LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 26 Aprile 2010 <

Sabato 24 Aprile 2010

Domenica 25 Aprile 2010

Lunedì 26 Aprile 2010

Martedì 27 Aprile 2010

Mercoledì 28 Aprile 2010

Giovedì 29 Aprile 2010

Venerdì 30 Aprile 2010

Sabato 1 Maggio 2010

Domenica 2 Maggio 2010

Lunedì 3 Maggio 2010


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

  Lunedì della IV settimana di Pasqua

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Bianco
EP041 ;
“Le pecore affamate alzano la testa e non vengono nutrite”. Questa è la critica di Milton ai pastori del suo tempo.
Uno dei salmi più belli, scritto con estrema raffinatezza formale, è quello che enumera le virtù del Buon Pastore. È una poesia “universale”, che parla a tutti: consola gli afflitti nella loro disperazione, e incoraggia le persone sole nel loro isolamento.
Il Vangelo suggerisce che il Buon Pastore è raro. La sua vocazione è pericolosa. La sicurezza delle pecore è la sua sola preoccupazione ed egli darà la vita per salvarle. Ciò ridefinisce il ruolo di ogni guida: a questa prova molti risultano incapaci.
Il nostro secolo è il secolo del “cattivo pastore”: conserviamo ancora le pietre carbonizzate dei campi in cui milioni di uomini furono asfissiati.
Cristo parla sempre del suo ruolo di pastore: non è venuto per essere servito, non è venuto per trattare le persone con arroganza; è venuto per salvare le sue pecorelle e, se è necessario, per morire per loro.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Cristo risorto più non muore,
la morte non ha più potere su di lui. Alleluia. (Rm 6,9)


Colletta
O Dio, che nell’umiliazione del tuo Figlio
hai risollevato il mondo dalla sua caduta,
donaci la santa gioia pasquale,
perché, liberi dall’oppressione della colpa,
partecipiamo alla felicità eterna.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

At 11,1-18
Dio ha concesso anche ai pagani che si convertano perché abbiano la vita.

Dagli Atti degli Apostoli

In quei giorni, gli apostoli e i fratelli che stavano in Giudea vennero a sapere che anche i pagani avevano accolto la parola di Dio. E, quando Pietro salì a Gerusalemme, i fedeli circoncisi lo rimproveravano dicendo: «Sei entrato in casa di uomini non circoncisi e hai mangiato insieme con loro!».
Allora Pietro cominciò a raccontare loro, con ordine, dicendo: «Mi trovavo in preghiera nella città di Giaffa e in estasi ebbi una visione: un oggetto che scendeva dal cielo, simile a una grande tovaglia, calata per i quattro capi, e che giunse fino a me. Fissandola con attenzione, osservai e vidi in essa quadrupedi della terra, fiere, rettili e uccelli del cielo. Sentii anche una voce che mi diceva: “Coraggio, Pietro, uccidi e mangia!”. Io dissi: “Non sia mai, Signore, perché nulla di profano o di impuro è mai entrato nella mia bocca”. Nuovamente la voce dal cielo riprese: “Ciò che Dio ha purificato, tu non chiamarlo profano”. Questo accadde per tre volte e poi tutto fu tirato su di nuovo nel cielo. Ed ecco, in quell’istante, tre uomini si presentarono alla casa dove eravamo, mandati da Cesarèa a cercarmi. Lo Spirito mi disse di andare con loro senza esitare. Vennero con me anche questi sei fratelli ed entrammo in casa di quell’uomo. Egli ci raccontò come avesse visto l’angelo presentarsi in casa sua e dirgli: “Manda qualcuno a Giaffa e fa’ venire Simone, detto Pietro; egli ti dirà cose per le quali sarai salvato tu con tutta la tua famiglia”. Avevo appena cominciato a parlare quando lo Spirito Santo discese su di loro, come in principio era disceso su di noi. Mi ricordai allora di quella parola del Signore che diceva: “Giovanni battezzò con acqua, voi invece sarete battezzati in Spirito Santo”. Se dunque Dio ha dato a loro lo stesso dono che ha dato a noi, per aver creduto nel Signore Gesù Cristo, chi ero io per porre impedimento a Dio?».
All’udire questo si calmarono e cominciarono a glorificare Dio dicendo: «Dunque anche ai pagani Dio ha concesso che si convertano perché abbiano la vita!».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 41 e 42

L’anima mia ha sete di Dio, del Dio vivente.

Come la cerva anela ai corsi d’acqua,
così l’anima mia anela a te, o Dio.
L’anima mia ha sete di Dio, del Dio vivente:
quando verrò e vedrò il volto di Dio?

Manda la tua luce e la tua verità:
siano esse a guidarmi,
mi conducano alla tua santa montagna,
alla tua dimora.

Verrò all’altare di Dio,
a Dio, mia gioiosa esultanza.
A te canterò sulla cetra,
Dio, Dio mio.

