LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 12 Settembre 2021 <

Venerdì 10 Settembre 2021

Sabato 11 Settembre 2021

Domenica 12 Settembre 2021

Lunedì 13 Settembre 2021

Martedì 14 Settembre 2021

Mercoledì 15 Settembre 2021

Giovedì 16 Settembre 2021

Venerdì 17 Settembre 2021

Sabato 18 Settembre 2021

Domenica 19 Settembre 2021

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  XXIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO B)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Verde
BO240 ;

Anche oggi si sentono le voci e i giudizi più contrastanti su Gesù: c’è chi lo ritiene un saggio, un generoso moralista, un protagonista della storia, e c’è anche chi lo calunnia, chi lo odia. Ma la sola, la vera identità di Gesù è quella proclamata da Pietro: “Tu sei il Cristo”. Se riduciamo la fede cristiana al chiuso di un orizzonte umano, per quanto nobile, siamo in errore: Cristo è venuto a portare la salvezza eterna, la speranza soprannaturale, non una dottrina per rendere più tollerabile la convivenza umana, anche se è interessato alla redenzione di tutte le realtà terrene, sempre in funzione della felicità eterna. Non basta riconoscere Gesù come Figlio di Dio: bisogna imitarlo in ciò che egli ha di più specifico, cioè nell’amore alla croce che non è il fine, ma il mezzo necessario per compiere la redenzione. Se vogliamo essere corredentori non possiamo rifuggire la croce, perché solo attraverso di essa, perdendo la nostra vita, la ritroveremo nell’eternità, partecipando alla risurrezione di Cristo.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Dona pace, o Signore, a quanti in te confidano;
i tuoi profeti siano trovati degni di fede.
Ascolta la preghiera dei tuoi servi
e del tuo popolo, Israele. (Cf. Sir 36,18)


Colletta
O Dio, creatore e Signore dell'universo,
volgi a noi il tuo sguardo,
e fa' che ci dedichiamo con tutte le forze al tuo servizio
per sperimentare la potenza della tua misericordia.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

Oppure (Anno B):
O Padre, che conforti i poveri e i sofferenti
e tendi l'orecchio ai giusti che ti invocano,
assisti la tua Chiesa che annuncia il Vangelo della croce,
perché creda con il cuore
e confessi con le opere che Gesù è il Messia.
Egli è Dio, e vive e regna con te,
nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

Is 50,5-9
Ho presentato il mio dorso ai flagellatori.

Dal libro del profeta Isaìa

Il Signore Dio mi ha aperto l’orecchio
e io non ho opposto resistenza,
non mi sono tirato indietro.
Ho presentato il mio dorso ai flagellatori,
le mie guance a coloro che mi strappavano la barba;
non ho sottratto la faccia
agli insulti e agli sputi.
Il Signore Dio mi assiste,
per questo non resto svergognato,
per questo rendo la mia faccia dura come pietra,
sapendo di non restare confuso.
È vicino chi mi rende giustizia:
chi oserà venire a contesa con me? Affrontiamoci.
Chi mi accusa? Si avvicini a me.
Ecco, il Signore Dio mi assiste:
chi mi dichiarerà colpevole?

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 114

Camminerò alla presenza del Signore nella terra dei viventi.

Amo il Signore, perché ascolta
il grido della mia preghiera.
Verso di me ha teso l’orecchio
nel giorno in cui lo invocavo.

Mi stringevano funi di morte,
ero preso nei lacci degli inferi,
ero preso da tristezza e angoscia.
Allora ho invocato il nome del Signore:
«Ti prego, liberami, Signore».

Pietoso e giusto è il Signore,
il nostro Dio è misericordioso.
Il Signore protegge i piccoli:
ero misero ed egli mi ha salvato.

Sì, hai liberato la mia vita dalla morte,
i miei occhi dalle lacrime,
i miei piedi dalla caduta.
Io camminerò alla presenza del Signore
nella terra dei viventi.

>

Seconda lettura

Giac 2,14-18
La fede se non è seguita dalle opere in se stessa è morta.

Dalla lettera di san Giacomo apostolo

A che serve, fratelli miei, se uno dice di avere fede, ma non ha opere? Quella fede può forse salvarlo?
Se un fratello o una sorella sono senza vestiti e sprovvisti del cibo quotidiano e uno di voi dice loro: «Andatevene in pace, riscaldatevi e saziatevi», ma non date loro il necessario per il corpo, a che cosa serve? Così anche la fede: se non è seguita dalle opere, in se stessa è morta.
Al contrario uno potrebbe dire: «Tu hai la fede e io ho le opere; mostrami la tua fede senza le opere, e io con le mie opere ti mostrerò la mia fede».

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Gal 6,14)
Alleluia, alleluia.
Quanto a me non ci sia altro vanto che nella croce del Signore,
per mezzo della quale il mondo per me è stato crocifisso,
come io per il mondo.
Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Mc 8,27-35
Tu sei il Cristo… Il Figlio dell'uomo deve molto soffrire.


