LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 31 Luglio 2022 <

Venerdì 29 Luglio 2022

Sabato 30 Luglio 2022

Domenica 31 Luglio 2022

Lunedì 1 Agosto 2022

Martedì 2 Agosto 2022

Mercoledì 3 Agosto 2022

Giovedì 4 Agosto 2022

Venerdì 5 Agosto 2022

Sabato 6 Agosto 2022

Domenica 7 Agosto 2022

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  XVIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Verde
CO180 ;

Il messaggio essenziale del Vangelo di oggi è talmente chiaro che, in realtà, non ha bisogno di interpretazione: “Guardatevi e tenetevi lontano da ogni cupidigia, perché la vita di un uomo non dipende dai suoi beni”. E “arricchitevi davanti a Dio!”.
Ma, siccome conquistare dei beni è un’aspirazione fondamentalmente umana, vale quindi la pena entrare nei dettagli della parabola del ricco stolto raccontata da Gesù. La ricchezza conferisce agli uomini una certa sicurezza, permette loro di disporre della propria vita, di non dipendere completamente dagli altri o dallo Stato, di organizzare la propria sfera di vita, di occuparsi di cose che fanno loro piacere, di concretizzare grandi missioni o grandi scopi. In questa misura, i beni sono necessari per una giusta esistenza. Gesù non mette in questione il buon impiego dei beni e delle ricchezze. Ma afferma che beni e ricchezze portano gli uomini a sentirsi lontani da Dio e dal prossimo, a pensare di essere assicurati contro la miseria, la vecchiaia e la morte e a soddisfare i piaceri di questo mondo. E ancora, per molti uomini, il successo materiale è il simbolo della benedizione di Dio. Pensano di avere compiuto bene il loro ruolo nella vita quando acquisiscono ricchezza e considerazione. E che Dio non possa pretendere di più da loro. Ora, anche per essi, il principale comandamento è l’ultimo criterio che permetterà di giudicare la loro vita.
Ecco perché la ricchezza deve essere per ognuno un mezzo di azione: un mezzo per impegnarsi per gli altri. Aiutando coloro che sono nello sconforto e condividendo con generosità, si sarà veramente ricchi: ricchi agli occhi di Dio.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
O Dio, vieni a salvarmi,
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Tu sei mio aiuto e mio liberatore:
Signore, non tardare.


Colletta
Mostra la tua continua benevolenza, o Padre,
e assisti il tuo popolo,
che ti riconosce creatore e guida;
rinnova l'opera della tua creazione
e custodisci ciò che hai rinnovato.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

Oppure (Anno C):
O Dio, fonte della carità,
che in Cristo tuo Figlio
ci chiami a condividere la gioia del Regno,
donaci di lavorare con impegno in questo mondo,
affinché, liberi da ogni cupidigia,
ricerchiamo il vero bene della sapienza.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

Qo 1,2;2,21-23
Quale profitto viene all’uomo da tutta la sua fatica?

Dal libro del Qoèlet

Vanità delle vanità, dice Qoèlet,
vanità delle vanità: tutto è vanità.
Chi ha lavorato con sapienza, con scienza e con successo dovrà poi lasciare la sua parte a un altro che non vi ha per nulla faticato. Anche questo è vanità e un grande male.
Infatti, quale profitto viene all’uomo da tutta la sua fatica e dalle preoccupazioni del suo cuore, con cui si affanna sotto il sole? Tutti i suoi giorni non sono che dolori e fastidi penosi; neppure di notte il suo cuore riposa. Anche questo è vanità!

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 89

Signore, sei stato per noi un rifugio di generazione in generazione.

Tu fai ritornare l’uomo in polvere,
quando dici: «Ritornate, figli dell’uomo».
Mille anni, ai tuoi occhi,
sono come il giorno di ieri che è passato,
come un turno di veglia nella notte.

Tu li sommergi:
sono come un sogno al mattino,
come l’erba che germoglia;
al mattino fiorisce e germoglia,
alla sera è falciata e secca.

Insegnaci a contare i nostri giorni
e acquisteremo un cuore saggio.
Ritorna, Signore: fino a quando?
Abbi pietà dei tuoi servi!

