LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 22 Novembre 2010 <

Sabato 20 Novembre 2010

Domenica 21 Novembre 2010

Lunedì 22 Novembre 2010

Martedì 23 Novembre 2010

Mercoledì 24 Novembre 2010

Giovedì 25 Novembre 2010

Venerdì 26 Novembre 2010

Sabato 27 Novembre 2010

Domenica 28 Novembre 2010

Lunedì 29 Novembre 2010


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

  Santa Cecilia

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Memoria
Colore liturgico: Rosso
S1122 ; PO341

Cecilia è una delle sette donna martiri di cui si fa menzione nel Canone Romano. Ad essa è dedicata una basilica in Trastevere a Roma (sec. IV). Il suo culto si diffuse dovunque prendendo l’avvio da una «Passione» nella quale viene esaltata come modello di vergine cristiana. Più tardiva è l’interpretazione del suo ruolo di ispiratrice e patrona della musica e del canto sacro. La sua memoria il 22 novembre è già celebrata nell’anno 546, come attesta il «Liber pontificalis» (sec. VI).

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Questa è una martire della fede,
che sparse per Cristo il suo sangue;
non temette le minacce dei giudici
e raggiunse il regno del cielo.


Colletta
Ascolta, Signore, la nostra preghiera
e per intercessione di santa Cecilia, vergine e martire,
rendici degni di cantare le tue lodi.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Ap 14,1-3.4-5
Recavano scritto sulla fronte il nome di Cristo e il nome del Padre suo.

Dal libro dell’Apocalisse di san Giovanni apostolo

Io, Giovanni, vidi: ecco l’Agnello in piedi sul monte Sion, e insieme a lui centoquarantaquattromila persone, che recavano scritto sulla fronte il suo nome e il nome del Padre suo.
E udii una voce che veniva dal cielo, come un fragore di grandi acque e come un rimbombo di forte tuono. La voce che udii era come quella di suonatori di cetra che si accompagnano nel canto con le loro cetre. Essi cantano come un canto nuovo davanti al trono e davanti ai quattro esseri viventi e agli anziani. E nessuno poteva comprendere quel canto se non i centoquarantaquattromila, i redenti della terra.
Essi sono coloro che seguono l’Agnello dovunque vada. Questi sono stati redenti tra gli uomini come primizie per Dio e per l’Agnello. Non fu trovata menzogna sulla loro bocca: sono senza macchia.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 23

Ecco la generazione che cerca il tuo volto, Signore.

Del Signore è la terra e quanto contiene:
il mondo, con i suoi abitanti.
È lui che l’ha fondato sui mari
e sui fiumi l’ha stabilito.

Chi potrà salire il monte del Signore?
Chi potrà stare nel suo luogo santo?
Chi ha mani innocenti e cuore puro,
chi non si rivolge agli idoli.

Egli otterrà benedizione dal Signore,
giustizia da Dio sua salvezza.
Ecco la generazione che lo cerca,
che cerca il tuo volto, Dio di Giacobbe.

Canto al Vangelo (Mt 24,42)
Alleluia, alleluia.
Vegliate e tenetevi pronti,
perché, nell’ora che non immaginate,
viene il Figlio dell’uomo.
Alleluia.

>

Vangelo

Lc 21,1-4
Vide una vedova povera, che gettava due monetine.


+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù, alzàti gli occhi, vide i ricchi che gettavano le loro offerte nel tesoro del tempio.
Vide anche una vedova povera, che vi gettava due monetine, e disse: «In verità vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato più di tutti. Tutti costoro, infatti, hanno gettato come offerta parte del loro superfluo. Ella invece, nella sua miseria, ha gettato tutto quello che aveva per vivere».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Consapevoli che Dio non ha bisogno dei nostri doni, ma chiede piuttosto l'offerta del nostro cuore, rivolgiamogli le nostre preghiere, dicendo insieme:
Ascoltaci, o Signore.

Perché gli uomini, sazi dei beni di questo mondo, non chiudano il loro cuore a Dio, accontentandosi di dargli un culto puramente esteriore. Preghiamo:
Perché i poveri si trovino a loro agio nella Chiesa, accolti e venerati come i semplici del vangelo. Preghiamo:
Perché in questa nostra società consumistica, i cristiani siano esempio di sobrietà nell'uso del denaro e dei beni della terra. Preghiamo:
Perché coloro che vivono ammassati alle periferie delle città, trovino nelle istituzioni civili e religiose i luoghi per il recupero della loro dignità e per l'espressione della loro personalità. Preghiamo:
Perché la nostra comunità impari a donare sempre con gioia e disinteresse, attuando già al proprio interno l'uguaglianza tra fratelli. Preghiamo:
Perché ogni uomo si senta pienamente accettato e amato da Dio.
Per tutti i benefattori della Chiesa e del mondo.