+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù partì con i suoi discepoli verso i villaggi intorno a Cesarèa di Filippo, e per la strada interrogava i suoi discepoli dicendo: «La gente, chi dice che io sia?». Ed essi gli risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa e altri uno dei profeti».
Ed egli domandava loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro gli rispose: «Tu sei il Cristo». E ordinò loro severamente di non parlare di lui ad alcuno.
E cominciò a insegnare loro che il Figlio dell’uomo doveva soffrire molto, ed essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e, dopo tre giorni, risorgere.
Faceva questo discorso apertamente. Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo. Ma egli, voltatosi e guardando i suoi discepoli, rimproverò Pietro e disse: «Va’ dietro a me, Satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini».
Convocata la folla insieme ai suoi discepoli, disse loro: «Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia e del Vangelo, la salverà».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Spesso sogniamo un cristianesimo facile, rassicurante e comodo. Ma il Signore ha preso su di sé la croce, e ci invita a seguirlo per la stessa via anche nei momenti difficili. Preghiamo perché ci aiuti a seguirlo quando il dolore sembra troppo grande per le nostre forze.
Preghiamo insieme e diciamo: Ascoltaci, o Signore.

1. Per il Papa, i vescovi e i sacerdoti: aiutino i cristiani a crescere nella fede e nella carità, senza lasciarci scoraggiare dalle difficoltà, preghiamo.
2. Per tutti i credenti in Cristo: trovino nella forza della fede luce e forza per assumere le proprie responsabilità e per affrontare le loro prove, preghiamo.
3. Per tutti coloro che soffrono: siano consolati nella preghiera e confortati dagli amici, preghiamo.
4. Per la nostra comunità cristiana, perché le sofferenze e i dolori dei singoli siano condivisi da tutti nella discrezione e nel silenzio, preghiamo.

Signore, tu hai sofferto per la nostra salvezza. Vieni in nostro aiuto quando siamo nel dolore e ci sentiamo abbandonati, rafforza la nostra fede e rinvigorisci la nostra speranza. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.

Preghiera sulle offerte
Ascolta con bontà, o Signore, le nostre preghiere
e accogli le offerte dei tuoi fedeli,
perché quanto ognuno offre in onore del tuo nome
giovi alla salvezza di tutti.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona alla comunione
Quanto è prezioso il tuo amore, o Dio!
Si rifugiano gli uomini all'ombra delle tue ali. (Sal 35,8)

Oppure:
Il calice della benedizione che noi benediciamo
è comunione con il Sangue di Cristo.
Il pane che noi spezziamo
è comunione con il Corpo di Cristo. (1Cor 10,16)

Oppure (Anno B):
«Voi, chi dite che io sia?».
Disse Pietro a Gesù: «Tu sei il Cristo». (Cf. Mc 8,29)


Preghiera dopo la comunione
La forza del tuo dono, o Signore,
operi nel nostro spirito e nel nostro corpo,
perché l'efficacia del sacramento ricevuto
preceda e accompagni sempre i nostri pensieri e le nostre azioni.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 12-09-2021)
La Parola - Commento al Vangelo di Marco (Mc 8,27-35)
...
(continua)
Luca Rubin     (Omelia del 12-09-2021)
La tua risposta è giusta, anche il silenzio
Gesù partì con i suoi discepoli verso i villaggi intorno a Cesarèa di Filippo, e per la strada interrogava i suoi discepoli dicendo: «La gente, chi dice che io sia?». Ed essi gli risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa e altri uno dei profeti». Il brano si svolge lungo la strada. La prima parte del vangelo di Marco contiene la rivelazione di Ges ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 12-09-2021)
Il Cristo e la nostra vita
Alle domande di Gesù, in quel territorio di Cesarea di Filippo, quando chiede ai suoi discepoli: "La gente chi dice che io sia?" Cosa dice di me, che cosa pensa di me?, i discepoli danno le varie risposte: "Giovanni Battista, Elia, qualcuno dei profeti". Ma a Gesù non interessa l'opinione di chi è lontano e pone la domanda stringente ai suoi: "Ma voi, chi di ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 12-09-2021)
Commento al Vangelo del 12 settembre
...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 12-09-2021)

