LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 26 Dicembre 2020 <

Giovedì 24 Dicembre 2020

Venerdì 25 Dicembre 2020

Sabato 26 Dicembre 2020

Domenica 27 Dicembre 2020

Lunedì 28 Dicembre 2020

Martedì 29 Dicembre 2020

Mercoledì 30 Dicembre 2020

Giovedì 31 Dicembre 2020

Venerdì 1 Gennaio 2021

Sabato 2 Gennaio 2021


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  SANTO STEFANO

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: FESTA
Colore liturgico: Rosso
Scheda Agiografica: SANTO STEFANO
S1226 ;

Stefano, il primo martire cristiano, era uno dei primi sette diaconi, il cui dovere era quello di porsi al servizio della Chiesa e degli apostoli. Come servo di Cristo, Stefano era contento di essere come il suo Signore, e, nel momento della sua morte, fu molto simile a lui. Potrebbe sembrare che il Vangelo di oggi sia stato scritto a proposito di santo Stefano. Quando si trovò di fronte al sinedrio, lo Spirito Santo lo ispirò ed egli parlò con audacia; non solo respinse le accuse che gli erano state mosse, ma accusò a sua volta i suoi accusatori. Il suo sguardo era sempre rivolto al Signore, tanto che il suo volto splendeva come quello di un angelo e rifletteva la gloria di Cristo, che era in lui. La somiglianza tra santo Stefano e il suo Signore non è solo esteriore: nel momento della sua morte, Stefano rivelò le intime disposizioni del suo cuore, pregando perché i suoi assassini fossero perdonati, una preghiera che diede frutti più tardi, con la conversione di san Paolo. Santo Stefano, il cui nome significa “corona”, si procurò la corona del martirio dopo esservisi preparato con una vita di fedeltà al servizio di Cristo.

Ricevi la Liturgia via mail >
Leggi la sua scheda su Santiebeati.it >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Si aprirono le porte del cielo per santo Stefano;
egli è il primo della schiera dei martiri:
ha ricevuto in cielo la corona di gloria.

Si dice il Gloria.


Colletta
Donaci, o Padre, di esprimere con la vita
il mistero che celebriamo
nel giorno natalizio di santo Stefano primo martire
e insegnaci ad amare anche i nostri nemici
sull’esempio di lui,
che morendo pregò per i suoi persecutori.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

At 6,8-12;7,54-60
Ecco, contemplo i cieli aperti.

Dagli Atti degli Apostoli

In quei giorni, Stefano, pieno di grazia e di potenza, faceva grandi prodigi e segni tra il popolo. Allora alcuni della sinagoga detta dei Liberti, dei Cirenei, degli Alessandrini e di quelli della Cilìcia e dell’Asia, si alzarono a discutere con Stefano, ma non riuscivano a resistere alla sapienza e allo Spirito con cui egli parlava. E così sollevarono il popolo, gli anziani e gli scribi, gli piombarono addosso, lo catturarono e lo condussero davanti al Sinedrio.
Tutti quelli che sedevano nel Sinedrio, [udendo le sue parole,] erano furibondi in cuor loro e digrignavano i denti contro Stefano. Ma egli, pieno di Spirito Santo, fissando il cielo, vide la gloria di Dio e Gesù che stava alla destra di Dio e disse: «Ecco, contemplo i cieli aperti e il Figlio dell’uomo che sta alla destra di Dio».
Allora, gridando a gran voce, si turarono gli orecchi e si scagliarono tutti insieme contro di lui, lo trascinarono fuori della città e si misero a lapidarlo. E i testimoni deposero i loro mantelli ai piedi di un giovane, chiamato Saulo. E lapidavano Stefano, che pregava e diceva: «Signore Gesù, accogli il mio spirito». Poi piegò le ginocchia e gridò a gran voce: «Signore, non imputare loro questo peccato». Detto questo, morì.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 30

Alle tue mani, Signore, affido il mio spirito.

Sii per me una roccia di rifugio,
un luogo fortificato che mi salva.
Perché mia rupe e mia fortezza tu sei,
per il tuo nome guidami e conducimi.

Alle tue mani affido il mio spirito;
tu mi hai riscattato, Signore, Dio fedele.
Esulterò e gioirò per la tua grazia,
perché hai guardato alla mia miseria.

Liberami dalla mano dei miei nemici
e dai miei persecutori:
sul tuo servo fa’ splendere il tuo volto,
salvami per la tua misericordia.

Canto al Vangelo (Sal 117,26.27)
Alleluia, alleluia.
Benedetto colui che viene nel nome del Signore;
il Signore è Dio, egli ci illumina.
Alleluia.

>

Vangelo

Mt 10,17-22
Non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro.


+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli:
«Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete condotti davanti a governatori e re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani.
Ma, quando vi consegneranno, non preoccupatevi di come o di che cosa direte, perché vi sarà dato in quell’ora ciò che dovrete dire: infatti non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi.
Il fratello farà morire il fratello e il padre il figlio, e i figli si alzeranno ad accusare i genitori e li uccideranno. Sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Fratelli, preghiamo e ringraziamo il Signore per la testimonianza di santo Stefano primo martire, che come Cristo morì perdonando i suoi uccisori. Diciamo insieme:
Rendici testimoni della tua Parola, o Signore.

