LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 18 Novembre 2017 <

Giovedì 16 Novembre 2017

Venerdì 17 Novembre 2017

Sabato 18 Novembre 2017

Domenica 19 Novembre 2017

Lunedì 20 Novembre 2017

Martedì 21 Novembre 2017

Mercoledì 22 Novembre 2017

Giovedì 23 Novembre 2017

Venerdì 24 Novembre 2017

Sabato 25 Novembre 2017


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Sabato della XXXII settimana del Tempo Ordinario (Anno dispari)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Verde
DO326 ;
In questi giorni leggiamo nella liturgia della parola il Libro della Sapienza; Maria, che invochiamo come sede della Sapienza, ne è l'espressione perfetta. Anche lei si vanta in mezzo al popolo: "Tutte le generazioni mi chiameranno beata"; anche lei si umilia: "Guardò l'umiltà della sua serva". Sono pochissime le parole della Madonna che i Vangeli hanno conservato, ma da lei ci viene un insegnamento che tutti li sintetizza: "Fate quello che (Gesù) vi dirà". E a Cana l'acqua fu trasformata in vino di nozze. Ecco la regola essenziale della vita cristiana: "Fate quello che Gesù vi dirà".
I nostri giorni possono essere insignificanti, semplici, monotoni: "acqua" che scorre via e non lascia traccia. Ma possono diventare "Vino di nozze" se vissuti nella docilità alla volontà di Dio, camminando nel suo amore.
Possiamo pensare che Maria ci dica un'altra parola, facendo suo l'invito di Gesù: "Rimanete nell'amore". Rimanete nell'amore come ho fatto io: allora tutte le vostre azioni, anche le più insignificanti e banali si trasformeranno in vino nuziale.
Stiamo vicino alla nostra madre e maestra, perché la pura luce della sua sapienza possa illuminarci: vedremo allora gli "stupendi prodigi" che il Signore continua a compiere in mezzo a noi come per il popolo eletto. Vedremo anche i prodigi che egli opera in noi, se davvero siamo obbedienti alla voce materna di Maria: "Fate quello che vi dirà". E come lei potremo innalzare canti di gioia per la sua grande misericordia.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
La mia preghiera giunga fino a te;
tendi, o Signore, l’orecchio alla mia preghiera. (Sal 88,3)


Colletta
Dio grande e misericordioso,
allontana ogni ostacolo nel nostro cammino verso di te,
perché, nella serenità del corpo e dello spirito,
possiamo dedicarci liberamente al tuo servizio.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Sap 18,14-16;19,6-9
Il Mar Rosso divenne una strada senza ostacoli e saltellarono come agnelli esultanti.

Dal libro della Sapienza

Mentre un profondo silenzio avvolgeva tutte le cose,
e la notte era a metà del suo rapido corso,
la tua parola onnipotente dal cielo, dal tuo trono regale,
guerriero implacabile, si lanciò in mezzo a quella terra di sterminio,
portando, come spada affilata, il tuo decreto irrevocabile
e, fermatasi, riempì tutto di morte;
toccava il cielo e aveva i piedi sulla terra.
Tutto il creato fu modellato di nuovo
nella propria natura come prima,
obbedendo ai tuoi comandi,
perché i tuoi figli fossero preservati sani e salvi.
Si vide la nube coprire d’ombra l’accampamento,
terra asciutta emergere dove prima c’era acqua:
il Mar Rosso divenne una strada senza ostacoli
e flutti violenti una pianura piena d’erba;
coloro che la tua mano proteggeva
passarono con tutto il popolo,
contemplando meravigliosi prodigi.
Furono condotti al pascolo come cavalli
e saltellarono come agnelli esultanti,
celebrando te, Signore, che li avevi liberati.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 104

Ricordate le meraviglie che il Signore ha compiuto.

A lui cantate, a lui inneggiate,
meditate tutte le sue meraviglie.
Gloriatevi del suo santo nome:
gioisca il cuore di chi cerca il Signore.

Colpì ogni primogenito nella loro terra,
la primizia di ogni loro vigore.
Allora li fece uscire con argento e oro;
nelle tribù nessuno vacillava.

Così si è ricordato della sua parola santa,
data ad Abramo suo servo.
Ha fatto uscire il suo popolo con esultanza,
i suoi eletti con canti di gioia.

Canto al Vangelo (2Ts 2,14)
Alleluia, alleluia.
Dio ci ha chiamati mediante il Vangelo,
per entrare in possesso della gloria
del Signore nostro Gesù Cristo.
Alleluia.

>

Vangelo

Lc 18,1-8
Dio farà giustizia ai suoi eletti che gridano verso di lui.


