LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 4 Aprile 2021 <

Venerdì 2 Aprile 2021

Sabato 3 Aprile 2021

Domenica 4 Aprile 2021

Lunedì 5 Aprile 2021

Martedì 6 Aprile 2021

Mercoledì 7 Aprile 2021

Giovedì 8 Aprile 2021

Venerdì 9 Aprile 2021

Sabato 10 Aprile 2021

Domenica 11 Aprile 2021

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  DOMENICA DI PASQUA - RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO B)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: SOLENNITA'
Colore liturgico: Bianco
Scheda Agiografica: DOMENICA DI PASQUA - RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO B)
BP010 ;

Che cos’è che fa correre l’apostolo Giovanni al sepolcro? Egli ha vissuto per intero il dramma della Pasqua, essendo molto vicino al suo maestro. Ci sembra perciò inammissibile un’affermazione del genere: “Non avevano infatti ancora compreso la Scrittura”. Eppure era proprio così: non meravigliamoci allora di constatare l’ignoranza attuale, per molti versi simile. Il mondo di Dio, i progetti di Dio sono così diversi che ancor oggi succede che anche chi è più vicino a Dio non capisca e si stupisca degli avvenimenti.
“Vide e credette”. Bastava un sepolcro vuoto perché tutto si risolvesse? Credo che non fu così facile. Anche nel momento delle sofferenze più dure, Giovanni rimane vicino al suo maestro. La ragione non comprende, ma l’amore aiuta il cuore ad aprirsi e a vedere. È l’intuizione dell’amore che permette a Giovanni di vedere e di credere prima di tutti gli altri. La gioia di Pasqua matura solo sul terreno di un amore fedele. Un’amicizia che niente e nessuno potrebbe spezzare. È possibile? Io credo che la vita ci abbia insegnato che soltanto Dio può procurarci ciò. È la testimonianza che ci danno tutti i gulag dell’Europa dell’Est e che riecheggia nella gioia pasquale alla fine del nostro millennio.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Leggi la sua scheda su Santiebeati.it >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Sono risorto, o Padre, e sono sempre con te. Alleluia.
Hai posto su di me la tua mano. Alleluia.
È stupenda per me la tua saggezza. Alleluia, alleluia. (Cf. Sal 138,18.5-6)

Oppure:
Il Signore è veramente risorto. Alleluia.
A lui gloria e potenza
nei secoli eterni. Alleluia, alleluia. (Cf. Lc 24,34; Ap 1,6)

Si dice il Gloria.


Colletta
O Padre, che in questo giorno,
per mezzo del tuo Figlio unigenito,
hai vinto la morte e ci hai aperto il passaggio alla vita eterna,
concedi a noi, che celebriamo la risurrezione del Signore,
di rinascere nella luce della vita,
rinnovati dal tuo Spirito.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

At 10,34a.37-43
Noi abbiamo mangiato e bevuto con lui dopo la sua risurrezione dai morti.

Dagli Atti degli Apostoli

In quei giorni, Pietro prese la parola e disse: «Voi sapete ciò che è accaduto in tutta la Giudea, cominciando dalla Galilea, dopo il battesimo predicato da Giovanni; cioè come Dio consacrò in Spirito Santo e potenza Gesù di Nàzaret, il quale passò beneficando e risanando tutti coloro che stavano sotto il potere del diavolo, perché Dio era con lui.
E noi siamo testimoni di tutte le cose da lui compiute nella regione dei Giudei e in Gerusalemme. Essi lo uccisero appendendolo a una croce, ma Dio lo ha risuscitato al terzo giorno e volle che si manifestasse, non a tutto il popolo, ma a testimoni prescelti da Dio, a noi che abbiamo mangiato e bevuto con lui dopo la sua risurrezione dai morti.
E ci ha ordinato di annunciare al popolo e di testimoniare che egli è il giudice dei vivi e dei morti, costituito da Dio. A lui tutti i profeti danno questa testimonianza: chiunque crede in lui riceve il perdono dei peccati per mezzo del suo nome».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 117

Questo è il giorno che ha fatto il Signore: rallegriamoci ed esultiamo.

Rendete grazie al Signore perché è buono,
perché il suo amore è per sempre.
Dica Israele:
«Il suo amore è per sempre».

La destra del Signore si è innalzata,
la destra del Signore ha fatto prodezze.
Non morirò, ma resterò in vita
e annuncerò le opere del Signore.

La pietra scartata dai costruttori
è divenuta la pietra d’angolo.
Questo è stato fatto dal Signore:
una meraviglia ai nostri occhi.