La fede di Dio nei confronti dell'uomo si concretizza in quella passione che Gesù stesso ha sofferto. Isaia ci dimostra quello che Gesù stesso in una rivelazione mistica consegnerà alla beata di Foligno: "Non ti ho amato per scherzo". Il Signore veramente ci ha amati. Davanti a questo amore la risposta della nostra fede, consegnata gratuitamente, deve esse ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 12-09-2021)
Nella croce di Cristo la nostra salvezza
La parola di Dio di questa ventiquattresima domenica del tempo ordinario ci introduce nel mistero della Croce di Cristo. La vicinanza anche della festa dell'Esaltazione della Croce, che si celebra ogni anno il 14 di settembre e la memoria della Vergine Santissima Addolorata, il 15 settembre, ci aiutano a capire meglio la parola di Dio di questo giorno e di c ...
(continua)
mons. Erio Castellucci diocesi di Modena-Nonantola     (Omelia del 12-09-2021)
Chi perderà la propria vita per causa mia e del Vangelo, la salverà
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 12-09-2021)
Perdersi per ritrovarsi
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 12-09-2021)

Gesù va verso i villaggi di Cesarea di Filippo, l'attuale Banias, ai piedi del monte Hermon. Qui "indaga" la posizione dei suoi discepoli prima di intraprendere il cammino verso Gerusalemme. Gesù inizia con una specie di sondaggio: "la gente, che dice che io sia?" E i discepoli fanno un rapido elenco riportando gli stereotipi applicati a Gesù. A Gesù tuttavi ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 12-09-2021)

In quel tempo, Gesù partì con i suoi discepoli verso i villaggi intorno a Cesarèa di Filippo. Portarli lì è un po' come se oggi li avesse portati a porto cervo in mezzo ai super panfili. Filippo è un uomo ricco e potente, invidiato da tutti per la sua bella vita. Per la strada interrogava i suoi discepoli dicendo: «La gente, chi dice che io sia?». Gesù f ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 12-09-2021)
Cristo sì, croce no...
Negli anni della contestazione giovanile e studentesca (tra la fine degli anni sessanta e l'inizio degli anni settanta del secolo scorso), quando tutto veniva fortemente messo in discussione, nemmeno il pensiero e il vivere cristiano, ovviamente, erano esenti da revisione; e uno degli slogan che si sentivano spesso usare era "Cristo sì, Chiesa no", per indic ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 12-09-2021)
Sui sentieri della croce
Pagina quaresimale ci si pone di fronte in pieno tempo ordinario. Ci rammenta l'itinerario di Gesù verso Gerusalemme con la conseguente consegna a coloro che vorranno la sua condanna di croce. Ci ravvisa che questo supplizio non interessa semplicemente l'uomo Gesù, ma il Figlio di Dio che deliberatamente vuole affrontare la spassionata tappa d'amore per l'um ...
(continua)
don Marco Scandelli     (Omelia del 12-09-2021)
#2minutiDiVangelo - Domenica XXIV TO - Seguire Gesù nel solco della sua croce per imparare ad abbracciare la nostra croce
Commento al Vangelo della XXIV domenica del TO - a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo Mc 8 27-35 ...
(continua)
don Gaetano Luca (Amore)     (Omelia del 12-09-2021)

...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 12-09-2021)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Quintino Venneri L'episodio della confessione di Pietro a Cesarea di Filippo riveste un ruolo centrale nella tradizione sinottica e, in particolare, nel Vangelo di Marco. Collocato quasi al culmine della narrazione, ne rappresenta uno degli snodi fondamentali. Cesarea, città situata ai piedi del monte Ermon, all ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 12-09-2021)

Se Gesù tornasse sulla terra e chiedesse a noi, ai nostri genitori, ai nostri amici e a quanti incrociamo sul nostro cammino, chi è Lui, alcuni Gli risponderebbero: "tu sei un guru", altri: "sei un uomo eccezionale, sei un grande" altri ancora forse direbbero: "tu sei il Figlio di Dio"... Insomma non risponderemmo tanto diversamente da come hanno risposto g ...
(continua)
Frati Minori Cappuccini     (Omelia del 12-09-2021)

