LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 27 Marzo 2017 <

Sabato 25 Marzo 2017

Domenica 26 Marzo 2017

Lunedì 27 Marzo 2017

Martedì 28 Marzo 2017

Mercoledì 29 Marzo 2017

Giovedì 30 Marzo 2017

Venerdì 31 Marzo 2017

Sabato 1 Aprile 2017

Domenica 2 Aprile 2017

Lunedì 3 Aprile 2017


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Lunedì della IV settimana di Quaresima

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Viola
EQ041 ;
Nel Vangelo di oggi ci viene detto chiaramente che nessun profeta è rispettato né onorato nel proprio paese. Da un punto di vista letterario, il “paese natale” di Gesù è Nazaret, un villaggio della Galilea poco conosciuto. Per questo motivo Giovanni insiste su questa osservazione, per sottolineare la testimonianza missionaria di Gesù. Gesù è stato inviato al popolo di Giudea, il cui centro religioso era Gerusalemme, tuttavia non vi fu ricevuto (Gv 1,11).
La salvezza, la redenzione per mezzo della fede va molto al di là dei privilegi legati alla razza e ad ogni altro particolarismo. Gesù, dunque, ha svolto la sua attività non soltanto in Galilea ma anche nelle regioni pagane. E, in questo brano di Vangelo, il mondo pagano è rappresentato dal funzionario di Cafarnao, che non è ebreo. Egli, pagano, ha creduto alla parola di Gesù, dando prova di una fede pura e sincera che deve servirci di esempio.
In questo brano del Vangelo di san Giovanni ci viene mostrata l’importanza del dialogo tra Gesù e il funzionario e, nello stesso tempo, l’oggetto di questa conversazione: la fede. La vera fede è quella che rende possibile l’accoglienza di Gesù, quella che ci conduce al Salvatore (a Gesù). Per mezzo della fede, andiamo incontro a Dio e scopriamo il Padre e il suo amore nella nostra vita.
Quando constata la nostra fede, la nostra fiducia in lui, Gesù, per mezzo della potenza vivificante della sua parola, compie miracoli nella nostra vita. In questo brano di Vangelo, troviamo l’effetto della parola divina e la fiducia assoluta nella potenza di Gesù. Così, Gesù ha ricompensato la fede del funzionario come ricompensa la fede di ogni uomo.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Io confido nel Signore.
Esulterò e mi rallegrerò per la tua misericordia,
perché hai guardato con bontà alla mia miseria. (Sal 31,7-8)


Colletta
O Dio, che rinnovi il mondo con i tuoi sacramenti,
fa’ che la comunità dei tuoi figli
si edifichi con questi segni misteriosi della tua presenza
e non resti priva del tuo aiuto per la vita di ogni giorno.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Is 65,17-21
Non si udranno più voci di pianto e grida di angoscia.

Dal libro del profeta Isaìa

Così dice il Signore:
«Ecco, io creo nuovi cieli e nuova terra;
non si ricorderà più il passato,
non verrà più in mente,
poiché si godrà e si gioirà sempre
di quello che sto per creare,
poiché creo Gerusalemme per la gioia,
e il suo popolo per il gaudio.
Io esulterò di Gerusalemme,
godrò del mio popolo.
Non si udranno più in essa
voci di pianto, grida di angoscia.
Non ci sarà più
un bimbo che viva solo pochi giorni,
né un vecchio che dei suoi giorni
non giunga alla pienezza,
poiché il più giovane morirà a cento anni
e chi non raggiunge i cento anni
sarà considerato maledetto.
Fabbricheranno case e le abiteranno,
pianteranno vigne e ne mangeranno il frutto».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 29

Ti esalterò, Signore, perché mi hai risollevato.

Ti esalterò, Signore, perché mi hai risollevato
e non hai permesso ai miei nemici di gioire su di me.
Signore, hai fatto risalire la mia vita dagli inferi,
mi hai fatto rivivere perché non scendessi nella fossa.

Cantate inni al Signore, o suoi fedeli,
della sua santità celebrate il ricordo,
perché la sua collera dura un istante,
la sua bontà per tutta la vita.
Alla sera è ospite il pianto
e al mattino la gioia.

Ascolta, Signore, abbi pietà di me,
Signore, vieni in mio aiuto!
Hai mutato il mio lamento in danza,
Signore, mio Dio, ti renderò grazie per sempre.

Canto al Vangelo (Am 5,14)
Gloria e lode a te, o Cristo, Verbo di Dio!
Cercate il bene e non il male, se volete vivere,
e il Signore sarà con voi.
Gloria e lode a te, o Cristo, Verbo di Dio!

