LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 21 Ottobre 2018 <

Venerdì 19 Ottobre 2018

Sabato 20 Ottobre 2018

Domenica 21 Ottobre 2018

Lunedì 22 Ottobre 2018

Martedì 23 Ottobre 2018

Mercoledì 24 Ottobre 2018

Giovedì 25 Ottobre 2018

Venerdì 26 Ottobre 2018

Sabato 27 Ottobre 2018

Domenica 28 Ottobre 2018


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  XXIX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO B)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Verde
BO290 ;

Gesù reagisce vivamente di fronte alla minaccia che pesa ancora una volta sulla sua comunità a causa dell’ambizione sfrenata di avere i primi posti, di conquistare il potere. La sua lezione è molto severa, quasi solenne. Egli propone in compenso una nuova economia sociale: quella di una comunità senza potere la cui sola regola è servire, fino a offrire la propria vita per i fratelli, bevendo il calice fino all’ultima goccia. E per tutti i suoi membri, perché tutti sono fratelli. All’immagine del capo che comanda si oppone quella del capo che serve. Ed ecco che i capi avranno paradossalmente un solo compito: servire. Il suo prototipo è il Messia, diventato piuttosto il Figlio dell’uomo, schiavo di tutti gli schiavi, per il riscatto dei quali egli offre quello che possiede e quello che è: tutto. Egli ha appena formulato il suo progetto di comunità, la sua carta “costituzionale”, alla quale tutti i partecipanti devono aderire: ognuno è servitore di tutti.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Io t’invoco, mio Dio: dammi risposta,
rivolgi a me l’orecchio e ascolta la mia preghiera.
Custodiscimi, o Signore, come la pupilla degli occhi,
proteggimi all’ombra delle tue ali. (Sal 17,6.8)


Colletta
Dio Onnipotente ed eterno,
crea in noi un cuore generoso e fedele,
perché possiamo sempre servirti con lealtà
e purezza di spirito.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

Oppure:
Dio della pace e del perdono,
tu ci hai dato in Cristo il sommo sacerdote
che è entrato nel santuario dei cieli
in forza dell’unico sacrificio di espiazione;
concedi a tutti noi
di trovare grazia davanti a te,
perché possiamo condividere fino in fondo
il calice della tua volontà
e partecipare pienamente
alla morte redentrice del tuo Figlio.
Egli è Dio, e vive e regna con te...

>

Prima lettura

Is 53,10-11
Quando offrirà se stesso in sacrificio di riparazione, vedrà una discendenza.

Dal libro del profeta Isaìa

Al Signore è piaciuto prostrarlo con dolori.
Quando offrirà se stesso in sacrificio di riparazione,
vedrà una discendenza, vivrà a lungo,
si compirà per mezzo suo la volontà del Signore.
Dopo il suo intimo tormento vedrà la luce
e si sazierà della sua conoscenza;
il giusto mio servo giustificherà molti,
egli si addosserà le loro iniquità.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 32

Donaci, Signore, il tuo amore: in te speriamo.

Retta è la parola del Signore
e fedele ogni sua opera.
Egli ama la giustizia e il diritto;
dell’amore del Signore è piena la terra.

Ecco, l’occhio del Signore è su chi lo teme,
su chi spera nel suo amore,
per liberarlo dalla morte
e nutrirlo in tempo di fame.

L’anima nostra attende il Signore:
egli è nostro aiuto e nostro scudo.
Su di noi sia il tuo amore, Signore,
come da te noi speriamo.

>

Seconda lettura

Eb 4,14-16
Accostiamoci con piena fiducia al trono della grazia.

Dalla lettera agli Ebrei

Fratelli, poiché abbiamo un sommo sacerdote grande, che è passato attraverso i cieli, Gesù il Figlio di Dio, manteniamo ferma la professione della fede.
Infatti non abbiamo un sommo sacerdote che non sappia prendere parte alle nostre debolezze: egli stesso è stato messo alla prova in ogni cosa come noi, escluso il peccato.
Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia per ricevere misericordia e trovare grazia, così da essere aiutati al momento opportuno.

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Mc 10,45)
Alleluia, alleluia.
Il Figlio dell’uomo è venuto per servire
e dare la propria vita in riscatto per molti.
Alleluia.

>

Vangelo

Mc 10,35-45
Il Figlio dell’uomo è venuto per dare la propria vita in riscatto per molti.