+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù diceva ai suoi discepoli una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai:
«In una città viveva un giudice, che non temeva Dio né aveva riguardo per alcuno. In quella città c’era anche una vedova, che andava da lui e gli diceva: “Fammi giustizia contro il mio avversario”.
Per un po’ di tempo egli non volle; ma poi disse tra sé: “Anche se non temo Dio e non ho riguardo per alcuno, dato che questa vedova mi dà tanto fastidio, le farò giustizia perché non venga continuamente a importunarmi”».
E il Signore soggiunse: «Ascoltate ciò che dice il giudice disonesto. E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà forse aspettare a lungo? Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Dio ci ha dato il dono della fede che portiamo in vasi di creta. Chiediamo al Signore di conservare integra la nostra fiducia in lui. Diciamo insieme:
In te crediamo: ascoltaci, o Signore.

Per i battezzati: sappiano custodire e maturare la loro fede, la diffondano nel loro ambiente, la difendano e la onorino con il loro esempio. Preghiamo:
Per quanti credono nell'unico Dio: siano gli uomini di preghiera, puri di cuore, operatori di pace. Preghiamo:
Per chi non crede: lo stile della nostra vita l'aiuti ad aprire gli occhi al volto del Padre. Preghiamo:
Per i cristiani che vivono tra i musulmani: sappiano essere presenza umile e dolce di Cristo in seno all'Islam. Preghiamo:
Per la nostra comunità: voglia trasmettere con intelligenza e convinzione la fede che ha ricevuto. Preghiamo:
Per i ragazzi dei corsi di catechismo.
Per chi crede ancora, ma non pratica più.

Signore del cielo e della terra, domandi che ti cerchiamo con tutta la mente, che ci affidiamo a te con tutto il cuore. Accoglici nelle tue braccia, dove ti chiediamo di tenerci stretti quando ci vedi dubbiosi e frastornati. In Cristo Gesù nostro Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
Volgi il tuo sguardo, o Padre,
alle offerte della tua Chiesa,
e fa’ che partecipiamo con fede
alla passione gloriosa del tuo Figlio,
che ora celebriamo nel mistero.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Il Signore è mio pastore, non manco di nulla;
in pascoli di erbe fresche mi fa riposare,
ad acque tranquille mi conduce. (Sal 23,1-2)

Oppure:
I discepoli riconobbero Gesù, il Signore,
nello spezzare il pane. (Lc 24,35)


Preghiera dopo la comunione
Ti ringraziamo dei tuoi doni, o Padre;
la forza dello Spirito Santo,
che ci hai comunicato in questi sacramenti,
rimanga in noi e trasformi tutta la nostra vita.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 18-11-2017)
Fammi giustizia contro il mio avversario
Il Libro della Genesi ci rivela che la preghiera è vero combattimento dell'uomo con Dio. Il Signore si lascia vincere dall'uomo che prega. Si prega però dal compimento della volontà di Dio per il compimento pieno di essa. Si prega dalla Parola per la Parola. Giacobbe ha ricevuto l'ordine di tornare ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 18-11-2017)
Commento su Sap 19, 6
?Tutto il creato fu modellato di nuovo nella propria natura come prima, obbedendo ai tuoi comandi, perché i tuoi figli fossero preservati sani e salvi.? Sap 19, 6 Come vivere questa Parola? Un tocco apocalittico anche negli ultimi capitoli della Sapienza ci permettono di riprendere il passato pe ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 12-11-2016)
Perché non venga continuamente a importunarmi
L'Apostolo Giacomo ci insegna che la preghiera è la via attraverso la quale tutto il cielo si riversa sulla terra. Nulla è impossibile a colui che prega. Ma di che preghiera si tratta? Della preghiera elevata con fervore dal giusto. Preghiera, giustizia, fervore! Chi tra voi è nel dolore, preghi; c ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 12-11-2016)
Commento su Lc 18, 7-8
«E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà forse aspettare a lungo? Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell'uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?». Lc 18, 7-8 Come vivere questa Parola? Oggi Gesù ci regala ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 14-11-2015)
Commento su Lc 18,1
"Diceva loro una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai". Lc 18,1 Come vivere questa Parola? La parabola che Gesù narra perché i discepoli si imprimano bene nella mente l'imprescindibile necessità di pregare sempre senza cedimenti e stanchezze è un ponte saldo e luminoso ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 15-11-2014)
Commento su Lc 18,1-2; 7-8
«In quel tempo, Gesù diceva ai suoi discepoli una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai. In una città viveva un giudice che non temeva Dio né aveva riguardo per alcuno. [...] E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà for ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15-11-2014)
In quella città c'era anche una vedova
L'insistenza, che diviene richiesta senza sosta, piega ogni cuore, indebolisce ogni volontà, oscura ogni mente. Alla fine avviene come una resa. Se una persona non possiede la fortezza dello Spirito Santo, invocata da Lui con altrettanta insistenza, mai potrà resistere. Facilmente cadrà. La storia d ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 16-11-2013)
Commento su Lc 18,1-8
Il Signore troverà ancora la fede quando tornerà sulla terra? Non dice: troverà le parrocchie, i dicasteri e la curia romana, la cultura cattolica, le chiese, i campanili... Troverà la fede? Il dramma del nostro tempo, l'opera urgente di conversione che siamo chiamati a compiere è il recupero della ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 16-11-2013)
Ascoltate ciò che dice il giudice disonesto
La preghiera è lotta con Dio, vero combattimento con il cielo. Ogni lotta finisce con un vincitore e un perdente. Uno si deve arrendere. La preghiera è vera quando porta alla resa di Dio con l'esaudimento di ogni nostra richiesta. Dio è già disposto ad arrendersi al suo amore per noi. L'uomo invece ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 16-11-2013)
Commento su Luca 18,6-8
«Ascoltate - dice il Signore - ciò che dice il giudice disonesto. E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà forse aspettare a lungo? Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell'uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 17-11-2012)
Commento su Luca 18,1-8
Il problema non è Dio, giudice giusto, ma siamo noi. La preghiera è composta di molti aspetti, ha molti modi di esprimersi, lo sappiamo bene. Preghiera di lode, di ringraziamento, di intercessione... ma anche preghiera di domanda. Quest'ultima, anzi, è diventata predominante, le persone, normalmente ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 17-11-2012)

