LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 27 Maggio 2017 <

Giovedì 25 Maggio 2017

Venerdì 26 Maggio 2017

Sabato 27 Maggio 2017

Domenica 28 Maggio 2017

Lunedì 29 Maggio 2017

Martedì 30 Maggio 2017

Mercoledì 31 Maggio 2017

Giovedì 1 Giugno 2017

Venerdì 2 Giugno 2017

Sabato 3 Giugno 2017


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Sabato della VI settimana di Pasqua

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Bianco
EP066 ;
Gesù continua ad aprirsi con i suoi nei giorni che precedono la passione. Gli piace anticipare le realtà sublimi che otterrà per i suoi attraverso la sua ormai prossima morte e la sua risurrezione.
Cristo, Mediatore tra Dio e gli uomini, ha reso possibile che ci fosse una sola famiglia nel cielo e sulla terra, la famiglia dei figli di Dio. Il Padre eterno è nostro Padre, il suo regno, la sua casa e la vita divina del Cristo sono anche nostri. “Il Padre - posso dire con Gesù - mi ama”. È in questo nuovo ordine che la preghiera cristiana trova il suo posto. Noi prima non sapevamo chiedere, e non potevamo farlo. Non si tratta di pregare ma “di avere una relazione di amicizia con colui che, noi lo sappiamo, ci ama” (Teresa di Gesù, Vita 8). Noi, prima, non sapevamo domandare e non potevamo farlo. Ma, attualmente, dato che il Padre ci ama e desidera la nostra amicizia, possiamo essere sicuri di essere ascoltati, e di ricevere una grande gioia da quella amorosa comunicazione con lui, che è la preghiera. La nostra preghiera non è soltanto nostra, essa è anche e soprattutto quella di Cristo. Così terminano le preghiere della liturgia e così deve terminare la nostra: per Cristo nostro Signore.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Voi siete un popolo redento;
annunziate le grandi opere del Signore,
che vi ha chiamato dalle tenebre
alla sua ammirabile luce. Alleluia. (1Pt 2,9)


Colletta
O Dio, nostro Padre, disponi sempre
al bene i nostri cuori,
perché, nel continuo desiderio di elevarci a te,
possiamo vivere pienamente il mistero pasquale.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

Dove la solennità dell’Ascensione è celebrata il giovedì, si dice la colletta seguente:

O Padre, il tuo unico Figlio,
prima di salire al cielo,
promise ai suoi apostoli lo Spirito Santo:
tu che hai dato loro la multiforme ricchezza
della sapienza eterna,
concedi anche a noi di ricevere i doni del tuo Spirito.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

At 18,23-28
Apollo dimostrava attraverso le Scritture che Gesù è il Cristo.

Dagli Atti degli Apostoli

Trascorso ad Antiòchia un po’ di tempo, Paolo partì: percorreva di seguito la regione della Galàzia e la Frìgia, confermando tutti i discepoli.
Arrivò a Èfeso un Giudeo, di nome Apollo, nativo di Alessandria, uomo colto, esperto nelle Scritture. Questi era stato istruito nella via del Signore e, con animo ispirato, parlava e insegnava con accuratezza ciò che si riferiva a Gesù, sebbene conoscesse soltanto il battesimo di Giovanni.
Egli cominciò a parlare con franchezza nella sinagoga. Priscilla e Aquila lo ascoltarono, poi lo presero con sé e gli esposero con maggiore accuratezza la via di Dio.
Poiché egli desiderava passare in Acàia, i fratelli lo incoraggiarono e scrissero ai discepoli di fargli buona accoglienza. Giunto là, fu molto utile a quelli che, per opera della grazia, erano divenuti credenti. Confutava infatti vigorosamente i Giudei, dimostrando pubblicamente attraverso le Scritture che Gesù è il Cristo.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 46

Dio è re di tutta la terra.

Popoli tutti, battete le mani!
Acclamate Dio con grida di gioia,
perché terribile è il Signore, l’Altissimo,
grande re su tutta la terra.

Perché Dio è re di tutta la terra,
cantate inni con arte.
Dio regna sulle genti,
Dio siede sul suo trono santo.

I capi dei popoli si sono raccolti
come popolo del Dio di Abramo.
Sì, a Dio appartengono i poteri della terra:
egli è eccelso.

Canto al Vangelo (Gv 16,28)
Alleluia, alleluia.
Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo;
ora lascio il mondo e vado al Padre.
Alleluia.

