LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 13 Gennaio 2013 <

Venerdì 11 Gennaio 2013

Sabato 12 Gennaio 2013

Domenica 13 Gennaio 2013

Lunedì 14 Gennaio 2013

Martedì 15 Gennaio 2013

Mercoledì 16 Gennaio 2013

Giovedì 17 Gennaio 2013

Venerdì 18 Gennaio 2013

Sabato 19 Gennaio 2013

Domenica 20 Gennaio 2013


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

  BATTESIMO DEL SIGNORE (ANNO C)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: FESTA
Colore liturgico: Bianco
CO010 ;

Lo Spirito Santo giunge ad attestare in modo solenne la divinità di Gesù nel momento in cui ha compiuto, come un uomo qualsiasi, il gesto penitenziale, essendosi sottoposto al battesimo di Giovanni. Durante la sua vita terrena, Gesù non si mostrerà mai tanto grande come nell’umiltà dei gesti e delle parole. Importante lezione questa, per noi che vediamo le cose in modo tanto diverso. Seguire Cristo significa intraprendere questo cammino di umiltà, cioè di verità. Cristo, vero Dio e vero uomo, ci insegna la verità del nostro essere.
Feriti dal peccato, purificati dal battesimo, noi oscilliamo fra i due estremi, entrambi attraenti, del male e della santità. E questo si vive nella quotidianeità più umile. Ad ogni passo possiamo scegliere Dio e il suo amore, o, viceversa, rifiutarlo.
Seguire le orme di Gesù, significa assicurarsi un cammino che, nonostante sia stretto e sassoso, conduce alla vita eterna, alla vera beatitudine.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Dopo il battesimo di Gesù si aprirono i cieli,
e come colomba
lo Spirito di Dio si fermò su di lui,
e la voce del Padre disse:
“Questo è il Figlio mio prediletto,
nel quale mi sono compiaciuto”. (cf. Mt 3,16-17)


Colletta
Padre onnipotente ed eterno,
che dopo il battesimo nel fiume Giordano
proclamasti il Cristo tuo diletto Figlio,
mentre discendeva su di lui lo Spirito Santo,
concedi ai tuoi figli, rinati dall’acqua e dallo Spirito,
di vivere sempre nel tuo amore.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

Oppure:
O Padre, il tuo unico Figlio
si è manifestato nella nostra carne mortale,
concedi a noi,
che lo abbiamo conosciuto come vero uomo,
di essere interiormente rinnovati a sua immagine.
Egli è Dio e vive e regna con te...

Oppure:
Padre d’immensa gloria,
tu hai consacrato con potenza di Spirito Santo
il tuo Verbo fatto uomo,
e lo hai stabilito luce del mondo
e alleanza di pace per tutti i popoli;
concedi a noi che oggi celebriamo
il mistero del suo battesimo nel Giordano,
di vivere come fedeli imitatori
del tuo Figlio prediletto,
in cui il tuo amore si compiace.
Egli è Dio, e vive e regna con te...

>

Prima lettura

Is 40,1-5.9-11
Si rivelerà la gloria del Signore e tutti gli uomini la vedranno.

Dal libro del profeta Isaìa

«Consolate, consolate il mio popolo –
dice il vostro Dio.
Parlate al cuore di Gerusalemme
e gridatele che la sua tribolazione è compiuta
la sua colpa è scontata,
perché ha ricevuto dalla mano del Signore
il doppio per tutti i suoi peccati».
Una voce grida:
«Nel deserto preparate la via al Signore,
spianate nella steppa la strada per il nostro Dio.
Ogni valle sia innalzata,
ogni monte e ogni colle siano abbassati;
il terreno accidentato si trasformi in piano
e quello scosceso in vallata.
Allora si rivelerà la gloria del Signore
e tutti gli uomini insieme la vedranno,
perché la bocca del Signore ha parlato».
Sali su un alto monte,
tu che annunci liete notizie a Sion!
Alza la tua voce con forza,
tu che annunci liete notizie a Gerusalemme.
Alza la voce, non temere;
annuncia alle città di Giuda: «Ecco il vostro Dio!
Ecco, il Signore Dio viene con potenza,
il suo braccio esercita il dominio.
Ecco, egli ha con sé il premio
e la sua ricompensa lo precede.
Come un pastore egli fa pascolare il gregge
e con il suo braccio lo raduna;
porta gli agnellini sul petto
e conduce dolcemente le pecore madri».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 103

Benedici il Signore, anima mia.

