LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 28 Febbraio 2011 <

Sabato 26 Febbraio 2011

Domenica 27 Febbraio 2011

Lunedì 28 Febbraio 2011

Martedì 1 Marzo 2011

Mercoledì 2 Marzo 2011

Giovedì 3 Marzo 2011

Venerdì 4 Marzo 2011

Sabato 5 Marzo 2011

Domenica 6 Marzo 2011

Lunedì 7 Marzo 2011


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

  Lunedì della VIII settimana del Tempo Ordinario (Anno dispari)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Verde
DO081 ;
Quest'uomo ricco che accorre a Gesù desidera entrare nel regno dei cieli e viene a lui perché gli insegni la via: è il modo giusto di incominciare. Gesù gli risponde ricordandogli i comandamenti di Dio e allora ci rendiamo conto che costui non solo ha ascoltato Dio, ma ha messo in pratica le sue leggi ed è quindi già sulla strada del regno. E per questo che Gesù gli propone una tappa ulteriore: "Allora Gesù, fissatolo, lo amò e gli disse: "Una cosa sola ti manca: va', vendi quello che hai e dallo ai poveri e avrai un tesoro in cielo; poi vieni e seguimi"". E qui il cammino si arresta: "Egli, rattristatosi per quelle parole, se ne andò afflitto, poiché aveva molti beni". Gli sembra impossibile lasciare quello che ha per prendere ciò che il Signore gli offre; manca di fede e non sa più ascoltare la parola del Signore, non sa più vedere che essa è una parola di amore. "Gesù, fissatolo, lo amò dice Marco e gli disse: Una sola cosa ti manca...". Non è per impoverirlo che Gesù gli parla, non è per severità, ma per affetto, per amore e per renderlo veramente ricco. Gesù vuol aprirgli gli occhi e fargli vedere che la sua ricchezza è in verità una mancanza: "Una cosa sola ti manca: va', vendi quello che hai... libera te stesso dallo ai poveri...". Allora sarai ricco, perché quando avrai dato tutto avrai un tesoro in cielo. "Poi vieni e seguimi". La proposta di Ge
sù è quella di entrare già ora nel regno, di avere già ora un tesoro nel cielo e, più ancora, di entrare nella sua intimità:
"Vieni e seguimi". La ricchezza gli impedisce di seguire Gesù, è un peso che rallenta il suo passo, che lo ostacola.
È una lezione che dobbiamo sempre accogliere, perché molto sovente è la nostra "ricchezza" che ci impedisce di camminare, di avere in Gesù una fede totale, di capire che la sua è sempre una proposta d'amore; la nostra ricchezza che non è necessariamente fatta di beni materiali, ma di tante cose di ogni genere. Si può essere attaccati a letture, a spettacoli, a passatempi... che impediscono di essere disponibili ad ascoltare la parola di Dio e a seguirla. Siamo sempre chiamati a semplificare la nostra vita e a renderci conto che la nostra vera ricchezza è solo nel seguire Gesù.
Gesù riconosce che questo distacco è difficile: "Quanto difficilmente coloro che hanno ricchezze entreranno nel regno di Dio!" Ma vedendo l'inquietudine e l'angoscia dei discepoli egli stesso offre il mezzo, richiamandoli di nuovo alla fede. ~ rimedio non è nella nostra forza, nei nostri tentativi umani, ma nell'aprirsi all'azione di Dio: "Impossibile presso gli uomini, ma non presso Dio! Perché tutto è possibile presso Dio".
E rieccoci al punto di partenza. È sempre qui che bisogna tornare in ogni difficoltà, si tratti di un ostacolo da superare, di un peso da sopportare o di un peso di cui dobbiamo liberarci: l'uomo non può riuscirci, ma ci riesce Dio in lui, se egli ha fede. L'ultima parola del Vangelo odierno è anche l'ultima parola dell'Angelo a Maria: "Niente è impossibile a Dio". Siamo così davanti all'esempio di Maria, che ascolta la parola che viene da Dio, l'ascolta nella sua povertà, nella sua umiltà e aderisce a questa affermazione fondamentale: "Tutto è possibile a Dio".
L'essenziale è dunque ascoltare Dio, essere docile a Dio nella fede e camminare con fiducia sulla strada in cui Dio ci ha posto.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Il Signore è mio sostegno,
mi ha liberato e mi ha portato al largo,
è stato lui la mia salvezza, perché mi vuol bene. (Sal 18,19-20)


Colletta
Concedi, Signore,
che il corso degli eventi nel mondo
si svolga secondo la tua volontà nella giustizia e nella pace,
e la tua Chiesa si dedichi con serena fiducia al tuo servizio.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Sir 17,20-28
Volgiti all’Altissimo e allontanati dall’ingiustizia.

