LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 17 Aprile 2019 <

Lunedì 15 Aprile 2019

Martedì 16 Aprile 2019

Mercoledì 17 Aprile 2019

Giovedì 18 Aprile 2019

Venerdì 19 Aprile 2019

Sabato 20 Aprile 2019

Domenica 21 Aprile 2019

Lunedì 22 Aprile 2019

Martedì 23 Aprile 2019

Mercoledì 24 Aprile 2019


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Mercoledì della Settimana Santa

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Viola
EQ063 ;
Gesù, vedendo che la sua ora si avvicina, fa preparare la Pasqua. Durante la cena, annuncia il tradimento di Giuda. Il salmista aveva già previsto il tradimento dell’amico (Sal 041,10). Il popolo di Giuda condanna Gesù e lo consegna ai pagani. I lavoratori della vigna, dopo aver ucciso i servitori, uccidono anche il figlio del padrone. “Popolo mio, che cosa ti ho fatto? In che cosa ti ho stancato? Rispondimi” (Mi 6,3). Giuda vende Gesù per trenta monete d’argento. Il valore di un servo era di trenta sicli d’argento (Es 21,32). Si valutò con lo stesso valore il profeta che era decaduto (Zc 11,12s). Ed è ancora questa somma che il sinedrio dà per Gesù.
Quando ciò che era stato annunciato si realizza, le Scritture terminano. Tutto, da sempre, era presente agli occhi di Dio. L’azione dell’uomo era prevista, ma non predeterminata. Ed è per questo che Gesù non toglie la responsabilità a colui che lo consegna, poiché egli ha utilizzato male la sua libertà.
Anche noi possiamo tradire Cristo, vendendolo per qualche moneta. La parola del Signore ci insegna, e il Signore stesso apre le nostre orecchie, affinché possiamo fare parte dei convitati di Gesù, che celebrano con lui la Pasqua, come membra vive della sua Chiesa.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi
in cielo, in terra e sottoterra,
perché Gesù si è fatto obbediente
fino alla morte, alla morte di croce:
per questo Gesù Cristo è il Signore,
a gloria di Dio Padre. (Fil 2,10.8.11)


Colletta
Padre misericordioso,
tu hai voluto che il Cristo tuo Figlio
subisse per noi il supplizio della croce
per liberarci dal potere del nemico;
donaci di giungere alla gloria della risurrezione.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Is 50,4-9
Non ho sottratto la faccia agli insulti e agli sputi. (Terzo canto del Servo del Signore)

Dal libro del profeta Isaìa

Il Signore Dio mi ha dato una lingua da discepolo,
perché io sappia indirizzare
una parola allo sfiduciato.
Ogni mattina fa attento il mio orecchio
perché io ascolti come i discepoli.
Il Signore Dio mi ha aperto l’orecchio
e io non ho opposto resistenza,
non mi sono tirato indietro.
Ho presentato il mio dorso ai flagellatori,
le mie guance a coloro che mi strappavano la barba;
non ho sottratto la faccia
agli insulti e agli sputi.
Il Signore Dio mi assiste,
per questo non resto svergognato,
per questo rendo la mia faccia dura come pietra,
sapendo di non restare confuso.
È vicino chi mi rende giustizia:
chi oserà venire a contesa con me? Affrontiamoci.
Chi mi accusa? Si avvicini a me.
Ecco, il Signore Dio mi assiste:
chi mi dichiarerà colpevole?

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 68

O Dio, nella tua grande bontà, rispondimi.

Per te io sopporto l’insulto
e la vergogna mi copre la faccia;
sono diventato un estraneo ai miei fratelli,
uno straniero per i figli di mia madre.
Perché mi divora lo zelo per la tua casa,
gli insulti di chi ti insulta ricadono su di me.

Mi sento venir meno.
Mi aspettavo compassione, ma invano,
consolatori, ma non ne ho trovati.
Mi hanno messo veleno nel cibo
e quando avevo sete mi hanno dato aceto.

