LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 26 Agosto 2012 <

Venerdì 24 Agosto 2012

Sabato 25 Agosto 2012

Domenica 26 Agosto 2012

Lunedì 27 Agosto 2012

Martedì 28 Agosto 2012

Mercoledì 29 Agosto 2012

Giovedì 30 Agosto 2012

Venerdì 31 Agosto 2012

Sabato 1 Settembre 2012

Domenica 2 Settembre 2012


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  XXI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO B)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Verde
BO210 ;

Non è facile credere nel nostro mondo d’oggi.
La verità che ci è rivelata da Dio in Gesù Cristo, agli uomini e alle donne del nostro tempo appare spesso un “discorso insostenibile”, a cui non si può chiedere a nessuno dei nostri sapienti contemporanei di credere. Così è, per esempio, per la dottrina della presenza reale del corpo e del sangue del Signore nella santa Eucaristia. Essa sembra essere una sfida al buon senso, alla ragione, alla scienza. Noi diciamo: “Vedere per credere”, esattamente quello che disse san Tommaso: “Se non vedo... e non metto la mia mano, non crederò”. Gesù ci ricorda che il corpo di cui parla è il suo corpo risorto e salito al cielo, liberatosi, nella risurrezione, dai limiti dello spazio e del tempo, riempito e trasformato dallo Spirito Santo. Questo corpo non è meno reale del suo corpo in carne ed ossa, anzi lo è di più. Questo corpo risorto può essere toccato e afferrato personalmente da ogni uomo e donna di ogni tempo e luogo, perché lo Spirito si estende, potente, da un’estremità all’altra.
In Gesù Cristo e tramite Gesù Cristo, credere significa vedere e toccare: un modo di vedere più profondo, più vero e più sicuro di quello degli occhi; un modo di toccare più in profondità e un modo di afferrare con una stretta più salda di quanto si possa fare con le mani. Credere significa vedere la realtà al di là del visibile; significa toccare la verità eterna.
In questa fede e grazie ad essa, possiamo dire con Pietro; “Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna”.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Tendi l’orecchio, Signore, rispondimi:
mio Dio, salva il tuo servo che confida in te:
abbi pietà di me, Signore;
tutto il giorno a te io levo il mio grido. (Sal 86,1-3)


Colletta
O Dio, che unisci in un solo volere le menti dei fedeli,
concedi al tuo popolo di amare ciò che comandi
e desiderare ciò che prometti,
perché fra le vicende del mondo
là siano fissi i nostri cuori dove è la vera gioia.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

Oppure:
O Dio nostra salvezza,
che in Cristo tua parola eterna
ci dai la rivelazione piena del tuo amore,
guida con la luce dello Spirito
questa santa assemblea del tuo popolo,
perché nessuna parola umana ci allontani da te
unica fonte di verità e di vita.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Gs 24,1-2.15-17.18
Serviremo il Signore, perché egli è il nostro Dio.

Dal libro di Giosuè

In quei giorni, Giosuè radunò tutte le tribù d’Israele a Sichem e convocò gli anziani d’Israele, i capi, i giudici e gli scribi, ed essi si presentarono davanti a Dio.
Giosuè disse a tutto il popolo: «Se sembra male ai vostri occhi servire il Signore, sceglietevi oggi chi servire: se gli dèi che i vostri padri hanno servito oltre il Fiume oppure gli dèi degli Amorrèi, nel cui territorio abitate. Quanto a me e alla mia casa, serviremo il Signore».
Il popolo rispose: «Lontano da noi abbandonare il Signore per servire altri dèi! Poiché è il Signore, nostro Dio, che ha fatto salire noi e i padri nostri dalla terra d’Egitto, dalla condizione servile; egli ha compiuto quei grandi segni dinanzi ai nostri occhi e ci ha custodito per tutto il cammino che abbiamo percorso e in mezzo a tutti i popoli fra i quali siamo passati. Perciò anche noi serviremo il Signore, perché egli è il nostro Dio».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 33

Gustate e vedete com’è buono il Signore.

Benedirò il Signore in ogni tempo,
sulla mia bocca sempre la sua lode.
Io mi glorio nel Signore:
i poveri ascoltino e si rallegrino.

Gli occhi del Signore sui giusti,
i suoi orecchi al loro grido di aiuto.
Il volto del Signore contro i malfattori,
per eliminarne dalla terra il ricordo.

