LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 24 Aprile 2022 <

Venerdì 22 Aprile 2022

Sabato 23 Aprile 2022

Domenica 24 Aprile 2022

Lunedì 25 Aprile 2022

Martedì 26 Aprile 2022

Mercoledì 27 Aprile 2022

Giovedì 28 Aprile 2022

Venerdì 29 Aprile 2022

Sabato 30 Aprile 2022

Domenica 1 Maggio 2022

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  II DOMENICA DI PASQUA o della Divina Misericordia (ANNO C)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Bianco
Scheda Agiografica: II DOMENICA DI PASQUA o della Divina Misericordia (ANNO C)
CP020 ;

Partecipando al sacrificio della Messa, noi ascoltiamo ogni volta le parole di Cristo che si rivolge agli apostoli: “Vi lascio la pace, vi do la mia pace”. Inoltre, imploriamo il Signore di concederci “unità e pace secondo la sua volontà” e di donare “la pace ai nostri giorni”.
Ogni volta che apparve agli apostoli Cristo, dopo aver vinto la morte, augurò la pace, sapendo quanto tutti loro la desiderassero. Nel conferire agli apostoli il potere di rimettere i peccati, Cristo ha portato la pace nell’anima inquieta dell’uomo. L’anima creata da Dio ha nostalgia di Dio. La pace con Dio è il fondamento della pace tra gli uomini. Liberato dalla schiavitù del peccato, l’uomo è in pace, ha l’anima in festa, in pace. La pace regna sui cuori puri. È partendo dalla pace interiore, quella del cuore, appoggiandosi ad essa, che si può stabilire la pace esteriore: in famiglia, fra vicini, in seno alla Chiesa, tra i popoli. Dio chiama tutti gli uomini ad unirsi al suo popolo unico. Il suo desiderio, che è di riunire tutti gli uomini in seno ad un’unica comunità per salvarli, è già espresso nell’Antico Testamento.
Gli Ebrei capirono di essere un popolo unico nella lontana notte di Pasqua in cui Dio li separò dagli Egiziani ed indicò loro la Terra promessa.
La Pasqua viene per ricordare questo avvenimento alle generazioni successive: in questo giorno ogni ebreo ha il sentimento di essere di nuovo condotto fuori dall’Egitto per essere salvato. Allo stesso modo, il nuovo popolo di Dio è nato il giorno di Pasqua, quando la concordia eterna fu rinnovata e suggellata dal sangue del Figlio di Dio. Questo popolo creato da Cristo è precisamente la Chiesa.
Gli uomini assomigliano a piccoli universi, chiusi e segreti. Dio li ha creati così. Ciò nonostante, il Creatore ha dato agli uomini anche il gusto di riunirsi in gruppi, di vivere, di lavorare, di creare in comune. Dio ha voluto allo stesso tempo assicurare loro la salvezza in quanto comunità, la salvezza del suo popolo. Accettare la salvezza promessa da Dio significa nello stesso tempo integrarsi al nuovo popolo riunito da Cristo, in seno al quale tutti usano i medesimi strumenti della grazia, cioè i sacramenti, scaturiti dalla Passione di Cristo.
In diversi momenti, il Nuovo Testamento designa Cristo come il volto visibile di Dio, l’immagine del Padre, il suo segno (Col 1,15; Gv 1,18). Cristo è come un sacramento che significa e trasmette l’amore del Padre. È un segno carico di significato e di forza di salvezza; in lui si trovano riuniti il perdono del Padre e la filiazione. In questo senso, Cristo appare come il primo sacramento nato dall’amore di Dio, la fonte di tutti i sacramenti. I sacramenti possono esistere solamente perché in loro Cristo stesso è presente ed agisce.
Come una madre premurosa, la Chiesa si sforza di spiritualizzare tutta la vita dei suoi figli e delle sue figlie. Vivere la spiritualità, provare la pace dell’anima è tentare di dare un carattere divino al quotidiano attraverso il flusso di grazie, di sapienza, di sentimenti, di consolazione che viene da Dio. Per ottenere la salvezza, egli ci fa pervenire, in un modo o nell’altro, a raggiungere Cristo. Ci fa camminare la mano nella mano con i figli del popolo di Dio, ci dirige verso un destino comune sotto l’egida di Cristo che si occupa di noi, ci perdona, ci santifica e ci concede la pace.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Leggi la sua scheda su Santiebeati.it >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Come bambini appena nati
desiderate il genuino latte spirituale:
vi farà crescere verso la salvezza. Alleluia. (Cf. 1Pt2,2)

Oppure:
Entrate nella gioia e nella gloria e rendete grazie a Dio,
che vi ha chiamato al regno dei cieli. Alleluia. (Cf. 4 Esd 2, 36-37 Volg.)

Si dice il Gloria.


