LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 13 Gennaio 2018 <

Giovedì 11 Gennaio 2018

Venerdì 12 Gennaio 2018

Sabato 13 Gennaio 2018

Domenica 14 Gennaio 2018

Lunedì 15 Gennaio 2018

Martedì 16 Gennaio 2018

Mercoledì 17 Gennaio 2018

Giovedì 18 Gennaio 2018

Venerdì 19 Gennaio 2018

Sabato 20 Gennaio 2018


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Sabato della I settimana del Tempo Ordinario (Anno pari)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Verde
PO016 ;
È il Vangelo della misericordia. In Dio, giustizia e misericordia sono inseparabili. Lo vediamo per esempio quando Gesù, rivolgendosi ai farisei (a quelli, cioè, che si credevano persone superiori e, anzi, perfette), dice loro: “I pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio”. Così il Signore dice a un pubblicano (Levi) di venire a unirsi agli altri apostoli che erano già con lui. Cristo non si riserva alle persone colte, agli scribi, a chi rispetta le leggi con scrupolo. Dice questa frase che deve farci scoppiare di gioia e di speranza: “Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati; non sono venuto per chiamare i giusti, ma i peccatori”. Noi tutti siamo feriti e malati. Signore, fa’ che non siamo mai sdegnati nei confronti degli altri. Fa’ che, in mezzo a tutta questa umanità talmente ferita, noi siamo testimoni del tuo Spirito e che portiamo la tua Buona Novella, non a parole, ma con i fatti.
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Vidi il Signore su di un trono altissimo:
lo adorava una schiera di angeli e cantavano insieme:
“Ecco colui che regna per sempre”.


Colletta
Ispira nella tua paterna bontà, o Signore,
i pensieri e i propositi del tuo popolo in preghiera,
perché veda ciò che deve fare
e abbia la forza di compiere ciò che ha veduto.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

1Sam 9,1-4.10.17-19; 10,1
Ecco l’uomo di cui il Signore ha detto: costui reggerà il mio popolo.

Dal primo libro di Samuèle

C’era un uomo della tribù di Beniamino, chiamato Kis, figlio di Abièl, figlio di Seror, figlio di Becoràt, figlio di Afìach, un Beniaminita, uomo di valore. Costui aveva un figlio chiamato Saul, prestante e bello: non c’era nessuno più bello di lui tra gli Israeliti; superava dalla spalla in su chiunque altro del popolo.
Ora le asine di Kis, padre di Saul, si smarrirono, e Kis disse al figlio Saul: «Su, prendi con te uno dei domestici e parti subito in cerca delle asine».
Attraversarono le montagne di Èfraim, passarono al territorio di Salisà, ma non le trovarono. Si recarono allora nel territorio di Saalìm, ma non c’erano; poi percorsero il territorio di Beniamino e non le trovarono.
Quando Samuèle vide Saul, il Signore gli confermò: «Ecco l’uomo di cui ti ho parlato: costui reggerà il mio popolo».
Saul si accostò a Samuèle in mezzo alla porta e gli chiese: «Indicami per favore la casa del veggente». Samuèle rispose a Saul: «Sono io il veggente. Precedimi su, all’altura. Oggi voi due mangerete con me. Ti congederò domani mattina e ti darò indicazioni su tutto ciò che hai in mente.
Di buon mattino, al sorgere dell’aurora, Samuèle prese l’ampolla dell’olio e la versò sulla testa di Saul.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 20

Signore, il re gioisce della tua potenza!

Signore, il re gioisce della tua potenza!
Quanto esulta per la tua vittoria!
Hai esaudito il desiderio del suo cuore,
non hai respinto la richiesta delle sue labbra.

Gli vieni incontro con larghe benedizioni,
gli poni sul capo una corona di oro puro.
Vita ti ha chiesto, a lui l’hai concessa,
lunghi giorni in eterno, per sempre.

Grande è la sua gloria per la tua vittoria,
lo ricopri di maestà e di onore,
poiché gli accordi benedizioni per sempre,
lo inondi di gioia dinanzi al tuo volto.

Canto al Vangelo (Lc 4,18)
Alleluia, alleluia.
Il Signore mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,
a proclamare ai prigionieri la liberazione.
Alleluia.

>

Vangelo

Mc 2,13-17
Non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori.