Gridano e il Signore li ascolta,
li libera da tutte le loro angosce.
Il Signore è vicino a chi ha il cuore spezzato,
egli salva gli spiriti affranti.

Molti sono i mali del giusto,
ma da tutti lo libera il Signore.
Custodisce tutte le sue ossa:
neppure uno sarà spezzato.

Il male fa morire il malvagio
e chi odia il giusto sarà condannato.
Il Signore riscatta la vita dei suoi servi;
non sarà condannato chi in lui si rifugia.

>

Seconda lettura

Ef 5,21-32
Questo mistero è grande: lo dico in riferimento a Cristo e alla Chiesa.

Dalla lettera di san Paolo apostolo agli Efesìni

Fratelli, nel timore di Cristo, siate sottomessi gli uni agli altri: le mogli lo siano ai loro mariti, come al Signore; il marito infatti è capo della moglie, così come Cristo è capo della Chiesa, lui che è salvatore del corpo. E come la Chiesa è sottomessa a Cristo, così anche le mogli lo siano ai loro mariti in tutto.
E voi, mariti, amate le vostre mogli, come anche Cristo ha amato la Chiesa e ha dato se stesso per lei, per renderla santa, purificandola con il lavacro dell’acqua mediante la parola, e per presentare a se stesso la Chiesa tutta gloriosa, senza macchia né ruga o alcunché di simile, ma santa e immacolata. Così anche i mariti hanno il dovere di amare le mogli come il proprio corpo: chi ama la propria moglie, ama se stesso. Nessuno infatti ha mai odiato la propria carne, anzi la nutre e la cura, come anche Cristo fa con la Chiesa, poiché siamo membra del suo corpo.
Per questo l’uomo lascerà il padre e la madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una sola carne.
Questo mistero è grande: io lo dico in riferimento a Cristo e alla Chiesa!

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Gv 6,63.68)
Alleluia, alleluia.
Le tue parole, Signore, sono spirito e vita;
tu hai parole di vita eterna.
Alleluia.

>

Vangelo

Gv 6,60-69
Da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, molti dei discepoli di Gesù, dopo aver ascoltato, dissero: «Questa parola è dura! Chi può ascoltarla?».
Gesù, sapendo dentro di sé che i suoi discepoli mormoravano riguardo a questo, disse loro: «Questo vi scandalizza? E se vedeste il Figlio dell’uomo salire là dov’era prima? È lo Spirito che dà la vita, la carne non giova a nulla; le parole che io vi ho detto sono spirito e sono vita. Ma tra voi vi sono alcuni che non credono».
Gesù infatti sapeva fin da principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito. E diceva: «Per questo vi ho detto che nessuno può venire a me, se non gli è concesso dal Padre».
Da quel momento molti dei suoi discepoli tornarono indietro e non andavano più con lui.
Disse allora Gesù ai Dodici: «Volete andarvene anche voi?». Gli rispose Simon Pietro: «Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Celebrare l'Eucaristia significa dire come Pietro: “Tu, Signore, hai parole di vita eterna”. Nella fede riconosciamo il dono della salvezza offerto sull'altare, in attesa della sua venuta. Preghiamo il Padre perché renda forte la nostra fede, preghiamo insieme e diciamo: Ascoltaci, o Signore.

1. Per il Papa, i vescovi e i ministri della Chiesa: aiutino i cristiani a conoscere sempre meglio la Parola di Gesù, a interiorizzarla, perché si traduca in gesti concreti nella vita di ogni giorno, preghiamo.
2. Per i non credenti, per quanti fanno propria una religione vuota e superficiale: siano guidati nella scoperta della bellezza della fede cristiana, preghiamo.
3. Per gli sposi: vivano nell'unità e nell'amore e siano segno dell'amore di Cristo per la sua Chiesa, preghiamo.
4. Per la nostra comunità cristiana: viva nella piena fiducia in Gesù che ci parla, ci interpella, ci nutre e ci ama, preghiamo.

