LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 11 Marzo 2016 <

Mercoledì 9 Marzo 2016

Giovedì 10 Marzo 2016

Venerdì 11 Marzo 2016

Sabato 12 Marzo 2016

Domenica 13 Marzo 2016

Lunedì 14 Marzo 2016

Martedì 15 Marzo 2016

Mercoledì 16 Marzo 2016

Giovedì 17 Marzo 2016

Venerdì 18 Marzo 2016


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Venerdì della IV settimana di Quaresima

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Viola
EQ045 ;
Il Vangelo di oggi ci presenta il dramma di Gesù abbandonato dai capi della sua nazione. Gesù deve nascondersi, e il popolo non sa cosa pensare di lui, perché i capi religiosi della nazione non credono nella sua dignità di Messia. I farisei non credono in Gesù, perché lo giudicano secondo i principi formali del sabato e delle abluzioni rituali, e non penetrano in profondità nel suo insegnamento. I sacerdoti rifiutano Gesù per motivi politici. Che cosa ne è di lui oggi, fra di noi? Le parole di Gesù che attestano la sua identità ed invitano a credere, non si scontrano oggi nel nostro mondo con simili difficoltà di credibilità?
Quali sono le cause della debolezza della nostra fede? Sicuramente le forme attuali di pensiero sembrano diverse da quelle del tempo di Gesù, e non si tratta sempre di formalismo religioso. È a volte scientifico, a volte legato ai costumi. Anche le considerazioni politiche si formano in modo diverso pur essendo comunque essenziali. I marxisti non sono i soli ad aver rifiutato la fede nel nome di una teoria politica. Le società del consumo, nella corsa al benessere materiale, fanno in pratica la stessa cosa, anche se non la teorizzano. E noi, siamo capaci di credere in modo da assumere la responsabilità del dramma di Gesù e, con lui, di esporci al rifiuto, al giudizio degli altri, o ancora di lasciarci implicare in qualche conflitto con chi ci sta intorno? Si può trattare semplicemente di un conflitto all’interno della Chiesa a motivo del formalismo morale, o un conflitto all’interno di una società laica nella difesa del bene, del prossimo e dei suoi diritti alla vita e a una giustizia equa. Che cosa abbiamo fatto per introdurre nella vita sociale e politica dei nostri paesi, che conoscono il Vangelo da secoli, i principi dell’amore del prossimo? Non meritiamo forse il rimprovero di Gesù, perché non osserviamo la legge divina, perché uccidiamo e nuociamo agli altri?

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Salvami, o Dio, per il tuo nome,
e nella tua potenza rendimi giustizia.
Ascolta, o Dio, la mia preghiera,
porgi l’orecchio alle parole della mia bocca. (Sal 54,3-4)


Colletta
Padre santo, che nei tuoi sacramenti
hai posto il rimedio alla nostra debolezza,
fa’ che accogliamo con gioia i frutti della redenzione
e li manifestiamo nel rinnovamento della vita.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Sap 2,1.12-22
Condanniamolo a una morte infame.

Dal libro della Sapienza

Dicono [gli empi] fra loro sragionando:
«Tendiamo insidie al giusto, che per noi è d’incomodo
e si oppone alle nostre azioni;
ci rimprovera le colpe contro la legge
e ci rinfaccia le trasgressioni contro l’educazione ricevuta.
Proclama di possedere la conoscenza di Dio
e chiama se stesso figlio del Signore.
È diventato per noi una condanna dei nostri pensieri;
ci è insopportabile solo al vederlo,
perché la sua vita non è come quella degli altri,
e del tutto diverse sono le sue strade.
Siamo stati considerati da lui moneta falsa,
e si tiene lontano dalle nostre vie come da cose impure.
Proclama beata la sorte finale dei giusti
e si vanta di avere Dio per padre.
Vediamo se le sue parole sono vere,
consideriamo ciò che gli accadrà alla fine.
Se infatti il giusto è figlio di Dio, egli verrà in suo aiuto
e lo libererà dalle mani dei suoi avversari.
Mettiamolo alla prova con violenze e tormenti,
per conoscere la sua mitezza
e saggiare il suo spirito di sopportazione.
Condanniamolo a una morte infamante,
perché, secondo le sue parole, il soccorso gli verrà».
Hanno pensato così, ma si sono sbagliati;
la loro malizia li ha accecati.
Non conoscono i misteriosi segreti di Dio,
non sperano ricompensa per la rettitudine
né credono a un premio per una vita irreprensibile.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 33

Il Signore è vicino a chi ha il cuore spezzato.