Saziaci al mattino con il tuo amore:
esulteremo e gioiremo per tutti i nostri giorni.
Sia su di noi la dolcezza del Signore, nostro Dio:
rendi salda per noi l’opera delle nostre mani,
l’opera delle nostre mani rendi salda.

>

Seconda lettura

Col 3,1-5.9-11
Cercate le cose di lassù, dove è Cristo.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Colossèsi

Fratelli, se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove è Cristo, seduto alla destra di Dio; rivolgete il pensiero alle cose di lassù, non a quelle della terra.
Voi infatti siete morti e la vostra vita è nascosta con Cristo in Dio! Quando Cristo, vostra vita, sarà manifestato, allora anche voi apparirete con lui nella gloria.
Fate morire dunque ciò che appartiene alla terra: impurità, immoralità, passioni, desideri cattivi e quella cupidigia che è idolatria.
Non dite menzogne gli uni agli altri: vi siete svestiti dell’uomo vecchio con le sue azioni e avete rivestito il nuovo, che si rinnova per una piena conoscenza, ad immagine di Colui che lo ha creato.
Qui non vi è Greco o Giudeo, circoncisione o incirconcisione, barbaro, Scita, schiavo, libero, ma Cristo è tutto e in tutti.

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Mt 5,3)
Alleluia, alleluia.
Beati i poveri in spirito,
perché di essi è il regno dei cieli.
Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Lc 12,13-21
Quello che hai preparato, di chi sarà?


+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, uno della folla disse a Gesù: «Maestro, di’ a mio fratello che divida con me l’eredità». Ma egli rispose: «O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?».
E disse loro: «Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede».
Poi disse loro una parabola: «La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante. Egli ragionava tra sé: “Che farò, poiché non ho dove mettere i miei raccolti? Farò così – disse –: demolirò i miei magazzini e ne costruirò altri più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni. Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; ripòsati, mangia, bevi e divèrtiti!”. Ma Dio gli disse: “Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?”. Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Gesù ci chiede di non lasciare che le difficoltà o le soddisfazioni ci facciano perdere di vista la gioia che ci guida e ci attende: l’amore di Dio.
Preghiamo insieme e diciamo: Donaci, Signore, la sapienza del cuore.

1. Perché la scienza non ci illuda che la felicità è una questione di causa ed effetto. Preghiamo.
2. Perché le logiche della razionalità economica non ci facciano dimenticare che le persone non sono né risorse né problemi, ma fratelli. Preghiamo.
3. Perché la pazienza necessaria a raccogliere i frutti della bontà non ci faccia mai sentire degli sciocchi rispetto ai disonesti. Preghiamo.
4. Perché la morte non sia occasione di tremendo turbamento o una preoccupazione da scacciare, ma un utile metro di giudizio su ciò per cui vale veramente spendere il nostro tempo. Preghiamo.

O Padre, la stretta delle necessità di ogni giorno e la sensazione di precarietà di fronte alla forza della natura ci fanno sentire inermi. Fa’ che il nostro rapporto con te sia sorgente di sicurezza e di pace. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Santifica, o Signore, i doni che ti presentiamo
e, accogliendo questo sacrificio spirituale,
trasforma anche noi in offerta perenne a te gradita.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona alla comunione
Ci hai mandato, Signore, un pane dal cielo,
un pane che porta in sé ogni dolcezza
e soddisfa ogni desiderio. (Cf. Sap 16,20)

Oppure (Anno C):
«Fatevi un tesoro sicuro nei cieli»,
dice il Signore. (Lc 12,33)


Preghiera dopo la comunione
Accompagna con la tua continua protezione, o Signore,
i tuoi fedeli che nutri con il pane del cielo,
e rendi degni della salvezza eterna
coloro che non privi del tuo aiuto.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Agenzia SIR     (Omelia del 04-08-2019)