O Padre, salva il tuo popolo che pone in te la sua fiducia, e abbi pietà di noi, quando la nostra debolezza esita di fronte ai tuoi inviti e ai tuoi comandi. Per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
O Padre, che ti sei acquistato una moltitudine di figli
con l’unico e perfetto sacrificio del Cristo,
concedi sempre alla tua Chiesa
il dono dell’unità e della pace.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Con il frutto delle tue opere sazi la terra, o Signore,
e trai dai campi il pane e il vino che allietano il cuore dell’uomo.(Sal 104,13-15)

Oppure:
Dice il Signore: “Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna,
e io lo risusciterò nell’ultimo giorno”.(Gv 6,55)

Oppure:
Signore, da chi andremo?
Tu hai parole di vita eterna. (Gv 6,68)


Preghiera dopo la comunione
Porta a compimento, Signore,
l’opera redentrice della tua misericordia
e perché possiamo conformarci in tutto alla tua volontà,
rendici forti e generosi nel tuo amore.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

don Giovanni Berti     (Omelia del 26-08-2018)
Gesù Tra Fallimento E Libertà
Clicca qui per la vignetta della settimana. Stavolta non le folle, distratte e facilmente manipolabili (allora come oggi), non i capi religiosi, che sono li non per imparare ma per combattere Gesù, ma sono proprio i discepoli, quelli più vicini al Maestro a mormorare contro Gesù e alla fine a las ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 26-08-2018)
Video commento a Gv 6,60-69
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 26-08-2018)
Video commento a Gv 6,60-69
...
(continua)
Luca Rubin     (Omelia del 26-08-2018)
Noi abbiamo creduto e conosciuto
In quel tempo, molti dei discepoli di Gesù, dopo aver ascoltato, dissero: «Questa parola è dura! Chi può ascoltarla?». Dopo l'iniziale mormorio, seguono le aspre discussioni, ora chi ascolta Gesù arriva al nocciolo della questione, e giunge a confessare che: ?Questa parola è dura?. E hanno proprio r ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 26-08-2018)
Audio commento al Vangelo del 26 agosto
...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 26-08-2018)
Commento su Giovanni 6,60-69
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 26-08-2018)

