LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 31 Dicembre 2010 <

Mercoledì 29 Dicembre 2010

Giovedì 30 Dicembre 2010

Venerdì 31 Dicembre 2010

Sabato 1 Gennaio 2011

Domenica 2 Gennaio 2011

Lunedì 3 Gennaio 2011

Martedì 4 Gennaio 2011

Mercoledì 5 Gennaio 2011

Giovedì 6 Gennaio 2011

Venerdì 7 Gennaio 2011


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

  31 Dicembre - VII giorno fra l'ottava di Natale

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Bianco
N1231 ;
In principio, prima della creazione, era il Verbo, divino, dinamico e vivo. Era con Dio ed era Dio. Con queste tre brevi affermazioni, eccoci condotti al mistero stesso della Trinità. Ci è stato concesso di vedere che il Verbo divino ha origine nell’eternità di Dio, vive in un’unione particolare e ineffabile con Dio, è Dio stesso, uguale al Padre e non subordinato o inferiore. E questo Verbo, personale e trascendente, è sceso dalla sua dimora celeste perché Dio fosse presente, in carne ed ossa, sulla terra e per insegnarci a conoscere direttamente il Padre, che lui solo aveva visto. Perché il Verbo è da sempre e per sempre il Figlio Unigenito e prediletto di Dio. In Cristo si trovano unite la divinità e l’umanità. In Cristo vediamo la gloria di Dio brillare attraverso la sua umanità. Ma l’identità del Figlio col Padre è espressa nella dipendenza, nell’obbedienza completa rivelata nel sacrificio, nel dono totale di sé. Si intravede qui l’umiltà della Trinità, così come è manifestata nella carne mortale di Cristo.
Parlandoci del suo legame con il Padre, Gesù vuole attirarci a sé per fare di noi i suoi discepoli e figli di Dio. Vuole insegnarci che la nostra vita deve riflettere, nella condizione umana, la vita della Trinità, la vita di Dio stesso, se desideriamo ricevere i suoi doni apportatori di salvezza.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
È nato per noi un bambino,
un figlio ci è stato donato:
egli avrà sulle spalle il dominio,
consigliere ammirabile sarà il suo nome. (cf. Is 9,5)


Colletta
Dio onnipotente ed eterno,
che nella nascita del tuo Figlio
hai stabilito l’inizio e la pienezza della vera fede,
accogli anche noi come membra del Cristo,
che compendia in sé la salvezza del mondo.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

1Gv 2,18-21
Avete ricevuto l’unzione dal Santo e tutti avete la conoscenza.

Dalla prima lettera di san Giovanni apostolo

Figlioli, è giunta l’ultima ora. Come avete sentito dire che l’anticristo deve venire, di fatto molti anticristi sono già venuti. Da questo conosciamo che è l’ultima ora.
Sono usciti da noi, ma non erano dei nostri; se fossero stati dei nostri, sarebbero rimasti con noi; sono usciti perché fosse manifesto che non tutti sono dei nostri.
Ora voi avete ricevuto l’unzione dal Santo, e tutti avete la conoscenza. Non vi ho scritto perché non conoscete la verità, ma perché la conoscete e perché nessuna menzogna viene dalla verità.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 95

Gloria nei cieli e gioia sulla terra.

Cantate al Signore un canto nuovo,
cantate al Signore, uomini di tutta la terra.
Cantate al Signore, benedite il suo nome,
annunciate di giorno in giorno la sua salvezza.

Gioiscano i cieli, esulti la terra,
risuoni il mare e quanto racchiude;
sia in festa la campagna e quanto contiene,
acclamino tutti gli alberi della foresta.

Davanti al Signore che viene:
sì, egli viene a giudicare la terra;
giudicherà il mondo con giustizia
e nella sua fedeltà i popoli.

Canto al Vangelo (Gv 1,14.12)
Alleluia, alleluia.
Il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi.
A quanti lo hanno accolto
ha dato il potere di diventare figli di Dio.
Alleluia.

