LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 5 Dicembre 2010 <

Venerdì 3 Dicembre 2010

Sabato 4 Dicembre 2010

Domenica 5 Dicembre 2010

Lunedì 6 Dicembre 2010

Martedì 7 Dicembre 2010

Mercoledì 8 Dicembre 2010

Giovedì 9 Dicembre 2010

Venerdì 10 Dicembre 2010

Sabato 11 Dicembre 2010

Domenica 12 Dicembre 2010


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

  II DOMENICA DI AVVENTO (ANNO A)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Viola
AA020 ;

In san Matteo e san Marco, la predicazione di Giovanni Battista è il segnale dell’inizio dell’azione pubblica di Gesù. Con il suo discorso che chiama alla conversione, la presenza vicina diventa il messaggio di Gesù: “Il regno dei cieli è vicino!”, e la differenza con questo si fa chiara: i battesimi di Giovanni non permettono di rimettere i peccati. San Matteo con le sue parole ci dà un’idea della grande importanza di Giovanni Battista, della sua influenza e della sua azione. Nelle parole di san Matteo si legge la convinzione che Israele si trovi in una situazione senza uscita. Non vi è più la sicurezza collettiva che derivava dall’appartenenza alla discendenza di Abramo. L’avvenire di ognuno dipende dalle proprie azioni: “Fate frutti degni di conversione!”. Tuttavia l’avvenire è anche nelle mani di Dio, cioè nelle mani di colui che verrà dopo Giovanni: la mano che separa il buon grano dalla zizzania compirà presto la sua opera. Il giudizio che verrà è anche la ragione per cui Giovanni invita alla conversione. Israele è alla fine della sua sapienza. Anche se Giovanni Battista non ha ancora un’idea chiara di colui che verrà dopo di lui, sa una cosa: egli è il più forte. Giudicare è fare una scelta. Così, prepararsi al giudizio è prendere una decisione.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Popolo di Sion,
il Signore verrà a salvare i popoli
e farà sentire la sua voce potente
per la gioia del vostro cuore. (cf. Is 30,19.30)

Non si dice il Gloria.


Colletta
Dio grande e misericordioso,
fa’ che il nostro impegno nel mondo
non ci ostacoli nel cammino verso il tuo Figlio,
ma la sapienza che viene dal cielo
ci guidi alla comunione con il Cristo, nostro Salvatore.
Egli è Dio, e vive e regna con te...

Oppure:
Dio dei viventi, suscita in noi
il desiderio di una vera conversione,
perché rinnovati dal tuo Santo Spirito
sappiamo attuare in ogni rapporto umano
la giustizia, la mitezza e la pace,
che l’incarnazione del tuo Verbo
ha fatto germogliare sulla nostra terra.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Is 11,1-10
Giudicherà con giustizia i miseri.

Dal libro del profeta Isaìa

In quel giorno,
un germoglio spunterà dal tronco di Iesse,
un virgulto germoglierà dalle sue radici.
Su di lui si poserà lo spirito del Signore,
spirito di sapienza e d’intelligenza,
spirito di consiglio e di fortezza,
spirito di conoscenza e di timore del Signore.
Si compiacerà del timore del Signore.
Non giudicherà secondo le apparenze
e non prenderà decisioni per sentito dire;
ma giudicherà con giustizia i miseri
e prenderà decisioni eque per gli umili della terra.
Percuoterà il violento con la verga della sua bocca,
con il soffio delle sue labbra ucciderà l’empio.
La giustizia sarà fascia dei suoi lombi
e la fedeltà cintura dei suoi fianchi.
Il lupo dimorerà insieme con l’agnello;
il leopardo si sdraierà accanto al capretto;
il vitello e il leoncello pascoleranno insieme
e un piccolo fanciullo li guiderà.
La mucca e l’orsa pascoleranno insieme;
i loro piccoli si sdraieranno insieme.
Il leone si ciberà di paglia, come il bue.
Il lattante si trastullerà sulla buca della vipera;
il bambino metterà la mano nel covo del serpente velenoso.
Non agiranno più iniquamente né saccheggeranno
in tutto il mio santo monte,
perché la conoscenza del Signore riempirà la terra
come le acque ricoprono il mare.
In quel giorno avverrà
che la radice di Iesse si leverà a vessillo per i popoli.
Le nazioni la cercheranno con ansia.
La sua dimora sarà gloriosa.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 71

Vieni, Signore, re di giustizia e di pace.

