LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 24 Marzo 2017 <

Mercoledì 22 Marzo 2017

Giovedì 23 Marzo 2017

Venerdì 24 Marzo 2017

Sabato 25 Marzo 2017

Domenica 26 Marzo 2017

Lunedì 27 Marzo 2017

Martedì 28 Marzo 2017

Mercoledì 29 Marzo 2017

Giovedì 30 Marzo 2017

Venerdì 31 Marzo 2017


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Venerdì della III settimana di Quaresima

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Viola
EQ035 ;
Marco ci fa ascoltare, per bocca di Gesù, il nuovo comandamento per eccellenza, che è il centro e la sintesi del Vangelo, ed insieme il programma della nostra vita. Dio ci ha creati per l’amore. Ha fatto in modo che tutto in noi, il nostro corpo come il nostro spirito, la nostra sensibilità come la nostra volontà, la nostra anima come il nostro cuore, tutto il nostro essere, insomma, potesse amare. Del resto, egli ha fatto in modo che veniamo al mondo come un esserino indifeso, che ha un bisogno vitale non solo di essere nutrito, ma anche di essere amato dalla madre, un esserino che non può crescere e raggiungere la propria maturità come persona se non in fondamentali relazioni d’amore e grazie ad esse. Ma, più noi procediamo nella vita, più facciamo prova di come sia difficile amare, amare veramente e disinteressatamente, amare profondamente e sinceramente Dio e il prossimo. Questo richiede ogni sorta di purificazione, e non lo si impara certo sui libri! Il solo modo di imparare ad amare è quello di lasciarci amare da Dio, poiché non si può amare se non essendo amati, e non c’è altri che Dio che possa amarci veramente, perché egli è l’unico Signore ed è Amore.
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Non c’è nessuno come te in cielo, Signore,
perché tu sei grande e compi meraviglie:
tu solo sei Dio. (Sal 86,8.10)


Colletta
Padre santo e misericordioso,
infondi la tua grazia nei nostri cuori,
perché possiamo salvarci
dagli sbandamenti umani
e restare fedeli alla tua parola di vita eterna.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Os 14,2-10
Non chiameremo più 'dio nostro' l’opera delle nostre mani.

Dal libro del profeta Osèa

Così dice il Signore:
«Torna, Israele, al Signore, tuo Dio,
poiché hai inciampato nella tua iniquità.
Preparate le parole da dire
e tornate al Signore;
ditegli: “Togli ogni iniquità,
accetta ciò che è bene:
non offerta di tori immolati,
ma la lode delle nostre labbra.
Assur non ci salverà,
non cavalcheremo più su cavalli,
né chiameremo più “dio nostro”
l’opera delle nostre mani,
perché presso di te l’orfano trova misericordia”.
Io li guarirò dalla loro infedeltà,
li amerò profondamente,
poiché la mia ira si è allontanata da loro.
Sarò come rugiada per Israele;
fiorirà come un giglio
e metterà radici come un albero del Libano,
si spanderanno i suoi germogli
e avrà la bellezza dell’olivo
e la fragranza del Libano.
Ritorneranno a sedersi alla mia ombra,
faranno rivivere il grano,
fioriranno come le vigne,
saranno famosi come il vino del Libano.
Che ho ancora in comune con gli ìdoli, o Èfraim?
Io l’esaudisco e veglio su di lui;
io sono come un cipresso sempre verde,
il tuo frutto è opera mia.
Chi è saggio comprenda queste cose,
chi ha intelligenza le comprenda;
poiché rette sono le vie del Signore,
i giusti camminano in esse,
mentre i malvagi v’inciampano».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 80

Io sono il Signore, tuo Dio: ascolta la mia voce.

Un linguaggio mai inteso io sento:
«Ho liberato dal peso la sua spalla,
le sue mani hanno deposto la cesta.
Hai gridato a me nell’angoscia
e io ti ho liberato.

Nascosto nei tuoni ti ho dato risposta,
ti ho messo alla prova alle acque di Merìba.
Ascolta, popolo mio:
contro di te voglio testimoniare.
Israele, se tu mi ascoltassi!

Non ci sia in mezzo a te un dio estraneo
e non prostrarti a un dio straniero.
Sono io il Signore, tuo Dio,
che ti ha fatto salire dal paese d’Egitto.

Se il mio popolo mi ascoltasse!
Se Israele camminasse per le mie vie!
Lo nutrirei con fiore di frumento,
lo sazierei con miele dalla roccia».

Canto al Vangelo (Mt 4,17)
Gloria e lode a te, o Cristo!
Convertitevi, dice il Signore,
perché il regno dei cieli è vicino.
Gloria e lode a te, o Cristo!

>

Vangelo

Mc 12,28-34
Il Signore nostro Dio è l’unico Signore: lo amerai.


