LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 16 Agosto 2009 <

Venerdì 14 Agosto 2009

Sabato 15 Agosto 2009

Domenica 16 Agosto 2009

Lunedì 17 Agosto 2009

Martedì 18 Agosto 2009

Mercoledì 19 Agosto 2009

Giovedì 20 Agosto 2009

Venerdì 21 Agosto 2009

Sabato 22 Agosto 2009

Domenica 23 Agosto 2009


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

  XX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO B)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Verde
BO200 ;

In natura, non ci può essere vita senza nutrimento. Il cibo, di origine vegetale o animale, di cui ci nutriamo, è stato vivente prima di essere consumato per mantenere in vita un altro essere, cioè noi.
Oggi, nel brano del Vangelo secondo Giovanni, Gesù affronta questo dato di fatto essenziale della nostra condizione umana, rovesciandone l’ambito di applicazione: noi dobbiamo nutrirci di lui stesso, della sua carne e del suo sangue, se vogliamo cominciare a conoscere la pienezza della vita. Mangiando la sua carne e bevendo il suo sangue, noi ci nutriamo come non si potrebbe fare nell’ambito fisico.
Noi viviamo così per sempre: il cibo è diverso, così come diversa è la vita che esso ci dà. Questo nuovo tipo di cibo ha, sul credente, un effetto immediato (“ha la vita eterna”) ed è, nello stesso tempo, una promessa per il futuro (“e io lo risusciterò nell’ultimo giorno”).
Quando ci nutriamo del cibo naturale, siamo integrati nel ciclo biologico; per mezzo della trasformazione delle leggi biologiche, invece, riceviamo la vita divina, siamo introdotti nella vita stessa di Dio. Come ciò che mangiamo e beviamo, assimilato, diventa parte di noi, così, ricevendo nel sacramento la carne e il sangue di Cristo, veniamo “incorporati” in lui.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
O Dio, nostra difesa, contempla il volto del tuo Cristo.
Per me un giorno nel tuo tempio,
è più che mille altrove. (Sal 84,10,11)


Colletta
O Dio, che hai preparato beni invisibili
per coloro che ti amano,
infondi in noi la dolcezza del tuo amore,
perché, amandoti in ogni cosa e sopra ogni cosa,
otteniamo i beni da te promessi,
che superano ogni desiderio.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

Oppure:
O Dio della vita, che in questo giorno santo
ci fai tuoi amici e commensali,
guarda la tua Chiesa che canta nel tempo
la beata speranza della risurrezione finale,
e donaci la certezza di partecipare
al festoso banchetto del tuo regno.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Pr 9,1-6
Mangiate il mio pane, bevete il vino che vi ho preparato.

Dal libro dei Proverbi

La sapienza si è costruita la sua casa,
ha intagliato le sue sette colonne.
Ha ucciso il suo bestiame, ha preparato il suo vino
e ha imbandito la sua tavola.
Ha mandato le sue ancelle a proclamare
sui punti più alti della città:
«Chi è inesperto venga qui!».
A chi è privo di senno ella dice:
«Venite, mangiate il mio pane,
bevete il vino che io ho preparato.
Abbandonate l’inesperienza e vivrete,
andate diritti per la via dell’intelligenza».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 33

Gustate e vedete com’è buono il Signore.

Benedirò il Signore in ogni tempo,
sulla mia bocca sempre la sua lode.
Io mi glorio nel Signore:
i poveri ascoltino e si rallegrino.

Temete il Signore, suoi santi:
nulla manca a coloro che lo temono.
I leoni sono miseri e affamati,
ma a chi cerca il Signore non manca alcun bene.

Venite, figli, ascoltatemi:
vi insegnerò il timore del Signore.
Chi è l’uomo che desidera la vita
e ama i giorni in cui vedere il bene?

Custodisci la lingua dal male,
le labbra da parole di menzogna.
Sta’ lontano dal male e fa’ il bene,
cerca e persegui la pace.

>

Seconda lettura

Ef 5,15-20
Sappiate comprendere qual è la volontà del Signore.