O Dio, affida al re il tuo diritto,
al figlio di re la tua giustizia;
egli giudichi il tuo popolo secondo giustizia
e i tuoi poveri secondo il diritto.

Nei suoi giorni fiorisca il giusto
e abbondi la pace,
finché non si spenga la luna.
E dòmini da mare a mare,
dal fiume sino ai confini della terra.

Perché egli libererà il misero che invoca
e il povero che non trova aiuto.
Abbia pietà del debole e del misero
e salvi la vita dei miseri.

Il suo nome duri in eterno,
davanti al sole germogli il suo nome.
In lui siano benedette tutte le stirpi della terra
e tutte le genti lo dicano beato.

>

Seconda lettura

Rm 15,4-9
Gesù Cristo salva tutti gli uomini.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani

Fratelli, tutto ciò che è stato scritto prima di noi, è stato scritto per nostra istruzione, perché, in virtù della perseveranza e della consolazione che provengono dalle Scritture, teniamo viva la speranza.
E il Dio della perseveranza e della consolazione vi conceda di avere gli uni verso gli altri gli stessi sentimenti, sull’esempio di Cristo Gesù, perché con un solo animo e una voce sola rendiate gloria a Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo.
Accoglietevi perciò gli uni gli altri come anche Cristo accolse voi, per la gloria di Dio. Dico infatti che Cristo è diventato servitore dei circoncisi per mostrare la fedeltà di Dio nel compiere le promesse dei padri; le genti invece glorificano Dio per la sua misericordia, come sta scritto:
«Per questo ti loderò fra le genti e canterò inni al tuo nome».

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Lc 3,4.6)
Alleluia, alleluia.
Preparate la via del Signore,
raddrizzate i suoi sentieri!
Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!
Alleluia.

>

Vangelo

Mt 3,1-12
Convertitevi: il regno dei cieli è vicino!


+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quei giorni, venne Giovanni il Battista e predicava nel deserto della Giudea dicendo: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!». Egli infatti è colui del quale aveva parlato il profeta Isaìa quando disse: «Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri!».
E lui, Giovanni, portava un vestito di peli di cammello e una cintura di pelle attorno ai fianchi; il suo cibo erano cavallette e miele selvatico. Allora Gerusalemme, tutta la Giudea e tutta la zona lungo il Giordano accorrevano a lui e si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati.
Vedendo molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: «Razza di vipere! Chi vi ha fatto credere di poter sfuggire all’ira imminente? Fate dunque un frutto degno della conversione, e non crediate di poter dire dentro di voi: “Abbiamo Abramo per padre!”. Perché io vi dico che da queste pietre Dio può suscitare figli ad Abramo. Già la scure è posta alla radice degli alberi; perciò ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco. Io vi battezzo nell’acqua per la conversione; ma colui che viene dopo di me è più forte di me e io non sono degno di portargli i sandali; egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco. Tiene in mano la pala e pulirà la sua aia e raccoglierà il suo frumento nel granaio, ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Giovanni Battista ci ha sollecitati a preparare la via del Signore che viene. Nelle nostre preghiere chiediamo al Padre che ci aiuti ad essere perseveranti nella fede e capaci di sincera conversione, al fine di rendere un’autentica testimonianza di amore, la via maestra del Signore Gesù.
Preghiamo dicendo: Ascoltaci Signore.

1. Perché la Chiesa sia strumento di salvezza per gli uomini, accolti e amati proprio perché peccatori, in nome di quel Gesù che ha donato la salvezza e la speranza nel Regno. Preghiamo.
2. Per i vescovi, i sacerdoti e i diaconi, impegnati a diffondere la Parola di Dio, perché sostenuti dalla grazia sappiano essere autentici annunciatori, franchi e convinti testimoni, vincendo ogni stanchezza e tiepidezza. Preghiamo.
3. Perché la coscienza degli uomini maturi pensieri e scelte di riconciliazione e perdono, nella ricerca della pace e nella composizione dei conflitti. Preghiamo.
4. Perché nei nostri cuori non si spenga mai l’anelito alla giustizia e l’inquietudine di fronte alle disuguaglianze, ai soprusi, alle violenze perpetrate sui più deboli e sui più indifesi. Preghiamo.
5. Per noi che partecipiamo a questa Eucaristia, perché sappiamo accogliere i semi donati dalla Parola e li facciamo fruttificare, portando Cristo nel mondo ed incarnando i valori che il Maestro ci propone in ogni ambiente della vita. Preghiamo.