...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 12-09-2021)
Dietro a me
Il brano evangelico che oggi la liturgia ci propone rappresenta uno snodo fondamentale nel racconto di Marco. Siamo a Cesarea di Filippo, il territorio più lontano raggiunto da Gesù nel suo cammino, e, proprio qui, il maestro viene riconosciuto come il Cristo, il messia atteso. Fino a questo punto i discepoli hanno seguito Gesù incantati dalla Sua Parola e ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 12-09-2021)
Tu sei il Cristo: questa è la nostra fede
...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 12-09-2021)
Quando la nostra fede ?indispone e allontana?
La fede diventa visibile con le opere. Se non avviene questo travaso di concretezza, diventa una semplice parola che vola e batte l'aria. La vitalità della fede consiste nelle opere che costruisce, ogni giorno, per il bene e il sostegno degli altri. Opere semplici: un gesto di solidarietà che si traduce in un vestito per coprire la nudità in modo dignitoso ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 12-09-2021)
La carta di identità del discepolo di Gesù Cristo, Figlio di Dio
Chi è Gesù? Chi è il discepolo di Gesù? Dovremmo avere tutti la nostra carta d'identità, e sappiamo che lo scopo di questo documento è definirci distinguendoci dagli altri. Il Vangelo di Marco è stato scritto con lo scopo di definire l'identità del cristiano, cercando di rispondere alla domanda: «Chi è il vero discepolo di Gesù?» L'evangelista Marco ha volu ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 12-09-2021)
La domanda di Gesù che interroga il mio cuore
E per la strada interrogava: un'azione continuativa, prolungata, uno stile di vita: strada e domande. Gesù non è la risposta, lui è la domanda; non il punto di arrivo, ma la forza che fa salpare la vita, smontare le tende al levar delle sole. Le tante domande del vangelo funzionano come punto di incontro tra lui e noi. La gente, chi dice che io sia? Non un ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 12-09-2021)
Commento su Marco 8,27-35
Gesù indirizza una domanda a ciascuno di noi: "Chi sono io per te?". È sottinteso che la risposta non consiste nella formulazione di bei pensieri, ma nella testimonianza della nostra vita. Il modo di rispondere a questa provocazione divina, infatti, non consiste in ciò che io ritengo opportuno o no, bello o brutto, ma nell'aderire a quanto rivelato dalla vit ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 12-09-2021)
Domanda e risposte
"Ma voi chi dite che io sia?" Voi, cioè noi, gente del XXI secolo, gente cioè che è nata venti secoli dopo che Gesù Cristo è morto e risorto. La risposta cambia completamente dopo quel tragico e allo stesso tempo straordinario e salvifico avvenimento. Noi possiamo dare una risposta che i contemporanei di Gesù non potevano assolutamente dare. Risposta teologi ...
(continua)
don Alfonso Giorgio Liguori     (Omelia del 12-09-2021)
La gente, chi dice che io sia?
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 12-09-2021)
Ecco la via giusta: pensare secondo Dio
La liturgia odierna ci propone un brano del Vangelo secondo Marco (8,27-35): Gesù è in cammino verso Cesarea di Filippo, una città pagana, cioè ormai fuori dal territorio abitato dagli ebrei, e intanto non perde l'occasione di ammaestrare gli apostoli che lo accompagnano, anche per prepararli ai non facili futuri eventi relativi alla sua persona. In proposi ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 12-09-2021)
Forza
Possiamo averlo incontrato, Gesù. E riconosciuto, certo. Avere assistito, come Pietro, Giovanni, Andrea, alle sue parole, ai suoi gesti. Possiamo averlo frequentato sin da bambini e possiamo essere cresciuti a pane e oratorio. Oppure abbiamo riscoperto la fede da adulti disincantati e distratti, non particolarmente interessati dalle cose della Chiesa. Un ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 12-09-2021)
Chi è Gesù per te?
...
(continua)
Paolo De Martino     (Omelia del 12-09-2021)
Chi sono io per te?
Siamo alla svolta nel vangelo di Marco. E' il capitolo ottavo, il centro del suo vangelo composto di sedici capitoli. La prima parte del ministero di Gesù era stata una grande delusione. I farisei e gli scribi in fondo si opponevano. Il popolo lo cercava semplicemente per vedere i segni miracolosi. I discepoli non ne parliamo. Cesarea I Dodici hanno tra l ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 12-09-2021)
Videocommento su Mc 8,27-35
...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 12-09-2021)
Chi è Gesù Cristo? (Mc 8,27-35)
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 12-09-2021)
Commento su Marco 8,27-35
Che cosa succede, quando si passa da una fede teorica a una fede vissuta? ....quello che è successo a Pietro e agli Undici, quando, dopo aver risposto come da manuale, alla domanda su chi fosse Gesù - "Tu sei il Cristo" -, il Signore rivelò loro il destino del Cristo... A quel punto... scandalo generale! Addirittura, Pietro afferra il Maestro per un bracci ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 12-09-2021)
Video commento su Marco 8,27-35
...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 12-09-2021)
#StradeDorate - Commento su Marco 8,27-35
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 12-09-2021)
Commento su Is 50,5-9a; Sal 114; Giac 2,14-18; Mc 8,27-35
Tramite il vangelo, di questa domenica, Gesù ci pone una domanda" chi dite che io sia?" Ogni volta che Gesù ci pone una domanda non chiede da noi una risposta, ma un " stai più attento a dove metti i piedi nel seguirmi, devi calpestare le mie orme". Le risposte che gli diamo devono esistenzialmente trasformarci. Il Signore Gesù prende sul serio le nostre r ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 29-08-2021)
Domenica - XXIV del Tempo Ordinario - Anno B - Commento al Vangelo
...
(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 16-09-2018)
Ma voi, chi dite che io sia?
Attraverso il Vangelo di oggi Gesù pone ai discepoli una domanda decisiva: «Ma voi, chi dite che io sia?». A questa domanda, posta dal Maestro, risponde Pietro dicendo: «Tu sei il Cristo». Con questa affermazione l'apostolo Pietro riconosce in Gesù il Messia, l'inviato di Dio, colui di cui parlano le Sacre Scritture. Gesù aveva compreso che negli animi degli ...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 16-09-2018)
Commento su Marco 8,27-35
...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 16-09-2018)
"Non ci credo a Satana" E' quello che lui spera, Pietro!
Ce l'aveva sulla punta della lingua da chissà quanto tempo quella domanda. Da quando li adocchiò - reti tristi, cuori fiacchi, braccia spossate - a Cafarnao, nei dintorni. La tenne stretta a sé: ci sono domande che ci si può giocare una sola volta nella vita. Cristo lo sa: l'occasione è nulla senza un'inclinazione, un desiderio, un cuore in accelerazione. Qu ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 16-09-2018)
Audio commento alla liturgia - Mc 8,27-35
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 16-09-2018)
La pace? Il contrario della sicurezza
Ci siamo lasciati, domenica scorsa, con un sordomuto che, dopo l'incontro con Gesù aveva cominciato a parlare correttamente; ci eravamo anche detti che la lingua di Gesù è il parlare e il vivere concretamente. Pietro sembra fermarsi un passo indietro; parla correttamente: Tu sei il Cristo, ma si ferma lì, gli manca l'opera (per usare il linguaggio dell'apos ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 16-09-2018)

