LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 28 Maggio 2008 <

Lunedì 26 Maggio 2008

Martedì 27 Maggio 2008

Mercoledì 28 Maggio 2008

Giovedì 29 Maggio 2008

Venerdì 30 Maggio 2008

Sabato 31 Maggio 2008

Domenica 1 Giugno 2008

Lunedì 2 Giugno 2008

Martedì 3 Giugno 2008

Mercoledì 4 Giugno 2008


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

  Mercoledì della VIII settimana del Tempo Ordinario (Anno pari)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Verde
PO083 ;
Nel Vangelo di oggi ascoltiamo il discorso della sofferenza, della morte e della risurrezione di Cristo. Gesù dice ai suoi apostoli che, salito a Gerusalemme, i sommi sacerdoti e gli scribi “lo condanneranno a morte, lo consegneranno ai pagani, lo scherniranno, gli sputeranno addosso, lo flagelleranno e lo uccideranno”.
E, proprio qui, nasce la domanda: Il Salvatore doveva davvero soffrire e morire perché il mondo fosse riscattato dai suoi peccati?
Essendo Dio, poteva riscattarci senza sofferenza e senza morte. Ma ha avuto pietà di noi, che siamo destinati a soffrire e a morire per i nostri peccati. Sapeva bene, infatti, che ci avrebbe attirato a sé in questo modo, attraverso la sofferenza, per distruggere i nostri peccati. Da noi vuole solo questo: che ci abbassiamo e riconosciamo il nostro stato di peccatori. E ci grida: “Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime” (Mt 11,28-29).
La sofferenza di Cristo è un grande mistero, così come il suo amore per la creazione e per gli uomini, divenuti, con il battesimo, membra del suo corpo.
La sofferenza e la morte di Cristo sono ancora più grandi per il fatto che egli continua a soffrire nelle membra del suo corpo, nei suoi figli innocenti, poveri e abbandonati.
Nel sacrificio della Messa, egli si offre ogni giorno in sacrificio, per loro e per tutti noi, al Padre dei cieli.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Il Signore è mio sostegno,
mi ha liberato e mi ha portato al largo,
è stato lui la mia salvezza, perché mi vuol bene. (Sal 18,19-20)


Colletta
Concedi, Signore,
che il corso degli eventi nel mondo
si svolga secondo la tua volontà nella giustizia e nella pace,
e la tua Chiesa si dedichi con serena fiducia al tuo servizio.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

1Pt 1,18-25
Foste liberati dalla vostra vuota condotta con il sangue prezioso di Cristo, agnello senza difetti e senza macchia.

Dalla prima lettera di san Pietro apostolo

Carissimi, voi sapete che non a prezzo di cose effimere, come argento e oro, foste liberati dalla vostra vuota condotta, ereditata dai padri, ma con il sangue prezioso di Cristo, agnello senza difetti e senza macchia. Egli fu predestinato già prima della fondazione del mondo, ma negli ultimi tempi si è manifestato per voi; e voi per opera sua credete in Dio, che lo ha risuscitato dai morti e gli ha dato gloria, in modo che la vostra fede e la vostra speranza siano rivolte a Dio.
Dopo aver purificato le vostre anime con l’obbedienza alla verità per amarvi sinceramente come fratelli, amatevi intensamente, di vero cuore, gli uni gli altri, rigenerati non da un seme corruttibile ma incorruttibile, per mezzo della parola di Dio viva ed eterna. Perché ogni carne è come l’erba
e tutta la sua gloria come un fiore di campo.
L’erba inaridisce, i fiori cadono,
ma la parola del Signore rimane in eterno.
E questa è la parola del Vangelo che vi è stato annunciato.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 147

Celebra il Signore, Gerusalemme.

Celebra il Signore, Gerusalemme,
loda il tuo Dio, Sion,
perché ha rinforzato le sbarre delle tue porte,
in mezzo a te ha benedetto i tuoi figli.

Egli mette pace nei tuoi confini
e ti sazia con fiore di frumento.
Manda sulla terra il suo messaggio:
la sua parola corre veloce.

Annuncia a Giacobbe la sua parola,
i suoi decreti e i suoi giudizi a Israele.
Così non ha fatto con nessun’altra nazione,
non ha fatto conoscere loro i suoi giudizi.

Canto al Vangelo (Mc 10,45)
Alleluia, alleluia.
Il Figlio dell’uomo è venuto per servire
e dare la propria vita in riscatto per molti.
Alleluia.

>

Vangelo

Mc 10,32-45
Ecco, noi saliamo a Gerusalemme e il Figlio dell’uomo sarà consegnato.