>

Vangelo

Gv 16,23-28
Il Padre vi ama, perché voi avete amato me e avete creduto.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:
«In verità, in verità io vi dico: se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà. Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia piena.
Queste cose ve le ho dette in modo velato, ma viene l’ora in cui non vi parlerò più in modo velato e apertamente vi parlerò del Padre. In quel giorno chiederete nel mio nome e non vi dico che pregherò il Padre per voi: il Padre stesso infatti vi ama, perché voi avete amato me e avete creduto che io sono uscito da Dio.
Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo; ora lascio di nuovo il mondo e vado al Padre».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Gesù ci ha comandato di pregare il Padre nel suo nome. Con la fiducia nella potenza di questa intercessione, diciamo:
Ascoltaci, o Padre, nel nome del tuo Figlio.

- Per tutti i laici chiamati per la vocazione battesimale ad evangelizzare le loro famiglie e i loro ambienti di vita, perchè siano consapevoli e responsabili della loro missione. Preghiamo.
- Per i coniugi cristiani, perchè riscoprano il valore e l'impegno della loro ministerialità nell'educare la fede dei loro figli. Preghiamo.
- Per tutti gli uomini religiosi che invocano Dio, sotto qualunque forma, perchè siano illuminati a scoprire nella mediazione di Cristo l'efficacia della preghiera. Preghiamo.
- Per i nostri giovani, perchè abbiano la grazia di incontrare nel loro cammino, adulti ricchi di umanità e di fede, capaci di far trasparire la paternità di Dio. Preghiamo.
- Per noi che abbiamo ricevuto lo Spirito Santo nel sacramento della confermazione, perchè partecipando alle nostre liturgie siamo sempre più docili alla sua azione di supplica per tutti gli uomini. Preghiamo.
- Per le «scuole di preghiera». Preghiamo.
- Per i movimenti giovanili cristiani. Preghiamo.

O Dio, che ci hai rivelato nel Cristo il mistero della preghiera fatta nel suo nome, per introdurci nella comunione di vita con te, rendici docili alle ispirazioni del tuo Spirito che continuamente geme in noi. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
Santifica, o Dio, i doni che ti presentiamo
e trasforma in offerta perenne tutta la nostra vita
in unione alla vittima spirituale,
il tuo servo Gesù,
unico sacrificio a te gradito.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

Oppure:
Accogli, Signore, i nostri doni
e fa’ che i tuoi figli, riuniti nel tuo nome,
si offrano a te in sacrificio di lode.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO PASQUALE I, II, III, IV, V


Antifona di comunione
“Quelli che mi hai dato, Padre,
voglio che siano con me, dove sono io,
perché contemplino la gloria che mi hai dato”.
Alleluia. (Gv 17,24 )

Oppure:
“Il Padre vi ama, poiché voi mi avete amato
e avete creduto che io sono venuto da Dio”.
Alleluia. (Gv 16,27 )


Preghiera dopo la comunione
O Dio, che ci hai nutriti con questo sacramento,
ascolta la nostra umile preghiera:
il memoriale della Pasqua,
che Cristo tuo Figlio ci ha comandato di celebrare,
ci edifichi sempre nel vincolo della tua carità.
Per Cristo nostro Signore.

