LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 13 Settembre 2015 <

Venerdì 11 Settembre 2015

Sabato 12 Settembre 2015

Domenica 13 Settembre 2015

Lunedì 14 Settembre 2015

Martedì 15 Settembre 2015

Mercoledì 16 Settembre 2015

Giovedì 17 Settembre 2015

Venerdì 18 Settembre 2015

Sabato 19 Settembre 2015

Domenica 20 Settembre 2015


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  XXIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO B)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Verde
BO240 ;

Anche oggi si sentono le voci e i giudizi più contrastanti su Gesù: c’è chi lo ritiene un saggio, un generoso moralista, un protagonista della storia, e c’è anche chi lo calunnia, chi lo odia. Ma la sola, la vera identità di Gesù è quella proclamata da Pietro: “Tu sei il Cristo”. Se riduciamo la fede cristiana al chiuso di un orizzonte umano, per quanto nobile, siamo in errore: Cristo è venuto a portare la salvezza eterna, la speranza soprannaturale, non una dottrina per rendere più tollerabile la convivenza umana, anche se è interessato alla redenzione di tutte le realtà terrene, sempre in funzione della felicità eterna. Non basta riconoscere Gesù come Figlio di Dio: bisogna imitarlo in ciò che egli ha di più specifico, cioè nell’amore alla croce che non è il fine, ma il mezzo necessario per compiere la redenzione. Se vogliamo essere corredentori non possiamo rifuggire la croce, perché solo attraverso di essa, perdendo la nostra vita, la ritroveremo nell’eternità, partecipando alla risurrezione di Cristo.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Da’, o Signore, la pace a coloro che sperano in te;
i tuoi profeti siano trovati degni di fede;
ascolta la preghiera dei tuoi fedeli
e del tuo popolo, Israele. (cf. Sir 36,15-16)


Colletta
O Dio, che hai creato e governi l’universo,
fa’ che sperimentiamo la potenza della tua misericordia,
per dedicarci con tutte le forze al tuo servizio.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

Oppure:
O Padre, conforto dei poveri e dei sofferenti,
non abbandonarci nella nostra miseria:
il tuo Spirito Santo ci aiuti
a credere con il cuore,
e a confessare con le opere
che Gesù è il Cristo,
per vivere secondo la sua parola e il suo esempio,
certi di salvare la nostra vita
solo quando avremo il coraggio di perderla.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Is 50,5-9
Ho presentato il mio dorso ai flagellatori.

Dal libro del profeta Isaìa

Il Signore Dio mi ha aperto l’orecchio
e io non ho opposto resistenza,
non mi sono tirato indietro.
Ho presentato il mio dorso ai flagellatori,
le mie guance a coloro che mi strappavano la barba;
non ho sottratto la faccia
agli insulti e agli sputi.
Il Signore Dio mi assiste,
per questo non resto svergognato,
per questo rendo la mia faccia dura come pietra,
sapendo di non restare confuso.
È vicino chi mi rende giustizia:
chi oserà venire a contesa con me? Affrontiamoci.
Chi mi accusa? Si avvicini a me.
Ecco, il Signore Dio mi assiste:
chi mi dichiarerà colpevole?

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 114

Camminerò alla presenza del Signore nella terra dei viventi.

Amo il Signore, perché ascolta
il grido della mia preghiera.
Verso di me ha teso l’orecchio
nel giorno in cui lo invocavo.

Mi stringevano funi di morte,
ero preso nei lacci degli inferi,
ero preso da tristezza e angoscia.
Allora ho invocato il nome del Signore:
«Ti prego, liberami, Signore».

Pietoso e giusto è il Signore,
il nostro Dio è misericordioso.
Il Signore protegge i piccoli:
ero misero ed egli mi ha salvato.

Sì, hai liberato la mia vita dalla morte,
i miei occhi dalle lacrime,
i miei piedi dalla caduta.
Io camminerò alla presenza del Signore
nella terra dei viventi.

