Omelia (20-02-2015)
Paolo Curtaz


Durante i venerdý dell'anno e in quaresima, in particolare, ci Ŕ chiesto un piccolo segno: astenerci dal consumo delle carni. Possiamo discutere sulla validitÓ di tale prescrizione nata in un contesto in cui la carne era un lusso. Oggi la carne costa meno di molta frutta e molto meno del pesce... Che senso ha rinunciare alla fettina di sanato per comprare al doppio del costo un pesce di mare? Cerchiamo, allora, di cogliere l'essenza del precetto: siamo invitati, con un atto concreto, che incide nella carne e... nello stomaco, a porre un gesto che ci apra alla consapevolezza e alla condivisione. Molte persone nel mondo, ma anche in Italia, non possono permettersi di mangiare tutti i giorni e la crisi ha reso ancora pi¨ poveri i poveri che abitano in mezzo a noi. Conosco personalmente pensionati che sopravvivono con la loro pensione sociale a pane e latte e alla solidarietÓ delle opere assistenziali della Chiesa. Mangiare meno, rinunciare ad un dolce, dimezzare una porzione sono piccoli strumenti per fare memoria, per accendere la fame di cibo, per riaccendere quella dell'Assoluto.