LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 4 Novembre 2019 <

Sabato 2 Novembre 2019

Domenica 3 Novembre 2019

Lunedì 4 Novembre 2019

Martedì 5 Novembre 2019

Mercoledì 6 Novembre 2019

Giovedì 7 Novembre 2019

Venerdì 8 Novembre 2019

Sabato 9 Novembre 2019

Domenica 10 Novembre 2019

Lunedì 11 Novembre 2019


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  San Carlo Borromeo

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Memoria
Colore liturgico: Bianco
Scheda Agiografica: San Carlo Borromeo
S1104 ; DO311

Un pastore buono è un dono eccellente per la Chiesa, come san Carlo è stato per la Chiesa di Milano e per tutta la Chiesa. Consacrato vescovo a soli 25 anni, questo giovane, vissuto negli agi e negli onori del suo rango, si diede tutto al servizio del suo popolo, profondendo ricchezze e salute, sostenendo fatiche e penitenze estreme, che certamente gli abbreviarono la vita. Propugnò con energia e pazienza l'applicazione del Concilio di Trento, con la costante preoccupazione di formare sacerdoti santi e pieni di zelo.
L'amore di Gesù crocifisso era per lui modello e continuo sprone. "San Carlo è stato detto fu l'uomo della preghiera, delle lacrime, della penitenza intesa non come opera eroica ma come partecipazione misteriosa, appassionata alle sofferenze di Cristo, al suo entrare nel peccato del mondo, fin quasi allo scoppio del cuore e alla divisione dell'animo".
Oggi preghiamo in modo speciale per il nostro papa, vero buon pastore intrepido e noncurante di sé, che moltiplica i viaggi, i discorsi, che accoglie tutti, che annuncia con coraggio e franchezza la verità del Vangelo in ogni circostanza e in ogni punto del mondo.

Ricevi la Liturgia via mail >
Leggi la sua scheda su Santiebeati.it >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
“Cercherò le pecore del mio gregge,
dice il Signore, “e farò sorgere un pastore
che le conduca al pascolo;
io, il Signore, sarò il loro Dio”. (cf. Ez 34,11.23.24)


Colletta
Custodisci nel tuo popolo, o Padre,
lo spirito che animò il vescovo san Carlo,
perché la tua Chiesa si rinnovi incessantemente,
e sempre più conforme al modello evangelico,
manifesti al mondo il vero volto del Cristo Signore.
Egli è Dio, e vive e regna con te...

>

Prima lettura

Rm 11,29-36
Dio ha rinchiuso tutti nella disobbedienza, per essere misericordioso verso tutti!

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani

Fratelli, i doni e la chiamata di Dio sono irrevocabili! Come voi un tempo siete stati disobbedienti a Dio e ora avete ottenuto misericordia a motivo della loro disobbedienza, così anch’essi ora sono diventati disobbedienti a motivo della misericordia da voi ricevuta, perché anch’essi ottengano misericordia. Dio infatti ha rinchiuso tutti nella disobbedienza, per essere misericordioso verso tutti!
O profondità della ricchezza, della sapienza e della conoscenza di Dio! Quanto insondabili sono i suoi giudizi e inaccessibili le sue vie! Infatti, chi mai ha conosciuto il pensiero del Signore? O chi mai è stato suo consigliere? O chi gli ha dato qualcosa per primo tanto da riceverne il contraccambio?
Poiché da lui, per mezzo di lui e per lui sono tutte le cose. A lui la gloria nei secoli. Amen.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 68

Nella tua grande bontà, rispondimi, Signore.

Io sono povero e sofferente:
la tua salvezza, Dio, mi ponga al sicuro.
Loderò il nome di Dio con un canto,
lo magnificherò con un ringraziamento.

Vedano i poveri e si rallegrino;
voi che cercate Dio, fatevi coraggio,
perché il Signore ascolta i miseri
e non disprezza i suoi che sono prigionieri.

Perché Dio salverà Sion,
ricostruirà le città di Giuda:
vi abiteranno e ne riavranno il possesso.
La stirpe dei suoi servi ne sarà erede
e chi ama il suo nome vi porrà dimora.

