LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 30 Maggio 2010 <

Venerdì 28 Maggio 2010

Sabato 29 Maggio 2010

Domenica 30 Maggio 2010

Lunedì 31 Maggio 2010

Martedì 1 Giugno 2010

Mercoledì 2 Giugno 2010

Giovedì 3 Giugno 2010

Venerdì 4 Giugno 2010

Sabato 5 Giugno 2010

Domenica 6 Giugno 2010


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

  SANTISSIMA TRINITA' (ANNO C)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: SOLENNITA'
Colore liturgico: Bianco
CP100 ;

Il giorno di Pentecoste Gesù comunica se stesso ai discepoli per mezzo dell’effusione dello Spirito Santo. La piena rivelazione di Dio come Padre, Figlio e Spirito Santo si ha nel mistero della Pasqua, quando Gesù dona la vita per amore dei suoi discepoli. Bisognava che questi sperimentassero innanzitutto il supremo dono dell’amore compiuto da Gesù per comprendere la realtà di Dio Amore che dona tutto se stesso. Egli, oltre a perdonare i peccati e a riconciliare l’uomo con sé, lo chiama ad una comunione piena di vita (“In quel giorno voi saprete che io sono nel Padre e voi in me ed io in voi”: Gv 14,20); gli rivela la ricchezza dei suoi doni e della speranza della gloria futura (Ef 1,17-20); li chiama ad una vita di santità e di donazione nell’amore al prossimo (“Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io vi ho amati”: Gv 15,12). Anch’essi sull’esempio del loro maestro sono chiamati a dare la vita per i fratelli (“Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici”: Gv 15,13). Per ora essi sono incapaci di accogliere e accettare tali realtà. Lo Spirito Santo farà entrare nel cuore degli apostoli l’amore di Cristo crocifisso e risuscitato per loro, li consacrerà a lui in una vita di santità e d’amore, li voterà alla salvezza delle anime. Non saranno più essi a vivere, ma Gesù in loro (cf. Gal 2,20). Ogni cristiano nel corso del suo cammino è chiamato ad arrendersi all’amore e allo Spirito di Cristo crocifisso e risorto. Oggi è il giorno della decisione.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Sia benedetto Dio Padre,
e l’unigenito Figlio di Dio,
e lo Spirito Santo:
perché grande è il suo amore per noi.


Colletta
O Dio Padre, che hai mandato nel mondo
il tuo Figlio, Parola di verità,
e lo Spirito santificatore
per rivelare agli uomini il mistero della tua vita,
fa’ che nella professione della vera fede
riconosciamo la gloria della Trinità
e adoriamo l’unico Dio in tre persone.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

Oppure:
Ti glorifichi, o Dio, la tua Chiesa,
contemplando il mistero della tua sapienza
con la quale hai creato e ordinato il mondo;
tu che nel Figlio ci hai riconciliati
e nello Spirito ci hai santificati,
fa’ che, nella pazienza e nella speranza,
possiamo giungere alla piena conoscenza di te
che sei amore, verità e vita.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Pr 8,22-31
Prima che la terra fosse, già la Sapienza era generata.

Dal libro dei Proverbi

Così parla la Sapienza di Dio:
«Il Signore mi ha creato come inizio della sua attività,
prima di ogni sua opera, all’origine.
Dall’eternità sono stata formata,
fin dal principio, dagli inizi della terra.
Quando non esistevano gli abissi, io fui generata,
quando ancora non vi erano le sorgenti cariche d’acqua;
prima che fossero fissate le basi dei monti,
prima delle colline, io fui generata,
quando ancora non aveva fatto la terra e i campi
né le prime zolle del mondo.
Quando egli fissava i cieli, io ero là;
quando tracciava un cerchio sull’abisso,
quando condensava le nubi in alto,
quando fissava le sorgenti dell’abisso,
quando stabiliva al mare i suoi limiti,
così che le acque non ne oltrepassassero i confini,
quando disponeva le fondamenta della terra,
io ero con lui come artefice
ed ero la sua delizia ogni giorno:
giocavo davanti a lui in ogni istante,
giocavo sul globo terrestre,
ponendo le mie delizie tra i figli dell’uomo».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 8

O Signore, quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra!

