LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 16 Dicembre 2019 <

Sabato 14 Dicembre 2019

Domenica 15 Dicembre 2019

Lunedì 16 Dicembre 2019

Martedì 17 Dicembre 2019

Mercoledì 18 Dicembre 2019

Giovedì 19 Dicembre 2019

Venerdì 20 Dicembre 2019

Sabato 21 Dicembre 2019

Domenica 22 Dicembre 2019

Lunedì 23 Dicembre 2019


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Lunedì della III settimana di Avvento

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Viola
EA031 ;
Ancora una volta i dottori della legge trascinano Gesù su un terreno scivoloso domandandogli da dove viene il suo potere.
Ma egli tiene loro testa con abilità e, come risposta, li riduce al silenzio con un’altra domanda.
Poiché, qualunque fosse il loro modo di rispondere, essi si metterebbero in una situazione delicata.
Riconoscere che è il cielo che ha mandato Giovanni Battista sarebbe riconoscere che essi hanno commesso un grave peccato non credendo in lui. Ma scegliere l’altra alternativa è attirarsi la collera del popolo, del quale essi hanno ancora bisogno nella loro campagna contro il Nazareno. Essi se ne escono dunque: “Non lo sappiamo”. Ciò fa sì che Gesù stesso non debba rispondere.
Gli uomini che si sono rifiutati di capire l’importanza della missione e del messaggio di Giovanni Battista, come di trarne le conseguenze, non avrebbero affatto potuto cogliere quella di Gesù Nazareno.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Ascoltate, o popoli, la voce del Signore;
proclamate la sua parola sino ai confini della terra:
il nostro Salvatore verrà,
non abbiate timore. (cf. Ger 31,10; Is 35,4)


Colletta
Ascolta, o Padre, la nostra preghiera,
e con la luce del tuo Figlio che viene a visitarci
rischiara le tenebre del nostro cuore.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Nm 24,2-7.15-17
Una stella spunta da Giacobbe.

Dal libro dei Numeri

In quei giorni, Balaam alzò gli occhi e vide Israele accampato, tribù per tribù. Allora lo spirito di Dio fu sopra di lui. Egli pronunciò il suo poema e disse:
«Oracolo di Balaam, figlio di Beor,
e oracolo dell’uomo dall’occhio penetrante;
oracolo di chi ode le parole di Dio,
di chi vede la visione dell’Onnipotente,
cade e gli è tolto il velo dagli occhi.
Come sono belle le tue tende, Giacobbe,
le tue dimore, Israele!
Si estendono come vallate,
come giardini lungo un fiume,
come àloe, che il Signore ha piantato,
come cedri lungo le acque.
Fluiranno acque dalle sue secchie
e il suo seme come acque copiose.
Il suo re sarà più grande di Agag
e il suo regno sarà esaltato».
Egli pronunciò il suo poema e disse:
«Oracolo di Balaam, figlio di Beor,
oracolo dell’uomo dall’occhio penetrante,
oracolo di chi ode le parole di Dio
e conosce la scienza dell’Altissimo,
di chi vede la visione dell’Onnipotente,
cade e gli è tolto il velo dagli occhi.
Io lo vedo, ma non ora,
io lo contemplo, ma non da vicino:
una stella spunta da Giacobbe
e uno scettro sorge da Israele».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 24

Fammi conoscere, Signore, le tue vie.

Fammi conoscere, Signore, le tue vie,
insegnami i tuoi sentieri.
Guidami nella tua fedeltà e istruiscimi,
perché sei tu il Dio della mia salvezza.

Ricòrdati, Signore, della tua misericordia
e del tuo amore che è da sempre.
Ricòrdati di me nella tua misericordia,
per la tua bontà, Signore.

Buono e retto è il Signore,
indica ai peccatori la via giusta;
guida i poveri secondo giustizia,
insegna ai poveri la sua via.

Canto al Vangelo (Sal 85,8)
Alleluia, alleluia.
Mostraci, Signore, la tua misericordia
e donaci la tua salvezza.
Alleluia.

>

Vangelo

Mt 21,23-27
Il battesimo di Giovanni da dove veniva?


+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù entrò nel tempio e, mentre insegnava, gli si avvicinarono i capi dei sacerdoti e gli anziani del popolo e dissero: «Con quale autorità fai queste cose? E chi ti ha dato questa autorità?».
Gesù rispose loro: «Anch’io vi farò una sola domanda. Se mi rispondete, anch’io vi dirò con quale autorità faccio questo. Il battesimo di Giovanni da dove veniva? Dal cielo o dagli uomini?».
Essi discutevano fra loro dicendo: «Se diciamo: “Dal cielo”, ci risponderà: “Perché allora non gli avete creduto?”. Se diciamo: “Dagli uomini”, abbiamo paura della folla, perché tutti considerano Giovanni un profeta».
Rispondendo a Gesù dissero: «Non lo sappiamo». Allora anch’egli disse loro: «Neanch’io vi dico con quale autorità faccio queste cose».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
La fede ci assicura che Gesù è presente in mezzo a noi come Salvatore. Animati da questa certezza, per mezzo di lui, ci rivolgiamo al Padre dicendo:
Mostraci la tua verità, o Signore.