>

Seconda lettura

Col 3,1-4
Cercate le cose di lassù, dove è Cristo

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Colossési

Fratelli, se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove è Cristo, seduto alla destra di Dio; rivolgete il pensiero alle cose di lassù, non a quelle della terra.
Voi infatti siete morti e la vostra vita è nascosta con Cristo in Dio! Quando Cristo, vostra vita, sarà manifestato, allora anche voi apparirete con lui nella gloria.

Parola di Dio

Sequenza
Alla vittima pasquale,
s’innalzi oggi il sacrificio di lode.
L’Agnello ha redento il suo gregge,
l’Innocente ha riconciliato
noi peccatori col Padre.

Morte e Vita si sono affrontate
in un prodigioso duello.
Il Signore della vita era morto;
ma ora, vivo, trionfa.

«Raccontaci, Maria:
che hai visto sulla via?».
«La tomba del Cristo vivente,
la gloria del Cristo risorto,
e gli angeli suoi testimoni,
il sudario e le sue vesti.
Cristo, mia speranza, è risorto:
precede i suoi in Galilea».

Sì, ne siamo certi:
Cristo è davvero risorto.
Tu, Re vittorioso,
abbi pietà di noi.

Canto al Vangelo (1Cor 5,7-8)
Alleluia, alleluia.
Cristo, nostra Pasqua, è stato immolato:
facciamo festa nel Signore.
Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Gv 20,1-9
Egli doveva risuscitare dai morti.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.
Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».
Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Fratelli e sorelle, oggi Cristo, nostra Pasqua, è risorto: la nostra salvezza è compiuta! Con gioia ed esultanza apriamo il nostro cuore al Signore per tutte le necessità della Chiesa, del mondo e della nostra vita.
Lo invochiamo dicendo: Signore, Dio della gloria, ascoltaci!

1. Per tutte le comunità cristiane, perché la Pasqua segni un autentico passaggio verso una vita spirituale più matura e consapevole, preghiamo.
2. Per il mondo intero, perché riconosca le meraviglie del Signore e scopra in Cristo il punto di riferimento di coloro che cercano la verità di Dio e la verità dell'uomo, preghiamo.
3. Per chi è solo e in difficoltà, perché si senta avvolto dall'amore del Signore, che lo ha chiamato a partecipare alla sua gloria, preghiamo.
4. Per noi che partecipiamo a questa Eucaristia, perché la gioia pasquale non si esaurisca in questo giorno, ma ci accompagni nella vita quotidiana, preghiamo.

O Signore, Dio della gloria, che conosci i nostri cuori, sostienici nei nostri propositi di rinnovamento della vita alla luce della Pasqua e accogli ogni nostra invocazione, perché il mondo intero possa riconoscere in te la fonte della vita e della speranza. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.

Preghiera sulle offerte
Esultanti per la gioia pasquale,
ti offriamo, o Signore, questo sacrificio
nel quale mirabilmente rinasce
e si nutre la tua Chiesa.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO PASQUALE I
Il mistero pasquale

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
proclamare sempre la tua gloria, o Signore,
e soprattutto esaltarti in questo giorno
nella quale Cristo, nostra Pasqua, si è immolato.
È lui il vero Agnello
che ha tolto i peccati del mondo,
è lui che morendo ha distrutto la morte
e risorgendo ha ridato a noi la vita.
Per questo mistero,
nella pienezza della gioia pasquale,
l'umanità esulta su tutta la terra
e le schiere degli angeli e dei santi
cantano senza fine l'inno della tua gloria: Santo, ...

Nel Canone Romano, si dice il Communicantes proprio e l’Hanc ígitur propri.
Nelle Preghiere eucaristiche II e III si fa il ricordo proprio della Pasqua e dei neo-battezzati.


Antifona alla comunione
Cristo, nostra Pasqua, è stato immolato! Alleluia.
Celebriamo dunque la festa
con azzimi di sincerità e di verità. Alleluia, alleluia. (1Cor 5,7-8)

Oppure:
Il primo giorno della settimana,
Maria di Magdala si recò al sepolcro di mattino,
e vide che la pietra era stata rimossa dal sepolcro. Alleluia. (Gv 20,1)

Oppure:
Gesù, il crocifisso, è risorto,
come aveva predetto. Alleluia.

Oppure alla sera, se si legge il Vangelo dei discepoli di Emmaus:
Resta con noi, Signore, perché si fa sera
e il giorno è ormai al tramonto. Alleluia. (Lc 24,29)


Preghiera dopo la comunione
Proteggi sempre la tua Chiesa, Dio onnipotente,
con l’inesauribile forza del tuo amore,
perché, rinnovata dai sacramenti pasquali,
giunga alla gloria della risurrezione.
Per Cristo nostro Signore.