+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, si avvicinarono a Gesù Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedèo, dicendogli: «Maestro, vogliamo che tu faccia per noi quello che ti chiederemo». Egli disse loro: «Che cosa volete che io faccia per voi?». Gli risposero: «Concedici di sedere, nella tua gloria, uno alla tua destra e uno alla tua sinistra».
Gesù disse loro: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io bevo, o essere battezzati nel battesimo in cui io sono battezzato?». Gli risposero: «Lo possiamo». E Gesù disse loro: «Il calice che io bevo, anche voi lo berrete, e nel battesimo in cui io sono battezzato anche voi sarete battezzati. Ma sedere alla mia destra o alla mia sinistra non sta a me concederlo; è per coloro per i quali è stato preparato».
Gli altri dieci, avendo sentito, cominciarono a indignarsi con Giacomo e Giovanni. Allora Gesù li chiamò a sé e disse loro: «Voi sapete che coloro i quali sono considerati i governanti delle nazioni dominano su di esse e i loro capi le opprimono. Tra voi però non è così; ma chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti. Anche il Figlio dell’uomo infatti non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».

Parola del Signore.

Forma breve (Mc 10, 42-45):

Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù chiamò a sé i Dodici e disse loro:
«Voi sapete che coloro i quali sono considerati i governanti delle nazioni dominano su di esse e i loro capi le opprimono. Tra voi però non è così; ma chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti.
Anche il Figlio dell’uomo infatti non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Fratelli e sorelle, Gesù non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per tutti gli uomini. Preghiamo per aver la forza di seguire il suo esempio.
Preghiamo insieme e diciamo: Ascoltaci, o Signore.

1. Per coloro che nella Chiesa rivestono un incarico come membri del consiglio parrocchiale o catechisti e animatori, perché abbiano sempre presente l'esempio e le parole di Gesù, che ci stimola a vivere a servizio del nostro prossimo, preghiamo.
2. Per i cristiani che occupano un posto di potere, perché testimonino lo spirito di servizio e vivano il loro ruolo di autorità con uno stile evangelico, preghiamo.
3. Per coloro che cercano di essere primi, che lottano per avere un posto migliore nella società, perché Dio illumini il loro cuore e li allontani dal compiere soprusi e prepotenze nei confronti delle altre persone, preghiamo.
4. Per la nostra comunità cristiana, perché veda nei più poveri e nei più deboli Cristo umiliato, da amare e da servire nel volto dei fratelli, preghiamo.

Signore Gesù, tu che hai voluto essere il servo di tutti, e ancora oggi ti doni nell'Eucaristia per nutrire la nostra debolezza e trasformarla nella tua forza, rinnova i nostri cuori perché possiamo farci tutto a tutti e donare la nostra vita come hai fatto tu, che vivi e regni nei secoli dei secoli.

Preghiera sulle offerte
Donaci, o Padre,
di accostarci degnamente al tuo altare,
perché il mistero che ci unisce al tuo Figlio
sia per noi principio di vita nuova.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Gli occhi del Signore sono su quanti lo temono,
su quanti sperano nella sua grazia, per salvare la loro vita dalla morte,
per farli sopravvivere in tempo di fame. (Sal 33,18-19)

Oppure:
Il Figlio dell’uomo è venuto per dare la sua vita
in riscatto per tutti gli uomini. (Mc 10,45)


