LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 10 Novembre 2016 <

Martedì 8 Novembre 2016

Mercoledì 9 Novembre 2016

Giovedì 10 Novembre 2016

Venerdì 11 Novembre 2016

Sabato 12 Novembre 2016

Domenica 13 Novembre 2016

Lunedì 14 Novembre 2016

Martedì 15 Novembre 2016

Mercoledì 16 Novembre 2016

Giovedì 17 Novembre 2016


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  San Leone Magno

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Memoria
Colore liturgico: Bianco
S1110 ; PO324

La domanda che Gesù ha posto ai suoi discepoli, la pone continuamente anche a noi, per impegnarci a contemplarlo più profondamente, ad approfondire il suo mistero: "Voi chi dite che io sia?".
San Leone Magno, divenuto papa nel V secolo, affermò con fede luminosa la divinità di Cristo e la sua umanità: Cristo, Figlio del Dio vivente e figlio di Maria, uomo come noi. Non ha accettato, per esprimerci così, che si abbreviasse il mistero, né in una direzione né nell'altra, e il Concilio di Calcedonia ha cercato una formula che preserva tutta la rivelazione. Dio si è rivelato a noi nel Figlio, e il Figlio è un uomo che è vissuto in mezzo a noi, ha sofferto, è morto, è risorto.
"Dio dice la lettera agli Ebrei aveva già parlato nei tempi antichi molte volte e in diversi modi ai padri per mezzo dei profeti". E parlando per mezzo dei profeti Dio aveva fatto desiderare la sua presenza: "Se tu squarciassi i cieli e scendessi!" esclamava Isaia. E Dio è disceso, si è reso presente nel Figlio: "A noi Dio ha parlato per mezzo del Figlio".

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Il Signore ha stabilito con lui un’alleanza di pace;
lo ha fatto principe del suo popolo
e lo ha costituito suo sacerdote per sempre. (cf. Sir 45,24)


Colletta
O Dio, che non permetti alle potenze del male
di prevalere contro la tua Chiesa,
fondata sulla roccia di Pietro,
per l’intercessione del papa san Leone Magno
fa’ che resti salda nella tua verità
e proceda sicura nella pace.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Fm 1,7-20
Accoglilo non più come schiavo, ma come fratello carissimo.

Dalla lettera di san Paolo apostolo a Filèmone

Fratello, la tua carità è stata per me motivo di grande gioia e consolazione, perché per opera tua i santi sono stati profondamente confortati.
Per questo, pur avendo in Cristo piena libertà di ordinarti ciò che è opportuno, in nome della carità piuttosto ti esorto, io, Paolo, così come sono, vecchio, e ora anche prigioniero di Cristo Gesù. Ti prego per Onèsimo, figlio mio, che ho generato nelle catene, lui, che un giorno ti fu inutile, ma che ora è utile a te e a me. Te lo rimando, lui che mi sta tanto a cuore.
Avrei voluto tenerlo con me perché mi assistesse al posto tuo, ora che sono in catene per il Vangelo. Ma non ho voluto fare nulla senza il tuo parere, perché il bene che fai non sia forzato, ma volontario. Per questo forse è stato separato da te per un momento: perché tu lo riavessi per sempre; non più però come schiavo, ma molto più che schiavo, come fratello carissimo, in primo luogo per me, ma ancora più per te, sia come uomo sia come fratello nel Signore.
Se dunque tu mi consideri amico, accoglilo come me stesso. E se in qualche cosa ti ha offeso o ti è debitore, metti tutto sul mio conto. Io, Paolo, lo scrivo di mio pugno: pagherò io. Per non dirti che anche tu mi sei debitore, e proprio di te stesso! Sì, fratello! Che io possa ottenere questo favore nel Signore; da’ questo sollievo al mio cuore, in Cristo!

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 145

Beato chi ha per aiuto il Dio di Giacobbe.

Il Signore rende giustizia agli oppressi,
dà il pane agli affamati.
Il Signore libera i prigionieri.

Il Signore ridona la vista ai ciechi,
il Signore rialza chi è caduto,
il Signore ama i giusti,
il Signore protegge i forestieri.

Egli sostiene l’orfano e la vedova,
ma sconvolge le vie dei malvagi.
Il Signore regna per sempre,
il tuo Dio, o Sion, di generazione in generazione.

Canto al Vangelo (Gv 15,5)
Alleluia, alleluia.
Io sono la vite, voi i tralci, dice il Signore;
chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto.
Alleluia.

>

Vangelo

Lc 17,20-25
Il regno di Dio è in mezzo a voi.


