LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 26 Aprile 2017 <

Lunedì 24 Aprile 2017

Martedì 25 Aprile 2017

Mercoledì 26 Aprile 2017

Giovedì 27 Aprile 2017

Venerdì 28 Aprile 2017

Sabato 29 Aprile 2017

Domenica 30 Aprile 2017

Lunedì 1 Maggio 2017

Martedì 2 Maggio 2017

Mercoledì 3 Maggio 2017


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Mercoledì della II settimana di Pasqua

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Bianco
EP023 ;
Il Dio di cui parla il nostro testo di oggi non ha niente di comune con gli antichi dei. Dio ha effettivamente amato il mondo. E non solamente il mondo ebraico, ma tutto il mondo. In san Giovanni, il concetto di “mondo” ingloba l’insieme delle creature. L’amore di Dio si è quindi giustamente rivolto verso coloro che non appaiono in nulla come membri della sua comunità. Tra di loro, ci sono anche quegli uomini che resistono al bene. È il mondo nella sua completa secolarizzazione, tale quale lo si può osservare oggi. Ed è certo anche il mondo del tempo di Gesù, con le sue implicazioni morali, politiche e religiose, un mondo che allontana Gesù dalla sua sfera di influenza, perché non sopporta che Dio si impicci dei suoi affari. San Giovanni dice che Dio ha amato molto tutti coloro che facevano il male. Dio non si limita quindi a rendere migliori coloro che sono già buoni. Dio non prende le distanze nei confronti del male. Non osserva dall’alto tutte le cose così poco appetitose che sono nel mondo. Dio entra nel mondo cattivo e lo trasforma con la sua Luce!
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Ti loderò, Signore, fra tutti i popoli,
ai miei fratelli annunzierò il tuo nome. Alleluia. (Sal 18,50; 22,23)


Colletta
O Padre, che nella Pasqua del tuo Figlio
hai ristabilito l’uomo nella dignità perduta
e gli hai dato la speranza della risurrezione,
fa’ che accogliamo e viviamo nell’amore
il mistero celebrato ogni anno nella fede.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

At 5,17-26
Ecco, gli uomini che avete messo in carcere si trovano nel tempio a insegnare al popolo.

Dagli Atti degli Apostoli

In quei giorni, si levò il sommo sacerdote con tutti quelli della sua parte, cioè la setta dei sadducèi, pieni di gelosia, e, presi gli apostoli, li gettarono nella prigione pubblica.
Ma, durante la notte, un angelo del Signore aprì le porte del carcere, li condusse fuori e disse: «Andate e proclamate al popolo, nel tempio, tutte queste parole di vita». Udito questo, entrarono nel tempio sul far del giorno e si misero a insegnare.
Quando arrivò il sommo sacerdote con quelli della sua parte, convocarono il sinedrio, cioè tutto il senato dei figli d’Israele; mandarono quindi a prelevare gli apostoli nella prigione. Ma gli inservienti, giunti sul posto, non li trovarono nel carcere e tornarono a riferire: «Abbiamo trovato la prigione scrupolosamente sbarrata e le guardie che stavano davanti alle porte, ma, quando abbiamo aperto, non vi abbiamo trovato nessuno».
Udite queste parole, il comandante delle guardie del tempio e i capi dei sacerdoti si domandavano perplessi a loro riguardo che cosa fosse successo. In quel momento arrivò un tale a riferire loro: «Ecco, gli uomini che avete messo in carcere si trovano nel tempio a insegnare al popolo».
Allora il comandante uscì con gli inservienti e li condusse via, ma senza violenza, per timore di essere lapidati dal popolo.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 33

Il povero grida e il Signore lo ascolta.

Benedirò il Signore in ogni tempo,
sulla mia bocca sempre la sua lode.
Io mi glorio nel Signore:
i poveri ascoltino e si rallegrino.

Magnificate con me il Signore,
esaltiamo insieme il suo nome.
Ho cercato il Signore: mi ha risposto
e da ogni mia paura mi ha liberato.

Guardate a lui e sarete raggianti,
i vostri volti non dovranno arrossire.
Questo povero grida e il Signore lo ascolta,
lo salva da tutte le sue angosce.

L’angelo del Signore si accampa
attorno a quelli che lo temono, e li libera.
Gustate e vedete com’è buono il Signore;
beato l’uomo che in lui si rifugia.

Canto al Vangelo (Gv 3,16)
Alleluia, alleluia.
Dio ha tanto amato il mondo
da dare il Figlio unigenito,
perché chiunque crede in lui non vada perduto,
ma abbia la vita eterna.
Alleluia.