>

Vangelo

Gv 1,1-18
Il Verbo si fece carne.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In principio era il Verbo,
e il Verbo era presso Dio
e il Verbo era Dio.
Egli era, in principio, presso Dio:
tutto è stato fatto per mezzo di lui
e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste.
In lui era la vita
e la vita era la luce degli uomini;
la luce splende nelle tenebre
e le tenebre non l’hanno vinta.
Venne un uomo mandato da Dio:
il suo nome era Giovanni.
Egli venne come testimone
per dare testimonianza alla luce,
perché tutti credessero per mezzo di lui.
Non era lui la luce,
ma doveva dare testimonianza alla luce.
Veniva nel mondo la luce vera,
quella che illumina ogni uomo.
Era nel mondo
e il mondo è stato fatto per mezzo di lui;
eppure il mondo non lo ha riconosciuto.
Venne fra i suoi,
e i suoi non lo hanno accolto.
A quanti però lo hanno accolto
ha dato potere di diventare figli di Dio:
a quelli che credono nel suo nome,
i quali, non da sangue
né da volere di carne
né da volere di uomo,
ma da Dio sono stati generati.
E il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi;
e noi abbiamo contemplato la sua gloria,
gloria come del Figlio unigenito
che viene dal Padre,
pieno di grazia e di verità.
Giovanni gli dà testimonianza e proclama:
«Era di lui che io dissi:
Colui che viene dopo di me
è avanti a me,
perché era prima di me».
Dalla sua pienezza
noi tutti abbiamo ricevuto:
grazia su grazia.
Perché la Legge fu data per mezzo di Mosè,
la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.
Dio, nessuno lo ha mai visto:
il Figlio unigenito, che è Dio
ed è nel seno del Padre,
è lui che lo ha rivelato.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Fratelli, al termine di quest'anno, eleviamo il nostro grazie a Dio per i doni ricevuti, e preghiamo:
Ascoltaci, o Signore.

Perchè la Chiesa di Cristo, alla luce del vangelo, sappia riflettere sulle vicende di quest'anno, per rinnovare il suo impegno al servizio dell'uomo e del regno di Dio. Preghiamo.
Perchè le istituzioni politiche ed economiche non soffochino il messaggio evangelico, ma facciano in modo che ogni persona si senta accolta e protagonista nella costruzione della società. Preghiamo:
Perchè nel mondo si superino gli squilibri fra ricchi e poveri, le divisioni che provocano guerre, le ingiustizie che creano l'emarginazione dei più deboli. Preghiamo:
Perchè tutti i fratelli, che quest'anno ci hanno lasciato, incontrino Dio Padre e ricevano la ricompensa delle loro fatiche. Preghiamo:
Perchè i bambini nati durante l'anno, segno dell'amore di Dio per il mondo, siano educati secondo i principi evangelici ai più alti valori umani. Preghiamo:
Perchè tutti noi che partecipiamo a questa eucaristia, fortificati dal corpo e sangue di Cristo, cresciamo nell'amore e nel servizio reciproco. Preghiamo:
Ringraziamo il Signore per i doni concessi quest'anno, alla nostra comunità.

O Dio, Signore del tempo e della vita, concedici di scoprire con gioia i segni della tua provvidenza e donaci la forza di testimoniare e di diffondere il vangelo del tuo Figlio, il Cristo benedetto, che vive e regna con te per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Preghiera sulle offerte
O Dio, sorgente della vera pietà e della pace,
salga a te nella celebrazione di questi misteri
la giusta adorazione per la tua grandezza,
e si rafforzi la fedeltà e la concordia dei tuoi figli.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO DI NATALE I
Cristo luce

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno.
Nel mistero del Verbo incarnato
è apparsa agli occhi della nostra mente
la luce nuova del tuo fulgore,
perché conoscendo Dio visibilmente,
per mezzo suo siamo rapiti all’amore delle realtà invisibili.
E noi, uniti agli Angeli e agli Arcangeli,
ai Troni e alle Dominazioni
e alla moltitudine dei Cori celesti,
cantiamo con voce incessante
l’inno della tua gloria: Santo...

