LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 5 Marzo 2011 <

Giovedì 3 Marzo 2011

Venerdì 4 Marzo 2011

Sabato 5 Marzo 2011

Domenica 6 Marzo 2011

Lunedì 7 Marzo 2011

Martedì 8 Marzo 2011

Mercoledì 9 Marzo 2011

Giovedì 10 Marzo 2011

Venerdì 11 Marzo 2011

Sabato 12 Marzo 2011


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

  Sabato della VIII settimana del Tempo Ordinario (Anno dispari)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Verde
DO086 ;
Troviamo, nel brano di Vangelo di oggi, i capi del popolo di Gerusalemme ("i sommi sacerdoti, gli scribi e gli anziani") che fanno domande a Gesù con cattiva disposizione verso di lui. La controinterrogazione di Gesù li mette in imbarazzo: non hanno accettato il battesimo di Giovanni, non cercano con purezza di cuore nemmeno Gesù, in fondo cercano il proprio vantaggio, non la verità. Per questo concludono: "Non sappiamo". Non hanno trovato la sapienza!
Maria invece ci è modello nella ricerca della sapienza, perché in lei c'è la pura ricerca della volontà di Dio. Anche lei ha posto una domanda all'Angelo dell'annunciazione: "Come è possibile? Non conosco uomo", ma non è una domanda cattiva, non è una richiesta di segni: è domanda di semplice chiarificazione. Dio accetta sempre queste domande, e la risposta ci giunge attraverso molta preghiera. Anche qui la Madonna ci è maestra:
"Maria serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore". Luca lo dice dopo gli eventi prodigiosi della nascita e lo ripete dopo il ritrovamento di Gesù al tempio. Pure allora Maria fa una domanda, e non capisce subito la risposta di Gesù: "Essi non compresero le sue parole", ma l'atteggiamento della madre è lo stesso: "Serbava tutte queste cose nel suo cuore". Approfondiamo questa parola misteriosa, ricca di contenuti e che ci fa pensare alla Madonna soavemente ricercante la sapienza sul disegno di Dio, che le si svela a poco a poco e al quale aderisce con tutta se stessa. Chiediamo al Signore, per intercessione di Maria, la grazia di seguirla in questo cammino sicuro dell'umiltà che l'ha resa madre del Verbo. Così potremo condurre altri sulla stessa via, per aprirli all'abbondanza delle grazie divine.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Il Signore è mio sostegno,
mi ha liberato e mi ha portato al largo,
è stato lui la mia salvezza, perché mi vuol bene. (Sal 18,19-20)


Colletta
Concedi, Signore,
che il corso degli eventi nel mondo
si svolga secondo la tua volontà nella giustizia e nella pace,
e la tua Chiesa si dedichi con serena fiducia al tuo servizio.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Sir 51,17-27
Onorerò chi mi ha concesso la sapienza.

Dal libro del Siràcide

Ti loderò e ti canterò,
e benedirò il nome del Signore.
Quand’ero ancora giovane, prima di andare errando,
ricercai assiduamente la sapienza nella mia preghiera.
Davanti al tempio ho pregato per essa,
e sino alla fine la ricercherò.
Del suo fiorire, come uva vicina a maturare,
il mio cuore si rallegrò.
Il mio piede s’incamminò per la via retta,
fin da giovane ho seguìto la sua traccia.
Chinai un poco l’orecchio, l’accolsi
e vi trovai per me un insegnamento abbondante.
Con essa feci progresso;
onorerò chi mi ha concesso la sapienza.
Ho deciso infatti di metterla in pratica,
sono stato zelante nel bene e non me ne vergogno.
La mia anima si è allenata in essa,
sono stato diligente nel praticare la legge.
Ho steso le mie mani verso l’alto
e ho deplorato che venga ignorata.
A essa ho rivolto la mia anima
e l’ho trovata nella purezza.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 18

I precetti del Signore fanno gioire il cuore.

La legge del Signore è perfetta,
rinfranca l’anima;
la testimonianza del Signore è stabile,
rende saggio il semplice.

I precetti del Signore sono retti,
fanno gioire il cuore;
il comando del Signore è limpido,
illumina gli occhi.

Il timore del Signore è puro,
rimane per sempre;
i giudizi del Signore sono fedeli,
sono tutti giusti.