Cosa conta di più nella vita dell'uomo e dà senso alla sua esistenza? In che cosa consiste la vera saggezza umana su cui fondare il proprio stile di vita? La risposta la troviamo nei testi biblici di questa Messa. Il brano del Qoelet ci avverte che tutte le cose terrene, su cui gran parte degli uomini pensano di poggiare le certezza della propria vita, so ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 04-08-2019)
Soldi Soldi
Clicca qui per la vignetta della settimana. La canzone che ha vinto il Festival di Sanremo di quest'anno 2019 ed è arrivata seconda al Festival Europeo della canzone, si intitola "Soldi" ed è scritta e interpretata da un giovane cantante Alessandro Mahmoud. Leggendo il Vangelo di questa domenica mi è venuto in mente subito il ritornello ritmato che fin da ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 04-08-2019)
Video commento a Lc 12,13-21
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 04-08-2019)
Video commento a Lc 12,13-21
...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 04-08-2019)
Commento su Luca 12,13-21
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 04-08-2019)
Audio commento alla liturgia - Lc 12,13-21
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 04-08-2019)
Accendere la relazione
Siamo, ricorderete, all'interno di un viaggio che Gesù ha intrapreso in modo deciso, un viaggio durante il quale dice ai suoi discepoli e anche a noi, cose fondamentali, passi fondamentali: il passo della preghiera (ama Dio, Padre nostro) e il passo della compassione (ama il prossimo), passi che nella preghiera comunitaria chiediamo muovano la nostra vita, l ...
(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 04-08-2019)
Pensate alle cose di lassù e non a quelle della terra!
L'evangelista Luca scrive che dalla folla che attornia Gesù si leva una richiesta: «Maestro, di' a mio fratello che divida con me l'eredità»; egli però risponde: «O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?» e continua dicendo: «Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell'abbondanza, la sua vita non dip ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 04-08-2019)
Non si fanno i conti senza l'oste...
"Ho lavorato tutta una vita, anche con grandi sacrifici, purché ai miei figli e alla mia famiglia non mancasse nulla, e così è stato. Ora è arrivato il momento di un meritato riposo, e mi sembra giusto che possa godere dei frutti dei miei sacrifici, senza più l'assillo di alzarmi presto al mattino per timbrare, o la molestia di dovermi fermare fino a tardi i ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 04-08-2019)
Il tempo è uno spazio da vivere!
Quanto tempo perdiamo (a pensare agli altri, a pensare alle cose...) e quanto poco tempo a Dio. Vogliamo tutti somigliarci e crediamo di essere originali. Ci imitiamo nel modo di parlare, nel modo di vivere, di vestire, di fare... seguiamo le mode per sentirci parte di un tutto e confrontarci, seguiamo gli stessi programmi tv o gli stessi personaggi sui s ...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 04-08-2019)
Commento alle letture - XVIII Domenica del Tempo Ordinario (Anno C)
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 04-08-2019)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura delle Clarisse di Via Vitellia Nel vangelo di oggi sentiamo dapprima di una eredità che divide due fratelli, poi di un uomo che, tutto preoccupato di accumulare per sé, non pensa ai suoi beni come eredità per altri. Dove c'è eredità di beni c'è una morte, c'è qualcuno che ha compiuto il passaggio della soglia estre ...
(continua)
Luca Rubin     (Omelia del 04-08-2019)
Possiedi o sei posseduto?
A causa di una lettura superficiale e a interpretazioni errate proposte lungo i secoli, il vangelo è ritenuto dai più una guida non attendibile riguardo al denaro e al suo investimento, anzi, è relegato a una vita più o meno spirituale, eterea, senza alcun riferimento alla vita reale in questo mondo. Ebbene, non c'è niente di più falso, e questa pagina ce lo ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 04-08-2019)
Commento su Luca 12,13-21
Ci viene sottoposto nella parabola, che il Signore ci offre un tema da sempre spinoso: l'eredità., Con l'eredità si faceva riferimento in quei tempi all'identità delle persone. Pensiamo alla disputa della vigna di cui narra il libro dei Re. Acab, re di Samaria, voleva la vigna di Nabot, ma il diniego di questo ultimo era dovuto al fatto che non si voleva ce ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 04-08-2019)
Una Chiesa libera, nelle mani di Dio
Fortunato e saggio è, per la mentalità corrente, chi accumula divorato dalla nevrosi del possesso e del consumo. Una persona strutturata in questo modo trova la sua felicità nell'avere e nell'avere sempre di più. Per alcuni questo modo di vivere è normale; per altri, anche se poveri, un modo di pensare così, incide ugualmente nella vita, togliendo la serenit ...
(continua)
don Gaetano Luca (Amore)     (Omelia del 04-08-2019)