Preghiera dopo la comunione
O Signore, questa celebrazione eucaristica,
che ci ha fatto pregustare le realtà del cielo,
ci ottenga i tuoi benefici nella vita presente
e ci confermi nella speranza dei beni futuri.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 21-10-2018)
La Parola - Commento al Vangelo di Marco (Mc 10,35-45)
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 21-10-2018)
Commento su Marco 10,35-45
Due bei tipini, Giovanni e Giacomo! Senza dubbio, erano in gamba, forse tra i più in gamba del gruppo; ma sapevano di esserlo... In altre parole, anche i ?Boerghes', i (due) figli del tuono, erano caduti nella trappola del potere; il potere rende orgogliosi; e presuntuosi. Costoro ambivano a guada ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 21-10-2018)
La caccia all'ultimo posto
In questo Vangelo vediamo Gesù alle prese con Giacomo e Giovanni già battezzati ?figli del tuono? a suo tempo e rimasti tali anche in questo episodio. Infatti hanno la faccia tosta di dirGli:? Maestro noi vogliamo che tu ci faccia quello che ti chiederemo?. In altre parole ?sia fatta la nostra volon ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 21-10-2018)
Commento su Marco 10,35-45
Che cos'è il cristianesimo? Una strada per il potere, oppure una strada per servire? È questo il tema della Parola di Dio che si legge nella Messa di questa domenica. Partiamo da Isaia che, in un brano del quarto carme del Servo del Signore, profetizza la strada che sarà scelta dal Messia per sal ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 21-10-2018)
Videocommento su Mc 10,35-45
...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 21-10-2018)
Video Commento a: Mc 8,27-35
...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 18-10-2015)
Commento su Eb. 4, 16
«Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia per ricevere misericordia e trovare grazia, così da essere aiutati al momento opportuno." Eb. 4, 16 Come vivere questa Parola? Domenica scorsa la liturgia ci presentava Gesù e la sua perentoria affermazione: "Solo Dio è buono". Nelle su ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 18-10-2015)
Audio commento alla liturgia - Mc 10,35-45
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 18-10-2015)
Sono venuto per servire
Nel nostro tempo tutto basato sul successo e su un individualismo sfrenato, non si accetta la realtà del nostro essere creature: l'uomo in sé è davvero piccolo e misero, insufficiente, ed acquista bellezza e dignità solo se sa riconoscere la sua miseria e fa posto a Chi è grande e da Cui sgorga la v ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 18-10-2015)
Gesù è il grande mediatore fra Dio e l'uomo
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 18-10-2015)

I fratelli, figli di Zebedeo, nella loro semplicità assumono anche una certa simpatia. Quando entrano in Samaria davanti a quel modo di procedere dei samaritani che non accolgono il Maestro invitano Gesù stesso a far scendere il fuoco. Oggi escono allo scoperto e chiedono, quello che altri covavano ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 18-10-2015)
Chi è il più grande? Colui che ama di più!
Questa domanda è una di quelle domande così tanto presenti nella nostra vita da farci perdere la pace. A scuola bisogna essere dei numeri uno; nello sport o al lavoro occorre primeggiare per non essere sostituiti; in rete conta chi è più cliccato; in famiglia «Chi è il preferito di mamma?» e in Chi ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 18-10-2015)
Battezzati nel servizio
Vogliamo che tu faccia È estremamente giusto avere delle aspettative, sognare un futuro, avere delle ambizioni. Ognuno impegna le proprie energie per raggiungere obiettivi e traguardi. I figli di Zebedeo, invece, sembrano pretendere qualcosa dal Signore - vogliamo che tu faccia - hanno una richiest ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 18-10-2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Rocco Pezzimenti 1. C'è chi ha sostenuto che, dopo duemila anni, il Cristianesimo è stato compreso in modo ancora superficiale, pochi hanno recepito completamente la sua sostanza. Questo brano del Vangelo sembra avvalorare questa ipotesi. Giacomo e Giova ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 18-10-2015)

