LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 7 Novembre 2018 <

Lunedì 5 Novembre 2018

Martedì 6 Novembre 2018

Mercoledì 7 Novembre 2018

Giovedì 8 Novembre 2018

Venerdì 9 Novembre 2018

Sabato 10 Novembre 2018

Domenica 11 Novembre 2018

Lunedì 12 Novembre 2018

Martedì 13 Novembre 2018

Mercoledì 14 Novembre 2018


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Mercoledì della XXXI settimana del Tempo Ordinario (Anno pari)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Verde
PO313 ;
Noi soffriamo ogni volta che la fede e la Chiesa vengono attaccate. Ci impegniamo contro le tendenze politiche che minacciano le forme cristiane della vita sociale e umana, contro una certa “cultura” dei mezzi di comunicazione che si prende gioco di ogni tabù, che bestemmia e ridicolizza Dio.
Noi ci difendiamo, a buon diritto.
Infatti noi siamo garanti che il nome di Dio sia santificato, che i comandamenti che Dio impartisce agli uomini in vista della loro salvezza trovi un’eco in tutti i cuori. Dobbiamo fare in modo che l’inquinamento spirituale non ci soffochi e non soffochi i nostri cari.
Ma la lotta fra Dio e l’uomo, forse oggi più forte che in passato, assume un senso positivo alla luce del Vangelo di oggi. Gli ambienti cristiani permettevano un tempo un’adesione spontanea alla Chiesa. Oggi, invece, la società, spesso ostile alla fede, obbliga l’individuo a prendere posizione. Ognuno di noi si trova coinvolto personalmente nel cercare di comprendere ciò che rappresenta per lui il messaggio cristiano e nel cercare di capire se è pronto ad accettarlo in prima persona. Infatti è esigente seguire Cristo, anche se con il sostegno e la stima della comunità cristiana. Il contrario non corrisponderebbe né al grado di colui che lo chiama, né alla dignità del discepolo.
Certo, sarebbe per noi più piacevole fingere di non intendere quanto il Signore esige da noi, vedere meno da vicino il suo disegno di costruzione della torre e la spesa da affrontare... Ma il Signore non fa alcuna concessione. Sembra, anzi, portato - in modo diverso da un tribuno o da un capo politico -, proprio in ragione della moltitudine di coloro che lo seguono, a tale precisione provocante e rischiosa.
Portare la propria croce è il prezzo da pagare, egli dice ai suoi discepoli, che devono porre in secondo piano ogni sicurezza umana, fino a mettere in gioco la propria vita. È questo che si chiede al cristiano! E ciò si concretizza di fronte agli attacchi recenti di un mondo materialistico.
Chi, di fronte a tali principi, saprebbe essere così coraggioso da continuare a seguire Cristo? Non lo si può certo fare per una scelta personale. Ma diventa possibile se ciò ci è dato: “Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi” (Gv 15,16).

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Non abbandonarmi, Signore mio Dio,
da me non stare lontano;
vieni presto in mio aiuto,
Signore, mia salvezza. (Sal 38,22-23)


Colletta
Dio onnipotente e misericordioso,
tu solo puoi dare ai tuoi fedeli
il dono di servirti in modo lodevole e degno;
fa’ che camminiamo senza ostacoli
verso i beni da te promessi.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Fil 2,12-18
Dedicatevi alla vostra salvezza. È Dio infatti che suscita in voi il volere e l’operare.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Filippési

Miei cari, voi che siete stati sempre obbedienti, non solo quando ero presente ma molto più ora che sono lontano, dedicatevi alla vostra salvezza con rispetto e timore. È Dio infatti che suscita in voi il volere e l’operare secondo il suo disegno d’amore.
Fate tutto senza mormorare e senza esitare, per essere irreprensibili e puri, figli di Dio innocenti in mezzo a una generazione malvagia e perversa. In mezzo a loro voi risplendete come astri nel mondo, tenendo salda la parola di vita.
Così nel giorno di Cristo io potrò vantarmi di non aver corso invano, né invano aver faticato. Ma, anche se io devo essere versato sul sacrificio e sull’offerta della vostra fede, sono contento e ne godo con tutti voi. Allo stesso modo anche voi godetene e rallegratevi con me.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 26

Il Signore è mia luce e mia salvezza.

Il Signore è mia luce e mia salvezza:
di chi avrò timore?
Il Signore è difesa della mia vita:
di chi avrò paura?

Una cosa ho chiesto al Signore,
questa sola io cerco:
abitare nella casa del Signore
tutti i giorni della mia vita,
per contemplare la bellezza del Signore
e ammirare il suo santuario.

