LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 1 Giugno 2009 <

Sabato 30 Maggio 2009

Domenica 31 Maggio 2009

Lunedì 1 Giugno 2009

Martedì 2 Giugno 2009

Mercoledì 3 Giugno 2009

Giovedì 4 Giugno 2009

Venerdì 5 Giugno 2009

Sabato 6 Giugno 2009

Domenica 7 Giugno 2009

Lunedì 8 Giugno 2009


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

  San Giustino

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Memoria
Colore liturgico: Rosso
S0601 ; DO091

UNA LUCE PER IL NOSTRO TEMPO. Il nostro secolo, che cerca un modello di santità vissuta nelle responsabilità quotidiane, potrebbe trovarlo benissimo in Giustino. Egli fu infatti un discepolo di Gesù Cristo, esemplare per la serietà della sua indagine intellettuale, come per la fedeltà alla sua fede. Sempre in cerca della verità, dopo averla scoperta in Gesù Cristo, non smette di approfondirla. Nel suo continuo cercare rende evidente il dono totale fatto di se stesso a Cristo, che lo porterà fmo al martirio. Uomo retto e fedele, Giustino fu sale e luce (7. ) per gli uomini del suo tempo.

FOLLIA DELLA CROCE (Colletta e L.). Giustino non arrivò alla "mirabile conoscenza del mistero del Cristo" soprattutto attraverso le sue ricerche intellettuali, bensì mediante la fedeltà alla fede che lo porterà sino al martirio. Coi libri che ci ha lasciato, ma più ancora col suo eroico sacrificio, egli proclama anche oggi che gli uomini non vengono salvati dalla loro saggezza, né dall'ostentazione di segni straordinari. Vengono salvati dalla Croce, follia e scandalo per gli uomini, potenza e sapienza di Dio.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
I superbi mi hanno narrato cose vane,
ignorando la tua legge;
io invece parlavo della tua legge
davanti ai re senza arrossire.
[T. P. Alleluia]. (cf. Sal 119,85.46)


Colletta
O Dio, che hai donato al santo martire Giustino
una mirabile conoscenza del mistero del Cristo,
attraverso la sublime follia della Croce,
per la sua intercessione
allontana da noi le tenebre dell’errore
e confermaci nella professione della vera fede.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Tb 1,3; 2,1-8
Tobi seguiva le vie della verità.

Dal libro di Tobìa

Io, Tobi, passavo tutti i giorni della mia vita seguendo le vie della verità e della giustizia. Ai miei fratelli e ai miei compatrioti, che erano stati condotti con me in prigionia a Nìnive, nel paese degli Assiri, facevo molte elemosine.
Per la nostra festa di Pentecoste, cioè la festa delle Settimane, avevo fatto preparare un buon pranzo e mi posi a tavola: la tavola era imbandita di molte vivande. Dissi al figlio Tobìa: «Figlio mio, va’, e se trovi tra i nostri fratelli deportati a Nìnive qualche povero, che sia però di cuore fedele, portalo a pranzo insieme con noi. Io resto ad aspettare che tu ritorni, figlio mio».
Tobìa uscì in cerca di un povero tra i nostri fratelli. Di ritorno disse: «Padre!». Gli risposi: «Ebbene, figlio mio?». «Padre – riprese – uno della nostra gente è stato ucciso e gettato nella piazza; l’hanno strangolato un momento fa». Io allora mi alzai, lasciando intatto il pranzo; tolsi l’uomo dalla piazza e lo posi in una camera in attesa del tramonto del sole, per poterlo seppellire. Ritornai, mi lavai e mangiai con tristezza, ricordando le parole del profeta Amos su Betel:
«Si cambieranno le vostre feste in lutto,
tutti i vostri canti in lamento».
E piansi. Quando poi calò il sole, andai a scavare una fossa e ve lo seppellii.
I miei vicini mi deridevano dicendo: «Non ha più paura! Proprio per questo motivo lo hanno già ricercato per ucciderlo. È dovuto fuggire e ora eccolo di nuovo a seppellire i morti».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 111

Beato l’uomo che teme il Signore.

Beato l’uomo che teme il Signore
e nei suoi precetti trova grande gioia.
Potente sulla terra sarà la sua stirpe,
la discendenza degli uomini retti sarà benedetta.

Prosperità e ricchezza nella sua casa,
la sua giustizia rimane per sempre.
Spunta nelle tenebre, luce per gli uomini retti:
misericordioso, pietoso e giusto.

Felice l’uomo pietoso che dà in prestito,
amministra i suoi beni con giustizia.
Egli non vacillerà in eterno:
eterno sarà il ricordo del giusto.

Canto al Vangelo (Ap 1,5)
Alleluia, alleluia.
Gesù Cristo,
testimone fedele, primogenito dei morti,
tu ci hai amati
e hai lavato i nostri peccati nel tuo sangue.
Alleluia.

>

Vangelo

Mc 12,1-12
Presero il figlio amato, lo uccisero e lo gettarono fuori della vigna.