Per la Chiesa, perchè abbia fiducia nella forza e nell'autorità proprie della Parola di Dio. Preghiamo:
Per i popoli che non conoscono ancora il vangelo, ma hanno ricche tradizioni religiose e culturali, perchè si aprano alla pienezza della verità e della luce portate da Cristo. Preghiamo:
Per i cristiani, perchè riconoscano il bene operato anche fuori dei confini visibili della Chiesa e ne diano lode all'unico Padre che opera in tutti. Preghiamo:
Per quanti si trovano nel bisogno a causa della disoccupazione, perchè trovino nelle comunità cristiane aiuto e sostegno concreti. Preghiamo:
Per quanti vivono aspettando qualcosa, perchè la loro attesa li apra a Colui che dà risposta a tutto il bisogno dell'uomo. Preghiamo:
Per chi esercita il ministero della Parola.
Per chi sta preparando il presepio in parrocchia o in casa.

Padre santo e giusto, che non lasci mai inascoltato il grido dei, tuoi figli, esaudisci le nostre preghiere e fa’ che, dopo aver sperimentato la tua sollecitudine paterna, ancora di più ti amiamo e ti siamo riconoscenti. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
Accogli, Signore, il pane e il vino,
dono della tua benevolenza,
e fa’ che l’umile espressione della nostra fede
sia per noi pegno di salvezza eterna.
Per Cristo nostro Signore.

Oppure:
Accogli, Dio misericordioso,
l’offerta che ti presentiamo
e trasforma la nostra vita
in sacrificio perenne a te gradito.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO DELL’AVVENTO I
La duplice venuta del Cristo

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno,
per Cristo nostro Signore.
Al suo primo avvento
nell’umiltà della nostra natura umana
egli portò a compimento la promessa antica,
e ci aprì la via dell’eterna salvezza.
Verrà di nuovo nello splendore della gloria,
e ci chiamerà a possedere il regno promesso
che ora osiamo sperare vigilanti nell’attesa.
E noi, uniti agli Angeli e alla moltitudine dei Cori celesti,
cantiamo con gioia l’inno della tua lode: Santo...

Oppure:

PREFAZIO DELL’AVVENTO I/A
Cristo, Signore e giudice della storia

È veramente giusto renderti grazie
e innalzare a te l’inno di benedizione e di lode,
Padre onnipotente, principio e fine di tutte le cose.
Tu ci hai nascosto il giorno e l’ora,
in cui il Cristo tuo Figlio, Signore e giudice della storia,
apparirà sulle nubi del cielo
rivestito di potenza e splendore.
In quel giorno tremendo e glorioso
passerà il mondo presente
e sorgeranno cieli nuovi e terra nuova.
Ora egli viene incontro a noi in ogni uomo e in ogni tempo,
perché lo accogliamo nella fede
e testimoniamo nell’amore la beata speranza del suo regno.
Nell’attesa del suo ultimo avvento,
insieme agli angeli e ai santi,
cantiamo unanimi l’inno della tua gloria: Santo...


Antifona di comunione
Vieni, Signore, a visitarci con la tua pace:
la tua presenza ci riempirà di gioia. (cf. Sal 106,4-5; Is 38,3)

Oppure:
“Perché non gli avete creduto?
Il battesimo di Giovanni
non veniva dagli uomini, ma dal cielo”. (cf. Mt 21,25)


Preghiera dopo la comunione
La partecipazione a questo sacramento,
che a noi pellegrini sulla terra
rivela il senso cristiano della vita,
ci sostenga, Signore, nel nostro cammino
e ci guidi ai beni eterni.
Per Cristo nostro Signore.

Oppure:
Signore Dio nostro,
il sacramento che abbiamo ricevuto
ci rinnovi nella mente e nel cuore,
perché possiamo comunicare alla tua vita immortale.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 16-12-2019)
Con quale autorità fai queste cose?
La vera autorità è sempre creatrice di verità e di conseguenza non può venire se non da Dio. Ogni autorità di onnipotenza viene da Dio. Solo Lui è l'Onnipotente e il Santo. Il vero miracolo è opera di Dio per mezzo dell'uomo, il quale partecipa della sua potenza eterna. L'autorità di purificare il c ...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 16-12-2019)
L'autorità di chi perdona
...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 16-12-2019)
Video commento al Vangelo - Lunedì - III Settimana di Avvento - Anno A
...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 12-12-2016)
Commento su Nm 24, 2-5; 17
«In quei giorni, Balaam alzò gli occhi e vide Israele accampato, tribù per tribù. Allora lo spirito di Dio fu sopra di lui. Egli pronunciò il suo poema e disse: "Oracolo di Balaam, figlio di Beor, e oracolo dell'uomo dall'occhio penetrante, oracolo di chi ode le parole di Dio, di chi vede la visione ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 12-12-2016)
Il battesimo di Giovanni da dove veniva?
La Chiesa non vuole che i suoi figli diventino come scribi, farisei, capi dei sacerdoti anziani del popolo, cioè gente di raffinata diplomazia che dinanzi alla verità di Gesù Signore si destreggia pur di non gridare la sua verità con forza, coraggio, determinazione, convincimento, fermezza di Spirit ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 14-12-2015)