Il volto del Signore contro i malfattori,
per eliminarne dalla terra il ricordo.
Gridano i giusti e il Signore li ascolta,
li libera da tutte le loro angosce.

Il Signore è vicino a chi ha il cuore spezzato,
egli salva gli spiriti affranti.
Molti sono i mali del giusto,
ma da tutti lo libera il Signore.

Custodisce tutte le sue ossa:
neppure uno sarà spezzato.
Il Signore riscatta la vita dei suoi servi;
non sarà condannato chi in lui si rifugia.

Canto al Vangelo (Mt 4,4b)
Gloria e lode a te, o Cristo, Verbo di Dio!
Non di solo pane vivrà l’uomo,
ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio.
Gloria e lode a te, o Cristo, Verbo di Dio!

>

Vangelo

Gv 7,1-2.10.25-30
Cercavano di arrestare Gesù, ma non era ancora giunta la sua ora.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù se ne andava per la Galilea; infatti non voleva più percorrere la Giudea, perché i Giudei cercavano di ucciderlo.
Si avvicinava intanto la festa dei Giudei, quella delle Capanne. Quando i suoi fratelli salirono per la festa, vi salì anche lui: non apertamente, ma quasi di nascosto.
Alcuni abitanti di Gerusalemme dicevano: «Non è costui quello che cercano di uccidere? Ecco, egli parla liberamente, eppure non gli dicono nulla. I capi hanno forse riconosciuto davvero che egli è il Cristo? Ma costui sappiamo di dov’è; il Cristo invece, quando verrà, nessuno saprà di dove sia».
Gesù allora, mentre insegnava nel tempio, esclamò: «Certo, voi mi conoscete e sapete di dove sono. Eppure non sono venuto da me stesso, ma chi mi ha mandato è veritiero, e voi non lo conoscete. Io lo conosco, perché vengo da lui ed egli mi ha mandato».
Cercavano allora di arrestarlo, ma nessuno riuscì a mettere le mani su di lui, perché non era ancora giunta la sua ora.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Avvicinandosi la sua ora, Gesù dà testimonianza al Padre. Con lui, giusto perseguitato, servo sofferente e solidale con noi fino alla fine, ci rivolgiamo al Padre dicendo:
Fà che rimaniamo in te, Signore!

Dona alla tua Chiesa il coraggio di scegliere Gesù Cristo, il Signore ieri, oggi e sempre. Ti preghiamo:
Provvedi il tuo popolo di profeti e pastori, perchè compia un buon cammino sulla strada del Regno. Ti preghiamo:
Assisti gli innocenti perseguitati e quelli che sono bisognosi di redenzione e di speranza. Ti preghiamo:
Toglici dal cuore l'aggressività e il rancore verso chi ci turba con la sua diversità. Ti preghiamo;
Donaci uno sguardo sincero quando esaminiamo i nostri sentimenti, le abitudini e le scelte di vita. Ti preghiamo:
Per quanti patiscono violenza fisica e psichica.
Per le minoranze che devono difendere i loro valori.

O Signore, che ci hai redenti nel sangue del Figlio, custodisci nella prova, perchè rimaniamo miti e fiduciosi come l'Agnello cui dobbiamo la nostra salvezza. Egli vive e regna con te nei secoli dei secoli. Amen.

Preghiera sulle offerte
La potenza di questo sacrificio
ci liberi, Signore, dal peccato
e ci faccia giungere più puri alle feste pasquali,
principio della nostra salvezza.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO DI QUARESIMA IV
I frutti del digiuno

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno.
Con il digiuno quaresimale
tu vinci le nostre passioni, elevi lo spirito,
infondi la forza e doni il premio,
per Cristo nostro Signore.
Per questo mistero si allietano gli angeli
e per l’eternità adorano la gloria del tuo volto.
Al loro canto concedi, o Signore,
che si uniscano le nostre umili voci
nell’inno di lode: Santo...