Sei tanto grande, Signore, mio Dio!
Sei rivestito di maestà e di splendore,
avvolto di luce come di un manto,
tu che distendi i cieli come una tenda.

Costruisci sulle acque le tue alte dimore,
fai delle nubi il tuo carro,
cammini sulle ali del vento,
fai dei venti i tuoi messaggeri
e dei fulmini i tuoi ministri.

Quante sono le tue opere, Signore!
Le hai fatte tutte con saggezza;
la terra è piena delle tue creature.
Ecco il mare spazioso e vasto:
là rettili e pesci senza numero,
animali piccoli e grandi.

Tutti da te aspettano
che tu dia loro cibo a tempo opportuno.
Tu lo provvedi, essi lo raccolgono;
apri la tua mano, si saziano di beni.

Nascondi il tuo volto: li assale il terrore;
togli loro il respiro: muoiono,
e ritornano nella loro polvere.
Mandi il tuo spirito, sono creati,
e rinnovi la faccia della terra.

>

Seconda lettura

Tt 2,11-14;3,4-7
Il Signore ci ha salvato con un’acqua che rigenera e rinnova nello Spirito Santo.

Dalla lettera di san Paolo apostolo a Tito

Figlio mio, è apparsa la grazia di Dio, che porta salvezza a tutti gli uomini e ci insegna a rinnegare l’empietà e i desideri mondani e a vivere in questo mondo con sobrietà, con giustizia e con pietà, nell’attesa della beata speranza e della manifestazione della gloria del nostro grande Dio e salvatore Gesù Cristo.
Egli ha dato se stesso per noi, per riscattarci da ogni iniquità e formare per sé un popolo puro che gli appartenga, pieno di zelo per le opere buone.
Ma quando apparvero la bontà di Dio, salvatore nostro,
e il suo amore per gli uomini,
egli ci ha salvati,
non per opere giuste da noi compiute,
ma per la sua misericordia,
con un’acqua che rigenera e rinnova nello Spirito Santo,
che Dio ha effuso su di noi in abbondanza
per mezzo di Gesù Cristo, salvatore nostro,
affinché, giustificati per la sua grazia,
diventassimo, nella speranza, eredi della vita eterna.

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Lc 3,16)
Alleluia, alleluia.
Viene colui che è più forte di me, disse Giovanni;
egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco.
Alleluia.

>

Vangelo

Lc 3,15-16.21-22
Mentre Gesù, ricevuto il battesimo, stava in preghiera, il cielo si aprì.


+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, poiché il popolo era in attesa e tutti, riguardo a Giovanni, si domandavano in cuor loro se non fosse lui il Cristo, Giovanni rispose a tutti dicendo: «Io vi battezzo con acqua; ma viene colui che è più forte di me, a cui non sono degno di slegare i lacci dei sandali. Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco».
Ed ecco, mentre tutto il popolo veniva battezzato e Gesù, ricevuto anche lui il battesimo, stava in preghiera, il cielo si aprì e discese sopra di lui lo Spirito Santo in forma corporea, come una colomba, e venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Chiediamo al Signore di essere, come Lui, capaci di essere nel mondo senza essere del mondo.
Preghiamo insieme e diciamo: Signore, facci partecipi del Tuo amore.

1. Perché ogni uomo si ricordi di essere pari ai suoi fratelli in quanto amato da Dio. Preghiamo.
2. Perché il male non ci vinca col disgusto, ma ci sproni all’azione. Preghiamo.
3. Perché, come Giovanni, sappiamo riconoscere i limiti della nostra testimonianza e lasciare spazio a te. Preghiamo.
4. Perché la Tua incarnazione santifichi definitivamente, attraverso le nostre scelte, la vita dell’uomo. Preghiamo.

