LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 27 Aprile 2017 <

Martedì 25 Aprile 2017

Mercoledì 26 Aprile 2017

Giovedì 27 Aprile 2017

Venerdì 28 Aprile 2017

Sabato 29 Aprile 2017

Domenica 30 Aprile 2017

Lunedì 1 Maggio 2017

Martedì 2 Maggio 2017

Mercoledì 3 Maggio 2017

Giovedì 4 Maggio 2017


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Giovedì della II settimana di Pasqua

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Bianco
EP024 ;
San Giovanni vede le relazioni tra il cielo e la terra in modo più chiaro rispetto agli altri evangelisti che hanno scritto prima di lui. Per rappresentarle, egli utilizza nuovi modelli di linguaggio. Questi parlano di un mondo in alto: l’aldilà, dove abita Dio. E di un mondo in basso: quaggiù, dove vivono gli uomini. San Giovanni lo sa: Gesù è il Figlio di Dio. È sempre stato vicino a suo Padre, e sarà in eterno vicino a lui.
È sceso sulla terra in un momento della storia. La sua morte sulla croce rappresenta una nuova elevazione. Da un punto di vista puramente umano, la croce è la sconfitta definitiva di Gesù; la sua morte è il fallimento di tutti i suoi progetti terreni. Dal punto di vista di Dio, la croce di Gesù rappresenta la vittoria di Dio sul mondo e significa la nostra salvezza. Se noi crediamo in Gesù, Figlio di Dio, abbiamo già la vita eterna. Gesù è il germe della speranza attraverso il quale Dio agisce nel mondo. Dio è diventato un altro, si è fatto uomo. Quindi anch’io posso diventare un altro: ho la fortuna di diventare un uomo, un essere umano in un mondo inumano.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Quando avanzavi, o Dio, davanti al tuo popolo,
e ad essi aprivi la via e abitavi con loro,
la terra tremò e stillarono i cieli. Alleluia. (cf. Sal 68,8-9.20)


Colletta
Donaci, Padre misericordioso,
di rendere presente in ogni momento della vita
la fecondità della Pasqua, che si attua nei tuoi misteri.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

At 5,27-33
Di questi fatti siamo testimoni noi e lo Spirito Santo.

Dagli Atti degli Apostoli

In quei giorni, [il comandante e gli inservienti] condussero gli apostoli e li presentarono nel sinedrio; il sommo sacerdote li interrogò dicendo: «Non vi avevamo espressamente proibito di insegnare in questo nome? Ed ecco, avete riempito Gerusalemme del vostro insegnamento e volete far ricadere su di noi il sangue di quest’uomo».
Rispose allora Pietro insieme agli apostoli: «Bisogna obbedire a Dio invece che agli uomini. Il Dio dei nostri padri ha risuscitato Gesù, che voi avete ucciso appendendolo a una croce. Dio lo ha innalzato alla sua destra come capo e salvatore, per dare a Israele conversione e perdono dei peccati. E di questi fatti siamo testimoni noi e lo Spirito Santo, che Dio ha dato a quelli che gli obbediscono».
All’udire queste cose essi si infuriarono e volevano metterli a morte.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 33

Ascolta, Signore, il grido del povero.

Benedirò il Signore in ogni tempo,
sulla mia bocca sempre la sua lode.
Gustate e vedete com’è buono il Signore;
beato l’uomo che in lui si rifugia.

Il volto del Signore contro i malfattori,
per eliminarne dalla terra il ricordo.
Gridano i giusti e il Signore li ascolta,
li libera da tutte le loro angosce.

Il Signore è vicino a chi ha il cuore spezzato,
egli salva gli spiriti affranti.
Molti sono i mali del giusto,
ma da tutti lo libera il Signore.

Canto al Vangelo (Gv 20,29)
Alleluia, alleluia.
Perché mi hai veduto, Tommaso, tu hai creduto;
beati quelli che non hanno visto e hanno creduto.
Alleluia.

>

Vangelo

Gv 3,31-36
Il Padre ama il Figlio e gli ha dato in mano ogni cosa.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

Chi viene dall’alto è al di sopra di tutti; ma chi viene dalla terra, appartiene alla terra e parla secondo la terra. Chi viene dal cielo è al di sopra di tutti. Egli attesta ciò che ha visto e udito, eppure nessuno accetta la sua testimonianza. Chi ne accetta la testimonianza, conferma che Dio è veritiero. Colui infatti che Dio ha mandato dice le parole di Dio: senza misura egli dà lo Spirito.
Il Padre ama il Figlio e gli ha dato in mano ogni cosa. Chi crede nel Figlio ha la vita eterna; chi non obbedisce al Figlio non vedrà la vita, ma l’ira di Dio rimane su di lui.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
L'amore del Padre, che ha dato in mano ogni cosa al Figlio per renderlo testimone della sua Parola, ci è comunicato già nella professione di fede pasquale. Così preghiamo con fiducia:
Ravviva la nostra fede, Dio di amore.