Nella vita non c'è mai nulla di facile o di scontato. Tutto lo si deve guadagnare giorno per giorno con pazienza e tanta costanza. Corteggiare una ragazza e poi conquistare il suo cuore non è cosa che avviene una volta e poi tutto è dato per scontato. Ogni giorno una carezza, un fiore, un sorriso, u ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 17-11-2012)
Io vi dico che farà loro giustizia prontamente
Il giudice esiste per lodare il Signore, benedirlo, rivelare agli uomini la saggezza di Dio che ha disposto ogni cosa secondo verità perfetta. Come loda e benedice il Signore? Temendolo e operando giustizia secondo verità, frutto in Lui della sapienza e intelligenza dello Spirito Santo. Se lo Spirit ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 17-11-2012)
Commento su Luca 18,1
In quel tempo, Gesù diceva ai suoi una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai. Lc 18,1 Come vivere questa parola? Il Vangelo di oggi suscita, forse, la domanda: Ma che cosa vuol dire ?pregare'? Pregare è il legame che ci unisce a Dio, il modo di relazionarci con Lui. Gesù ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 12-11-2011)
Commento su Sapienza 19,7
Si vide la nube coprire d'ombra l'accampamento, terra asciutta emergere dove prima c'era acqua: il Mar Rosso divenne una strada. Sap 19,7 Come vivere questa Parola? La parola della Sapienza, evocativa del passaggio del Mar Rosso, risuona oggi quanto mai aderente alla situazione in cui si dibatte ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 12-11-2011)
Pregare sempre
Ai nostri giorni due grandi difficoltà non ci consentono di entrare in un clima di preghiera assidua e costante: da una parte un certo tipo di progresso che ci ha convinti di essere quasi onnipotenti, pare che nulla e nessuno possa più arrestare il cammino verso sempre nuove e affascinanti conquiste ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 12-11-2011)
Io vi dico che farà loro giustizia prontamente
Gesù aveva già insegnato ai suoi discepoli una altissima verità sulla relazione che intercorre tra loro e il Padre celeste. Questi sempre dona in sovrappiù quanto serve all'uomo per la sua vita del corpo, dell'anima, dello spirito, purché essi cerchino il suo regno e la sua giustizia: "Cercate invec ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 13-11-2010)
Io vi dico che farà loro giustizia prontamente
Il Padre nostro celeste vuole che tutto discenda a noi dal suo trono di grazia e di misericordia per la nostra preghiera. Lui vuole che sempre gli manifestiamo il nostro cuore, i nostri desideri, la nostra fame e sete di giustizia e di verità, la nostra volontà di pace e di perdono, il nostro spirit ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 13-11-2010)
La preghiera di comunione
Pregare sempre senza stancarsi è visto come una inderogabile necessità per ogni credente. Possiamo pur dire, per ogni uomo. È insopprimibile in noi il desiderio del trascendente, del divino. È insito nella nostra natura il bisogno di scoprire la prima fonte del nostro esistere e nel contempo l'urgen ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 14-11-2009)

Il modo per accorgerci della venuta del Signore nella nostra vita è quello della preghiera quotidiana, pacata, interiore, meditata, se possibile che parta dalla Parola e alla Parola conduca. La preghiera ci è indispensabile per nutrire il nostro cuore, per lasciare che la vita sia illuminata dalla p ...
(continua)