Loderò il nome di Dio con un canto,
lo magnificherò con un ringraziamento,
Vedano i poveri e si rallegrino;
voi che cercate Dio, fatevi coraggio,
perché il Signore ascolta i miseri
e non disprezza i suoi che sono prigionieri.

Canto al Vangelo ()
Lode e onore a te, Signore Gesù!
Salve, nostro Re, obbediente al Padre:
sei stato condotto alla croce,
come agnello mansueto al macello.
Lode e onore a te, Signore Gesù!

>

Vangelo

Mt 26,14-25
Il Figlio dell’uomo se ne va, come sta scritto di lui; ma guai a quell’uomo dal quale il Figlio dell’uomo viene tradito!


+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, uno dei Dodici, chiamato Giuda Iscariòta, andò dai capi dei sacerdoti e disse: «Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?». E quelli gli fissarono trenta monete d’argento. Da quel momento cercava l’occasione propizia per consegnare Gesù.
Il primo giorno degli Ázzimi, i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero: «Dove vuoi che prepariamo per te, perché tu possa mangiare la Pasqua?». Ed egli rispose: «Andate in città da un tale e ditegli: “Il Maestro dice: Il mio tempo è vicino; farò la Pasqua da te con i miei discepoli”». I discepoli fecero come aveva loro ordinato Gesù, e prepararono la Pasqua.
Venuta la sera, si mise a tavola con i Dodici. Mentre mangiavano, disse: «In verità io vi dico: uno di voi mi tradirà». Ed essi, profondamente rattristati, cominciarono ciascuno a domandargli: «Sono forse io, Signore?». Ed egli rispose: «Colui che ha messo con me la mano nel piatto, è quello che mi tradirà. Il Figlio dell’uomo se ne va, come sta scritto di lui; ma guai a quell’uomo dal quale il Figlio dell’uomo viene tradito! Meglio per quell’uomo se non fosse mai nato!». Giuda, il traditore, disse: «Rabbì, sono forse io?». Gli rispose: «Tu l’hai detto».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Gesù, servo sofferente, ci insegna la vera sapienza: quella che viene dall'alto e confida nell'aiuto del Signore. Perciò lo invochiamo dicendo:
Nella prova assistici, Signore!

Per la Chiesa: fà che sia fedele, paziente e coraggiosa, per non tradire il Cristo suo sposo. Ti preghiamo:
Per i pastori della comunità cristiana: mantienili nella carità, anche se devono lottare in difesa dei piccoli e dei poveri. Ti preghiamo:
Per i popoli e le nazioni: fa’ che compiano un buon cammino sulla via del dialogo, perchè vi sia per tutti un futuro di pace. Ti preghiamo:
Per le famiglie: fa’ che, condividendo affetti, beni e speranze, siano profezie di una vita riconciliata nella fraternità e nell'amore. Ti preghiamo:
Per ciascuno di noi: fa’ che non ci stanchiamo di purificare continuamente il nostro cuore per ospitare con gioia la presenza di Cristo, nostra pasqua. Preghiamo:
Per chi si prodiga per la speranza altrui.
Per chi ancora opprime, in qualsiasi forma, la vita del prossimo.

Padre misericordioso, accogli la supplica che sale a te. Te lo chiediamo con fede rinnovata in prossimità della Pasqua, giorno d'amore e di salvezza, in cui Gesù ha versato il suo sangue perchè fossimo purificati dalla colpa e avessimo parte nella tua gloria. Lui è Dio e vive e regna con te per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Preghiera sulle offerte
Accetta questa offerta, Signore,
e fa’ che testimoniamo nella nostra vita
la passione del tuo Figlio,
che celebriamo nei santi misteri.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO DELLA PASSIONE DEL SIGNORE II
La vittoria della Passione

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno, per Cristo nostro Signore.
Contempliamo ormai vicini i giorni
della sua Pasqua di morte e risurrezione,
che segna la sconfitta dell’antico avversario
e l’evento stupendo della nostra redenzione.
Per questo mistero si allietano gli angeli
e per l’eternità adorano la gloria del tuo volto.
Al loro canto concedi, o Signore,
che si uniscano le nostre umili voci
nell’inno di lode: Santo...