Gesù ha concluso il discorso sul pane disceso dal cielo. ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 26-08-2018)
Una fede che è cammino
Concludiamo oggi il nostro percorso intorno a Gesù pane di vita e se penso al cammino fatto capisco l'obiezione che molti dei discepoli fanno a Gesù: questa parola è dura! Chi può ascoltarla? L'obiezione è legata a ciò che precede e allora passo in rassegna i titoli che ho dato alle ultime omelie: L ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 26-08-2018)
Ma che domande fai, Cristo-Dio?
Perché ha fiducia nell'uomo, Cristo gli parla da uomo, con grande sincerità e franchezza: «Costa immensamente trattar bene l'uomo - scrive don Mazzolari -, assai più che parlarne bene. L'uomo ha molti corteggiatori, pochi amici: Cristo è l'amico dell'uomo». Da amico, poi, gli parla a quattr'occhi. I ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 26-08-2018)
Audio commento alla liturgia - Gv 6,60-69
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 26-08-2018)
Pensaci ancora tu, o Dio
Una delle cose più brutte della vita è sperimentare il fallimento, soprattutto quando su un progetto o su un'idea hai investito parecchio: tempo, energie, risorse, sentimenti. Spendi del tempo per costruire qualcosa di importante, e nell'arco di pochi momenti, a volte a causa di fatti o di situazion ...
(continua)
don Luca Orlando Russo     (Omelia del 26-08-2018)
Una Parola dura da accogliere
Bellissimo discorso quello tenuto da Gesù a Cafarnao, ma molto impegnativo, al punto che si traduce in un insuccesso. Molti discepoli lo lasciano e tutti sono interdetti. Pietro ha una bella frase finale, ma niente che ci dica che abbia accolto, anzi possiamo affermare che anche tra i più stretti le ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 26-08-2018)
Commento su Giovanni 6,60-69
Nella Messa di oggi termina la lettura del capitolo VI di Giovanni, nel quale, a partire dal ?segno? della moltiplicazione dei pani, Gesù ha indicato la strada della salvezza, che sta nel credere in Lui e nel nutrirci di Lui nell'Eucaristia. La narrazione presenta le conseguenze dell'insegnamento di ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 26-08-2018)
Commento su Gs 24,1-2.15-17.18; Sal 33; Ef 5,21-32; Gv 6,60-69
La liturgia di domenica scorsa continuava ad esporre il messaggio del Cristo quale pane disceso dal cielo. Gesù si rende conto che le folle non hanno ancora capito qual sia la differenza fra il cibo che dura in eterno e la manna che finisce. Nel vangelo Gesù ci ricorda che solo chi mangia il suo co ...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 26-08-2018)
Voglio andare ancora con Gesù
Un saluto cordiale a tutti mentre riprendo questo ministero dopo l'annuale missione di predicazione e servizio all'estero. Nelle scorse domeniche abbiamo ascoltato alcuni brani del discorso di Gesù sul pane. Oggi il vangelo ci offre un breve resoconto sulle reazioni degli astanti al discorso. E, com ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 26-08-2018)
L'Intimità che fa paura
L'intimità comunica l'indicibile. Esprime l'intensità della confidenza che stende ponti tra due persone. Abbatte le distanze e crea vicinanza di sguardi, di progetti, di vita e di appartenenza. Gli uomini e le donne di Dio rivelano questa intimità del cuore rinnovando il desiderio incontenibile di ...
(continua)
Vito Calella     (Omelia del 26-08-2018)
La scelta spetta a te
È finito il discorso sul pane, fatto nella sinagoga a Cafarnao (Gv 6, 59). Ora è giunto il momento di fare una scelta libera di fronte al dono delle parole del Maestro e Signore della nostra vita. In altre parole: un appello alla nostra fede. La responsabilità della nostra risposta al dono di Dio ch ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 26-08-2018)
Gesù è maestro di libertà, non di imposizioni
Il Vangelo riporta la cronaca di un insuccesso di Gesù, e proprio nella sua terra, tra i suoi, non tra i farisei o i funzionari della vecchia religione. Succede a Cafarnao, teatro di tanti miracoli e insegnamenti: molti dei suoi discepoli si tirarono indietro e non andavano più con lui. E motivano ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 26-08-2018)
Volete andarvene anche voi?
Dio e la sua verità eterna sono una cosa sola. Mai si potranno separare, mai dividere. Così anche l'uomo, che è fatto ad immagine e a somiglianza di Dio, è una cosa sola con la sua verità. Se si separa dalla sua verità, non è più uomo. È nella morte. La vita dell'uomo è la sua verità. Abbandona la v ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 26-08-2018)
Commento su Giovanni 6,60-69
Concludiamo oggi la riflessione sul capitolo 6 del Vangelo di Giovanni, il discorso (eucaristico) sul pane di vita. Ma cominciamo dalla prima lettura, tratta dal libro di Giosuè; è una pagina famosa, è una pagina importante: si tratta di una della (tante) dichiarazioni di fedeltà del popolo di Dio; ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 26-08-2018)
Video commento su Gv 6,60-69
...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 26-08-2018)
Il dilemma della nostra vita: chi servire noi stessi o Dio?
La vita ci pone sempre davanti a delle scelte, a volte di poco conto, a volte essenziali e fondamentali. Oggi la liturgia della parola di Dio, nella prima lettura tratta dal Libro di Giosuè, ci fa riflettere proprio su questo argomento. Giosue, successore di Mosè, pone questo dilemma a tutto il popo ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 26-08-2018)
L'eternità della vita
Questa parola è dura! Le espressioni di Gesù: se non mangiate la carne del Figlio dell'uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita (Gv 6,53), sono dirompenti agli orecchi dei fedeli israeliti, sono parole scandalose contrarie a ogni tradizione e regola religiosa, per questo molti dei ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 26-08-2018)
Video Commento a Gv 6,60-69
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 26-08-2018)
La fede non è un supermercato
Il vangelo di oggi (Giovanni 6,60-69) conclude il lungo discorso sull'Eucaristia tenuto da Gesù nella sinagoga di Cafarnao, il discorso che abbiamo letto a brani nelle scorse domeniche. "Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue...", "Colui che mangia me...": queste e simili espressioni, da lui u ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 26-08-2018)