Dal libro del Siràcide

A chi si pente Dio offre il ritorno,
conforta quelli che hanno perduto la speranza
e li rende partecipi della sorte dei giusti.
Ritorna al Signore e abbandona il peccato,
prega davanti a lui e riduci gli ostacoli.
Volgiti all’Altissimo e allontànati dall’ingiustizia;
devi odiare fortemente ciò che lui detesta.
E riconosci i giusti giudizi di Dio
e persisti nella sorte che ti è assegnata
e nella preghiera al Dio altissimo.
Negl’inferi infatti chi loderà l’Altissimo,
al posto dei viventi e di quanti gli rendono lode?
Non perseverare nell’errore degli uomini iniqui;
prima di morire manifesta la tua lode.
Da un morto, che non è più, non ci può essere lode,
chi è vivo e sano loda il Signore.
E loderai Dio e ti glorierai della sua misericordia.
Quanto è grande la misericordia del Signore,
il suo perdono per quanti si convertono a lui!

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 31

Rallegratevi nel Signore ed esultate, o giusti!

Beato l’uomo a cui è tolta la colpa
e coperto il peccato.
Beato l’uomo a cui Dio non imputa il delitto
e nel cui spirito non è inganno.

Ti ho fatto conoscere il mio peccato,
non ho coperto la mia colpa.
Ho detto: «Confesserò al Signore le mie iniquità»
e tu hai tolto la mia colpa e il mio peccato.

Per questo ti prega ogni fedele
nel tempo dell’angoscia;
quando irromperanno grandi acque
non potranno raggiungerlo.

Tu sei il mio rifugio, mi liberi dall’angoscia,
mi circondi di canti di liberazione:
«Ti istruirò e ti insegnerò la via da seguire;
con gli occhi su di te, ti darò consiglio».

Canto al Vangelo (2Cor 8,9)
Alleluia, alleluia.
Gesù Cristo, da ricco che era, si è fatto povero per voi,
perché voi diventaste ricchi per mezzo della sua povertà.
Alleluia.

>

Vangelo

Mc 10,17-27
Vendi quello che hai e vieni! Seguimi!


+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domandò: «Maestro buono, che cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?». Gesù gli disse: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo. Tu conosci i comandamenti: “Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non testimoniare il falso, non frodare, onora tuo padre e tua madre”».
Egli allora gli disse: «Maestro, tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza». Allora Gesù fissò lo sguardo su di lui, lo amò e gli disse: «Una cosa sola ti manca: va’, vendi quello che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro in cielo; e vieni! Seguimi!». Ma a queste parole egli si fece scuro in volto e se ne andò rattristato; possedeva infatti molti beni.
Gesù, volgendo lo sguardo attorno, disse ai suoi discepoli: «Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio!». I discepoli erano sconcertati dalle sue parole; ma Gesù riprese e disse loro: «Figli, quanto è difficile entrare nel regno di Dio! È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio». Essi, ancora più stupiti, dicevano tra loro: «E chi può essere salvato?». Ma Gesù, guardandoli in faccia, disse: «Impossibile agli uomini, ma non a Dio! Perché tutto è possibile a Dio».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
La Parola che abbiamo ascoltato è per noi fonte di viva speranza. Non c'è nodo che Dio non possa sciogliere, perché in lui è bontà e potenza. Perciò chiediamo con fede:
Dio misericodioso, ascoltaci!

Ti preghiamo per la Chiesa: completa ciò che in lei è santo e buono e purificala da ciò che ancora le impedisce di vivere in semplicità:
Ti preghiamo per chi ha scelto la vita religiosa: i voti con cui si è legato più strettamente a te, siano segno di libertà profonda:
Ti preghiamo per chi si crede potente e giusto su questa terra: penetra il suo cuore con il profumo dell'umiltà:
Ti preghiamo per i poveri che chiedono giusta partecipazione ai beni della terra: fà che siano ascoltati nelle loro richieste e pronti a riconoscere la tua provvidenza:
Ti preghiamo per chi si è allontanato da te e si sente dimenticato: elargisci un segno della tua bontà perché si converta e viva:
Per la Caritas diocesana e parrocchiale.
Per chi confida solamente nella ricchezza.