Più preziosi dell’oro,
di molto oro fino,
più dolci del miele
e di un favo stillante.

Canto al Vangelo (Col 3,16.17)
Alleluia, alleluia.
La parola di Cristo abiti tra voi nella sua ricchezza;
tutto fate rendendo grazie per mezzo di lui a Dio Padre.
Alleluia.

>

Vangelo

Mc 11,27-33
Con quale autorità fai queste cose?


+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù e i suoi discepoli andarono di nuovo a Gerusalemme. E, mentre egli camminava nel tempio, vennero da lui i capi dei sacerdoti, gli scribi e gli anziani e gli dissero: «Con quale autorità fai queste cose? O chi ti ha dato l’autorità di farle?».
Ma Gesù disse loro: «Vi farò una sola domanda. Se mi rispondete, vi dirò con quale autorità faccio questo. Il battesimo di Giovanni veniva dal cielo o dagli uomini? Rispondetemi».
Essi discutevano fra loro dicendo: «Se diciamo: “Dal cielo”, risponderà: “Perché allora non gli avete creduto?”. Diciamo dunque: “Dagli uomini”?». Ma temevano la folla, perché tutti ritenevano che Giovanni fosse veramente un profeta. Rispondendo a Gesù dissero: «Non lo sappiamo».
E Gesù disse loro: «Neanche io vi dico con quale autorità faccio queste cose».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Dio si fa trovare sulla via di chi desidera incontrarlo. Nella parola e nell'opera di Gesù, egli si rivela e si dona a noi. Disponiamoci a questo incontro con fiducia filiale, e ripetiamo:
Fà che ti riconosciamo, Signore!

Nelle mille perfezioni della natura:
Nel fascino misterioso del cielo stellato:
Nell'umile veste dei campi:
Nelle vette delle arti e del pensiero:
Nelle profondità del cuore umano:
Nell'amore gratuito dei genitori e degli amici:
Nei momenti di dolore e di gioia:
Nel grido di chi è ferito dalla vita:
Nello sguardo del povero che chiede:
Nel mistero di Cristo crocifisso e risorto:
Nelle parole benedette del Vangelo:
Nel dono di questa eucaristia:

Padre buono, che ti sei rivelato ai piccoli e ai poveri, rafforza il nostro desiderio di incontrarti, sciogli la durezza del nostro cuore e donaci lo sguardo della fede. Te lo chiediamo nel nome di Gesù, Figlio tuo prediletto e nostro salvatore, che con te vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.

Preghiera sulle offerte
O Dio, da te provengono questi doni
e tu li accetti in segno del nostro servizio sacerdotale:
fa’ che l’offerta che ascrivi a nostro merito
ci ottenga il premio della gioia eterna.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Voglio cantare a Dio per il bene che mi ha fatto,
voglio lodare il nome del Signore Altissimo. (Sal 13,6)

Oppure:
“Ecco, io sono con voi tutti i giorni,
sino alla fine del mondo”, dice il Signore. (Mt 28,20)