Perchè la Chiesa testimoni la sua fedeltà a Cristo, anche tra le persecuzioni, le lotte e le sfide cui oggi è sottoposta. Preghiamo:
Perchè i diaconi, sull'esempio di Stefano, annuncino al mondo che in mezzo alla morte persiste la vita, in mezzo alla menzogna la verità, in mezzo alle tenebre la luce. Preghiamo:
Perchè ogni uomo che cerca e soffre per la verità, possa, come Stefano, sentire la presenza e la vicinanza di Dio e del suo Spirito. Preghiamo:
Perchè la speranza della risurrezione rafforzi i fratelli provati dal dolore e dalla malattia. Preghiamo:
Per noi qui riuniti, perchè prendiamo coscienza di essere membra vive del Corpo di Cristo che è la Chiesa. Preghiamo:
Perchè nella nostra comunità si superino divisioni e discordie.
Per coloro che si preparano a ricevere il sacramento della cresima.

O Dio, che in santo Stefano ci hai dato un segno della tua misericordia, trasforma la nostra vita, perchè possiamo essere nel mondo costruttori di fraternità e di pace. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
Ti siano graditi, o Signore,
i doni del servizio sacerdotale
che oggi ti presentiamo nella gloriosa memoria
del santo martire Stefano.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO DI NATALE I
Cristo luce

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno.
Nel mistero del Verbo incarnato
è apparsa agli occhi della nostra mente
la luce nuova del tuo fulgore,
perché conoscendo Dio visibilmente,
per mezzo di lui siamo conquistati
all’amore delle realtà invisibili.
E noi,
uniti agli Angeli e agli Arcangeli,
ai Troni e alle Dominazioni
e alla moltitudine dei cori celesti,
cantiamo con voce incessante
l’inno della tua gloria: Santo, ...

PREFAZIO DI NATALE II
Nell’incarnazione Cristo reintegra l’universo

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno,
per Cristo Signore nostro.
Nel mistero adorabile del Natale
egli, Verbo invisibile,
apparve visibilmente nella nostra carne,
per assumere in sé tutto il creato
e sollevarlo dalla sua caduta.
Generato prima dei secoli,
cominciò a esistere nel tempo,
per reintegrare l’universo nel tuo disegno, o Padre,
e ricondurre a te l’umanità dispersa.
Per questo dono della tua benevolenza,
uniti a tutti gli angeli,
cantiamo esultanti la tua lode: Santo, ...

PREFAZIO DI NATALE III
Il sublime scambio nell’incarnazione del Verbo

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno,
per Cristo Signore nostro.
In lui [oggi] risplende in piena luce
il sublime scambio che ci ha redenti:
la nostra debolezza è assunta dal Verbo,
la natura mortale è innalzata a dignità perenne,
e noi, uniti a te in comunione mirabile,
condividiamo la tua vita immortale.
Per questo mistero di salvezza,
uniti ai cori degli angeli,
proclamiamo esultanti
la tua lode: Santo, ...


Antifona alla comunione
Lapidavano Stefano, che pregava e diceva:
«Signore Gesù, accogli il mio spirito». (At 7,59)


Preghiera dopo la comunione
Ti rendiamo grazie
per i molteplici doni della tua misericordia, o Padre,
che ci salvi con la nascita del tuo Figlio
e ci allieti con la celebrazione del santo martire Stefano.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