Da tempo i discepoli camminano con Gesù, e il Maestro vuol vedere che cosa hanno capito di lui. Parte con una specie di sondaggio: ma la gente, che dice che io sia? E i discepoli fanno un rapido elenco riportando alcune opinioni altrui è facile... il problema viene quando sono interpellati direttamente, quando bisogna sbilanciarsi, prendere una posizione: ma ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 16-09-2018)
Video commento a Mc 8,27-35
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 16-09-2018)
Video commento a Mc 8,27-35
...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 16-09-2018)
Dio ci prescrive una radiografia
Quante volte ci sarà capitato di fare radiografie o di vederne una. Grosso modo, la radiografia permette di vedere quello che abbiamo dentro e in che situazione si trova. Eccetto il cuore. Quello che abbiamo nel cuore lo sa solo Dio. Ma come potremmo vedere nel cuore di Dio se Dio non lo possiamo toccare? In realtà per conoscere il cuore di Dio non abbiam ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 16-09-2018)
Meno nervosismi con Dio, per cortesia...
Avete mai provato a calcolare, nell'arco di una giornata, quante sono le ore in cui agiamo in maniera nervosa e rabbiosa, o quantomeno ci irritiamo per qualcosa e di conseguenza siamo poco "gentili" nei confronti degli altri? Io, è meglio che non ci provi neppure...troverei forse qualche manciata di minuti "pacifici" nella mia giornata! È vero, poi, che dipe ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 16-09-2018)
Quando la nostra mentalità rassomiglia a quella del maligno
Più cresce la fede nella dolcissima verità che "Gesù è il Cristo", Figlio di Dio, e più devo accogliere le conseguenze di questa professione di fede. Sono conseguenze scomode, faticose, difficili, insidiose. Gesù le riassume in poche parole. Chi crede dovrà soffrire molto. Per un grande valore si paga un caro prezzo. Per ciò che dà senso alla vita, ci pu ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 16-09-2018)
Perdere e Salvare
Che cosa pensa la gente? Che cosa penso io? Quali sono le opinioni, le mode, i condizionamenti nella vita fra le persone? Una mamma, con molto dolore e molta chiarezza mi parla dei suoi due ragazzi, 18 e16 anni. Hanno smesso di frequentare la chiesa, quasi sfoggiano il fatto di essere atei, pur avendo avuto una educazione cristiana e tanto impegno e buona t ...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 16-09-2018)
Si arrenda chi lo vuol seguire
Il sordomuto della scorsa domenica fu portato a Gesù da altri. Non ci andò di sua spontanea volontà. E tuttavia si lasciò portare da Lui in disparte, lontano dalla folla (Mc 7,33-34). Si aspettava che lo guarisse? Non poteva forse dubitare delle intenzioni di quello strano maestro? A cosa pensava mentre Gesù gli metteva le sue mani nelle orecchie e quando co ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 16-09-2018)
Vivere in perdita, vivere in lotta
Vivere può essere paragonato a un camminare. Gesù e i discepoli sono in cammino. Pensiamoci dunque «lungo la via». Sulla strada del cammino della nostra esistenza siamo sempre sollecitati a rispondere a tanti interrogativi nella ricerca sul "senso della nostra vita". La domanda più intrigante, ma più rivoluzionaria che ci viene rivolta, non una volta per tut ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 16-09-2018)
Audio commento al Vangelo del 16 settembre
...
(continua)
don Luigi Maria Epicoco     (Omelia del 16-09-2018)
Chi dite che io sia?
...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 16-09-2018)
Perdersi è salvarsi
Doveva soffrire molto, ed essere rifiutato La differenza tra la gente e i discepoli è che questa non aveva capito nulla della persona di Gesù mentre i discepoli avevano intuito che Gesù fosse il Messia. La risposta di Pietro è chiara: «Tu sei il Cristo» [Cristo deriva dal greco e significa "Unto", consacrato, in ebraico "messia"]. Quello che, invece, fa ass ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 16-09-2018)