Colletta
Dio di eterna misericordia,
che ogni anno nella festa di Pasqua
ravvivi la fede del tuo popolo santo,
accresci in noi la grazia che ci hai donato,
perché tutti comprendiamo l’inestimabile ricchezza
del Battesimo che ci ha purificati,
dello Spirito che ci ha rigenerati,
del Sangue che ci ha redenti.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

Oppure (Anno C):
O Padre di misericordia,
che in questo giorno santo raduni il tuo popolo
per celebrare il memoriale
del Signore morto e risorto,
effondi il tuo Spirito sulla Chiesa
perché rechi a tutti gli uomini
l’annuncio della salvezza e della pace.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

At 5,12-16
Venivano aggiunti credenti al Signore, una moltitudine di uomini e di donne.

Dagli Atti degli Apostoli

Molti segni e prodigi avvenivano fra il popolo per opera degli apostoli. Tutti erano soliti stare insieme nel portico di Salomone; nessuno degli altri osava associarsi a loro, ma il popolo li esaltava.
Sempre più, però, venivano aggiunti credenti al Signore, una moltitudine di uomini e di donne, tanto che portavano gli ammalati persino nelle piazze, ponendoli su lettucci e barelle, perché, quando Pietro passava, almeno la sua ombra coprisse qualcuno di loro.
Anche la folla delle città vicine a Gerusalemme accorreva, portando malati e persone tormentate da spiriti impuri, e tutti venivano guariti.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 117

Rendete grazie al Signore perché è buono: il suo amore è per sempre.

Dica Israele:
«Il suo amore è per sempre».
Dica la casa di Aronne:
«Il suo amore è per sempre».
Dicano quelli che temono il Signore:
«Il suo amore è per sempre».

La pietra scartata dai costruttori
è divenuta la pietra d’angolo.
Questo è stato fatto dal Signore:
una meraviglia ai nostri occhi.
Questo è il giorno che ha fatto il Signore:
rallegriamoci in esso ed esultiamo!

Ti preghiamo, Signore: Dona la salvezza!
Ti preghiamo, Signore: Dona la vittoria!
Benedetto colui che viene nel nome del Signore.
Vi benediciamo dalla casa del Signore.
Il Signore è Dio, egli ci illumina.

>

Seconda lettura

Ap 1,9-11.12-13.17-19
Ero morto, ma ora vivo per sempre.

Dal libro dell’Apocalisse di san Giovanni apostolo

Io, Giovanni, vostro fratello e compagno nella tribolazione, nel regno e nella perseveranza in Gesù, mi trovavo nell’isola chiamata Patmos a causa della parola di Dio e della testimonianza di Gesù.
Fui preso dallo Spirito nel giorno del Signore e udii dietro di me una voce potente, come di tromba, che diceva: «Quello che vedi, scrivilo in un libro e mandalo alle sette Chiese».
Mi voltai per vedere la voce che parlava con me, e appena voltato vidi sette candelabri d’oro e, in mezzo ai candelabri, uno simile a un Figlio d’uomo, con un abito lungo fino ai piedi e cinto al petto con una fascia d’oro.
Appena lo vidi, caddi ai suoi piedi come morto. Ma egli, posando su di me la sua destra, disse: «Non temere! Io sono il Primo e l’Ultimo, e il Vivente. Ero morto, ma ora vivo per sempre e ho le chiavi della morte e degli inferi. Scrivi dunque le cose che hai visto, quelle presenti e quelle che devono accadere in seguito».

Parola di Dio

Sequenza
[Facoltativa]

Alla vittima pasquale,
s’innalzi oggi il sacrificio di lode.
L’Agnello ha redento il suo gregge,
l’Innocente ha riconciliato
noi peccatori col Padre.

Morte e Vita si sono affrontate
in un prodigioso duello.
Il Signore della vita era morto;
ma ora, vivo, trionfa.

«Raccontaci, Maria:
che hai visto sulla via?».
«La tomba del Cristo vivente,
la gloria del Cristo risorto,
e gli angeli suoi testimoni,
il sudario e le sue vesti.
Cristo, mia speranza, è risorto:
precede i suoi in Galilea».

Sì, ne siamo certi:
Cristo è davvero risorto.
Tu, Re vittorioso,
abbi pietà di noi.

Canto al Vangelo (Gv 20,29)
Alleluia, alleluia.
Perché mi hai veduto, Tommaso, tu hai creduto;
beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!
Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Gv 20,19-31
Otto giorni dopo venne Gesù.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore.
Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».
Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo».
Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».
Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
La risurrezione è un fatto reale, ma comprendere il suo significato per la nostra vita non è né scontato né banale.
Dobbiamo metterci in ricerca. Preghiamo insieme e diciamo: Cristo Risorto, rendici credenti.

1. Perché siamo capaci di rifiutare le soluzioni facili che propongono un Dio diverso da Te. Preghiamo.
2. Perché la nostra fede parta sempre dalla verità della Tua resurrezione. Preghiamo.
3. Perché non ci colga la paura dell’ignoto, sicuri del fatto che al termine di ogni cammino di verità ci attende il Tuo volto. Preghiamo.
4. Perché sappiamo cogliere nella nostra vita, specialmente nella sofferenza, i segni del Tuo corpo risorto. Preghiamo.