Benedizione solenne
In questo santo giorno di Pasqua,
Dio onnipotente vi benedica
e, nella sua misericordia,
vi difenda da ogni insidia del peccato. R. Amen.

Dio che vi rinnova per la vita eterna,
nella risurrezione del suo Figlio unigenito,
vi conceda il premio dell’immortalità futura. R. Amen.

Voi, che dopo i giorni della passione del Signore
celebrate nella gioia la festa di Pasqua,
possiate giungere con animo esultante alla festa senza fine. R. Amen.

E la benedizione di Dio onnipotente,
Padre e Figlio e Spirito Santo,
discenda su di voi e con voi rimanga sempre. R. Amen.

Nel congedare l’assemblea, si canta o si dice:

Andate in pace. Alleluia, alleluia.

Oppure:
La Messa è finita: andate in pace. Alleluia, alleluia.

Oppure:
Portate a tutti la gioia del Signore risorto.
Andate in pace. Alleluia, alleluia.

R. Rendiamo grazie a Dio. Alleluia, alleluia.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 04-04-2021)
Commento su At 10,34a.37-43; Sal 117; Col 3,1-4; Gv 20,1-9
Oggi celebriamo la festa più grande e più importante per noi cristiani, la Pasqua di resurrezione che è un mistero grande: tutta la nostra fede parte e si appoggia su di essa. Pasqua significa passaggio e deriva dall'evento dell'esodo del popolo ebraico dall'Egitto. In Cristo essa ha assunto un nuovo significato: quello del passaggio dalla morte del peccato ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 04-04-2021)
Sei Vivo, Non Ti Preoccupare
Clicca qui per la vignetta della settimana. Nei giorni di ospedale per la polmonite da covid, ho avuto alcuni compagni di stanza con i quali c'erano in comune i sintomi e le complicanze anche se con gravità e tempi diversi. Negli ultimi giorni di ricovero ho avuto come compagno di stanza un uomo un po' più giovane di me che aveva passato una forma più g ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 04-04-2021)
Video commento a Gv 20,1-9
...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 04-04-2021)
Ospiti nel cuore della Trinità
Valore del corpo di Gesù Questa notte abbiamo accolto già l'annuncio della toma vuota. Nel sepolcro il corpo del crocifisso non c'era più. Le donne avevano predisposto tutto per l'unzione rispettosa di quel corpo crocifisso. Il ricordo drammatico del sangue uscito dalla ferite aveva trasmesso l'indicibile mistero del dono totale senza alcuna ricompensa. Que ...
(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 04-04-2021)
Cristo, nostra speranza, è la pace vera del mondo!
«Se Cristo non è risorto, vuota allora è la nostra predicazione, vuota anche la vostra fede [...] Se noi abbiamo avuto speranza in Cristo soltanto per questa vita, siamo da commiserare più di tutti gli uomini» (cf 1Cor 15,14.19). Queste parole di Paolo esprimono bene qual è l'unico fondamento della fede cristiana: la risurrezione di Gesù Cristo dai morti, «p ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 04-04-2021)
Non avevano ancora compreso
"Non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti". Quando pensiamo alla resurrezione di Gesù, siamo inevitabilmente condizionati da un retaggio culturale che ci viene da duemila anni di cristianesimo; per cui, ci risulta quasi spontaneo pensare alla resurrezione come qualcosa di glorioso, di devastante, di pubblico dominio, ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 04-04-2021)
La Luce dona nuova vita
Il grigiore dei timori e delle sofferenze della vita con Gesù è destinato a colorarsi. È quello che succede a Maria di Magdala che si reca al sepolcro di buon mattino, segno della vita quotidiana che va avanti a volte con fatica. Maria esce di casa, ma c'è un particolare: è così presto che è "ancora buio", segno che spesso viviamo la vita trascinandoci le p ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 04-04-2021)
Domenica di Pasqua - Commento al Vangelo
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 04-04-2021)
Il risveglio della fede per la vita
Tutto sembrava finito per i discepoli di Gesù. Una volta vistolo sfiorire sulla croce dopo lunga agonia, avevano concluso che avesse fallito la sua missione ed erano rimasti delusi perché non aveva realizzato la "liberazione di Israele dalle oppressioni", restando succube piuttosto di coloro che lo avevano messo a morte. Così affermavano i due discepoli dire ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 04-04-2021)
E' la Pasqua del Signore! E' la nostra pasqua.
Pasqua è Gesù Cristo risorto e vivente per sempre, nella gloria dei cieli e sempre accanto all'umanità, a ciascuno di noi. Pasqua è Gesù Cristo, Figlio di Dio e vero uomo, nato su questa terra, aissuto facendo del bene a tutti, condannato e morto per amare e salvare tutti, risorto per offrire, anche a tutti noi, lo Spirito del suo amore e una vita nuova su q ...
(continua)
don Marco Scandelli     (Omelia del 04-04-2021)
#2minutiDiVangelo - Domenica di Pasqua - Credere è vivere, non "avere pensieri" su Dio!
Commento al Vangelo della Domenica di Pasqua- a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo ---- Gv 20 1-9 ---- I vangeli della resurrezione sono tantissimi. Ma nessun Vangelo ci parla del momento della risurrezione. L'avete mai notato? Gli studiosi dicono che questa è una delle prove testuali che gli apostoli non si sono inventanti nulla. Perch ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 04-04-2021)
La Pasqua di Cristo nella nostra vita
...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 04-04-2021)
Risorgere dai morti
Qui in Perú tutte le chiese sono chiuse, ma la Chiesa di Cristo palpita di vita nuova nelle case e nei cuori di tutti coloro che celebrano con passione la vittoria definitiva e irreversibile di Cristo sulla morte. Sulle colline sabbiose che si estendono nella periferia nord di Lima, in umili case di mattoni di fango e tetti di lamiera e plastica, brillerà la ...
(continua)
mons. Erio Castellucci diocesi di Modena-Nonantola     (Omelia del 04-04-2021)
Correvano insieme
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 04-04-2021)
Figli della Risurrezione
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 04-04-2021)