don Domenico Bruno     (Omelia del 26-12-2020)
Il nostro audio quotidiano
Ricevi ogni giorno il commento direttamente sul tuo telefono: unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Resta aggiornato col sito: annunciatedaitetti.it Iscriviti anche al canale YouTube Per ascoltare subito il commento qui sotto, clicca play! ...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 26-12-2020)
Commento al Vangelo 26 dicembre 2020
...
(continua)
don Marco Scandelli     (Omelia del 26-12-2020)
#2minutiDiVangelo - 26 dicembre - Santo Stefano: non temete, la paura è un lupo che non possiamo alimentare
Commento al Vangelo del 26 dicembre - a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo ---- Mt 10 17-22 La sua uccisione è raccontata negli Atti, mentre il Vangelo ci presenta le parole che un giorno Gesù disse ai suoi amici: ?per darmi testimonianza, sarete processati e messi a morte. Ma non temete?. Non temete: le stesse parole che abbiamo ascol ...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 26-12-2020)
Santo Stefano primo martire (At At 6,8-12;7,54-60)
...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 26-12-2020)
26 Dicembre - Commento al Vangelo
...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 26-12-2019)
Commento al Vangelo - 26 Dicembre - Santo Stefano
...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 26-12-2019)
Santo Stefano primo martire
...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 26-12-2018)
Per dare testimonianza a loro e ai pagani
Gesù è la sola persona onesta, vera, sincera, libera, pura, casta, santa nelle parole, nelle intenzioni, nelle opere, nelle promesse, nelle profezie. È tutto questo perché Lui non ha alcun bisogno degli altri per essere. Il suo essere è eternamente dal Padre. Lui è venuto per dare l'essere, la vita, la luce ad ogni uomo. Lui è venuto per offrire la vita eter ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 26-12-2018)
Commento su Mt 10,17-20
«Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete condotti davanti a governatori e re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani. Ma, quando vi consegneranno, non preoccupatevi di come o di che cosa direte, perché vi sarà dato in quell'ora ciò che dovrete dire: infatti non siete voi ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 26-12-2017)
Commento su At 6, 8-10; 12; 55-60
«In quei giorni, Stefano, pieno di grazia e di potenza, faceva grandi prodigi e segni tra il popolo. Allora alcuni della sinagoga detta dei Liberti... si alzarono a discutere con Stefano, ma non riuscivano a resistere alla sapienza e allo Spirito con cui parlava. E così sollevarono il popolo, gli anziani e gli scribi, gli piombarono addosso, lo catturarono e ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 26-12-2017)
Stefano esempio di morte per la vita
Il contrasto è enorme. I filosofi direbbero che ci troviamo davanti ad una figura retorica denominata ossimoro. La morte dona la vita! Questa affermazione è, appunto, un ossimoro. Ieri, giorno di Natale, abbiamo avuto il presepe del bambino appena nato con il canto degli angeli e la visita dei pastori. Oggi è il sangue di Stefano, lapidato a morte, perché eb ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 26-12-2017)
Per dare testimonianza a loro e ai pagani
Nel Nuovo Testamento cambiamo i ?parametri? dell'ingaggio. Nell'Antico Testamento si veniva ingaggiati per la benedizione. Si osservavano i Comandamenti, il Signore si faceva garante di ogni benedizione. Lui si faceva abbondanza di vita per i suoi fedeli. Se tu obbedirai fedelmente alla voce del Signore, tuo Dio, preoccupandoti di mettere in pratica tutti i ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 26-12-2016)
Commento su Mt. 10,20
"Non siete voi a parlare ma parla in voi lo spirito del Padre vostro" Mt. 10,20 Come vivere questa Parola? Gesù immediatamente prima di inviare gli apostoli ad annunciare il Regno di Dio, diede loro alcuni insegnamenti pratici raccomandando quello che sostanzialmente, è l'espressione della carità vera, fraterna. Siccome però, da sempre un comportamento c ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 26-12-2016)
Ma chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato
Il cristianesimo non è morale nobile, non è osservanza di una legge altissima, non è difesa di principi non negoziabili, non è obbedienza a dei comandamenti scritti su delle tavole di pietra per attestare la loro immutabilità. Il cristianesimo è in queste cose, ma non è queste cose. Cosa è allora il cristianesimo? O meglio: chi è il cristiano? Cristiano è co ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 26-12-2015)

Con un tempismo perlomeno discutibile, la Chiesa ci fa celebrare, all'indomani del Natale, la memoria del primo discepolo ucciso: Stefano di Gerusalemme. Per ricordarci che credere non è un affare da bambini. Amo la Chiesa. Tanto. Perché tira diritto per la propria strada, perché tiene lo sguardo fisso sul proprio Signore, e quanto non lo fa combina un sacc ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 26-12-2015)
Per dare testimonianza a loro e ai pagani
Quando una persona sceglie di seguire Cristo, non lo sceglie per andare con Lui in un paradiso tropicale per una vacanza durante la quale ogni trasgressione è possibile e ogni vizio può essere alimentato a piacere. Chi sceglie di seguire Cristo Signore ha una meta finale da raggiunge: il Gòlgota e la croce che lo attende perché sia inchiodato su di essa. La ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 26-12-2014)

Mi sono anche informato con gli amici liturgisti e abbiamo ragionato a lungo. Non mi hanno convinto, devo essere sincero. La domanda me la pongo tutti gli anni, il giorno dopo il Natale: per quale misteriosissima ragione la Chiesa che festeggia otto giorni di festa, tanto dura il Natale, il giorno dopo il grande evento celebra la triste memoria di Stefano, p ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 26-12-2014)
Vi consegneranno ai tribunali e vi flagelleranno
La vita del cristiano deve essere tutta impregnata di Spirito Santo. In ogni momento deve sapere riconoscere la volontà di Dio. Cosa vuole da lui in ogni particolare situazione e condizione della sua storia. Se lo Spirito non è in abbondanza sul discepolo di Gesù, mai saprà dove portarsi, condursi, stabilizzarsi, rimanere, andare. Il cristiano è colui che se ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 26-12-2013)
Commento su Mt 10,17-22
Otto giorni per dirci ancora la grande notizia che già conosciamo e che stentiamo a riconoscere e a rendere presente. Siamo qui per far rinascere Dio nei nostri cuori, per lasciargli spazio, per lasciare che sia lui a condurre la sua Chiesa, a incarnarsi nelle nostre a volte stanche e demotivate comunità. Ma, dicevamo ieri, per molte persone Natale è fatica ...
(continua)