>

Seconda lettura

Giac 2,14-18
La fede se non è seguita dalle opere in se stessa è morta.

Dalla lettera di san Giacomo apostolo

A che serve, fratelli miei, se uno dice di avere fede, ma non ha opere? Quella fede può forse salvarlo?
Se un fratello o una sorella sono senza vestiti e sprovvisti del cibo quotidiano e uno di voi dice loro: «Andatevene in pace, riscaldatevi e saziatevi», ma non date loro il necessario per il corpo, a che cosa serve? Così anche la fede: se non è seguita dalle opere, in se stessa è morta.
Al contrario uno potrebbe dire: «Tu hai la fede e io ho le opere; mostrami la tua fede senza le opere, e io con le mie opere ti mostrerò la mia fede».

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Gal 6,14)
Alleluia, alleluia.
Quanto a me non ci sia altro vanto che nella croce del Signore,
per mezzo della quale il mondo per me è stato crocifisso,
come io per il mondo.
Alleluia.

>

Vangelo

Mc 8,27-35
Tu sei il Cristo… Il Figlio dell’uomo deve molto soffrire.


+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù partì con i suoi discepoli verso i villaggi intorno a Cesarèa di Filippo, e per la strada interrogava i suoi discepoli dicendo: «La gente, chi dice che io sia?». Ed essi gli risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa e altri uno dei profeti».
Ed egli domandava loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro gli rispose: «Tu sei il Cristo». E ordinò loro severamente di non parlare di lui ad alcuno.
E cominciò a insegnare loro che il Figlio dell’uomo doveva soffrire molto, ed essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e, dopo tre giorni, risorgere.
Faceva questo discorso apertamente. Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo. Ma egli, voltatosi e guardando i suoi discepoli, rimproverò Pietro e disse: «Va’ dietro a me, Satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini».
Convocata la folla insieme ai suoi discepoli, disse loro: «Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia e del Vangelo, la salverà».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Spesso sogniamo un cristianesimo facile, rassicurante e comodo. Ma il Signore ha preso su di sé la croce, e ci invita a seguirlo per la stessa via anche nei momenti difficili. Preghiamo perché ci aiuti a seguirlo quando il dolore sembra troppo grande per le nostre forze.
Preghiamo insieme e diciamo: Ascoltaci, o Signore.

1. Per il Papa, i vescovi e i sacerdoti: aiutino i cristiani a crescere nella fede e nella carità, senza lasciarci scoraggiare dalle difficoltà, preghiamo.
2. Per tutti i credenti in Cristo: trovino nella forza della fede luce e forza per assumere le proprie responsabilità e per affrontare le loro prove, preghiamo.
3. Per tutti coloro che soffrono: siano consolati nella preghiera e confortati dagli amici, preghiamo.
4. Per la nostra comunità cristiana, perché le sofferenze e i dolori dei singoli siano condivisi da tutti nella discrezione e nel silenzio, preghiamo.

Signore, tu hai sofferto per la nostra salvezza. Vieni in nostro aiuto quando siamo nel dolore e ci sentiamo abbandonati, rafforza la nostra fede e rinvigorisci la nostra speranza. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.

Preghiera sulle offerte
Accogli con bontà, Signore,
i doni e le preghiere del tuo popolo,
e ciò che ognuno offre in tuo onore
giovi alla salvezza di tutti. Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Quanto è preziosa la tua misericordia, o Dio!
Gli uomini si rifugiano all’ombra delle tue ali. (Sal 36,8)

Oppure:
Il calice della benedizione che noi benediciamo
è comunione con il sangue di Cristo;
e il pane che spezziamo
è comunione con il corpo di Cristo. (cf. 1Cor 10,16)

Oppure:
“Voi chi dite che io sia?”.
“Tu sei il Cristo”, disse Pietro a Gesù. (cf. Mc 8,29)