Cari fratelli e sorelle, Cristo è Risorto! È veramente risorto, Alleluja!Lasciamo che la gioia della risurrezione pervada i nostri cuori. In Cristo morto e risorto la vita ha vinto, l'amore ha trionfato, il cielo è aperto. Anche a noi è data la possibilità di far esperienza, per mezzo della fede, di questa vita nuova infusa nei nostri cuori per mezzo dello S ...
(continua)
Michele Antonio Corona     (Omelia del 04-04-2021)
La paura e la fuga dei discepoli e delle donne non frenano il progetto d'amore di Dio Padre
Coloro che sono rimasti a fianco di Gesù non sono testimoni credibili, ma credenti. Non possono mostrare meriti o capacità, ma fondare la propria fede sull'amore del Signore per loro e per la moltitudine. Il sepolcro è aperto. I segni della morte sono assenti, mentre un giovane seduto e rivestito di bianco annuncia: il crocifisso è risorto. Niente è come pr ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 04-04-2021)
Occhi della fede per vivere una vera risurrezione di vita (Pasqua)
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 04-04-2021)
Come riconoscere il Risorto?
"Il mattino di Pasqua tutti vedono, e non si capisce cosa. Vedono la pietra smossa, il sepolcro vuoto, le bende, ma non vedono quello che conta: non vedono Gesù, né il suo cadavere, né lui vivo. Tutti corrono per vedere, ma vedere cosa? un sepolcro. La morte si vede benissimo, tutti vedono la crocifissione e riconoscono sulla croce Gesù, ma Il Risorto non ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 04-04-2021)

"Non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti". Giovanni termina il racconto della Risurrezione con un richiamo decisamente forte per farci comprendere che la fede dei discepoli, così come la nostra, da sola non è sufficiente per vivere e comprendere l'evento centrale di tutto il Vangelo. Per i discepoli la Risurrezione ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 04-04-2021)
Videocommento su Gv 20,1-9
...
(continua)
don Alfonso Giorgio Liguori     (Omelia del 04-04-2021)
Egli doveva risorgere dai morti
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 04-04-2021)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Lucia Piemontese Dopo la solenne e ricca liturgia della Parola nella Veglia pasquale, il Vangelo nella Messa del giorno (Gv 20,1-9) un po' stranamente non ci racconta un'apparizione del Risorto. Maria di Magdala, nel giorno dopo il sabato, di buon mattino e ancora con il buio, va al sepolcro. Le notazioni dell'o ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 04-04-2021)