O Dio, Padre di bontà, ogni nostro desiderio è davanti a te. Rendici trasparenti e puri, perché amando la verità, possiamo vivere con cuore libero da ogni inganno e finzione. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
I doni che ti presentiamo
nel glorioso ricordo della santa martire Cecilia
ti siano graditi, Signore, come fu preziosa ai tuoi occhi
l'offerta della sua vita. Per Cristo …


Antifona di comunione
"Io sono la vite e voi i tralci", dice il Signore;
"chi rimane in me e io in lui, porta molto frutto".


Preghiera dopo la comunione
Signore, che hai glorificato santa Cecilia
con la corona della verginità e del martirio,
per la comunione a questo sacro convito
donaci una forza nuova perché superiamo ogni male
e raggiungiamo la gloria del cielo. Per Cristo …


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24-11-2014)
Gettavano le loro offerte nel tesoro del tempio
L'offerta per il tempio era una tradizione in Israele molto sentita. Impressa nella mente è la raccolta indetta da Davide per la prima costruzione del tempio di Gerusalemme. Il re Davide disse a tutta l'assemblea: «Salomone, mio figlio, il solo che Dio ha scelto, è giovane e inesperto, mentre l'imp ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24-11-2014)
Commento su Ap. 14, 4-5
"Seguono l'Agnello dovunque vada. Questi sono stati redenti tra gli uomini come primizie per Dio e per l'Agnello. Non fu trovata menzogna sulla loro bocca: sono senza macchia." Ap. 14, 4-5 Come vivere questa Parola? Questa pericope dell'Apocalisse tenta di esprimere qualcosa che, essendo ineffabi ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 25-11-2013)
L'obolo della vedova
Davvero i pensieri di Dio non sono come i nostri, i suoi calcoli sono molto, molto diversi. La ragione principale sta nel fatto che egli vede con gli occhi della sapienza infinita che scruta i cuori e l'intimità dei nostri sentimenti. I nostri calcoli invece sono spesso fatti di numeri e di visioni ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 25-11-2013)
Conta più la qualità della quantità
Questa vedova, povera, ha messo più di tutti Capita spesso di incontrare amici dopo tanto tempo e questi ti chiedano scusa per non essersi più fatti sentire, di essere lontani dalla tua quotidianità. Sono però amici veri, coloro sui quai sai di poter contare, presenti al volo se li chiami per un' ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 25-11-2013)
Commento su Daniele 1, 19
"Il re parlò con loro, ma fra tutti non si trovò nessuno pari a Daniele, Ananìa, Misaèle e Azarìa, i quali rimasero al servizio del re." Dn 1, 19 Come vivere questa Parola? In questa ultima settimana dell'anno, la liturgia ci propone il libro di Daniele. È un libro tra i più recenti dell'antico ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 25-11-2013)
Ha gettato tutto quello che aveva per vivere
Dinanzi al Signore non si va mai a mani vuote. Lo insegna la Legge di Dio. Tre volte all'anno farai festa in mio onore. Osserverai la festa degli Azzimi: per sette giorni mangerai azzimi, come ti ho ordinato, nella ricorrenza del mese di Abìb, perché in esso sei uscito dall'Egitto. Non si dovrà c ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 26-11-2012)
Commento su Luca 21,1-4
È una questione di dono, la vita di fede. Spendere la vita, donarla, spenderla, come ha fatto Gesù. Non tenersi stretta la vita, ma farla fluire negli incontri, nelle attenzioni, nel rapporto con Dio: in un mondo che esalta l'egoismo, l'attenzione ossessiva e piccina al "sé", Gesù propone un modello ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 26-11-2012)
Questa vedova, povera, ha messo più di tutti
Siamo abituati a giudicare gli altri in base alla macchina che guidano, alla posizione sociale che ricoprono, agli incarichi che svolgono, alla casa che abitano. Facciamo grandi inchini e riverenze, stringiamo le loro mani, chiediamo loro un autografo ed aneliamo ad avere un lembo dei loro vestiti. ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 26-11-2012)
Commento su Apocalisse 14,2-3
"Udii una voce che veniva dal cielo, come un fragore di grandi acque e come un rimbombo di forte tuono. La voce che udii era come quella di suonatori di arpa che si accompagnano nel canto con le loro arpe. Essi cantavano un canto nuovo" Ap 14,2-3 Come vivere questa Parola? Sono gli ultimi giorni ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 26-11-2012)
Ha gettato tutto quello che aveva per vivere
Le vedove erano persone povere. Esse andavano aiutate, sostenute, difese, sorrette. invece i farisei divoravano le loro case, approfittando proprio della loro debolezza, solitudine, fragilità. Quanto è strana la religione quando ci si serve di essa per il culto della propria persona. Sempre nella re ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 21-11-2011)
In verità vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato più di tutti
Le apparenze sono dell'uomo, il cuore appartiene al Signore. L'uomo vede il visibile. Dio scruta l'invisibile. L'uomo si inganna, Dio mai. Gesù possiede la scienza divina, Lui conosce ciò che vi è dentro l'uomo. Il Vangelo secondo Giovanni ci offre questa verità: "Mentre era a Gerusalemme per la Pas ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 22-11-2010)
Nella sua miseria, ha gettato tutto quello che aveva per vivere
La carità materiale è sempre segno della carità spirituale. Se si vuole sapere quanto una persona ami Dio e il prossimo, è sufficiente osservare come pratica le opere di misericordia corporale. Se queste sono assenti dalla sua vita, o scarse, o veramente poche, assente, scarsa, poca è la sua carità ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 22-11-2010)

