LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 4 Ottobre 2017 <

Lunedì 2 Ottobre 2017

Martedì 3 Ottobre 2017

Mercoledì 4 Ottobre 2017

Giovedì 5 Ottobre 2017

Venerdì 6 Ottobre 2017

Sabato 7 Ottobre 2017

Domenica 8 Ottobre 2017

Lunedì 9 Ottobre 2017

Martedì 10 Ottobre 2017

Mercoledì 11 Ottobre 2017


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  SAN FRANCESCO D`ASSISI

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: FESTA
Colore liturgico: Bianco
Scheda Agiografica: SAN FRANCESCO D`ASSISI
S1004 ;

San Francesco ha veramente realizzato il Vangelo che la liturgia ci fa proclamare nella sua festa: ha ricevuto la rivelazione di Gesù con il cuore semplice di un bambino, prendendo alla lettera tutte le parole di Gesù. Ascoltando il passo evangelico nel quale Gesù invia i suoi discepoli ad annunciare il regno, ha sentite rivolte a sé quelle parole, che diventarono la regola della sua vita. Ed anche a quelli che lo seguirono egli non voleva dare altra regola se non le parole del Vangelo, perché per lui tutto era contenuto nel rapporto con Gesù, nel suo amore. Le stimmate che ricevette verso la fine della sua vita sono proprio il segno di questo intensissimo rapporto che lo identificava con Cristo. Francesco fu sempre piccolo, volle rimanere piccolo davanti a Dio e non accettò neppure il sacerdozio per rimanere un semplice fratello, il più piccolo di tutti, per amore del Signore.
Per lui si sono realizzate in pieno le parole di Gesù: "il mio giogo è dolce e il mio carico leggero". Quanta gioia nell'anima di Francesco, povero di tutto e ricco di tutto, che accoglieva tutte le creature con cuore di fratello, che nell'amore del Signore sentiva dolci anche le pene!
Anche per noi il giogo del Signore sarà dolce, se lo riceviamo dalle sue mani.
Nella lettera ai Galati san Paolo ci dà la possibilità di capire meglio alcuni aspetti di questo giogo con due espressioni che sembrano contradditorie ma sono complementari. La prima è: "Portate i pesi gli uni degli altri, così adempirete la legge di Cristo". I pesi degli altri: questo è il giogo del Signore. San Francesco l'aveva capito agli inizi della sua conversione. Raccontò alla fine della vita: "Essendo io in peccato, troppo amaro mi sembrava vedere i lebbrosi, ma lo stesso Signore mi condusse fra loro ed io esercitai misericordia con loro". Ecco il giogo, che consiste nel caricarsi del peso degli altri, anche se farlo ci sembra duro. E continua: "E partendomene, ciò che mi era apparso amaro mi fu convertito in dolcezza nell'anima e nel corpo". Per chi se ne è veramente caricato, il giogo diventa dolce.
Poche righe più avanti troviamo la seconda frase di san Paolo: "Ciascuno porterà il proprio fardello". Si direbbe in contrasto con la prima, ma nel contesto il significato è chiarissimo: si tratta di non giudicare gli altri, di essere pieni di comprensione per tutti, di non imporre agli altri i nostri modi di vedere e di fare, di guardare ai propri difetti e di non prendere occasione dai difetti altrui per imporre alle persone pesi che non sono secondo il pensiero del Signore. San Francesco si preoccupava di questo e nella sua regola scrive: "Non ritenersi primo fra i fratelli": essere umili; "Non si considerino mai come padroni": non imporre pesi agli altri; e aggiunge: "Chi digiuna non giudichi chi mangia". E la delicatezza della carità, che se vede il fardello degli altri non li critica, non li giudica, ma piuttosto li aiuta.
Prendiamo così su di noi il giogo di Cristo. Carichiamoci dei pesi degli altri e non pesiamo su di loro con critiche e giudizi privi di misericordia, perché possiamo conoscere meglio il Figlio di Dio che è morto per noi, e in lui conoscere il Padre che è nei cieli, con la stessa gioia di san Francesco.

Ricevi la Liturgia via mail >
Leggi la sua scheda su Santiebeati.it >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Francesco, uomo di Dio,
lasciò la sua casa e la sua eredità,
si fece piccolo e povero:
e il Signore lo prese al suo servizio.


Colletta
O Dio, che in san Francesco d’Assisi, povero e umile,
hai offerto alla tua Chiesa
una viva immagine del Cristo,
concedi anche a noi
di seguire il tuo Figlio nella via del Vangelo
e di unirci a te in carità e letizia.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Gal 6,14-18
Il mondo per me è stato crocifisso, come io per il mondo.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Gàlati

Fratelli, quanto a me non ci sia altro vanto che nella croce del Signore nostro Gesù Cristo, per mezzo della quale il mondo per me è stato crocifisso, come io per il mondo.
Non è infatti la circoncisione che conta, né la non circoncisione, ma l’essere nuova creatura. E su quanti seguiranno questa norma sia pace e misericordia, come su tutto l’Israele di Dio.
D’ora innanzi nessuno mi procuri fastidi: io porto le stigmate di Gesù sul mio corpo.
La grazia del Signore nostro Gesù Cristo sia con il vostro spirito, fratelli. Amen.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 15

Tu sei, Signore, mia parte di eredità.

