LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 20 Maggio 2016 <

Mercoledì 18 Maggio 2016

Giovedì 19 Maggio 2016

Venerdì 20 Maggio 2016

Sabato 21 Maggio 2016

Domenica 22 Maggio 2016

Lunedì 23 Maggio 2016

Martedì 24 Maggio 2016

Mercoledì 25 Maggio 2016

Giovedì 26 Maggio 2016

Venerdì 27 Maggio 2016


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Venerdì della VII settimana del Tempo Ordinario (Anno pari)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Verde
PO075 ;
Gesù, Verbo di Dio fatto carne, non ci insegna forse che egli è nel Padre e il Padre è in lui, e che pregherà il Padre di inviarci lo Spirito di verità? Non ha forse pregato nel Getsemani perché noi fossimo una cosa sola, come lui e il Padre sono una cosa sola? Gesù ci ricorda l’originaria analogia voluta da Dio: Dio che è comunione (uno e trino) crea l’uomo a sua immagine, a immagine di Dio lo ha creato (uno benché due... ed anche tre poiché il Signore è la loro comunione).
La dottrina di Gesù riguardante il matrimonio è quella delle origini: non c’è matrimonio senza comunione, comunione dei corpi, comunione degli spiriti e dei cuori; ma corpo più spirito più cuore è in ebraico “Bachar”, che significa carne. Quando si dice che il Verbo si è fatto carne, non significa soltanto che il Verbo si è rivestito del corpo di un uomo. No, significa anche che il Verbo ha assunto tutta la condizione del “Bachar”, corpo, spirito e cuore. Ma tale “Bachar” non può vivere se non grazie allo spirito di Dio. Se se ne separa, come Adamo ed Eva, sceglie la morte.
Comunione della carne, certo, ma essa è possibile solo dove sia presente lo Spirito di Dio. In questo senso Gesù dice: “È lo Spirito che dà la vita, la carne non giova a nulla” (Gv 6,63). L’adulterio consiste nel ripudiare lo spirito per la carne. Ecco perché san Paolo scriverà ai cristiani di Corinto: “Non sapete che i vostri corpi sono membra di Cristo? Prenderò dunque le membra di Cristo e ne farò membra di una prostituta? Non sia mai! O non sapete voi che chi si unisce alla prostituta forma con essa un corpo solo? I due saranno, è detto, un corpo solo. Ma chi si unisce al Signore forma con lui un solo spirito” (1Cor 6,15-17).
Ecco posti i principi. Per viverli abbiamo bisogno dello Spirito di Dio. Gesù allora ci dice: “Se dunque voi, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro celeste darà lo Spirito Santo a coloro che glielo chiedono” (Lc 11,13).
Chiedete allora lo Spirito al Padre prima della scelta dello sposo o della sposa, durante la decisione e dopo lo scambio delle promesse. In questo modo Cristo si farà carne in voi per sempre, in una comunione, ad immagine di Dio uno e trino.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Confido, Signore, nella tua misericordia.
Gioisca il mio cuore nella tua salvezza,
canti al Signore che mi ha beneficato. (Sal 13,6)


Colletta
Il tuo aiuto, Padre misericordioso,
ci renda sempre attenti alla voce dello Spirito,
perché possiamo conoscere
ciò che è conforme alla tua volontà
e attuarlo nelle parole e nelle opere.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Giac 5,9-12
Ecco, il giudice è alle porte.

Dalla lettera di san Giacomo apostolo

Non lamentatevi, fratelli, gli uni degli altri, per non essere giudicati; ecco, il giudice è alle porte.
Fratelli, prendete a modello di sopportazione e di costanza i profeti che hanno parlato nel nome del Signore. Ecco, noi chiamiamo beati quelli che sono stati pazienti. Avete udito parlare della pazienza di Giobbe e conoscete la sorte finale che gli riserbò il Signore, perché il Signore è ricco di misericordia e di compassione.
Soprattutto, fratelli miei, non giurate né per il cielo, né per la terra e non fate alcun altro giuramento. Ma il vostro «sì» sia sì, e il vostro «no» no, per non incorrere nella condanna.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 102

Misericordioso e pietoso è il Signore.

Benedici il Signore, anima mia,
quanto è in me benedica il suo santo nome.
Benedici il Signore, anima mia,
non dimenticare tutti i suoi benefici.

Egli perdona tutte le tue colpe,
guarisce tutte le tue infermità,
salva dalla fossa la tua vita,
ti circonda di bontà e misericordia.

Misericordioso e pietoso è il Signore,
lento all’ira e grande nell’amore.
Non è in lite per sempre,
non rimane adirato in eterno.