Quando vedo i tuoi cieli, opera delle tue dita,
la luna e le stelle che tu hai fissato,
che cosa è mai l’uomo perché di lui ti ricordi,
il figlio dell’uomo, perché te ne curi?

Davvero l’hai fatto poco meno di un dio,
di gloria e di onore lo hai coronato.
Gli hai dato potere sulle opere delle tue mani,
tutto hai posto sotto i suoi piedi.

Tutte le greggi e gli armenti
e anche le bestie della campagna,
gli uccelli del cielo e i pesci del mare,
ogni essere che percorre le vie dei mari.

>

Seconda lettura

Rm 5,1-5
Andiamo a Dio per mezzo di Cristo, nella carità diffusa in noi dallo Spirito.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani

Fratelli, giustificati per fede, noi siamo in pace con Dio per mezzo del Signore nostro Gesù Cristo. Per mezzo di lui abbiamo anche, mediante la fede, l’accesso a questa grazia nella quale ci troviamo e ci vantiamo, saldi nella speranza della gloria di Dio.
E non solo: ci vantiamo anche nelle tribolazioni, sapendo che la tribolazione produce pazienza, la pazienza una virtù provata e la virtù provata la speranza.
La speranza poi non delude, perché l’amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato.

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Ap 1,8)
Alleluia, alleluia.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo,
a Dio, che è, che era e che viene.
Alleluia.

>

Vangelo

Gv 16,12-15
Tutto quello che il Padre possiede è mio; lo Spirito prenderà del mio e ve lo annuncerà.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:
«Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso.
Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future.
Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Il Signore ci chiede di non rimanere in noi stessi, ma di metterci sempre in relazione con lui. Come cristiani siamo chiamati ad essere consapevoli che la grandezza di questa relazione non si esaurisce mai.
Preghiamo insieme e diciamo: Signore, dacci il desiderio di conoscerti.

1. Perché sappiamo credere veramente che da sempre tu ci ami, preghiamo.
2. Perché la nostra relazione con te sia stimolo e modello per costruire relazioni con i nostri fratelli, preghiamo.
3. Perché sulla tua parola sappiamo affrontare le difficoltà e i momenti di morte, ricordandoci che il tuo silenzio non è sinonimo della tua assenza, preghiamo.
4. Perché sappiamo sempre camminare sulla strada della comprensione del tuo annuncio, sapendo che essa non è mai una nostra conquista, ma sempre un tuo dono, preghiamo.

O Padre, il tuo mistero è profondo e, nel tuo Figlio Gesù, tramite l’azione dello Spirito Santo tu ci chiedi di esplorarlo e prima ancora di amarlo. Aiutaci ad essere all’altezza di questo compito infinito. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Invochiamo il tuo nome, Signore,
su questi doni che ti presentiamo:
consacrali con la tua potenza
e trasforma tutti noi in sacrificio perenne a te gradito.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO
Il mistero di Dio uno e trino.

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno.
Con il tuo unico Figlio e con lo Spirito Santo
sei un solo Dio, un solo Signore,
non nell’unità di una sola persona,
ma nella Trinità di una sola sostanza.
Quanto hai rivelato della tua gloria, noi lo crediamo,
e con la stessa fede, senza differenze,
lo affermiamo del tuo Figlio e dello Spirito Santo.
E nel proclamare te Dio vero ed eterno,
noi adoriamo la Trinità delle Persone,
l’unità della natura, l’uguaglianza nella maestà divina.
Gli Angeli e gli Arcangeli, i Cherubini e i Serafini,
non cessano di esaltarti uniti nella stessa lode: Santo...