Voi chi dite che io sia? Cari bambini ben trovati! Abbiamo ascoltato un bel vangelo nel quale Gesù si ritrova con i suoi amici apostoli e vuole chiedere loro qualcosa di importante. Dopo aver predicato molto e fatto tanti miracoli vuole capire che idea si è fatta la gente di Lui. Voglio raccontarvi quello che successe un giorno ad un mio amico, don Matteo, ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 16-09-2018)
#StradeDorate - Commento su Marco 8,27-35
...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 16-09-2018)
Chi sono io per te? Gesù non cerca parole ma persone
Gesù si trovava in un luogo solitario a pregare. Silenzio, solitudine, preghiera: è un momento carico della più grande intimità per questo piccolo gruppo di uomini. E i discepoli erano con lui... Intimità tra loro e con Dio. È una di quelle ore speciali in cui l'amore si fa come tangibile, lo senti sopra, sotto, intorno a te, come un manto luminoso; momenti ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 16-09-2018)
Essere discepoli di Cristo è portare con dignità la propria croce
La liturgia della parola di Dio di questa XXIV domenica del tempo ordinario viene dopo la celebrazione di due importanti feste della devozione popolare, quella dell'Esaltazione della Croce e quella della Madonna Addolorata. Proprio il Vangelo di questa domenica ci porta a riflettere sulla sequela di Cristo, mediante l'accettazione consapevole ed umile del m ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 16-09-2018)
Video commento su Mc 8,27-35
...
(continua)
Luca Rubin     (Omelia del 16-09-2018)
Va' dietro a me
Gesù partì con i suoi discepoli verso i villaggi intorno a Cesarèa di Filippo, e per la strada interrogava i suoi discepoli dicendo: «La gente, chi dice che io sia?». Gesù cammina con i suoi, e camminando parla con loro. Lasciando un villaggio e dirigendosi verso un altro, si scambiano impressioni, magari sul tempo, o su qualche avvenimento, A un certo punto ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 16-09-2018)
Audio commento al Vangelo della Prima domenica del Tempo Ordinario (Anno B - Mc 8,27-35)
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 16-09-2018)
Una meta altissima: pensare secondo Dio
Vangelo secondo Marco 8,27-35: Gesù è in cammino verso Cesarea di Filippo, una città pagana, cioè ormai fuori dal territorio abitato dagli ebrei, e intanto non perde l'occasione di ammaestrare gli apostoli che lo accompagnano, anche per prepararli ai non facili futuri eventi relativi alla sua persona. In proposito, esordisce con una domanda: "Chi sono io, s ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 16-09-2018)
Commento su Marco 8,27-35
"Chi perderà la propria vita per causa mia e del Vangelo, la salverà.": il Vangelo assegna significati particolari, non convenzionali, a talune parole; questo è un esempio particolarmente significativo: secondo Gesù, "perdere" non significa buttare via; la vita non è un vuoto a perdere. Per Lui perdere significa spendere, dedicare, investire; sacrificare, ne ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 16-09-2018)
La domanda pericolosa
Questo è il vangelo delle domande e delle risposte. Risposte che smontano talmente Pietro che si fa ardito e prende in disparte Gesù per rimproverarlo Abbiamo così un rovesciamento di situazione rispetto a domenica scorsa: non è più Gesù che prende in disparte il sordomuto per guarirlo, ma è addirittura Pietro che prende in disparte Gesù. Ma andiamo con ord ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 16-09-2018)
La Parola - Commento al Vangelo di Marco (Mc 8,27-35)
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 16-09-2018)
La croce e la gloria
La croce è lo strumento dell'estrema umiliazione, della sottomissione e dell'autoconsegna all'umanità, che diventa però la tappa necessaria all'innalzamento L'esaltazione della croce cade liturgicamente in questi giorni (14 Settembre) e non è fuori luogo oggi un riferimento allo strumento di supplizio sul quale Gesù, Figlio di Dio fattosi uomo per noi, osten ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 16-09-2018)
Videocommento su Mc 8,27/35
...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 13-09-2015)
Commento su Gc 2,14-18
Collocazione del brano Questa è senz'altro la pagina più famosa della lettera di Giacomo. Nel suo stile concreto egli ci ricorda che la fede è importante per ottenere la salvezza, ma non giova a nulla se non si traduce in gesti concreti di amore verso i fratelli, soprattutto verso coloro che vivono in condizioni di povertà. Paolo sembra affermare il contr ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 13-09-2015)
Commento su Mc 8,27-35
Collocazione del brano La nostra lettura di Marco ci porta alla seconda metà del capitolo 8. Protagonisti sono i discepoli di Gesù che con lui sono in viaggio verso Gerusalemme. Questo brano è considerato il culmine del vangelo di Marco, il crinale. Qui Gesù viene riconosciuto da Pietro come il Cristo, il messia atteso. Ora che i discepoli hanno capito que ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 13-09-2015)
Video Commento su Marco 8,27-35
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 13-09-2015)