Oppure:

PREFAZIO DI NATALE II
Nell’incarnazione Cristo reintegra l’universo

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
lodarti e ringraziarti sempre per i tuoi benefici,
Dio onnipotente ed eterno, per Cristo nostro Signore.
Nel mistero adorabile del Natale,
egli, Verbo invisibile,
apparve visibilmente nella nostra carne,
per assumere in sé tutto il creato
e sollevarlo dalla sua caduta.
Generato prima dei secoli,
cominciò ad esistere nel tempo,
per reintegrare l’universo nel tuo disegno, o Padre,
e ricondurre a te l’umanità dispersa.
Per questo dono della tua benevolenza,
uniti a tutti gli angeli,
cantiamo esultanti la tua lode: Santo...

Oppure:

PREFAZIO DI NATALE III
Il misterioso scambio che ci ha redenti

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno,
per Cristo nostro Signore.
In lui oggi risplende in piena luce
il misterioso scambio che ci ha redenti:
la nostra debolezza è assunta dal Verbo,
l’uomo mortale è innalzato a dignità perenne
e noi, uniti a te in comunione mirabile,
condividiamo la tua vita immortale.
Per questo mistero di salvezza, uniti a tutti gli angeli,
proclamiamo esultanti la tua lode: Santo...


Antifona di comunione
Dio ha mandato nel mondo il suo unico Figlio,
perché noi abbiamo la vita per mezzo di lui. (1Gv 4,9)

Oppure:
Dalla sua pienezza
noi tutti abbiamo ricevuto e grazia su grazia. (Gv 1,16)


Preghiera dopo la comunione
Sostieni, Signore, con la tua provvidenza
questo popolo nel presente e nel futuro,
perché con le semplici gioie
che disponi sul suo cammino
aspiri con serena fiducia alla gioia che non ha fine.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 31-12-2014)
Egli era, in principio, presso Dio
Se leggiamo la rivelazione più alta dell'Antico Testamento sulla sapienza, dobbiamo concludere che ancora la verità di essa è ben lontana. Si intravede però qualcosa. La sapienza è con Dio, ma ancora non è Dio. Manca della personalità, della divinità, dell'eternità. Ancora è pensata come creata da D ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 31-12-2013)
Dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto: grazia su grazia
Dio non rivela se stesso tutto in un volta. Sarebbe come se un uomo, dal buio più nero nel quale è vissuto per anni, fosse catapultato nel centro del sole. I suoi occhi all'istante si oscurerebbero per sempre. La luce è troppo intensa per essere afferrata. Il Signore invece nella sua eterna e divina ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 31-12-2012)
Commento su Giovanni 1,1-18
Strano giorno, l'ultimo dell'anno. Un giorno dimenticato, l'ultimo, appunto, che ci vede preoccupati per la veglia e il passaggio scaramantico al 2013. Un giorno di lavoro, per alcuni, tutti comunque proiettati ad organizzare un momento di gioia in famiglia, se possibile. E la liturgia ci stupisce, ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 31-12-2012)
Dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto e grazia su grazia
Ci lamentiamo ogni giorno perché l'economia va male, non si trova lavoro, però i ristoranti sono pieni, per le barche non si trova un ormeggio, nelle vacanze tutti partono almeno una volta l'anno, ci vestiamo bene con abiti costosi. Certo meno di prima, qualcuno avrà abbandonato certe abitudini, ma ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 31-12-2012)
In lui era la vita e la vita era la luce degli uomini
Nell'Antico Testamento troviamo una stupenda pagina che parla della Sapienza. Ancora non siamo nella pienezza della rivelazione. La Sapienza ancora non è rivelata come vera Persona in Dio. È da Dio, è di Dio, è presso Dio, ma ancora non è Dio. La sapienza forse non chiama e l'intelligenza non fa ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 30-12-2012)
Grazie
"Grazie" - Meditazione per l'ultimo giorno dell'anno Tra feste, panettoni e amici siamo arrivati all'ultimo giorno del 2012. Certo: è un giorno come tutti gli altri, niente di speciale. Domani cambieremo l'ultima cifra dell'anno e tutto ricomincerà come prima. Penso, però, che sia un' occasione b ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 31-12-2011)
Il Figlio unigenito, che è Dio ed è nel seno del Padre, è lui che lo ha rivelato
La Chiesa vive dal mistero di Cristo Gesù. Più conosce il suo Salvatore e Signore e più si conosce. Più si conosce e più può operare secondo verità, compiendo la missione che le è stata affidata. Sempre questo è avvenuto nella Chiesa: ogni calo, deviazione, errore, perdita di conoscenza di Gesù all' ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 31-12-2011)
Il Figlio unigenito, che è Dio ed è nel seno del Padre, è lui che lo ha rivelato
La Chiesa vive dal mistero di Cristo Gesù. Più conosce il suo Salvatore e Signore e più si conosce. Più si conosce e più può operare secondo verità, compiendo la missione che le è stata affidata. Sempre questo è avvenuto nella Chiesa: ogni calo, deviazione, errore, perdita di conoscenza di Gesù all' ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 31-12-2010)
I nemici del vangelo
Ascoltiamo rammarico di Giovanni per la presenza nella Chiesa di persone ostili alla fede. Sarebbe logico aspettarsi una vita tranquilla una volta che abbiamo scelto di seguire Cristo, anche se egli ci annunzia violenza e persecuzioni. Semmai, ce le aspetteremmo dal di fuori, dai non credenti... Inv ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 31-12-2010)
Dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto: grazia su grazia
Abbiamo meditato in questi giorni sul mistero di Gesù. Conosciamo tante verità su di Lui. Come fare ad armonizzare, sincronizzare, offrire alla nostra mente e soprattutto al nostro cuore la totale verità di Cristo Gesù, senza alcuna imperfezione, lacuna, inadeguatezza, incompletezza, mancanza? Mi s ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 31-12-2009)