Antifona di comunione
Voi siete figli di Dio:
egli ha mandato nei vostri cuori lo Spirito del Figlio suo,
che grida “Abbà, Padre”. (Gal 4,6)

Oppure:
“Lo Spirito di verità vi guiderà alla verità tutta intera”. (Gv 16,13)


Preghiera dopo la comunione
Signore Dio nostro, la comunione al tuo sacramento,
e la professione della nostra fede in te,
unico Dio in tre persone,
ci sia pegno di salvezza dell’anima e del corpo.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 26-05-2013)
Commento su Giovanni 16,12-15
Collocazione del brano Questa è l'ultima domenica in cui ci viene proposto il vangelo di Giovanni. Da domenica prossima, festa del Santissimo Corpo e Sangue di Gesù, riprenderemo la lettura dell'evangelista Luca. Coloro che hanno scelto le letture di questa domenica dedicata alla Santissima Trinità ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 26-05-2013)
Audio commento a Gv 16,12-15
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 26-05-2013)
Solennità della SS.ma Trinità
La Chiesa, quasi ripercorrendo il continuo cammino della storia dell'amore che Dio ha per ciascuno di noi, dopo averci narrato l'amore di Gesù, Figlio del Padre, dato a noi per la nostra salvezza, la Presenza vivificante dello Spirito Santo, con la Pentecoste, oggi, ci presenta quella che il nostro ...
(continua)
Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 26-05-2013)
Lo Spirito vi guiderà alla verità tutta intera
Il brano tratto dal vangelo di Giovanni fa parte dei cosiddetti "discorsi di addio" di Gesù contenuti nei capp.13-17 ed è stato assai opportunamente scelto per la liturgia della Festa della Trinità perché ci apre uno squarcio su quell'insondabile mistero che è il Dio della rivelazione cristiana, e c ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 26-05-2013)
Commento su Gv 16,12-15
Spiegazione dell'Icona Sporge dall'alto la mano aperta di Dio Padre, da cui proviene ogni dono e ogni bene. Dal suo nimbo di gloria piovono fasci di luce sulle persone della Santa Famiglia e discende su Maria il fuoco dello Spirito Santo. In asse con la mano del Padre e la fiamma dello Spirito, si ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 26-05-2013)
A sua immagine
Non abbiamo ancora capito tutto, così ribadisce, per la quinta volta, il Maestro Gesù invitandoci ad attendere lo Spirito. Poi lo Spirito è arrivato e continua ad arrivare, abbondantemente: scende su di noi, colma i nostri cuori, allarga le nostre menti. Lo Spirito soffia, incoraggia, stravolge, mo ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 26-05-2013)
L'Amante, l'Amato e l'Amore
Clicca qui per la vignetta della settimana. Chi è Dio? La dottrina della Chiesa ci insegna che è Trinità, unico Dio in tre Persone: Padre Figlio e Spirito Santo. Il Credo che recitiamo sempre nella messa festiva ci mette sulle labbra uno scritto frutto di un lungo lavoro nei primi secoli della ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 26-05-2013)
Commento su Giovanni 16,12-15
Dopo la celebrazione del tempo di Pasqua, in cui siamo rinati nel battesimo con il rinnovo delle promesse, la liturgia, in questa domenica, richiama la nostra attenzione sulla vita stessa di Dio, il quale comunica il Suo amore all'umanità, convocata a vivere nello stesso dinamismo della carità divin ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 26-05-2013)
Un Dio che si mette in gioco
"Giocavo davanti a lui...giocavo sul globo terrestre". Se fosse un adulto che, ricordando la sua esperienza da bambino, scrivesse un romanzo della propria vita utilizzando queste parole (tratte dalla Liturgia della Parola di oggi) non credo ci troveremmo nulla di strano. Ma chi parla così, è la Sapi ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 26-05-2013)
Gloria Te Padre, a Te Figlio, a Te Spirito Santo!
Professare la fede nella Trinità - Padre, Figlio e Spirito Santo - equivale a credere in un solo Dio che è Amore (cfr 1Gv 4,8): il Padre, che nella pienezza del tempo ha inviato suo Figlio per la nostra salvezza; Gesù Cristo, che nel mistero della sua morte e risurrezione ha redento il mondo; lo Sp ...
(continua)
mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 26-05-2013)
Trinità mistero d'amore