O Padre, aiutaci a ricordare che nulla nel mondo dell’uomo è stato tanto spregevole da impedirti di mandarci il Tuo Figlio e che, col Tuo aiuto, tutto può essere trasformato. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Ricevi, o Padre, i doni che la Chiesa ti offre,
celebrando la manifestazione del Cristo
tuo diletto Figlio,
e trasformali per noi nel sacrificio perfetto,
che ha lavato il mondo da ogni colpa.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO
Consacrazione e missione di Gesù .

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno.
Nel battesimo di Cristo al Giordano
tu hai operato segni prodigiosi
per manifestare il mistero del nuovo lavacro:
dal cielo hai fatto udire la tua voce,
perché il mondo credesse
che il tuo Verbo era in mezzo a noi;
con lo Spirito che si posava su di lui come colomba
hai consacrato il tuo Servo
con unzione sacerdotale, profetica e regale,
perché gli uomini riconoscessero in lui il Messia,
inviato a portare ai poveri il lieto annunzio.
E noi, uniti alle potenze dei cieli,
con voce incessante proclamiamo la tua lode: Santo...


Antifona di comunione
Questa è la testimonianza di Giovanni:
“Io l’ho visto, e ho attestato
che egli è il Figlio di Dio”. (Gv 1,32.34)

Oppure:
Giovanni disse: “Io ho bisogno d’essere battezzato
da te e tu vieni da me?”. “Lascia fare per ora”
gli rispose Gesù,
“poiché conviene che così adempiamo ogni giustizia”. (Mt 3,14-15)