La Parola - Commento al Vangelo di Giovanni (Gv 6,60-69)
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 26-08-2018)
Credere e mangiare
Dall'esposizione alla decisione. Dopo il discorso prolisso di Gesù intorno al pane vivo disceso dal Cielo, preceduto da un segno miracoloso eloquente e accompagnato da varie argomentazioni affascinanti e persuasive, adesso Gesù chiama ciascuno a rapporto con se stesso perché possa prendere posizione ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 26-08-2018)
Audio commento al Vangelo della Ventunesima domenica del Tempo Ordinario (Anno B - Gv 6,60-69)
...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 26-08-2018)
Videocommento su Gv 6,60-69
...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 26-08-2018)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 6,60-69
...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 26-08-2018)
Video commento su Giovanni 6,60-69
...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 23-08-2015)
Commento su Gv 6,60-69
Collocazione del brano Con questo brano ha termine la nostra lettura estiva del capitolo 6 di Giovanni, dedicato al grande discorso sul pane di vita. Gesù è stato molto chiaro: è necessario credere in Lui e mangiare il suo corpo per avere la vita, perché la Parola di Dio non sia pane che dà di nuo ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 23-08-2015)
Commento su Ef 5,21-32
Collocazione del brano Terminiamo questa domenica la nostra lettura di Efesini. Questo brano continua quello di domenica scorsa, nel quale Paolo raccomandava ai suoi fedeli di comportarsi in modo saggio e di essere pieni dell'ebbrezza dello Spirito. Nei versetti di oggi scende alle relazioni all'i ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 23-08-2015)
Video commento a Gv 6,60-69
...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 23-08-2015)
Parole eterne e politiche
Clicca qui per la vignetta della settimana. In questi ultimi giorni alcuni rappresentanti della Chiesa italiana, in particolare monsignor Galantino, segretario della Conferenza Episcopale, hanno fatto delle dichiarazioni molto precise e dirette sulla questione dell'immigrazione. Gli interventi da ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 23-08-2015)
Un Cristo obbligato è la più sadica delle tirannie
Mica era roba per spiriti molli quell'annuncio: questo l'Uomo di Nazareth - il Dio nascosto dalla provocante familiarità - l'aveva messo in capite e in conto al suo vagabondare. Che gli altri poi, apostoli e discepoli, l'avessero capito nell'immediato, sarebbe stata tutta cosa da dimostrare. Rimarrà ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 23-08-2015)
Audio commento alla liturgia - Gv 6,60-69
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 23-08-2015)
Il grande mistero di Cristo e della Chiesa
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 23-08-2015)
Amare l'Eucarestia è accogliere e scegliere Cristo
Il discorso sul pane di vita, fatto da Gesù, si conclude con una frattura: tanti non credono e se ne vanno. Ma Pietro confessa la sua fede, come portavoce dei dodici. Si salva lui e salva la scelta di tutti gli altri, la scelta in futuro della Chiesa, dei discepoli di Gesù. Noi cristiani dobbiamo av ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 23-08-2015)
Il cielo non è muto
E' un brano fortemente drammatico questo del vangelo di Giovanni perché ci presenta il fallimento di Gesù. Siamo al termine di questo cammino cominciato cinque domeniche fa e Gesù è chiamato a fare i conti con chi non se la sente più di seguirlo e lo abbandona, lo lascia, torna alla vita di prima. G ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 23-08-2015)
Gesù, segno salvifico di contraddizione
C'era da aspettarselo: il discorso sul Pane di Vita fatto da Gesù segna un momento di crisi, un momento decisivo all'interno della sua vicenda storica. Del resto, seguirlo e accettare che lui sia veramente il Figlio di Dio, il Messia atteso, non è facile. Non è facile per noi dopo duemila anni di cr ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 23-08-2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Gigi Avanti Sarà capitato certamente a tanti di sentire espressioni del genere: "Ma quello è matto!", "Ma quello è fuori di testa!" Sono espressioni che prendono di mira la persona tutta intera "giudicandola". Giudicare le persone non va mai bene, anzi q ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 23-08-2015)
La «dura» Parola che dà vita
Giovanni mette in scena il resoconto di una crisi drammatica. Dopo il lungo discorso sul pane dal cielo e la sua carne come cibo, Gesù vede profilarsi l'ombra del fallimento: molti dei suoi discepoli si tirarono indietro e non andavano più con lui, dicendo: questa parola è dura. Chi può ascoltarla? ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 23-08-2015)
Oltre la carne, lo Spirito
I suoi discepoli mormoravano Per ben 15 volte nell'antico testamento si racconta del popolo d'Israele che mormora. Questo verbo, mentre descrive l'atteggiamento dell'insoddisfazione umana, è un severo giudizio sull'uomo che non riconosce l'azione di Dio e ne diventa in qualche modo ostile. Non racc ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 23-08-2015)
Video commento su Gv 6,60-69
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 23-08-2015)
Commento su Gs 24,1-2.15-17.18; Sal 33; Ef 5,21-32; Gv 6,60-69
Giosuè dopo la morte di Mosè ha ricevuto da Jahve un'eredità non facile: condurre i figli d'Israele verso il paese che Dio ha concesso loro in eredità. Giosuè è un uomo pieno di Spirito e di saggezza, "poiché Mosè aveva posato le mani su di lui" (Dt 34,9), con un forte ascendente sul popolo, e riusc ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 23-08-2015)
Una parola per gli smarriti nel buio
Il prossimo mese di ottobre vedrà riunita a Roma una rappresentanza dei vescovi di tutto il mondo, per dibattere e consigliare il Papa sulle deliberazioni da prendere circa il matrimonio e la famiglia. E' facile prevederlo: per essere fedeli alla Parola di Dio, essi rifletteranno molto sulla seconda ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 23-08-2015)