>

Vangelo

Gv 4,43-54
Va’, tuo figlio vive.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù partì [dalla Samarìa] per la Galilea. Gesù stesso infatti aveva dichiarato che un profeta non riceve onore nella propria patria. Quando dunque giunse in Galilea, i Galilei lo accolsero, perché avevano visto tutto quello che aveva fatto a Gerusalemme, durante la festa; anch’essi infatti erano andati alla festa.
Andò dunque di nuovo a Cana di Galilea, dove aveva cambiato l’acqua in vino. Vi era un funzionario del re, che aveva un figlio malato a Cafàrnao. Costui, udito che Gesù era venuto dalla Giudea in Galilea, si recò da lui e gli chiedeva di scendere a guarire suo figlio, perché stava per morire.
Gesù gli disse: «Se non vedete segni e prodigi, voi non credete». Il funzionario del re gli disse: «Signore, scendi prima che il mio bambino muoia». Gesù gli rispose: «Va’, tuo figlio vive». Quell’uomo credette alla parola che Gesù gli aveva detto e si mise in cammino.
Proprio mentre scendeva, gli vennero incontro i suoi servi a dirgli: «Tuo figlio vive!». Volle sapere da loro a che ora avesse cominciato a star meglio. Gli dissero: «Ieri, un’ora dopo mezzogiorno, la febbre lo ha lasciato». Il padre riconobbe che proprio a quell’ora Gesù gli aveva detto: «Tuo figlio vive», e credette lui con tutta la sua famiglia.
Questo fu il secondo segno, che Gesù fece quando tornò dalla Giudea in Galilea.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
La Parola proclamata assicura che Dio ci è vicino nelle prove della vita, e muterà il nostro pianto in gioia. Confidiamo nella sua bontà che tutto può, e preghiamo con fede dicendo:
Aiutaci, Padre di misericordia!

Rinnova la fede della Chiesa e rendila attenta al nuovo, creato da te. Ti preghiamo:
Riunisci tutti i credenti nella lode del tuo nome, e nell'impegno per far rifiorire la città degli uomini. Ti preghiamo:
Spegni i roghi di guerra e di violenza che in tanti punti fanno ardere la terra e tormentano i popoli. Ti preghiamo:
Scaccia lo spettro della fame e dell'estrema indigenza che opprime tante creature. Ti preghiamo:
Aiuta i genitori a confidare in te per il futuro dei figli. Ti preghiamo:
Rianima la volontà di chi languisce nel peccato, prigioniero di scelte sbagliate, e donagli speranza. Ti preghiamo:
Illumina il nostro cuore di fronte alla croce perchè, penetrandone il mistero, accettiamo di portarla con amore. Ti preghiamo:

Signore, aiutaci a realizzare il tuo regno, ciascuno con i doni e la responsabilità da te assegnati. Te lo chiediamo perchè le Scritture abbiano compimento, e la vita nuova di Cristo, offertaci in questa mensa, cresca e fruttifichi nel tuo amore. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen.

Preghiera sulle offerte
Venga a noi, Signore,
dall’offerta di questo sacrificio
una forza di vita nuova,
perché liberati da ogni compromesso col male
possiamo crescere nello spirito del Vangelo.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO DI QUARESIMA IV
I frutti del digiuno

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno.
Con il digiuno quaresimale
tu vinci le nostre passioni, elevi lo spirito,
infondi la forza e doni il premio,
per Cristo nostro Signore.
Per questo mistero si allietano gli angeli
e per l’eternità adorano la gloria del tuo volto.
Al loro canto concedi, o Signore,
che si uniscano le nostre umili voci
nell’inno di lode: Santo...


Antifona di comunione
“Porrò il mio spirito dentro di voi,
perché camminiate secondo i mie precetti
e osserviate fedelmente le mie leggi”,
dice il Signore. (Ez 36,27)