Canto al Vangelo (Gv 8,31)
Alleluia, alleluia.
Se rimanete nella mia parola,
siete davvero miei discepoli, dice il Signore,
e conoscerete la verità.
Alleluia.

>

Vangelo

Lc 14,12-14
Non invitare i tuoi amici, ma poveri, storpi, zoppi e ciechi.


+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù disse al capo dei farisei che l’aveva invitato:
«Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch’essi e tu abbia il contraccambio.
Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
A Dio, fonte di ogni dono perfetto, manifestiamo con fiducia le nostre attese. Gli raccomandiamo i presenti, i nostri cari e tutta l'umanità, dicendo:
Ascoltaci, o Signore.

Perché il Papa, i vescovi e i sacerdoti sappiano guidare il popolo cristiano come pastori buoni e maestri umili. Preghiamo:
Perché oggi riusciamo a dare tempo, esempi e cuore a chi il Signore ci farà incontrare. Preghiamo:
Perché dal bene che realizziamo, non abbiamo mai a pretendere riconoscenze ed umane gratificazioni. Preghiamo:
Perché dove c'è solitudine, emarginazione e delusione non venga a mancare la nostra carità. Preghiamo:
Perché nell'intimità delle nostre case sappiamo far rivivere lo stile della famiglia di Nazaret. Preghiamo:
Per la solidarietà nella nostra parrocchia.
Per i giovani in difficoltà, gli anziani emarginati.

Padre santo, custodisci nella serenità i giorni dei tuoi figli, fortifica i loro propositi di bene, dona ai loro cuori quella gioia che sarà perfetta quando più nulla esisterà se non il tuo volto. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
Guarda con bontà, Signore,
i doni che portiamo al tuo altare
nel ricordo di san Carlo,
pastore vigilante e modello di santità,
e per la potenza di questo sacrificio
concedi anche a noi di produrre nella tua Chiesa
frutti genuini di vita cristiana.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Il buon pastore dona la vita
per il suo gregge. (cf. Gv 10,11)


Preghiera dopo la comunione
La partecipazione al tuo sacramento, Signore,
ci comunichi lo spirito di fortezza
che animò san Carlo e lo rese fedele alla sua missione
e pronto a donare la vita per i fratelli.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-11-2019)
Invita poveri, storpi, zoppi, ciechi
Gesù invita ogni adoratore del vero Dio - il Cristo è adoratore del vero Dio per Cristo, in Cristo, con Cristo, nello Spirito Santo - a fare ogni cosa in vista della sua ricompensa eterna. Lavorare per una misera gloria nel tempo, è la cosa più stolta e insipiente che possa esistere. La vita può dur ...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 04-11-2019)
Amare gratis
...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 05-11-2018)
Invita poveri, storpi, zoppi, ciechi
Gesù sempre pone l'uomo dinanzi ad una scelta: consumare la sua vita per una gloria effimera e per dei risultati vani, inutili, spesso anche dannosi, oppure per una gloria eterna. Si comprende questa verità se l'uomo si vede come un lavoratore preso a giornata. Quando il lavoratore vende il suo temp ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 05-11-2018)
Commento su Lc 14, 12-14
«Disse poi a colui che l'aveva invitato: «Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch'essi e tu abbia il contraccambio. Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, z ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 06-11-2017)
Commento su Lc 14, 13-14
«Quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti.» Lc 14, 13-14 Come vivere questa Parola? Questo forte invito del Signore non è da prendersi tutto alla lettera. Voglio dire: Gesù stesso ha vissuto con serenità l'amicizia, accettando ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 31-10-2016)
Commento su Lc 14, 12-14
«Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch'essi e tu abbia il contraccambio. Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non ha ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 31-10-2016)
Quando offri un pranzo o una cena
Il Libro del Siracide, ma anche tutto l'Antico Testamento, vedono l'elemosina come vera medicina dell'anima, antidoto contro ogni morte non naturale, vero farmaco per lo spirito, liberazione da ogni male, porta dell'eternità beata. In più essa è vista come un vero deposito, più redditizio di qualsia ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 03-11-2014)