+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, mentre erano sulla strada per salire a Gerusalemme, Gesù camminava davanti ai discepoli ed essi erano sgomenti; coloro che lo seguivano erano impauriti.
Presi di nuovo in disparte i Dodici, si mise a dire loro quello che stava per accadergli: «Ecco, noi saliamo a Gerusalemme e il Figlio dell’uomo sarà consegnato ai capi dei sacerdoti e agli scribi; lo condanneranno a morte e lo consegneranno ai pagani, lo derideranno, gli sputeranno addosso, lo flagelleranno e lo uccideranno, e dopo tre giorni risorgerà».
Gli si avvicinarono Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedèo, dicendogli: «Maestro, vogliamo che tu faccia per noi quello che ti chiederemo». Egli disse loro: «Che cosa volete che io faccia per voi?». Gli risposero: «Concedici di sedere, nella tua gloria, uno alla tua destra e uno alla tua sinistra».
Gesù disse loro: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io bevo, o essere battezzati nel battesimo in cui io sono battezzato?». Gli risposero: «Lo possiamo». E Gesù disse loro: «Il calice che io bevo, anche voi lo berrete, e nel battesimo in cui io sono battezzato anche voi sarete battezzati. Ma sedere alla mia destra o alla mia sinistra non sta a me concederlo; è per coloro per i quali è stato preparato».
Gli altri dieci, avendo sentito, cominciarono a indignarsi con Giacomo e Giovanni. Allora Gesù li chiamò a sé e disse loro: «Voi sapete che coloro i quali sono considerati i governanti delle nazioni dominano su di esse e i loro capi le opprimono. Tra voi però non è così; ma chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti. Anche il Figlio dell’uomo infatti non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
La fede nel Cristo morto e risorto illumina il nostro cammino e ci dispone all'amore fraterno. Per questo diciamo al Padre:
Signore, insegnaci ad amare.

Signore, sciogli le paure della tua Chiesa, perché professi con coraggio le tue beatitudini dell'umiltà e del servizio. Ti preghiamo:
Signore, sbriciola i baluardi dell’orgoglio e della supremazia, perché tra i popoli rifioriscano simpatia e fraternità. Ti preghiamo:
Signore, slega l'umanità dai lacci dell'ambizione e dall'ingordigia dei sensi, perché riscopra la bellezza della semplicità della vita. Ti preghiamo:
Signore, purifica il cuore di chi esercita il ministero dell'autorità, perché promuova il bene comune. Ti preghiamo:
Signore, aiuta questa nostra comunità, perché dall'eucaristia del cristo morto e risorto impari a donarsi totalmente e gratuitamente agli altri. Ti preghiamo:
Perché i cristiani rinuncino ad ogni privilegio.
Per chi, in silenzio, vive accanto ai sofferenti.

Padre, ti invochiamo con fiducia perché hai promesso di sciogliere la durezza del nostro cuore. Con la potenza dello Spirito, rendici abili al servizio fraterno e fedeli alla parola di Gesù Cristo, servo e salvatore di tutti. Egli è Dio e regna con te nella gloria, per i secoli dei secoli. Amen.

Preghiera sulle offerte
O Dio, da te provengono questi doni
e tu li accetti in segno del nostro servizio sacerdotale:
fa’ che l’offerta che ascrivi a nostro merito
ci ottenga il premio della gioia eterna.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Voglio cantare a Dio per il bene che mi ha fatto,
voglio lodare il nome del Signore Altissimo. (Sal 13,6)

Oppure:
“Ecco, io sono con voi tutti i giorni,
sino alla fine del mondo”, dice il Signore. (Mt 28,20)


Preghiera dopo la comunione
Padre misericordioso,
il pane eucaristico
che ci fa tuoi commensali in questo mondo,
ci ottenga la perfetta comunione con te nella vita eterna.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Riccardo Ripoli     (Omelia del 29-05-2013)
Lo condanneranno a morte, lo consegneranno ai pagani, lo scherniranno, gli sputeranno addosso, lo flagelleranno e lo uccideranno; ma dopo tre giorni risusciterà
Chi è che sposandosi penserà di essere al riparo da ogni problema di salute o con i figli, dai litigi, dalla ricerca del lavoro? Chi è che andando a lavorare, che sia come impiegato o come professionista, potrà mai pensare di non dover incrociare le spade per combattere qualche battaglia? Chi è ch ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 29-05-2013)
Commento su Marco 10, 43
"Chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore" Mc 10, 43 Come vivere questa Parola? Gesù arriva a dire: "IO SONO in mezzo a voi come colui che serve". Ma soffermiamoci a chiederci: Chi è Gesù? È la Sapienza del Dio Altissimo. Egli stesso è l'Onnipotente Figlio del Padre: Dio da Dio, ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 29-05-2013)
Ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti
Nell'Antico Testamento al mistero della salvezza si aggiungevano sempre nuove verità. Nel Nuovo, il mistero che si è compiuto, ogni giorno viene illuminato dalla luce dello Spirito Santo perché ogni uomo lo comprenda secondo tutta la sua verità. Circa l'Anno mille prima della nascita di Gesù, il Sig ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 30-05-2012)
Commento su Marco 10,32-45
La perplessità fra i discepoli non si è attenuata, anzi. La prospettiva di ricevere cento volte tanto non li ha rassicurati. Alcuni, addirittura, hanno paura di quello che potrebbe succedere: forse Gesù si sta rivelando troppo esigente. Il giovane ricco ha affermato di osservare i precetti, cosa dov ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 30-05-2012)
Commento su Prima Pietro 1,22
Dopo aver purificato le vostre anime con l'obbedienza alla verità per amarvi sinceramente come fratelli, amatevi intensamente, di vero cuore, gli uni gli altri. 1Pt 1,22 Come vivere questa Parola? Siamo nel contesto dell'opera salvifica di Cristo che ci ha permesso di rivolgerci a Dio chiamandolo ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 30-05-2012)
Voi non sapete quello che chiedete
Il mistero di Gesù di certo è un abisso inesplorabile per qualsiasi mente umana. Solo nello Spirito Santo si può avere di esso una qualche intelligenza. Lui è il Messia del Signore, il suo Cristo, però è un Messia, un Cristo che vive la sua missione in un modo unico, singolare. Anziché essere accolt ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 02-03-2011)
Farsi servi per essere primi
La scrittura oggi, è desunta ancora dal libro del Siracide, mette sulle nostre labbra una splendida preghiera da leggere, da meditare, da recitare con fervore. Viene proposta nell'ufficiatura divina e anche nella liturgia. Benché proveniente dall'Antico Testamento, è un bel modello di preghiera, una ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 02-03-2011)