+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù si mise a parlare con parabole [ai capi dei sacerdoti, agli scribi e agli anziani]:
«Un uomo piantò una vigna, la circondò con una siepe, scavò una buca per il torchio e costruì una torre. La diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano.
Al momento opportuno mandò un servo dai contadini a ritirare da loro la sua parte del raccolto della vigna. Ma essi lo presero, lo bastonarono e lo mandarono via a mani vuote. Mandò loro di nuovo un altro servo: anche quello lo picchiarono sulla testa e lo insultarono. Ne mandò un altro, e questo lo uccisero; poi molti altri: alcuni li bastonarono, altri li uccisero.
Ne aveva ancora uno, un figlio amato; lo inviò loro per ultimo, dicendo: “Avranno rispetto per mio figlio!”. Ma quei contadini dissero tra loro: “Costui è l’erede. Su, uccidiamolo e l’eredità sarà nostra”. Lo presero, lo uccisero e lo gettarono fuori della vigna.
Che cosa farà dunque il padrone della vigna? Verrà e farà morire i contadini e darà la vigna ad altri. Non avete letto questa Scrittura: “La pietra che i costruttori hanno scartato è diventata la pietra d’angolo; questo è stato fatto dal Signore ed è una meraviglia ai nostri occhi”?».
E cercavano di catturarlo, ma ebbero paura della folla; avevano capito infatti che aveva detto quella parabola contro di loro. Lo lasciarono e se ne andarono.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Al Signore, Dio della nostra vita e della nostra salvezza, eleviamo la preghiera perché ci conceda di lavorare sempre con generosità nella sua vigna. Diciamo insieme:
Venga il tuo regno, Signore.

Per la Chiesa, perché con amore e dedizione curi il popolo che Dio le ha affidato. Preghiamo:
Per le autorità pubbliche, perché non esercitino il loro potere con la forza o per interesse personale. Preghiamo:
Per i perseguitati a causa della fede e della coerenza della vita, perché attingano dallo Spirito il coraggio della perseveranza. Preghiamo:
Per chi è stato ucciso nell'esercizio della propria missione, perché Dio lo accolga nel suo regno. Preghiamo:
Per la nostra comunità, perché non si unisca alla mentalità che soffoca la novità e la profezia, ma sappia sempre ubbidire a Dio. Preghiamo:
Per chi, con sofferenza, ha abbandonato la fede.
Per le nazioni che accolgano i missionari del vangelo.

O Dio, che hai affidato la salvezza dell'umanità anche alla nostra comunità, aiutaci a collaborare con fedeltà e dedizione, con disponibilità e coraggio, alla realizzazione del regno del tuo Figlio, Cristo nostro Signore, che vive e regna con te nei secoli dei secoli. Amen

Preghiera sulle offerte
Accogli le nostre offerte, Signore,
e donaci di celebrare degnamente questi misteri,
che il tuo martire san Giustino
testimoniò e difese con intrepida fortezza.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Ritengo di non saper altro in mezzo a voi,
se non Gesù Cristo, e Cristo crocifisso. (1Cor 2,2)


Preghiera dopo la comunione
O Dio, che in questo sacramento
ci hai dato il cibo della vita eterna,
fa’ che, seguendo gli insegnamenti
del martire san Giustino,
viviamo in perenne rendimento di grazie
per i tuoi benefici.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Riccardo Ripoli     (Omelia del 03-06-2013)
La diede in affitto a dei vignaioli e se ne andò lontano
Spesso ci dimentichiamo cosa sia la fiducia. Diamo per scontato che le persone l'abbiano nei nostri confronti, ma siamo i primi ad essere sospettosi verso tutti gli altri e, spesso ci sono tanti che si approfittano di chi dia loro credito. Quante volte avete tradito la fiducia del vostro prossimo? ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 03-06-2013)
Lo presero, lo uccisero e lo gettarono fuori della vigna
Gesù assume il cantico della vigna che Isaia fa ascoltare al popolo del Signore e gli dona il suo ultimo aggiornamento. La storia sempre deve aggiornare la Parola del Signore nella sua verità attuale, altrimenti non è più parola di Dio, ma parola d'uomo. La Parola di Dio è tale perché capace di dona ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 03-06-2013)
Commento su Tobia 2,8
I miei vicini mi deridevano dicendo: «Non ha più paura! Proprio per questo motivo lo hanno già ricercato per ucciderlo. È dovuto fuggire e ora eccolo di nuovo a seppellire i morti» Tb 2,8 Come vivere questa Parola? Tobi, un esiliato impegnato a seguire le vie della verità e della giustizia, co ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 03-06-2013)
Storia della vigna
Durante la settimana ci accompagnerà la storia simpatica delle vicende di Tobi e del figlio suo Tobìa. Sarebbe utile conoscere per intera questa vicenda come ce la offre la Bibbia. Ogni famiglia vi potrebbe trovare spunti di riflessione perché presenta situazioni molto simili a quelle che si è chiam ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 04-06-2012)
Commento su Marco 12,1-12
La tensione è alle stelle: la scenata fatta al tempio ha definitivamente incrinato i rapporti con i sacerdoti del tempio. Gesù prende consapevolezza che la sua missione è fallita. Cosa può fare, ora? Ha voluto parlare di Dio in maniera completamente nuova, facendo uscire le sue pecore dall'angusto r ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-06-2012)
Commento su Seconda Pietro 1,2
Grazia e pace siano concesse a voi in abbondanza mediante la conoscenza di Dio e di Gesù Signore nostro. 2 Pt 1,2 Come vivere questa Parola? È significativo che, all'inizio della sua seconda lettera, S. Pietro auguri grazia e pace: due realtà tanto necessarie per il nostro cuore, e tanto correl ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-06-2012)
Costui è l'erede. Su, uccidiamolo e l'eredità sarà nostra!
Tra Dio e il suo popolo vi è stato un rapporto sempre tormentato, difficile, quasi impossibile. Dio ha piantato la sua vigna. Questa però non gli dona alcun frutto di verità, giustizia, obbedienza, ascolto della sua voce. È una vigna sorda al suo amore. Tu sei troppo giusto, Signore, perché io po ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 07-03-2011)
Parabola dei vignaioli omicidi
La vigna viene piantata con cura e competenza. Deve essere ben protetta da furti, danni ed invasioni. È la cura paterna di Dio verso ognuno di noi. Ci ha creati a sua immagine e resi capaci di produrre frutto ed è quindi legittimo che venga a ritirarli. Così per ognuno, così per il popolo prediletto ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 07-03-2011)