Proteggimi, o Dio: in te mi rifugio.
Ho detto al Signore: «Il mio Signore sei tu».
Il Signore è mia parte di eredità e mio calice:
nelle tue mani è la mia vita.

Benedico il Signore che mi ha dato consiglio;
anche di notte il mio animo mi istruisce.
Io pongo sempre davanti a me il Signore,
sta alla mia destra, non potrò vacillare.

Mi indicherai il sentiero della vita,
gioia piena alla tua presenza,
dolcezza senza fine alla tua destra.

Canto al Vangelo (Mt 11,25)
Alleluia, alleluia.
Ti rendo lode, Padre,
Signore del cielo e della terra,
perché ai piccoli hai rivelato i misteri del Regno.
Alleluia.

>

Vangelo

Mt 11,25-30
Hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli.


+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo Gesù disse: «Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo.
Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Per intercessione di Francesco d'Assisi, fratello universale ed esempio di santità, rivolgiamo al Padre la preghiera della Chiesa e del mondo. Diciamo insieme:
Benedici il tuo popolo, Signore.

Tu sei santo, Signore, e operi cose meravigliose; rinnova ancora la tua Chiesa con la santità di molti che vivano con semplicità e letizia il vangelo. Preghiamo:
Tu sei protettore, custode e difensore nostro: difendi questo nostro mondo da ogni male e custodiscilo nella pace. Preghiamo:
Tu sei bellezza, umiltà e pazienza: rendi ogni uomo fratello tra fratelli, con tutte le creature canti la tua gloria. Preghiamo:
Tu sei nostra speranza, nostra fede e carità: insegnaci ad amare il tuo Cristo crocifisso nel volto degli emarginati del nostro tempo. Preghiamo:
Tu sei il bene, ogni bene, il sommo bene: aiuta i movimenti, le persone, le istituzioni che si ispirano a san Francesco, ad amarti sopra ogni cosa. Preghiamo:
Tu sei trino e uno, Signore Dio degli dei: aiuta la nostra comunità a spogliarsi del superfluo, vivendo con fiducia la tua parola. Preghiamo:

Signore, che nel nome di Francesco d'Assisi anche oggi doni alla Chiesa e al mondo la speranza dell'amore e della pace, ravviva la fede nel tuo Cristo, perchè tutte le creature ti benedicano e ti servano con grande umiltà. Per Gesù, immagine del tuo volto, che vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.

Preghiera sulle offerte
Accogli i nostri doni, Signore,
e prepara il tuo popolo a celebrare il mistero della croce,
che segnò l’anima e il corpo di san Francesco.
Per Cristo nostro Signore.


Prefazio dei santi I,
oppure Prefazio dei santi II,
oppure Prefazio dei santi religiosi.


Antifona di comunione
Beati i poveri in spirito:
di essi è il regno dei cieli. (Mt 5,3)