O Padre, Tu hai donato all’uomo la vita eterna. Aiutaci a comprendere questa verità così superiore alle nostre deboli capacità. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Accogli, o Signore, i doni del tuo popolo
[e di questi nuovi battezzati]:
tu che ci hai chiamati alla fede e rigenerati nel Battesimo,
guidaci alla beatitudine eterna.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO PASQUALE I
Il mistero pasquale

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
proclamare sempre la tua gloria, o Signore,
e soprattutto esaltarti in questo giorno
nella quale Cristo, nostra Pasqua, si è immolato.
È lui il vero Agnello
che ha tolto i peccati del mondo,
è lui che morendo ha distrutto la morte
e risorgendo ha ridato a noi la vita.
Per questo mistero,
nella pienezza della gioia pasquale,
l'umanità esulta su tutta la terra
e le schiere degli angeli e dei santi
cantano senza fine l'inno della tua gloria: Santo, ...

Nel Canone Romano, si dice il Communicantes proprio e l’Hanc ígitur propri.
Nelle Preghiere eucaristiche II e III si fa il ricordo proprio della Pasqua e dei neo-battezzati.


Antifona alla comunione
Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani;
tendi la tua mano e mettila nel mio fianco,
e non essere incredulo, ma credente! Alleluia. (Gv 20,27)


Preghiera dopo la comunione
Dio onnipotente, la forza del sacramento pasquale
che abbiamo ricevuto sia sempre operante nei nostri cuori.
Per Cristo nostro Signore.

Benedizione solenne
In questo santo giorno di Pasqua,
Dio onnipotente vi benedica
e, nella sua misericordia,
vi difenda da ogni insidia del peccato. R. Amen.

Dio che vi rinnova per la vita eterna,
nella risurrezione del suo Figlio unigenito,
vi conceda il premio dell’immortalità futura. R. Amen.

Voi, che dopo i giorni della passione del Signore
celebrate nella gioia la festa di Pasqua,
possiate giungere con animo esultante alla festa senza fine. R. Amen.

E la benedizione di Dio onnipotente,
Padre e Figlio e Spirito Santo,
discenda su di voi e con voi rimanga sempre. R. Amen.

Nel congedare l’assemblea, si canta o si dice:

Andate in pace. Alleluia, alleluia.

Oppure:
La Messa è finita: andate in pace. Alleluia, alleluia.

Oppure:
Portate a tutti la gioia del Signore risorto.
Andate in pace. Alleluia, alleluia.

R. Rendiamo grazie a Dio. Alleluia, alleluia.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 24-04-2022)
Commento su At 5,12-16; Sal 117; Ap 1,9-11.12-13.17-19; Gv 20,19-31
Questa domenica celebriamo la Divina Misericordia, festa istituita da san Giovanni Paolo II nel 2000, tema che troviamo presente in tutte le letture, oltre al mistero della resurrezione reso visibile e da testimoniare come un progetto di vita nuova. Questa testimonianza ci è descritta nel libro degli Atti dove gli Apostoli, grazie allo Spirito, non sono pi ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 24-04-2022)

"... il primo della settimana" (Gv 20,19). Vorremmo sempre rimanere lì. In "quel giorno". "Il principio dei giorni " (Es 12,2). E di questo giorno, l'incanto della sera: sia Luca che Giovanni sottolineano l'esperienza della sera di quel giorno "unico". Ogni nostro trovarci insieme radunati come chiesa - anche se inizia con segni di cose vecchie "a porte chiu ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 24-04-2022)
Dov'è unità Gesù è là
In fondo siamo tutti un po' come Tommaso, non solo perché siamo credenti increduli (infatti crediamo a Gesù, ma un po' meno alla sua risurrezione), bensì anche per altri aspetti che ora vedremo. Anzitutto il brano di Giovanni di oggi inizia specificando un tempo preciso: "La sera di quel giorno", cioè il giorno della risurrezione di Gesù. "Il primo della ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 24-04-2022)
?Incredulo? a chi?
Ognuno di noi fa di Dio un'esperienza diversa. E ognuno di noi lo chiama in maniera diversa. In ambito cristiano, Gesù ce lo ha fatto conoscere nella sua dimensione paterna, e ci ha pure insegnato, nella preghiera, a chiamarlo "Padre". Ma i due termini che maggiormente vengono utilizzati per riferirci all'Altissimo sono "Dio" e "Signore". Se consideriamo che ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 24-04-2022)
Le domeniche di Gesù Risorto
E' la seconda domenica di Pasqua, è la festa della divina misericordia. La nostra anima, la nostra vita, la nostra società, il mondo... tutti abbiamo bisogno di tante cose, ma soprattutto abbiamo bisogno di misericordia e di fede. Ed è quello che ci viene annunciato nella liturgia di oggi. Il racconto del Vangelo potremmo intitolarlo così: ?le domeniche di G ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 24-04-2022)
Un cuore che ama
L'amore è fonte di vita nuova. Porta la guarigione. Diventa "ombra" che risana. Pietro è il testimone della risurrezione che raggiunge ogni uomo o donna. E' testimone della Pasqua tradotta in gesti di bontà e di salvezza. Nessuno è considerato inadeguato a vivere il mistero di Gesù risorto. Chiunque si accosta ai discepoli trova incarnata la realtà nuova. ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 24-04-2022)
Cinque segni di misericordia divina nel nome di Cristo morto e risorto
Abbiamo appena cantato con il primo versetto del Salmo 118: «Rendete grazie al Signore, perché è buono: eterna è la sua misericordia» (Sal 118,1.29). La II Domenica di Pasqua è stata istituita da San Giovanni Paolo II, nell'anno 2000, come "Domenica della Divina Misericordia". L'evento della morte e risurrezione di Gesù è l'unica motivazione che ci porta a ...
(continua)
Frati Minori Cappuccini     (Omelia del 24-04-2022)
La Pasqua vera
...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 24-04-2022)
Misericordia e fede
...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 24-04-2022)
Un Dio che cerca
È arrivata al termine della condivisione sul vangelo di questa II domenica di Pasqua, ma l'intuizione di Maria Rosa l'ho avvertita come centrale e, nella sua semplicità bellissima, mi ha allargato il cuore! Che cosa fa il Risorto? Va a cercare i discepoli, va a cercare gli amici, non per rimproverarli o chiedere loro conto della solitudine in cui lo hanno la ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 24-04-2022)
Commento al Vangelo del 24 aprile
...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 24-04-2022)
Che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore
Alla fine del vangelo di questa seconda domenica di Pasqua, Giovanni si premura di dirci che Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro (Gv 20,30): dunque ha fatto delle scelte precise tra i tantissimi segni, lasciando nel suo vangelo solo alcuni per iscritto. Quelli che ha riportato hanno un solo, ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 24-04-2022)
Credere è un dono del cielo ed un impegno personale
La seconda domenica di pasqua è definita della divina misericordia, destinata a tale finalità da San Giovanni Paolo II, Papa, per valorizzare la devozione della santa polacca Faustina Kovalska che è stata la grande apostola della divina misericordia nel secolo XX. Il motivo di questa definizione e classificazione lo si trova nel testo del Vangelo di questa o ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 24-04-2022)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Paolo Ricciardi Rendete grazie al Signore perché è buono: il suo amore è per sempre. Il suo amore è per sempre. Eterna è la sua misericordia. In questa Domenica della Divina Misericordia ci lasciamo prima di tutto toccare da questa certezza: Dio mi ama, il nome di Dio è Misericordia. Lui conosce la mia vita, ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 24-04-2022)