- Per tutti i credenti in Cristo, perchè la loro fede sia una vera testimonianza dell'amore del Padre per il Figlio e del dono del suo Spirito. Preghiamo.
- Per coloro che aderiscono a religioni monoteistiche, perchè la luce dello Spirito apra il loro cuore a riconoscere l'unico rivelatore di Dio nel suo Figlio incarnato. Preghiamo.
- Per le giovani generazioni tentate di indifferenza religiosa o di apostasia, perchè sappiano rivolgersi a colui che Dio ha mandato. Preghiamo.
- Per la nostra comunità, perchè traduca in opere la sua fede e, spezzando il pane dell'eucaristia, impari a condividere anche il pane terreno con chi è nell'indigenza e nel dolore. Preghiamo.
- Per noi qui presenti, perchè sappiamo alimentare ogni giorno la nostra fede in Cristo come rapporto di amore verso il Padre e come accoglienza dello Spirito senza misura. Preghiamo.
- Per coloro che esercitano il ministero del diaconato. Preghiamo.
- Per chi non ha nessuno che gli parla di Dio. Preghiamo.

O Dio misericordioso, che ci hai reso partecipi della testimonianza divina donataci dal tuo Figlio, affidandogli le tue stesse parole: Fa' che la nostra fede diventi ogni giorno più feconda per la vita eterna. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
Accogli, Signore,
l’offerta del nostro sacrificio,
perché, rinnovati nello spirito,
possiamo rispondere sempre meglio
all’opera della tua redenzione.
Per Cristo nostro Signore.

Oppure:
O Padre, che nell’unico sacrificio del tuo Figlio
ti sei acquistato un popolo di adozione,
concedi e custodisci sempre nella tua Chiesa
i doni dell’unità e della pace.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO PASQUALE II
La nuova vita in Cristo

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
proclamare sempre la tua gloria, o Signore,
e soprattutto esaltarti in questo tempo
nel quale Cristo, nostra Pasqua, si è immolato.
Per mezzo di lui rinascono a vita nuova i figli della luce,
e si aprono ai credenti le porte del regno dei cieli.
In lui morto è redenta la nostra morte,
in lui risorto tutta la vita risorge.
Per questo mistero, nella pienezza della gioia pasquale,
l’umanità esulta su tutta la terra,
e con l’assemblea degli angeli e dei santi
canta l’inno della tua gloria: Santo...


Antifona di comunione
“Ecco, io sono con voi tutti i giorni
sino alla fine del mondo”. Alleluia. (Mt 28,20)

Oppure:
Colui che Dio ha mandato,
annunzia le parole di Dio
e dà lo Spirito senza misura. Alleluia. (Gv 3,34)


Preghiera dopo la comunione
O Dio grande e misericordioso,
che nel Signore risorto
riporti l’umanità alla speranza eterna,
accresci in noi l’efficacia del mistero pasquale
con la forza di questo sacramento di salvezza.
Per Cristo nostro Signore.