>

Vangelo

Gv 3,16-21
Dio ha mandato il Figlio nel mondo, perché il mondo sia salvato per mezzo di lui.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio.
E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno amato più le tenebre che la luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce, e non viene alla luce perché le sue opere non vengano riprovate. Invece chi fa la verità viene verso la luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Il Cristo è la grande luce che ci rivela l'amore del Padre per gli uomini e ci provoca ad un giudizio di verità sul nostro agire. Rivolgiamoci al Padre dicendo:
Per il tuo amore per Cristo, salvaci, Dio nostro.

- Ti preghiamo, Padre, per i cristiani perseguitati, per le vittime di ogni ingiustizia e invidia umana: per la tua forza siano fedeli alla loro fede e alla loro coscienza. Preghiamo.
- Ti preghiamo per coloro che hanno di te l'idea errata di giudice vendicatore: scoprano che tu sei Padre e che ci hai tanto amato da consegnare Cristo tuo figlio per la vita del mondo. Preghiamo.
- Ti preghiamo per tutti i credenti: comprendano che Cristo è giudizio luminoso dell'autenticità e del valore delle loro opere. Preghiamo.
- Ti preghiamo per quanti sono preposti ai mezzi di comunicazione sociale: siano sempre umili cercatori e servitori della verità. Preghiamo.
- Ti preghiamo per noi, che chiami a compiere la verità con opere disinteressate e trasparenti: ci sentiamo sempre più responsabili di questa nostra vocazione. Preghiamo.
- Per i nostri defunti. Preghiamo.

O Signore Gesù, che ci chiami a fare ogni giorno la scelta fra la luce e le tenebre, Fa' che le nostre opere siano compiute in Dio con quella fedeltà alla verità che sei tu stesso, Sapienza eterna del Padre, che vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen.

Preghiera sulle offerte
O Dio, che in questo misterioso scambio di doni
ci fai partecipare alla comunione con te,
unico e sommo bene, concedi che la luce della tua verità
sia testimoniata dalla nostra vita.
Per Cristo nostro Signore.

Oppure:
O Padre, che ci hai configurato a Cristo Signore
e ci hai inseriti nel tuo popolo sacerdotale,
accogli l’offerta della nostra vita
in unione al sacrificio della tua Chiesa.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO PASQUALE II
La nuova vita in Cristo

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
proclamare sempre la tua gloria, o Signore,
e soprattutto esaltarti in questo tempo
nel quale Cristo, nostra Pasqua, si è immolato.
Per mezzo di lui rinascono a vita nuova i figli della luce,
e si aprono ai credenti le porte del regno dei cieli.
In lui morto è redenta la nostra morte,
in lui risorto tutta la vita risorge.
Per questo mistero, nella pienezza della gioia pasquale,
l’umanità esulta su tutta la terra,
e con l’assemblea degli angeli e dei santi
canta l’inno della tua gloria: Santo...


Antifona di comunione
Dice il Signore:
“Io vi ho scelto dal mondo e vi ho costituiti
perché andiate e portiate frutto,
e il vostro frutto rimanga”. Alleluia. (cf. Gv 15,16.19)

Oppure:
“La luce è venuta nel mondo.
Chi opera la verità viene alla luce”. Alleluia. (Gv 3,19.21)


Preghiera dopo la comunione
Assisti il tuo popolo, Dio onnipotente,
e poiché lo hai colmato della grazia di questi santi misteri,
donagli di passare dalla nativa fragilità umana
alla vita nuova nel Cristo risorto.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