Padre misericordioso accogli le nostre preghiere, perché possiamo essere fedeli ascoltatori della tua Parola, testimoni coerenti e persone impegnate nel cammino verso la santità. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Ti siano gradite, Signore,
le nostre umili offerte e preghiere;
all’estrema povertà dei nostri meriti
supplisca l’aiuto della tua misericordia.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO DELL’AVVENTO I
La duplice venuta del Cristo

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno,
per Cristo nostro Signore.
Al suo primo avvento
nell’umiltà della nostra natura umana
egli portò a compimento la promessa antica,
e ci aprì la via dell’eterna salvezza.
Verrà di nuovo nello splendore della gloria,
e ci chiamerà a possedere il regno promesso
che ora osiamo sperare vigilanti nell’attesa.
E noi, uniti agli Angeli e alla moltitudine dei Cori celesti,
cantiamo con gioia l’inno della tua lode: Santo...

Oppure:

PREFAZIO DELL’AVVENTO I/A
Cristo, Signore e giudice della storia

È veramente giusto renderti grazie
e innalzare a te l’inno di benedizione e di lode,
Padre onnipotente, principio e fine di tutte le cose.
Tu ci hai nascosto il giorno e l’ora,
in cui il Cristo tuo Figlio, Signore e giudice della storia,
apparirà sulle nubi del cielo
rivestito di potenza e splendore.
In quel giorno tremendo e glorioso
passerà il mondo presente
e sorgeranno cieli nuovi e terra nuova.
Ora egli viene incontro a noi in ogni uomo e in ogni tempo,
perché lo accogliamo nella fede
e testimoniamo nell’amore la beata speranza del suo regno.
Nell’attesa del suo ultimo avvento,
insieme agli angeli e ai santi,
cantiamo unanimi l’inno della tua gloria: Santo...


Antifona di comunione
Gerusalemme, sorgi e stà in alto:
contempla la gioia
che a te viene dal tuo Dio. (Bar 5,5; 4,36)

Oppure:
Voce che grida nel deserto:
Preparate la via del Signore,
raddrizzate i suoi sentieri!. (cf. Mt 3,3; Mc 1,3; Lc 3,4)


Preghiera dopo la comunione
O Dio, che in questo sacramento
ci hai nutriti con il pane della vita,
insegnaci a valutare con sapienza i beni della terra,
nella continua ricerca dei beni del cielo.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