Preghiera dopo la comunione
La potenza di questo sacramento, o Padre,
ci pervada corpo e anima,
perché non prevalga in noi il nostro sentimento,
ma l’azione del tuo Santo Spirito.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 13-09-2015)
Commento su Gc 2,14-18
Collocazione del brano Questa è senz'altro la pagina più famosa della lettera di Giacomo. Nel suo stile concreto egli ci ricorda che la fede è importante per ottenere la salvezza, ma non giova a nulla se non si traduce in gesti concreti di amore verso i fratelli, soprattutto verso coloro che vivon ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 13-09-2015)
Commento su Mc 8,27-35
Collocazione del brano La nostra lettura di Marco ci porta alla seconda metà del capitolo 8. Protagonisti sono i discepoli di Gesù che con lui sono in viaggio verso Gerusalemme. Questo brano è considerato il culmine del vangelo di Marco, il crinale. Qui Gesù viene riconosciuto da Pietro come il Cr ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 13-09-2015)
Video Commento su Marco 8,27-35
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 13-09-2015)
Audio commento alla liturgia - Mc 8,27-35
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 13-09-2015)
La fede in Gesù chiede una vita coerente
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 13-09-2015)
Una vita esposta
Siamo ad un punto nodale del cammino in ascolto del vangelo di Marco... non è questione di capire, di conoscere, di sapere... dobbiamo entrare dentro per renderci conto che anche per noi, in quanto cristiani, in quanto discepoli è un momento di svolta: siamo chiamati a dire chi è Gesù per noi e la r ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 13-09-2015)
PENSARE SECONDO DIO
Come è facile parlare di amore per i poveri, in relazione a ogni forma di bisogno: di casa, di lavoro, di affetto, di accoglienza. La povertà è sempre un ?vuoto' creato da mille circostanze, nelle quali davvero potrebbe esprimersi l'amore nella sua totalità, al punto che i poveri diventano la nostra ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 13-09-2015)
Dalla Massa al Tu
Clicca qui per la vignetta della settimana. Facendo una mia lettura semi-psicologica di questo racconto del Vangelo, mi verrebbe da pensare che Gesù ci gira un po' attorno alla domanda che veramente gli interessa. Inizia con il chiedere ai suoi amici e discepoli cosa la gente pensa di lui, ma que ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 13-09-2015)
Video commento a Mc 8,27-35
...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 13-09-2015)
A Cesarea di Filippo, niente Messia. Solo il Figlio dell'Uomo.
Gesù da qualche tempo ci sta abituando a frequentare le periferie dell'umanità, a partire da quelle geografiche. Ma più in là di così, finora, non si era spinto, e neppure lo farà più. Cesarea di Filippo rappresenta, tra quelle visitate da Gesù, la città più lontana da Gerusalemme (170 km) e dai cen ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 13-09-2015)
«Ha fatto fiasco», dicono. Lui alza l'asticella
Sei giorni prima si erano messi a bisticciare. Un battibecco registrato per le viuzze attorno a Cesarea di Filippo. Lì, nel mezzo di quelle città neghittose e sonnolente, il nazareno tese loro un agguato. Erano giorni che l'orchestrava: quei dodici umani che si teneva appresso un giorno erano ilari ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 13-09-2015)
La domanda che ci interroga nel profondo: voi chi dite che io sia?
Gesù interroga i suoi, quasi in un sondaggio d'opinione: La gente chi dice che io sia? E l'opinione della gente è bella e incompleta: Dicono che sei un profeta, uno dei più grandi! Ma Gesù non è semplicemente un profeta del passato che ritorna, fosse pure il più grande di tutti. Bisogna cercare anc ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 13-09-2015)
#StradeDorate - Commento su Marco 8,27-35
...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 13-09-2015)
Vincere
Ordinò loro severamente Non sembri strano il modo di fare di Gesù, prima domanda ai discepoli cosa la folla ha capito di lui, poi l'interpella direttamente per, subito dopo, proibirgli severamente di parlare di lui. In altre parole a Gesù non interessa la propaganda e tanto meno il proselitismo, e ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 13-09-2015)
La fede nel Redentore ci impegna ad operare nell'amore ed accettare la croce
Questo titolo è, in sintesi, il contenuto più significativo di tutta la parola di Dio di questa XXIV domenica del tempo ordinario. La fede e la carità, i sapere soffrire con Cristo, sono i punti cardini dei tre testi biblici che ascoltiamo nella celebrazione eucaristica alla vigilia di due grandi ri ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 13-09-2015)
Video commento su Mc 8,27-35
...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 13-09-2015)
Commento su Marco 8,27-35
Quando Gesù si trova ad operare in Galilea molti si chiedevano chi fosse questo uomo che faceva parlare i muti e udire ai sordi, vedere ai ciechi e scacciar demoni. Nel villaggio di Nazareth c'era chi si limitava a dire è il figlio del carpentiere Giuseppe. Marco, raccontandoci l'episodio in cui G ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 13-09-2015)
Video commento a Mc 8,27-35
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 13-09-2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Davide Arcageli Cesarea di Filippo al tempo di Gesù era una residenza regale dove, dopo la morte di Erode il grande, vi abitava uno dei figli, Filippo appunto, che governava su tutta la Galilea. Il luogo infatti era molto ricco di acqua perché si tro ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 13-09-2015)