O Padre, a te nulla è impossibile: manda lo Spirito nel nostro cuore per renderci disponibili alla tua parola di vita e solidali con tutti gli uomini. E' Gesù che ci ha insegnato a pregarti così. A lui onore e gloria nei secoli dei secoli. Amen.

Preghiera sulle offerte
O Dio, da te provengono questi doni
e tu li accetti in segno del nostro servizio sacerdotale:
fa’ che l’offerta che ascrivi a nostro merito
ci ottenga il premio della gioia eterna.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Voglio cantare a Dio per il bene che mi ha fatto,
voglio lodare il nome del Signore Altissimo. (Sal 13,6)

Oppure:
“Ecco, io sono con voi tutti i giorni,
sino alla fine del mondo”, dice il Signore. (Mt 28,20)


Preghiera dopo la comunione
Padre misericordioso,
il pane eucaristico
che ci fa tuoi commensali in questo mondo,
ci ottenga la perfetta comunione con te nella vita eterna.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 03-03-2014)
Si fece scuro in volto e se ne andò rattristato
Gesù è Colui che sempre confessa la verità del Padre suo. Chi è il Padre per Gesù? La sorgente eterna della sua vita. Ma è anche la sorgente eterna di ogni vita. Per Lui è sorgente per generazione eterna. Per l'intero universo è sorgente per creazione dal nulla. È anche sorgente eterna per elargizio ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 03-03-2014)
Commento su Mc 10, 17
"Cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?" Mc 10, 17 Come vivere questa Parola? "Cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?": cosa devo fare cioè per avere una vita sensata, significativa, che sia così piena da straripare nella vita dopo la morte e poter "gustare" Dio? La do ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 27-05-2013)
La vera ricchezza
Da quando abbiamo addentato temerariamente quella famosa mela, convinti di poter così saziare completamente le nostre brame e addirittura diventare come Dio, ci è rimasta dentro una fame e una sete insaziabili. Quell'innato anelito di bene, che Dio stesso aveva infuso nella nostra natura, facendoci ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 27-05-2013)
Impossibile presso gli uomini, ma non presso Dio!
Sono tantissime le cose che dovrei fare ogni giorno, e spesso mi prende un po' di sconforto, ma è solo un attimo perché ho la consapevolezza che se il progetto "Amici della Zizzi" deve andare avanti ci penserà il Signore a spazzare via con un soffio tutte le nubi e dare linfa', e fino ad oggi è stat ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 27-05-2013)
Figli, quanto è difficile entrare nel regno di Dio!
L'Antico Testamento non conosce una forma di povertà così alta, che è anche somma libertà per il regno dei cieli. Conosce però la carità, l'elemosina, la pietà verso i poveri. Una forma di vendita di tutti propri beni per rimanere in vita è quanto avviene con Giuseppe in Egitto, durante i sette trem ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 27-05-2013)
Commento su Seconda Corinti 8,9
Gesù Cristo, da ricco che era, si è fatto povero per voi, perché voi diventaste ricchi per mezzo della sua povertà. 2 Cor 8,9 Come vivere questa Parola? Nell'odierno canto al Vangelo, San Paolo si esprime con un paradosso che è folgorante luce del mistero di Dio capace addirittura di capovolgere ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 28-05-2012)
Commento su Marco 10,17-27
Siamo discepoli se osserviamo i comandi che il Signore ci ha lasciato. Siamo suoi discepoli se viviamo con semplicità la nostra appartenenza a lui. Ma, ci dice il vangelo di oggi, possiamo ottenere di più: se siamo disposti a lasciarci raggiungere dallo sguardo amorevole del Signore possiamo davvero ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28-05-2012)
Commento su Prima Pietro 1,8-9
Voi lo amate, pur senza averlo visto e ora, senza vederlo, credete in lui. Perciò esultate di gioia indicibile e gloriosa, mentre raggiungete la mèta della vostra fede: la salvezza delle anime. 1Pt 1,8-9 Come vivere questa Parola? Pietro sta scrivendo ai fedeli che vivono come "stranieri" in dias ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28-05-2012)
Allora Gesù fissò lo sguardo su di lui, lo amò
Nessun uomo deve pensarsi la vita da sé. Ogni uomo è chiamato a lasciarsi pensare la vita dal suo Dio e Signore. Per questo è necessario che lui si consegni interamente nelle mani del suo Dio, si consacri alla sua volontà, diventi un vero sacrificio e un'oblazione gradita al Signore per mezzo dell'o ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28-02-2011)