Oppure:
Signore, che nell’unico pane spezzato tra noi
edifichi e rinnovi l’umana famiglia,
donaci di attingere ai sacramenti pasquali
un amore autentico e generoso.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 27-05-2017)
Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo
Nel Vangelo secondo Giovanni vi è una sola verità di Cristo, dalla quale scaturiscono tutte le altre verità. Cristo Gesù e tutto ciò che Cristo dice e fa è dal Padre. Gesù è dal Padre per natura, per Parola, per segni, per prodigi, per opere, per volontà. Non solo tutto è dal Padre in ordine alla Pe ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 27-05-2017)
Commento su Gv 16,24
"Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia piena". Gv 16,24 Come vivere questa Parola? Una cosa sta a cuore a Gesù: la nostra gioia! Ma non una gioia generica, quello piena! Egli si fa mediatore tra noi e il Padre per ottenerci il suo stesso Spi ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 07-05-2016)
Il Padre stesso infatti vi ama
Quando si diviene una cosa sola con Cristo Gesù, si è un solo cuore, una sola volontà, un solo desiderio, una sola relazione con Lui. Se il discepolo è cuore di Cristo e il cuore di Cristo è il cuore del discepolo, allora Gesù non dovrà più pregare il Padre per noi, come se fossimo due persone separ ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 07-05-2016)
Commento su Gv 16,23-24
Quel giorno non mi domanderete più nulla. In verità, in verità io vi dico: se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà. Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia piena. Gv 16,23-24 Come vivere questa Parola? Il verbo greco ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 16-05-2015)
Avete creduto che io sono uscito da Dio
Ecco la vera fede: credere che Gesù è uscito da Dio. Non però per vocazione profetica, né regale, né sacerdotale. Neanche per un altro qualsiasi ministero o incarico e neppure per qualche dono particolare dello Spirito Santo. Gesù è uscito da Dio per generazione eterna. Lui è il Figlio Unigenito del ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 16-05-2015)
Commento su At 18, 24-25
"Arrivò a Èfeso un Giudeo, di nome Apollo, nativo di Alessandria, uomo colto, esperto nelle Scritture. Questi era stato istruito nella via del Signore e, con animo ispirato, parlava e insegnava con accuratezza ciò che si riferiva a Gesù, sebbene conoscesse soltanto il battesimo di Giovanni." At 18 ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 11-05-2013)
Commento su Gv 16,23b-28
Il discepolo è chiamato a chiedere al Padre nel nome di Gesù, a pregare Dio attraverso il Maestro. Perciò le nostre preghiere liturgiche terminano sempre con l'invocazione per Cristo Nostro Signore cui rispondiamo con un laconico e spento amen (che dovrebbe esprimere con forza tutta la nostra approv ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 11-05-2013)
Chiedete e otterrete
A volte ci vergogniamo di chiedere, altre volte ne abbiamo paura, altre ancora non domandiamo per paura di un rifiuto. Fino in terza superiore ero così timido che la mia mamma doveva telefonare alle mie amiche per invitarle alle feste che organizzavo, poi un giorno mi disse "arrangiati" e questo mi ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 11-05-2013)
Ora lascio di nuovo il mondo e vado al Padre
Se leggiamo l'Antica Scrittura, noteremo come mai nessuno ha parlato dinanzi alla morte come Cristo Gesù. Una pallida similitudine la troviamo con Giacobbe, ma si tratta solo di una similitudine. Niente di più. Giacobbe veniva dalla Palestina. Nella Palestina, o terra di Canaan, fu portato il suo co ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 11-05-2013)
Commento su Atti 18,26
Apollo cominciò a parlare con franchezza nella sinagoga. Priscilla e Aquila lo ascoltarono, poi lo presero con sé e gli esposero con maggiore accuratezza la via di Dio. At 18,26 Come vivere questa Parola? Un quadretto di autentica testimonianza cristiana. Al primo posto gli interessi del Regno di ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 19-05-2012)
Commento su Giovanni 16,23b-28
I discepoli scoprono un rapporto di intimità fra Gesù e Dio. Non come già si aspettavano, una relazione fatta di tenerezza e conoscenza, ma un vero rapporto di appartenenza: Gesù non è figlio di Dio come lo siamo noi, ma in maniera esclusiva e assoluta. Sono straniti, i discepoli: quell'uomo che han ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 19-05-2012)
Commento su Giovanni 16,23
In verità, in verità io vi dico: se chiedete qualcosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà. Gv 16,23 Come vivere questa parola? Gesù sa che la sua passione è ormai vicino ma la sua preoccupazione è per i discepoli; cerca di infondere in essi coraggio e speranza, aiutandoli a pensare al dopo, ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 19-05-2012)
Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo
Chi è Cristo Gesù nella sua verità eterna, divina ed umana? Cosa ci insegna la Scrittura di Lui? Essa afferma con chiarezza inconfutabile che Gesù è Dio, da Dio generato nell'oggi dell'eternità: "Perché le genti sono in tumulto e i popoli cospirano invano? Insorgono i re della terra e i prìncipi con ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-06-2011)
Commento su Giovanni 16,27
Il Padre stesso vi ama. Gv 16,27 Come vivere questa Parola? Un'affermazione che suona ovvia ai nostri orecchi abituati a sentirsela ripetere fin da bambini. Ma spesso, proprio ciò che si dà per scontato finisce col non far più presa nel vissuto. Si crede finché le cose vanno secondo le nostre pro ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-06-2011)
Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia piena
Fino alla consumazione dei secoli e anche dopo, nell'eternità, il Padre ama una cosa sola: che il Figlio suo venga glorificato sulla terra e nei cieli, da ogni uomo. Come si glorifica Cristo Gesù? Riconoscendolo, invocandolo, celebrandolo, esaltandolo come l'unico e il solo Mediatore tra Dio e l'uma ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15-05-2010)
Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia piena
Con Cristo Gesù nasce una relazione nuova con il Padre celeste: in Lui, il Padre suo è anche il Padre nostro, il Dio suo è anche il Dio nostro. Ogni relazione di Cristo Gesù con il Padre e con lo Spirito Santo è anche nostra relazione, ad una condizione: che noi rimaniamo sempre in Cristo, nel suo c ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 23-05-2009)

Gesù svela in maniera definitiva la sua identità, confida ai suoi il suo ruolo e la sua funzione: egli è il rivelatore del Padre, colui che parla del Padre, e lo fa con autorevolezza perché è il figlio stesso di Dio. Agli apostoli dice di rivolgersi al Padre a nome suo, propone una specie di raccoma ...
(continua)