LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 18 Dicembre 2020 <

Mercoledì 16 Dicembre 2020

Giovedì 17 Dicembre 2020

Venerdì 18 Dicembre 2020

Sabato 19 Dicembre 2020

Domenica 20 Dicembre 2020

Lunedì 21 Dicembre 2020

Martedì 22 Dicembre 2020

Mercoledì 23 Dicembre 2020

Giovedì 24 Dicembre 2020

Venerdì 25 Dicembre 2020


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Feria propria del 18 Dicembre

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Viola
A1218 ;
Matteo ci tiene a raccontare la versione della nascita di Gesù dalla prospettiva di Giuseppe. È importante, per lui, dimostrare che davvero Gesù discende da Davide e che compie le promesse del Signore. E il suo racconto ci riempie di stupore e di gioia: Giuseppe, promesso sposo di Maria, è l'unico a sapere che quel figlio non è suo. Per seguire la Legge del Signore avrebbe dovuto denunciare il fatto e cacciare con vergogna Maria (e a quei tempi l'avrebbero lapidata). Passa la notte insonne e trova una soluzione che salverà l'onore alla sua amata: dirà che si è stancato di lei.
Bella storia: per essere giusto, come lo definisce Matteo, non osserva la Legge e mente! La notte di Giuseppe finisce con un sogno e un angelo lo rassicura. E Giuseppe che fa? Si sveglia e fa come gli ha detto l'angelo! Io avrei pensato alla cena pesante...
Giuseppe è giusto perché non giudica secondo le apparenze ed è un grande sognatore (spesso, nella sua storia, i sogni svolgono un ruolo determinante).
Chiediamogli, a pochi giorni dal Natale, di avere ancora il coraggio del sogno, di osare, di non lasciarci schiacciare dal pessimismo dilagante.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Verrà il Cristo, il nostro re,
l’Agnello annunciato da Giovanni.


Colletta
Oppressi a lungo sotto il giogo del peccato,
aspettiamo, o Padre, la nostra redenzione;
la nuova nascita del tuo Figlio unigenito
ci liberi dalla schiavitù antica.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, ...

>

Prima lettura

Ger 23,5-8
Susciterò a Davide un germoglio giusto.

Dal libro del profeta Geremìa

«Ecco, verranno giorni – oracolo del Signore –
nei quali susciterò a Davide un germoglio giusto,
che regnerà da vero re e sarà saggio
ed eserciterà il diritto e la giustizia sulla terra.
Nei suoi giorni Giuda sarà salvato
e Israele vivrà tranquillo,
e lo chiameranno con questo nome:
Signore-nostra-giustizia.
Pertanto, ecco, verranno giorni – oracolo del Signore – nei quali non si dirà più: “Per la vita del Signore che ha fatto uscire gli Israeliti dalla terra d’Egitto!”, ma piuttosto: “Per la vita del Signore che ha fatto uscire e ha ricondotto la discendenza della casa d’Israele dalla terra del settentrione e da tutte le regioni dove li aveva dispersi!”; costoro dimoreranno nella propria terra».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 71

Nei suoi giorni fioriranno giustizia e pace.

O Dio, affida al re il tuo diritto,
al figlio di re la tua giustizia;
egli giudichi il tuo popolo secondo giustizia
e i tuoi poveri secondo il diritto.

Perché egli libererà il misero che invoca
e il povero che non trova aiuto.
Abbia pietà del debole e del misero
e salvi la vita dei miseri.

Benedetto il Signore, Dio d’Israele:
egli solo compie meraviglie.
E benedetto il suo nome glorioso per sempre:
della sua gloria sia piena tutta la terra.
Amen, amen.

Canto al Vangelo ()
Alleluia, alleluia.
O Signore, guida della casa d’Israele,
che hai dato la Legge a Mosè sul monte Sinai:
vieni a liberarci con braccio potente.
Alleluia.

>

Vangelo

Mt 1,18-24
Gesù nascerà da Maria, sposa di Giuseppe, figlio di Davide.


+ Dal Vangelo secondo Matteo

Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.
Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta:
«Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio:
a lui sarà dato il nome di Emmanuele»,
che significa «Dio con noi».
Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Il Signore viene a redimerci con la forza della debolezza e della povertà. Affidandoci a lui e al suo misterioso modo di operare, preghiamo insieme e diciamo:
Vieni in nostro aiuto, Signore.