Oggi è la festa della divina misericordia. Si celebra infatti subito dopo la domenica di Pasqua. È una festa che ha voluto direttamente Gesù quando apparve a Sr. Faustina, una suora polacca vissuta nella prima metà del ?900. Ma che cosa è la divina misericordia e perché si legge proprio questo vangelo? La parola misericordia è dovuta alla combinazione di ...
(continua)
padre Maurizio De Sanctis     (Omelia del 24-04-2022)
Amore+Perdono; Misericordia
...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 24-04-2022)
Quell'invito del Risorto a superare le barriere
I discepoli erano chiusi in casa per paura. Casa di buio e di paura, mentre fuori è primavera: e venne Gesù a porte chiuse. In mezzo ai suoi, come apertura, schema di aperture continue, passatore di chiusure e di frontiere, pellegrino dell'eternità. Come amo le porte aperte di Dio, brecce nei muri, buchi nella rete (F. Fiorillo), profezia di un mondo in rivo ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 24-04-2022)
Pace a voi!
I discepoli hanno paura. Nonostante l'annuncio sconvolgente delle donne, gli undici rimangono blindati nel loro nascondiglio. Il rimorso, per aver abbandonato il maestro nel momento della prova, non gli dà pace. Nei loro cuori c'è un intreccio di emozioni e di pensieri: da una parte, non possono credere che tutto sia finito con la crocifissione del maestro, ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 24-04-2022)
II Domenica di Pasqua - Commento al Vangelo - Anno C
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 24-04-2022)
I segni della passione
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 24-04-2022)

Questa seconda domenica dopo Pasqua, domenica della Divina misericordia, siamo condotti a meditare e a far nuova esperienza della misericordia di Dio che realmente guarisce e converte il cuore di chi l'accoglie. Nel testo di oggi abbiamo due manifestazioni del Risorto: la prima, domenica mattina di Pasqua (vv. 19-23), ai discepoli nel cenacolo; la seconda, l ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 24-04-2022)