Perché quanto il cielo è alto sulla terra,
così la sua misericordia è potente su quelli che lo temono;
quanto dista l’oriente dall’occidente,
così egli allontana da noi le nostre colpe.

Canto al Vangelo (Gv 17,17)
Alleluia, alleluia.
La tua parola, Signore, è verità;
consacraci nella verità.
Alleluia.

>

Vangelo

Mc 10,1-12
L’uomo non divida quello che Dio ha congiunto.


+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù, partito da Cafàrnao, venne nella regione della Giudea e al di là del fiume Giordano. La folla accorse di nuovo a lui e di nuovo egli insegnava loro, come era solito fare.
Alcuni farisei si avvicinarono e, per metterlo alla prova, domandavano a Gesù se è lecito a un marito ripudiare la propria moglie. Ma egli rispose loro: «Che cosa vi ha ordinato Mosè?». Dissero: «Mosè ha permesso di scrivere un atto di ripudio e di ripudiarla».
Gesù disse loro: «Per la durezza del vostro cuore egli scrisse per voi questa norma. Ma dall’inizio della creazione [Dio] li fece maschio e femmina; per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una carne sola. Così non sono più due, ma una sola carne. Dunque l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto».
A casa, i discepoli lo interrogavano di nuovo su questo argomento. E disse loro: «Chi ripudia la propria moglie e ne sposa un’altra, commette adulterio verso di lei; e se lei, ripudiato il marito, ne sposa un altro, commette adulterio».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Se la sapienza umana ci dice che l'amicizia è un tesoro prezioso, la sapienza divina ci ricorda che radice di ogni benevolenza è Dio stesso, lento all'ira e grande all'amore. Confidando pienamente in lui, con cuore di figli, chiediamo:
Conservaci, Padre, nel tuo amore!

- Perché la Chiesa sia sempre più l'assemblea di coloro che si amano intensamente nel nome del Signore. Preghiamo.
- Perché i giovani, così sensibili ai valori dell'amicizia, sappiano farne il fulcro di un mondo nuovo, più solidale e pacificato. Preghiamo.
- Perché le coppie cristiane, sperimentino, nelle situazioni concrete di ogni giorno, l'efficacia del loro sacramento e siano segni di speranza per chi vive in difficoltà. Preghiamo.
- Perché le persone divorziate e separate trovino, nella bontà di chi vive loro intorno, l'immagine della misericordia e del perdono di Dio. Preghiamo.
- Perché questa eucaristia purifichi il cuore dell'uomo dall'idolo della sensualità e da ogni vana agitazione. Preghiamo.
- Per i figli delle famiglie separate. Preghiamo.
- Per tutti coloro che operano per la promozione della famiglia. Preghiamo.

O Signore, che in Gesù Cristo hai stretto la tua alleanza con l'uomo, guida i nostri passi sulla via dell'unità, e Fa' che le nostre amicizie di quaggiù siano preludio della comunione con la beata Trinità. Per Cristo, nostro amico e difensore, che vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.

Preghiera sulle offerte
Accogli, Signore, quest’offerta
espressione della nostra fede;
fa’ che dia gloria al tuo nome
e giovi alla salvezza del mondo.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Annunzierò tutte le tue meraviglie.
In te gioisco ed esulto, canto inni al tuo nome,
o Altissimo. (Sal 9,2-3)

Oppure:
Signore, io credo che tu sei il Cristo,
il Figlio del Dio vivente, venuto in questo mondo. (Gv 11,27)


