LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 29 Maggio 2012 <

Domenica 27 Maggio 2012

Lunedì 28 Maggio 2012

Martedì 29 Maggio 2012

Mercoledì 30 Maggio 2012

Giovedì 31 Maggio 2012

Venerdì 1 Giugno 2012

Sabato 2 Giugno 2012

Domenica 3 Giugno 2012

Lunedì 4 Giugno 2012

Martedì 5 Giugno 2012


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Martedì della VIII settimana del Tempo Ordinario (Anno pari)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Verde
PO082 ;
La liturgia della parola, con il Vangelo di oggi, ci invita a diventare discepoli di Cristo. A ciascuno di quelli che
vogliono seguirlo Gesù dà l’obbligo di rimanere fedele, per giungere alla meta ultima che è il cielo. E noi, pensiamo quanto costa a Gesù uno solo dei suoi discepoli? Sappiamo che il suo cammino porta a Gerusalemme, al Golgota? Siamo sicuri che riusciremo a camminare con lui fino in fondo?
Gesù ci presenta delle condizioni - ardue - per seguirlo: essere pronti a rinunciare alla famiglia, agli amici, all’onore, alla vita stessa. Rinunciare, insomma, a tutti i propri beni: “Così chiunque di voi non rinunzia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo” (Lc 14,33).
Una cosa è certa: seguendo senza alcuna riserva Gesù, restandogli fedeli, ci si procura la salvezza.
Bisogna tuttavia chiarire che Gesù non esige da tutti una rinuncia tanto radicale. Da nessuno esige l’impossibile. È così che Gesù chiama ciascuno di noi sul suo cammino. La più grande “rinuncia” chiesta a tutti è un amore più grande, al quale siamo tutti chiamati. Ripensando alla sofferenza e alla croce di Cristo, invochiamo lo Spirito Santo: chiediamogli l’amore che ha portato Gesù alla croce e che ha compiuto il suo sacrificio. Preghiamo per essere pronti a seguire fedelmente il Signore sulla sua strada.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Il Signore è mio sostegno,
mi ha liberato e mi ha portato al largo,
è stato lui la mia salvezza, perché mi vuol bene. (Sal 18,19-20)


Colletta
Concedi, Signore,
che il corso degli eventi nel mondo
si svolga secondo la tua volontà nella giustizia e nella pace,
e la tua Chiesa si dedichi con serena fiducia al tuo servizio.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

1Pt 1,10-16
I profeti preannunciavano la grazia a voi destinata; perciò restate sobri e abbiate speranza.

Dalla prima lettera di san Pietro apostolo

Carissimi, sulla salvezza indagarono e scrutarono i profeti, che preannunciavano la grazia a voi destinata; essi cercavano di sapere quale momento o quali circostanze indicasse lo Spirito di Cristo che era in loro, quando prediceva le sofferenze destinate a Cristo e le glorie che le avrebbero seguite. A loro fu rivelato che, non per se stessi, ma per voi erano servitori di quelle cose che ora vi sono annunciate per mezzo di coloro che vi hanno portato il Vangelo mediante lo Spirito Santo, mandato dal cielo: cose nelle quali gli angeli desiderano fissare lo sguardo.
Perciò, cingendo i fianchi della vostra mente e restando sobri, ponete tutta la vostra speranza in quella grazia che vi sarà data quando Gesù Cristo si manifesterà. Come figli obbedienti, non conformatevi ai desideri di un tempo, quando eravate nell’ignoranza, ma, come il Santo che vi ha chiamati, diventate santi anche voi in tutta la vostra condotta. Poiché sta scritto: «Sarete santi, perché io sono santo».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 97

Il Signore ha rivelato la sua giustizia.

Cantate al Signore un canto nuovo,
perché ha compiuto meraviglie.
Gli ha dato vittoria la sua destra
e il suo braccio santo.

Il Signore ha fatto conoscere la sua salvezza,
agli occhi delle genti ha rivelato la sua giustizia.
Egli si è ricordato del suo amore,
della sua fedeltà alla casa d’Israele.

Tutti i confini della terra hanno veduto
la vittoria del nostro Dio.
Acclami il Signore tutta la terra,
gridate, esultate, cantate inni!

Canto al Vangelo (Mt 11,25)
Alleluia, alleluia.
Ti rendo lode, Padre,
Signore del cielo e della terra,
perché ai piccoli hai rivelato i misteri del Regno.
Alleluia.

>

Vangelo

Mc 10,28-31
Riceverete in questo tempo cento volte tanto insieme a persecuzioni, e la vita eterna nel tempo che verrà.


