LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 21 Maggio 2022 <

Giovedì 19 Maggio 2022

Venerdì 20 Maggio 2022

Sabato 21 Maggio 2022

Domenica 22 Maggio 2022

Lunedì 23 Maggio 2022

Martedì 24 Maggio 2022

Mercoledì 25 Maggio 2022

Giovedì 26 Maggio 2022

Venerdì 27 Maggio 2022

Sabato 28 Maggio 2022

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Sabato della V settimana di Pasqua

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Bianco
EP056 ;
Una fede da proteggere e diffondere con la spada è ben debole. La storia è del resto consapevole del paradosso che fa sì che la fede cristiana diventi più forte quando è perseguitata. Il sangue dei martiri, scriveva Tertulliano, è seme di cristiani. Ai giorni nostri, il termine “martire” è usato per definire chiunque soffra e muoia per una “causa”, che può essere l’idea di nazione, la rivoluzione sociale, persino la “guerra santa” caldeggiata dai fanatici. Ma simili martiri sono causa di sofferenze maggiori di quelle inflitte a loro stessi. Il vero martire (dal greco, che significa testimone) soffre semplicemente perché è cristiano: testimone di Cristo.
Il nostro secolo è stato davvero il secolo del martirio, con innumerevoli martiri, come i cristiani armeni in Turchia, i cattolici in Messico, nella Germania nazista, nell’ex Unione Sovietica e nell’Europa dell’Est, in Cina, in Corea, in Vietnam, in Sudan... L’elenco potrebbe continuare. E, per restare vicino a noi, molti sono coloro che affrontano un martirio “bianco”, cioè senza spargimento di sangue, tentando semplicemente di vivere la fede in un mondo sempre più ateo o predicando le esigenze integrali dell’insegnamento della Chiesa nel campo della morale, avendo per fondamento la rivelazione di Cristo. Non dobbiamo essere sorpresi, ma piuttosto rallegrarci ed essere felici: è questo che egli ci ha promesso.

Ricevi la Liturgia via mail >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Sepolti con Cristo nel Battesimo,
con lui siete anche risorti
mediante la fede nella potenza di Dio,
che lo ha risuscitato dai morti. Alleluia. (Col 2,12)


Colletta
Dio onnipotente ed eterno,
che nella rigenerazione battesimale
ci hai comunicato la tua stessa vita,
concedi a coloro che hai reso giusti con la tua grazia,
disponendoli alla vita immortale,
di giungere da te guidati alla pienezza della gloria.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

At 16,1-10
Vieni in Macedonia e aiutaci!

Dagli Atti degli Apostoli

In quei giorni, Paolo si recò a Derbe e a Listra. Vi era qui un discepolo chiamato Timòteo, figlio di una donna giudea credente e di padre greco: era assai stimato dai fratelli di Listra e di Icònio. Paolo volle che partisse con lui, lo prese e lo fece circoncidere a motivo dei Giudei che si trovavano in quelle regioni: tutti infatti sapevano che suo padre era greco.
Percorrendo le città, trasmettevano loro le decisioni prese dagli apostoli e dagli anziani di Gerusalemme, perché le osservassero. Le Chiese intanto andavano fortificandosi nella fede e crescevano di numero ogni giorno.
Attraversarono quindi la Frìgia e la regione della Galàzia, poiché lo Spirito Santo aveva impedito loro di proclamare la Parola nella provincia di Asia. Giunti verso la Mìsia, cercavano di passare in Bitìnia, ma lo Spirito di Gesù non lo permise loro; così, lasciata da parte la Mìsia, scesero a Tròade.
Durante la notte apparve a Paolo una visione: era un Macèdone che lo supplicava: «Vieni in Macedònia e aiutaci!». Dopo che ebbe questa visione, subito cercammo di partire per la Macedònia, ritenendo che Dio ci avesse chiamati ad annunciare loro il Vangelo.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 99

Acclamate il Signore, voi tutti della terra.

Acclamate il Signore, voi tutti della terra,
servite il Signore nella gioia,
presentatevi a lui con esultanza.

Riconoscete che solo il Signore è Dio:
egli ci ha fatti e noi siamo suoi,
suo popolo e gregge del suo pascolo.

Perché buono è il Signore,
il suo amore è per sempre,
la sua fedeltà di generazione in generazione.

Canto al Vangelo (Col 3,1)
Alleluia, alleluia.
Se siete risorti con Cristo,
cercate le cose di lassù,
dove è Cristo, seduto alla destra di Dio.
Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Gv 15,18-21
Voi non siete del mondo, ma vi ho scelti io dal mondo.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:
«Se il mondo vi odia, sappiate che prima di voi ha odiato me. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; poiché invece non siete del mondo, ma vi ho scelti io dal mondo, per questo il mondo vi odia.
Ricordatevi della parola che io vi ho detto: “Un servo non è più grande del suo padrone”. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra. Ma faranno a voi tutto questo a causa del mio nome, perché non conoscono colui che mi ha mandato».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Il Signore Gesù ha promesso a coloro che sono suoi discepoli l'odio del mondo a lui ostile. Preghiamo, dicendo:
Ascoltaci, o Signore.