Per la Chiesa, perchè come san Giuseppe sia pronta a dire il suo sì anche quando le richieste del Signore le rimangono oscure. Preghiamo:
Per il Papa e i vescovi, perchè nel loro servizio alla Chiesa siano confortati dalla sollecita adesione di tutti i fedeli. Preghiamo:
Per quanti sono chiamati alla consacrazione religiosa, perchè con generosità rispondano all'invito del Signore e gli diano testimonianza con la loro vita casta, povera e pienamente docile alla sua volontà. Preghiamo:
Per i poveri, gli anziani e coloro che soffrono la solitudine, perchè attraverso il nostro amore e la nostra attenzione operosa facciano esperienza che Dio è davvero l'Emmanuele, il Dio con noi. Preghiamo:
Per noi che partecipiamo a questa eucaristia, perchè possiamo accorgerci che Dio continua a compiere meraviglie di grazia per noi e in noi. Preghiamo:
Per i giovani che si preparano al matrimonio.
Per quanti sono chiamati a esercitare il diritto e la giustizia.

O Padre, che nell'eucaristia continui a donarci il tuo Figlio, l'Emmanuele, ascolta con paterna benevolenza la preghiera della tua Chiesa, corpo mistico di Cristo, e falle sperimentare ancora i prodigi del tuo amore. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
Il sacrificio che celebriamo, o Signore,
ci renda graditi al tuo nome,
perché possiamo partecipare
alla vita eterna del tuo Figlio
che, facendosi mortale,
ha guarito la nostra mortalità.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.


PREFAZIO DELL’AVVENTO II
Le due attese di Cristo

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno,
per Cristo Signore nostro.
Egli fu annunciato da tutti i profeti,
la Vergine Madre l’attese e lo portò in grembo
con ineΩabile amore,
Giovanni proclamò la sua venuta
e lo indicò presente nel mondo.
Lo stesso Signore,
che ci invita a preparare con gioia il suo Natale,
ci trovi vigilanti nella preghiera,
esultanti nella lode.
Per questo dono della tua benevolenza,
uniti agli Angeli e agli Arcangeli,
ai Troni e alle Dominazioni
e alla moltitudine dei cori celesti,
cantiamo con voce incessante
l’inno della tua gloria: Santo...

Oppure:

PREFAZIO DELL’AVVENTO II/A
Maria nuova Eva

È veramente giusto
rendere grazie
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno.
Noi ti lodiamo, ti benediciamo,
ti glorifichiamo
per il mistero della Vergine Madre.
Dall’antico avversario venne la rovina,
dal grembo verginale della figlia di Sion
è germinato colui che ci nutre con il pane degli angeli
e sono scaturite per tutto il genere umano
la salvezza e la pace.
La grazia che Eva ci tolse
ci è ridonata in Maria.
In lei, Madre di tutti gli uomini,
la maternità, redenta dal peccato e dalla morte,
si apre al dono della vita nuova.
Dove abbondò la colpa,
sovrabbonda la tua misericordia
in Cristo nostro salvatore.
E noi,
nell’attesa della sua venuta,
uniti agli angeli e ai santi,
cantiamo l’inno della tua lode: Santo ...


Antifona di comunione
Gli sarà dato il nome di Emmanuele,
che significa Dio con noi. (Mt 1,23)


Preghiera dopo la comunione
Disponi, o Padre, i nostri cuori
a ricevere nel tempio vivo della Chiesa la tua misericordia,
perché possiamo prepararci con devota esultanza
alla festa ormai vicina della nostra redenzione.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 18-12-2018)
Non temere di prendere con te Maria
Quando la Parola di Dio entra nella storia, sempre si incontra con una persona concreta, frutto anch'essa della storia, che può essere di verità o di falsità, di giustizia o ingiustizia, di santità o di peccato, di audacia o di paura. Sappiamo che quando la Parola del Signore è entrata nella vita de ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 18-12-2018)
Commento su Mt 1,18-19
«Ecco come avvenne la nascita di Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo che era giusto e non voleva ripudiarla, decise di licenziarla in segreto.» Mt 1,18-19 Come vive ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 18-12-2017)