...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 23-08-2015)
Prediche senza Pulpito - Commento al Vangelo
...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23-08-2015)
Volete andarvene anche voi?
Gesù è l'annunziatore e il difensore del mistero. Chi vuole andare dietro di Lui, seguire Lui, deve accogliere il mistero nel suo cuore, si deve fidare di ogni sua Parola. Lui ha detto che il suo corpo è vero cibo e il suo sangue vera bevanda, non spiritualmente intesi, ma realmente e realmente sarà ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 23-08-2015)
LA PAROLA - Commento a Gv 6,60 - 69
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 23-08-2015)
Commento su Giovanni 6,60-69
"Questa parola è dura! Chi può ascoltarla?": è vero, le parole del Signore sono (state) molto dure; in poche battute Gesù ha distrutto un mito; ma che dico, uno, tutti i miti di Israele!! La grandezza di Mosè, la gloria dell'Esodo, il primato della Legge, l'assolutezza del culto, la maestà del tempi ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 23-08-2015)
Servire il vero Dio o servire gli idoli di ieri e di sempre?
Il testo della prima lettura della parola di Dio di questa XXI domenica del tempo ordinario, tratto dal Libro di Giosuè, si colloca perfettamente nel clima vacanziero che ancora interessa buona parte della gente del nostro paese. La domanda che Giosuè pone al popolo d'Israele, quale nuovo responsab ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 23-08-2015)
Sulla Tua Parola - Gv 6,60-69
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 23-08-2015)
Il tempo di decidersi e di agire
Tanti anni or sono, assistendo alla Professione Solenne dei voti di un Confratello, mi colpirono le parole a lui indirizzate nell'omelia da parte del Padre Provinciale: "E' venuto il momento di passare dalle intenzioni agli impegni... Dalle idee fascinose e seducenti, alla realtà dei fatti concreti ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 23-08-2015)