- Sostieni con la forza del tuo Spirito gli uomini calpestati nei loro diritti e nella loro dignità:
- Apri gli occhi a coloro che combattono la Chiesa e converti il loro cuore:
- Suscita nei tuoi discepoli, oppressi dalla persecuzione, risposte di perdono e di amore:
- Ravviva in tutti coloro che soffrono la speranza e la pazienza:
- Rendi forti i tuoi fratelli di fronte all'odio del mondo:
- Abbi pietà di chi, schiacciato dalla cattiveria e dalla violenza, si è tolto la vita:
- Rincuora chi, per debolezza, ha tradito:
- Metti in guardia la tua Chiesa dalle lodi e dalle blandizie del mondo:
- Ricordaci sempre che la nostra sorte non può essere diversa dalla tua, innocente rifiutato e perseguitato:

O Signore, che ci hai detto che il servo non è più grande del suo padrone, concedi a noi, da te eletti e amati come tuoi amici, di discernere ciò che nel mondo è contro la tua volontà da ciò che invece è conforme alla tua Parola. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
Accogli, Padre misericordioso,
le offerte di questa famiglia,
perché con l’aiuto della tua protezione
custodisca i doni ricevuti e raggiunga quelli eterni.
Per Cristo nostro Signore.

Oppure:
Accogli, o Padre, con l’offerta del pane e del vino,
il rinnovato impegno della nostra vita
e trasformaci a immagine del Signore risorto.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.


PREFAZIO PASQUALE V
Cristo Agnello e sacerdote

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
proclamare sempre la tua gloria, o Signore,
e soprattutto esaltarti in questo tempo
nel quale Cristo, nostra Pasqua, si è immolato.
Offrendo il suo corpo sulla croce,
diede compimento ai sacrifici antichi
e, donandosi per la nostra redenzione,
divenne altare, Agnello e sacerdote.
Per questo mistero,
nella pienezza della gioia pasquale,
l’umanità esulta su tutta la terra
e le schiere degli angeli e dei santi
cantano senza fine l’inno della tua gloria: Santo, ...

Oppure:
PREFAZI DI PASQUA I-IV


Antifona alla comunione
«Padre, prego per quelli che crederanno in me,
perché tutti siano una cosa sola,
e il mondo creda che tu mi hai mandato»,
dice il Signore. Alleluia. (Cf. Gv 17,20-21)

Oppure:
«Se hanno osservato la mia parola,
osserveranno anche la vostra», dice il Signore.
Alleluia. (Gv 15,20)


Preghiera dopo la comunione
Custodisci con instancabile amore, o Padre,
il popolo che hai salvato,
perché coloro che sono stati redenti dalla passione del tuo Figlio
partecipino alla gioia della sua risurrezione.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

Oppure:
O Padre, che ci hai saziati
con il sacramento del Corpo e Sangue
del tuo Figlio unigenito,
nella tua mirabile grazia concedi a noi,
illuminati dalla verità del Vangelo,
di edificare la Chiesa con la testimonianza della vita.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 21-05-2022)
Commento su Gv 15,20- 21
«Ricordatevi della parola che io vi ho detto: "Un servo non è più grande del suo padrone". Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra. Ma faranno a voi tutto questo a causa del mio nome, perché non conoscono colui che mi ha mandato». Gv 15,20- 21 Come vivere questa Parola? Dopo averc ...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 21-05-2022)
Commento al Vangelo 21 maggio 2022
...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 21-05-2022)
Il nostro audio quotidiano
Ricevi ogni giorno il commento direttamente sul tuo telefono: unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Leggi o ascolta il commento intero sul sito: annunciatedaitetti.it e resta sempre aggiornato! Iscriviti anche al canale YouTube NOVITA': Ascolta raDioON la web radio dallo spirito divino. Clicca Qui oppure vai su www.rdon.it Ti aspettiamo ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 21-05-2022)
Sabato - V Settimana di Pasqua - Anno C - Commento al Vangelo
...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 21-05-2022)
In Dio trovi la tua sorgente (GV 15,18-21)
...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 08-05-2021)
Commento al Vangelo 8 maggio 2021
...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 08-05-2021)
Il nostro audio quotidiano
Ricevi ogni giorno il commento direttamente sul tuo telefono: unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Resta aggiornato col sito: annunciatedaitetti.it Iscriviti anche al canale YouTube Ti aspettiamo anche su Instagram con tante immagini! Per ascoltare subito il commento qui sotto, clicca play! ...
(continua)
don Marco Scandelli     (Omelia del 08-05-2021)
#2minutiDiVangelo - V Sabato Pasqua - I veri cristiani danno fastidio al mondo! Sai perché?
Commento al Vangelo del V Venerdì di Pasqua - a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo ---- Gv 15 18-21 ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 08-05-2021)
Sabato - V settimana di Pasqua - Commento al Vangelo
...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 08-05-2021)
Nel Mondo ma non del Mondo (Gv 15,18-21)
...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 16-05-2020)
Un servo non è più del suo padrone
...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 16-05-2020)
Commento al vangelo 16 maggio 2020
...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 16-05-2020)
Il nostro audio quotidiano
Per ricevere il commento quotidiano unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Visita il sito annunciatedaitetti.it Dai uno sguardo anche al canale YouTube Ascolta il commento qui sotto. Clicca play ...
(continua)
don Marco Scandelli     (Omelia del 16-05-2020)
#2minutiDiVangelo - Sabato 16 - Anche tu sei un "calimero" della fede?
Commento al Vangelo di don Marco Scandelli ...
(continua)
don Giampaolo Centofanti     (Omelia del 16-05-2020)