Antifona di comunione
“Il Figlio dell’uomo è venuto
non per essere servito, ma per servire
e dare la sua vita
in riscatto per tutti gli uomini”. (Mt 20,28)


Preghiera dopo la comunione
Dona ai tuoi fedeli, Dio onnipotente,
la certezza di essere rigenerati alla vita eterna
nella gloriosa morte del tuo Figlio,
che la Chiesa annunzia in questo grande mistero.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 17-04-2019)
Commento su Mt 26, 17-18
?Dove vuoi che prepariamo per te, perché tu possa mangiare la Pasqua?? Mt 26, 17-18 Come vivere questa Parola? Sembra una richiesta premurosa, ma nasconde molta ottusità. Gli apostoli pensano di preparare loro la Pasqua e non hanno la minima idea di che Pasqua stia preparando Gesù a loro. Pensano ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 17-04-2019)
Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?
La storia è il risultato di molteplici responsabilità. Ogni persona, quando la storia passa dinanzi alla sua particolare responsabilità, è obbligata a darle la giusta direzione verso il bene, collaborando perché ci si incammini sulla via della verità e si abbandoni la strada della falsità e del pecc ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28-03-2018)
Commento su Is 50,7
«Il Signore Dio mi assiste, per questo non resto svergognato, per questo rendo la mia faccia dura come pietra, sapendo di non restare confuso» Is 50,7 Come vivere questa Parola? Il testo descrive profeticamente lo stato d'animo di Gesù in questa imminenza della Passione. Il tempo è questo: Gesù ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28-03-2018)
Meglio per quell'uomo se non fosse mai nato!
Non so se le parole di Gesù abbiano un senso, un significato. Non so neanche se sono portatrici o meno di una verità, posta in esse dallo Spirito Santo. Devo però supporre, almeno a livello letterale, che un significato ce l'abbiano e che sono portatrici di una verità, se non per noi, almeno per Lui ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 12-04-2017)
Commento su Is 50, 6-8
Ho presentato il dorso ai flagellatori, la guancia a coloro che mi strappavano la barba; non ho sottratto la guancia agli insulti e agli sputi. Il Signore Dio mi assiste, per questo non resto confuso. Is 50, 6-8 Come vivere questa Parola? Le parole profetiche di Isaia, che già ci hanno accompagna ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 12-04-2017)
Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?
La prudenza non è solo per l'opera da compiere nella sua immediata attualità. Essa è vera prudenza se previene ogni atto dell'uomo e anche lo segue e lo accompagna. Non vi potrà mai essere vera prudenza se non nello Spirito Santo, il solo che illumina la mente perché tutto avvenga secondo la volontà ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23-03-2016)
Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?
La passione di Gesù è perfetta in ogni suo aspetto: nell'anima, nello spirito, nel corpo. Essa è il frutto dell'umanità, non di un solo uomo, un solo popolo, una sola categoria di persone. Essa è opera del popolo di Dio e dei Pagani, dei sommi sacerdoti, degli scribi, dei farisei, dei sadducei e anc ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 23-03-2016)
Commento su Mt 26, 14-16; 21-24
«Uno dei Dodici, chiamato Giuda Iscariòta, andò dai capi dei sacerdoti e disse: "Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?". E quelli gli fissarono trenta monete d'argento. Da quel momento cercava l'occasione propizia per consegnare Gesù» [...]. Mentre mangiavano, disse: "In verità in verità vi ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 01-04-2015)