A me piace molto conoscere gli usi e i costumi delle persone che sono vissute tanti e tanti anni fa, mi piacciono in particolare i castelli, mi piace immedesimarmi nel modo di vivere e di pensare di tutti coloro che ci hanno preceduto nei tempi più remoti. Per questo motivo mi sono costruita, nella ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 13-09-2015)
Va' dietro a me, Satana!
Gesù è il Maestro, il solo Maestro in eterno, perché così ha stabilito il Padre celeste. Le sue parole sono esplicite, chiare. Lui non vuole una Chiesa di maestri, ma solo di discepoli, tutti intenti ad ascoltare lo Spirito Santo che li conduce di verità in verità. Lo Spirito conduce ognuno, persona ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 13-09-2015)
Video commento a Mc 8, 27-35
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 13-09-2015)
Commento su Marco 8,27-35
Il Vangelo di oggi ci offre l'opportunità di riflettere sul rapporto tra Gesù e il contesto religioso al quale apparteneva per nascita e per vocazione. Gesù era un israelita che conosceva bene, meglio di ogni altro israelita, la Legge di Mosè, l'Alleanza, le Sacre Scritture... Conosceva altrettanto ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 13-09-2015)
Commento su Marco 8,27-35
È la svolta. I discepoli, finalmente, riconoscono Gesù come il Salvatore. Ben presto capiranno che è il Messia sofferente. L'evangelista Marco unisce strettamente la confessione di Pietro e il presentimento della passione; fin dall'inizio c'è la domanda su chi è Gesù. Qui, a Cesarea di Filippo, è da ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 13-09-2015)
Non un annunciatore ma l'annunciato
E' facile dire (o illudersi) di avere la fede: se essa non si traduce in opere, in atti di concreta carità, non è vera fede. Lo scrive l'apostolo Giacomo nella sua lettera (2,14-18) dalla quale è tratta la seconda lettura di oggi, mentre il vangelo (Marco 8,27-36) riprende un tema già presente nel b ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 13-09-2015)
Commento su Is 50,5-9a; Mc 8,27-35
Amici, dalle letture di questa domenica, penso che un messaggio preciso sia l'indicazione di Gesù di aver chiaro di voler rinunciare alla falsità di desideri che assecondano la mentalità comune. E' rinunciare a lasciarci trascinare da quello che non ci appartiene, ma che lasciamo crescere nel nostro ...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 13-09-2015)
Prediche senza Pulpito - Commento al Vangelo di Don Lello Ponticelli
...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 13-09-2015)
La Parola - commento a Mc 8,27-35
Commento di don Giovanni Imbonati, parroco di Tezze di Arzignano e Pugnello. ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 13-09-2015)
Sulla Tua Parola - Mc 8, 27-35
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 13-09-2015)
La croce articolo di fede
Pagina quaresimale ci si pone di fronte in pieno tempo ordinario. Ci rammenta l'itinerario di Gesù verso Gerusalemme con la conseguente consegna a coloro che vorranno la sua condanna di croce. Ci ravvisa che questo supplizio non interessa semplicemente l'uomo Gesù, ma il Figlio di Dio che deliberata ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 13-09-2015)
Ruminare i Salmi - Salmo 116,3 (XXIV domenica del tempo ordinario, anno B)
Ruminare i Salmi - Salmo 116 (Vulgata / liturgia 114),3 - (XXIV domenica del tempo ordinario, anno B) CEI Mi stringevano funi di morte, ero preso nei lacci degli inferi. TILC Già la morte mi teneva legato, mi afferrava il mondo dei morti. Giacomo 2,14 A che serve, fratelli miei, se uno dice ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 13-09-2015)
