LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 14 Novembre 2020 <

Giovedì 12 Novembre 2020

Venerdì 13 Novembre 2020

Sabato 14 Novembre 2020

Domenica 15 Novembre 2020

Lunedì 16 Novembre 2020

Martedì 17 Novembre 2020

Mercoledì 18 Novembre 2020

Giovedì 19 Novembre 2020

Venerdì 20 Novembre 2020

Sabato 21 Novembre 2020


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Sabato della XXXII settimana del Tempo Ordinario (Anno pari)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Verde
PO326 ;
Dio sarebbe a immagine di questo giudice duro, ingiusto, intrattabile, arbitrario? E la nostra preghiera dovrebbe assomigliare alla richiesta della povera vedova, talmente lancinante che finirà con “l’avere” Dio per stanchezza?
Che idea raccontarci storie simili! È che bisogna capire la storia esattamente nel significato che le dà Gesù: un fatto diverso, che non è proposto ad esempio ma che, al contrario, serve da contrasto: se un tale giudice finisce con lo stancarsi e col lasciarsi piegare, a maggior ragione Dio esaudisce le preghiere che gli sono rivolte. No, Dio non li fa attendere, farà giustizia senza tardare. Ne dedurremo che è inutile insistere? Ora, la parabola intende mostrare che bisogna sempre pregare, senza scoraggiarsi, gridare verso Dio giorno e notte. Ne dedurremo che Dio vuole “farsi pregare”, come si dice? No, due cose sono da tenere a mente: la prontezza di Dio nell’esaudire e la perseveranza necessaria nella preghiera. È ciò contraddittorio? Sì, fino al momento in cui si coglie che preghiera ed esaudimento sono due forme di un amore che non saprebbe arrestarsi. Tale è la fede di cui Gesù parla in chiusura: non un mezzo per fare pressioni, ma la fiducia nell’amore.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
La mia preghiera giunga fino a te;
tendi, o Signore, l’orecchio alla mia preghiera. (Sal 88,3)


Colletta
Dio grande e misericordioso,
allontana ogni ostacolo nel nostro cammino verso di te,
perché, nella serenità del corpo e dello spirito,
possiamo dedicarci liberamente al tuo servizio.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

3Gv 1,5-8
Dobbiamo accogliere i fratelli per diventare collaboratori della verità.

Dalla terza lettera di san Giovanni apostolo

Carissimo [Gaio], tu ti comporti fedelmente in tutto ciò che fai in favore dei fratelli, benché stranieri.
Essi hanno dato testimonianza della tua carità davanti alla Chiesa; tu farai bene a provvedere loro il necessario per il viaggio in modo degno di Dio. Per il suo nome, infatti, essi sono partiti senza accettare nulla dai pagani.
Noi perciò dobbiamo accogliere tali persone per diventare collaboratori della verità.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 111

Beato l’uomo che teme il Signore.

Beato l’uomo che teme il Signore
e nei suoi precetti trova grande gioia.
Potente sulla terra sarà la sua stirpe,
la discendenza degli uomini retti sarà benedetta.

Prosperità e ricchezza nella sua casa,
la sua giustizia rimane per sempre.
Spunta nelle tenebre, luce per gli uomini retti:
misericordioso, pietoso e giusto.

Felice l’uomo pietoso che dà in prestito,
amministra i suoi beni con giustizia.
Egli non vacillerà in eterno:
eterno sarà il ricordo del giusto.

Canto al Vangelo (2Ts 2,14)
Alleluia, alleluia.
Dio ci ha chiamati mediante il Vangelo,
per entrare in possesso della gloria
del Signore nostro Gesù Cristo.
Alleluia.

>

Vangelo

Lc 18,1-8
Dio farà giustizia ai suoi eletti che gridano verso di lui.