?O Signore, guida della casa d'Israele, che hai dato la Legge a Mosè sul monte Sinai: vieni a liberarci con braccio potente.? Ant. al Magn. Come vivere questa Parola? Signore, Adonai...la seconda antifona fa risaltare l'essere Signore di Dio. Un signore potente, liberatore e che accompagna il su ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 18-12-2017)
Giuseppe, figlio di Davide
Nella storia della salvezza nulla viene per volontà dell'uomo, tutto invece ha origine dalla volontà di Dio. La salvezza si compie non per le opere che vengono fatte in essa, ma per l'obbedienza indiscussa e incondizionata da offrire al Signore. Obbedienza e salvezza: la prima è l'albero, la seconda ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 18-12-2015)

Giuseppe è il giusto per eccellenza. Non è una caratteristica etica ma indica colui che vive osservando le prescrizioni della Legge. Da questo punto di vista, al di là del suo dramma personale, Giuseppe vive una lacerazione interiore: deve denunciare Maria ma vuole salvarla a tutti i costi. Non mett ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 18-12-2015)
Commento su Ger 25,3-8
"Ecco, verranno giorni - oracolo del Signore - nei quali susciterò a Davide un germoglio giusto, che regnerà da vero re e sarà saggio ed eserciterà il diritto e la giustizia sulla terra. 6Nei suoi giorni Giuda sarà salvato e Israele vivrà tranquillo, e lo chiameranno con questo nome: Signore-nostra- ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 18-12-2015)
Ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù
A tutti i progettisti che elaborano piani di salvezza per se stessi e per gli altri, il Signore rivela che lui non cammina secondo i piani e le strategie dell'uomo, ma sempre secondo i suoi. La sua logica è oltre la nostra mente, il nostro cuore, la nostra sapienza, ogni nostra scienza e intelligenz ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 18-12-2015)
Nascita di Gesù
Matteo narra con semplicità la nascita di Gesù senza forse domandarsi come mai questo bambino appartiene ed è discendente di Davide se Giuseppe non ha avuto alcuna parte nel suo concepimento nel grembo della Vergine Maria? A questa difficoltà si può rispondere che in questo caso è Dio stesso ad imme ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 18-12-2014)

Matteo parla della nascita di Gesù dal punto di vista di Giuseppe, Luca lo fa dal punto di vista di Maria. Quindi, per avere un quadro completo della situazione dobbiamo sovrapporre le due annunciazioni. Perché Dio parla ad una coppia, coinvolge una famiglia. Siamo stati malamente abituati a conside ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 18-12-2014)
Così fu generato Gesù Cristo
Nel disegno eterno di salvezza del Padre, nulla avviene per volontà dell'uomo. Tutto deve avvenire per volontà manifestata, rivelata di Dio. Mosè vede un popolo afflitto, oppresso, schiavizzato, umiliato, privato di ogni dignità. Vorrebbe portare in esso rispetto, giustizia, verità. La sua via non è ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 18-12-2014)
Commento su Mt 1, 19-21
«Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto. Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: "Giuseppe figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infa ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 18-12-2013)
Commento su Mt 1,18-24
Solo Matteo e Luca ci parlano della nascita di Gesù. Con ogni probabilità alle primitive comunità non interessava così tanto l'infanzia del Signore, cosa invece più interessante per le comunità di seconda generazione. Così abbiamo due resoconti che bene si integrano: quello di Matteo che, da buon eb ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 18-12-2013)
Giuseppe fece come gli aveva ordinato l'angelo del Signore
Gesù è insieme frutto di Dio e dell'umanità, perché nella sua persona Egli è vero Dio e vero uomo, perfetto nella sua divinità e perfetto nella sua umanità. Poiché frutto vero di Dio e dell'uomo, anche l'uomo è chiamato a cooperare per la sua nascita. Un uomo e una donna vengono chiamati a collabora ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 18-12-2013)
Commento su Geremia 23.5,6
Ecco, verranno giorni - oracolo del Signore - nei quali susciterò a Davide un germoglio giusto, che regnerà da vero re e sarà saggio ed eserciterà il diritto e la giustizia sulla terra. Nei suoi giorni Giuda sarà salvato e Israele vivrà tranquillo, e lo chiameranno con questo nome: Signore-nostra- ...
(continua)