dom Luigi Gioia     (Omelia del 08-12-2013)
Convertitevi: il regno dei cieli è vicino!
E' chiaro perché la liturgia propone nella seconda domenica di Avvento, ogni anno, la figura di Giovanni il Battista: è lui che ha annunciato la venuta del Signore, lui che lo ha riconosciuto, è lui che ha detto: Ecco l'agnello di Dio. Ecco colui che toglie i peccati del mondo. Gesù ha cominciato ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 08-12-2013)
Metanoeo
ATTENZIONE: il commento si riferisce a Mt 3.1-12 - 2a domenica di Avvento A mentre oggi la liturgia prevede il Vangelo della solennità dell'Immacolata Concezione. Il capitolo 3 del vangelo di Mt inizia con l'indicazione: "In quei giorni..." (Mt 3,1). E' l'unica volta che in Mt troviamo quest'indi ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 08-12-2013)
Commento su Genesi 3,9-15.20; Salmo 97; Efesini 1,3-6.11-12; Luca 1,26-38
Oggi il calendario liturgico prevede la solennità dell'Immacolata Concezione di Maria. Maria è il modello del credente che accoglie la Parola e la vive ogni giorno, che con la fede diventa una creatura nuova, capace di superare le contraddizioni della vita e che porta nel mondo testimonianza di luce ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 05-12-2013)
Video commento su Mt 3,1-12
...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 01-12-2013)
Ruminare i Salmi - Salmo 72,1 (II domenica di avvento, anno A)
Ruminare i Salmi - Salmo 72 (Vulgata / liturgia 71),1 (II domenica di avvento, anno A) CEI O Dio, affida al re il tuo diritto, al figlio di re la tua giustizia TILC O Dio, fa' comprendere al re le tue leggi, mettigli in bocca i tuoi stessi giudizi. NV Deus, iudicium tuum regi da et iustitiam ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 05-12-2010)
Video commento su Mt 3,1-12
...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 05-12-2010)
Convertitevi: il regno dei cieli è vicino!
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 05-12-2010)
2 Domenica di Avvento (Anno A)
Siamo nella periferia di Lima, Perú, nel quartiere Amauta, in un locale di stuoie e pavimento sterrato, con un gruppo di bambini e bambine lavoratrici (8-13 anni), che dopo la scuola passano pomeriggi interi a vendere caramelle sui bus, a portare secchi d'acqua al cimitero o a spennare polli al merc ...
(continua)
don Mario Campisi     (Omelia del 05-12-2010)
Audio commento su Matteo 3,1-12
Facciamo in modo che le parole di Giovanni ci rendano vivi veramente e non come quei finti fiori del negozio natalizio, belli fuori ma morti dentro...e alla fine solo decorativi. Abbiamo bisogno di profeti, e numerosi profeti ancora abitano le nostre grigie città. Persone all'apparenza normali e c ...
(continua)
don Daniele Muraro     (Omelia del 05-12-2010)
Convertirsi
I suoi contemporanei ascoltano da Giovanni Battista appelli così veementi che non possono trascurarlo. La sua predicazione è piena di immagini. Egli però non mira a stupire, vuole convertire, ossia cerca in tutti i modi di favorire l'accoglienza nei confronti del Messia che viene. Questo è il suo s ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 05-12-2010)
Audio commento su Matteo 3,1-12
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 05-12-2010)

Contesto La figura al centro dell'attenzione in questa seconda domenica di Avvento è Giovanni Battista; Matteo ce lo presenta all'improvviso nei primi versetti del capitolo terzo dove ha inizio il racconto del ministero pubblico di Gesù ( i primi due capitoli sono infatti dedicati alla sua infanzia ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 05-12-2010)
Non siamo fiori finti?
Clicca qui per la vignetta della settimana. In parrocchia con i giovani e adolescenti stiamo preparando i segni natalizi che poi verranno dati nei giorni delle feste a tutti i parrocchiani. Per questo motivo negli ultimi giorni sono stato diverse volte in un grandissimo negozio del paese special ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 05-12-2010)
Portatori di un pezzetto di cielo
La liturgia di di oggi alimenta la nostra speranza. Possiamo raccoglierla, credo, attorno alla parola armonia. La prima lettura profetizza un'armonia (così come immagino sia pensata, desiderata da Dio): s. Paolo, scrivendo ai Romani chiede anche a noi di essere responsabili di questa armonia (è un c ...
(continua)
don Luigi Trapelli     (Omelia del 05-12-2010)
Commento su Matteo 3,1-12
Il Vangelo di questa seconda domenica di avvento ci presenta la figura di Giovanni il Battista. Giovanni predica la conversione e opera un battesimo che prepari la gente ad accogliere il Signore. Giovanni appare nel deserto. Il deserto è il luogo della solitudine, ma anche dell'incontro tra Dio e il ...
(continua)
LaParrocchia.it     (Omelia del 05-12-2010)
Il Regno dei cieli è dentro di noi
Nella pagina di Vangelo che abbiamo ascoltato si incontra per la prima volta un'espressione così delicata che pare riesca a smorzare la rude violenza delle parole che Giovanni il Battezzatore (il quale aveva peli nel vestito ma non sulla lingua) gridò a lungo sulle rive del Giordano. Si tratta di u ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 05-12-2010)
Convertitevi...preparate la via del Signore
Nel cammino dell'Avvento, oggi ci aiuta Giovanni Battista: "Voce di uno che grida nel deserto: preparate la via del Signore" (Mt 3,3). Voce che grida nel deserto! Sembra una definizione ­scoraggiante. A che serve gridare nel deserto? Eppure Giovanni si presenta proprio così e non si scoraggia. Infat ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 05-12-2010)
La vera conversione
"Bisogna rimettere Dio al primo posto, allora tutto cambierà" (Papa Benedetto XVI). La vera conversione di cui parla oggi la liturgia della seconda domenica di Avvento consiste essenzialmente in questo. Bisogna ricominciare a "cercare le parole di Dio per farle riflettere come realtà nella propria v ...
(continua)
don Valentino Porcile     (Omelia del 05-12-2010)
Video commento a Mt 3,1-12
...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 05-12-2010)
La buona notizia del Dio vicino
La frase centrale dell'an­nuncio del Battista suo­na così: il regno dei cie­li è vicino, convertitevi. Sono le stesse parole con cui ini­zierà la predicazione di Ge­sù. Dio è vicino, prima buona notizia. Il grande Pellegrino ha camminato, ha consumato distanze. Per ora, solo il profeta vede i passi ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 05-12-2010)
Convertitevi, perché Dio è vicino
Nel cammino verso il Natale - questo Dono incredibile e meraviglioso che il Padre ci ha fatto, Gesù, uomo tra noi, che condivide tutto di noi, per riportarci come figli a Casa - Dio ci chiede un cambiamento totale. Conosciamo tutti per esperienza come è facile oscurare Dio in noi, fino quasi ad igno ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 05-12-2010)
Contro ogni ipocrisia
Adesso si comincia a fare sul serio. Almeno, a giudicare dalle parole di Giovanni il Battista, il quale usa termini certamente poco "morbidi" con chi accorre a lui per farsi battezzare e intraprendere un cammino di conversione in vista di un Regno dei Cieli oramai imminente. È anche vero che Giovann ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 05-12-2010)