Preghiera dopo la comunione
Padre misericordioso,
il pane eucaristico
che ci fa tuoi commensali in questo mondo,
ci ottenga la perfetta comunione con te nella vita eterna.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Riccardo Ripoli     (Omelia del 01-06-2013)
Con quale autorità fai queste cose?
Spesso veniamo provocati con domande o attacchi che fanno male, specie quando pensiamo di fare la cosa giusta. Nel cammino dell'Associazione le provocazioni sono state tante. All'inizio, poco più che ventenne, rispondevo parola per parola, cercavo di contrastare il mio interlocutore, finanche ad ar ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 01-06-2013)
Il battesimo di Giovanni veniva dal cielo o dagli uomini?
Gesù entra in Gerusalemme acclamato da tutto il popolo come suo Messia. Lui invece entra nel tempio e si rivela come vero profeta del Dio vivente. Scaccia dalla casa del Signore quanti facevano di essa un mercato. La casa di Dio è santa. Giunsero a Gerusalemme. Entrato nel tempio, si mise a scacc ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 01-06-2013)
Con quale autorità fai questo?!
La Liturgia della parola di oggi è anzitutto un inno di ringraziamento a Dio per il dono della sapienza, che ci fa godere delle opere del Signore e ci aiuta a dare il giusto valore agli avvenimenti e alle cose che ci circondano. Nella pericope evangelica viene chiesto a Gesù da parte dei sommi sacer ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 01-06-2013)
Commento su Siracide 51,12-20
"Ricercai assiduamente la Sapienza nella preghiera (...)Adesso ho rivolto la mia anima e l'ho trovata nella purezza" Sir 51,17-27 Come vivere questa Parola? L'autore del Siracide afferma quel che riguarda un'esperienza molto importante. La sapienza è reperibile, se preghi. Non è da confondersi ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 02-06-2012)
Commento su Marco 11,27-33
La sfuriata fatta al tempio ha provocato un terremoto nell'agiata classe sacerdotale: ma come, il tempio è tornato a funzionare dopo secoli di distruzione, tutto procede per il meglio e ora arriva questo galileo a contestare tutto in maniera così plateale? Urgono soluzioni. Così Gesù viene interroga ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 02-06-2012)
Il battesimo di Giovanni veniva dal cielo o dagli uomini?
Gesù ha purificato il tempio. Il suo è stato un gesto altamente profetico. Sulla santità del tempio sempre gli antichi profeti hanno parlato, minacciando anche la sua distruzione. Il tempio era per Israele. Non era Israele per il tempio. Questa parola fu rivolta dal Signore a Geremia: «Férmati al ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 02-06-2012)
Commento su Giuda 20
Carissimi, costruite voi stessi sopra la vostra santissima fede. Giuda 20 Come vivere questa Parola? A questa lettera di Giuda, fa da sfondo una situazione problematica, dovuta alla presenza di elementi che creano confusione e turbamento all'interno della comunità. Il loro aderire a Cristo non è ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 05-03-2011)

Dalla Parola del giorno Gesù disse loro: "Vi farò una sola domanda. Se mi rispondete, vi dirò con quale autorità faccio questo. Il battesimo di Giovanni veniva dal cielo o dagli uomini?" Rispondendo a Gesù dissero, "Non lo sappiamo." E Gesù disse loro: "Neanche io vi dico con quale autorità faccio ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 05-03-2011)
Con quale autorità fai queste cose?
Gesù aveva purificato il tempio. Si era rivelato come vero profeta. I capi dei sacerdoti, gli scribi e gli anziani lo affrontano e chiedono che fondi la sua autorità, che attesti pubblicamente l'origine del suo potere. Essi dovrebbero sapere che il profeta riceve la sua autorità direttamente da Dio. ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 29-05-2010)
Con quale autorità fai queste cose?
L'uomo è stolto per natura. Manca della fondamentale saggezza e intelligenza nello Spirito Santo. Soffoca molte volte la verità nel suo peccato e nella sua ingiustizia. Non vede la storia, che è la verità concreta, tangibile, udibile, che cade sotto i suoi occhi, dalla quale solamente si può giunger ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 29-05-2010)

Dalla Parola del giorno Il battesimo di Giovanni veniva dal cielo o dagli uomini? Rispondetemi. Come vivere questa Parola? Anche oggi, Gesù entra nel cuore del nostro vissuto e ci provoca. La domanda, ridotta all'osso, suona così: voi credete veramente alla forza della mia Parola nella sua enti ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 29-05-2010)
I giudici di Cristo
Gli scribi e i farisei si ritengono i rappresentati qualificati della legge e di conseguenza si arrogano il diritto di tutelarne l'integrità. Gli insegnamenti di Cristo risuonano come novità inattese e indesiderate per loro; spesso si ritengono gravemente offesi dalle sue affermazioni. Il loro imbar ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 29-05-2010)
L'autorità di Gesù
L'AUTORITA' DI GESU' E' IL MISTERO DI DIO .................................. Di fronte alla richiesta del permesso di attuare le cose con una certa autorità, Gesù risponde mettendo in atto il coinvolgimento dei suoi accusatori. "Volete sapere con quale autorità io faccio questo?"... Ditemi co ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 02-06-2007)
Una "bufala"
Dimmi chi sei tu e ti dirò chi sono io. Questa è la logica di Gesù nei confronti nostri. _____________________________________________ E così, quando viene chiesta a Gesù l'autorità con la quale Egli si permette di fare certe cose, Lui chiede con quale autorità se ne fanno altre. L'equilibrio ...
(continua)
   > Translate this page (italian > english) with Google