"La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore". Gesù viene e sta in mezzo a loro, come oggi sta in mezzo a noi. Pr ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 24-04-2022)
La Parola - Commento al Vangelo di Giovanni (Gv 20,19-31)
...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 24-04-2022)
Dalla sua morte la nostra vita (Gv 20,19-31)
...
(continua)
don Alfonso Giorgio Liguori     (Omelia del 24-04-2022)
Pace a voi!
...
(continua)
don Antonino Sgrò     (Omelia del 24-04-2022)
Beato chi va oltre il vedere e il toccare
Chi di noi ha provato almeno una volta la sensazione di essere tagliato fuori da qualcosa di importante, di essere mancato ad un evento che potrebbe non ripetersi più, forse è in grado di capire i sentimenti di Tommaso, che invece di esultare alla notizia del trionfo della vita, «abbiamo visto il Signore!», non si lascia coinvolgere in una gioia che ti chied ...
(continua)
Giancarlo Airaghi     (Omelia del 24-04-2022)
Gesù, i discepoli e Tommaso... un accordo d'amore.
...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 24-04-2022)
Domenica II di Pasqua - Anno C - Lectio Divina
guidata dal seminarista Accolito Gaudioso Leonardo ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 24-04-2022)
Il tuo segno
Abbiamo abbandonato in fretta il sepolcro, smettendo di cercare fra i morti uno che è vivo. O, almeno, così dovrebbe essere. Così vorrei che fosse. Per me. Per voi. Per le nostre comunità così tanto devote al crocefisso e così poco disposte ad incontrare il risorto. Così vorrei in questo tempo in cui prevale la tenebra e lo sconforto. E la paura. Perché ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 24-04-2022)
Nasce la Domenica
Come noi, gli ebrei misuravano i giorni in cicli di sette, dedicandone uno a Dio. Per gli ebrei il "giorno di Dio" era il sabato; Gesù è risorto "il primo giorno dopo il sabato", il primo della nuova settimana, e proprio per celebrare quell'evento i suoi seguaci hanno spostato di un giorno la festa settimanale. La motivazione è richiamata nella seconda lettu ...
(continua)
frate Attilio Gueli     (Omelia del 24-04-2022)
La Festa della Misericordia
...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 24-04-2022)
Credere in Dio per rinnovare il proprio io
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 24-04-2022)
Commento su Giovanni 20,19-31
Domenica in albis (deponendis): deponiamo la veste bianca ricevuta otto giorni fa, in occasione del Battesimo, quale segno di vita nuova; ma la vita (nuova) continua all'insegna della speranza che, con la grazia dello Spirito Santo - anche questa ricevuta nel Battesimo - non potrà che andar meglio. E anche se la situazione esterna non dovesse cambiare - ci ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 24-04-2022)
Videocommento su Gv 20,19-31
...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28-04-2019)
Commento su Gv 20,19-20
"La sera di quello stesso giorno, il primo dopo il sabato, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei giudei, venne Gesù, si fermò in mezzo a loro e disse: " Pace a voi!". Detto questo mostrò loro le mani e il costato. E i discepoli gioirono al vedere il Signore." Gv 20,19-20 Come vivere questa Parola? Il grande ev ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 28-04-2019)
Audio commento alla liturgia - Gv 20,19-31
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 28-04-2019)
Commento su Giovanni 20,19-31
...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 28-04-2019)
Nonostante tutto... pace a voi!
Trovo bello che il cammino comunitario, nelle sue forme più diverse arricchisca il significato e l'interpretazione di una pagina di vangelo così bella come quella che abbiamo appena finito di ascoltare. Sono i giovani del vicariato che hanno partecipato alla convivenza di Breccanecca ad aiutarci a fare qualche passo a partire dal titolo che abbiamo dato a q ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 28-04-2019)
Audio commento al Vangelo del 28 aprile
...
(continua)
don Luigi Maria Epicoco     (Omelia del 28-04-2019)
Credere per toccare, e non toccare per credere
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 28-04-2019)