Audio commento alla liturgia - Mc 8,27-35
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 13-09-2015)
La fede in Gesù chiede una vita coerente
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 13-09-2015)
Una vita esposta
Siamo ad un punto nodale del cammino in ascolto del vangelo di Marco... non è questione di capire, di conoscere, di sapere... dobbiamo entrare dentro per renderci conto che anche per noi, in quanto cristiani, in quanto discepoli è un momento di svolta: siamo chiamati a dire chi è Gesù per noi e la risposta deve essere personale. Davvero tante cose mi colp ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 13-09-2015)
PENSARE SECONDO DIO
Come è facile parlare di amore per i poveri, in relazione a ogni forma di bisogno: di casa, di lavoro, di affetto, di accoglienza. La povertà è sempre un ?vuoto' creato da mille circostanze, nelle quali davvero potrebbe esprimersi l'amore nella sua totalità, al punto che i poveri diventano la nostra vera ricchezza e risorsa. Sempre che consideriamo felicità ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 13-09-2015)
Dalla Massa al Tu
Clicca qui per la vignetta della settimana. Facendo una mia lettura semi-psicologica di questo racconto del Vangelo, mi verrebbe da pensare che Gesù ci gira un po' attorno alla domanda che veramente gli interessa. Inizia con il chiedere ai suoi amici e discepoli cosa la gente pensa di lui, ma quello che per lui è più importante è sapere cosa loro pensano ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 13-09-2015)
Video commento a Mc 8,27-35
...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 13-09-2015)
A Cesarea di Filippo, niente Messia. Solo il Figlio dell'Uomo.
Gesù da qualche tempo ci sta abituando a frequentare le periferie dell'umanità, a partire da quelle geografiche. Ma più in là di così, finora, non si era spinto, e neppure lo farà più. Cesarea di Filippo rappresenta, tra quelle visitate da Gesù, la città più lontana da Gerusalemme (170 km) e dai centri di potere, una città che si trovava in territorio pagano ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 13-09-2015)
«Ha fatto fiasco», dicono. Lui alza l'asticella
Sei giorni prima si erano messi a bisticciare. Un battibecco registrato per le viuzze attorno a Cesarea di Filippo. Lì, nel mezzo di quelle città neghittose e sonnolente, il nazareno tese loro un agguato. Erano giorni che l'orchestrava: quei dodici umani che si teneva appresso un giorno erano ilari e baldanzosi, il giorno dopo cupi e rattristati. Oggi al set ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 13-09-2015)
La domanda che ci interroga nel profondo: voi chi dite che io sia?
Gesù interroga i suoi, quasi in un sondaggio d'opinione: La gente chi dice che io sia? E l'opinione della gente è bella e incompleta: Dicono che sei un profeta, uno dei più grandi! Ma Gesù non è semplicemente un profeta del passato che ritorna, fosse pure il più grande di tutti. Bisogna cercare ancora: Ma voi, chi dite che io sia? Non chiede una definizion ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 13-09-2015)
#StradeDorate - Commento su Marco 8,27-35
...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 13-09-2015)
Vincere
Ordinò loro severamente Non sembri strano il modo di fare di Gesù, prima domanda ai discepoli cosa la folla ha capito di lui, poi l'interpella direttamente per, subito dopo, proibirgli severamente di parlare di lui. In altre parole a Gesù non interessa la propaganda e tanto meno il proselitismo, e questo andrebbe considerato ancora oggi. Perché una cosa è l ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 13-09-2015)
La fede nel Redentore ci impegna ad operare nell'amore ed accettare la croce
Questo titolo è, in sintesi, il contenuto più significativo di tutta la parola di Dio di questa XXIV domenica del tempo ordinario. La fede e la carità, i sapere soffrire con Cristo, sono i punti cardini dei tre testi biblici che ascoltiamo nella celebrazione eucaristica alla vigilia di due grandi ricorrenze annuali: la Festa dell'Esaltazione della Croce e la ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 13-09-2015)
Video commento su Mc 8,27-35
...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 13-09-2015)
Commento su Marco 8,27-35
Quando Gesù si trova ad operare in Galilea molti si chiedevano chi fosse questo uomo che faceva parlare i muti e udire ai sordi, vedere ai ciechi e scacciar demoni. Nel villaggio di Nazareth c'era chi si limitava a dire è il figlio del carpentiere Giuseppe. Marco, raccontandoci l'episodio in cui Gesù chiede ai suoi discepoli ma la gente cosa dice di me, vu ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 13-09-2015)
Video commento a Mc 8,27-35
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 13-09-2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Davide Arcageli Cesarea di Filippo al tempo di Gesù era una residenza regale dove, dopo la morte di Erode il grande, vi abitava uno dei figli, Filippo appunto, che governava su tutta la Galilea. Il luogo infatti era molto ricco di acqua perché si trova alle pendici del monte Ermon, ai confini tra Galilea e Si ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 13-09-2015)