...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 04-08-2019)
Commento al Vangelo del 4 agosto
...
(continua)
mons. Erio Castellucci diocesi di Modena-Nonantola     (Omelia del 04-08-2019)
E quello che hai preparato di chi sarà?
...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 04-08-2019)
Accumulatori o erogatori di beni?
Quest'anno in Terra Santa abbiamo avuto un incontro a sorpresa. Abbiamo potuto scambiare due chiacchiere con Mons. Pierbattista Pizzaballa, arcivescovo e patriarca latino di Gerusalemme. Un uomo davvero semplice, figlio di S. Francesco in tanti sensi. A chi gli ha domandato circa le complesse problematiche delle relazioni tra ebrei, arabi e cristiani, ha ris ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 04-08-2019)
Cercatori di cose eterne
La parola di questa domenica XVIII del tempo ordinario, la prima del mese di agosto, il mese delle ferie per eccellenza fa luce su un problema fondamentale per l'uomo, quello dell'avere, del possedere beni terreni e cose materiali, dimenticandosi delle cose che davvero contano davanti a Dio e per l'eternità. Nelle tre letture bibliche c'è un chiaro invito a ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 04-08-2019)
Ricco-povero
Un raccolto abbondante La parabola che Gesù racconta è stupefacente, non tanto per il racconto dalla conclusione scontata quanto per la finezza e l'arguzia spese nei particolari. La struttura è semplice: l'abbondanza del raccolto richiede strutture adeguate ma tutto è inutile perché c'è un limite oltre il quale le cose accumulate non hanno senso. "Noi poss ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 04-08-2019)

Una grande folla si è radunata attorno a Gesù per ascoltarlo. Ad un tratto, un tale vorrebbe che Gesù convincesse il fratello a dividere con lui l'eredità; forse è il fratello maggiore al quale, secondo la Legge, spettano i due terzi dell'eredità e che, forse, non vuol dare al fratello minore la sua parte di eredità. O chissà, forse il fratello minore voleva ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 04-08-2019)
Siamo ricchi solo di ciò che doniamo
In quel tempo, uno della folla disse a Gesù: «Maestro, di' a mio fratello che divida con me l'eredità». Ma egli rispose: «O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?». E disse loro: «Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell'abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede [...]» La cam ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 04-08-2019)
Dalla brama di eredità materiale alla brama di eredità spirituale
Se non siamo assicurati, cioè coperti economicamente, non siamo in regola con la società contemporanea e non stiamo in pace, pensando al nostro futuro. A cominciare dall'INPS, che ci garantisce la pensione per la vecchiaia, in quasi tutti persiste la giusta preoccupazione di avere un fondo personale di risparmio accumulato in banca. Molti altri si fanno l'as ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 04-08-2019)
Video commento su Lc 12,13-21
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 04-08-2019)
Anche questo è vanità
Pur faticosamente, stiamo uscendo - dice l'Istituto di Statistica - dalla lunga crisi economica, che si trascina da anni ma non appare conclusa, se si guarda alla disoccupazione specie giovanile e all'accresciuto numero di quanti vivono in stato di povertà. Confidando che la situazione migliori rapidamente, e considerando che - tanto o poco - tutti possediam ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 04-08-2019)
La Parola - Commento al Vangelo di Luca (Lc 12,13-21)
...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 04-08-2019)
Commento su Luca 12,13-21
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 04-08-2019)
Siamo una piccola parentesi in Dio
Immaginare quanto sia vecchio il nostro pianeta e considerare che la prima forma di vita sia sorta "solamente" un miliardo e mezzo di anni or sono, a mio giudizio non può che indurci a una conclusione: noi siamo solo una parentesi fugace in un momento sperduto dell'eternità. La specie umana è sorta in un determinato eone della vita di questo pianeta, si è ev ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 04-08-2019)
Commento su Luca 12,13-21
Cosa conta di più nella vita dell'uomo e dà senso alla sua esistenza? In che cosa consiste la vera saggezza umana su cui fondare il proprio stile di vita? La risposta la troviamo nei testi biblici di questa Messa. Il brano del Qoelet ci avverte che tutte le cose terrene, su cui gran parte degli uomini pensano di poggiare le certezza della propria vita, so ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 04-08-2019)
Videocommento su Lc 12,13-21
...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 31-07-2016)
Commento su Luca 12,13-21
...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 31-07-2016)
Tanta-roba, gente!
La roba. Tanta-roba, ma così tanta che pare impervio persino azzardarne una valutazione: «La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante». L'abbondanza, nei Vangeli, è non-misura, il tratto tipico del Dio Nazareno: l'esagerazione, l'inaspettato, il raddoppiamento della sorpresa. Non piena di grazia, bensì moltiplicazione di grazia fu Maria, d ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 31-07-2016)
Audio commento alla liturgia - Lc 12,13-21
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 31-07-2016)
Non c'è futuro per chi accumula per sé
Credo sia significativo che in questo tempo estivo che vede molte persone mettersi in viaggio, per godere di un tempo di meritato riposo, per vivere un tempo più prolungato ed "effettivo" in famiglia o anche solo per, come si dice, staccare la spina, il vangelo di Luca ci coinvolge settimanalmente dentro un altro viaggio, quello di Gesù. in questo viaggio, ( ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 31-07-2016)
Video commento a Lc 12,13-21
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 31-07-2016)
Risorti con Cristo e ricchi di umanità
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 31-07-2016)