Dopo la protesta dei Giudei viene quella dei discepoli: "Questa parola è dura!". La difficoltà dei discepoli è sulla persona di Gesù, l'uomo che si mostra come Figlio di Dio, unica salvezza di tutti; da qui lo scarto e la lagnanza maldicente. I discepoli inciampano, si scandalizzano. Gesù lo vede ma ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 23-08-2015)
Commento su Gs 24,1-2.15-17.18; Gv 6,60-69
Oggi la liturgia ci propone una sosta di riflessione per analizzare la nostra scelta. Abbiamo scelto se seguire il Signore o gli altri idoli, il materialismo, la proprietà, la ricchezza? Quali sono i nostri desideri? Il possesso di cose o persone, il potere sugli altri o il servizio? Ebbene, non l ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 23-08-2015)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 6,60-69
...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 23-08-2015)
Video commento su Giovanni 6,60-69
...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 15-08-2015)
Ruminare i Salmi - Salmo 34,22 (XXI domenica del tempo ordinario, anno B)
Ruminare i Salmi - Salmo 34 (Vulgata / liturgia 33),22 - (XXI domenica del tempo ordinario, anno B) CEI Il male fa morire il malvagio, chi odia il giusto sarà condannato. Efesini 5,32 Questo mistero è grande: io lo dico in riferimento a Cristo e alla Chiesa! Giovanni 6,63-64.66-69 Le parole ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 26-08-2012)
Commento su Giovanni 6,60-69
La tragedia è ormai consumata. Il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci, il più eclatante, il più straordinario, segna paradossalmente l'inizio della fine di Gesù. Gli apostoli stessi, sgomenti, non sanno più che pensare del loro imprevedibile Rabbì. Il discorso è troppo duro, anche ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 26-08-2012)
Audio commento su Gv 6,60-69
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 26-08-2012)
Forse anche voi volete andarvene?
Molte persone dicono di avere Fede in Dio, ma al momento in cui sono messi alla prova si tirano indietro perché la loro non è Fiducia totale, ma solo perché così sono stati educati, oppure per opportunismo e quindi prendono gli aspetti che gli fanno comodo ed altri li tralasciano. E' come essere in ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 26-08-2012)
Nessuno può vivere la mia vita
Il vangelo di oggi è la continuazione di quelli delle domeniche precedenti. Gesù ha fatto un discorso difficile (due domeniche fa', Gv 6,41-51): "Io sono il pane della vita; io sono disceso dal cielo" (6,34-38), e infatti non lo capiscono. Di fronte a ciò che Gesù dice, rispondono: "Ma come? Guarda ...
(continua)
don Luigi Trapelli     (Omelia del 26-08-2012)
Tu solo hai parole di vita eterna
Terminiamo con questa domenica la lettura del capitolo sesto del Vangelo secondo Giovanni. Nel testo, emerge un profondo contrasto tra Gesù e i giudei sul tema del pane di vita che è Cristo stesso. Gesù ha invitato le persone che lo ascoltano a mangiare di questo pane per la vita eterna ed essere d ...
(continua)
mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 26-08-2012)
L'amore: un atto di responsabilità
Volete andarvene anche voi? Parola della libertà e dell'amore. Solo se si ama come Cristo ha amato la Chiesa, allora è possibile rimanere. Questa parola è dura! Sì, l'amore è pane duro, ma è pane che dà vita e fa crescere. La fede è un rimanere, nella libertà e nella responsabilità dell'amore. Sceg ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 26-08-2012)
Questo mistero e? grande: lo dico in riferimento a Cristo e alla Chiesa
...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 26-08-2012)
Video commento su Giovanni 6,60-69
You need to install or upgrade Flash Player to view this content, install or upgrade by clicking here. ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 26-08-2012)
Signore, e dove andremo??
Chi mangia la mia carne, beve il mio sangue, dice il Signore, dimora in me ed io in lui. Proseguiamo oggi con il discorso di Giovanni, sono alcune domeniche, ormai, che Giovanni ci accompagna, è il cosiddetto discorso eucaristico del vangelo di Giovanni. E oggi Gesù giunge al cuore della sua cateche ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 26-08-2012)