+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù uscì di nuovo lungo il mare; tutta la folla veniva a lui ed egli insegnava loro. Passando, vide Levi, il figlio di Alfeo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì.
Mentre stava a tavola in casa di lui, anche molti pubblicani e peccatori erano a tavola con Gesù e i suoi discepoli; erano molti infatti quelli che lo seguivano. Allora gli scribi dei farisei, vedendolo mangiare con i peccatori e i pubblicani, dicevano ai suoi discepoli: «Perché mangia e beve insieme ai pubblicani e ai peccatori?».
Udito questo, Gesù disse loro: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati; io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Con una preghiera concorde ringraziamo il Padre celeste per averci donato Cristo e lo Spirito, e per ogni dono della sua misericordia che ricordiamo in questa eucaristia. Ripetiamo insieme:
Salvaci, o Signore.

Per Gesù, venuto a chiamare non i giusti, ma i peccatori. Noi ti preghiamo:
Per Gesù che anche oggi si dona come cibo a noi peccatori. Noi ti preghiamo:
Per Gesù, parola divina che penetra fino in fondo all'anima per la sua conversione. Noi ti preghiamo:
Per Gesù che chiama continuamente gli uomini alla sua sequela. Noi ti preghiamo:
Per lo Spirito Santo che ci guida alla verità intera di Gesù. Noi ti preghiamo:
Per lo Spirito Santo, fuoco che purifica e forza di risurrezione. Noi ti preghiamo:
Per lo Spirito Santo che rinnova il cuore dell'uomo. Noi ti preghiamo:
Per la Vergine Maria, segno gioioso dell'umanità liberata dal male. Noi ti preghiamo:

Padre di bontà, che inviti tutti gli uomini al banchetto preparato da Gesù tuo Figlio, ascolta la preghiera di noi peccatori che gioiamo per la salvezza ricevuta e donaci la forza di amarti sempre, nonostante la nostra fragilità. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
Accogli, Signore, l’offerta che ti presentiamo,
esaudisci la nostra fiduciosa preghiera
e santifica tutta la nostra vita.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Presso di te, Signore, è la sorgente della vita,
nella tua luce noi vedremo la luce. (Sal 36,10)

Oppure:
“Io sono venuto perché abbiano la vita,
e l’abbiano in abbondanza”, dice il Signore. (Gv 10,10)


Preghiera dopo la comunione
Dio onnipotente, che ci hai nutriti alla tua mensa,
donaci di esprimere in un fedele servizio
la forza rinnovatrice di questi santi misteri.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 13-01-2018)
Ed egli si alzò e lo seguì
Gesù passa. Vede Levi, il figlio di Alfeo, seduto al banco delle imposte e lo chiama non con un lungo dialogo di persuasione, con una rivelazione alta e profonda, ma con una sola parola: ?Seguimi?. Levi lascia subito il banco delle imposte e lo segue. Come la Parola del Padre chiama all'esistenza le ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 13-01-2018)
Commento su Mc 2,13-17
«Uscì di nuovo lungo il mare; tutta la folla veniva a lui ed egli insegnava loro. Passando, vide Levi, il figlio di Alfeo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì. Mentre stava a tavola in casa di lui, anche molti pubblicani e peccatori erano a tavola con Ge ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 14-01-2017)
Commento su Mc 2,17
«Non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori» Mc 2,17 Come vivere questa Parola? Gesù si manifesta veramente come il salvatore: è e venuto per chiamare e guarire i peccatori: vede Levi, figlio di Alfeo, seduto al banco delle imposte e lo chiama; subito Levi risponde alla chiamata, abbando ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 14-01-2017)
Cercare Dio per davvero, e nulla mai anteporre all'amore di Cristo!
Il cuore dei santi è fisso in Gesù, l'obbedienza alla Parola di Dio ci porta infallibilmente a Lui, "che si è fatto povero e obbediente fino ala morte e alla morte di Croce, ma è per questo che Dio lo ha esaltato e gli ha dato un Nome sopra ogni altro nome", come scrive San Paolo. L'umiltà ci porta ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 14-01-2017)
Vedendolo mangiare con i peccatori e i pubblicani
San Paolo insegna che la scienza gonfia, mentre la carità edifica. Questo è un principio di ordine generale. Lui ha deciso di non compiere nessuna azione che in qualche modo potesse causare un danno alla fede dei piccoli. Riguardo alle carni sacrificate agli idoli, so che tutti ne abbiamo conoscenz ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 16-01-2016)
Passando, vide Levi, il figlio di Alfeo
Sono certo che San Paolo abbia scoperto il segreto di Cristo Gesù e da questo segreto sempre lui parla, ammonisce, insegna, ammaestra, rimprovera, esorta, illumina il mondo con la più pura verità. Leggiamo un brano della Prima Lettera ai Corinzi e comprenderemo. È in esso che è racchiuso tutto il su ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 16-01-2016)
Commento su Mc 2, 14-17
«Gesù, passando, vide Levi, il figlio di Alfeo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: "Seguimi". Ed egli si alzò e lo seguì. Mentre stava a tavola in casa di lui, anche molti pubblicani e peccatori erano a tavola con Gesù e i suoi discepoli; erano molti infatti quelli che lo seguivano. Allora ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 17-01-2015)