+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, i farisei domandarono a Gesù: «Quando verrà il regno di Dio?». Egli rispose loro: «Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: “Eccolo qui”, oppure: “Eccolo là”. Perché, ecco, il regno di Dio è in mezzo a voi!».
Disse poi ai discepoli: «Verranno giorni in cui desidererete vedere anche uno solo dei giorni del Figlio dell’uomo, ma non lo vedrete. Vi diranno: “Eccolo là”, oppure: “Eccolo qui”; non andateci, non seguiteli. Perché come la folgore, guizzando, brilla da un capo all’altro del cielo, così sarà il Figlio dell’uomo nel suo giorno. Ma prima è necessario che egli soffra molto e venga rifiutato da questa generazione».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Con la sua morte e risurrezione, Cristo fa di noi degli uomini capaci di vivere come lui è vissuto. Domandiamo al Padre la grazia di agire da risorti e diciamo:
Vieni, Signore Gesù.

Nelle nostre case, ricche di tutto ma povere di amore e di preghiera, noi ti invochiamo:
Nei nostri ospedali dove il dolore annebbia la fede e spegne la speranza, noi ti invochiamo:
Nelle scuole e nelle fabbriche che programmano un avvenire privo di te, noi ti invochiamo:
In un mondo ancora pieno di infelici, sfruttati e perseguitati, noi ti invochiamo:
Nella gioia e nel dolore, nella vittoria e nel rimorso, noi ti invochiamo:
Nella nostra comunità, quando gli slanci cedono il passo ai tradimenti e ai compromessi, noi ti invochiamo:
Al tramonto della vita, alla sera d'ogni nostra giornata, all'alba d'ogni nostro progetto, noi ti invochiamo:

O Dio, ci proponi di vivere in terra come cittadini del cielo, d'essere nel mondo come lievito che vivifica. Poiché nulla è impossibile a te, donaci l'energia dello Spirito che ci aiuti a conformarci a Cristo nostro Signore. Egli è Dio e vive e regna con te nei secoli eterni. Amen.

Preghiera sulle offerte
Accogli, Signore,
le offerte del nostro servizio sacerdotale
e fa’ risplendere sulla santa Chiesa la tua luce,
perché in ogni parte della terra
il gregge progredisca sulla via del bene
e, docili alla tua guida,
i pastori siano graditi al tuo nome.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
“Ecco, io sono con voi tutti i giorni,
sino alla fine del mondo”, dice il Signore. (Mt 28,20)