Video commento su Mc 8,27-35
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 13-09-2015)
Commento su Is 50,5-9a; Sal 114; Giac 2,14-18; Mc 8,27-35
Le letture che la liturgia di oggi sono in continuazione con le letture di domenica scorsa dove ci era stato presentato un Dio fedele e vicino alle sofferenze delle persone. Oggi si prosegue su questo tema e le letture ci ricordano il cammino della fede che richiama l'apertura dell'orecchio: non opp ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 16-09-2012)
Commento su Marco 8,27-35
Ogni anno, puntuale, all'inizio dell'anno pastorale nelle nostre parrocchie, chiusa la parentesi estiva, troviamo lo stesso vangelo: opportuno, insistente, destabilizzante. Si parla molto di Gesù, ieri come oggi. Sui giornali, nei dibattiti, tra amici, Gesù è un mistero irrisolto, inquietante, diff ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 16-09-2012)
Audio commento su Mc 8,27-35
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 16-09-2012)
Tu per me, Gesù, sei il Signore
Possiamo sottolineare nel vangelo di oggi alcuni elementi. 1. La professione di fede di Pietro a nome di tutti gli apostoli. 2. L'annuncio da parte di Gesù della sua passione imminente. 3. La protesta di Pietro a riguardo della passione e il rimprovero di Gesù. 4. La verità della vita, alla luce del ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 16-09-2012)
Tu sei il Cristo? Il Figlio dell'uomo deve molto soffrire
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Luca Orlando Russo     (Omelia del 16-09-2012)
Chi vuole salvare la propria vita...
Il ritmo delle domeniche del tempo ordinario ci propone questo testo evangelico che ci presenta una delle questioni fondamentali relative all'esperienza umana: quale via per salvarsi? L'esperienza ci dice che l'uomo le tenta tutte, ne conosce molte. Prima di ogni altra cosa è necessario intendersi ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 16-09-2012)
Essere discepoli esige fede forte e coraggiosa
Leggendo la Parola di Gesù, oggi, si ha l'impressione di un confronto netto da quanto pensavano di Lui i Suoi, rispetto a ciò che Egli proponeva se si voleva veramente essere Suoi discepoli. Forse gli Apostoli vedevano in Gesù, che aveva Parole di verità sorrette dalla potenza dei miracoli, un doma ...
(continua)
don Luigi Trapelli     (Omelia del 16-09-2012)
La croce della vita
Il brano di oggi è al centro del Vangelo secondo Marco. Ha un'importanza fondamentale nella sua opera. All'inizio Marco diceva che il suo Vangelo era la buona novella di Gesù, Cristo e Figlio di Dio. Ora proprio a metà del Vangelo, troviamo l'affermazione che Gesù è il Cristo, mentre sarà r ...
(continua)
mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 16-09-2012)
Nessuno può impegnarsi al posto nostro
A che serve? Avere la fede e poi? Che cosa dice la gente? E voi, che dite? Tante domande: una sola risposta nel silenzio della Croce. Gesù, il Servo sofferente, presenta il dorso ai flagellatori. Gesù si dona. Gesù si offre. Gesù soffre. Gesù si immola. A Gesù non interessa il sentito dire, la ris ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 16-09-2012)
La svista del catechismo
Come gente condannata alla strada: perché le barche sono state costruite per abitare il largo non per rimanere al sicuro nel porto. Direzione nord-ovest, verso Tiro passando per Cesarea di Filippo. Cafarnao e la sua gentilezza sono ormai distanti. Il meriggio del pane moltiplicato e del pesce condiv ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 16-09-2012)