Ma come si fa a credere che un uomo che hai visto morto sulla croce e che poi hai toccato mentre era tra le braccia di sua madre in pianto e che, quindi, sei certo che fosse morto, sia risorto? Che paura, che agitazione, che angoscia avrà provato Maria Maddalena quella mattina quando ha trovato la pietra rotolata via dal sepolcro! Era ancora buio ci dice il ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 04-04-2021)
Video commento a Gv 20,1-9
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 04-04-2021)
C'è per tutti una speranza
Oggi ricorre la festa che celebra il fondamento della fede cristiana, la festa-cardine dell'anno liturgico, e le letture della Messa prevedono la possibilità di scegliere tra vari passi del vangelo, relativi alle prime esperienze dei seguaci di Gesù, il giorno in cui costatarono la sua risurrezione. Li avevamo lasciati il pomeriggio del venerdì, quando aveva ...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 04-04-2021)
Vangeli della Settimana Santa
...
(continua)
Paolo De Martino     (Omelia del 04-04-2021)
L'Amore è più forte della morte!
L'annuncio Pasquale inizia con una corsa. Maria corse da Simone e dall'altro discepolo, che insieme corrono al sepolcro. Perché tutti corrono nel mattino di Pasqua? Perché tutto ciò che riguarda Gesù merita la fretta dell'amore. Insomma la Pasqua ci invita a svegliarci, a mettersi a correre! Ci invita a risvegliare la nostra fede dalla pigrizia. Se vi chi ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 04-04-2021)
Commento su Marco 16,1-8
Buona Pasqua a tutti! Vi ricordate l'icona che vi ho lasciato la prima domenica di quaresima, come proposito da vivere quotidianamente fino ad oggi? "Gesù si alza in piedi e, in piedi, affronta la sua passione con la dignità del Figlio di Dio". Voglio pensare che la pandemia che, ormai da più di un anno, ci succhia via la vita, come un vampiro - del resto ...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 04-04-2021)
Pasqua di Risurrezione (Gv 20,1-9)
...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 04-04-2021)
Video commento su Giovanni 20,1-9
...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 01-04-2018)
Commento su Giovanni 20,1-9
...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 01-04-2018)
Una Pasqua da paura
Clicca qui per la vignetta della settimana. La liturgia nella lettura del Vangelo proposto per la notte di Pasqua, tralascia l'ultimo versetto del testo dell'evangelista Marco (il versetto 8), una riga che nel racconto di per sé lascia un po' sbigottiti "...Ed esse, uscite, fuggirono via dal sepolcro perché erano piene di timore e di spavento. E non di ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 01-04-2018)
Ogni promessa è debito
Sempre di fretta. Tutti corrono. Non c'è mai tempo. Sempre ansia. Anche Maria di Magdala e poi i discepoli si agitano, camminano con passo svelto, tornano a casa, allarmano tutti, uno corre più veloce dell'altro... poi arrivano al sepolcro vuoto e si bloccano! (cfr. Gv 20,1-9) Il tutto succede quando è ancora buio, mancano poche ore al giorno, manca an ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 01-04-2018)
Il Ballerino ha iniziato a danzare
Vollero arrestarne il transito ficcandogli dei chiodi nei piedi: «come un uccello notturno sulla porta d'un granaio. Lui, il Re di Luce» (C. Péguy). I soldati fecero l'ennesimo buco nell'acqua: non s'accorsero che, facendo restare per ore quel ferro alle estremità, procurarono a Cristo un collo del piede da ballerina. L'aveva predetto il profeta: «Non gli sa ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 01-04-2018)
Audio commento al Vangelo - Gv 20,1-9
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 01-04-2018)