Preghiera dopo la comunione
Dio misericordioso, che ci hai nutriti alla tua mensa,
concedi a noi tuoi fedeli
di ascoltare come discepoli il tuo Cristo,
per chiamarci ed essere realmente tuoi figli.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Wilma Chasseur     (Omelia del 13-01-2013)
Audio commento a Lc 3,15-16.21-22
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 13-01-2013)
Mentre Gesù, ricevuto il battesimo, stava in preghiera, il cielo si aprì
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 13-01-2013)
Battesimo: immersione nel mondo
Clicca qui per la vignetta della settimana. Battesimo significa letteralmente "immersione". Ed è quello che Gesù compie dal momento in cui decide di scendere nel mondo: si immerge completamente nella realtà degli uomini, vivendone le contraddizioni, i drammi, le domande, le gioie e i dolori e pe ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 13-01-2013)
In fila con i peccatori
Diverse volte ho avuto la fortuna di viverlo sulla pelle e in molte occasioni ho raccolto racconti, storie, esperienze che mi hanno confermato che davvero Dio si lascia incontrare nei luoghi e nelle occasioni più impensabili. Anzi: proprio dove uno mai si aspetterebbe di trovarlo, lì avviene l'incon ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 13-01-2013)
Gesù al battesimo del Giordano: Ecco il nostro Dio!
Con la festa del Battesimo di Gesù continua il ciclo delle manifestazioni del Signore, che è iniziato a Natale con la nascita a Betlemme del Verbo incarnato, contemplato da Maria, Giuseppe e i pastori nell'umiltà del presepe, e che ha avuto una tappa importante nell'Epifania, quando il Messia, attra ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 13-01-2013)
Commento su Luca 3,15-16.21-22
"Il cielo si aprì e venne una voce: tu sei il Figlio mio, l'amato" (Lc 3,22). Le parole che san Luca riporta nel vangelo ci fanno comprendere che il battesimo del Signore è il segno con il quale Dio ribadisce il Suo amore per noi. Il Creatore, infatti, incarnandosi ha mostrato all'umanità che può im ...
(continua)
mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 13-01-2013)
La porta della fede non è mai chiusa
Costruisci sulle acque le tue alte dimore... Dio costruisce sulle acque del battesimo la nostra vita perché diventi dimora alta ed altra. La Porta della Fede si è aperta nel giorno delle nostre acque, quando è apparsa la Grazia di Dio e siamo stati abilitati a vivere con sobrietà, con giustizia e c ...
(continua)
Eremo San Biagio     (Omelia del 13-01-2013)
Commento su Luca 3,22
Tu sei il figlio mio, l'amato Lc 3,22 Come vivere questa Parola? In questa festa che fa da cerniera tra il ciclo natalizio e il tempo ordinario, non è male soffermarsi su questa espressione di Luca, che, da un lato ripropone il motivo che ha spinto il Figlio di Dio a condividere la nostra condizi ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 13-01-2013)
Come te nessun altro
Il vangelo di oggi ci presenta il Battesimo di Gesù. Gesù certamente è stato battezzato dal Battista. Per i primi cristiani questo era un episodio imbarazzante e scomodo ma innegabile. Se avessero potuto toglierlo lo avrebbero fatto volentieri; è che era così (la realtà)! Tanto è vero che i vangeli, ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 13-01-2013)
Se lo Spirito incendia il legno secco del nostro cuore
Viene dopo di me colui che è più forte di me e vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco, vi immergerà nel vento e nel fuoco di Dio. Bella definizione del cristiano: Tu sei 'uno immerso' nel vento e nel fuoco, ricco di vento e di fuoco, di libertà e calore, di energia e luce, ricco di Dio. Il fuoco è ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 13-01-2013)