Sono certo di contemplare la bontà del Signore
nella terra dei viventi.
Spera nel Signore, sii forte,
si rinsaldi il tuo cuore e spera nel Signore.

Canto al Vangelo (1 Pt 4,14)
Alleluia, alleluia.
Beati voi, se venite insultati per il nome di Cristo,
perché lo Spirito di Dio riposa su di voi.
Alleluia.

>

Vangelo

Lc 14,25-33
Chi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo.


+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, una folla numerosa andava con Gesù. Egli si voltò e disse loro:
«Se uno viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo. Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo.
Chi di voi, volendo costruire una torre, non siede prima a calcolare la spesa e a vedere se ha i mezzi per portarla a termine? Per evitare che, se getta le fondamenta e non è in grado di finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, dicendo: “Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro”.
Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? Se no, mentre l’altro è ancora lontano, gli manda dei messaggeri per chiedere pace.
Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
A Colui che tutto può e tutti conosce, esprimiamo con fiducia le nostre attese, nella certezza che egli ama donare più di quanto sappiamo domandare. Diciamo insieme:
Dio della vita, ascoltaci.

Perché noi, tua Chiesa, spogliandoci di orgoglio e asprezza, sappiamo somigliare a Cristo mite, umile e crocifisso. Preghiamo:
Perché nei nostri cuori penetri la benevolenza, vinca la fraternità, fiorisca la carità. Preghiamo:
Perché le nostre comunità d'occidente siano generose nel donare persone e mezzi alle missioni. Preghiamo:
Perché negli ospedali, nelle carceri e nei ricoveri, chi soffre possa oggi incontrare un animo cristiano. Preghiamo:
Perché i ragazzi e i giovani, sostenuti dalla nostra preghiera e dagli esempi, sappiano andare incontro alla vita con fede e onestà. Preghiamo:
Per chi non ha fede, ideali e avvenire.
Per i catechisti e gli animatori della comunità.

Altissimo Signore, il tuo popolo è in cammino nella valle delle prove dove s'attarda, si stanca, si ferisce. Sostienilo, Padre, con la fede incrollabile di Abramo, la fortezza di Mosè, la saggezza di Salomone. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
Questo sacrificio che la Chiesa ti offre, Signore,
salga a te come offerta pura e santa,
e ottenga a noi la pienezza della tua misericordia.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Tu mi indichi il sentiero della vita, Signore,
gioia piena nella tua presenza. (Sal 16,11)

Oppure:
Dice il Signore: “Come il Padre che ha la vita ha mandato me
e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia di me vivrà per me”. (Gv 6,57)


Preghiera dopo la comunione
Continua in noi, o Dio, la tua opera di salvezza,
perché i sacramenti che ci nutrono in questa vita
ci preparino a ricevere i beni promessi.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 07-11-2018)
Non rinuncia a tutti i suoi averi
La parola di Gesù è chiara e inequivocabile: ?Così chiunque non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo?. È giusto chiedersi: ?Qual è il vero pensiero di Gesù in ordine a questa sua Parola??. Conoscerlo è essenziale, al fine di non cadere in quelle conclusioni ideologiche e quasi ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 07-11-2018)
Commento su Lc 14,28-33
«Chi di voi, volendo costruire una torre, non siede prima a calcolare la spesa e a vedere se ha i mezzi per portarla a termine? Per evitare che, se getta le fondamenta e non è in grado di finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, dicendo: «Costui ha iniziato a costruire, ma no ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 08-11-2017)
Commento su Lc 14,33
«Chi non rinuncia a tutti suoi averi non può essere mio discepolo» Lc 14,33 Come vivere questa Parola? Qualcuno, lo so, a questo punto, grida. Ci siamo! Sempre la chiamata è a diventare un rinunciatario. Come una larva, un abbietto relitto: un po' scemo e un po' folle, vocato all'accattonaggio. ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 04-11-2015)

La logica di questo mondo è la prudenza, giusto. Vediamo la conseguenza di un mondo che ha abbandonato la prudenza e si illude dando sfogo a tutte le pulsioni, a tutte le passioni, a tutti gli istinti. Persone che liberano il cane rabbioso che è in loro che, alla fine, li trascina verso l'abisso. Es ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-11-2015)
Una folla numerosa andava con lui
Gesù non è un politico che per avere qualche voto in più promette mari e monti, sapendo di mentire e di ingannare le persone alle quali si rivolge. Tra il politico, a qualsiasi schieramento esso appartenga la sostanza non cambia, e Gesù vi è lo stesso abisso invalicabile che separa Lazzaro che è nel ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-11-2015)
Commento su Rm 13, 8-16
"Fratelli, non abbiate alcun debito con nessuno, se non quello di un amore vicendevole; perché chi ama il suo simile ha adempiuto la legge... L'amore non fa nessun male al prossimo: pieno compimento della legge è l'amore." Rm 13, 8-16 Come vivere questa Parola? Il teologo Narsai di Edessa, commen ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 05-11-2014)