Dalla lettera di san Paolo apostolo agli Efesìni

Fratelli, fate molta attenzione al vostro modo di vivere, comportandovi non da stolti ma da saggi, facendo buon uso del tempo, perché i giorni sono cattivi. Non siate perciò sconsiderati, ma sappiate comprendere qual è la volontà del Signore.
E non ubriacatevi di vino, che fa perdere il controllo di sé; siate invece ricolmi dello Spirito, intrattenendovi fra voi con salmi, inni, canti ispirati, cantando e inneggiando al Signore con il vostro cuore, rendendo continuamente grazie per ogni cosa a Dio Padre, nel nome del Signore nostro Gesù Cristo.

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Gv 6,56)
Alleluia, alleluia.
Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue,
dice il Signore, rimane in me e io in lui.
Alleluia.

>

Vangelo

Gv 6,51-58
La mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse alla folla: «Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».
Allora i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?».
Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda.
Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me.
Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Nutriti dalla Parola di Dio e invitati alla sua mensa, offriamo con fiducia al Signore le nostre preoccupazioni e quelle dei nostri fratelli. Lui, che conosce tutto della nostra vita, saprà ascoltare la nostra preghiera.
Preghiamo insieme e diciamo: Ascoltaci, o Signore.

1. Per il Papa e i vescovi: continuino a offrire agli uomini la sapienza di Dio e ad invitare i cristiani a nutrirsi della sua Parola e dell'Eucaristia, preghiamo.
2. Per tutti i cristiani: la mensa del mondo è spesso più allettante di quella di Dio. Preghiamo perché abbiano il coraggio di non attaccare il cuore agli idoli della terra, ma di impegnarsi in una vera vita cristiana, preghiamo.
3. Per quanti hanno responsabilità politiche e civili: non si preoccupino di rafforzare il benessere di pochi, ma di aiutare le persone prive del necessario, nelle quali Cristo soffre e muore, preghiamo.
4. Per la nostra comunità: l'Eucaristia ci faccia sentire uniti a Gesù, uniti tra di noi, uniti a coloro che tutti gli uomini dimenticano, preghiamo.

O Padre, bontà infinita, ti ringraziamo di averci nutriti con la Parola e l'Eucaristia. Concedici di avere sempre fame di ciò che è veramente necessario, e di essere sensibili ai poveri in cui Gesù continua a soffrire. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

Preghiera sulle offerte
Accogli i nostri doni, Signore,
in questo misterioso incontro
tra la nostra povertà e la tua grandezza:
noi ti offriamo le cose che ci hai dato,
e tu donaci in cambio te stesso. Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Presso il Signore è la misericordia,
e grande presso di lui la redenzione. (Sal 130,7)

Oppure:
“Sono venuto a portare il fuoco sulla terra,
e come vorrei che fosse già acceso”, dice il Signore. (Lc 12,49)


Preghiera dopo la comunione
O Dio, che in questo sacramento
ci hai fatti partecipi della vita del Cristo,
trasformaci a immagine del tuo Figlio,
perché diventiamo coeredi della sua gloria nel cielo.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 26-08-2012)
Un posto al banchetto della Sapienza
Venite! Mangiate, bevete! Siamo invitati dalla sapienza, cioè da Gesù, a partecipare al banchetto della vita. Nessuno è escluso. Nessuno deve rimanere fuori. Venite! Se sono invitato, vuol dire che sono atteso e per me è stato preparato un posto. Siamo invitati a fare molta attenzione al nostro mod ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 19-08-2012)
Commento su Giovanni 6,51-58
Oggi Gesù parla di ciò che ogni domenica, stancamente il più delle volte, facciamo nelle nostre accaldate comunità. Ci crediamo? Crediamo che, grazie alla preghiera della comunità, al dono dello Spirito e all'imposizione delle mani di un prete Gesù si rende cibo? Gesù parla di questo dono semplice ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 19-08-2012)
Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue dimora in me ed io in lui.
Ognuno di noi è un concentrato delle idee, dei valori, degli insegnamenti ricevuti da più parti nel corso della nostra esistenza, più o meno elaborati e riadattati al nostro quotidiano. Ci sono persone che per il loro carisma, per i valori che propongono, per l'oggettività delle loro asserzioni ci c ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 19-08-2012)
Chi mangia di me vivrà per me
Chi mangia la mia carne, beve il mio sangue, dice il Signore, dimora in me ed io in lui. Proseguiamo oggi con il discorso di Giovanni, sono alcune domeniche, ormai, che Giovanni ci accompagna, è il cosiddetto discorso eucaristico del vangelo di Giovanni. E oggi Gesù giunge al cuore della sua cateche ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 19-08-2012)
Cibarsi di Cristo per avere la vita eterna
Negli otto versetti di questo Vangelo Ge­sù per otto volte ri­pete: Chi mangia la mia car­ne vivrà in eterno. E ogni vol­ta ribadisce il perché di que­sto mangiare: per vivere, per­ché viviamo davvero. È l'in­calzante, martellante certez­za da parte di Gesù di posse­dere qualcosa che capovolge la di ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 19-08-2012)
La sapienza si è costruita la casa
Il discorso che andiamo leggendo da alcune domeniche, il discorso pronunciato da Gesù nella sinagoga di Cafarnao, prosegue oggi con un brano (Giovanni 6,51-58) che insiste sul concetto-chiave: "Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io dar ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 19-08-2012)

Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 19-08-2012)
Come può costui darci la sua carne da mangiare?
Il Libro della Sapienza legge gli eventi dell'Esodo e del deserto e dona ad essi un significato di altissima verità nello Spirito Santo. Niente è umanamente razionale in quegli eventi. Tutto invece è dall'onnipotenza di Dio che supera infinitamente la nostra piccola mente. Anche la mamma caduta nel ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 19-08-2012)
Zoè: la vita scorre in me
Questo discorso come tutto il vangelo di Gv è un discorso difficile da capire, strano, complesso. Il vangelo di Gv è un vangelo mistico, spirituale e non ci vuole dare tanto delle informazioni su Gesù: cosa ha detto, cosa ha fatto o che parabole abbia annunciato; ma vuole dirci cosa significhi crede ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 19-08-2012)
Pane e sapienza
Il Pane vivo disceso dal cielo, se da una parte è apportatore di benefici e di garanzie quali quelle che abbiamo enumerato abbondantemente nelle domeniche precedenti, dall'altra comporta che da parte nostra vi sia una corrispondenza di rettitudine e di responsabilità, per mezzo di una vita integerri ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 19-08-2012)
Migliaia di fornai disoccupati. La causa è un pezzo di Pane nuovo
A me piacerebbe tanto sapere che cosa compresero quelli che or ora avevano avuto parte di quel Corpo e di quel Sangue per la prima volta. Il Figlio dell'Uomo era lì, adagiato al centro della tavola, e nello stesso tempo ciascuno lo sentiva fremere dentro di sé, palpitare, bruciare come una fiamma ch ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 19-08-2012)
Dimmi con chi mangi?
È vero: dell'Eucaristia come Pane di Vita e di tutta la profondità e la ricchezza che questo Mistero della nostra fede porta con sé non si smetterà mai di parlare abbastanza. Ma il tema di Gesù come Pane di Vita legato al capitolo 6 del Vangelo di Giovanni e tutti i rispettivi collegamenti all'Antic ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 19-08-2012)
Video commento a Gv 6,51-58
...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 19-08-2012)
L'Eucarestia, segno di amore
Non ci stancheremo mai di proclamare che se c'è un Dono, che Gesù ha fatto a noi, sorpassando ogni nostra immaginazione, è il Dono di Se stesso, come cibo della Vita, ossia il Suo Corpo e il Suo Sangue nel sacramento dell'Eucarestia. Un Dono che i Giudei non riuscirono a capire, accogliere e... 'mo ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 19-08-2012)
La mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 19-08-2012)
Commento su Giovanni 6,51-58
"Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui" (Gv 6,56). Le parole del Signore rivelano il senso della vita cristiana: accettare l'offerta che l'Altro fa di se stesso ed essere disponibili ai bisogni del prossimo. Eppure, anche sulle nostre labbra si pone la domanda: "come ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 19-08-2012)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di Rocco Pezzimenti 1. Questi pochi versetti di Giovanni raccolgono in sé l'essenza della nostra fede e i misteri a essa legati. Si tratta di un brano che ci invita a un grande bagno di umiltà perché qui la nostra ragione deve uscire dalla sua presunzione, che poi è ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 19-08-2012)