A conclusione del grande tempo di Pasqua, stagione dell'alleluja, dopo la luce della Pentecoste, siamo invitati a sostare in contemplazione dinanzi al Mistero trinitario. La Parola ci invita a contemplare la Sapienza dell'inizio che gioca davanti a Lui, gioca sul globo terrestre e pone le delizie tr ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 26-05-2013)
Tutto quello che il Padre possiede è mio; lo Spirito prenderà del mio e ve lo annuncerà
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 26-05-2013)
Il parroco ha stancato anche la nonna!
Il mio parroco raccontava sempre la solita storiella. Raccontava che mentre camminava sulla spiaggia, riflettendo sul mistero della Santissima Trinità, Sant'Agostino, il grande e sapiente vescovo africano, incontrò un bambino che raccoglieva l'acqua del mare con una conchiglia e la versava in una bu ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 26-05-2013)
Video commento a Gv 16,12-15
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 26-05-2013)
Video commento a Gv 16,12-15
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 26-05-2013)
Video commento a Gv 16,12-15
...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 26-05-2013)
Ciò che è del Padre è anche nostro
La Trinità si delinea in filigrana, nel Vangelo di oggi, non come fos­se un dogma astratto ma come un accadimento di vita, una azione che ci coinvolge. Lo Spirito mi glorificherà: prenderà del mio e ve lo an­nuncerà. La gloria per Ge­sù, ciò di cui si vanta, la pie­nezza della sua missione consist ...
(continua)
don Luca Orlando Russo     (Omelia del 26-05-2013)
... a tutta la verità
Le relazioni sono il senso della vita. Nessuno diventa migliore senza gli altri come nessuno diventa peggiore senza gli altri. Nelle relazioni ci ammaliamo e solo nelle relazioni possiamo guarire. La nostra vita è una trama di relazioni dalle quali noi apprendiamo quelle convinzioni mediante le qual ...
(continua)
mons. Vincenzo Paglia     (Omelia del 26-05-2013)
Commento su Proverbi 8,22-31; Salmo 8; Romani 5,1-5; Giovanni 16,12-15
Introduzione Il giorno di Pentecoste Gesù comunica se stesso ai discepoli per mezzo dell'effusione dello Spirito Santo. La piena rivelazione di Dio come Padre, Figlio e Spirito Santo si ha nel mistero della Pasqua, quando Gesù dona la vita per amore dei suoi discepoli. Bisognava che questi sperimen ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 26-05-2013)
Commento Santissima Trinità
"Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo, a Dio, che è, che era che viene". Canto al Vangelo Come vivere questa Parola? In questa espressione è la sintesi di quel che possiamo dire del Mistero Trinitario: il più alto mistero della nostra Fede, anche il più arduo ma tale da attirarti in di ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 26-05-2013)
L'unico Dio in tre persone
In Dio sono perfette sia l'unità che la Trinità. Dio è unico nell'unità di una sola natura e trino nelle persone. Siamo di fronte al mistero. I misteri di Dio ci si svelano nella misura in cui siamo capaci, accogliendo i doni di grazia e lasciandoci illuminare dallo stesso Spirito, di viverli ed inc ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 26-05-2013)
Pellegrinaggio senza confini
L'Ascensione ci invitava a guardare in alto per seguire con lo sguardo Gesù che saliva oltre le nubi. La Santissima Trinità ci invita a guardare "dentro", nelle profondità del cuore dove Dio dimora in segreto. Oggi siamo invitati a fare un pellegrinaggio. Dove? Ecco il bello: in nessun posto. O perl ...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 26-05-2013)
La Santissima Trinità modello di vita
Tutti spesso facciamo il Segno della Croce o preghiamo con il Gloria al Padre... Ma siamo consapevoli della portata di Amore che c'è all'interno della Trinità e dalla Trinità verso di noi e che queste preghiere esprimono? Il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo formano la "famiglia divina" che si a ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 26-05-2013)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Gigi Avanti Risulta difficile trovare situazioni concrete dell'esistenza dalle quali partire per "meditare" su questo brano di vangelo allo scopo di trarne qualche ?dritta' per migliorare lo stato di salute dell'anima... momentaneamente in libera uscita ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 26-05-2013)