Dalla Parola del giorno Gesù disse: «In verità vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato più di tutti. Tutti costoro, infatti, hanno gettato come offerta parte del loro superfluo. Ella invece, nella sua miseria, ha gettato tutto quello che aveva per vivere». Come vivere questa Parola? Qu ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 23-11-2009)

La vedova getta nel tesoro del tempio quello che ha per vivere, non il superfluo. Per lei la fede è qualcosa di serio, che coinvolge, che cambia, che tocca il cuore. E il portafoglio. La vedova vive di elemosina o della carità dei famigliari: non ha la previdenza sociale, né chi si occupi di lei, è ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 23-11-2009)
Gettare un segno
GETTARE UN SEGNO SIGNIFICATIVO NEL MONDO VALE SEMPRE Spesso la nostra vita è piena di occasioni, di realtà che ci passano davanti come destino e coincidenze della vita, per essere per noi "segni". Mettere molti segni non è semre in coincidenza con il nostro valorizzarli come tali. Spesso un s ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 23-11-2009)
L?obolo della vedova
Per i ricchi è facile farsi belli e mostrarsi generosi. Anche ai tempi di Gesù facevano risuonare le loro monete gettate in abbondanza nel grande contenitore metallico. Il suono già ne misurava la quantità ed incitava gli astanti a voltarsi per vedere chi fosse il generoso donatore. Anche nelle nost ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 23-11-2009)

Dalla Parola del giorno "Questa vedova povera ha dato tutto quello che aveva per vivere." Come vivere questa Parola? Lo sguardo attento di Gesù si è posato su una vedova povera mentre compie l'atto di lasciar cadere due spiccioli nel tesoro del tempio. È a proposito di questo gesto che Gesù ha ...
(continua)
a cura dei Carmelitani     (Omelia del 23-11-2009)

1) Preghiera Ridesta, Signore, la volontà dei tuoi fedeli perché, collaborando con impegno alla tua opera di salvezza, ottengano in misura sempre più abbondante i doni della tua misericordia. Per il nostro Signore Gesù Cristo... 2) Lettura Dal Vangelo secondo Luca 21,1-4 In quel te ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 24-11-2008)

La vedova offre a Dio il necessario che ha per vivere, non il superfluo. La fede di questa donna, fede popolare, semplice, fede che si traduce nel gesto all'apparenza insignificante, è colto dal signore Gesù come il più bel dono fatto al tesoro del Tempio. Donare è difficile, donare bene, quasi impo ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 24-11-2008)
Il tesoro del tempio
IL TESORO DEL TEMPIO COME RIVELAZIONE DELLA VERA FEDE Tanti soldi per coprire la mancanza del tesoro del cuore. Due spiccioli per esprimere la potenza del cuore nella fede. Quanto sappiamo coprire la nostra poca fede con tante cose! Con quelle poche cose, la vedova esprime ma sua tanta fede. ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 24-11-2008)
L'obolo della vedova
Davvero i pensieri di Dio non sono come i nostri, i suoi calcoli sono molto, molto diversi. La ragione principale sta nel fatto che egli vede con gli occhi della sapienza infinita che scruta i cuori e l?intimità dei nostri sentimenti. I nostri calcoli invece sono spesso fatti di numeri e di visioni ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24-11-2008)
Commento a Lc 21,1-4
Dalla Parola del giorno Alzati gli occhi, vide alcuni ricchi che gettavano le loro offerte nel tesoro. Vide anche una vedova povera che vi gettava due spiccioli e disse: «In verità vi dico: questa vedova, povera, ha messo più di tutti. Tutti costoro, infatti, han deposto come offerta del loro super ...
(continua)
a cura dei Carmelitani     (Omelia del 24-11-2008)

1) Preghiera Ridesta, Signore, la volontà dei tuoi fedeli perché, collaborando con impegno alla tua opera di salvezza, ottengano in misura sempre più abbondante i doni della tua misericordia. Per il nostro Signore Gesù Cristo... 2) Lettura Dal Vangelo secondo Luca 21,1-4 In quel te ...
(continua)
   > Translate this page (italian > english) with Google