Oggi il Vangelo ci parla di Giovanni Battista che è stato un grande perché ha saputo vedere e capire quali erano i bisogni del suo popolo, tant'è vero che tutti andavano da lui. Vede che ci sono sempre più poveri e situazioni d'ingiustizia, per cui pensa: "Se lo vedo io, lo vede anche il Signore e c ...
(continua)
Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 05-12-2010)
Giovanni il Battista predicava nel deserto
Il vangelo odierno ci presenta l'austera figura di Giovanni Battista, cugino di Gesù e suo Precursore. Egli vive nell'aspro deserto della Giudea, la regione sassosa e brulla che, ad est dell'altipiano omonimo, scende verso la vallata del Giordano e il Mar Morto. Si nutre di cavallette arrostite e mi ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 05-12-2010)
Convertirsi allo stupore
E' da diverse ore che non smette di nevicare. Ho un sacco di cose da fare questa mattina, ma non riesco a staccare lo sguardo dalla finestra. Mi piace questo manto bianco che arrotonda gli spigoli, che si adagia leggero quasi chiedendo il permesso. Il cortile dell'oratorio è un unico e compatto tapp ...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 05-12-2010)
Convertirsi e sognare
E' arrivato. Inaspettato come sempre il tempo dell'avvento è iniziato. Da subito, con il vangelo della scorsa settimana, siamo stati messi in guardia: occhio che il Natale non arrivi e si finisca come ai tempi di Noè, quando mangiavano e bevevano senza accorgersi del diluvio. Resta in ascolto che ...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 05-12-2010)
Convertirsi e sognare
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 05-12-2010)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di Padre Alvise Bellinato LE DIFFICOLTA' NATURALI DI RELAZIONE In questi giorni i giornali e le tv di tutto il mondo stanno rivelando la grande fuga di notizie, pubblicata da Wikileaks: rapporti di ambasciate varie e di funzionari dei servizi segreti descrivono i " ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 05-12-2010)

Accendiamo oggi la seconda candela della corona d'Avvento e pensiamo che siamo già nel mezzo del cammino che ci porterà alla gioia per la nascita di Gesù Bambino. Oggi la liturgia, proponendoci un brano del Vangelo di Marco, accende i riflettori su un personaggio biblico molto interessante: Giovann ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 05-12-2010)
Se mi ami mi devi insegnare a volare
I vangeli che ci conducono al Natale hanno due riferimenti: Giovanni Battista (questa domenica e la prossima) e Maria (l'Immacolata e la domenica prima di Natale). Per andare al Natale noi dobbiamo confrontarci, cioè metterci davanti, di fronte, specchiarci in queste due figure. Giovanni Battista è ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 05-12-2010)
Video commento a Mt 3,1-12
...
(continua)
don Luca Orlando Russo     (Omelia del 05-12-2010)
«Voce di uno che grida nel deserto»
La figura del Battista rappresenta uno dei personaggi più importanti del tempo di avvento. Nel vangelo di Matteo il Messia è annunciato da Giovanni che con la sua predicazione e con il battesimo nell'acqua prepara gli uomini che accolgono il suo annuncio e si lasciano immergere nell'acqua del Giorda ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 05-12-2010)
Il lupo e l'agnello
Tre sono i personaggi al centro dell'Avvento: il profeta Isaia, San Giovanni Battista e la Vergine Maria. Su Maria si concentra ad esempio la solennità dell'Immacolata, il prossimo mercoledì; degli altri due parlano già le letture di oggi. Il vangelo (Matteo 3,1-12) presenta il Battista, al suo app ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 05-12-2010)