Video Commento a Lc 3,15-16.21-22
You need to install or upgrade Flash Player to view this content, install or upgrade by clicking here. ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 13-01-2013)
Una storia continua
Tutti Luca, in questo brano, usa un termine assoluto: tutti. Come fatto è certamente improbabile, specie quando afferma "tutto il popolo", per questo occorre ricercarne il significato profondo. Giovanni, ultimo profeta, conclude l'esperienza della antica alleanza, introducendo la nuova. Dal battesi ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 13-01-2013)
La commozione della zia: quel giorno non capì granché
Con l'anima bruciata dal desiderio del Regno. Triste sorte la sua all'inizio: arrivato troppo tardi per far carriera tra i profeti e arrivato troppo presto per far carriera tra gli apostoli, il Battista - ultima speranza di un popolo disperato - appariva ai loro occhi quasi il Messia: "e tutti, rigu ...
(continua)
don Luca Orlando Russo     (Omelia del 13-01-2013)
Tu sei il Figlio mio, l'amato
La parola e la condotta di vita del Battista non lasciano di certo indifferenti quanti gli si accostano e la sua fama deve essere davvero grande. Lo stesso Gesù apprezza e stima l'opera di Giovanni. Gesù, che ha imparato negli anni di Nazareth ad ascoltare e conoscere Dio, si reca volentieri sulle r ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 13-01-2013)
Festa del Battesimo di Gesù
È bello ogni tanto frugare nei propri ricordi e trovare una memoria che forse oggi è stata cancellata, portandosi via i grandi valori ed i perché che conteneva. Piaceva a mia mamma raccontarmi la storia del mio battesimo. Lei era fermamente convinta che ogni figlio è una grande benedizioni di Dio. S ...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 13-01-2013)
Battesimo di Gesù: bagno di umiltà e sobrietà
Quante volte, spesso inconsapevolmente, ci affidiamo ad una persona di particolare carisma, o ci votiamo ad un santo che reputiamo più vicino degli altri alle nostre esigenze, per vedere esaudite le nostre richieste di aiuto?! Questo approccio alla fede alimenta il sospetto che molte persone si acc ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 13-01-2013)
Commento su Lc 3,15-16.21-22
Bellissima festa quella del Battesimo del Signore. Per il suo significato teologico e perché il Battesimo di Gesù rimanda al nostro Battesimo, che trasforma la nostra povera vita di uomini in autentici figli di Dio. Per questo oggi, nella liturgia orientale, si battezzano i catecumeni. Tutto il V ...
(continua)
Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 13-01-2013)
Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco
I primi due capitoli del vangelo di Luca hanno tradizioni proprie del terzo evangelista; invece, a partire dal cap.3°, il redattore segue lo stesso schema narrativo di Marco e Matteo, che poneva l'inizio del ministero di Gesù a partire dal battesimo di Giovanni nel Giordano. Dunque la prima immagine ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 13-01-2013)
Video commento a Lc 3,15-16.21-22
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 13-01-2013)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura delle Clarisse di Città della Pieve Si conclude oggi il tempo di Natale, tempo di festa solenne, in cui la Chiesa si riveste di luce e di gioia per la nascita di Gesù, in cui i ritmi di vita ordinaria vengono sospesi, o almeno modificati, per dar modo e tempo a tutt ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 13-01-2013)