+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Pietro prese a dire a Gesù: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito».
Gesù gli rispose: «In verità io vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi per causa mia e per causa del Vangelo, che non riceva già ora, in questo tempo, cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e la vita eterna nel tempo che verrà. Molti dei primi saranno ultimi e gli ultimi saranno primi».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Dio è fedele e generoso; egli ricompensa il più piccolo sacrificio compiuto per amore del vangelo. Con fede viva lo invochiamo dicendo:
Benedici il tuo popolo, Signore.

Per la Chiesa nostra madre: fà che il suo annuncio sia in limpido accordo con le sue opere. Preghiamo:
Per i nostri sacerdoti e religiosi: rendili spiritualmente fecondi, lieti nella loro povertà, obbedienza e castità. Preghiamo:
Per i genitori cui tu chiedi un figlio per la Chiesa: fà che abbiano consolazione e sentano la bellezza di donare. Preghiamo:
Per chi non ha famiglia: fà che senta il calore della comunità e la protezione del tuo Spirito. Preghiamo:
Per chi soffre a causa del vangelo: infondigli la forza e la speranza dei martiri e dei santi. Preghiamo:
Per i sacerdoti in crisi.
Per chi dispera della salvezza.

O Dio, che ci sei padre e madre, fratello, amico e sposo, in questa eucaristia ti esprimiamo l'anelito di tutta la Chiesa, che con il Cristo tuo Figlio è in cammino verso la beata eternità. A te la potenza e l'onore per i secoli dei secoli. Amen.

Preghiera sulle offerte
O Dio, da te provengono questi doni
e tu li accetti in segno del nostro servizio sacerdotale:
fa’ che l’offerta che ascrivi a nostro merito
ci ottenga il premio della gioia eterna.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Voglio cantare a Dio per il bene che mi ha fatto,
voglio lodare il nome del Signore Altissimo. (Sal 13,6)

Oppure:
“Ecco, io sono con voi tutti i giorni,
sino alla fine del mondo”, dice il Signore. (Mt 28,20)


Preghiera dopo la comunione
Padre misericordioso,
il pane eucaristico
che ci fa tuoi commensali in questo mondo,
ci ottenga la perfetta comunione con te nella vita eterna.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 29-05-2018)
Comento su Mc 10,31
?Pietro prese a dire a Gesù:«Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito».? Mc 10,31 Come vivere questa Parola? Gesù invita i suoi discepoli, che hanno lasciato tutto e lo hanno seguito - come afferma Pietro - ad essere fedeli alla vocazione ricevuta: questo comporta anche persecuzioni ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 29-05-2018)
Per causa mia e per causa del vangelo
Il Vangelo è un patto tra Cristo Gesù e ogni uomo che vuole sottoscriverlo. Le condizioni sono immutabili nei secoli. Ecco i termini invariabili: Gesù dona al sottoscrittore se stesso e in Lui gli dona il Padre e lo Spirito Santo e ogni altro dono spirituale e materiale, compresa l'eternità beata ne ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28-02-2017)
Per causa mia e per causa del Vangelo
Lasciare tutto non è per ascesi più alta e più nobile. È esigenza del Vangelo. Lasciare è obbligatorio per tutti, ognuno però secondo la vocazione ricevuta o secondo la sua particolare offerta fatta al Signore. Tutti lasciano, ma non tutti allo stesso modo. Mentre camminavano per la strada, un tale ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28-02-2017)
Commento su Mc. 10, 28-31
Pietro allora gli disse: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito». Gesù gli rispose: «In verità vi dico: non c'è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi a causa mia e a causa del vangelo, che non riceva già al presente cento volte tanto in ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24-05-2016)
Noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito
Pietro rassicura Gesù: "Noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito". È giusto chiedersi: "Ma loro, veramente hanno lasciato tutto? Sanno cosa vuol dire lasciare tutto? Quando possiamo dire di aver lasciato tutto?". Le regole di Gesù per lasciare tutto noi le conosciamo. Farsi un breve esame di ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24-05-2016)
Commento su Sal 97, 3
«Egli si è ricordato del suo amore, della sua fedeltà alla casa d'Israele». Sal 97, 3 Come vivere questa Parola? Il salmo 97 appartiene al quarto libro interno al libro dei salmi. Fa parte di questa famiglia di una quindicina di salmi che sono accumunati da un'intuizione: è possibile iniziare a s ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 26-05-2015)