Dalla Parola del giorno Per la nostra festa di Pentecoste, [...] avevo fatto preparare un buon pranzo [...]. Dissi al figlio Tobia: «Figlio mio, va', e se trovi tra i nostri fratelli deportati a Ninive qualche povero, che sia però di cuore fedele, portalo a pranzo insieme con noi. Come vivere qu ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 07-03-2011)

È questa la perenne tentazione dell'uomo: usurpare il posto a Dio, rendendosi autonomo, libero da ogni impegno morale e spirituale. Ma l'uomo è mortale, non è eterno; è finito, non è infinito; è carne, non è spirito; è creatura, non è Creatore; è umano, non divino. Non possiede le qualità di Dio. Pu ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 02-03-2010)
Appropriarsi della vigna
APPROPRIARSI DELLA VIGNA CHE IL SIGNORE CI HA AFFIDATO Nella fede, l'appropriazione è facile tentazione. Fare mia l'azione di Dio, la fede, la speranza e la carità. Farli miei, viverli a mio modo, secondo le mie attitudini e atteggiamenti. Il possesso della realtà data in dono per essere frutt ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 01-06-2009)

Gesù è alla fine della sua missione: si rende conto che la sua strategia non ha funzionato. Le folle lo hanno seguito, all'inizio, ma passato l'entusiasmo se ne sono andate: è troppo esigente questo Rabbì, e l'invasore romano è ancora al proprio posto. Forse aveva ragione l'avversario, nel deserto, ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 01-06-2009)
Commento su Tb 1,2
Dalla Parola del giorno ?Tobi, trovandosi in esilio non abbandonò la via della verità.? Come vivere questa Parola? Tobi, un pio israelita, conosce nella sua vita varie vicissitudini, tra cui la deportazione a Ninive, che lo costringe a vivere in un contesto pagano. Tutto lo spingerebbe ad abba ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 02-06-2008)

Che farà il padrone? Gesù pronuncia sottovoce questa frase, lo sguardo abbassato, il tono della voce triste. Che cos'altro deve fare Dio per il suo popolo? Gli ha donato una splendida vigna, produttiva e attrezzata, feconda e perfetta. Lui ha fatto la fatica di piantarla, dopo avere dissodato col su ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 02-06-2008)
L'infedeltà dei prediletti
Il buon Dio compie un atto di grande fiducia quando ci affida qualcosa di particolarmente prezioso per lui e di grandissima utilità per noi. I vignaioli della parabola odierna rappresentano innanzitutto una categoria di privilegiati, a cui il Signore ha affidato non una bella vigna, curata con la mi ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 02-06-2008)
Commento su 2Pt 1,2
Dalla Parola del giorno Grazia e pace sia concessa a voi in abbondanza, nella conoscenza di Dio e di Gesù Signore nostro. Come vivere questa Parola? Conoscere meglio Gesù Cristo, come ci esorta a fare S. Pietro nella sua seconda lettera, significa approfondire quanto concerne la sua persona e i ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 04-06-2007)
Il nostro regno
APPROPRIARMI DEL REGNO DI DIO RENDENDOLO REGNO MIO -------------------------------------------------------------------------------------------------------- Ciò che Dio ci affida come suo da trasmettere, noi lo trasmettiamo a modo nostro e come realtà di nostro possesso. Un esempio: Gesù disse ...
(continua)
   > Translate this page (italian > english) with Google