Voglio iniziare la riflessione sul vangelo di oggi, festa del Battesimo di Gesù, parlando dell'acqua. Sapete bene tutti quanto importante sia l'acqua per la nostra vita. L'acqua disseta, rinfresca, purifica, dà vita... il nostro corpo stesso è formato per circa il 70 per cento di acqua. Se non ci f ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 13-01-2013)
Video commento a Lc 3, 15-16.21-22
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 13-01-2013)
Video commento a Lc 3, 15-16.21-22
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 13-01-2013)
Spirito e fuoco
Picchia forte il sole del deserto. L'aspro panorama lunare declina nei canneti vicini alla riva del Giordano. Giovanni alza gli occhi: centinaia di persone attendono il loro turno. Alcuni pregano, altri parlano sottovoce, altri ancora, in silenzio, piangono. Attendono, ci spiega Luca. Giovanni è ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 13-01-2013)
Video commento a Lc 3, 15-16.21-22
...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 13-01-2013)
Scese su di Lui lo Spirito Santo
Nella domenica dopo l'Epifania celebriamo il Battesimo del Signore: la Liturgia continua a farci vivere il mistero dell'incarnazione, a penetrarne i significati, a farcene gustare la pienezza e la bellezza, perché la nostra umanità sia resa partecipe della vita nuova del Figlio di Dio. Il brano del ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 13-01-2013)
Un evento, un giorno sulle rive del Giordano
"Il popolo era in attesa e tutti, riguardo a Giovanni, si domandavano in cuor loro se non fosse lui il Cristo". Esordisce così il vangelo odierno (Luca 3,15-16.21-22), accennando all'attesa del Messia (detto alla greca, il Cristo) che da lungo tempo teneva in fibrillazione il popolo d'Israele; quand ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 13-01-2013)
Liberazione e gioia
Isaia annuncia il riscatto e la liberazione del popolo d'Israele dall'oppressione dei Babilonesi. Ma la promessa è rivolta a chiunque attende liberazione, non tuttavia nel senso che intenda liberarsi egli stesso, ma che aspetta qualcuno che venga a liberarlo. Nella Bibbia il liberatore dall'oppressi ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 13-01-2013)
Ruminare i Salmi - Salmo 104,30 (Battesimo del Signore, anno C)
Salmo 104 (Vulgata/liturgia 103), 30 CEI: Mandi il tuo spirito, sono creati, e rinnovi la faccia della terra. TILC: Mandi il tuo soffio di vita e sono ricreati, così rinnovi la faccia della terra. NV: Emittes spiritum tuum, et creabuntur, et renovabis faciem terrae. Tito 3,5-7: Dio ci ha salva ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 13-01-2013)
Tu sei il mio figlio prediletto, in te mi sono compiaciuto
Quando nasciamo la gioia dei nostri genitori è al settimo cielo, si sentono felici per aver dato alla luce un bambino, un figlio nel quale compiacersi, ritrovare sé stessi, riporre le proprie speranze. Anche Dio si compiace di questa nuova creatura che è Suo figlio ancor prima che nostro. Ha grandi ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 13-01-2013)
Commento su Isaia 40,1-5:9-11; Salmi 103 (104); Tito 2,11-14; 3,4-7; Luca 3,15-16; 21-22
Poiché il popolo era in attesa e tutti, riguardo a Giovanni, si domandavano in cuor loro se non fosse lui il Cristo, Giovanni rispose a tutti dicendo: «Io vi battezzo con acqua; ma viene colui che è più forte di me, a cui non sono degno di slegare i lacci dei sandali. Egli vi battezzerà in Spirito S ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 13-01-2013)
Video commento su Lc 3,15-16.21-22
...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 13-01-2013)
Tu sei il Figlio mio, l'amato: in te ho posto il mio compiacimento
Oggi Gesù viene consacrato Messia del Signore, suo Unto. Per Lui il Signore non usa l'olio di oliva come si usava per i sacerdoti e i re dell'antica alleanza. Per Lui vi è un olio divino, eterno, soprannaturale. Gesù viene unto, avvolto, impregnato di Spirito Santo, che si posa su di Lui sotto forma ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 10-01-2010)
Audio commento a Lc 3,15-16.21-22
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 10-01-2010)
Battesimo di fuoco
Siamo ancora sempre nella visione dei cieli aperti. Domenica scorsa avevamo visto lo Spirito scendere come una colomba su Gesù, ma l'avvenimento era stato presentato da Matteo, come un'esperienza personale di Gesù, come se l'avesse visto solo Lui, senza che la folla si accorgesse di nulla. Era un f ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 10-01-2010)
Il Battesimo dello Spirito
Cos'è il Battesimo dello Spirito? E' quando sappiamo mettere sott'acqua tutto il resto. Ogni altro valore umano, sociale, ecclesiale, religioso, personale,... Altrimenti, rimaniamo ancorati al Battesimo di acqua, e non operiamo il passaggio(Pasqua) a quello appunto dello Spirito Santo, cioè d ...
(continua)
don Romeo Maggioni     (Omelia del 10-01-2010)
Egli vi battezzerà in Spirito Santo
Il ministero pubblico di Gesù inizia con la sua consacrazione come Messia: in una teofania trinitaria, quel Gesù venuto da Nazaret è proclamato dal Padre "Figlio mio, l'amato", mentre lo Spirito Santo discende su di lui "come una colomba" quasi ad annunciare una nuova creazione che con lui incominci ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 10-01-2010)
Video commento a Lc 3,15-16.21-22
...
(continua)
Monastero Janua Coeli     (Omelia del 10-01-2010)
Tu sei l'amato
In te ho posto il mio compiacimento. Essere amato. Lasciarsi amare è quanto di più arduo l'uomo possa "fare". Siamo sempre tutti presi dal fare ... Se fai così, tutti sono contenti di te. Non fare così, se no poi Dio non è contento. Fare, fare, fare ... Gesù viene per dirti: Fa' come me. Impara a "s ...
(continua)
Eremo San Biagio     (Omelia del 10-01-2010)