È iniziata la Settimana Santa con un lenzuolo abbandonato in un giardino. Il piccolo Marco, coraggioso e curioso ?monello' che seguiva Gesù e i suoi nell'orto degli ulivi, lo lasciò cadere per sfuggire alle mani malevoli dei soldati. E così rimaneva nudo, come la prima creatura, come il padre Adamo. Nudo fuggiva il giovane, rifiutando ogni maschera e ogni co ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 01-04-2018)
Commento su At 10,34a.37-43; Sal 117; Col 3,1-4; Gv 20,1-9
Allora entrò anche l'altro discepolo che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. E noi siamo testimoni di tutte le cose da lui compiute nella regione dei Giudei e in Gerusalemme...ma Dio lo ha risuscitato al terzo giorno e volle che apparisse, non a tutto il popolo, ma a testimoni prescelti da Dio, a noi che abbiamo mangiato e bevuto con Lui do ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 01-04-2018)
Cristo è la nostra Pasqua!
La parola ebraica Pesach (pasa', in aramaico), Pasqua, significa "passare oltre", "tralasciare", e deriva dal racconto della decima piaga, nella quale il Signore vide il sangue dell'agnello sulle porte delle case di Israele e "passò oltre" (Esodo, 12,21-34). In Cristo la Pasqua ha acquisito un nuovo significato, indicando il passaggio da morte a vita per Ges ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 01-04-2018)
Commento su Gv 20, 8
"Allora entrò anche l'altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette." Gv 20, 8 Come vivere questa Parola? La pasqua rimane l'apice della nostra esperienza cristiana. Il giorno più bello dell'anno. Il giorno in cui fare memoriale della resurrezione, cioè in cui vivere la Pasqua in modo attuale, sulla nostra pelle. La vita ha vin ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 01-04-2018)
Pasqua come passaggio, conversione, dalla "libertà da" alla "libertà per"
Credere alla follia della Pasqua Bisognerebbe leggere e meditare il racconto della Pasqua una volta al giorno perché attorno a queste pagine si gioca tutto: tutta la rivelazione biblica, tutti i sacramenti, la preghiera personale e comunitaria, la nostra vita quotidiana, la vita della Chiesa, le opere di carità, il nostro destino e il destino del mondo: si ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 01-04-2018)
Dio per sempre e con noi
Perché Gesù non è sceso dalla croce? Preché non ha reagito agli insulti e alle torture? Perché non si è opposto a una condanna ingiusta e atroce, pur avendone i mezzi e gli argomenti convincenti? In sintesi: perché Gesù ha voluto morire di un supplizio aberrante fra commenti pregiudiziali e le esecrazioni dei suoi avversari? Risposta: perché dopo la morte d ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 01-04-2018)
Video commento a Gv 20,1-9
...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 01-04-2018)
Audio commento al Vangelo del 1 aprile 2018
...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 01-04-2018)
Video commento - Domenica di Risurrezione - Anno B
...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 01-04-2018)
Pasqua: un passaggio a vari livelli, dall'Esodo ebraico alla risurrezione finale
Pasqua si sa, significa passaggio ed indica storicamente e biblicamente il passaggio da parte del popolo d'Israele dalla schiavitù dell'Egitto, alla Terra Promessa, la Palestina, meditante un lungo viaggio di 40 anni di gioie e travagli, per giungere alla meta indicata e scelta per la sua stabilità geografica e territoriale. Per un cristiano, la Pasqua è la ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 01-04-2018)
Video commento su Gv 20,1-9
...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 01-04-2018)
Cieli e terra nuovi
Occorre lasciarsi sfidare e interrogare dall'affermazione di Paolo: se Cristo non è risorto vuota è la vostra fede (1Cor 15,14). Per Paolo tutto verte intorno alla risurrezione e la qualità della nostra vita cristiana dipende da quanto crediamo in essa, da quanto riponiamo in essa tutta la nostra speranza. Questo non è forse sempre vero nella realtà. Quando ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 01-04-2018)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di padre Gianmarco Paris Ogni domenica celebriamo il mistero della morte e risurrezione di Gesù. In questa domenica lo possiamo meditare e contemplare meglio, perché nei giorni del triduo pasquale abbiamo percorso gli ultimi passi della vita di Gesù, la sua passione e morte, che con la risurrezione non rimangono uno ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 01-04-2018)

Buon giorno ragazzi e buona Pasqua! Non so se avete mai sentito una espressione come questa: "Oggi sono felice come una pasqua!". A me è capitato e questa frase mi ha fatto pensare. Vi dico anche il perché. La festa di Pasqua è così bella e importante che viene usata come termine di paragone per descrivere una gioia davvero grande, profonda, una gioia che ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 01-04-2018)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 20,1-9
...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 01-04-2018)
La Parola - Commento al Vangelo di Giovanni (Gv 20,1-9)
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 01-04-2018)
Pasqua: per tutti c'è una speranza
E' Pasqua! La festa che celebra il fondamento della fede cristiana, la festa-cardine dell'anno liturgico, prevede la possibilità di scegliere tra vari passi del vangelo, relativi alle prime esperienze dei seguaci di Gesù, il giorno in cui costatarono la sua risurrezione. Li avevamo lasciati il pomeriggio del venerdì, quando avevano richiesto il suo corpo a P ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 01-04-2018)
Commento su Giovanni 20,1-9
Buona Pasqua a tutti! Che cosa celebriamo oggi? la domanda sembra quasi banale, e la risposta scontata: celebriamo la risurrezione del Signore. Quaranta giorni di quaresima, più le domeniche (di quaresima), più i giorni del Triduo... Penitenze, rinunce, digiuni, liturgie centrate ognuna su un mistero della passione di Cristo, via crucis... Ora finalmente ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 01-04-2018)
Video commento su Giovanni 20,1-9
...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 01-04-2018)
Commento su Giovanni 20,1-9
Ascoltiamo l'annuncio della Resurrezione del Signore nella versione del Vangelo secondo Marco. Il testo insiste sulla dimensione paradossale e scandalosa della Resurrezione. Infatti, come i discepoli fuggirono al momento dell'arresto di Gesù, inizio della passione, così le donne fuggono dalla tomba vuota e non riferiscono a nessuno quanto hanno ascoltato. La ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 01-04-2018)
Audio commento alla solennità della Pasqua (Gv 20,1-9)
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 05-04-2015)