Oggi è la festa della Santissima Trinità. Non so dirvi quante parole siano state usate, nei secoli, per esprimere e spiegare questa verità su Dio che si manifesta in tre persone uguali e distinte! Sembra tutto così complicato, quasi difficile. Invece penso che, se accogliamo la Parola che il Signor ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 26-05-2013)
Video Commento Gv 16, 12-15
...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 26-05-2013)
Video commento a Gv 16,12-15
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 26-05-2013)
La Trinità nell'anno della fede
Conclusa con la Pentecoste la celebrazione della Pasqua, è previsto che la domenica successiva sia imperniata a riflettere sulla Trinità: quasi un volgersi indietro a riconsiderare nell'insieme gli eventi appena celebrati, il cui protagonista non è semplicemente l'Uomo-Dio Gesù. Con lui hanno operat ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 26-05-2013)
Uno e Tre per sè e per tutti
Se Gesù Cristo, Dio fatto uomo, è la pienezza della rivelazione di Dio ciò comporta che in Cristo si veda il vero volto di Dio. La prima Lettura paragona Cristo alla Sapienza e di fatto egli è la Sapienza del Padre, quella che era presente quando Questi creava il mondo. Non si tratta però di una pre ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 26-05-2013)
Ruminare i Salmi - Salmo 8,6a (SS. Trinità, anno C)
Salmo 8,6a CEI 2008 Davvero l'hai fatto poco meno di un Dio CEI 1974 Eppure l'hai fatto poco meno degli angeli TILC L'hai fatto di poco inferiore a un Dio Il Concilio Vaticano II cita questo passo in Gaudium et Spes, 12, dove ci si domanda: Quid est autem homo? Che cos'è l'uomo? Molte opini ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 26-05-2013)
Non siete capaci di portarne il peso
Quanti pesi dobbiamo portare sulle nostre spalle ogni giorno che avanza. Possiamo restare indifferenti agli altri, oppure sobbarcarci anche i fardelli di chi è troppo stanco, troppo debole, troppo ferito per affrontare le difficoltà della vita. Farsi carico dei pesi del nostro prossimo è come ringra ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 26-05-2013)
Lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità
La coscienza di non poter conoscere mai a pieno il volere del Signore era già acquisizione dell'Antico Testamento. Il pio uomo di Dio era perennemente in preghiera perché il Signore mandasse su di Lui la sua sapienza. La sapienza è come l'aria, più si respira e più si consuma e più se ne ha bisogno ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 26-05-2013)
Video commento su Giovanni 16,12-15
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 26-05-2013)
Commento su Proverbi 8,22-31.; Salmo 8; Romani 5, 1-5.; Giovanni 16, 12-15.
Questa è una solennità che riassume tutto il messaggio della nostra fede, il mistero del Dio cristiano. Quando iniziamo e terminiamo ogni momento di preghiera, ogni momento liturgico, facciamo un segno di croce e diciamo nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, questa è la sintesi di ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 30-05-2010)
Video commento su Gv 16,12-15
...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 30-05-2010)
Commento su Giovanni 16,12-15
Lectio Questo brano del Vangelo di Giovanni è collocato nella seconda parte del discorso di addio che l'evangelista pone sulla bocca di Gesù durante l'ultima cena, poco prima del suo arresto. Il discorso (Gv 16,4b-33) cerca di dare risposta a una situazione di prova vissuta dalla comunità di Giov ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 30-05-2010)
Tutto quello che il Padre possiede è mio
Il cristiano è perennemente dal mistero della Beata Trinità. È dall'amore del Padre, dalla grazia di Cristo Gesù, dalla comunione dello Spirito Santo. L'amore è dal Padre perché è Lui la fonte della carità, della vita eterna, della bellezza spirituale, della santità, della verità, di ogni intellige ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 30-05-2010)
Audio commento a Gv 16,12-15
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Mario Campisi     (Omelia del 30-05-2010)
Audio commento a Gv 16,12-15
Nella storia di Gesù noi tocchiamo con mano come Dio si prenda cura della nostra storia: nonostante la fatica e la tribolazione quotidiana, alla fine sta la parola di vita pronunciata da Dio. La storia di Gesù è stata segnata dall'incomprensione, dalla persecuzione, dall'odio, dalla morte, ma l'ult ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 30-05-2010)
Pienezza di vita
Un Dio fuori di sé: ecco cos'è la SS Trinità. Una perfetta comunione di persone che non rivendicano nulla per sé stesse: tutto ciò che il Padre è (e non solo ha) lo dona al Figlio che è così, la sapienza sussistente. Tutto ciò che il Figlio ha, non solo la vita, ma il suo stesso Spirito, ce lo dona ...
(continua)
don Daniele Muraro     (Omelia del 30-05-2010)
Per guida l'Amore
In apertura del Vangelo di oggi Gesù dice ai suoi discepoli: "Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso." Questa frase potrebbe indurre alla sfiducia e allo scetticismo: le cose che intendeva dire Gesù, se non erano alla portata degli Apostoli allora, tan ...
(continua)
mons. Vincenzo Paglia     (Omelia del 30-05-2010)
Tutto quello che il Padre possiede è mio; lo Spirito prenderà del mio e ve lo annuncerà
La festa della Trinità, che il calendario liturgico latino celebra dopo la domenica della Pentecoste, apre l'ultimo e lungo periodo dell'anno liturgico. È un periodo che viene chiamato "tempo ordinario", perché non ha nessuna memoria particolare della vita di Gesù. Tuttavia non è un tempo meno signi ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 30-05-2010)
Ricevere il dono
Quello che celebriamo oggi è il mistero più grande della nostra fede, che non possiamo e credo nemmeno desideriamo spiegare, perché celebrare non vuol dire, (per me), risolvere o svelare: celebrare vuol dire affidarsi. Ecco allora l'atteggiamento con il quale proviamo a vivere questa domenica: affid ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 30-05-2010)