Dalla Parola del giorno Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco. Come vivere questa Parola? Ecco: termina oggi il periodo natalizio. Questa festa del Battesimo di Gesù ci spalanca gli orizzonti dell'inizio della sua vita pubblica. Qui è l'incontro del precursore con il Messia ed è anche l' ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 10-01-2010)
Gesù, l'Innocente che si fa "peccato" per noi
Celebriamo oggi la Festa del Battesimo di Gesù al Giordano. Una festa che in continuità con l'Epifania, non fa altro che confermare la missione di Cristo tra gli uomini: quella della salvezza e della redenzione. Il battesimo di penitenza e non di remissione dai peccati che Giovanni amministra a quan ...
(continua)
LaParrocchia.it     (Omelia del 10-01-2010)
Vivere da Figli
In questa domenica la nostra attenzione si sposta sulle rive del fiume Giordano laddove c'è Giovanni il Battista che pratica il battesimo con l'acqua. Ma l'evangelista Luca ci informa che il tempo del Battista è quasi compiuto e che sta per entrare sulla scena del mondo Colui che battezza in Spirito ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 10-01-2010)
Il battesimo di Gesù
Il battesimo di Cristo è la manifestazione visibile della sua missione nel mondo. Il Padre proclama il suo amore per Lui. Lo Spirito Santo lo illumina della sua luce: Gesù "immerso" nell'acqua da Giovanni, ci 2Immergerà" con la sua morte e resurrezione nella vita eterna. La liturgia presenta il batt ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 10-01-2010)
Un mondo perfetto è stato creato...
Giovanni Battista era il profeta del tempo: predicava e il popolo lo seguiva. Il popolo si chiedeva addirittura se non fosse proprio lui il Messia, il Cristo, l'Aspettato da sempre. Sentendolo parlare in maniera così decisa e incisiva: "Convertitevi perché la fine è vicina!"; vedendolo così determin ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 10-01-2010)
Anche noi figli di Dio!
"Venne fra la sua gente, ma i suoi non l'hanno accolto. A quanti però l'hanno accolto, ha dato potere di diventare figli di Dio". Nel tempo di Natale abbiamo ascoltato ripetutamente queste parole tratte dal Prologo del Vangelo di Giovanni. Siamo diventati in Cristo Figli di Dio per questo possiamo r ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 10-01-2010)
La voce e la colomba
Poche settimane fa la liturgia ci ha fatto meditare sulla famiglia di Nazareth. Ci siamo lasciati stupire dal silenzio di quei trent'anni, dalla quotidiana normalità, dal lavoro in bottega, dal silenzio dei Vangeli sulla casa di Giuseppe e Maria. Insomma: Gesù ha avuto trent'anni di silenzio e di i ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 10-01-2010)
Il battesimo, rinascere a vita nuova
Credo di non dire nulla di nuovo, che non si sappia, affermando che con il Battesimo noi 'nasciamo una seconda voltà. La prima quando mamma ci ha partoriti; la seconda quando siamo stati rigenerati nel Battesimo, ammessi alla vita divina. Ed è cambiato tutto. Ricordiamo brevemente la nostra storia. ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 10-01-2010)
Video commento alle letture (Vangelo: Lc 3,15-16.21-22)
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 10-01-2010)
Amati
Lasciati alle spalle i giorni di Natale, intensi e caotici, brevi e stordenti, passiamo quasi improvvisamente al Battesimo di Gesù, iniziando il tempo ordinario. Lo so, lo so: non sono certo io che cambierò l'anno liturgico ma, come già espresso da altre parti, non mi dispiacerebbe aggiungere qualc ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 10-01-2010)
Dal cielo aperto scese la vita di Dio
Al centro del brano non è posto il bat­tesimo di Gesù, rac­contato quasi come un inciso, ma l'aprirsi del cielo: «Gesù, ricevuto il battesi­mo, stava in preghiera ed ecco il cielo si aprì». Come si apre una breccia nelle mura, come quando si aprono le braccia agli amici, all'amato, ai figli, ai pove ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 10-01-2010)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di don Pino Pulcinelli * Siamo ancora all'inizio dell'anno, magari in molti abbiamo un'agendina su cui scrivere gli impegni, le date importanti, i compleanni delle persone care (se siamo un po' smemorati è meglio fare così che correre il rischio di dimenticare l'an ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 10-01-2010)