Oppure:
O Dio, nostro Padre,
che ci hai accolti alla mensa del tuo Figlio,
donaci di crescere nella comunione del tuo Spirito
in santa fraternità,
perché giungiamo alla pienezza del Corpo di Cristo.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 26-04-2017)
Commento su Gv 3, 19-21
"E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno amato più le tenebre che la luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce, e non viene alla luce perché le sue opere non vengano riprovate. Invece chi fa la verità viene verso la luce, per ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 06-04-2016)
Commento su Gv 3,17
«Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui». Gv 3,17 Come vivere questa Parola? La parola "mondo" è usata qui per indicare l'umanità tutta intera. In un altro brano biblico leggiamo che Dio ha talmente amato il mondo ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 06-04-2016)
Chi non crede è già stato condannato
Ad un fariseo, di notte, lontano da ogni occhio indiscreto, Gesù rivela la più alta verità di se stesso e del Padre. Rivela quanto grande è l'amore del Padre e anche quanto sofferto dovrà essere il suo amore per la redenzione del mondo. Il Padre ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio Unigenit ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15-04-2015)
Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito
Nell'Antica Scrittura la fede e l'amore più grandi sono stati senza alcun dubbio quelli di Abramo. A lui il Signore ha chiesto il suo unigenito ed Abramo andò sul monte per fargliene un olocausto. Per questo lui è padre nella fede e modello perfetto di obbedienza, amore, speranza. Il Siracide e la L ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 15-04-2015)
Commento su Gv 3, 16-17; 19-21
«Gesù disse a Nicodèmo: "Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. [...]. E il giudizio è ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 30-04-2014)
Gli uomini hanno amato più le tenebre che la luce
Quanto è grande la misericordia di Dio? Se leggiamo il Salmo possediamo una verità assai piccola, scarsa, poca. Dio è misericordioso perché ha fatto il bene al suo popolo. Rendete grazie al Signore perché è buono, perché il suo amore è per sempre. Rendete grazie al Dio degli dèi, perché il suo amor ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 30-04-2014)
Commento su At 5, 25
"Ecco, gli uomini che avete messo in carcere si trovano nel tempio a insegnare al popolo". At 5, 25 Come vivere questa Parola? Questo connubio nuovo tra Spirito Santo e uomini di Gesù, crea ai governanti religiosi e civili della Palestina di duemila anni fa, non pochi problemi. Mettono in prigio ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 10-04-2013)
Commento su Gv 3,16-21
Dio ha talmente amato il mondo da mandare suo figlio a salvare il mondo. Questa affermazione di Gesù raccolta da un tentennante Nicodemo, capo dei farisei, e riconsegnata ai discepoli, diventa la chiave di lettura del progetto divino sull'umanità. Il nostro Dio ama e salva, desidera la nostra felici ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 10-04-2013)
Chiunque fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere
I ladri agiscono di notte, gli stupratori in luoghi appartati, gli assassini lontani dalle telecamere di sorveglianza perché sanno che stanno compiendo azioni malvagie e non vogliono essere visti. Quando qualche scafista o spacciatore viene intervistato in tv da giornalisti in cerca del servizio sul ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 10-04-2013)
Chi fa la verità viene verso la luce
Dire, profetizzare, annunziare, proclamare, predicare la verità: sono queste le vie attraverso cui nell'Antico Testamento la volontà di Dio veniva data al suo popolo. Il Libro del Siracide invita a non contrastare, ma a lottare per la verità fino alla morte: "Non contrastare la verità, ma arrossisci ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 10-04-2013)
Commento su Atti 5,20
"Andate e proclamate al popolo, nel tempio, tutte queste parole di vita" At 5,20 Come vivere questa Parola? La Parola di Dio sta facendosi faticosamente strada tra l'ostilità dei capi giudei e il favore del popolo. Si cerca di far tacere le voci scomode degli apostoli con le minacce, la prigione ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 18-04-2012)
Commento su Giovanni 3,16-21
Ecco quello che deve fare Nicodemo, rinascendo dall'alto: riconoscere che Gesù rivela il vero volto di Dio. La Pasqua manifesta chi è Gesù: non un grande uomo, non un uomo particolarmente sensibile o spirituale, ma il vero rivelatore di Dio perché lui e il Padre sono una cosa sola. Tutti abbiamo un' ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 18-04-2012)
Commento su Giovanni 3,16
Gesù disse a Nicodemo: Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Gv 3,16 Come vivere questa parola? Il dialogo fra Gesù e Nicodemo raggiunge un punto culminante: la rivelazione del Padre che per amore dell'uomo ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 18-04-2012)
Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito
Il Signore mette alla prova Abramo e gli chiede il figlio in sacrificio: "Dopo queste cose, Dio mise alla prova Abramo e gli disse: «Abramo!». Rispose: «Eccomi!». Riprese: «Prendi tuo figlio, il tuo unigenito che ami, Isacco, va' nel territorio di Mòria e offrilo in olocausto su di un monte che io t ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-05-2011)
Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito
Quanto è grande l'amore di Dio per l'uomo? È grande più di ogni altro amore esistente sulla nostra terra. Tutto l'amore dell'universo, in confronto all'amore di Dio, è un nulla. È un niente perché è un amore offerto da un cuore finito, da una creatura finita, da un universo limitato. Il limite finit ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-05-2011)
Commento su Giovanni 3,17-18
Dalla Parola del giorno Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell'unigenito Figlio di Dio. Come vivere questa Pa ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 22-04-2009)

Esiste una visione demoniaca di Dio, una visione spontanea, inconscia, che ci fa intuire l'esistenza e la presenza di Dio ma che, troppo spesso, si coniuga anche con le nostre paure e le nostre inquietudini. Dio c'è, d'accordo, ma è incomprensibile, bizzarro, lunatico. Potrebbe rendermi felice, ma n ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 02-04-2008)

Dio ha talmente amato il mondo da mandare il suo Figlio a salvare questo mondo, a svelare il suo vero volto di Padre. Dio ha talmente amato il mondo da desiderare profondamente di salvarlo, di redimerlo, di portarlo a pienezza. Questo è Dio, il Dio che Gesù è venuto a raccontare, il Dio che Giovanni ...
(continua)