Salgono le vie strette della città col cuore gonfio e pesante le discepole. È tutto finito, il loro maestro è stato travolto dalla furia dalla violenza, come un'ondata di piena improvvisa e inattesa. Nessuno era pronto, nessuno ha saputo reagire, sono tutti fuggiti, la paura ora lascia il posto alla vergogna per non essere stati capaci di sostenere e difende ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 05-04-2015)
Audio commento alla liturgia - Gv 20,1-9
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 05-04-2015)

Cristo è risorto alleluja. Questo dovrebbe essere l'annuncio che ogni cristiano deve diffondere. Quest'annuncio sta nel cuore del messaggio evangelico. Lo dichiara con vigore san Paolo: "Se Cristo non è risorto, vuota allora è la nostra predicazione, vuota anche la vostra fede". E aggiunge: "Se noi abbiamo avuto speranza in Cristo soltanto per questa vita, ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 05-04-2015)
Commento su At 10, 39-40
"Noi siamo testimoni di tutte le cose da lui compiute nella regione dei Giudei e in Gerusalemme. Essi lo uccisero appendendolo a una croce, ma Dio lo ha risuscitato al terzo giorno." At 10, 39-40 Come vivere questa Parola? Oggi è Pasqua! La resurrezione, pur non avendo testimoni e non potendo essere dimostrata, entra nella storia, si fa evento, irrompe ne ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 05-04-2015)
La grossa pietra era già stata ribaltata
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 05-04-2015)
Cristo, luce del mondo
Questo è il giorno di Cristo Signore, alleluia La principale domenica di tutto l'anno liturgico celebra un evento straordinario e decisivo nella Storia dell'umanità: la risurrezione di Gesù Cristo. "Questo è il giorno di Cristo Signore, alleluia". I testi biblici, indicati per la liturgia eucaristica del giorno, costituiscono testimonianze certe sulla pr ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 05-04-2015)
Egli vi precede in Galilea
Vennero, le donne, al sepolcro. È presto, il sole si sta appena levando. Le donne sono sempre le più intraprendenti, si muovono prima. E si sono preparate con cura, comperando gli oli per la sepoltura. Le donne non si dimenticano facilmente dell'amore ricevuto, e difficilmente si lasciano superare nella riconoscenza e nei gesti di bene. Il loro Amato ora è m ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 05-04-2015)
Pasqua, comunque
Clicca qui per la vignetta della settimana. La pietra inaspettatamente rotolata via dall'ingresso del sepolcro, è un segno che le attese funeree delle donne riguardo Gesù saranno presto stravolte. Il problema per le donne ora non è più spostare una pietra ma superare la paura togliendo la pietra che chiude il cuore alla fiducia e alla speranza. L'evange ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 05-04-2015)
Video commento a Gv 20,1-9
...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 05-04-2015)
Cristo, nostra speranza è risorto, e vive con noi
"Nella grande Veglia Pasquale, in cui risuona nuovamente l'Alleluia, celebriamo Cristo Risorto centro e fine del cosmo e della storia; vegliamo pieni di speranza in attesa del suo ritorno, quando la Pasqua avrà la sua piena manifestazione. A volte il buio della notte sembra penetrare nell'anima; a volte pensiamo: "ormai non c'è più nulla da fare", e il cu ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 05-04-2015)
Commento su Giovanni 20,1-9
...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 05-04-2015)
Non lasciamoci portare via il Signore!
Nel Vangelo che abbiamo ascoltato questa notte, Marco ci ha raccontato di tre donne, discepole di Gesù, preoccupate di dover rotolare via la pietra dal sepolcro, perché avevano la necessità di entrare a ungere con oli aromatici il corpo di Gesù. Il giorno prima, era stato loro impedito dalla legge del sabato, del riposo, per cui hanno sfruttato il primo gior ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 05-04-2015)
Resurrezione e bisogno d'amore
Circa 23 anni or sono, in un periodo di tensione dovuto all'attentato alla Galleria dei Georgofili in Firenze e ad altri atti terroristici scaturiti dalla lotta alla mafia, l'allora presidente della Repubblica Scalfaro proferì una frase che mi rimase impressa a lungo: "L'Italia ha bisogno di amore." Mentre dappertutto ci si dava alla rabbia e alla concitazio ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 05-04-2015)
L'ora della luce
Vinta è la morte! Sconfitte le tenebre! I cieli, che fino alla morte di Gesù erano rimasti chiusi, impenetrabili ed inaccessibili, di colpo si riaprono. L'unico Sepolcro vuoto di tutta la storia I giusti dell'Antico Testamento che aspettavano con trepidazione questo grandioso avvenimento, esultano nel sentire la voce del Salvatore che li chiama: "Sorgi ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 05-04-2015)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 20,1-9
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 05-04-2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Marco Simeone Oggi è pasqua! Sufficiente? Beh, forse così è veramente troppo condensato, però questo è il cuore della vita, della fede, della felicità, della chiesa. Tutto nasce qui e tutto tende a questo giorno (... un po' come fonte e culmine...). Per capire la pasqua ci siamo messi in cammino per tutta u ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 05-04-2015)