Dalla Parola del giorno Essi, ancora più stupiti, dicevano: "E chi può essere salvato?" ma Gesù, guardandoli in faccia disse: "Impossibile agli uomini, ma non a Dio! Perché tutto è possibile a Dio". Come vivere questa Parola? Questi versetti concludono la pericope che narra l'incontro di Gesù ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28-02-2011)
Nessuno è buono, se non Dio solo
Solo Dio è buono perché solo Lui è la fonte, la sorgente di ogni bontà. Tutto il bene che è nella creazione sgorga dal suo cuore di Padre e viene effuso nei cuori come grazia, verità, sapiente, saggezza, misericordia, pietà, compassione, buona volontà, ispirazione, propositi giusti e santi, aiuto, s ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24-05-2010)
Una cosa sola ti manca
La nostra vita mai potrà essere chiusa e carcerata nell'osservanza dei Comandamenti o della Legge, pensando che questo è tutto per un uomo. I Comandamenti sono l'inizio degli inizi, il principio dei principi, sono come il concepimento per un essere vivente. Si inizia con il concepimento, ma per giun ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 24-05-2010)
Le ricchezza del mondo e quelle di Dio
Da quando abbiamo addentato temerariamente quella famosa mela, convinti di poter così saziare completamente le nostre brame e addirittura diventare come Dio, ci è rimasta dentro una fame e una sete insaziabili. Quell'innato anelito di bene, che Dio stesso aveva infuso nella nostra natura, facendoci ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24-05-2010)

Dalla Parola del giorno Gesù fissò lo sguardo su di lui... Come vivere questa Parola? Chissà che emozione incrociare lo sguardo di Gesù, lasciarsi penetrare dai suoi occhi, sentirsi illuminare della sua luce! E chissà quante volte, di fronte a questo brano, qualcuno di noi non ha pensato che s ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 24-05-2010)
Cosa ci manca
"Osserva i comandamenti..." ________________________ "Una sola cosa ti manca..." ________________________ Entrare nel Regno di Dio comporta un totale distacco dalle realtà terrene. Questo non vuol dire sopratutto il rinunciarvi, ma l'essere disposti a farlo. La perfezione non è quindi qu ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 26-05-2008)

Prega con noi, oggi, san Filippo Neri, "Pippo buono" come lo chiamarono i romani, sedotti dal carattere di questo precettore toscano "costretto" dalla gente a diventare prete. Innamorato di Dio, con un senso dell'ironia straordinario, resta il patrono del buon umore. E Dio solo sa di quanto ne abbia ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 26-05-2008)
Se vuoi essere perfetto
Il collegamento tra le due letture proposte per la nostra riflessione può esserci dato dal contrasto della situazione che esse ci presentano. Pietro invita alla gioia le comunità cristiane esposte alla incomprensione, e perfino alla persecuzione a causa della loro fede in Gesù che amano e nel quale ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 26-05-2008)

Dalla Parola del giorno Fissatolo lo amò. Come vivere questa Parola? È il cuore di tutto il brano evangelico che oggi la liturgia ci propone. Ciò che precede e ciò che segue, la stessa tristezza che si dipinge sul volto del giovane convergono qui in questo AMORE che si concentra nello sguardo. ...
(continua)
a cura dei Carmelitani     (Omelia del 26-05-2008)
Commento Marco 10,17-27
1) Preghiera Concedi, Signore, che il corso degli eventi nel mondo si svolga secondo la tua volontà nella giustizia e nella pace, e la tua Chiesa si dedichi con serena fiducia al tuo servizio. Per il nostro Signore Gesù Cristo... 2) Lettura del Vangelo Dal Vangelo secondo Marco 10,1 ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 28-05-2007)
La vera ricchezza
Ho osservato tutto, ma non ho osservato te. Questo potrebbe essere il commento del giovane chiamato. E corrisponde spesso alle nostre osservanze della legge religiosa. Tutto e bene osservato riguardo a esse: fedeltà estrema. Ma al momento della pratica, del salto decisivo: nulla di fatto. I ...
(continua)
   > Translate this page (italian > english) with Google