Finché si trattava di seguire Gesù per mangiare il pane gratuito e ascoltare discorsi interessanti, molti lo seguivano. Ora se ne vanno. Cosa è successo? Gesù ha cominciato a rivelare la sua identità. Ha spiegato che il vero pane, quello che da la vita eterna è Lui e per nutrirsi di questo pane l ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 26-08-2012)
Scoop dai Vangeli: Cristo soffre il solletico
Non potevano reggere a lungo: probabilmente li aspettava, immaginava la loro stanchezza, l'asprezza e l'incognita di quella Parola loro affidata. Nati pescatori, lo sbaraglio divenne ben presto il loro lago di pesca dopo essersi imbattuti nella voce di un Uomo d'amabile presenza. Era capitato tutto ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 26-08-2012)
Signore, da chi andremo?
Il brano del Vangelo di oggi suscita, in chi crede, la stessa tristezza che era in Gesù. Aveva parlato a lungo dell'Eucarestia. Quante volte aveva ripetuto: 'Io sono il Pane della vità e 'Chi mangia di questo pane vivrà'! Ma in chi lo ascoltava non vi era stata la sorpresa colma di gratitudine di ch ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 26-08-2012)
Video commento a Gv 6,60-69
...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 26-08-2012)
La Parola di Dio, parola di vita eterna
Giovanni mette in scena il resoconto di una cri­si drammatica. Dopo il lungo discorso sul pane dal cie­lo e sulla sua carne come cibo, Gesù vede profilarsi l'ombra del fallimento: molti dei suoi discepoli si tirarono indietro e non andavano più con lui. E lo motivano chiaramente: questa parola è du ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 26-08-2012)
Ed egli disse: ?Volete andarvene anche voi?'
Le chiese si svuotano; le confessioni si fanno rare; preti e suore sono sempre meno; le convivenze non destano più meraviglia; quelli che si sposano in chiesa sono vistosamente in calo, e anche loro poi spesso divorziano; per tanti, il papa e i vescovi possono ben parlare: chi se ne importa? E' in a ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 26-08-2012)
Commento su Giovanni 6,60-69
Il discorso di Gesù sul pane di vita provocò inquietudine fra i discepoli: "questa parola è dura, chi può ascoltarla?" (Gv 6,60). Spesso anche noi, investiti da una simile crisi, non compiamo fino in fondo il bene. Ciò perché siamo convinti che la fede è una conquista personale oppure un evento rise ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 26-08-2012)
Video commento a Giovanni 6,60-69
...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 26-08-2012)
E da chi, se non da Dio?
Se penso alle nostre relazioni interpersonali, mi pare di poter notare almeno tre "livelli" di relazione nei confronti degli altri. Un primo livello, quello più comune, è quello che possiamo definire in maniera generica "la gente": persone che conosciamo poco, o per nulla affatto, con le quali maga ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 26-08-2012)
Volete andarvene anche voi?
Nella domenica XXI del tempo ordinario concludiamo la lettura del lungo cap. 6 del Vangelo di Giovanni. Anche a noi, lettori attuali, Gesù pone la domanda diretta e provocatoria rivolta ai Dodici quando "molti dei suoi discepoli tornarono indietro e non andavano più con lui": "Volete andarvene anche ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 26-08-2012)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di don Giampaolo Perugini Quando il pane diventa duro come pietra "Questa parola è dura!". Il vangelo ci dice che, prima o poi, arriva per tutti noi che siamo discepoli di Gesù, un momento duro, di crisi, di forte confronto con Gesù; un momento così duro che mett ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 26-08-2012)
Spirito e vita
Questo vi scandalizza? Lo "scandalo" è quanto ci allontana da Dio... per questo Gesù ha detto che sarebbe meglio gettarsi in mare con una macina legata al collo (Mt 18,6). Di quale Dio si parla? A volte l'immagine di Dio e della fede è così contorta, deformata ed omologata che ben venga chi è capac ...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 26-08-2012)
Signore da chi andremo? Tu solo hai parole di vita eterna
Terminiamo oggi la narrazione continua del capitolo 6 di Giovanni sul Pane di Vita iniziata quattro domeniche fa col racconto della moltiplicazione dei pani. Quel miracolo aveva provocato un tale entusiasmo collettivo tra la gente da voler proclamare Gesù Re. Adesso il clima e la reazione non solo d ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 26-08-2012)
Commento su Gv 6,60-69
Come i giudei, anche i discepoli reagiscono male alla rivelazione di Gesù sul pane della vita. Non ci credono. D'altra parte, ancora non hanno ricevuto lo Spirito Santo e ragionano ancora "terra terra", cosicché il discorso del Maestro appare loro assurdo e inaccettabile. Loro non credono e Gesù ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 26-08-2012)
Volete andarvene anche voi?
Dio è il Santo di Israele. È il Santo dal quale sempre scaturisce una parola di santità, un giudizio di verità, una promessa che si realizzerà, una profezia che avrà infallibilmente il suo compimento nella storia e nell'eternità. Verità e santità in Dio sono una cosa sola. Il santo è necessariamente ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 26-08-2012)
Il grande dilemma
Quanto era difficile capire il linguaggio di Gesù. "Questo linguaggio è duro; chi può intenderlo?" Ma non solo quello! Lo stesso atteggiamento del Signore spesso si rivelava incomprensibile ai propri discepoli e famigliari. A Nazareth per esempio, non lo accolsero e non credettero in Lui. Quel bravo ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 26-08-2012)
La fatica di credere
"Le parole (sul pane di vita) che vi ho detto sono spirito e vita. Ma vi sono alcuni di voi che non credono." Con questi termini Gesù, che ha dimostrato concretamente di essere lui il Pane vivo disceso dal cielo per mezzo dell'eloquente miracolo della moltiplicazione di pani e pesci presentando poi ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 26-08-2012)
Commento su Giosuè 24, 1-2a 15-17 18b; Efesini. 5, 21-32; Giovanni 6,60-69
VOLETE ANDARVENE ANCHE VOI? SIGNORE, DA CHI ANDREMO? Su questa domanda e risposta si impernia un po' tutta disperata incertezza umana dell'oggi che è sempre di più preoccupato del "dove andare" che non "da chi andare". Prima di tutto però abbiamo una domanda quasi provocatoria: "Volete andarvene ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 26-08-2012)
Video commento a Gv 6,60-69
...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 26-08-2012)
Video commento a Gv 6,60-69
...
(continua)