Il pane della vita, il pane del cielo, è la carne di Gesù per la vita del mondo, la sua persona sacrificata per la salvezza dell'umanità con la passione e morte gloriosa. L'amore di Dio per gli uomini raggiunge il massimo nella morte di Gesù in croce: sulla croce egli dona tutto se stesso per il mon ...
(continua)
don Luigi Trapelli     (Omelia del 19-08-2012)
Gesù, vero cibo e vera bevanda
Il brano di questa domenica inizia dove avevamo finito domenica scorsa, ossia con l'invito di Gesù di guardare non solo a Lui pane di immortalità, ma di mangiare la sua carne per la vita eterna. Gesù ci invita a vivere la nostra esistenza seguendo il suo stile, donando la vita fino a morire sulla c ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 19-08-2012)
Pane, carne e sangue
«Come può costui darci la sua carne da mangiare?» Nel libro del Levitico (17,14) si legge: "la vita di ogni essere vivente è il suo sangue, in quanto sua vita; perciò ho ordinato agli Israeliti: Non mangerete sangue di alcuna specie di essere vivente, perché il sangue è la vita d'ogni carne; chiunq ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 19-08-2012)
Video commento a Gv 6,51-58
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 19-08-2012)
Commento su Proverbi 9,1-6; Salmo 33; Efesìni 5,15-20; Giovanni 6,51-58
In queste domeniche ritorna più volte il tema del cibo: mangiare e bere sono attività fondamentali per gli esseri viventi e per l'uomo in particolare; a tutto si può rinunciare tranne che al cibo, che consente di mantenersi in vita. L'uomo, a differenza delle altre creature, ha saputo trasformare qu ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 19-08-2012)
Il Dio delle sorprese
La prima lettura ci parla della sapienza che si è costruita la casa su sette colonne. E la seconda lettura ci mette in guardia contro la stoltezza che può farci precipitare sotto settanta colonne... Questa sapienza è quella che ci fa aprire la porta giusta. E ci insegna il modo per aprirla. "Ecco s ...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 19-08-2012)
Il pane vivo disceso dal cielo
In queste ultime tre domeniche la liturgia ci sta proponendo la lettura del capitolo 6 del Vangelo di Giovanni che fa riflettere in particolar modo sull'Eucarestia. vv 51 "Io sono il pane vivo disceso dal cielo" Vivendo in Brasile ci si rende presto conto che parlare del pane indicandolo come un c ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 19-08-2012)
Video commento a Gv 6,51-58
...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 19-08-2012)
Video commento su Giovanni 6,51-58
...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 19-08-2012)
Video commento a Gv 6,51-58
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 16-08-2009)

Il miracolo di Gesù si è rivelato un flop; la folla invece di cogliere il significato profondo del segno - occorre mettersi in gioco per affrontare i problemi e la fame di giustizia dell'umanità - ha capito l'esatto contrario: ecco qualcuno che ci riempie la pancia. Oggi, a sorpresa, Gesù parla ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 16-08-2009)
Video commento a Gv 6,51-58
...
(continua)
don Valentino Porcile     (Omelia del 16-08-2009)
Video commento a Gv 6,51-58
...
(continua)
don Daniele Muraro     (Omelia del 16-08-2009)
Il sacrificio di Cristo: l'alleanza
Nel discorso sul pane di vita, che dura ormai da tre domeniche, sembra che Gesù ripeta sempre le stesse cose. In effetti parole e pensieri ritornano simili più volte, come ad ondate successive, quasi Gesù volesse ritoccare e perfezionare il suo ragionamento. Noi abbiamo interpretato tutto il discor ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 16-08-2009)
Video commento a Gv 6,51-58
...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 16-08-2009)
Il discepolo: colui che sa leggere dentro
La liturgia della Parola ascoltata ci aiuta a fare altri passi importanti nel nostro cammino di discepoli. Un tratto importante e decisivo ci viene offerto dalla prima lettura: il discepolo ha una vocazione ben precisa, quella di fare esperienza. Chi è inesperto venga qui!... Abbandonate l?inesperie ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 16-08-2009)
Il pane di Cristo ci dà la vera vita
Celebriamo oggi la XX domenica del tempo ordinario e il vangelo ritorna sul discorso del pane di vita che Gesù fa di se stesso e che cerca di far capire ai suoi discepoli nella sua giusta portata religiosa, spirituale e soprannaturale. Che il discorso giovanneo sul pane di vita sia centrale in tutto ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 16-08-2009)
Dio, quel Pane che si fa lievito in noi
In questo breve Vangelo di otto versetti, Gesù per ot­to volte ci parla di un Dio che si dona: «Prendete la mia carne e mangiate». Farsi pane è un bisogno incontenibile di Dio. Qui emerge il genio del cri­stianesimo: non più un Dio che domanda agli uomini of­ferte, doni, sacrifici, ma un Dio che of ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 16-08-2009)
Tutt?uno con l?Amato
Si conclude, col brano evangelico odierno, il discorso di Gesù nella sinagoga di Cafarnao, centrato sull?Eucaristia che egli avrebbe istituito qualche tempo dopo, nel corso dell?Ultima cena. Nella parte finale delle sue anticipazioni esplicative Gesù torna sulla comunione, in termini di un realismo ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 16-08-2009)