Antifona di comunione
In Cristo abbiamo la redenzione
mediante il suo sangue,
la remissione dei peccati
secondo la ricchezza della sua grazia. (Ef 1,7)


Preghiera dopo la comunione
O Padre, questo sacramento
che segna per noi il passaggio
dall’antica alla nuova alleanza,
ci spogli dell’uomo vecchio
e ci rivesta del Cristo nella giustizia e nella santità.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 31-03-2017)
Commento su Sap, 2, 1
Tendiamo insidie al giusto, che per noi è d'incomodo e si oppone alle nostre azioni... Sap, 2, 1 Come vivere questa Parola? Le parole del libro della sapienza ribadiscono un'esperienza fatta dagli inizi dei tempi e che continua oggi: vivere per la verità, la giustizia, la misericordia e la pace n ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 31-03-2017)
Eppure non sono venuto da me stesso
Due Salmi annunciano che il Messia del Signore, prima che dalla terra, viene dal seno del Padre. Vene dal suo cuore, dalla sua vita, dalla sua essenza eterna, rimanendo però la sua sola ed unica essenza eterna. Gesù vuole che questa verità mai venga dimenticata. Prima che frutto di un uomo, il Messi ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 11-03-2016)
Il Cristo, quando verrà, nessuno saprà di dove sia
I Profeti rivelano molte volte e in diversi modi l'origine del Messia di Dio. Isaia ci annunzia che Lui sarà dal tronco di Iesse e Michea che nascerà in Betlemme. Un germoglio spunterà dal tronco di Iesse, un virgulto germoglierà dalle sue radici. Su di lui si poserà lo spirito del Signore, spirito ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 11-03-2016)
Commento su Gv 7, 28
«Non sono venuto da me stesso, ma chi mi ha mandato è veritiero, e voi non lo conoscete. Io lo conosco, perché vengo da lui ed egli mi ha mandato» Gv 7, 28 Come vivere questa Parola? Il vangelo di oggi ci presenta Gesù, che vive il dramma dell'abbandono da parte dei capi della sua nazione, i qual ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 20-03-2015)
Commento su Gv 7,30
"Cercavano allora di arrestarlo, ma nessuno riuscì a mettere le mani su di lui, perché non era ancora giunta la sua ora." Gv 7,30 Come vivere questa Parola? L'ora del Figlio non è determinata dagli uomini, ma dal Padre! Anche alle nozze di Cana l'ora "non era ancora giunta". L'ora di Gesù è ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 20-03-2015)
Perché vengo da lui ed egli mi ha mandato
Quando il popolo si impossessa di qualsiasi notizia, anche della più santa e perfetta, conservarla intatta diviene assai difficile. Ogni trasformazione è possibile. Il popolo afferma, anzi sostiene, argomenta che Gesù non è il Cristo, perché si conosce che Lui viene da Nazaret. "Invece quando il Cri ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-04-2014)
E voi non lo conoscete
Dio si conosce per obbedienza ad ogni sua parola. Si ascolta la sua voce, si fa quanto lui dice, a poco a poco mente, cuore, volontà, desideri, sentimenti, lo stesso corpo si riveste di Dio. Lo si conosce. Si diviene luce come Lui è luce, verità della sua verità, santità della sua divina ed eterna s ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-04-2014)
Commento su Sap 2, 1;12
«Dicono[gli empi] fra loro sragionando: "Tendiamo insidie al giusto, che per noi è d'incomodo e si oppone alle nostre azioni; ci rimprovera le colpe contro la legge e ci rinfaccia le trasgressioni contro l'educazione ricevuta"». Sap 2, 1;12 Come vivere questa Parola? Ci avviciniamo al tempo di p ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 15-03-2013)
Commento su Gv 7,1-2.10.25-30
C'è sempre qualcuno che ha bisogno di conferme, che sbatte i pugni, che si appella alle regole. Il problema, nell'infuocata diatriba fra Gesù e i suoi correligionari, è che egli parla liberamente e nessuno lo ferma. Forse lo hanno riconosciuto come Messia? Quante volte qualche cattolico fervente mi ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 15-03-2013)
Ecco, egli parla liberamente, e non gli dicono niente
Insegno sempre ai miei ragazzi che quando non abbiamo nulla da nascondere, quando riteniamo di aver fatto bene il nostro dovere, anche se qualcuno parla male di noi, anche se le istituzioni ci osteggiano, la cosa giusta da fare è quella di non nascondersi, di mostrarsi agli altri, in pubblico, come ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15-03-2013)
Vengo da lui ed egli mi ha mandato
Ogni profeta veniva mandato da Dio. Nell'Antico Israele re e sacerdoti si diveniva per nascita. Solo il profeta è il frutto perenne della volontà del Signore. Questa verità è così espressa con fermezza dal profeta Amos dinanzi al sacerdote Amasia. Ecco ciò che mi fece vedere il Signore Dio: quand ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 15-03-2013)
Commento su Sapienza 2,12
Tendiamo insidie al giusto, che per noi è d'incomodo e si oppone alle nostre azioni; ci rimprovera le colpe contro la legge e ci rinfaccia le trasgressioni contro l'educazione ricevuta Sap 2,12 Come vivere questa Parola? La parola di oggi sembra porsi in continuità con quella di ieri. Qui il g ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 23-03-2012)
Commento su Giovanni 7,1-2.10.25-30
Due suggestioni emergono dal vangelo di oggi. La prima è il bisogno continuo di avere i bolli di certificazione da parte dell'autorità religiosa per capire cosa succede intorno a noi. Gli abitanti di Gerusalemme sono piuttosto scocciati dal fatto che Gesù non sia messo a tacere e si lamentano dell'e ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 23-03-2012)
Commento su Giovanni 7,27
Ma costui sappiamo di dov'è, il Cristo invece, quando verrà, nessuno saprà di dove sia. Gv 7,27 Come vivere questa parola? È la festa delle capanne e Gesù va di nascosto a Gerusalemme per non scontrarsi con le autorità religiose. Arrivato nel Tempio si mette ad insegnare alla gente, perplessa ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23-03-2012)
Chi mi ha mandato è veritiero, e voi non lo conoscete
È vero. Il Messia di Dio è dalla stirpe di Davide: "Quando i tuoi giorni saranno compiuti e tu dormirai con i tuoi padri, io susciterò un tuo discendente dopo di te, uscito dalle tue viscere, e renderò stabile il suo regno. Egli edificherà una casa al mio nome e io renderò stabile il trono del suo r ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 08-04-2011)