Vorrei solo capire perché, alla fine della fiera, abbiamo sempre un bisogno insopprimibile di mettere dei paletti, di rilasciare le patenti, di porre dei timbri. Lo facciamo quotidianamente, soffocati come siamo dalla burocrazia che, fra le altre cose, ha strangolato il nostro paese. Ma perché farlo ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 14-12-2015)
Perché non gli avete creduto?
La Chiesa universale ricorda oggi San Giovanni della Croce, nato a Fontiveros, presso Avila verso il 1542, entrò giovane nel Carmelo e ne fu il riformatore insieme a Santa Teresa d'Avila, di cui fu direttore spirituale. Anima mistica, ne descrisse la tappe nelle opere di teologia spirituali. E' chi ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 14-12-2015)
Commento su Nm 24,2-6
"Balaam alzò gli occhi e vide Israele accampato, tribù per tribù. Allora lo spirito di Dio fu sopra di lui. Egli pronunziò il suo poema e disse: «Oracolo di Balaam, figlio di Beor, e oracolo dell'uomo dall'occhio penetrante; oracolo di chi ode le parole di Dio e conosce la scienza dell'Altissimo, di ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 14-12-2015)
Il battesimo di Giovanni da dove veniva?
Capi dei sacerdoti e anziani sono preposti per operare ogni discernimento di fede, secondo la più pura verità della rivelazione, su ogni cosa che accade nel popolo del Signore. Essi sono chiamati a vigilare affinché nessuna idolatria sorga e distrugga la vera fede, la vera religione, la vera alleanz ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 15-12-2014)

Sono tante le persone che hanno bisogno di mettere degli steccati, di rilasciare dei patentini, di verificare le competenze. Purtroppo anche nella Chiesa. Brava gente, almeno tali si vedono, che confondono l'ortodossia e l'opportunità pastorale con una specie di burocratico e immenso regolamento da ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15-12-2014)
Il battesimo di Giovanni da dove veniva?
Capi dei sacerdoti, anziani del popolo, farisei, scribi, non perdono occasioni. Quando Gesù è a tiro, sempre gli assestano dei colpi per farlo cadere in quale loro trappola di morte. Tra loro e Gesù non vi è antipatia, astio, invidia, gelosia, o cose del genere. Vi è incompatibilità ontologica, teol ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 15-12-2014)
Commento su Nm 24, 2-5; 15-17
«Oracolo di Balaam, figlio di Beor, e oracolo dell'uomo dall'occhio penetrante, oracolo di chi ode le parole di Dio, di chi vede la visione dell'Onnipotente, cade e gli è tolto il velo dagli occhi. Come sono belle le tue tende, Giacobbe, le tue dimore, Israele! [...] Io lo vedo, ma non ora, io lo co ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 16-12-2013)
Commento su Mt 21,23-27
Convertirsi al Dio di Gesù, lasciare che rinasca nei nostri cuori significa anche entrare nella logica dello Spirito, logica dinamica, mai prevedibile. Lo Spirito è come un vento che soffia dove vuole ci ricorda Gesù. Guai a volerlo incanalare, guai a volerlo stringere dentro logiche sane e sante, m ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 16-12-2013)
Siete scoraggiati?
Con quale autorità fai questo? Quante volte ci sentiamo scoraggiati per aver speso una vita per il bene della famiglia e questa va a rotoli, per il bene di un figlio che è comunque entrato su una brutta strada, per il rispetto degli altri e non c'è un sol uomo disposto a proteggerti e supportarti ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 16-12-2013)
Non lo sappiamo
Intelligenza, sapienza, capacità e luce soprannaturale per leggere e interpretare la vita di Cristo Gesù è un dono attuale dell'Onnipotente Signore della storia, di ogni storia. Se il Signore, per un motivo arcano che solo Lui conosce, priva l'uomo di un così grande dono, il privato del dono di Dio ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 16-12-2013)
Commento su Numeri 24, 2-7
Balaam alzò gli occhi e vide Israele accampato, tribù per tribù. Allora lo spirito di Dio fu sopra di lui. Egli pronunciò il suo poema e disse: «Oracolo di Balaam, figlio di Beor, e oracolo dell'uomo dall'occhio penetrante; oracolo di chi ode le parole di Dio, di chi vede la visione dell'Onnipotent ...
(continua)