Cosa significa mangiare il suo pane e bere il suo sangue? Ai bambini della prima comunione lo spiego cosi: per capire questo linguaggio devo prima domandarmi di cosa mi nutro o meglio ancora chi mi nutre. Per crescere e diventare adulti non basta avere la tavola apparecchiata e mangiare, ci vu ...
(continua)
don Remigio Menegatti     (Omelia del 16-08-2009)
Gustate e vedete come è buono il Signore - 2
PREGHIERA DI COLLETTA O Dio della vita, che in questo giorno santo ci fai tuoi amici e commensali, guarda la tua Chiesa che canta nel tempo la beata speranza della risurrezione finale, e donaci la certezza di partecipare al festoso banchetto del tuo regno. Per il nostro Signore Gesù Cristo... In ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 16-08-2009)

PRIMO COMMENTO ALLE LETTURE a cura del Prof. Rocco Pezzimenti 1. ?Presero a discutere tra loro dicendo: come può darci Costui la sua carne da mangiare??. Segno che avevano capito quello che Gesù aveva detto anche se non riuscivano neppure ad intuire come ciò sarebbe potuto avvenire. D?altra par ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 16-08-2009)
La sapienza che si fa pane
Anche nella liturgia odierna si insiste sul concetto di Gesù pane di vita, ma questa volta il discorso assume connotati molto più consistenti. Osserviamo in primo luogo come il libro dei Proverbi (I Lettura) si incentri sulla Sapienza che, intraprendente e dinamica, ?si è costruita la casa... ha ucc ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 16-08-2009)
Nutriti d'amore
Dopo intense e feconde settimane di attività con i ragazzi e i giovani del nostro oratorio, mi regalo qualche giorno di preghiera e silenzio nel monastero di Dumenza, a pochi chilometri da Varese. I fratelli della comunità mi accolgono con semplicità e amicizia, e io mi lascio cullare dalla preghier ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 16-08-2009)

"Ecco il pane degli angeli, pane dei pellegrini, vero pane dei figli: non deve essere gettato": pane degli angeli che diventa pane degli uomini. Così canta un'antica sequenza. Parlare dell'Eucaristia è arduo, meglio farlo stando in ginocchio: vengono meglio le parole e poi, davanti al Sacramento che ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 16-08-2009)

C?è un forte legame tra il brano evangelico che si legge in questa domenica e quello che abbiamo ascoltato la settimana scorsa. Mettiamoci in ascolto, attentamente e scopriremo che dietro le parole, simili, talvolta uguali, possiamo scoprire messaggi diversi. Dalle parole del Vangelo di questa dom ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 16-08-2009)
Chi è inesperto venga!
La sapienza ci è presentata come una gran dama che, costruito il suo ben rifinito palazzo, appronta un banchetto e manda le ancelle in tutta la città a chiamare gli invitati. E' invitato chi è "inesperto" e "privo di senno" (v. 4). L'inesperto è colui che non ha ancora considerato attentamente la r ...
(continua)
padre Mimmo Castiglione     (Omelia del 16-08-2009)
Mastichiamoci (troghein) Gesù!
Provenivo da una comunità di fede dove si cantava tanto. Non mancava certo lo zelo e i mezzi (di tutto) per innalzare inni a nostro Signore! Entrato in convento (mi sembra ieri, ma è passato così tanto tempo!) cambiò la musica! Ed anche gli strumenti, gli spartiti e le tonalità! La ? sapienza ...
(continua)
Il pane della domenica     (Omelia del 16-08-2009)
La nostra Messa, la sua Mensa
La mia carne è vero cibo, il mio sangue è vera bevanda Quando si celebra la santa Messa in occasione di qualche matrimonio o funerale, talvolta - a causa del penoso spettacolo a cui si è costretti ad assistere - scatta costernata la domanda: ma è questo il ?memoriale? del Signore? E il pensiero c ...
(continua)
   > Translate this page (italian > english) with Google