Prima di tutto: Buona Pasqua! In questo anno particolare, mi viene più semplice dire "buona Risurrezione" e mi rendo conto che, se mi fermo a chiedermi che cos'è la Risurrezione non è semplicissimo da spiegare. Le risposte che sappiamo da anni di celebrazioni e di catechesi ci dicono che è una nuova vita, una "rinascita". Senza nulla togliere a queste spie ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 05-04-2015)
Cristo risorto è sempre con noi
La verità assoluta del mistero della risurrezione di Gesù Cristo dai morti è questa: Cristo risorto è sempre con noi. Non muore più, vive con noi, dentro di noi ed è Egli il motivo vero del nostro vivere, morire e risorgere. La Pasqua sta in questo. Non siamo fatti per morire, ma per vivere eternamente in Dio. La morte è stata sconfitta dalla vittoria di Cri ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 05-04-2015)
Video commento su Gv 20, 1-9
...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 05-04-2015)
Commento su Giovanni 20,1-9
Si parla del sepolcro per dire della morte vera di Gesù, mentre i verbi che riguardano Maria Maddalena sono tutti al presente: viene, vede, corre e vede. Il presente è il tempo della quotidiana ricerca del Signore che amiamo. Un incontro, quello col Risorto, che avviene a piccole dosi, per non farci schiantare il cuore come sul Tabor della trasfigurazione: è ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 05-04-2015)
Vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio
Passato il sabato Al confronto con i capitoli che raccontano la Passione del Signore, poche righe sono sufficienti per parlare della Resurrezione, otto versetti in tutto che concludono lo scritto di Marco, i restanti versetti che compongono il sedicesimo capitolo sono una aggiunta redazionale posteriore non presenti in molti codici antichi, su questo concor ...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 05-04-2015)
Prediche senza Pulpito - Vangelo di Gv 20,1-9
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 05-04-2015)
Nulla ci può togliere la speranza
"Non lasciatevi rubare la speranza", ripete spesso il papa Francesco. Belle parole, si può pensare, che però confliggono con la realtà quotidiana, di tanti giovani senza lavoro e dunque senza prospettive, di famiglie che non arrivano a fine mese, di minacce di morte imprevedibili come quella toccata ai turisti di Tunisi o ai passeggeri dell'aereo in mano a u ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 05-04-2015)
La Parola - commento per la Domenica di Pasqua a cura del Vescovo di Vicenza
Il Vescovo di Vicenza commenta il Vangelo della Domenica di Pasqua (Gv 20.1-9) ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 05-04-2015)
Ruminare i Salmi - Salmo 118,24 (Domenica di Pasqua)
Ruminare i Salmi - Salmo 118 (Vulgata / liturgia 117),24 (Domenica di Pasqua) CEI Questo è il giorno che ha fatto il Signore: rallegriamoci in esso ed esultiamo! Atti degli Apostoli 10,39-40 Essi (i Giudei) lo uccisero appendendolo a una croce, ma Dio lo ha risuscitato al terzo giorno. Colossesi 3,1-2 Se siete risorti con Cristo, cercate le cose di l ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 05-04-2015)
E vide e credette
"...e vide e credette.". Beh, dovremmo correggere: E non vide proprio nulla, perciò credette. Dunque, la fede nella presenza (di Cristo) è fondata sulla constatazione di un'assenza. Dio c'è perché non c'è! i giochi di parole si possono moltiplicare... la Verità è sempre la stessa: la Risurrezione non è un fatto verificabile attraverso i sensi e l'intelle ...
(continua)