Preghiera dopo la comunione
Il pane che ci hai donato, Signore,
in questo sacramento di salvezza,
sia per tutti noi pegno sicuro di vita eterna.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 25-05-2018)
Commento su Gc 5,9
«Non lamentatevi fratelli gli uni degli altri, per non essere giudicati; ecco, il giudice è alle porte.» Gc 5,9 Come vivere questa Parola? L'autore della Lettera di Giacomo condivide la fede, nonché la consapevolezza comune delle prime comunità cristiane, secondo le quali, l'arrivo del momento es ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 25-05-2018)
Commette adulterio verso di lei
Quanto i farisei dicono a Gesù sulla Legge del ripudio è totalmente falso: ?Mosè ha permesso di scrivere un atto di ripudio e di ripudiarla?. La Legge era ben circostanziata. Se un uomo sposa una donna e, dopo essersi unito a lei, la prende in odio, le attribuisce azioni scandalose e diffonde sul s ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24-02-2017)
Commento Mc 10,9
«L'uomo non divida quello che Dio ha congiunto» Mc 10,9 Come vivere questa Parola? Gesù ci dà un esemplare insegnamento riguardo al matrimonio: la sua unità e indissolubilità. Mentre i Farisei, appellandosi alla legge di Mosè, dicevano che si poteva allontanare la propria moglie dandole un atto ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24-02-2017)
L'uomo non divida quello che Dio ha congiunto
Il passaggio dall'unità di spirito, anima, corpo alla separazione dell'unità iniziale in due spiriti, due anime, due corpi è avvenuto con il peccato. È sempre e solo il peccato "la scure" che divide in due il solo corpo creato da Dio nel matrimonio. La Genesi rivela questa verità con chiarezza sopra ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 20-05-2016)
Commento su Mc 10,9
«L'uomo non divida quello che Dio ha congiunto». Mc 10,9 Come vivere questa Parola? I Farisei, per cogliere in fallo Gesù, gli chiedono se sia lecito all'uomo ripudiare la propria moglie, e ricordano che Mosè aveva dato la possibilità di scrivere un atto di ripudio. Gesù risponde che questo è sta ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 28-02-2014)

No, non è vero che Gesù ha autorizzato il ripudio di un marito nei confronti della moglie. In alcuni casi la legge tollerava una cosa del genere solo in casi eccezionali. In caso di tradimento, ad esempio, secondo la versione restrittiva di uno dei grandi rabbini contemporanei di Gesù, Shammai. Anch ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 28-02-2014)
La durezza del cuore e la legge antica
Fedeltà viene da fede e questa è un dono divino che, in modi diversi, non viene negata a nessuno. La fedeltà coniugale scaturisce poi dalla concezione che ognuno ha dell'amore, questo di sua natura dovrebbe essere unitivo, esclusivo, perenne e indissolubile. Solo per la fragilità umana e per la dure ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28-02-2014)
Li fece maschio e femmina
Il peccato è il distruttore di ogni unità: unita Dio-uomo, unità uomo- donna, unità uomo-creato, unità fratello-fratello. È sufficiente leggere nella Genesi il prima e il dopo del peccato e per chi è di buona volontà, dal cuore libero, scoprirà una grande luce. Allora il Signore Dio fece scendere ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28-02-2014)
Commento su Mc 10,2-7
"Alcuni farisei si avvicinarono e, per metterlo alla prova, gli domandavano se è lecito a un marito ripudiare la propria moglie. 3Ma egli rispose loro: «Che cosa vi ha ordinato Mosè?». 4Dissero: «Mosè ha permesso di scrivere un atto di ripudio e di ripudiarla».5Gesù disse loro: «Per la durezza del v ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 24-05-2013)
Commento su Mc 10,1-12
Esisteva il divorzio, al tempo di Gesù. Maschilista, ovviamente, ma lecito e santo, attribuito addirittura a Mosè: chi mai l'avrebbe messo in discussione? Pungolato sul vivo il Signore spiazza tutti: gli uomini ragionano per conto loro, Dio non ha pensato niente del genere. È bello poterci dire che ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 24-05-2013)
L'uomo dunque non separi ciò che Dio ha congiunto
Sono stato abituato dai miei genitori a pensare bene a ciò che faccio prima di prendere una decisione, specie se importante e che coinvolga altre persone, ed una volta presa a non tornare indietro. Oggi, purtroppo, ci sono troppe persone che fanno scelte di vita con troppa leggerezza, spesso in nom ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 24-05-2013)
L'uomo non separi ciò che Dio unisce
È frutto della divina sapienza, della potenza infinita del creatore e Signore l'ordine che regola l'universo, gli uomini e le cose. Sin dal principio, creando l'uomo a sua immagine e somiglianza, creando l'uomo e la donna, diversi ma complementari, li ha resi capaci di amore e fecondi per la vita. L ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24-05-2013)
Commento su Siracide 6,17
Chi teme il Signore sa scegliere gli amici: come è lui, tali saranno i suoi amici Sir 6,17 Come vivere questa Parola? È una sorta di trattato sull'amicizia il sesto capitolo del Siracide che ci delinea le caratteristiche di un amico vero e le modalità per scoprirlo. Nello stesso tempo ci stimola ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24-05-2013)
Dunque l'uomo non divida quello che Dio ha congiunto
La volontà di Dio sul progetto uomo - donna è contenuto nelle prime pagine della Genesi. È un pensiero puro, perfetto, santo. L'uomo e la donna sono portatori di un grande mistero. Ad essi il Signore ha dato il governo del mondo, oltre che il mandato di riempire la terra con i loro discendenti. Si r ...
(continua)