Oppure:
Guarda, o Padre, i tuoi fedeli,
che hai nutrito di Cristo, pane vivo,
perché, con la luce della fede e con la forza della carità,
costruiscano e allietino la tua Chiesa.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 27-04-2017)
Commento su Gv. 3, 35-36
Il Padre ama il Figlio e gli ha dato in mano ogni cosa. Chi crede nel Figlio ha la vita eterna; chi non obbedisce al Figlio non vedrà la vita, ma l'ira di Dio rimane su di lui. Gv. 3, 35-36 Come vivere questa Parola? Gesù è venuto per rendere testimonianza al Padre perché lui e Dio sono una cosa ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 07-04-2016)
Commento su Gv 3,34
«Colui infatti che Dio ha mandato dice le parole di Dio: senza misura egli dà lo Spirito». Gv 3,34 Come vivere questa Parola? Colui che Dio Padre ha mandato è il Suo Figlio Unigenito: Gesù. Qui è Lui che parlando a Nicodemo, profondamente incline a cercare la Verità, proprio conoscendolo in quest ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 07-04-2016)
Chi crede nel Figlio ha la vita eterna
Crede nel Figlio chi diviene di Dio, del Padre, nel Figlio come il Figlio. Crede nel Figlio chi nel Figlio si lascia fare dal Padre olocausto di amore, salvezza, redenzione per ogni suo figlio, che ancora è lontano dalla sua casa. La fede nel Figlio non è una professione nelle verità. Credere non è ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 16-04-2015)
Chi viene dall'alto è al di sopra di tutti
Il Vangelo secondo Giovanni opera una finissima distinzione, una sottilissima differenza, una invisibilissima origine che riguarda Gesù. Lui viene dal Cielo, viene da lassù, discende dall'alto, proviene dall'eternità, scaturisce dal seno del Padre, ha origini eterne, divine. Tutti gli altri sono dal ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 16-04-2015)
Commento su At 5, 29-33
«Rispose allora Pietro insieme agli apostoli: "Bisogna obbedire a Dio invece che agli uomini. Il Dio dei nostri padri ha risuscitato Gesù, che voi avete ucciso appendendolo a una croce. Dio lo ha innalzato alla sua destra come capo e salvatore... E di questi fatti siamo testimoni noi e lo Spirito Sa ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 11-04-2013)
Commento su Gv 3,31-36
Gesù racconta ad uno spaesato Nicodemo il cuore del suo messaggio: egli è venuto per rendere testimonianza al Padre perché lui e Dio sono una cosa sola. Gesù vuole smontare l'idea approssimativa di Dio che l'uomo si è fatta, ma anche l'idea a volte zoppicante che ne ha Israele. Dio non è uno che ti ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 11-04-2013)
Senza misura egli dà lo Spirito
"Senza misura egli dà lo Spirito". Comprenderemo questa affermazione del Vangelo secondo Giovanni, se ci lasceremo aiutare da qualche brano dell'Antico Testamento. Allora i Filistei vennero, si accamparono in Giuda e fecero una scorreria fino a Lechì. Gli uomini di Giuda dissero loro: «Perché sie ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 11-04-2013)
Commento su Atti 5,30-32
Il Dio dei nostri padri ha risuscitato Gesù, che voi avete ucciso appendendolo a una croce. Dio lo ha innalzato alla sua destra come capo e salvatore, per dare a Israele conversione e perdono dei peccati. E di questi fatti siamo testimoni noi e lo Spirito Santo, che Dio ha dato a quelli che gli obbe ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 19-04-2012)
Commento su Giovanni 3,31-36
È esplicito, Gesù: non abbiamo scuse, ora che egli è venuto in mezzo a noi. Non c'è nessun altro Messia da aspettare, nessun altro che debba o possa raccontarci chi sia veramente Dio. È lui, il figlio, che ci parla del Padre, che ci svela, finalmente, il vero volto di Dio. E noi, che idea di Dio abb ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 19-04-2012)
Commento su Giovanni 3,34
Colui infatti che Dio ha mandato dice le parole di Dio: senza misura egli dà lo Spirito. Gv 3,34 Come vivere questa parola? Dopo il colloquio di Gesù con Nicodemo intorno alla necessità di una nuova nascita dallo Spirito e l'accoglienza di Gesù come dono di amore del Padre, l'evangelista evidenzi ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 19-04-2012)
Senza misura egli dà lo Spirito
Sansone viene solamente investito dallo Spirito del Signore e con una mascella d'asino mette fuori combattimento mille uomini: "Tremila uomini di Giuda scesero alla caverna della rupe di Etam e dissero a Sansone: «Non sai che i Filistei dominano su di noi? Che cosa ci hai fatto?». Egli rispose loro: ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 05-05-2011)
Il Padre ama il Figlio e gli ha dato in mano ogni cosa
Gesù Cristo viene dal cielo: è il Figlio di Dio che si è fatto carne. La sua venuta è un atto d'amore; l'amore l'ha ispirata, un amore che tende alla vita. Da lui è annunziata la parola di Dio ed è elargito lo Spirito Santo. Inaudito paradosso: un libero e disinteressato amore per l'umanità in rovin ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 05-05-2011)
Senza misura egli dà lo Spirito
Il capitolo terzo del Vangelo secondo Giovanni si chiude con l'attestazione della differenza sostanziale e non soltanto di missione che vi è tra Cristo Gesù e Giovanni il Battista. È lo stesso Precursore che ce la rivela: "Dopo queste cose, Gesù andò con i suoi discepoli nella regione della Giudea, ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 05-05-2011)
Commento su Atti 5,32
Dalla Parola del giorno Di questi fatti siamo testimoni noi e lo Spirito Santo, che Dio ha dato a quelli che gli obbediscono. Come vivere questa Parola? Gli apostoli sono convocati dinanzi al sinedrio con l'accusa di proclamare con franchezza la pa-rola di Dio, indicando in Gesù il Messia prome ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 23-04-2009)

Gesù proferisce le parole di Dio e dona lo Spirito senza misura. A conclusione del lungo colloquio notturno con Nicodemo, dottore della legge, dopo averlo invitato a superare i propri steccati mentali e a rinascere dall'alto, uscendo dal pantano dottrinale in cui si è infilato, superando le proprie ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 03-04-2008)

Gesù svela a Nicodemo, chiamato a conversione, la sua vera identità. Gesù è stato mandato dal Padre e proferisce le parole di Dio e dona lo Spirito senza misura. Chi crede a questa parola, dice il Rabbì, vive la vita eterna, la possiede. Noi non crediamo in Dio, crediamo nel Dio di Gesù Cristo. Noi ...
(continua)