A scuola sento spesso le "prenotazioni" quando dobbiamo andare in gita con il pullman: "Sediamoci vicini!" oppure "Posso stare vicino a te?" o anche: "All'andata sto vicina a lei, poi al ritorno sto con te..." Il brano che abbiamo ascoltato parte proprio dalla scelta dei posti, dall'assegnazione di ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 18-10-2015)
#StradeDorate - Commento su Marco 10,35-45
...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 18-10-2015)
Non sapete quello che chiedete
Forse la reazione dei discepoli alla terza predizione della passione avrebbe stancato qualsiasi maestro provvisto di un certo buon senso. Ma Gesù è un maestro diverso, con un cuore e un senso spirituale diverso. Dopo la prima predizione ci fu un diverbio con Pietro cui viene chiesto di riposizionars ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 18-10-2015)
Commento su Marco 10,35-45
Gesù ha annunziato per la terza volta la sua passione, ma tra i discepoli si crea la convinzione che tra poco sarà riconosciuto Messia e Re e due di loro tentano di "assicurarsi un buon posto" accanto a Lui, tra il malcontento degli altri; tutti avevano sogni di gloria mondana, di carrierismo, di po ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 18-10-2015)
Come Gesù chi vuol essere grande sia servitore
Giovanni, non un apostolo qualunque ma il preferito, il più vicino, il più intuitivo, chiede per sé e per suo fratello i primi posti. E l'intero gruppo dei dieci immediatamente si ribella, unanime nella gelosia. È come se finora Gesù avesse parlato a vuoto: «Non sapete quello che chiedete!». Non sa ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 18-10-2015)
Gesù, sommo ed eterno sacerdote, inchiodato sulla croce per noi
Il testo del Vangelo di questa domenica ci immette nel clima del mistero della Passione di Cristo. Si tratta di un testo chiaro e che riporta parole ben precise pronunciate da Gesù alla presenza dei suoi discepoli che, nei loro discorsi, strada facendo, pensano a distribuirsi i posti più sicuri ed ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 18-10-2015)
Video commento su Mc 10,35-4
...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 18-10-2015)
Dalla parte dei poveri... con la testa!
Nel messaggio che Papa Francesco ha predisposto per questa 89ma Giornata Missionaria Mondiale, tra le altre cose leggiamo: "Ci poniamo l'interrogativo: Chi sono i destinatari privilegiati dell'annuncio evangelico? La risposta è chiara e la troviamo nel Vangelo stesso: i poveri, i piccoli e gli infer ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 18-10-2015)
Video commento a Mc 10, 35-45
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 18-10-2015)
Video commento a Mc 10, 35-45
...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 18-10-2015)
Video commento a Mc 10, 35-45
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 18-10-2015)
Questa è la strada per diventare grandi
La logica del vangelo che Gesù è venuto ad annunciare non coincide, anzi spesso sembra agli antipodi di quella terrena, quasi istintiva negli uomini. I vangeli di queste domeniche ne offrono una chiara dimostrazione: dopo le dinamiche dell'amore e l'uso dei beni materiali, ecco oggi la "rivoluzione" ...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 18-10-2015)
Prediche senza Pulpito - Commento al Vangelo
...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 18-10-2015)
Video commento su Marco 10,35-45
...
(continua)
Michele Antonio Corona     (Omelia del 18-10-2015)

