LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 8 Febbraio 2020 <

Giovedì 6 Febbraio 2020

Venerdì 7 Febbraio 2020

Sabato 8 Febbraio 2020

Domenica 9 Febbraio 2020

Lunedì 10 Febbraio 2020

Martedì 11 Febbraio 2020

Mercoledì 12 Febbraio 2020

Giovedì 13 Febbraio 2020

Venerdì 14 Febbraio 2020

Sabato 15 Febbraio 2020


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:







  Sabato della IV settimana del Tempo Ordinario (Anno pari)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Verde
PO046 ;
Gesù vuole fare il punto della situazione con i suoi discepoli al ritorno dalla loro prima missione apostolica. Si interessa a ciò “che avevano fatto e insegnato”. Poiché l’apostolo deve trasmettere fedelmente la parola che gli è stata affidata e con la sua condotta deve rendere testimonianza alla verità che insegna. Essi hanno faticato molto e hanno bisogno di riposarsi. Gesù dice loro: “Venite in disparte in un luogo solitario, e riposatevi un po’”.
Ma essi devono imparare altre lezioni. Innanzi tutto che l’apostolo non è uno stipendiato, a ore fisse, con vacanze pagate e premi per le ore di straordinario. No, l’apostolo è un volontario, una persona assolutamente “donata”. La gente arriva; aspetta una parola: “Non avevano più neanche il tempo di mangiare”, nota san Marco.
Essi devono soprattutto imparare ad avere lo “sguardo apostolico”.
Lo sguardo di Gesù sugli uomini e le donne che si stringono attorno a loro. “Gesù si commosse per loro, perché erano come pecore senza pastore”. Lo spirito missionario nasce da un certo sguardo sulle persone. Uno sguardo che non si ferma alle apparenze. Uno sguardo che indovina i bisogni nascosti. Non solamente i bisogni materiali, la sete d’amore, le angosce segrete, ma anche e soprattutto il bisogno di Dio e della sua salvezza.
Possono esserci molti modi di guardare una folla. Gli uomini d’affari vi vedono dei consumatori; i politici dei sostenitori o semplicemente una scheda elettorale; i commercianti dei clienti; gli sportivi dei tifosi; gli operatori dei mass-media dei lettori, degli ascoltatori, degli spettatori; le vedettes dei fans...
Tutti sguardi superficiali che riducono gli altri al profitto che si può ricavare da loro.
L’apostolo vede “l’uomo nella sua singolare realtà, che ha una propria storia della sua vita e, soprattutto, una propria storia della sua anima... L’uomo nella piena verità della sua esistenza... Quest’uomo è la via della Chiesa...” (Giovanni Paolo II, Redemptor hominis , 14). Cioè, ogni persona nella sua individualità.
Quante persone nel mondo sono oggi delle pecore senza pastore! Dare loro del pane è relativamente facile; offrire loro servigi, soprattutto se ci si sente ripagati con una affettuosa riconoscenza, è altrettanto facile. Ma donare Dio è il privilegio di colui che si sa amato da Dio e che ama gli altri in Gesù. Cioè colui che, come Gesù, ha lo sguardo di Dio.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Salvaci, Signore Dio nostro,
e raccoglici da tutti i popoli,
perché proclamiamo il tuo santo nome
e ci gloriamo della tua lode. (Sal 106,47)


Colletta
Dio grande e misericordioso,
concedi a noi tuoi fedeli
di adorarti con tutta l’anima
e di amare i nostri fratelli nella carità del Cristo.
Egli è Dio, e vive e regna con te...

>

Prima lettura

1Re 3,4-13
Concedi al tuo servo un cuore docile, perché sappia rendere giustizia al tuo popolo.

Dal primo libro dei Re

In quei giorni, Salomone andò a Gàbaon per offrirvi sacrifici, perché ivi sorgeva l’altura più grande. Su quell’altare Salomone offrì mille olocausti.
A Gàbaon il Signore apparve a Salomone in sogno durante la notte. Dio disse: «Chiedimi ciò che vuoi che io ti conceda».
Salomone disse: «Tu hai trattato il tuo servo Davide, mio padre, con grande amore, perché egli aveva camminato davanti a te con fedeltà, con giustizia e con cuore retto verso di te. Tu gli hai conservato questo grande amore e gli hai dato un figlio che siede sul suo trono, come avviene oggi. Ora, Signore, mio Dio, tu hai fatto regnare il tuo servo al posto di Davide, mio padre. Ebbene io sono solo un ragazzo; non so come regolarmi. Il tuo servo è in mezzo al tuo popolo che hai scelto, popolo numeroso che per quantità non si può calcolare né contare. Concedi al tuo servo un cuore docile, perché sappia rendere giustizia al tuo popolo e sappia distinguere il bene dal male; infatti chi può governare questo tuo popolo così numeroso?».
Piacque agli occhi del Signore che Salomone avesse domandato questa cosa. Dio gli disse: «Poiché hai domandato questa cosa e non hai domandato per te molti giorni, né hai domandato per te ricchezza, né hai domandato la vita dei tuoi nemici, ma hai domandato per te il discernimento nel giudicare, ecco, faccio secondo le tue parole. Ti concedo un cuore saggio e intelligente: uno come te non ci fu prima di te né sorgerà dopo di te. Ti concedo anche quanto non hai domandato, cioè ricchezza e gloria, come a nessun altro fra i re, per tutta la tua vita».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 118