Nel Vangelo di oggi, tutto ha inizio da una domanda di uno della folla che, approfittando della presenza autorevole di Gesù, pone una spinosa questione di eredità, tema tanto antico quanto nuovo. Quest'uomo ha un fratello, con cui dovrebbe dividere l'eredità; ma i due non riescono proprio ad accordarsi. Gesù sembra non voler rispondere; in realtà porta la qu ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 31-07-2016)
Commento su Luca 12,13-21
In quel tempo, uno della folla disse a Gesù: «Maestro, di' a mio fratello che divida con me l'eredità». Ma egli rispose: «O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?». Gesù non è venuto per fare il divisore, e non c'è bisogno di lui per capire se sto facendo la cosa giusta o non. Il fratello maggiore aveva diritto a due terzi; il minore ...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 31-07-2016)
Video commento alla liturgia - Lc 12,13-21
...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 31-07-2016)
In chi hai posto la tua fiducia?
Vatti a fidare degli uomini... Anche riguardo alla persona più affidabile di questo mondo, anche per il parente più stretto, chi di noi metterebbe la mano sul fuoco? Sì, sicuramente abbiamo tutti un amico più caro degli altri, o una persona della quale possiamo dire "Questa non mi tradirà mai"; purtroppo, però, l'imprevedibilità e soprattutto la debolezza de ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 31-07-2016)
Siamo veramente ricchi solo di ciò che doniamo
La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante. Egli ragionava tra sé: «Come faccio? Ho troppo. Ecco, demolirò i miei magazzini e ne ricostruirò di più grandi». Così potrò accumulare e trattenere. Scrive san Basilio: «E se poi riempirai anche i nuovi granai, che cosa farai? Demolirai ancora e ancora ricostruirai? Con cura costruire, poi con c ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 31-07-2016)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Marco Simeone Questa domenica il vangelo è strano, è chiarissimo, come ogni volta che si parla di cose vicine a noi, tipo i soldi o la giustizia sociale, tutto si sfuma, diventa bello, ma sarebbe giusto che fosse così anche con altre cose. Ci avete fatto caso che le encicliche che parlano di dottrina sociale son ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 31-07-2016)
Tra sé o con altri
Disse loro una parabola L'incontro con uno della folla, la richiesta e la conseguente risposta evidenzia uno degli aspetti tipici di Luca nei confronti del denaro. «Beati voi poveri, perché vostro è il regno di Dio» (Lc 6,20). I poveri sanno di non bastare a se stessi, riconoscono di avere bisogno della salvezza, hanno bisogno degli altri, vivono delle rela ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 31-07-2016)
Commento su Luca 12,13-21
Non capita spesso, anzi, è molto raro che le tre letture della Messa ruotino tutte intorno ad uno stesso tema: questa domenica l'oggetto della nostra riflessione è il rapporto tra la vita presente e la vita eterna; rapporto inteso non in senso (solo) teologico, metafisico, ma umano, pratico. Detto senza mezzi termini, ci pensiamo mai alla vita eterna? ci fe ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 31-07-2016)
Video commento su Lc 12,13-21
...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 31-07-2016)
La vera ricchezza che arricchisce in terra e in cielo
Il tema della ricchezza e all'attaccamento alle cose del mondo e della terra, di questa esistenza temporanea e transeunte che caratterizza il nostro pellegrinaggio vitale è al centro della parola di Dio di questa XVIII domenica del tempo ordinario, che capita con l'ultim giorno del mese di luglio. Come la bibbia affronti questo argomento, lo sappiamo benissi ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 31-07-2016)
Video Commento a Lc 12, 13 - 21
...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 31-07-2016)
Commento su Qoelet 1,2; 2,21-23; Luca 12,13-21
Oggi la liturgia ci propone il tema della sicurezza. Chi non cerca sicurezza? E' uno dei bisogni fondamentali dell'uomo. La realtà è che noi siamo portati a cercare la sicurezza nella ricchezza, nei beni, mentre queste sono false sicurezze. Il messaggio è che dobbiamo crescere come nell'utero della madre, il tempo in questa vita ci è dato per crescere com ...
(continua)
Michele Antonio Corona     (Omelia del 31-07-2016)