Preghiera dopo la comunione
Guarda con paterna bontà, Signore,
la tua Chiesa,
che hai nutrito alla mensa dei santi misteri,
e guidala con mano potente,
perché cresca nella perfetta libertà
e custodisca l’integrità della fede.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 10-11-2016)
Quando verrà il regno di Dio?
Leggendo le Antiche Profezie, secondo la loro lettera, il popolo dei figli di Israele, si attendeva qualcosa di straordinario, eclatante, una vera manifestazione della gloria del Signore. Gli eventi dell'Esodo sarebbero dovuti essere oscurati, tanto portentosa sarebbe stata la venuta del regno di Di ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 10-11-2016)
Commento su Lc 17, 20-21
In quel tempo, i farisei domandarono a Gesù: «Quando verrà il regno di Dio?». Egli rispose loro: «Il regno di Dio non viene in modo da attirare l'attenzione, e nessuno dirà: "Eccolo qui", oppure: "Eccolo là". Perché, ecco, il regno di Dio è in mezzo a voi!». Lc 17, 20-21 Come vivere questa Parola? ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 12-11-2015)
Commento su Sap 7, 2-,26
"La Sapienza È effluvio della potenza di Dio, emanazione genuina della gloria dell'Onnipotente; per questo nulla di contaminato penetra in essa. È riflesso della luce perenne, uno specchio senza macchia dell'attività di Dio e immagine della sua bontà". Sapienza 7, 2-,26 Come vivere questa Parola? ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 13-11-2014)
Commento su Fm 17-20
«Se dunque tu mi consideri amico, accoglilo (Onésimo) come me stesso. E se in qualche cosa ti ha offeso o ti è debitore, metti tutto sul mio conto. Io, Paolo, lo scrivo di mio pugno: pagherò io. Per non dirti che anche tu mi sei debitore, e proprio di te stesso! Sì, fratello! Che io possa ottenere q ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 13-11-2014)
Quando verrà il regno di Dio?
Il regno di Dio verrà quando sorgerà il Re di questo regno. Sempre i profeti sono stati gli annunziatori di questo regno. La loro descrizione è oltre ogni umana intelligenza, immaginazione, fantasia. Il primo fra tutti è Isaia, che può essere definito a giusta ragione il profeta del Messia del Signo ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 14-11-2013)
Commento su Lc 17,20-25
Il Regno di Dio è in mezzo a noi dice il Signore, è impastato col nostro mondo, ne fa parte integrante, ne è intimamente connesso. Ne fa parte, non è altro, non è qualcosa di diverso. Molti, ci ammonisce il Signore, pensano di incontrarlo altrove, negli eventi eclatanti, correndo dietro a miracoli e ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 14-11-2013)
Perché, ecco, il regno di Dio è in mezzo a voi!
Più si legge la Scrittura e più si entra nel mistero. Il mistero rimane sempre inafferrabile, indecifrabile, infinito, eterno. Tuttavia attraverso il grande potentissimo telescopio della Scrittura il mistero a poco a poco comincia a delinearsi. In qualche modo lo si riesce anche a scoprire nella sua ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 14-11-2013)
Essere ripudiati ed offesi dai propri figli
Ma prima è necessario che egli soffra molto e venga ripudiato da questa generazione Quante cose facciamo ogni giorno per gli altri, per i figli, genitori, anziani parenti, semplici conoscenti. Nessuno pretende un grazie, nessuno aiuta chi ama per avere un sorriso, ma purtroppo accade spesso che c ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 14-11-2013)
Commento su Sapienza 7,22-24
Nella Sapienza c'è uno spirito intelligente, santo, unico, molteplice, sottile, agile, penetrante, senza macchia, schietto, inoffensivo, amante del bene, pronto, libero, benefico, amico dell'uomo, stabile, sicuro, tranquillo, che può tutto e tutto controlla, che penetra attraverso tutti gli spiriti ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 15-11-2012)
Commento su Luca 17,20-25
Le parole di Gesù sono davvero di difficile interpretazione: il Regno è già in mezzo a noi, dice, ma non viene con fragore, cresce con discrezione, senza che ce ne accorgiamo. Gesù non illude i suoi discepoli e le prime comunità che ne aspettavano il ritorno con ansia e preoccupazione. Il ritorno de ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 15-11-2012)
Vi diranno: Eccolo là, o: eccolo qua; non andateci, non seguiteli
Quante tentazioni ogni giorno della nostra vita. Quante volte abbiamo avuto la possibilità di cambiare strada e seguire il percorso sbagliato. Le vicende di tanti politici in questo periodo lo dimostrano, persone oneste che davanti alla tentazione di impossessarsi di soldi e potere scendono a patto ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15-11-2012)
Il regno di Dio non viene in modo da attirare l'attenzione
Il Regno di Dio è un dono, una rivelazione della Sapienza. Chi vive di stoltezza mai potrà conoscere il regno di Dio. Chi si consuma nell'insipienza, mai riuscirà a vedere il regno di Dio che viene in un modo così discreto, umile, da poter attirare l'attenzione. La sapienza è tutto per un uomo. Con ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 15-11-2012)
Commento su Luca 17,20
Quando verrà il regno di Dio? Lc 17,20 Come vivere questa parola? Sono i farisei che interrogano Gesù sul venire del regno, ma forse è anche una domanda che oggi giorno, molti si pongono. Sovente si dà l'impressione di far coincidere il regno di Dio con la fine del mondo e così nascono ?profezie' ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 10-11-2011)
Commento su Sapienza 7,29
[La Sapienza] è più radiosa del sole e supera ogni costellazione. Sap 7,29 Come vivere questa Parola? La liturgia di oggi ci presenta la personificazione della Sapienza: dono la cui preziosità e indispensabilità è messa in luce dalle ventuno qualità (7x3 = pienezza di perfezione) che le sono attr ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 10-11-2011)
I silenzi di Dio
Il popolo d'Israele, al tempo di Gesù, era stanco di subire esili e sopraffazioni. Sotto questa forte pressione psicologica, che feriva l'orgoglio di sentirsi prima prediletto e poi umiliato dal Signore degli eserciti, autore da sempre delle loro vittorie e del loro riscatto dalle diverse schiavitù, ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 10-11-2011)
Il regno di Dio è in mezzo a voi!
Nell'Antica Scrittura si narra che quando venne il regno di Davide nel popolo del Signore, esso fu instaurato con una grande conquista: quella di Gerusalemme, ancora in mano ai Gebusei: "Vennero allora tutte le tribù d'Israele da Davide a Ebron, e gli dissero: «Ecco noi siamo tue ossa e tua carne. G ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 11-11-2010)
Quando verrà il regno di Dio?
A volte la nostra mente, religiosamente parlando, si concentra su delle immagini del passato e pretende obbligare Dio ad agire sempre alla stessa maniera. Nell'antichità Dio aveva mostrato la sua potenza con i figli di Israele, distruggendo in un solo colpo, tutto l'esercito del faraone e lo stesso ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 11-11-2010)
La venuta del regno di Dio
Gesù aveva iniziato la sua predicazione annunciando l'avvento del suo regno: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!». Molti avevano però frainteso quel messaggio. Erano convinti che il messia atteso dovesse restaurare il regno di Israele, riportarlo al primitivo splendore, riaffermarne i ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 12-11-2009)

È statistico: ogni qualche tempo qualcuno preannuncia la fine dei tempi. Che sia un cattolico millenarista o un Testimone di Geova, un appassionato di antiche civiltà (adesso va molto di moda la fine del mondo il 21 dicembre 2012 da calendario maya, fa molto chic) o un ecologista spaventato (c'è di ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 13-11-2008)

Il Regno di Dio è in mezzo a noi, dice il Signore Gesù con sconcertante sicurezza, quindi se non ce ne accorgiamo il problema è nostro, non suo. E questo mi mette in crisi, sinceramente: allora il Regno non è una specie di favola che finisce bene, di situazione idilliaca, di armonia tra le persone e ...
(continua)