+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, si avvicinò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?».
Gesù rispose: «Il primo è: “Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore; amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza”. Il secondo è questo: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Non c’è altro comandamento più grande di questi».
Lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all’infuori di lui; amarlo con tutto il cuore, con tutta l’intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso vale più di tutti gli olocàusti e i sacrifici».
Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Prima di presentare la nostra offerta all'altare, chiediamo al Signore di aiutarci a vivere in pienezza la nostra fede, dicendo insieme:
Insegnaci ad amare, Signore.

Tu ci ami di vero cuore:
Ci doni la forza di ritornare a te:
Rinnovi continuamente la tua alleanza con noi:
Ci prepari il cammino di salvezza:
Hai mandato il tuo Figlio per amore:
Hai fatto di noi un popolo nuovo:
Ci fai ascoltare la tua Parola:
Ci fai camminare gli uni accanto agli altri:
In ogni prossimo hai impresso il tuo volto:
Hai scelto i poveri come prediletti:
Alla fine dei tempi il tuo giudizio sarà sull'amore:
Ci dai la forza per conoscerti e amarti:
Sei l'unico Signore dei vivi e dei morti:

Dio grande e misericordioso, che ci hai indicato la strada del Regno nell'amore verso di te e verso il prossimo, purifica il nostro cuore da ogni iniquità, perchè possiamo celebrare la pasqua del tuo Figlio con frutti di vita eterna. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
Guarda con benevolenza, Signore,
questi doni che ti presentiamo,
perché siano a te graditi
e diventino per noi sorgente di salvezza.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO DI QUARESIMA III
I frutti della penitenza

È veramente cosa buona e giusta,
innalzare un inno a te, Padre onnipotente,
e cantare insieme la tua lode.
Tu vuoi che ti glorifichiamo
con le opere della penitenza quaresimale,
perché la vittoria sul nostro egoismo
ci renda disponibili alle necessità dei poveri,
a imitazione di Cristo tuo Figlio, nostro salvatore.
E noi, uniti agli Angeli e agli Arcangeli,
ai Troni e alle Dominazioni
e alla moltitudine dei Cori celesti,
cantiamo con voce incessante
l’inno della tua gloria: Santo...


Antifona di comunione
Più di tutti i doni offerti, questo è grande:
amare Dio con tutto il cuore
e il prossimo come se stessi. (cf. Mc 12,33)