Dalla Parola del giorno Chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti. Come vivere questa Parola? È molto interessante il contesto di queste parole: la pagina viva del vangelo odierno. Gesù si prende cura innanzitutto dei dod ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 02-03-2011)
Voi non sapete quello che chiedete
Gesù sa qual dovrà essere il perfetto compimento della sua vita e si dirige verso di esso con decisione, volontà ferma, passo sicuro, coscienza retta, scienza perfetta. Quando il mistero dell'uno è dal mistero dell'altro, chi non conosce il mistero dell'altro, cammina nella storia come un cieco e gi ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 26-05-2010)
Voi non sapete quello che chiedete
Non basta pregare. Bisogna saper pregare. Non basta chiedere. Si deve sempre conoscere la bontà di ciò che si chiede. Le nostre molte preghiera spesso sono viziate perché sono contro la stessa volontà di Dio, contro la sua santità, contro la sua carità, contro il mistero che Lui vuole realizzare nel ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 26-05-2010)
Il Calvario e i monti della gloria
Gesù prende in disparte i suoi discepoli perché deve preannunciare loro gli eventi futuri che riguardano la sua persona: «Ecco, noi saliamo a Gerusalemme e il Figlio dell'uomo sarà consegnato ai capi dei sacerdoti e agli scribi; lo condanneranno a morte e lo consegneranno ai pagani, lo derideranno, ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 26-05-2010)

Dalla Parola del giorno Potete bere il calice che io bevo, o essere battezzati nel battesimo in cui io sono battezzato? Come vivere questa Parola? A questa domanda che sembra dominare il vangelo di oggi, i due apostoli rispondono: "Lo possiamo!". Una risposta corta e decisa, data in fretta fors ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 26-05-2010)
Travisamento
Gesù parla del servire, i discepoli parlano del potere. TRAVISAMENTO. Spesso nella Parola di Dio noi travisiamo quello che viene annunciato. Seguire il discorso di Gesù attraverso le nostre ottiche, i nostri punti di vista. Quello che è successo un tempo, succede anche oggi a noi. Recuperar ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 28-05-2008)

Gesù ha appena confidato ai suoi di essere disposto a morire per proclamare il Vangelo, per svelare all'umanità il volto straordinario del Padre. Sconsolato dalla dura reazione di parte di Israele e dalla crescente ostilità dei farisei nei suoi confronti, si dice disponibile a combattere fino alla f ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 28-05-2008)
E' venuto per servire e dare la vita per molti
San Pietro continua la sua catechesi richiamandoci alla realtà del nostro battesimo, che in virtù della morte e risurrezione del Signore, ci ha rinnovati e ci ha aperto la via della salvezza. Tocca a noi ora dimostrare che siamo diversi da quando eravamo immersi nelle tenebre dell'ignoranza. Segno i ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28-05-2008)
Commento su 1Pt 1,24-25
Dalla Parola del giorno Tutti i mortali sono come l'erba e ogni loro splendore è come fiore d'erba. L'erba inaridisce, i fiori cadono, ma la parola del Signore rimane in eterno. Come vivere questa Parola? Una realistica constatazione, che la conclusione illumina, sottraendo all'amara ineluttabi ...
(continua)
a cura dei Carmelitani     (Omelia del 28-05-2008)
Commento Marco 10,32b-45
1) Preghiera Concedi, Signore, che il corso degli eventi nel mondo si svolga secondo la tua volontà nella giustizia e nella pace, e la tua Chiesa si dedichi con serena fiducia al tuo servizio. Per il nostro Signore Gesù Cristo... 2) Lettura del Vangelo Dal Vangelo secondo Marco 10,32 ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 30-05-2007)
Servire per potere
Dal servire al potere... LA GRANDE TENTAZIONE è sempre presente in noi: servendo, cogliamo l'occasione di ricevere più potere. Inconsciamente, siamo nella condizione di considerarci degni di rendere il Regno di Dio più potente, più efficace e più degno di noi. La grandezza e il potere avanzan ...
(continua)
   > Translate this page (italian > english) with Google