LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 25 Aprile 2017 <

Domenica 23 Aprile 2017

Lunedì 24 Aprile 2017

Martedì 25 Aprile 2017

Mercoledì 26 Aprile 2017

Giovedì 27 Aprile 2017

Venerdì 28 Aprile 2017

Sabato 29 Aprile 2017

Domenica 30 Aprile 2017

Lunedì 1 Maggio 2017

Martedì 2 Maggio 2017


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  SAN MARCO

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: FESTA
Colore liturgico: Rosso
S0425 ;

Il passo di Marco appartiene a quello che si chiama “il luogo finale di Marco” che contiene il racconto delle apparizioni e l’ordine missionario dato ai Dodici (Mc 16,14) e con loro alla Chiesa intera (Mt 28,18-20). Il nostro testo comincia con il testamento del Signore. Le prime parole sono un comandamento ed un invio: “Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura”. La Chiesa deve predicare, cioè la sua missione evangelizzatrice è un comandamento del Signore risorto. I destinatari sono tutti gli uomini che esistono al mondo: “ogni creatura”. Ciò indica che tutti gli uomini hanno il bisogno e il compito di ascoltare il vangelo della salvezza. Il contenuto, l’oggetto della predica, è il Vangelo, il lieto messaggio della salvezza attraverso Gesù Cristo, la sua persona e la sua opera. Questo annuncio è chiamato predica, cioè essa è solenne e pubblica, fatta con coraggio e fiducia nel nome di Dio salvatore. Il testo continua insistendo sulla trascendenza dell’annuncio e della sua accoglienza: “Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato” (Mc 16,16). Ci troviamo così davanti alle parole più importanti nella vita dell’uomo: salvezza e condanna. La fede e il battesimo sono le parole della vita; l’incredulità è la porta della condanna (cf. Gv 3,14-21).
Vengono poi enumerati una serie di segni miracolosi che daranno credito agli inviati: scacciare gli spiriti maligni, dono delle lingue, immunità contro i morsi dei serpenti e contro i veleni, e infine il dono della guarigione. Tutti questi sono fenomeni carismatici che accompagnano il cammino della Chiesa lungo la storia.
Il testo termina con la proclamazione dell’Ascensione di Gesù e il suo stabilirsi alla destra di Dio (Mc 16,19) e con una breve indicazione sulla realizzazione del comando della missione degli apostoli, che portano il vangelo dappertutto con l’aiuto del Signore (cf. Mt 28,20). Molti segni li accompagnano (Mc 16,20). La Chiesa missionaria è in cammino, il comandamento è indirizzato a tutti.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
“Andate in tutto il mondo,
predicate il Vangelo a ogni creatura”. Alleluia. (Mc 16,15)


Colletta
O Dio, che hai glorificato il tuo evangelista Marco
con il dono della predicazione apostolica,
fa’ che, alla scuola del Vangelo,
impariamo anche noi
a seguire fedelmente il Cristo Signore.
Egli è Dio, e vive e regna con te...

>

Prima lettura

1Pt 5,5-14
Vi saluta Marco, figlio mio.

Dalla prima lettera di san Pietro apostolo

Carissimi, rivestitevi tutti di umiltà gli uni verso gli altri, perché Dio resiste ai superbi, ma dà grazia agli umili.
Umiliatevi dunque sotto la potente mano di Dio, affinché vi esalti al tempo opportuno, riversando su di lui ogni vostra preoccupazione, perché egli ha cura di voi. Siate sobri, vegliate. Il vostro nemico, il diavolo, come leone ruggente va in giro cercando chi divorare. Resistetegli saldi nella fede, sapendo che le medesime sofferenze sono imposte ai vostri fratelli sparsi per il mondo.
E il Dio di ogni grazia, il quale vi ha chiamati alla sua gloria eterna in Cristo Gesù, egli stesso, dopo che avrete un poco sofferto, vi ristabilirà, vi confermerà, vi rafforzerà, vi darà solide fondamenta. A lui la potenza nei secoli. Amen!
Vi ho scritto brevemente per mezzo di Silvano, che io ritengo fratello fedele, per esortarvi e attestarvi che questa è la vera grazia di Dio. In essa state saldi! Vi saluta la comunità che vive in Babilonia, e anche Marco, figlio mio. Salutatevi l’un l’altro con un bacio d’amore fraterno. Pace a voi tutti che siete in Cristo!