Riservato! Questo è il biglietto più frequente che si trova su un determinato banco o scranno durante una importante cerimonia. Quando si organizza un evento a cui dare rilievo si prova sempre ad invitarvi personaggi illustri che possano essere la cartina tornasole della serata. Avere un personaggio ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 18-10-2015)
La Parola - commento a Mc 10,35-45
Commento di don Piero Melotto, già missionario in Thailandia e da ottobre nuovo parroco di san Giuseppe al Mercato Nuovo, Vicenza. Registrato nella chiesa parrocchiale di san Floriano, Zimella ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 18-10-2015)
Sulla Tua Parola - Mc 10, 42-45
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 18-10-2015)
Comandare significa servire
La "destra" nell'Antico Testamento è una posizione privilegiata. Per quanto riguarda Dio e la sua onnipotenza, viene citata la (mano) destra con cui Dio opera portenti e meraviglie specialmente debellando gli avversari (Es 15,6). Alla "destra" del Signore risplende la Regina (Salmo 44). E soprattutt ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 18-10-2015)
Commento su Marco 10,35-45
"Concedici di sedere, nella tua gloria, uno alla tua destra e uno alla tua sinistra": Ma che razza di domanda è questa? Quasi che il Paradiso fosse un luogo, sul quale si può ragionare in termini di sopra-sotto, vicino-lontano, destra-sinistra... In Paradiso non ci sono prime file e posti in piedi ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 18-10-2015)
Che cosa volete che io faccia per voi?
Ogni uomo chiede a Dio dalla più alta o più bassa stoltezza, ma anche dalla più profonda e superficiale sapienza che avvolge il suo cuore. Cristo Gesù deve rispondere sempre dalla divina ed eterna sapienza, frutto in Lui di una interrotta e divina comunione con lo Spirito Santo. La nostra stoltezza ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 18-10-2015)
Ruminare i Salmi - Salmo 33,20 (XXIX domenica del tempo ordinario, anno B)
CEI L'anima nostra attende il Signore: egli è nostro aiuto e nostro scudo. TILC Noi speriamo nel Signore: è lui che ci aiuta e ci protegge. Ebrei 4,15-16 Non abbiamo un sommo sacerdote che non sappia prendere parte alle nostre debolezze: egli stesso è stato messo alla prova in ogni cosa come n ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 18-10-2015)
Commento su Marco 10,35-45
Una di fronte all'altra: la logica di vita di Gesù e quella del mondo. Per la terza volta il Signore annuncia la sua Passione ai discepoli e questi ancora non capiscono, pensano ad altro. Più si fa conoscere nel profondo, più cresce attorno indifferenza e ostilità. Pietro lo aveva professato "Cristo ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 18-10-2015)
Commento su Marco 10,35-45
Oggi affrontiamo con le letture, uno degli insegnamenti fondamentali di Gesù, lui stesso l'ha vissuto e ne è diventato testimone. Ognuno vuole il meglio per sé e per i figli, ma in questo modo eliminiamo gli altri. Gesù è venuto a liberare l'uomo da questa spirale generatrice di violenza. La sua vi ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 18-10-2015)
Commento su Is 53,10-11; Sal 32; Eb 4,14-16; Mc 10,35-45
Le letture della odierna liturgia ci parlano di servizio. Di un servizio, a cui si arriva dopo aver ribaltato le nostre convinzioni e certezze umane, dopo aver intrapreso la strada del cambiamento: quella del servo sofferente di YHWH. Quanto abbiamo letto mette in opposizione le aspettative e i des ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 21-10-2012)
Commento su Marco 10,35-45
Gesù insegna agli apostoli litigiosi come essere Chiesa: il loro ruolo non è quello di comandare, ma di amare e servire, come lui, l'unico Maestro, ha saputo fare. Ho visto persone straordinarie, consapevoli dei propri limiti, consumare la propria vita nell'annuncio del Vangelo. Ma ho anche visto ( ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 21-10-2012)
Commento su Marco 10, 35-45
Collocazione del brano Il brano di Vangelo di questa domenica non segue immediatamente quello di domenica scorsa. Tra i due vi è Marco 10,32-24, nel quale è narrato il terzo annuncio della passione. In questi versetti Gesù sta andando verso Gerusalemme, seguito da un gruppo di discepoli sempre più ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 21-10-2012)
Audio commento su Mc 10,35-45
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 21-10-2012)
Commento su Ebrei 4,16
Accostiamoci con piena fiducia al trono della grazia per ricevere misericordia e trovare grazia, così da essere aiutati al momento opportuno Ebr 4,16 Come vivere questa Parola? Sulla strada per salire a Gerusalemme, racconta in queste domeniche l'evangelista Marco, ci sono dei momenti che lascian ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 21-10-2012)
Il Figlio dell'uomo infatti non è venuto per essere servito, ma per servire
Avete mai visto un politico, un re, un arcivescovo venire a casa vostra a preparavi il pranzo, pulire casa, portare i bambini a scuola, andare a farvi la spesa, eppure sono molto meno di Dio, ma Gesù ha pulito i piedi ai Suoi discepoli, asciugato lacrime, curato malati, dato da mangiare a migliaia d ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 21-10-2012)
I discepoli sulla bilancia: tutti sovrappeso
Della tristezza di quel giovane c'è ancora traccia sulla polvere della strada: le cose nuove del Regno non sono valse il rischio di lasciare il tutto che teneva in tasca. Eppure quel tale - divenuto tristemente celebre per essere rimasto senza nome dentro l'anagrafe dell'Evangelo - del Nazareno avev ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 21-10-2012)