Giovanni scrive il suo vangelo parecchi decenni dopo Matteo e Luca. Anzi, per dirla tutta, il suo non è neppure un "vangelo" così come lo intendiamo noi. Potremmo dire che è quasi una meditazione sul vangelo. D'altronde, Giovanni dà per scontato che il suo lettore conosca, e bene, la vita e le opere ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 31-12-2009)
"Verbum caro factum est"
"Il Verbo si fa carne..." Anche oggi, il passaggio dalla Parola alla "carne" si chiama: "Verbo". Questo PASSAGGIO rende viva quella Parola di Dio che, altrimenti, rimane nell'osservanza del cuore e nell'intimo, ma non esce allo scoperto nella realtà del mondo, e quindi non si può incarnare in ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 31-12-2008)

Ciao ciao 2008, grazie di averci svelato il volto di Dio, grazie per le cose belle che abbiamo scoperta, pazienza per quelle dolorose che abbiamo sopportato. Stiamo per celebrare il rito del cambio d'anno, una specie di concessione scaramantica al paganesimo, dopo avere celebrato devotamente il bamb ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 31-12-2008)
La luce e le tenebre
Il pensiero dominante, che oggi accompagna la stragrande maggioranza della gente, è la fine dell?anno; un giorno e soprattutto una notte da festeggiare con riti diversi, ma con la costante di voler rigettare tutti i mali passati e propiziare il futuro. È sorprendente costatare come la liturgia, che ...
(continua)
don Ezio Stermieri     (Omelia del 31-12-2007)
il fluire del tempo
Che cosa è per un credente cristiano il prendere coscienza del fluire del tempo? Certamente non consiste nella mentalità oggi così diffusa di decisione per il presente, dove annegare, cogliere la possibilità che sfugge, morire. Né porta al pessimismo nichilista nel guardare il futuro o alla nostalg ...
(continua)
   > Translate this page (italian > english) with Google