Gli apostoli sono rimasti turbati dalla scena del giovane ricco. Probabilmente anch'essi pensano ciò che ho pensato io leggendo questa pagina: ma come, se se ne va questo ragazzo che, con onestà, ha ammesso di osservare con diligenza tutti i comandamenti, cosa devo fare io che invece, fatico ad osse ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 26-05-2015)
Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito
Cristo Gesù è il vero modello di sequela e di abbandono di ogni cosa. È Lui il solo che ha lasciato tutto. Al momento della Passione si è annientato, svuotandosi completamente di sé. Sulla Croce è come se Lui si fosse dimenticato di essere Dio. Lo era ma era come se non lo fosse mai stato. L'inno di ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 26-05-2015)
Commento su Mc 10, 28-31
Pietro allora gli disse: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito». Gesù gli rispose: «In verità vi dico: non c'è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi a causa mia e a causa del vangelo, che non riceva già al presente cento volte tanto in ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 04-03-2014)

Spesso siamo tentati di lamentarci della nostra condizioni: essere cristiani in questi tempi cupi non è certo semplice e spesso siamo travolti dalla logica di questo mondo e stentiamo a tenere accesa la lampada della fede. Siamo sempre pronti a sottolineare le tante (presunte) rinunce che facciamo p ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-03-2014)
Noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito
La vera vocazione è lasciare tutto. Si abbandona anche la storia di ieri per iniziare una nuova vita. Si lascia un mondo per entrare in un altro, abbandonandosi totalmente a Dio, al Signore. Mettendosi nelle sue mani e nella sua santa volontà. È Lui il solo Signore della nostra vita. Abramo, Mosè, E ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-03-2014)
Commento su 1Pt 1,16
"Sarete santi perché io sono santo." 1Pt 1,16 Come vivere questa Parola? L'origine, la causa, la forza e anche il "colore" della nostra santità è la santità di Dio. Il nostro corpo, la nostra psiche e il nostro spirito sono fatti per questa santità, tutta la nostra persona "aderisce" a se stess ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 28-05-2013)
Commento su Mc 10,28-31
La scena del giovane ricco che se ne va triste ha raggelato tutti gli aspiranti discepoli, soprattutto per la riflessione finale di Gesù che, sconfortato, nota come un cuore colmo di bramosia difficilmente riesce a far spazio all'assoluto di Dio. Nel silenzio generale si alza la voce del grandissimo ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 28-05-2013)
Non c'è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle a causa mia, che non riceva già al presente cento volte tanto
Stamani mattina sono passato dal mare, e come ogni volta che lo vedo penso a quando facevo le gare di pesca subacquea e mi immergevo quasi ogni giorno, a quando in estate andavo con il mio amico Luigi a pescare ogni mattina svegliandomi alle quattro e restando in mare fino al calasole per poi talvol ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28-05-2013)
Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito
Nell'Antica Scrittura solo per l'osservanza dei Comandamenti, il Signore ricolmava di ogni benedizione il suo popolo. Ogni bene era il frutto dell'obbedienza dell'uomo al suo Dio e Signore. L'uomo era fedele al Patto dell'Alleanza e Dio lo arricchiva oltremisura. Se tu obbedirai fedelmente alla v ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28-05-2013)
Commento su Siracide 35,13
"In ogni offerta mostra lieto il tuo volto, con gioia consacra la tua decima" Sir 35,13 Canto al Vangelo Come vivere questa Parola? Questa parola sapienziale, tratta dal Siracide, (un libro del Antico Testamento) ricorda al credente, che, secondo le sue possibilità, è tenuto a dar qualcosa di que ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 29-05-2012)
Commento su Marco 10,28-31
La scena del giovane ricco ha profondamente impressionato i discepoli. L'affermazione del Signore che, sconsolato, nota come la cupidigia ci possa distogliere dall'essenziale, li preoccupa. È Pietro a porre la domanda: e noi? Pietro e gli altri seguono Gesù da parecchio tempo, hanno lasciato il lavo ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 29-05-2012)
Commento su Prima Pietro 1,12
Cose nelle quali gli angeli desiderano fissare lo sguardo. 1Pt 1,12 Come vivere questa Parola? Pietro sta parlando del misterioso progetto salvifico di Dio, manifestazione di un amore insondabile e indicibile. Gli antichi profeti ne avevano contemplato da lontano la realizzazione, nella nebulosit ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 29-05-2012)
Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito
Si può seguire il Signore solo per grazia che previene ogni nostra decisione. Il Signore entra con potenza nella nostra vita, ci seduce, come insegna il profeta Geremia, e allora tutta la nostra vita è sua: "Mi fu rivolta questa parola del Signore: «Prima di formarti nel grembo materno, ti ho conosc ...
(continua)