Dalla Parola del giorno Accostiamoci con piena fiducia al trono della grazia per ricevere misericordia e trovare grazia, così da essere aiutati al momento opportuno (Eb 4,16) Come vivere questa Parola? Sulla strada per salire a Gerusalemme, racconta in queste domeniche l'evangelista Marco, ci s ...
(continua)
don Luigi Trapelli     (Omelia del 21-10-2012)
La gioia del donarsi
Essere cristiani è vivere servendo gli altri, senza aspirare ad alcuna carriera. Lo stile del cristiano è la logica della gratuità. Sia la prima lettura, sia il brano evangelico, evidenziano questi aspetti. Giacomo e Giovanni, figli di Zebedeo, pongono una domanda a Gesù. Vogliono già in partenza ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 21-10-2012)
Servi inutili
Non hanno capito molto, gli apostoli. La scena del giovane ricco si era chiusa con la pressante domanda dei Dodici, fatta da Pietro a nome di tutti: e noi che abbiamo lasciato tutto? Gesù li aveva rassicurati: lasciare tutto per il Regno significa trovare cose nuove. Fine, applauso. Poi, continu ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 21-10-2012)
Accostiamoci con piena fiducia al trono della grazia
...
(continua)
mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 21-10-2012)
Siamo capaci di umiltà?
Manteniamo ferma la professione della fede: perché al Signore è piaciuto prostrarlo con dolori; perché ha vissuto il suo intimo tormento; perché si è addossato le nostre iniquità; perché retta è la parola del Signore e fedele ogni sua opera; perché è passato attraverso i cieli; perché ci compatisce ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 21-10-2012)
Verso il basso per andare in alto
Clicca qui per la vignetta della settimana. Qualche giorno fa ho incontrato un ragazzo che mi ha raccontato di una esperienza molto forte che lo ha segnato: il cammino di Santiago. Lui si definisce credente ma non praticante, e dicendolo quasi si scusava con me, come se avesse vergogna di dirlo ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 21-10-2012)
Creati per essere serviti da Dio
Giovanni, il discepolo preferito, il più spiri­tuale, il mistico, chie­de di occupare il primo po­sto, lui e suo fratello. E gli al­tri dieci compagni imme­diatamente si ribellano, u­nanimi nella gelosia, pro­babilmente perché avreb­bero voluto chiederlo loro! Ed è come se finora Gesù a­vesse parlat ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 21-10-2012)

La vita è bella. Anche quando non è legata al successo o al potere! Il senso della vita è la vita stessa. Gesù non rimprovera tanto l'ambizione dei suoi, ma vuole regalare ai due fratelli (e a noi) il senso pieno che ha una vita donata, offerta, spesa. Questo è il segreto di una vita guidata dall'am ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 21-10-2012)
Commento su Marco 10,35-45
In questo vangelo vediamo che Giacomo e Giovanni si fanno avanti per chiedere i posti più importanti accanto a Gesù, quando entrerà nella sua gloria; pensando chiaramente ad una situazione gloriosa in questa vita. Mi sono domandato come osano avanzare questa richiesta, sapendo benissimo che gli altr ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 21-10-2012)
Una vera grandezza: servire!
La chiesa ha la missione di servire il mondo e noi siamo nella Chiesa a servizio gli uni degli altri. Solo così la Chiesa realizza la sua missione, solo così noi realizziamo la nostra vocazione cristiana. Nel vangelo viene riportato un tentativo malriuscito di assicurarsi un posto di potere nel mon ...
(continua)
don Luca Orlando Russo     (Omelia del 21-10-2012)
Chi vuol essere il primo tra voi...
È proprio una malattia quella dell'uomo, che tenta, con tutte le strategie possibili e immaginabili, di esorcizzare la paura di "perdere". Da questa malattia non sono immuni i discepoli che, come in altre occasioni, pur di dimenticare i discorsi che Gesù fa sulla prossima disfatta, con una certa ins ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 21-10-2012)
Il cristiano vero ama il servizio, non il potere
Mi sono chiesto tante volte cosa spinga tanti uomini e donne a farsi avanti per essere sulle prime pagine dei giornali, delle riviste o della cronaca in genere, e non solo nel campo della politica o dell'economia o dello spettacolo, ma a volte in quello della violenza o della malavita organizzata. ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 21-10-2012)
Liberi di vivere
Prima di questo vangelo c'è il terzo annuncio della passione. Già altre due volte Gesù aveva annunciato la sua passione e morte e in entrambe gli apostoli non avevano capito niente. Così Gesù per la terza volta deve ridire la cosa: "Guardate che rischio; guardate che non è come voi pensate; guardate ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 21-10-2012)
La logica dell'offerta
Oggi la fonte eterna della Parola invita l'uomo ad accostarsi fiducioso al Signore "per ricevere misericordia e grazia" (Eb 4,16), vale a dire, il dono di discernere in ogni attimo dell'esistenza la volontà di Dio. Certamente non è semplice riconoscere i segni del Padre nelle fatiche quotidiane, né ...
(continua)
Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 21-10-2012)
Potete bere il calice che io bevo?
Il brano odierno si colloca subito dopo il terzo annunzio della Passione da parte di Gesù. Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedeo, che al momento della chiamata Gesù aveva soprannominati "Boanérghes", cioè "figli del tuono" (cfr.Mc.3,17) per il loro carattere passionale e il forte zelo religioso, mo ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 21-10-2012)
Video commento a Mc 10, 35-45
...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 21-10-2012)
Chi vuole essere il primo tra voi sarà lo schiavo di tutti
Questa 29a domenica dell'anno ordinario ci propone un brano del Vangelo di Marco (Mc 10,35-45) decisamente incentrato sul servizio e quindi sulla spiegazione del significato che per il cristiano assume l'esercizio del potere, lungi dall'essere espressione di prestigio e di sopraffazione. A Giacomo e ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 21-10-2012)
Amore e potere
Voi non sapete quello che chiedete Il potere ha mille facce e si insinua nell'uomo e tra gli uomini in forme diverse: dall'amicizia alla concorrenza. Sembra che sia proprio questa una delle molle del progresso sociale, per la competizione che crea. Se questo è vero nella società umana, al contrario ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 21-10-2012)
Ho creduto e perciò ho parlato
Quando si dice il malinteso. Duri a capire che Gesù era venuto per ben altro, gli apostoli si aspettavano da lui la fondazione di un regno terreno, e si preoccupavano di assicurarvisi i posti di comando. Un giorno, narra il vangelo di oggi (Marco 10,35-45), due di loro - i figli di Zebedeo, Giacomo ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 21-10-2012)
Video Commento a Mc 10,35-45
You need to install or upgrade Flash Player to view this content, install or upgrade by clicking here. ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 21-10-2012)
Video commento a Mc 10, 35-45
...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 21-10-2012)
Credo a un Dio servo dell'uomo, perciò parlo di lui con la mia vita
Il nostro cammino domenicale alla scoperta della persona di Cristo, così come Marco ce lo presenta, continua e si rafforza oggi grazie anche allo stimolo che ci viene dalla Celebrazione dell'86ª Giornata Missionaria Mondiale, che quest'anno ha come tema "Ho creduto, perciò ho parlato". È proprio la ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 21-10-2012)
Video commento a Mc 10,35-45
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 21-10-2012)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di don Gianni Caliandro * Oggi la parola di Dio contenuta nelle pagine bibliche che ascoltiamo ci costringe a superare l'idea che spesso può nascere nella nostra coscienza di un Dio "ragioniere". Quando sentiamo l'espressione: "quando offrirà se stesso in sacrifici ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 21-10-2012)