Il Vangelo di oggi ci immette nell'arco temporale fra la sera di quello stesso giorno, il primo dopo il sabato e gli otto giorni dopo, fra la Pasqua di Risurrezione e la "pasqua settimanale", che scandisce il ritmo della nostra vita. Il racconto accende tre fari: su Gesù, sul gruppo dei discepoli, su Tommaso. Alla sera del giorno segnato dalla risurrezione, ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 28-04-2019)
Commento su Giovanni 20,19-31
I discepoli vedono il Signore, lo riconoscono e gioiscono. Tommaso non può vedere perché non era presente. Il suo sguardo quindi rimane ancorato a quanto del Signore conosceva: catturato, condannato a morte, deposto in un sepolcro. Al Risorto Tommaso prestava fede? Si direbbe proprio di no. Negli otto giorni trascorsi fra la gioia dei discepoli e il suo ri ...
(continua)
Luca Rubin     (Omelia del 28-04-2019)
TOMMASO SEI UN GRANDE... DIO ANCORA DI PIÙ!
3 GESTI E 1 PASSWORD - La sera di quel giorno, il primo della settimana - venne Gesù - mentre erano chiuse le porte del luogo - stette in mezzo - per timore dei Giudei - e disse loro: «Pace a voi!» - Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. - E i discepoli gioirono al vedere il Signore. Alla fine di una giornata ciò che doveva succed ...
(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 28-04-2019)
Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!
In questa 2ª domenica di Pasqua, detta anche della Divina Misericordia, la liturgia della parola ci fa leggere il vangelo dell'apparizione di Gesù a Tommaso. Il discepolo, assente alla prima apparizione del Risorto, è incredulo, ha difficoltà a credere agli amici che gli dicono di aver visto il Signore Gesù. Giovanni annota che Tommaso disse ai discepoli: «S ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 28-04-2019)
Se non vedo, credo!
Sono stato diversi anni lontano da casa, sentivo nostalgia per i miei genitori, ma proprio per questo intensificavo la preghiera per loro e li sentivo sempre vicini. Piangevo perché volevo vederli, ma sapevo che c'erano e mi aspettavano, quindi ero felice. Nell'esperienza di fede è così: Gesù non lo vediamo ma c'è, tanto più perché è risorto ed è apparso ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 28-04-2019)
Ne vale la pena
A volte siamo veramente poco attenti nei confronti delle persone. E quando ci raccontano i loro problemi, le loro fatiche, le loro difficoltà, invece di consolarli, insistiamo nel chiedere dettagli del perché, del cosa, del come, del quando, del dove... E loro, magari, avrebbero solo desiderio di voltare pagina... e noi invece a insistere su quella pagina, s ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 28-04-2019)
Lectio Divina - II Domenica di Pasqua - Anno C
...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 28-04-2019)
"Gesù un Amore che brucia"
La meraviglia di Gesù Risorto si manifesta in tutta la sua bellezza, nella sua infinita dolcezza, nella premura verso i suoi discepoli. Li vuole veramente condurre verso una fede che non abbia più titubanze, visitazioni, perplessità. Ecco il mistero del Risorto svelarsi in tutta la sua incomprensibile meraviglia. Noi possiamo toccare quel corpo, con Gesù pos ...
(continua)
don Gaetano Luca (Amore)     (Omelia del 28-04-2019)
Commento su Giovanni 20,19-31
...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 28-04-2019)
Confida in me
La seconda domenica di Pasqua è dedicata in modo speciale al mistero della Misericordia Divina. Mistero insondabile, imperscrutabile, imprevedibile, insuperabile. Giovanni Paolo II ha ufficialmente istituito questa festa il 20 aprile del 2000; in realtà ha obbedito a una precisa volontà divina che si è manifestata facendosi largo nella vita di una suora pola ...
(continua)
mons. Erio Castellucci diocesi di Modena-Nonantola     (Omelia del 28-04-2019)
Otto giorni dopo venne Gesù
...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 28-04-2019)
Pace a voi
...Pace a voi Il saluto è quello di sempre, di ogni occasione, di ogni incontro: "shalom", "pace"; oggi, però sembra assumere un significato diverso, lo si deduce dal fatto che Giovanni ripete lo stesso saluto per ben tre volte. C'è sicuramente un richiamo, un eco della cena d'addio (Gv 14,27) quando Gesù dice: "vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non com ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 28-04-2019)
La Parola - Commento al Vangelo di Giovanni (Gv 20,19-31)
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 28-04-2019)

La seconda domenica di Pasqua è dedicata alla Divina Misericordia. Il Vangelo celebra la misericordia del Risorto che dapprima si manifesta ai suoi discepoli, rintanati per la paura. Egli va loro incontro, annunzia e dona la pace: pace a voi. La pace, che tutti cerchiamo, è dono suo, è qualcosa da accogliere e custodire vivendo uniti a lui. Gesù non va loro ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 28-04-2019)
Le ferite di Gesù, alfabeto dell'amore
Venne Gesù a porte chiuse. In quella stanza, dove si respirava paura, alcuni non ce l'hanno fatta a restare rinchiusi: Maria di Magdala e le donne, Tommaso e i due di Emmaus. A loro, che respirano libertà, sono riservati gli incontri più belli e più intensi. Otto giorni dopo Gesù è ancora lì: l'abbandonato ritorna da quelli che sanno solo abbandonare; li ha ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 28-04-2019)
Video commento a Gv 20,19-31
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 28-04-2019)
Video commento a Gv 20,19-31
...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 28-04-2019)
Video commento su Gv 20,19-31
...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 28-04-2019)
La prova della fede superata dal soffio vitale dello Spirito Santo
Fa contrasto il clima di successo sperimentato dagli apostoli a Gerusalemme, custodito in noi dall'ascolto del testo di Atti degli Apostoli (prima lettura) rispetto alle «porte sbarrate e chiuse per timore dei Giudei» della casa in cui stava lo stesso gruppo, sia nel giorno stesso di pasqua, sia la settimana dopo. Fa contrasto l'aumento numerico «dei credent ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 28-04-2019)
Otto giorni dopo
Tuttora nel mondo ebraico si misurano i giorni in cicli di sette, riservando l'ultimo, il sabato, a Dio. Gesù è risorto "il primo giorno dopo il sabato", il primo della nuova settimana, e proprio per celebrare quell'evento i suoi seguaci hanno spostato di un giorno la festa settimanale. La motivazione è richiamata nella seconda lettura di oggi, costituita da ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 28-04-2019)
Credere in Colui che da la vita
La risurrezione di Gesù non è quindi un fatto marginale o secondario, ma riguarda un evento costitutivo della vita. Chi è risorto dai morti è infatti Gesù Cristo, il Signore che sin dall'inizio dei tempi accanto al Padre e allo Spirito Santo, era stato il fautore della creazione nonché l'autore della vita. Incarnato e vissuto come uomo fra gli uomini, conseg ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 28-04-2019)
Audio commento a Gv 20,19-31
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 28-04-2019)
Commento su Giovanni 20,19-31
Un giorno mi capitò tra le mani un libro di spiritualità - ve lo consiglio vivamente! -, dal titolo: "Le ferite che guariscono"; è un titolo a duplice significato, a seconda che il verbo si intenda nel modo intransitivo - le ferite, prima o poi, guariscono - oppure transitivo - le ferite guariscono altre ferite -. Quanto a Gesù, le sue ferite non guariscono ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 28-04-2019)
Videocommento su Gv 20,19-31
...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 03-04-2016)
Video commento su Giovanni 20,19-31
...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 03-04-2016)
Commento su Giovanni 20,19-31
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 03-04-2016)
Audio commento alla liturgia - Gv 20,19-31
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 03-04-2016)
Dita e naso. Tommaso ficcanaso
Poca-roba, davvero. A ficcarci dentro la punta del naso, l'aria era noiosa: sapeva di stantio, di stanchezza, d'ammuffito. Diciamo che nei nasi s'era attaccata aria di paura: dei Giudei, della storia andata, di quella presente, della storia a venire. Parevano talpe sotterrate dentro il cenacolo: talpe cieche come discepoli (discepoli ciechi talpe), talpe ing ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 03-04-2016)
Video commento a Gv 20,19-31
https://youtu.be/XZoyKUYCiF0 ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 03-04-2016)
Commento su Ap 1,9-11a. 12-13. 17-19
Collocazione del brano Durante il tempo pasquale dell'anno C saremo accompagnati dall'Apocalisse, l'ultimo libro della Bibbia. La parola apocalisse significa rivelazione e il testo vuole essere appunto una rivelazione riguardante gli ultimi tempi, il momento tanto atteso del ritorno glorioso di Cristo. L'apocalisse è stata scritta attorno alla fine del I s ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 03-04-2016)
Commento su Gv.20-21
«Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi» Gv.20-21 Come vivere questa Parola? E' molto indicativo, per noi credenti, il saluto augurio di Gesù Risorto ai suoi discepoli. Anzitutto egli augura la "pace" e nello stesso tempo la dona. E' lui, infatti "la nostra pace" ed è stato lo stesso San Paolo, ad affermarlo nelle sue lettere ispirat ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 03-04-2016)