Preghiera dopo la comunione
O Dio, nostro Padre,
questo tuo sacramento
rinnovi e santifichi la nostra vita
e ci renda degni di possedere l’eredità eterna.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 27-03-2017)
Se non vedete segni e prodigi, voi non credete
Con sublime chiarezza il Salmo ci rivela che gli effetti del miracolo in ordine alla fede durano solo il tempo del miracolo. Dopo ci si sprofonda nella non fede di prima, se non è addirittura in un abisso ancora più profondo. Allora vale la pena fare miracoli? Venite, cantiamo al Signore, acclamiam ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 07-03-2016)
Commento su Gv 4,50
«Va', tuo figlio vive» Gv 4,50 Come vivere questa Parola? Il centurione pagano supplica Gesù, perché guarisca suo figlio malato. Con tanta fede e amore di un padre verso il figlio malato, egli chiede a Gesù di intervenire con la sua bontà e la sua potenza divina, perché il figlio riacquisti la sa ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 16-03-2015)
Commento su Gv 4,46-50
"Andò dunque di nuovo a Cana di Galilea, dove aveva cambiato l'acqua in vino. Vi era un funzionario del re, che aveva un figlio malato a Cafàrnao. Costui, udito che Gesù era venuto dalla Giudea in Galilea, si recò da lui e gli chiedeva di scendere a guarire suo figlio, perché stava per morire. Gesù ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 16-03-2015)
E credette lui con tutta la sua famiglia
La fede vera non è credere in Dio, è credere nel Dio che il credente in Dio porta, annunzia, manifesta, rivela, rende presente nella storia. Oggi assistiamo a scene di vero terrore, a stragi infinite perpetrate in nome di Dio. Quale Dio mi presentano queste persone? Qual è il Dio che essi mediano? È ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 31-03-2014)
Quell'uomo credette alla parola che Gesù
Gesù ha un solo desiderio: che tutti gli uomini vivano con la sua stessa fede, siano cioè liberi di amare anche dalla croce, che è malattia, sofferenza, morte, ogni ingiustizia, sopraffazione, cattivo e malvagio esercizio dell'autorità, uso perverso della scienza e della conoscenza. Gesù vuole che i ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 31-03-2014)
Commento su Gv 4,48-49
«Il funzionario del re gli disse: "Signore, scendi prima che il mio bambino muoia". Gesù gli rispose: "Va', tuo figlio vive". Quell'uomo credette alla parola che Gesù gli aveva detto e si mese in cammino». Gv 4,48-49 Come vivere questa Parola? L'atto di fede che il Signore Gesù richiede dal funz ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 11-03-2013)
Commento su Gv 4,43-54
Mi ha sempre incuriosito l'annotazione che lega il racconto della samaritana con la resurrezione del figlio del funzionario reale. Un'annotazione all'apparenza innocua e che, pure dice molto. Nessuno è bene accetto in patria, lo sappiamo bene, lo sa anche Gesù. Ma, inaspettatamente, quando torna a c ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 11-03-2013)
Se non vedete segni e prodigi, voi non credete
Quante volte mi sono trovato a parlare ai ragazzi per far loro capire cose chiare alla mente di un adulto. L'esperienza di un genitore, gli anni di differenza, gli sbagli fatti ci portano a vedere se la strada intrapresa dai nostri figli porti a qualcosa di buono. Con l'amore che abbiamo per loro v ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 11-03-2013)
Se non vedete segni e prodigi, voi non credete
Se leggiamo Il Salmo 78 notiamo che il segno - opera meravigliosa del Signore - puntella solo per un attimo la fede del popolo del Signore, ma poi tutto svanisce e si ha bisogno di altri infiniti segni. Esso è come l'aria che si respira. Basta solo per qualche secondo, poi si ha bisogno di nuova ari ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 11-03-2013)
Commento su Isaia 65,17
Ecco, io creo nuovi cieli e nuova terra Is 65,17 Come vivere questa Parola? Israele ha vissuto l'amara esperienza dell'esilio ed ora gli si prospetta la possibilità di una ripresa all'insegna della novità più radicale, in cui è coinvolto l'intero cosmo. Una svolta storica per un popolo, ma die ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-04-2011)
Commento su Giovanni 4,50
Quell'uomo credette alla parola che Gesù gli aveva detto e si mise in cammino. Gv 4,50 Come vivere questa Parola? Gesù è di nuovo a Cana, dove - precisa Giovanni - aveva cambiato l'acqua in vino. Ora un fun-zionario regio lo sollecita a guarirne il figlio che sta per morire. L'accostamento non è c ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-04-2011)
Credette lui con tutta la sua famiglia
È importante che noi tutti conosciamo le dinamiche della fede. Esse sono molteplici, varie, differiscono da persona a persona. Ognuno giunge alla fede per un tracciato particolare, speciale. Ciò che vale per uno non vale per un altro e tuttavia c'è una verità che è uguale per tutti: la fede nasce da ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 23-03-2009)

Giovanni annota la sorpresa di Gesù che, tornando a casa sua, vede che il clima nei suoi confronti è cambiato. Merito, pare, dei mezzi di comunicazione: anche nella riottosa Galilea è arrivata l'eco delle opere compiute da Gesù nella capitale. Potenza del pettegolezzo, in questo caso positivo, che r ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 03-03-2008)

Gesù, un umanissimo Gesù, sale da Gerusalemme verso la Galilea. È scontento, teso, è stato accolto male dai suoi, nessun profeta è bene accetto in patria, lo sappiamo bene. E, invece, accade l'imprevisto: alcuni concittadini, trovatisi a Gerusalemme durante la festa, hanno visto ciò che Gesù ha fatt ...
(continua)