Il mondo ama ciò che è suo alla sua maniera, per interesse, per un do ut des, fino a che le cose aggradano... Sono tristi inganni a cui ci si vuole attaccare ma che facilmente poi possono causare amare delusioni. Quando anche un ateo ama davvero è sotto l'azione dello Spirito. Ma è difficile senza l'aiuto di Dio amare fino in fondo, anche nelle situazioni di ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 25-05-2019)
Commento su At 16,1-10
"In quei giorni, Paolo si recò a Derbe e a Listra. Vi era qui un discepolo chiamato Timòteo, figlio di una donna giudea credente e di padre greco: era assai stimato dai fratelli di Listra e di Icònio. Paolo volle che partisse con lui, lo prese e lo fece circoncidere a motivo dei Giudei che si trovavano in quelle regioni: tutti infatti sapevano che suo padre ...
(continua)
don Cristiano Mauri     (Omelia del 05-05-2018)
Complesso di normalità
Il tema di questa sequenza è l'odio del mondo (da intendersi qui come l'insieme degli uomini che si oppongono a Cristo) di cui i discepoli sono vittima. Non si tratta di una possibilità, bensì di una dato certo e indiscutibile: i discepoli di Cristo sono oggetto d'odio. Il verbo greco «miseo» con cui Giovanni indica l'odio in questa circostanza, richiama ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 05-05-2018)
Commento su At 16, 9
"Durante la notte apparve a Paolo una visione: gli stava davanti un macedone e lo supplicava: - Passa in Macedonia e aiutaci " Atti 16, 9 Come vivere questa Parola? Interessante è seguire l'itinerario di san Paolo nel suo andar evangelizzando alcune cittadine dell'Asia Minore: un viaggio che è all'insegna di una guida sicura: quella dello Spirito Santo. ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 20-05-2017)
Commento su Gv 15,20
«Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi;». Gv 15,20 Come vivere questa Parola? Gesù avverte i suoi discepoli che saranno perseguitati, così come lo è stato Lui stesso. La persecuzione sembra essere quasi una caratteristica della Chiesa e di ogni cristiano: chi non accetta il messaggio di Gesù viene emarginato, deriso, talvolta anche ucciso. E ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 30-04-2016)
Commento su Gv 15, 18-21
«Se il mondo vi odia, sappiate che prima di voi ha odiato me. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; poiché invece non siete del mondo, ma vi ho scelti dal mondo, per questo il mondo vi odia. Ricordatevi della parola che vi ho detto: "Un servo non è più grande del suo padrone". Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osser ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 09-05-2015)

Quanto è vero ciò che dice il Signore! Quante volte lo verifichiamo nella nostra vita! Quando parliamo del Vangelo, molte persone non ci danno retta, ci deridono, passiamo per dei matti! Certo, se siamo delle persone false ed incoerenti non siamo credibili... Ma se, con onestà e passione, cerchiamo di annunciare il regno di Dio e non veniamo accolti ma deris ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 24-05-2014)

Abbiamo parlato d'amore, negli ultimi giorni. Di un amore che ci apre alla vita, un amore fecondo che ci riempie di gioia. Un amore che ci identifica col Maestro e che non è il risultato di uno sforzo ma la diffusione di un'esperienza. Oggi, drammaticamente, Gesù parla di odio quasi interrompendo un idillio. Un odio feroce rivolto verso i discepoli, un odio ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 04-05-2013)
Commento su Gv 15,18-21
C'è stato un momento in cui i cristiani, forzando e tradendo il vangelo, hanno usato la forza e la violenza per imporre la fede, in un contesto molto diverso dal nostro, certo, caratterizzato da una miopia intellettuale che ora riconosciamo come una grave distorsione della proposta evangelica. Ma, grazie al cielo, lo Spirito ha condotto la Chiesa su sentieri ...
(continua)