Tommaso non era con gli apostoli e aveva difficoltà a comprendere che il Risorto era apparso. Solo quando e' stato invitato dagli altri a stare con loro ha compreso che il Signore era veramente Risorto. E' nella Chiesa che si conosce il Signore fuori da questa è più difficile comprenderlo. "Credo in Gesù, ma non nella Chiesa" è quella espressione che caratt ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 03-04-2016)
Gesù, confido in te
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 03-04-2016)
La Risurrezione non annulla la croce, vertice dell'amore
La sera di Pasqua il Signore entra in quella stanza chiusa, porte e finestre sbarrate, dove manca l'aria e si respira paura. Solo Tommaso ha il coraggio di andare e venire. Soffiò e disse loro: ricevete lo Spirito Santo. Su quel pugno di creature, chiuse e impaurite, inaffidabili, scende il vento delle origini, il vento che soffiava sugli abissi, che scuote ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 03-04-2016)

Celebrare la Pasqua di Gesù Cristo significa allo stesso tempo celebrare la misericordia di Dio nei nostri riguardi. A chi sperimenta delusione e fallimento, il messaggio dell'amore di Dio della sua misericordia, può portare fiducia e speranza di rinascita, Dio non ci abbandona nella morte. La liturgia di oggi ci fornisce alcune indicazioni per comprendere ...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 03-04-2016)
Il suo amore è per sempre
La parte del salmo 117 che la Chiesa prega nella 2a domenica di Pasqua esprime tutto lo stupore credente per le meraviglie che Dio opera. Giustamente lo si applica per l'opera di tutte le opere di Dio, la Resurrezione di Cristo che celebriamo in questo tempo pasquale. Vorrei evidenziare quel versetto che recita: dicano quelli che temono il Signore "il suo am ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 03-04-2016)
L'amore del Signore per Tommaso e per quanti faticano nella fede
La Seconda Domenica di Pasqua è anche la festa «della Divina Misericordia». E' una bella realtà della fede per la nostra vita: è la misericordia di Dio per noi! E' un amore così grande, così profondo quello di Dio verso di noi, che non viene meno, sempre afferra la nostra mano e ci sorregge, ci rialza, ci guida. Secondo il Vangelo di oggi, l'apostolo Tommas ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 03-04-2016)
Tommaso, metti qua la tua mano e credi!
La celebrazione di questa domenica trasuda di ?aria di Pasqua', ossia di Resurrezione: "La sera di quello stesso giorno, il primo dopo il sabato, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano gli apostoli per timore dei Giudei, venne Gesù, si fermò in mezzo a loro e disse: ?Pace a voi!'. Detto questo mostrò loro le mani e il costato. E i discepol ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 03-04-2016)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Padre Alvise Bellinato VEDERE PER CREDERE O CREDERE PER VEDERE? I due verbi sui quali vogliamo focalizzare la nostra attenzione oggi sono vedere e credere. 1. Nel Vangelo prima viene il vedere, poi il credere. Dice Tommaso: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei c ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 03-04-2016)