Perché quest'uomo mangia con i peccatori? La seconda domanda dell'inizio del vangelo di Marco è posta dai farisei, scandalizzati dal fatto che Gesù, senza porsi alcun problema, cena e festeggia col pubblicano Levi, peccatore accanito e conosciuto, esattore delle tasse per conto dei romani. Non sanno ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 17-01-2015)
Tutta la folla veniva a lui ed egli insegnava loro
Nessuno si meraviglia o si scandalizza se vede un medico in un reparto di ospedale oppure curvo vicino al letto di un ammalato mente gli fascia le ferite. Così dicasi di un professore fra i banchi di una scuola o il grande luminare seduto alla cattedra della sua prestigiosa Università. Perché allora ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 18-01-2014)

Cafarnao è una città posta sul confine. Un piccolo borgo di pescatori che ottiene visibilità dopo la divisione del Regno da parte dei figli di Erode. E dove c'è confine c'è passaggio e pedaggio. Così Matteo, odiato esattore delle tasse, pensa di avere risolto i suoi problemi economici appoggiato, pe ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 18-01-2014)
Io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori
Il Nuovo Testamento è invito alla conversione, a lasciare i pensieri vecchi, le dottrine vecchie, le strutture vecchie, le modalità vecchie, usi e costumi vecchi, le tradizioni vecchie. L'Antico Testamento spesso si apre a visioni stupende di Dio, rimane tuttavia ancora in esso qualcosa di vecchio c ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 18-01-2014)
Commento su Marco 2, 16-17
«Perché mangia e beve insieme ai pubblicani e ai peccatori?». Udito questo, Gesù disse loro: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati; io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori». Mc 2, 16-17 Come vivere questa Parola? Stando al racconto di Marco, Gesù, dopo il suo ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 19-01-2013)
Commento su Mc 2,13-17
La guarigione del paralitico come manifestazione del perdono dei suoi peccati ha turbato gli animi dei benpensanti. Ma non è finita, il meglio deve ancora venire. La religione ebraica divideva il mondo in due parti distinte, poneva dei confini invalicabili: ciò che appartiene a Dio, che è puro, e ci ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 19-01-2013)
Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati
Un giorno ci alziamo la mattina e vediamo i nostri giorni passati con gioie e dolori, fatiche e momenti di svago e nel contempo ammiriamo il nostro presente dichiarandoci soddisfatti per aver costruito qualcosa di importante nella nostra vita: un marito o una moglie, uno o più figli, una casa, un po ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 19-01-2013)
Commento su Ebrei 4,15
Non abbiamo un Sommo Sacerdote che non sappia prendere parte alle nostre debolezze: egli stesso è stato messo alla prova in ogni cosa come noi, escluso il peccato Eb 4,15 Come vivere questa Parola? La grandezza della realtà umana è pur sempre segnata dal limite creaturale e quindi dalla fallib ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 19-01-2013)
Perché mangia e beve insieme ai pubblicani e ai peccatori?
Questi scribi scrutano, leggono, interpretano la Scrittura, ma essa rimane per loro più che bronzo, ferro, acciaio, granito, materiale durissimo. Non riescono a possedere il suo spirito. Leggono, ma neanche secondo la lettera riescono a conoscerla. Essi oggi accusano Cristo di stare dalla parte dei ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 14-01-2012)
Commento su Marco 2,13-17
Il vangelo di Marco mette in crisi i pregiudizi religiosi di ieri e di oggi: Gesù guarisce un indemoniato in sinagoga (!), guarisce la comunità perché si metta a servizio del Regno, amministra il perdono e, oggi, scandalizza i benpensanti (categoria sempre molto diffusa) prendendo con sé un pubblica ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 14-01-2012)
Commento Primo Samuele 9,17
Ecco l'uomo di cui ti ho parlato: costui reggerà il mio popolo. Sam 9,17 Come vivere questa Parola? Dio accoglie la richiesta di Israele di avere un re e lui stesso ne designa la persona scegliendola tra la più piccola delle tribù. Non si tratta, infatti, del riconoscimento di un prestigio pers ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 14-01-2012)
Io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori
Quanta differenza vi è tra lo stile di Gesù e il nostro. Noi per insegnare abbiamo bisogno di una cattedra, una sala spaziosa, un pulpito, un ambone, degli eccellenti microfoni. Abbiamo gli strumenti e ne creiamo sempre di più potenti e all'avanguardia. Ma poi quando parliamo, insegniamo precetti ch ...
(continua)