Dopo aver contemplato l'opera del Padre, dopo aver celebrato i misteri della vita di Gesù, lungo l'anno liturgico, dopo aver accolto lo Spirito Santo nella Pentecoste, oggi celebriamo la festa della Ss. Trinità, Il Padre, il Figlio, lo Spirito Santo, nell'unità di un solo Dio, nella Trinità delle Pe ...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 30-05-2010)
Ad immagine della Comunione!
Dopo aver percorso il lungo cammino che ci ha portato alla Pentecoste, eccoci alla Solennità della Trinità. Potremmo dire che sintetizza tutto il nostro percorso quaresimale e pasquale. Leggiamo ancora alcuni versetti del discorso di Gesù che troviamo nel capitolo sedicesimo di San Giovanni. Se per ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 30-05-2010)
Un solo Dio in tre persone: un dialogo d'Amore
Celebriamo oggi la Festa della Santissima Trinità, uno dei misteri principali della nostra fede cristiana e cattolica: un solo Dio, in tre persone, in dialogo d'amore. E' Gesù stesso lungo il suo cammino di evangelizzatore a catechizzare i suoi discepoli sul mistero del Dio uno e trino. Basta legger ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 30-05-2010)
Trinità: 3×1
Clicca qui per la vignetta della settimana. Dio è Trinità. Così ce lo insegna il catechismo. Sembra che questa cosa sia stata messa li per complicarci la vita. Come spiegare che Dio è Uno e Trino? Un solo Dio in tre persone? Cosa significa? Ma soprattutto (e qui viene il vero problema), cosa mi ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 30-05-2010)
La Trinità, infinita sapienza del vivere
Trinità: un solo Dio in tre persone. Dogma che non capisco, eppure liberante, perché mi assicura che Dio non è in se stesso solitudine, che l'oceano della sua essenza vibra di un infinito movimento d'amore. C'è in Dio reciprocità, scambio, superamento di sé, incontro, abbraccio. L'essenza di Dio è ...
(continua)
LaParrocchia.it     (Omelia del 30-05-2010)
Alcuni Valori
In questo giorno, solennità della SS.ma Trinità, il nostro problema fondamentale, nella maggior parte dei casi, è quello di offrire chiarimenti e spiegazioni del mistero trinitario, fondamento della nostra fede. Contrariamente a tutto, nella mia riflessione vorrei partire dalla Parola di Dio e cogli ...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 30-05-2010)
Ad immagine della Comunione
...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 30-05-2010)
Nel Cuore della SS.ma Trinità
Il primo insegnamento che usciva dal cuore delle nostre mamme - un tempo e speriamo ancora oggi era di educare la nostra mano ed il nostro cuore a farsi il segno della croce. Era il 'segno' che apriva e chiudeva la giornata, vissuta così nell'amore della SS.ma Trinità. Eravamo ancora incapaci di c ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 30-05-2010)
Lo Spirito di verità vi guiderà alla verità tutta intera
Nel momento nel quale entriamo nel tempo liturgico "ordinario", celebriamo la "Santissima Trinità", il mistero di Dio. E' una espressione estremamente importante della forza pedagogica della Liturgia questo invito a fermarci sul mistero di Dio. Dio: quante volte noi pronunciamo questo nome. Ma che c ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 30-05-2010)