Il Vangelo di oggi ci riporta nel Cenacolo dove ci sono gli apostoli che non sanno che cosa fare e che cosa pensare... devono riprendersi dal trauma degli avvenimenti recenti. Gesù è risorto. La tomba è stata trovata vuota, per cui vivono momenti di entusiasmo, ma anche di dubbio e soprattutto di paura. Per questo sono nella stanza dell'ultima Cena con le ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 03-04-2016)
Altro che miscredente!
Mi sono chiesto come la Chiesa nascente potesse essere così piena di entusiasmo, di freschezza, di voglia di evangelizzare, se in realtà la prima reazione di fronte all'annuncio della resurrezione fu di scetticismo, di paura, di chiusura, cose ben simboleggiate da quelle "porte chiuse per paura dei Giudei"... come è possibile una voglia così grande di sentir ...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 03-04-2016)
Prediche senza Pulpito - Commento al Vangelo
...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 03-04-2016)
Commento su Giovanni 20,19-31
Questa domenica, con il suo Vangelo, ci invita ad aprire le porte. Ma qui non s'intendono le porte delle case. Il Vangelo, infatti, parla chiaramente delle chiusure degli uomini. I discepoli - così ci narra l'evangelista - si sono barricati in casa per paura di possibili persecuzioni. Di conseguenza le porte sono sbarrate. Certo, qui si pensa sicuramente a u ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 03-04-2016)
Video commento su Gv 20,19-31
...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 03-04-2016)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 20,19-31
...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 03-04-2016)
Video Commento a Gv 20,19-31
...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 03-04-2016)
Sulla Tua Parola - Gv 20,19-31
...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 03-04-2016)
Una Chiesa missionaria della misericordia nel nome di Cristo Risorto
E' la domenica più importante di questo anno giubilare dedicato alla misericordia, perché è la domenica specifica che San Giovanni Paolo II, da Papa, volle dedicare a questo tema, istituendo la seconda domenica di Pasqua come domenica della Divina Misericordia. La motivazione teologica e pastorale del grande papa, ora santo, che addusse il Pontefice furono i ...
(continua)
Michele Antonio Corona     (Omelia del 03-04-2016)

Il primo giorno della settimana diventa il primo giorno dell'intera umanità. Pietro e l'altro discepolo si meravigliano per la tomba vuota; Maria Maddalena, gli Undici e infine Tommaso incontrano il Cristo risorto. Egli si presenta ai discepoli la sera, intesa non solo come porzione finale della giornata, ma momento di buio e di oscurità per loro. Hanno ti ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 03-04-2016)
La fatica di credere è ripagata
Come nota Ardusso, se Gesù infatti non fosse risorto, il cristianesimo non sarebbe mai nato e nulla esisterebbe dei documenti che abbiamo a disposizione per conoscere Gesù (Vangeli, lettere di Paolo, Epistole, Apocalisse). Se ancora oggi a distanza di secoli si parla di questo personaggio speciale come Figlio di Dio, ciò è possibile perché la sua resurrezion ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 03-04-2016)
Commento su Giovanni 20,19-31
Oggi, in tutta la Chiesa, si celebra la Domenica dell'Amore Misericordioso: questa ricorrenza, istituita da San Giovanni Paolo II, più di quindici anni fa, assume quest'anno una rilevanza particolare. Chissà se il Giubileo straordinario della misericordia riuscirà a far fiorire di nuovo la misericordia seminata dal Buon Dio nei solchi della Chiesa? Ce lo aug ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 03-04-2016)
Video commento a Gv 20,19-31
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 03-04-2016)
Il primo giorno dopo il sabato
Come noi, gli ebrei misuravano i giorni in cicli di sette, riservando l'ultimo, il sabato, a Dio. Gesù è risorto "il primo giorno dopo il sabato", il primo della nuova settimana, e proprio per celebrare quell'evento i suoi seguaci hanno spostato di un giorno la festa settimanale. La motivazione è richiamata nella seconda lettura di oggi, costituita dalla pag ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 03-04-2016)
La Parola - commento a Gv 20, 19-31
Commento a cura di don Alessio Graziani. Registrato nell'oratorio di san Nicola, Vicenza. ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 03-04-2016)
Commento su At 5,12-16; Ap 1,9-11.12-13.17-19; Gv 20,19-31
Atti degli Apostoli 5,12-16 Episodio ambientato al tempio, con questo Luca ci da un messaggio sulla comunità cristiana di Gerusalemme avviata sulla strada della testimonianza pubblica che avviene attraverso due momenti: i fatti e la Parola. Attraverso i miracoli degli Apostoli si ha la misura della forza, della potenza di Dio che si manifesta come forza di ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 07-04-2013)
Commento su Gv 20,19-31
«Tommaso, abbiamo visto il Signore! È vivo!» Tommaso guarda i volti euforici dei suoi compagni. È sbalordito e attonito. «Tu, Andrea; tu, Simone; tu, Giovanni?... Voi mi venite a dire questo? Siamo tutti fuggiti!». Il sorriso si spegne sul volto degli altri. Ha ragione, Tommaso. Non se va Tommaso. Non si sente offeso se il messaggio della resurrezione è aff ...
(continua)