A me piace molto conoscere gli usi e i costumi delle persone che sono vissute tanti e tanti anni fa, mi piacciono in particolare i castelli, mi piace immedesimarmi nel modo di vivere e di pensare di tutti coloro che ci hanno preceduto nei tempi più remoti. Per questo motivo mi sono costruita, nella mia immaginazione, una specie di "macchina del tempo", e co ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 13-09-2015)
Video commento a Mc 8, 27-35
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 13-09-2015)
Commento su Marco 8,27-35
Il Vangelo di oggi ci offre l'opportunità di riflettere sul rapporto tra Gesù e il contesto religioso al quale apparteneva per nascita e per vocazione. Gesù era un israelita che conosceva bene, meglio di ogni altro israelita, la Legge di Mosè, l'Alleanza, le Sacre Scritture... Conosceva altrettanto bene le tentazioni dell'ipocrisia, di chi professa formalme ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 13-09-2015)
Commento su Marco 8,27-35
È la svolta. I discepoli, finalmente, riconoscono Gesù come il Salvatore. Ben presto capiranno che è il Messia sofferente. L'evangelista Marco unisce strettamente la confessione di Pietro e il presentimento della passione; fin dall'inizio c'è la domanda su chi è Gesù. Qui, a Cesarea di Filippo, è data con trasparenza la risposta: Gesù è il Figlio dell'uomo i ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 13-09-2015)
Non un annunciatore ma l'annunciato
E' facile dire (o illudersi) di avere la fede: se essa non si traduce in opere, in atti di concreta carità, non è vera fede. Lo scrive l'apostolo Giacomo nella sua lettera (2,14-18) dalla quale è tratta la seconda lettura di oggi, mentre il vangelo (Marco 8,27-36) riprende un tema già presente nel brano di domenica scorsa: Gesù intende tutelare il segreto in ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 13-09-2015)
Commento su Is 50,5-9a; Mc 8,27-35
Amici, dalle letture di questa domenica, penso che un messaggio preciso sia l'indicazione di Gesù di aver chiaro di voler rinunciare alla falsità di desideri che assecondano la mentalità comune. E' rinunciare a lasciarci trascinare da quello che non ci appartiene, ma che lasciamo crescere nel nostro cuore, perché tutti fanno così, perché è questo che ci ha i ...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 13-09-2015)
Prediche senza Pulpito - Commento al Vangelo di Don Lello Ponticelli
...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 13-09-2015)
La Parola - commento a Mc 8,27-35
Commento di don Giovanni Imbonati, parroco di Tezze di Arzignano e Pugnello. ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 13-09-2015)
Sulla Tua Parola - Mc 8, 27-35
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 13-09-2015)
La croce articolo di fede
Pagina quaresimale ci si pone di fronte in pieno tempo ordinario. Ci rammenta l'itinerario di Gesù verso Gerusalemme con la conseguente consegna a coloro che vorranno la sua condanna di croce. Ci ravvisa che questo supplizio non interessa semplicemente l'uomo Gesù, ma il Figlio di Dio che deliberatamente vuole affrontare la spassionata tappa d'amore per l'um ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 13-09-2015)
Ruminare i Salmi - Salmo 116,3 (XXIV domenica del tempo ordinario, anno B)
Ruminare i Salmi - Salmo 116 (Vulgata / liturgia 114),3 - (XXIV domenica del tempo ordinario, anno B) CEI Mi stringevano funi di morte, ero preso nei lacci degli inferi. TILC Già la morte mi teneva legato, mi afferrava il mondo dei morti. Giacomo 2,14 A che serve, fratelli miei, se uno dice di avere fede, ma non ha opere? Quella fede può forse salva ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 13-09-2015)
Commento su Is 50,5-9a; Sal 114; Giac 2,14-18; Mc 8,27-35
Le letture che la liturgia di oggi sono in continuazione con le letture di domenica scorsa dove ci era stato presentato un Dio fedele e vicino alle sofferenze delle persone. Oggi si prosegue su questo tema e le letture ci ricordano il cammino della fede che richiama l'apertura dell'orecchio: non opporre resistenza, non sottrarsi alla fatica, non entrare in c ...
(continua)