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 88

Canterò in eterno l’amore del Signore.

Canterò in eterno l’amore del Signore,
di generazione in generazione
farò conoscere con la mia bocca la tua fedeltà,
perché ho detto: «È un amore edificato per sempre;
nel cielo rendi stabile la tua fedeltà».

I cieli cantano le tue meraviglie, Signore,
la tua fedeltà nell’assemblea dei santi.
Chi sulle nubi è uguale al Signore,
chi è simile al Signore tra i figli degli dèi?

Beato il popolo che ti sa acclamare:
camminerà, Signore, alla luce del tuo volto;
esulta tutto il giorno nel tuo nome,
si esalta nella tua giustizia.

Canto al Vangelo (1Cor 1,23-24)
Alleluia, alleluia.
Noi annunciamo Cristo crocifisso:
potenza di Dio e sapienza di Dio.
Alleluia.

>

Vangelo

Mc 16,15-20
Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo.


+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, [Gesù apparve agli Undici] e disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno; imporranno le mani ai malati e questi guariranno».
Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio.
Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Fratelli, in san Marco la Chiesa saluta l'evangelista che raccolse direttamente l'insegnamento di Pietro. Preghiamo Dio Padre per le esigenze missionarie e apostoliche della Chiesa, dicendo insieme:
Santifica il tuo popolo, Signore.

- Per la Chiesa, perchè senta l'urgenza di andare ad annunziare ad ogni creatura Gesù Figlio di Dio, rivelato dal Padre. Preghiamo.
- Per i missionari, perchè abbiano la stessa concretezza ed efficacia di Marco nel proclamare la buona novella. Preghiamo.
- Per la Chiesa copta, fondata in Egitto da san Marco, perchè sia fermento evangelico nelle regioni islamiche. Preghiamo.
- Per la nostra comunità, perchè senta la grave responsabilità di evangelizzare, con la parola e con la testimonianza, il proprio ambiente. Preghiamo.
- Per i gruppi missionari della nostra diocesi, perchè amino la Parola che vogliono contribuire a diffondere nel mondo. Preghiamo.
- Per il gruppo biblico e liturgico della parrocchia. Preghiamo.
- Per i catechisti e gli educatori. Preghiamo.

Ascolta, Padre, le preghiere che ti rivolgiamo nella festa di san Marco: esaudiscile secondo la tua volontà e facci testimoni del Cristo Messia e Salvatore che vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.

Preghiera sulle offerte
Accogli, Signore, il sacrificio di lode
che ti offriamo nel ricordo glorioso di san Marco,
e fa’ che nella tua Chiesa sia sempre vivo e operante
l’annunzio missionario del Vangelo.
Per Cristo nostro Signore.


Prefazio degli apostoli II.


Antifona di comunione
“Ecco, io sono con voi tutti i giorni,
sino alla fine del mondo”. Alleluia. (Mt 28,20)

Oppure:
I discepoli partirono e predicarono il lieto annunzio,
e il Signore operava insieme con loro. Alleluia. (cf. Mc 16,20)