Quanto è esigente il Signore e quanto ci spiazza! Ci chiede di essere autentici sempre, senza tentennare, senza eccezioni, soprattutto quando abbiamo a che fare con la manifestazione dell'amore verso i più poveri... Ha ragione: con diverse sfumature secondo il proprio carattere ma tutti, tendenzialm ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 03-11-2014)
Commento su Fil 2, 3
"Ciascuno di voi, con tutta umiltà, consideri gli altri superiori a se stesso!" Fil 2, 3 Come vivere questa Parola? Dalla settimana scorsa stiamo leggendo in forma continuata, la lettera ai Filippesi. Sempre lei ci accompagnerà per tutta la settimana. Questa lettera, scritta nella prima prigionia ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 03-11-2014)
Quando offri un pranzo o una cena
Nell'Antico Testamento sempre appare l'amore privilegiato del Padre celeste per i poveri della terra. Lui vuole che si viva la perfetta legge della comunione, della condivisione, della partecipazione di tutti ai beni della terra. Non solo quando si è attorno al suo tempio santo, quando si offrono i ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 04-11-2013)
Commento su Lc 14,12-14
Di una cosa sono assolutamente certo: il capo dei farisei si è pentito di avere invitato Gesù ad un banchetto a casa sua. Convinto di avere fatto un gesto lungimirante, di straordinaria apertura nei confronti del contestatissimo Rabbi, inviso ai suoi colleghi e guardato con una certa sufficienza da ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 04-11-2013)
Quando dai un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi
Bambini che non mangiano Quando ad un mio amico chiedevo se avesse fatto gli auguri a tizio o caio, spesso mi rispondeva di no perché lui non lo aveva chiamato per il suo compleanno. Ho sempre pensato che gli auguri, così come un dono, un invito, l'accoglienza, un favore, un prestito di qualcosa ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-11-2013)
Commento su Romani 11, 35
Chi mai gli ha dato qualcosa per primo tanto da riceverne il contraccambio? Rm 11, 35 Come vivere questa Parola? Nelle letture di oggi c'è una nota comune: il contraccambio. Ai Romani s. Paolo, riferendosi all'amore gratuito e preveniente di Dio, domanda: "Chi gli ha dato qualcosa per primo sì ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-11-2013)
E sarai beato perché non hanno da ricambiarti
Non esiste in tutto l'Antico Testamento un insegnamento così alto di libertà nell'amore. Amare è donare agli altri, è donarsi, senza attendersi nulla dall'altro, perché chi ricompensa è solo il Signore. È Lui il garante della misericordia e della pietà. Nell'Antica Scrittura troviamo però già i segn ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 05-11-2012)
Commento su Luca 14,12-14
Gesù chiede ai suoi discepoli di essere umili, cioè concreti e fecondi, per lasciare spazio dentro di sé a Dio. E, oggi, chiede ai discepoli di fuggire la logica del tornaconto e del calcolo, la logica che domina questo mondo. Anche negli affetti e nelle amicizie possiamo intessere dei legami che, i ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 05-11-2012)
Sarai beato perché non hanno da ricambiarti
E' inutile dire, ma ognuno di noi, qualunque cosa faccia la fa per ricevere qualcosa. Se nella nostra natura umana c'è questo desiderio così prepotente da un lato significa che non è un peccato tanto grande, e dall'altro, sulla scia degli insegnamenti di Gesù, vuol dire che dobbiamo camminare verso ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 05-11-2012)
Commento su Filippesi 2,2
Rendete piena la mia gioia con un medesimo sentire e con la stessa carità, rimanendo unanimi e concordi Fil 2,2 Come vivere questa Parola? Quasi a concretizzare il messaggio evangelico di domenica, viene oggi la parola di Paolo: vivere il duplice precetto dell'amore non può ridursi a gesti sporad ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 05-11-2012)
Quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi
Nell'Antico Testamento troviamo uomini dall'altissima moralità. Sono veri maestri nella scienza, nella saggezza, nella sapienza per la formazione di una coscienza retta, più che retta, delicata al sommo delle umane possibilità. Giobbe è uno di questi maestri dell'umanità. Vive di giustizia perfetta. ...
(continua)