con i suoi discepoli le cose ...
(continua)
   > Translate this page (italian > english) with Google