Canto al Vangelo (Gv 10,14)
Alleluia, alleluia.
Io sono il buon pastore, dice il Signore;
conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me.
Alleluia.

>

Vangelo

Gv 10,1-10
Io sono la porta delle pecore.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse: «In verità, in verità io vi dico: chi non entra nel recinto delle pecore dalla porta, ma vi sale da un’altra parte, è un ladro e un brigante. Chi invece entra dalla porta, è pastore delle pecore. Il guardiano gli apre e le pecore ascoltano la sua voce: egli chiama le sue pecore, ciascuna per nome, e le conduce fuori. E quando ha spinto fuori tutte le sue pecore, cammina davanti a esse, e le pecore lo seguono perché conoscono la sua voce. Un estraneo invece non lo seguiranno, ma fuggiranno via da lui, perché non conoscono la voce degli estranei».
Gesù disse loro questa similitudine, ma essi non capirono di che cosa parlava loro.
Allora Gesù disse loro di nuovo: «In verità, in verità io vi dico: io sono la porta delle pecore. Tutti coloro che sono venuti prima di me, sono ladri e briganti; ma le pecore non li hanno ascoltati. Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvato; entrerà e uscirà e troverà pascolo. Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza».

Parola del Signore

Preghiera sulle offerte
Accogli, Signore, i doni della tua Chiesa in festa,
e poiché le hai dato il motivo di tanta gioia,
donale anche il frutto di una perenne letizia.
Per Cristo nostro Signore.

Oppure:
Accetta, Signore, i doni della tua Chiesa
e concedi a tutti noi di cooperare giorno per giorno
alla redenzione del Cristo salvatore.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.


PREFAZIO PASQUALE IV
La restaurazione dell’universo per mezzo del mistero pasquale

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
proclamare sempre la tua gloria, o Signore,
e soprattutto esaltarti in questo tempo
nel quale Cristo, nostra Pasqua, si è immolato.
In lui, vincitore del peccato e della morte,
l’universo risorge e si rinnova,
e l’uomo ritorna alle sorgenti della vita.
Per questo mistero, nella pienezza della gioia pasquale,
l’umanità esulta su tutta la terra,
e con l’assemblea degli angeli e dei santi
canta l’inno della tua gloria: Santo...


Antifona di comunione
Gesù si fermò in mezzo ai suoi discepoli
e disse loro:
“Pace a voi”. Alleluia. (Gv 20,19)

Oppure:
“Io sono il buon pastore,
conosco le mie pecore,
e le mie pecore conoscono me”. Alleluia. (Gv 10,14)


Preghiera dopo la comunione
Guarda con bontà, o Signore, il tuo popolo,
che hai rinnovato con i sacramenti pasquali,
e guidalo alla gloria incorruttibile della risurrezione.
Per Cristo nostro Signore.

Oppure:
O Padre, che ci hai nutriti
con il corpo e sangue del tuo Figlio,
donaci lo Spirito di carità,
perché diventiamo operatori della pace,
che il Cristo ci ha lasciato come suo dono.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 12-05-2014)
Il buon pastore dà la propria vita per le pecore
Al tempo di Isaia, la condizione del gregge del Signore era più che tragica. I pastori sono presentati come cani muti, incapace persino di abbaiare. Tanto era il disinteresse per il gregge del Signore. Senza pastore, il gregge si sbanda, va alla deriva. È simile ad una foglia secca che il vento rapi ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 12-05-2014)
Commento su At 11, 16-17
Mi ricordai allora di quella parola del Signore che diceva: "Giovanni battezzò con acqua, voi invece sarete battezzati in Spirito Santo". Se dunque Dio ha dato a loro lo stesso dono che ha dato a noi, per aver creduto nel Signore Gesù Cristo, chi ero io per porre impedimento a Dio? Atti 11, 16-17 ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 30-04-2012)
Commento su Giovanni 10,1-10
Il recinto serve a proteggere le pecore dall'assalto dei lupi e degli animali rapaci. Ma il recinto può diventare una gabbia, una costrizione insopportabile. E Israele è finito prigioniero in quel recinto di prescrizione rituali e di leggi religiose che hanno soffocato la libertà del popolo. I merce ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 30-04-2012)
Commento su Giovanni 10,7
Io sono la porta. Gv 10,7 Come vivere questa Parola? "Io sono la porta": e subito si spalanca dinanzi ai nostri occhi un orizzonte aperto, arioso, invaso dalla luce, e, al tempo stesso, il tepore invitante di una casa ben custodita. La porta è infatti quanto ga-rantisce la sicurezza, il calore, ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 30-04-2012)
Io sono venuto perché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza
Quando il Siracide parla del consiglio da chiedere, mette in evidenza una grande verità. Dove c'è interesse personale, lì mai vi potrà essere un buon consiglio: "Ogni consigliere esalta il consiglio che dà, ma c'è chi consiglia a proprio vantaggio. Guàrdati da chi vuole darti consiglio e prima infór ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 16-05-2011)
L'amore gratuito di Cristo
Gesù si presenta come il vero ed unico Pastore, colui, cioè, che dona tutto se stesso per le sue pecore. Il verbo offrire ripetuto da Gesù tante volte, esprime con forza la sua missione redentiva di amore per tutta l'umanità. La passione e la morte di Gesù sulla croce, ma non solo, tutta la sua vita ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 16-05-2011)
Commento su Giovanni 10,14
Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me. Gv 10,14 Come vivere questa Parola? Il Vangelo di oggi ci presenta due figure contrastanti: quella del buon pastore che ama le sue pecore, si consacra ad esse ed è pronto a morire per proteggerle, e quella del mercenari ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 16-05-2011)
Il buon pastore dà la propria vita per le pecore
Gesù è il buon pastore. Qual è la sua essenza più pura in ordine a questa verità? Eccola: il dono della propria vita per le pecore. Gesù dona la vita in due modi: nutrendo le sue pecore con la sua stessa vita, cioè con la sua carne e il suo sangue; schierandosi a difesa delle pecore. Lui si pone fra ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 26-04-2010)