Che presuntuoso è Gesù! Che coraggio ha nel chiedere ciò che chiede! Ai discepoli, a noi, dice di essere la gioia più grande della più grande gioia che possiamo sperimentare! Che l'esperienza più coinvolgente e luminosa che possiamo vivere, l'innamoramento, la genitorialità, l'amicizia è sempre e so ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 05-11-2014)
Commento su Fil 2, 13
"È Dio infatti che suscita in voi il volere e l'operare secondo il suo disegno di amore". Fil 2, 13 Come vivere questa Parola? È impressionante come una riflessione così profonda sul fare, sull'agire emerga proprio in uno scritto elaborato in reclusione! Paolo, ancora giovane, probabilmente sta s ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 05-11-2014)
Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi
Con Gesù si compie il capovolgimento di tutta l'antica modalità di seguire il Signore. Quando il Signore chiamò Abramo, questi fu invitato a lasciare la sua terra. Non partì però da solo. Portò con sé la moglie, gli schiavi e le schiave, i suoi greggi e i suoi armenti, anche il nipote Lot andò con l ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 06-11-2013)
Commento su Lc 14,25-33
Facciamoci bene i conti in tasca. È Gesù stesso che ce lo chiede, che ci invita ad osare, a prendere sul serio la sua sconcertante provocazione: egli pretende di essere più grande della più grande gioia che possiamo vivere. Più del bene, più dell'affetto, più dell'innamoramento, più del diventare ge ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 06-11-2013)
Bambini violentati nel corpo e nell'anima
Chi non porta la propria croce e non viene dietro di me, non può essere mio discepolo Se una persona cammina diritta nella vita, seguendo determinati buoni principi, dettati dal Vangelo o dal buon costume, dai nonni piuttosto che dai genitori, si troverà inevitabilmente davanti mille ostacoli, di ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 06-11-2013)
Commento su Romani 13, 8
Non siate debitori di nulla se non dell'amore vicendevole, perché chi ama l'altro ha adempiuto la Legge. Rm 13, 8 Come vivere questa Parola? Adempiere la Legge era per gli uomini di fede contemporanei di Paolo il punto fermo e intoccabile. Ma con la Legge e le sue prescrizioni molti si sentivan ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 06-11-2013)
Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me
Chi legge con sapienza di Spirito Santo l'Antico Testamento troverà tante di quelle piccole luci che orientano e conducono verso la bellezza della luce piena che è Cristo Gesù. Abramo è una di queste luci. Lui però è luce grande, grandissima. Lui sa vivere la totale povertà in spirito. La sua unica ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 07-11-2012)
Commento su Luca 14,25-33
Facciamo bene i conti: per cosa vale la pena vivere? Cosa ci rende davvero felici? Chi o cosa è in grado di colmare l'infinito desiderio di bene che alberga nel nostro cuore? Gesù è concreto, efficace, ci sfida ad affrontare con verità le grandi domande che da sempre abitano nei nostri cuori. E la r ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 07-11-2012)
Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro
Quante volte avete iniziato a fare qualcosa e non l'avete portata a termine? Quante promesse fatte e non mantenute? Dico sempre che se avessi un euro per ogni promessa fatta e non rispettata, adesso non sapremmo dove mettere i soldi. Quanti volontari iniziano un percorso e poi blandamente si dilegua ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 07-11-2012)
Commento su Filippesi 2,15-16
Risplendete come astri nel mondo, tenendo salda la parola di vita Fil 2,15-16 Come vivere questa Parola? Abituati alle luci artificiali delle nostre città che non ci fanno più palpare il buio della notte, abbiamo anche perso la gioia di contemplare un cielo stellato. Ma basta allontanarsi dai cen ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 07-11-2012)
Chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi
Nell'Antico Testamento la sequela è della Legge. Si seguono, cioè si cammina dietro i Comandamenti, gli Statuti, i Precetti del Signore. Dio invece segue tutti i passi dell'uomo. Ancora non è maturata la verità che è Dio che si deve seguire. È dietro di Lui che bisogna andare. È alla sua presenza ch ...
(continua)