Ma voi, chi dite che io sia?
Il brano del Vangelo di Marco che la Liturgia della domenica XXIV del tempo ordinario ci presenta (Mc.8,27-35), centrale nella struttura del Vangelo e di fondamentale importanza per il cammino della nostra fede, ci impegna ad una attenta, sincera, personale risposta alla domanda che Gesù, oggi, pone ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 16-09-2012)
Per strada
Per la strada E' nella dinamica della vita che nascono gli interrogativi e si trovano le risposte. La strada è il luogo del viaggio, ma anche dell'incontro e della compagnia; un luogo aperto dai profondi orizzonti. In questa dimensione nasce la domanda di Gesù; sembra una domanda leggera, di quelle ...
(continua)
Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 16-09-2012)
Il Figlio dell'uomo doveva molto soffrire
Il brano ambientato a Cesarea di Filippo si colloca esattamente al centro della narrazione marciana; chiude la prima parte incentrata sulla domanda "Chi è Gesù?" con l'affermazione di Pietro: "Tu sei il Cristo" (v.29) e apre la seconda parte, che a sua volta terminerà con l'esclamazione del centurio ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 16-09-2012)
Chi sono io?
La domanda che Gesù rivolge ai discepoli: "ma voi, chi dite che io sia?" (Mc 8,29), è indirizzata agli uomini di ogni tempo, e richiede una risposta decisa. Non serve corrispondere con belle parole; è necessario, invece, fare un passo in più nella sequela. Si tratta di farsi modificare dalle rispost ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 16-09-2012)
Commento su Giacomo 2,14
Che gioiva, fratelli miei, se uno dice di avere la fede ma non ha le opere? Forse questa fede può salvarlo? Gc 2,14 Ho raccolto da terra una noce, ieri molto verde, ottimo gheriglio. Però alla pressione forte della mano si è spaccata rivelandosi vuota. Ecco: la fede è come un gheriglio di noce se ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 16-09-2012)
Tu sei tu e non come io vorrei che tu fossi
Abbiamo fatto un salto da domenica scorsa: eravamo al capitolo 7 e oggi siamo al capitolo 8 di Mc. Qui siamo in Mc 8,27 che è il centro del vangelo di Mc: da adesso in poi Gesù va verso Gerusalemme. Sa i pericoli che corre e sa l'ostilità che troverà. E per tre volte Gesù farà questo annuncio: "Vad ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 16-09-2012)
La logica della Croce
Mi fa una certa impressione ascoltare le parole della Liturgia di questa domenica nel mese di settembre, quando sta per terminare l'estate e ci avviamo verso l'inizio dell'autunno, con la ripresa di tutte le ordinarie attività, lavorative, scolastiche e pastorali. Mi fa impressione perché sono paro ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 16-09-2012)
Commento su Mc 8,27-35
Dopo il cieco risanato, oggi Gesù chiede agli apostoli se loro hanno occhi per riconoscerlo. La gente e i discepoli stessi, cosa vedono, cosa dicono di Lui? Pietro mostra di vedere bene chi sia Gesù: "Tu sei il Cristo", il Messia, l'atteso da tutta la storia. Il "vedere" di Pietro è fede, un vedere ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 16-09-2012)
Video commento su Marco 8,27-35
You need to install or upgrade Flash Player to view this content, install or upgrade by clicking here. ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 16-09-2012)
Video commento a Mc 8,27-35
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 16-09-2012)
Video commento a Mc 8, 27-35
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 16-09-2012)
Chi sei, Gesù?