Intorno a Gesù si è assiepata la consueta marea di gente che lo ascolta e lo interroga. Ognuno coi propri problemi, le proprie questioni, interrogativi e richieste. Quando si trova una persona che ascolta in modo vero, il cuore si apre e vi sgorgano anche gli aneliti più nascosti. Un anonimo viene investito dal desiderio di chiedere a Gesù ciò che più gli st ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 31-07-2016)
Un promemoria sui beni materiali
Stando alle rilevazioni statistiche stiamo, pur faticosamente, uscendo dalla lunga crisi economica: che tuttavia ancora ci attanaglia, con gravi corollari quali la disoccupazione specie giovanile e l'accresciuto numero di quanti vivono in stato di povertà. Confidando che la situazione migliori rapidamente, e considerando che - tanto o poco - tutti possediamo ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 31-07-2016)
La Parola - commento a Lc 12,13-21
Commento a cura di padre Giulio Cattozzo, superiore Comunità dei frati minori conventuali di san Lorenzo, Vicenza. Registrato nel chiostro del Tempio di san Lorenzo, Vicenza ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 31-07-2016)
Sulla Tua Parola - Lc 12,13-21
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 31-07-2016)
"Perché in Dio sta tutto l'uomo"
Interpretando il pensiero sapiente del re Salomone, l'autore ignoto del libro del Qoelet delinea una visione pessimistica della vita, che viene compendiata con questa famosissima espressione, cantata anche da Branduardi e sfruttata anche in un certo romanzo letterario: "Vanità delle vanità, tutto è vanità" perché ogni cosa che accade nel mondo è relativa e l ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 31-07-2016)
Video commento su Luca 12,13-21
...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 31-07-2016)
#StradeDorate - Commento su Luca 12,13-21
...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 31-07-2016)

La misura di vita indicata in questo Vangelo è alta quanto Dio. Se non c'è cattiveria a dividere l'eredità tra fratelli, il problema è quello del ricco che accumula con l'avidità insaziabile di accumulare. Chi ha scelto Cristo e vive della condizione di risorto, cerca le cose rinate e custodite, con Gesù, in Dio. La parte di noi che appartiene alla terra, è ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 31-07-2016)
Commento su Qo 1,2;2,21-23; Sal 89; Col 3,1-5.9-11; Lc 12,13-21
La liturgia di questa diciottesima giornata de tempo ordinario ci propone delle letture che caratterizzano questa festività, secondo alcuni, come la domenica "della contestazione", secondo altri, si potrebbe anche appellare come domenica "della vera vita in abbondanza". Noi siamo, nonostante i tempi incerti, pieni di iniziative per il futuro, che non permet ...
(continua)