Oggi festeggiamo la Santissima Trinità, foto di famiglia, volto che Dio ha desiderato rivelarci. Non sappiamo se Dio è solo Trino, ma questo è ciò che ha considerato utile rivelarci, per parlarci del suo essere Amore e comunione. Ma l'amore esige una circolarità. Da soli è difficile rappresentare l' ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 30-05-2010)
Video commento a Gv 16,12-15
...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 30-05-2010)
L'impronta della Trinità
Investiti dal soffio dello Spirito, lasciamoci portare dalla sua potente dolcezza. Permettiamoci - almeno una volta - di perdere il controllo. Coraggio! Zaino in spalla, scarpe comode e via. Senza paura. Il Risorto è con noi! Lubrificati dal dono dello Spirito, smettiamola di guardarci alla spalle ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 30-05-2010)

Dalla Parola del giorno La speranza non delude perché l'amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato. Come vivere questa Parola? La speranza cristiana, quella virtù teologale che insieme alla fede e alla carità è l'intimo dinamismo del cristi ...
(continua)
Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 30-05-2010)
Lo Spirito vi guiderà alla verità tutta intera
Il brano tratto dal vangelo di Giovanni fa parte dei cosiddetti "discorsi di addio" di Gesù contenuti nei capp.13-17 ed è stato assai opportunamente scelto per la liturgia della Festa della Trinità perché ci apre uno squarcio su quell'insondabile mistero che è il Dio della rivelazione cristiana, e c ...
(continua)
don Remigio Menegatti     (Omelia del 30-05-2010)
O Signore, quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra
PREGHIERA DI COLLETTA Ti glorifichi, o Dio, la tua Chiesa, contemplando il mistero della tua sapienza con la quale hai creato e ordinato il mondo; tu che nel Figlio ci hai riconciliati e nello Spirito ci hai santificati, fa' che, nella pazienza e nella speranza, possiamo giungere alla piena conosc ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 30-05-2010)
Il Dio inatteso
Facciamo fatica a capire chi siamo noi, cos'è la vita, come funziona il mondo: perché mai dovremmo sforzarci di capire anche chi è Dio (se c'è?). Peggio: per quale sadica ragione dovremmo sforzarci di capire la stravagante idea della Chiesa di credere in un Dio che, pur essendo uno, è anche Trino? ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 30-05-2010)
Video commento a Gv 16,12-15
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 30-05-2010)
Coinvolti in un mistero d'amore
Domenica scorsa, con la Pentecoste, si sono concluse le celebrazioni pasquali; la festa di oggi invita a riconsiderarle nel loro insieme, per così dire con uno sguardo panoramico. Se ne coglie in tal modo un aspetto cui spesso non si bada: Pasqua significa redenzione dell'umanità, compiuta da Gesù C ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 30-05-2010)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di Mons. Remo Bonola La Trinità: una Società per Azioni, infinitamente perfetta e ineccepibile. 1. La Trinità = una Società per Azioni, perfetta e ineccepibile, costituita da Tre Persone: Padre, Figlio e Spirito Santo. Il loro biglietto da visita secondo S. Sofro ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 30-05-2010)