Dalla Parola del giorno Gesù allora, mentre insegnava nel tempio, esclamò: «Certo, voi mi conoscete e sapete di dove sono. Eppure non sono venuto da me stesso, ma chi mi ha mandato è veritiero, e voi non lo conoscete. Come vivere questa Parola? Il rischio più grande che possiamo correre anche o ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 08-04-2011)
Chi mi ha mandato è veritiero, e voi non Io conoscete
Gesù è prudente. Sommamente prudente. Mai sfida quanti gli sono ostili e vogliono fargli del male. Mosso dallo Spirito Santo, sa quando restare, quando muoversi, quando ritirarsi, quando giungere e quando partire. Sa anche se deve fare una cosa pubblicamente, assieme agli altri, oppure segretamente, ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 08-04-2011)
Costruire il Regno
Gesù passa nella storia, senza essere preso nella storia. Passa tra la gente, senza essere preso dalla gente. Entra nelle vicende, senza essere preso dalle vicende. La libertà di Gesù è la capacità di essere dappertutto senza essere vincolato da nessuna situazione, da nessuna persona, da nessun ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 27-03-2009)

Gesù è prudente, non cerca il martirio, va di nascosto a Gerusalemme, sapendo quanta tensione sta crescendo intorno a lui. Ormai la situazione gli sta sfuggendo di mano: all'inizio Gesù era un fenomeno "naif" da tenere sotto controllo, ora che la folla lo segue, è diventato un pericolo concreto per ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 07-03-2008)

La tensione è ormai alle stelle, l'agire del Maestro si scontra con la crescente durezza e ostilità dei capi del popolo, prima, e con gli umori della folla, poi. Tendiamo, ahimè, a leggere la storia di Gesù come se fosse una specie di romanzo di cui conosciamo già il finale. Ma il Signore ha vissuto ...
(continua)