Preghiera dopo la comunione
O Dio, che ci hai accolti alla tua mensa,
fa’ che sentiamo in noi la fiamma viva del tuo amore
e, imitando la carità
e il fervore apostolico di san Francesco,
ci consacriamo al servizio dei fratelli.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-10-2017)
Comento su Mt. 11,25
«Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Mt. 11,25 Come vivere questa Parola? Questa pericope del vangelo di Matteo riporta la Parola di Gesù in ordine a una verità che può Illuminare l'intera esi ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-10-2016)
Troverete ristoro per la vostra vita
L'Antico Testamento aveva posto inizialmente la vita dell'uomo nell'osservanza dei Comandamenti. La Legge non è però onnicomprensiva della volontà del Signore. Essa è meno che una goccia d'acqua nel grande oceano della divina volontà. Mentre se l'uomo si riveste della Sapienza di Dio, in ogni moment ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-10-2016)
Commento su Mt 11,30
«Il mio giogo è dolce, il mio peso è leggero». Mt 11,30 Come vivere questa Parola? Il santo che, secondo molti teologi spirituali, ha rappresentato più da vicino Gesù vivendone pienamente il Vangelo, è San Francesco. Così ci spieghiamo la sua "santa letizia" il contrario della baldoria senza argi ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-10-2014)
Tutto è stato dato a me dal Padre mio
Gesù è persona dal cuore purissimo, dalla mente santissima, dagli occhi pieni di luce. Lui è in una perenne contemplazione delle opere del Padre. Vede Dio e ne loda l'agire. Questa visione manca all'uomo. La sua cecità è congenita. Non riesce a vedere il Signore nella storia. Non solo quando agisce ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-10-2014)
Commento su Sal 15
"Ho detto al Signore: «Il mio Signore sei tu». Il Signore è mia parte di eredità e mio calice: nelle tue mani è la mia vita". Ps 15 Come vivere questa Parola? Le letture di oggi ci aiutano a mettere in evidenza l'incarnazione della Parola di Dio in Francesco. Di Lui si potrebbero dire mille cose, ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 04-10-2013)
Commento su Mt 11,25-30
Oggi la Chiesa celebra con grande gioia la memoria di san Francesco d'Assisi che, insieme a santa Caterina da Siena è invocato come patrono della nostra acciaccata nazione. Il somigliantissimo, così Francesco poverello è chiamato, caso più unico che raro, dai fratelli cristiani ortodossi e la sua f ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 04-10-2013)
Hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli
Ci volevano centinaia di morti perché i politici si muovessero? Ci volevano centinaia di morti per gridare contro una legge che impedisce l'accoglienza? Ci volevano centinaia di morti per far muovere i politici in segno di solidarietà? Ci volevano centinaia di morti per accorgersi del dramma in cui ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-10-2013)
Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza
Gesù è il Mediatore unico tra Dio e l'intera umanità. Ogni altro prima di Lui è mediatore che conduce a Lui. Ogni altro dopo di Lui, potrà essere mediatore solo in Lui, con Lui, per Lui. Anche gli Angeli, spiriti incaricati di un ministero, sono strumenti di Dio, ma sempre in Cristo, per Cristo, con ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-10-2013)
Commento su Galati 6, 14
"Quanto a me non ci sia altro vanto che nella croce del Signore nostro Gesù Cristo." Gal 6, 14 Come vivere questa Parola? Le parole di s. Paolo ai Galati commentano a pennello l'esistenza di Francesco d'Assisi e mostrano come la conversione sia sempre uno spogliarsi per poi rivestirsi. Spogliar ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 04-10-2012)
Commento su Matteo 11,25-30
Auguri Italia! Oggi festeggiamo il nostro amico Francesco poverello, uno dei santi protettori della nostra terra sofferente e demotivata. Sia lui a ridare quell'entusiasmo di cui l'Italia ha urgente bisogno! Quanto ci emoziona Francesco poverello! Quanto sentiamo emergere forte, in noi, il sogno ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 04-10-2012)
Il Signore designò altri settantadue discepoli e li inviò a due a due avanti a sé
I genitori accolgono in casa un figlio. Sia esso naturale, adottivo o in affidamento ed hanno principalmente due importanti compiti da svolgere nei suoi confronti, insegnare e inviare. Non solo i genitori, anche tutti coloro che per periodi abbastanza lunghi incrociano la loro vita con quella di bam ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 04-10-2012)
Ecco io vi mando come agnelli in mezzo a lupi
Quanti sono i bambini da prendere in affidamento? Quante le persone che ogni giorno muoiono di fame? Quante le persone che si comportano male perché non hanno trovato amore? Lo sappiamo, sono tante, tantissimi, al di sopra delle nostre possibilità. Ma... se ognuno di noi prendesse anche un solo ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-10-2012)
Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra
Il Salmo invita il pio e fedele credente in Dio a rendere al suo Signore grazie, a lodarlo e a benedirlo per la sua bontà. Il suo amore è da sempre e per sempre. Mai verrà meno. Esso precede ogni invocazione da parte della creatura. Ancora l'uomo neanche ha preso coscienza della gravità del suo pecc ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-10-2012)
Commento su Galati 6,14
Quanto a me non ci sia altro vanto che nella Croce del Signore Gesù Cristo. Gal 6,14 Come vivere questa Parola? Non solo perché è patrono d'Italia, ma perché è un Santo che, lungo i secoli, ha esercitato una forte attrattiva su uomini e donne di ogni tipo di società, Francesco D'Assisi è un Santo ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-10-2011)
Commento su Lettera ai Galati 6,14
"Quanto a me non ci sia altro vanto che nella croce del Signore nostro Gesù Cristo, per mezzo della quale il mondo per me è stato crocifisso, come io per il mondo". Gal 6,14 Come vivere questa Parola? In questa celebrazione del santo che ad Assisi, da spensierato riccone gaudente si spoglia di tu ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-10-2011)
Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra
Il brano del Vangelo di questo giorno è il Magnificat di Gesù al Padre suo che è nei cieli. Leggiamo prima il Magnificat della Vergine Maria e poi mettiamoli in confronto in modo da cogliere la diversità e specificità dell'opera compiuta da Dio in Maria e in Gesù Signore. Il cuore loda e benedice Di ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-10-2010)
Imparate da me, che sono mite e umile di cuore
Il cristiano ha un solo modello da imitare: Cristo Gesù. Per lui Gesù è Maestro, Modello, Esempio, Guida, che mai tramonta, mai viene meno, mai invecchia, mai perde il suo valore, mai potrà essere classificato come appartenete ad un passato che non ci appartiene più. Tutti gli altri sono da imitare ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 04-10-2008)

Che bello, oggi, poter celebrare la festa di san Francesco, patrono d'Italia, onorato dai fratelli ortodossi col titolo di "somigliantissimo a Cristo". Pregare con lui, sentirlo vicino, ci fa sospirare e desiderare la santità... Frate Franesco piccolino è stato scelto come patrono della nostra po ...
(continua)