Dalla Parola del giorno Io sono venuto perché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza. Come vivere questa Parola? Questo è l'apice del discorso sul pastore buono che dà la sua vita, al contrario del mercenario a cui non interessa il bene delle pecore, anzi le rapina. Non ci soffermiamo mai ab ...
(continua)
padre Lino Pedron     (Omelia del 26-04-2010)

Questo brano è la continuazione del capitolo precedente. Il discorso sulla porta e il buon Pastore spiega e interpreta il significato dell'epilogo drammatico della professione di fede del cieco guarito. Chi è espulso dalla sua comunità politica o religiosa, a motivo della sua testimonianza nel Sign ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 26-04-2010)
La porta è Cristo
Gesù è la PORTA per ognuno di noi. Perché ciascuno che si affida a Lui possa entrare e uscire dalle situazioni della vita sempre con la certezza di avere Lui come guida e come misura del proprio cammino. Questa PORTA che è Gesù è il luogo dell'accesso della verità e da cui sgorga ogni verità. ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 04-05-2009)

Continua la luminosa riflessione del Signore sul pastore e sul gregge. Chi conduce la nostra vita? Tutti abbiamo dei modelli, dei punti di riferimento, qualcuno o qualcosa che ispira le nostre scelte. Gesù si propone come un pastore esperto, che ci sa portare verso il Padre, che non lo fa', come dic ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-05-2009)

Dalla Parola del giorno ?Io sono la porta; se uno entra attraverso di me sarà salvo: entrerà e uscirà e troverà pascolo.? Come vivere questa Parola? Con una società enormemente dedita alla pastorizia, Gesù non usa concetti lontani astrusi ma parabole e metafore, immagini della vita della sua ge ...
(continua)
a cura dei Carmelitani     (Omelia del 04-05-2009)
Commento Giovanni 10,1-10
1) Preghiera O Dio, che nell'umiliazione del tuo Figlio hai risollevato il mondo dalla sua caduta, donaci la santa gioia pasquale, perché, liberi dall'oppressione della colpa, partecipiamo alla felicità eterna. Per il nostro Signore Gesù Cristo... 2) Lettura Dal Vangelo secondo Giov ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 14-04-2008)

Gesù è il pastore bello che sa condurre le pecore. Non solo "buono" nel senso di buono d'animo, immagine leggermente zuccherosa che può mettere a disagio, ma "buono" nel senso di capace, che sa fare il proprio mestiere. E, come dice, la parola greca soggiacente, è anche "bello", cioè armonioso, real ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 14-04-2008)
Il buon Pastore, offre la vita per le pecore
I tratti caratteristici di Gesù, buon Pastore, così come ci vengono descritti in questo brano evangelico ce lo fanno cogliere nella sua vera e profonda personalità e nella piena consapevolezza della sua missione salvifica. Il mondo d'altra parte è pieno di pastori, ossia di gente che sente la vocazi ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 14-04-2008)
Commento Gv 10, 16
Dalla Parola del giorno "E ho altre pecore che non sono di quest'ovile; anche queste io devo condurre; ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge e un solo pastore." Come vivere questa Parola? Ieri è stata la domenica cosiddetta del buon Pastore e oggi la liturgia ci ripropone quest ...
(continua)
Messa Meditazione     (Omelia del 14-04-2008)
Il buon pastore
Lettura Il testo si apre con la presentazione di Gesù come «buon pastore» che espone la sua vita a favore delle pecore (v. 11). Sullo sfondo oscuro della figura del «mercenario», del pastore salariato che non pensa alle pecore, ma a se stesso (vv. 12-13), splende l'immagine del pastore autentico ch ...
(continua)
   > Translate this page (italian > english) with Google