Oggi celebriamo la festa della Santissima Trinità, la festa di Dio e il mistero della Sua unicità che si esprime in tre persone: Padre, Figlio e Spirito Santo. È una solennità che ci invita a riflettere su Dio e sulla nostra capacità di comprendere Dio. Ricordo ancora quando sentii per la prima vo ...
(continua)
Il pane della domenica     (Omelia del 30-05-2010)
A immagine di un Dio comunità
Lo Spirito prenderà del mio e ve l'annunzierà Pensare alla Trinità ci fa fatica. In qualche modo sembra che non ci riguardi. O, se non altro, che non cambi nulla per noi e per la nostra fede. Forse può essere argomento di interesse e di indagine dei filosofi o dei teologi. Ma è un mistero così lo ...
(continua)
padre Mimmo Castiglione     (Omelia del 30-05-2010)
Al Ministero delle infrastrutture (celesti) e delle (divine) comunicazioni!
Che dire di questo grande mistero? Solo qualche parola per descrivere qualcosa d'inafferrabile! Ma è necessario rinascere! E di giorno, pure! Evitando di sapere ciò che già si crede di conoscere. Convinti della buona e bella notizia: il Padre ci ha inviato Gesù per accoglierci e salvarci. I ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 30-05-2010)
Distinti ma uniti, uniti ma distinti
Oggi la chiesa celebra la festa Della Trinità. La Trinità celebra un Dio che è comunione, relazione, famiglia. Dio non è un'entità di solitudine ma una realtà dinamica, viva e relazionale. Quando noi diciamo la parola "famiglia" non diciamo un'entità monolitica, statica: succedono così tante cose i ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 30-05-2010)

Dov'è tutta intera la verità? O, come disse Pilato, cos'è la verità? È Dio. Tutta la verità è nella Trinità, Padre e Figlio e Spirito; sapienza incommensurabile per ognuno, inversamente proporzionale alla nostra superbia. Ci vuole lo Spirito per entrare nella verità che è vita e salvezza, sopravvive ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 30-05-2010)
Il Dio Uno e Trino
Oggi celebriamo il mistero del nostro Dio, Uno e Trino. Tre persone, Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo, in un'unica natura, nell'unità perfetta, in una reciproca relazione di amore. È il Dio inaccessibile alla nostra fioca luce, me che si è rivelato a noi nella scrittura sacra, con la forza ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 30-05-2010)
La Sapienza di Dio parla...
La liturgia oggi ci parla di un Dio "vivente nella storia" e nella vita dell'Uomo, nonostante questi arrivi talvolta ad estrometterlo dal suo cuore. E' il "Dio Trinità" così come si è a noi rivelato nelle pagine bibliche. "Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo": con queste parole è i ...
(continua)
don Valentino Porcile     (Omelia del 30-05-2010)
Video commento a Gv 16,12-15
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 30-05-2010)
"Se 'n pittore te dovesse pitturà... "
Parlando del mistero del Dio cristiano, la nostra fede, che si fonda su quello che Gesù Verbo di Dio ci ha rivelato, ci invita a riconoscere un Mistero ineffabile e affascinante: Dio è Uno Solo, non ve ne sono altri accanto o superiori a Lui; Egli è Infinito, Onnipotente, Perfetto; si trova dappertu ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 30-05-2010)
Video commento a Gv 16,12-15
...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 03-05-2010)
"Verità tutta intera"
LA TRINITA' COME POSSIAMO ACCENNARLA PER NOI, OGGI, QUI? Rispondiamo con la definizione posta in essere nel brano evangelico: ...LA VERITA' TUTTA INTERA....: ecco per noi la Trinità cos'è. Dal nostro punto di vista esperienziale, nella vita, noi possiamo cogliere l'intuizione dell'essenza del ...
(continua)
don Ezio Stermieri     (Omelia del 03-06-2007)
battezzati nel nome della Trinità
Tra poco, immergendo nell'acqua, inserendo in Cristo una nuova vita rivivremo anche il nostro Battesimo: nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Si, oggi, come compimento del nostro mistero Pasquale diamo nome e lode all'Amore che chiama alla vita ogni cosa e persona, all'Amore che ci ...
(continua)
   > Translate this page (italian > english) with Google