Preghiera dopo la comunione
Il dono ricevuto alla tua mensa
ci santifichi, Signore,
e ci confermi nella fedeltà al Vangelo,
che san Marco ha trasmesso alla tua Chiesa.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 25-04-2017)
Commento su Mc 16, 15-18
«Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno demoni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano serpenti e, ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 25-04-2016)
Ma chi non crederà sarà condannato
Cristo Gesù pone la fede in Lui come unica e sola via per entrare in possesso oggi della vita eterna e domani per godere la gioia eterna. Questa verità è essenza del Vangelo, essenza della missione apostolica, essenza della fede dell'uomo. È cristiano chi crede in Cristo come unica via, verità e vit ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 25-04-2016)
Commento su Mc 16, 15; 19-20
«[E Gesù] disse loro: "Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura [...]. Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio. Allora essi [usciti], partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e conferma ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 25-04-2015)
Confermava la Parola con i segni che la accompagnavano
La Parola di Dio: "È viva, efficace e più tagliente di ogni spada a doppio taglio; essa penetra fino al punto di divisione dell'anima e dello spirito, fino alle giunture e alle midolla, e discerne i sentimenti e i pensieri del cuore. 3Non vi è creatura che possa nascondersi davanti a Dio, ma tutto è ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 25-04-2015)
Commento su Mc 16,15-20
"E disse loro: "Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in ma ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 25-04-2013)
Commento su Mc 16,15-20
In questo tempo pasquale celebriamo la festa di uno degli evangelisti, Marco, che ha "inventato" il genere letterario del vangelo. Ispirato dallo Spirito Santo, ha permesso a noi di conoscere l'annuncio dopo duemila anni! Il vangelo di Marco ha avuto una storia piuttosto intricata. Pensate che non ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 25-04-2013)
Partirono e predicarono dappertutto
Se crediamo in qualcosa abbiamo il desiderio di comunicare ciò in cui crediamo a tutti coloro che incontriamo, anzi andiamo a bussare alle porte per raccontare la nostra gioia. Così è certamente per la Fede, ma non solo, anche per ogni principio fatto nostro. Io credo nell'affido e cerco ogni luogo ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 25-04-2013)
Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura
Tutti i profeti che sono venuti prima di Gesù rivolgevano la loro Parola esclusivamente al popolo del Signore, invitando alla conversione, al ritorno nella Legge dell'Alleanza. Con il profeta Isaia avviene qualcosa di inimmaginabile, impensabile, totalmente nuovo. La Parola del Signore annunzia la v ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 25-04-2013)
Commento su Marco 16,20
Allora essi [gli Undici] partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano. Mc 16,20 Come vivere questa Parola? La festa di san Marco spontaneamente ci rimanda all'autore del vangelo del quale il brano di oggi è la concl ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 25-04-2012)
Commento su Marco 16,15-20
Oggi la Chiesa festeggia la presenza di san Marco, discepolo del Signore e primo, fra di essi, ad avere avuto l'idea di scrivere un resoconto ordinato della vita e della predicazione del Signore Gesù. Onore al giovane Marco, nell'anno in cui leggiamo per intero il suo straordinario vangelo! Adolesc ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 25-04-2012)
Commento su Marco 16,15
«Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura» Mc 16,15 Come vivere questa Parola? Nella gloria della sua resurrezione, Gesù appare agli undici apostoli (Giuda se n'era andato nella notte del tradimento) e ancora una volta si rivela interessato alla nostra salvezza: quella c ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 25-04-2012)
Allora essi partirono e predicarono dappertutto
Il Vangelo di questo giorno solleva un grave problema per ogni coscienza. Quando la coscienza è principio di retta azione e quando non lo è più? Quando essa da sola basta e quando invece non basta più. Quando essa è innocente e quando invece è colpevole? La prima risposta ce la offre San Paolo: "Tut ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 25-04-2009)

Prega con noi, oggi, Marco, giovane discepolo di Gerusalemme, prima (brevemente) a servizio di Paolo e poi di Pietro che gli chiede di redigere il primo dei vangeli. Figura di spicco nella prima comunità, il giovane Giovanni Marco ci regala uno splendido ritratto di Gesù Figlio di Dio. Per una sc ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 25-04-2008)
Commento su Marco 16,15-20
Prega con noi, oggi, Marco, giovane discepolo di Gerusalemme, prima (brevemente ) a servizio di Paolo e poi di Pietro che gli chiede di redigere il primo dei vangeli. Figura di spicco nella prima comunità, il giovane Giovanni Marco ci regala uno splendido ritratto di Gesù Figlio di Dio. Buffo il ...
(continua)