Preghiera dopo la comunione
La forza del tuo Spirito
ci pervada corpo e anima, o Dio,
perché possiamo ottenere pienamente la redenzione
alla quale abbiamo partecipato
in questi santi misteri.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24-03-2017)
Non sei lontano dal regno di Dio
Gesù è purissima presenza del regno di Dio in mezzo agli uomini. Per Lui, in Lui, con Lui, entrando nella sua obbedienza si diviene regno di Dio. Questa sublime verità così ci viene rivelata da Paolo e presentata nella Lettera ai Romani. Come a causa di un solo uomo il peccato è entrato nel mondo e ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24-03-2017)
Commento su Mc. 12,28b-31
"Qual è il primo di tutti i comandamenti? Gesù rispose: il primo è Ascolta Israele, Il Signore nostro Dio è l'unico Signore. Amerai il Signore tuo Dio con tutto il cuore e con tutta la tua anima e con tutta la tua forza. Il secondo è questo: Amerai il tuo prossimo come te stesso". Mc. 12,28b-31 Co ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-03-2016)
Commento su Os 14,4-6
"Assur non ci salverà, non cavalcheremo più su cavalli, né chiameremo più "dio nostro" l'opera delle nostre mani, perché presso di te l'orfano trova misericordia". "Io li guarirò dalla loro infedeltà, li amerò profondamente, poiché la mia ira si è allontanata da loro. 6Sarò come rugiada per Israele; ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 13-03-2015)
Commento su Mc 12, 28b-31
«Si avvicinò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: "Qual è il comandamento primo di tutti?". Gesù rispose: "Il primo è: Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l'unico Signore; amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua for ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 13-03-2015)
Non sei lontano dal regno di Dio
Amare Dio e il prossimo dalla forma di Cristo, ha per il cristiano un altissimo significato: amare l'uno e l'altro come li ha amati Gesù Signore: fino alla morte di Croce, sino alla fine, donando tutto se stesso, spendendo anche l'ultima goccia di sangue. Dalla croce Gesù dona compimento anche al se ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28-03-2014)
Non sei lontano dal regno di Dio
Gesù vede il cuore dell'uomo che gli sta dinanzi e secondo questa visione nello Spirito Santo risponde. Questa visione è infallibile. In Lui è perenne. Sempre lo Spirito Santo gli fa vedere dove risiede la malizia, la falsità, l'inganno, la menzogna, le tenebre infernali che abitano nel cuore di ogn ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28-03-2014)
Commento su Mc 12, 28
"Qual è il primo di tutti i comandamenti? Gesù rispose: "Il primo è: Ascolta, Israele!". Mc 12, 28 Come vivere questa Parola? Gesù non smentisce la tradizione più forte di Israele. L'ASCOLTO rimane anche per lui il primo dei comandamenti. Il Deuteronomio, Geremia, il piccolo resto di Israele han ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 08-03-2013)
Commento su Mc 12,28b-34
Quale il primo dei comandamenti? Domanda fondamentale in una religiosità che di precetti ne aveva oltre seicento, venduti, almeno da parte dei farisei, come tutti ugualmente importanti! Domanda che spesso risuonava nelle scuole rabbiniche, per educare i devoti all'osservanza delle norme. Ma la doman ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 08-03-2013)
Non sei lontano dal regno di Dio
Telegiornali, radio, internet, carta stampata ci propinano ogni giorno miriadi di brutte notizie che ci abbattono non facendoci credere nel genere umano. Tendiamo a generalizzare e se sentiamo che un ragazzo ubriaco con la sua auto ha ucciso un bambino, allora tutti i ragazzi sono ubriaconi e irresp ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 08-03-2013)
Commento su Marco 12, 28b
Il primo comandamento è questo: "Ascolta Israele". Mc 12, 28b Come vivere questa Parola? Sono le parole di Gesù in risposta a uno Scriba(un intellettuale di allora) che gli ha chiesto quale sia il primo dei comandamenti di Dio. Gesù gli risponderà con una mirabile sintesi di tutti i comandamenti ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 08-03-2013)
Non sei lontano dal regno di Dio
L'antica Legge era stata tutta racchiusa nel comandamento di un amore esclusivo, totale, unico, di tutto l'uomo, spirito, anima, corpo, verso il suo Dio e Signore. Questi sono i comandi, le leggi e le norme che il Signore, vostro Dio, ha ordinato di insegnarvi, perché li mettiate in pratica nella ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 16-03-2012)
Commento su Marco 12,28b-34
Mi sembra il minimo che nessuno avesse il coraggio di interrogare Gesù! Il dottore della Legge gli pone una domanda ma non per ascoltare una risposta: vuole mettere in imbarazzo il Signore! I rabbini del tempo, una parte di loro almeno, sostenevano che bisognasse scrupolosamente osservare tutti e se ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 16-03-2012)
Commento su Osea 14,2
Io li guarirò dalle loro infedeltà, li amerò profondamente. Os 14,2 Come vivere questa Parola? La Liturgia della Parola di questa settimana è veramente ricca di sollecitazioni alla conversione; i brani dell'Antico Testamento contengono parole accorate del desiderio che Dio ha di noi. Oggi un ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 16-03-2012)
Non sei lontano dal regno di Dio
Il comandamento dell'amore verso Dio, così era stato proclamato dal Signore per mezzo del suo servo Mosè: "Questi sono i comandi, le leggi e le norme che il Signore, vostro Dio, ha ordinato di insegnarvi, perché li mettiate in pratica nella terra in cui state per entrare per prenderne possesso; perc ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 01-04-2011)

Dalla Parola del giorno Ascolta, popolo mio: contro di te voglio testimoniare. Israele, se tu mi ascoltassi! Non ci sia in mezzo a te un Dio estraneo e non prostrarti a un Dio straniero. Sono io il Signore, tuo Dio, che ti ha fatto salire dal paese d'Egitto. Come vivere questa Parola? Com'è bel ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 01-04-2011)
Non sei lontano dal regno di Dio
Vi è una tentazione perenne che sempre serpeggia nel cuore dell'uomo e che spinge a separare l'amore di Dio da quello dell'uomo e l'amore dell'uomo da quello di Dio, oppure a identificare l'amore di Dio con quello dell'uomo e l'amore dell'uomo con quello di Dio. Dio e l'uomo sono persone distinte. D ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 20-03-2009)

L'essenziale è amare. Credere porta ad amare. Il cristiano si è scoperto amato e capace di amare come Dio, fino a morirne. La Chiesa è (dovrebbe essere) la comunità di coloro che, amati, sanno amare. Dio mi "ordina" di fare esattamente ciò che desidero maggiormente: lasciarmi amare ed amare. Gesù mi ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 29-02-2008)

Non è strana la domanda che lo scriba pone a Gesà: ai dieci comandamenti la tradizione rabbinica aveva aggiunto poco più di seicento leggi che il pio ebreo era tenuto ad osservare. Leggi che Gesù non elimina ma riporta all'originale significato, leggi e norme che concretizzano l'amore. Cos'è che ren ...
(continua)