Chiudete gli occhi, ragazzi, e pensate ad un regno. Come ve lo immaginate? Certamente bello, ricco, con un bel castello e tante stanze luminose, con giardini, piscine, campi da gioco, saloni per le feste, e poi ... poi la sala del trono dove il re siede per ricevere i dignitari, le persone di alto ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 21-10-2012)
Il vero signore? Colui che sa servire
Secondo la versione di Matteo (20, 20 - 28) ad avanzare la richiesta è la madre dei due discepoli, nel racconto marciano essa viene rivolta invece dagli stessi Giacomo e Giovanni. Nell'uno e nell'altro caso, si tratta di una petizione azzardata e a dir poco inverosimile, considerato che essa viene r ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 21-10-2012)
Chi vuol essere grande tra voi si farà vostro servitore
Quante volte vi sarà capitato di andare incontro a qualcosa a voi non gradito, verso un piccolo supplizio, per amore di qualcuno. Dal piccolo esempio banale di andare in ferie in posti che non ci piacciono pur di far contenti i nostri figli o la persona che si ama, finanche a visitare un malato ogni ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 21-10-2012)
Video commento a Mc 10, 35-45
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 21-10-2012)
Commento su Isaia 53,10-11; Salmo 32; Ebrei 4,14 - 16; Marco 10,35-45
Domenica scorsa la liturgia ci ha fatto meditare sul nostro attaccamento alle ricchezze e anche solo alle cose terrene che ci allontanano dal mettere al centro della nostra vita il Cristo. Nella prima lettura il profeta Isaia ci ricorda un oracolo profetico particolarmente suggestivo, letto dalla t ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 21-10-2012)
Voi non sapete quello che chiedete
Il Salmo con estrema chiarezza afferma che nessun uomo potrà mai riscattare se stesso. Il prezzo del riscatto è così alto, infinito, che nessuno mai si potrà redimere da sé. Nessun uomo potrà pagare per sé, nessuno potrà pagare per gli altri. Solo Dio potrà redimere l'uomo. Solo l'uomo però dovrà re ...
(continua)