Insegnami, Signore, i tuoi decreti.

Come potrà un giovane tenere pura la sua via?
Osservando la tua parola.
Con tutto il mio cuore ti cerco:
non lasciarmi deviare dai tuoi comandi.

Ripongo nel cuore la tua promessa
per non peccare contro di te.
Benedetto sei tu, Signore:
insegnami i tuoi decreti.

Con le mie labbra ho raccontato
tutti i giudizi della tua bocca.
Nella via dei tuoi insegnamenti è la mia gioia,
più che in tutte le ricchezze.

Canto al Vangelo (Gv 10,27)
Alleluia, alleluia.
Le mie pecore ascoltano la mia voce, dice il Signore,
e io le conosco ed esse mi seguono.
Alleluia.

>

Vangelo

Mc 6,30-34
Erano come pecore che non hanno pastore.


+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato. Ed egli disse loro: «Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po’». Erano infatti molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare.
Allora andarono con la barca verso un luogo deserto, in disparte. Molti però li videro partire e capirono, e da tutte le città accorsero là a piedi e li precedettero.
Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Fratelli, il Padre buono che è nei cieli riserva a ciascuno di noi l'esperienza della vera salvezza: abitare nella sua casa per sempre, ricolmi di felicità e grazia. Illuminati di speranza, diciamo:
Te lo chiediamo con fede, Signore.

O Dio che ci riunisci attorno a te, non far mancare alla tua chiesa uomini santi e generosi e suscita in essa la voce della profezia e della misericordia. Ti preghiamo:
O Dio che dai la vera pace, guarda i tuoi figli che soffrono e che lottano per un mondo migliore: fà che dalla loro offerta rifioriscano la giustizia e l'amore. Ti preghiamo:
O Dio che gradisci il sacrificio del cuore, purifica i nostri atti nel fuoco della tua carità: rendici solidali a Cristo e ai fratelli. Ti preghiamo:
O Dio che ti commuovi per il tuo popolo: assisti chi nasce e chi muore, illumina chi ha perso ogni ideale, conforta chi è abbattuto, insegna a tutti la tua verità. Ti preghiamo:
O Dio che abbracci l'universo: donaci un cuore che sappia discernere la tua volontà e la forza di viverla con serenità. Ti preghiamo:
Per chi sente il bisogno di raccogliersi in disparte a meditare.
Per chi sta cercando la propria strada nella vita.

Padre celeste, abbiamo fatto giungere a te la nostra voce, uniti all'unico sacrificio di Cristo e confidenti nella potenza del tuo nome. Ascoltala, per Colui che vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.

Preghiera sulle offerte
Accogli con bontà, o Signore, questi doni
che noi, tuo popolo santo, deponiamo sull’altare,
e trasformali in sacramento di salvezza.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Fa’ risplendere sul tuo servo
la luce del tuo volto,
e salvami per la tua misericordia.
Che io non resti confuso, Signore,
perché ti ho invocato. (Sal 31,17-18)


Preghiera dopo la comunione
O Dio, che ci hai nutriti alla tua mensa,
fa’ che per la forza di questo sacramento,
sorgente inesauribile di salvezza,
la vera fede si estenda sino ai confini della terra.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