Con la liturgia di oggi concludiamo il Tempo dopo Natale ed infatti la Parola di Dio che abbiamo ascoltata, ci mostra un Gesù ormai cresciuto: non è più un bambino e neppure un adolescente; è un uomo adulto, pronto ad iniziare la sua missione di annuncio della Bella Notizia. Questo passaggio dalla ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 10-01-2010)
Trent'anni di silenzio
La festa dell'Epifania, appena celebrata, ricorda come il Figlio di Dio sia entrato nel mondo non per starsene nascosto, ma anzi proprio per farsi conoscere: "Epifania" che significa appunto "manifestazione". Si usa leggere, in quella festa, il passo evangelico dei Magi, in cui si racconta una, solo ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 10-01-2010)
Video commento a Lc 3,15-16.21-22
...
(continua)
padre Lino Pedron     (Omelia del 10-01-2010)

Dopo l'ascolto della predicazione del Battista, si parla del popolo ben disposto che è in attesa. La funzione del Battista è quella di mantenere l'attesa al di sopra della semplice speranza umana. Giovanni spiega che lui non innalza l'uomo a Dio. Semplicemente l'immerge nella sua verità, nell'acqua ...
(continua)
don Valentino Porcile     (Omelia del 10-01-2010)
Video commento a Lc 3,15-16.21-22
...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 10-01-2010)

Dopo tre decenni di silenzio a Nazareth, il Battesimo di Gesù segna l'inizio della sua vita pubblica; si inaugura la sua missione salvifica con il gesto di mescolarsi ai peccatori che vanno a farsi battezzare da Giovanni Battista al fiume Giordano. Il tre volte Santo si unisce ai peccatori. Lui che ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 10-01-2010)
Tu sei il mio Figlio, l'amato: in te ho posto tutta la mia gioia
La domenica del Battesimo del Signore completa la celebrazione dell'Epifania: l'Epifania, la "manifestazione" più piena del mistero di Gesù avviene proprio quando egli scende al livello più basso della condivisione con l'umanità e il Padre proclama davanti al mondo che quello è il suo Figlio; propri ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 10-01-2010)
Commento Luca 3,15-16.21-22
E' bellissima l'esperienza che fa Gesù, sentendosi chiamare da Dio stesso "figlio amato" e quindi benedetto. Gesù è sul Giordano, ascolta Giovanni Battista e prega. Come prega Gesù? A chi pensa? Di chi si preoccupa? Come un padre e una madre si preoccupano per il figlio, cosi il Signore si pre ...
(continua)
Suor Giuseppina Pisano o.p.     (Omelia del 10-01-2010)
Ecco il nostro Dio!
Dopo la solennità dell'Epifania, la grande rivelazione del Figlio di Dio a tutte le genti nella simbolica immagine dei tre Re venuti dall'Oriente, oggi la liturgia celebra un'altra teofania: il riconoscimento del Cristo, quale Figlio unigenito, per la voce stessa del Padre, che avviene nelle acque d ...
(continua)
Il pane della domenica     (Omelia del 10-01-2010)
Ciò che Dio è e fa per noi
Mentre Gesù, ricevuto il battesimo, stava in preghiera, il cielo si aprì Il racconto del battesimo di Gesù tocca una domanda cruciale della nostra fede, dopo che generazioni di cristiani si sono immersi nel fiume tumultuoso della storia, ricevendo lo stesso "lavacro di rinnovamento nello Spirito" ...
(continua)
don Ezio Stermieri     (Omelia del 07-01-2007)
L'attesa del mondo
Il vivere cristiano è vivere Gesù Cristo. Così il suo Natale è "grazie" per il dono della vita e ancor più della vita nuova in Lui. I suoi trent'anni a Nazareth sono vissuti dal cristiano nella consapevolezza dell'importanza di tutto quanto prepara alla vita adulta con le sue responsabilità, fecondi ...
(continua)
don Daniele Muraro     (Omelia del 07-01-2007)

Il commento segue lo schema predisposto dall'autore per ogni anno liturgico, che potete trovare cliccando qui. La solennità del Battesimo di Gesù conclude le feste di Natale e ci introduce nel tempo ordinario. L'episodio del Battesimo di Gesù è legato per vari aspetti alla celebrazione del Nata ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 00-00-0000)
Commento su Luca 3,15-16.21-22
Lectio Contesto All'episodio del battesimo di Gesù il vangelo di Luca dedica solo due versetti, così la liturgia per il brano odierno li fa precedere da una ripresa del discorso di Giovanni il Precursore sul battesimo in Spirito santo. Siamo nel capitolo terzo, che subito dopo il nostro testo rip ...
(continua)
   > Translate this page (italian > english) with Google