Ogni anno, puntuale, all'inizio dell'anno pastorale nelle nostre parrocchie, chiusa la parentesi estiva, troviamo lo stesso vangelo: opportuno, insistente, destabilizzante. Non possiamo essere discepoli per abitudine, con stanchezza, lasciando passare anno dopo anno, dimorando nelle nostre consolid ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 16-09-2012)
Video commento a Mc 8, 27-35
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 16-09-2012)
Chi è Dio per l'uomo moderno?
Oggi Pietro si fa ardito: prende in disparte Gesù per... rimproverarlo. Abbiamo così un rovesciamento di situazione rispetto a domenica scorsa: non è più Gesù che prende in disparte il sordomuto per guarirlo, ma è addirittura Pietro che prende in disparte Gesù. Ma andiamo con ordine. All'inizio vedi ...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 16-09-2012)
La gente chi dice che io sia?
In queste settimane nell'Unità pastorale di cui fanno parte, oltre alla nostra, anche altre tre piccole parrocchie di collina, un gruppo di ventitre giovani (ragazzi e ragazze) si sta preparando a ricevere il sacramento della Confermazione (Cresima), seguendo un preciso e intenso percorso formativo ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 16-09-2012)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di Paolo Matarrese Ho conosciuto un catechista che per spiegare ai ragazzi questa pagina del Vangelo di Marco raccontava la seguente storiella: "C'era un uomo che lavorava in un circo come equilibrista. Un giorno invitò tutti i suoi amici ad un numero sensazionale: ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 16-09-2012)
Chi dice la gente che io sia?
Chi è Gesù per noi oggi? E' il povero che non sa se alla sera mangerà, il sofferente nel letto di un ospedale in attesa della sua ora, il bambino che vive in situazioni di disagio in famiglie incapaci di amarlo, l'anziano abbandonato da tutti in ospizio, il carcerato che sconta la sua pena giudicato ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 16-09-2012)
Nella croce, missionari e partecipi di Cristo
Il capitolo 16, 13-23 del Vangelo di Matteo riferisce lo stesso episodio descritto oggi da Marco, con la sola variante topografica (secondo Matteo Gesù è infatti già arrivato in terra di Cesarea e non ancora in viaggio) e con l'aggiunta, nel frammezzo del discorso, della nomina di Pietro a fondament ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 16-09-2012)
Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo
La fermezza di Mosè dinanzi alla verità è a tutti nota. Rimprovera Giosuè perché ha provato una sorta di gelosia. Avrebbe voluto solo Mosè dotato di Spirito Santo. Il Signore disse a Mosè: «Radunami settanta uomini tra gli anziani d'Israele, conosciuti da te come anziani del popolo e come loro sc ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 16-09-2012)
Video commento a Mc 8, 27-35
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 16-09-2012)
Commento su Isaia 50,5-9a;Salmo 114;Giacomo 2,14-18;Marco 8,27-35
La liturgia di di questa domenica è di difficile interpretazione in quanto sono presi in considerazione diverse situazioni quali: la sofferenza, la fede che, deve essere dimostrata dalle opere, la via che conduce a Dio, la perdita della vita per conseguire la salvezza. Ma la domanda che più è messa ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 13-09-2009)

Oggi Gesù ci fa passare da un piano di riflessione superficiale (a cui spesso adeguiamo la nostra fede ridotta a moralità o a moralismo) a uno scontro diretto con ciò che siamo nel profondo. Chi è Gesù per me? "Voi chi dite che io sia?". Già. E per me, chi è Gesù? Per me solo, dentro, senza l'ass ...
(continua)