Matteo nel raccontare la sua versione dei fatti è molto attento a ricordare a tutti che Giuda è uno dei Dodici, non uno qualsiasi. Si avverte come un velo di rabbia nel raccontare le tristi vicende che hanno coinvolto Giuda. Chissà cosa aveva in mente l'apostolo travolto dalla propria tenebra? Noi b ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 01-04-2015)
Commento su Mt 26,15
«Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?». E quelli [i capi dei sacerdoti] gli fissarono trenta monete d'argento» Mt 26,15 Come vivere questa Parola? Durante l'ultima cena, Gesù annuncia che sarà tradito da uno dei suoi commensali, che rimangono turbati e si chiedono: "Sono forse io, Signor ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 01-04-2015)
Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?
Ognuno vede cose e persone secondo il suo cuore. Se il cuore è puro, si vede la storia che cade sotto i nostri occhi in pienezza di verità. La si vede secondo Dio. La si vede dalla sua luce, dalla sua giustizia, dal suo diritto, dai suoi comandamenti. Se invece esso è impuro, tutto si guarda con occ ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 16-04-2014)

Giuda, che mistero! È un apostolo, è stato scelto da Gesù dopo un lunga notte di preghiera, ha seguito il Maestro per tre lunghi anni. Cosa è successo, ad un certo punto? Nella storia cattolica spesso, troppo spesso, abbiamo banalizzato il suo percorso, lo abbiamo ridotto ad un bieco personaggio, al ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 16-04-2014)
Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?
Nella Scrittura Santa figura di Gesù venduto è Giuseppe, figlio di Giacobbe. È venduto dai suoi fratelli, per invidia, a dei mercanti Ismaeliti, i quali a loro volta lo vendono a Potifàr, eunuco del faraone. È triste quando il fratello vende il fratello. Essi lo videro da lontano e, prima che giung ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 16-04-2014)
Commento su Is 50, 4
"Il Signore Dio mi ha dato una lingua da discepolo perché io sappia indirizzare una parola allo sfiduciato". Is 50, 4 Come vivere questa Parola? E' interessante questo riconoscere da parte del profeta Isaia, che il suo parlare non è quello di un maestro, ma è quello di un discepolo. Chi dunque è ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 27-03-2013)
Commento su Mt 26,14-25
Abbiamo ridicolizzato Giuda, facendolo diventare una specie di macchietta. La nostra è un'operazione scorretta e sospetta perché lascia intendere che, in fondo, noi siamo migliori di lui. Ci fa comodo dividere il mondo in buoni e cattivi. Noi, pur non essendo santi, siamo certamente migliori di uno ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 27-03-2013)
Colui che ha intinto con me la mano nel piatto, quello mi tradirà
Quante volte siamo stati traditi e le persone che lo hanno fatto sono state spesso quelle a noi più vicine, quelle alle quali avevamo dato fiducia, per le quali avevamo aperto le nostre barriere difensive. Il tradimento dei propri valori è sempre una cosa brutta, ma quando questo avviene per mano d ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 27-03-2013)
Meglio per quell'uomo se non fosse mai nato!
Giuda è persona avida di denaro. La sua sete insaziabile lo spinge a vendersi dietro compenso il suo Maestro. "Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?". Non vi sono nobili ideali in quest'azione, né politici, né sociali, né religiosi. Vi è solo bramosia, concupiscienza, desideri cattivi e diso ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 27-03-2013)
Commento su Isaia 50,4
Il Signore Dio ogni mattina fa attento il mio orecchio perché io ascolti come i discepoli Is 50,4 Come vivere questa Parola? Il servo fedele del Signore è anche un servo saggio, un discepolo pronto ad imparare, uno che ogni mattina presta l'orecchio alla parola del Signore; anzi, lascia che il Si ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 04-04-2012)
Commento su Matteo 26,14-25
In Matteo la figura di Giuda assume il contorno drammatico del discepolo amato e chiamato dal Signore che rifiuta di accogliere l'invito alla conversione. È come noi, Giuda, esattamente come noi: un discepolo che pensa di forzare la mano a Dio. La disperazione di Giuda dopo l'arresto di Gesù si spie ...
(continua)