+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù diceva ai suoi discepoli una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai:
«In una città viveva un giudice, che non temeva Dio né aveva riguardo per alcuno. In quella città c’era anche una vedova, che andava da lui e gli diceva: “Fammi giustizia contro il mio avversario”.
Per un po’ di tempo egli non volle; ma poi disse tra sé: “Anche se non temo Dio e non ho riguardo per alcuno, dato che questa vedova mi dà tanto fastidio, le farò giustizia perché non venga continuamente a importunarmi”».
E il Signore soggiunse: «Ascoltate ciò che dice il giudice disonesto. E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà forse aspettare a lungo? Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Dio ci ha dato il dono della fede che portiamo in vasi di creta. Chiediamo al Signore di conservare integra la nostra fiducia in lui. Diciamo insieme:
In te crediamo: ascoltaci, o Signore.

Per i battezzati: sappiano custodire e maturare la loro fede, la diffondano nel loro ambiente, la difendano e la onorino con il loro esempio. Preghiamo:
Per quanti credono nell'unico Dio: siano gli uomini di preghiera, puri di cuore, operatori di pace. Preghiamo:
Per chi non crede: lo stile della nostra vita l'aiuti ad aprire gli occhi al volto del Padre. Preghiamo:
Per i cristiani che vivono tra i musulmani: sappiano essere presenza umile e dolce di Cristo in seno all'Islam. Preghiamo:
Per la nostra comunità: voglia trasmettere con intelligenza e convinzione la fede che ha ricevuto. Preghiamo:
Per i ragazzi dei corsi di catechismo.
Per chi crede ancora, ma non pratica più.

Signore del cielo e della terra, domandi che ti cerchiamo con tutta la mente, che ci affidiamo a te con tutto il cuore. Accoglici nelle tue braccia, dove ti chiediamo di tenerci stretti quando ci vedi dubbiosi e frastornati. In Cristo Gesù nostro Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
Volgi il tuo sguardo, o Padre,
alle offerte della tua Chiesa,
e fa’ che partecipiamo con fede
alla passione gloriosa del tuo Figlio,
che ora celebriamo nel mistero.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona alla comunione
Il Signore è mio pastore, non manco di nulla;
in pascoli di erbe fresche mi fa riposare,
ad acque tranquille mi conduce. (Sal 23,1-2)

Oppure:
I discepoli riconobbero Gesù, il Signore,
nello spezzare il pane. (Lc 24,35)


Preghiera dopo la comunione
Ti ringraziamo dei tuoi doni, o Padre;
la forza dello Spirito Santo,
che ci hai comunicato in questi sacramenti,
rimanga in noi e trasformi tutta la nostra vita.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

don Carlo Occelli     (Omelia del 14-11-2020)
Commento al Vangelo 14 novembre 2020
...
(continua)
don Marco Scandelli     (Omelia del 14-11-2020)
#2minutiDiVangelo - Sabato 14/11 - La preghiera più che un dialogo spesso è una ?formula magica?.
Commento al Vangelo di sabato 14 novembre 2020 - XXXII settimana del Tempo Ordinario - a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo Lc 18 1-8 Anche noi preghiamo, chiediamo, ma abbiamo spesso l'impressione di non essere ascoltati. Questo Vangelo ci spiega il perché. Anzitutto la preghier ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 14-11-2020)
Il nostro audio quotidiano
Per ricevere il commento quotidiano unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Visita il sito annunciatedaitetti.it Dai uno sguardo anche al canale YouTube Ascolta il commento qui sotto. Clicca play ...
(continua)
don Giampaolo Centofanti     (Omelia del 14-11-2020)