don Nicola Salsa     (Omelia del 08-02-2020)
Venite e riposatevi
...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 08-02-2020)
Erano come pecore che non hanno pastore
La condizione della pecora senza pastore è ben misera. È senza presente di vita e anche senza alcuna speranza di un futuro migliore. Pecore e pastore devono essere una cosa sola. Il Pastore deve consumare la sua vita per le pecore. Sappiamo che Gesù va oltre il dono della vita per le pecore. Lui rea ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 09-02-2019)
Commento su Mc 6, 30-34
«Gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato. Ed egli disse loro: «Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po'». Erano infatti molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 09-02-2019)
Ebbe compassione di loro
La compassione di Gesù è oltre ogni possibile compassione umana. La sua è compassione per assunzione di tutti i peccati e di tutte le colpe dell'umanità per la loro espiazione, redenzione. Gesù ha avuto compassione perché ha soddisfatto ogni nostro debito presso il Padre. La sua compassione è così a ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 03-02-2018)
Accorsero là a piedi e li precedettero
I discepoli tornano dalla missione. Sono stanchi, affaticati. Gesù che è la giustizia di Dio sulla nostra terra, sa che anche il corpo ha diritto ad un meritato riposo. Sul riposo la Scrittura Antica non solo ci dice che finito il suo lavoro, Dio si riposò, ma anche che il Signore ha stabilito un te ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-02-2017)
Come pecore che non hanno pastore
La condizione della pecora senza pastore è doppiamente triste. È triste perché il lupo la può sbranare in ogni momento. È anche triste perché la pecora prepotente sempre si impone con la sua arroganza sulla debole e inferma. Il pastore deve vigilare perché ogni pecora possa vivere custodita dai lupi ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-02-2017)
Commento su Mc 6, 34
«Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose». Mc 6, 34 Come vivere questa Parola? Quanto è forte la tristezza di Gesù, lui si commuove per noi ogni volta che ci vede come pecore che ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 06-02-2016)
In un luogo deserto, e riposatevi un po'
La Scrittura ci rivela che il riposo è vita per l'uomo. Il Signore non ha creato una macchina a ciclo continuo, senza alcuna interruzione. Ha fatto il giorno per il lavoro, la notte per il riposo. In più ha stabilito che l'uomo lavori sei giorni, ma il settimo sia dedicato al riposo, con l'obbligo d ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 06-02-2016)
Commento su 1 Re 3, 7-9
«Ebbene io sono solo un ragazzo; non so come regolarmi. Il tuo servo è in mezzo al tuo popolo che hai scelto, popolo numeroso che per quantità non si può calcolare né contare. Concedi al tuo servo un cuore docile, perché sappia rendere giustizia al tuo popolo e sappia distinguere il bene dal male». ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 07-02-2015)

Meraviglia la costante attenzione che Gesù manifesta verso chi gli sta accanto. Capace di profonda empatia, l'arte di mettersi nei panni degli altri, sa gioire della gioia degli apostoli appena tornati dalla loro missione e compatire la folla che lo raggiunge per ricevere una Parola che possa illumi ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 07-02-2015)
Andarono con la barca verso un luogo deserto
Gesù sa qual è la condizione delle pecore senza pastore. Conosce il pensiero del Padre manifestato e rivelato attraverso il profeta Ezechiele, Isaia, Geremia ed altri. Sa qual è la missione che gli è stata affidata. Essa è sua e di nessun altro. A te, mio gregge, così dice il Signore Dio: Ecco, io ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 07-02-2015)
Commento su Mc 6, 31-32
«Gli apostoli si riunirono attorno a Gesù... e disse loro: "Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto e riposatevi un po'". Erano infatti molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare. Allora andarono con la barca verso un luogo deserto, in disparte». Mc 6, ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 08-02-2014)

I discepoli tornano dalla loro prima missione con la voglia di raccontare al Maestro com'è andata. Raccontano cosa è accaduto, parlano dei successi e delle difficoltà. Anche noi siamo invitati, ogni giorno, a parlare al Signore nella preghiera per affidargli le persone che incontriamo, le raccontarg ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 08-02-2014)
Il Signore è il mio pastore
La folla che seguiva Gesù, è presentata come un gregge delle pecore che ascoltano la voce del pastore. Da lui può attingere sicurezza perciò lo segue. E Gesù, commosso, si mise ad insegnare loro molte cose. Ancora oggi Gesù può commuoversi ed insegnare, ma forse manca in noi la stessa disponibilità, ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 08-02-2014)
Si mise a insegnare loro molte cose
Insegnamento vero, fedele, non fatto di pensieri umani, riferimento e annunzio, spiegazione e illuminazione del pensiero di Dio, è questa l'opera di ogni missionario della Beata Trinità sulla nostra terra. Per insegnare Dio, si deve conoscere Dio, per insegnare Cristo si deve conoscere Cristo, per i ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 08-02-2014)
Commento su Mc 6,31
«Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po'» Mc 6,31 Come vivere questa Parola? La folla che seguiva il Signore affascinata dal suo "essere" e dal suo "dire" era come l'accavallarsi di onde che a un certo punto travolgevano la vita stessa. Basta dire che Marco annota: ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 09-02-2013)
Commento su Mc 6,30-34
Stupisce sempre leggere la delicatezza e la premura di Gesù verso i suoi. Gesù si accorge se siamo stanchi, ci invita ad andare con lui, a riposarci alla sua presenza. Guai a noi, che abbiamo investito la nostra vita nell'annuncio del vangelo, se continuiamo a parlare del Signore senza frequentarlo, ...
(continua)