Giovanni il grande. Il Vangelo oggi lo mostra incastonato nel progetto della storia della salvezza. Giovanni è grande, per le parole profetiche che lo avevano annunciato e per quelle da lui stesso gridate, nel deserto, con forza di fuoco e di vento! Il luogo della sua predicazione è il deserto, vast ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 05-12-2010)
Il regno dei cieli è vicino
In questo tempo d'Avvento, chi ci parla nel Vangelo, non è Gesù, ma Giovanni Battista, messaggero di salvezza che ne prepara la venuta. E' il profeta dell'Altissimo per eccellenza perché, se gli altri annunciavano Colui che doveva venire, il Battista fu testimone della Sua venuta e lo indicò come Co ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 05-12-2010)
Vieni, Signore, re di giustizia e di pace!
Quella del titolo è l'invocazione che la liturgia ci fa ripetere come ritornello nel salmo responsoriale. Che cosa attende l'uomo dalla venuta del Salvatore? Anzitutto una società secondo l'immagine che viene presentata dal brano del profeta Isaia. Qui le esigenze della collettività, come dei singol ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 05-12-2010)
Video commento a Mt 3,1-12
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 05-12-2010)
Giovanni ci guida e ci sprona
Verrà presto Dio a visitarci e instaurerà un ordine di pace e di salvezza. Questo è il messaggio di novità e di gioia che comunica il profeta Isaia (I Lettura) attraverso immagini metaforiche singolari e convincenti: "Il lupo dimorerà insieme con l'agnello; il leopardo si sdraierà accanto al caprett ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 05-12-2010)
Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco
La storia è in tutto simile ad un canale pieno di fango. Cosa facciamo noi ad attraversarlo così da poter giungere all'altra riva dell'eternità? Entriamo in esso puliti, lindi, agghindati con somma cura come bambini di prima comunione. Anche la nostra anima è candida, santa. I nostri pensieri puri, ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 05-12-2010)
Video commento a Mt 3,1-12
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 05-12-2010)
Commento su Is 11,1-10; Rm 15,4-9; Mt 3,1-12
Il brano che più ci ha colpito nelle letture di questa domenica è il passo del profeta Isaia. Una profezia molto coinvolgente, incredibile e insperata. Ragione umana non può certamente ritenere attuabili le immagini che il profeta disegna nella mente del lettore: il lupo con l'agnello, il leone e i ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 09-12-2007)
Integri e irreprensibili per il giorno di Cristo
In questo tempo d'Avvento, chi ci parla nel Vangelo non è Gesù, ma Giovanni Battista, messaggero di salvezza che ne prepara la venuta. "In quel tempo (...) la parola di Dio scese su Giovanni, figlio di Zaccaria, nel deserto. Ed egli percorse tutta la regione del Giordano predicando un battesimo di c ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 09-12-2007)
Il richiamo del profeta
Cambiare il vestito esteriore senza cambiare la mentalità della vita. Giovanni Battista annuncia il cambiamento esteriore che corrisponde a quello interiore: quello fuori e quello dentro la persona: ecco la sintonia tra il suo vestire e il suo messaggio. Spesso l'esteriorià nasconde quello che ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 09-12-2007)
Convertitevi
Carissimi, la scorsa settimana la Parola di Dio ci ha investito come un bomba di caffeina per svegliarci dal sonno e prepararci ad accogliere il Veniente. In questa nuova domenica siamo raggiunti dal grido forte e inquietante di Giovanni Battista, cugino asceta del Rabbì che amava i banchetti. Vi ...
(continua)
   > Translate this page (italian > english) with Google