La preghiera sincera, disposta ad accogliere la Luce che Dio manda in risposta ad essa, apre sempre nuovi orizzonti. Non si tratta dunque di recitare formule magiche ma di porre serena attenzione a lasciarsi portare con fiducia per mano dalla grazia. ...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 14-11-2020)
Pregate senza stancarvi (Lc 18,1-8)
...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 16-11-2019)
Fammi giustizia contro il mio avversario
Dal Vangelo sappiamo che Gesù ha sempre ascoltato ogni preghiera a Lui rivolta. Mai nessuno ha gridato al suo cuore ed è stato da Lui deluso. L'ascolto è stato immediato, anche se a volte veniva messo alla prova chi a Lui si rivolgeva. San Paolo sulla preghiera rivela a noi molte verità. Il Signore ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 17-11-2018)
Commento su 3 Gv 1,5
«Carissimo, tu ti comporti fedelmente in tutto ciò che fai in favore dei fratelli, benché stranieri». 3 Gv 1,5 Come vivere questa Parola? Giovanni, ormai avanti negli anni, scrive ad un certo Gaio, un cristiano probabilmente da lei convertito alla fede. E' un encomio la Parola di Giovanni. E fa l ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 17-11-2018)
Non venga continuamente a importunarmi
La preghiera è la verità dell'uomo, così come il sole, la terra, l'acqua sono la verità di un albero. L'albero naturalmente attinge dal sole, dall'acqua, dalla terra la sua verità. L'uomo deve attimo per attimo volere attingere la sua verità. Per volere deve credere. Per credere deve conoscere. Ma a ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 18-11-2017)
Fammi giustizia contro il mio avversario
Il Libro della Genesi ci rivela che la preghiera è vero combattimento dell'uomo con Dio. Il Signore si lascia vincere dall'uomo che prega. Si prega però dal compimento della volontà di Dio per il compimento pieno di essa. Si prega dalla Parola per la Parola. Giacobbe ha ricevuto l'ordine di tornare ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 18-11-2017)
Commento su Sap 19, 6
?Tutto il creato fu modellato di nuovo nella propria natura come prima, obbedendo ai tuoi comandi, perché i tuoi figli fossero preservati sani e salvi.? Sap 19, 6 Come vivere questa Parola? Un tocco apocalittico anche negli ultimi capitoli della Sapienza ci permettono di riprendere il passato pe ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 12-11-2016)
Perché non venga continuamente a importunarmi
L'Apostolo Giacomo ci insegna che la preghiera è la via attraverso la quale tutto il cielo si riversa sulla terra. Nulla è impossibile a colui che prega. Ma di che preghiera si tratta? Della preghiera elevata con fervore dal giusto. Preghiera, giustizia, fervore! Chi tra voi è nel dolore, preghi; c ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 12-11-2016)
Commento su Lc 18, 7-8
«E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà forse aspettare a lungo? Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell'uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?». Lc 18, 7-8 Come vivere questa Parola? Oggi Gesù ci regala ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 14-11-2015)

Il giudice della parabola non è Dio, non scherziamo, ma il mondo insensibile alla legittime richieste della vedova, vedova che è la sposa di Cristo, la Chiesa. Luca scrive il suo vangelo quando le comunità cristiane nascenti sono travolte dalla follia dell'Imperatore che chiede di essere venerato co ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 14-11-2015)
Commento su Lc 18,1
"Diceva loro una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai". Lc 18,1 Come vivere questa Parola? La parabola che Gesù narra perché i discepoli si imprimano bene nella mente l'imprescindibile necessità di pregare sempre senza cedimenti e stanchezze è un ponte saldo e luminoso ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 15-11-2014)

Il figlio dell'uomo, quando verrà, troverà ancora la fede sulla terra? La domanda, come staffilata, giunge dopo la parabola del giudice iniquo che serve a Gesù per spiegare che se anche il mondo, rappresentato dal giudice, ignora le richieste di giustizia dei cristiani oppressi, il Padre, invece, li ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 15-11-2014)
Commento su Lc 18,1-2; 7-8
«In quel tempo, Gesù diceva ai suoi discepoli una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai. In una città viveva un giudice che non temeva Dio né aveva riguardo per alcuno. [...] E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà for ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15-11-2014)
In quella città c'era anche una vedova
L'insistenza, che diviene richiesta senza sosta, piega ogni cuore, indebolisce ogni volontà, oscura ogni mente. Alla fine avviene come una resa. Se una persona non possiede la fortezza dello Spirito Santo, invocata da Lui con altrettanta insistenza, mai potrà resistere. Facilmente cadrà. La storia d ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 16-11-2013)
Commento su Lc 18,1-8
Il Signore troverà ancora la fede quando tornerà sulla terra? Non dice: troverà le parrocchie, i dicasteri e la curia romana, la cultura cattolica, le chiese, i campanili... Troverà la fede? Il dramma del nostro tempo, l'opera urgente di conversione che siamo chiamati a compiere è il recupero della ...
(continua)