LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 22 Aprile 2017 <

Giovedì 20 Aprile 2017

Venerdì 21 Aprile 2017

Sabato 22 Aprile 2017

Domenica 23 Aprile 2017

Lunedì 24 Aprile 2017

Martedì 25 Aprile 2017

Mercoledì 26 Aprile 2017

Giovedì 27 Aprile 2017

Venerdì 28 Aprile 2017

Sabato 29 Aprile 2017


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Sabato fra l'Ottava di Pasqua

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Bianco
EP016 ;
Il Vangelo di san Marco termina con una catechesi sulla fiducia che meritano gli undici apostoli, la cui testimonianza è il fondamento della fede della Chiesa: Gesù stesso li ha chiamati per andare dalla Galilea a Gerusalemme.
Dopo il Venerdì santo, delusi e senza speranza, restano in città. Maria di Magdala che - secondo questo racconto, che fa fede - è stata la prima alla quale il Signore è apparso, spiega loro di che cosa l’ha incaricata il Cristo risuscitato. I due discepoli che il Signore accompagna lungo il cammino verso Emmaus rientrano a Gerusalemme. Tuttavia, essi non li ascoltano, né credono loro. Né la testimonianza della donna, né quella dei due discepoli fa uscire gli apostoli dalla loro afflizione e dai loro lamenti.
È soltanto quando Gesù stesso è vicino a loro e rimprovera loro la mancanza di fiducia nella parola dei suoi testimoni, che i loro cuori e i loro occhi si aprono.
Vedendolo, capiscono che il vangelo di Dio che Gesù aveva predicato, e che diventa la loro missione, ha un avvenire senza fine. Capiscono che la loro missione comprende “il mondo intero” e “la creazione intera”, tutta la comunità dei viventi.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Il Signore ha liberato il suo popolo
e gli ha dato esultanza;
ha colmato di gioia i suoi eletti. Alleluia. (Sal 105,43)


Colletta
O Padre, che nella tua immensa bontà
estendi a tutti i popoli il dono della fede,
guarda i tuoi figli di elezione,
perché coloro che sono rinati nel Battesimo
ricevano la veste candida della vita immortale.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

At 4,13-21
Non possiamo tacere quello che abbiamo visto e ascoltato.

Dagli Atti degli Apostoli

In quei giorni, i capi, gli anziani e gli scribi, vedendo la franchezza di Pietro e di Giovanni e rendendosi conto che erano persone semplici e senza istruzione, rimanevano stupiti e li riconoscevano come quelli che erano stati con Gesù. Vedendo poi in piedi, vicino a loro, l’uomo che era stato guarito, non sapevano che cosa replicare.
Li fecero uscire dal sinedrio e si misero a consultarsi fra loro dicendo: «Che cosa dobbiamo fare a questi uomini? Un segno evidente è avvenuto per opera loro; esso è diventato talmente noto a tutti gli abitanti di Gerusalemme che non possiamo negarlo. Ma perché non si divulghi maggiormente tra il popolo, proibiamo loro con minacce di parlare ancora ad alcuno in quel nome».
Li richiamarono e ordinarono loro di non parlare in alcun modo né di insegnare nel nome di Gesù. Ma Pietro e Giovanni replicarono: «Se sia giusto dinanzi a Dio obbedire a voi invece che a Dio, giudicatelo voi. Noi non possiamo tacere quello che abbiamo visto e ascoltato».
Quelli allora, dopo averli ulteriormente minacciati, non trovando in che modo poterli punire, li lasciarono andare a causa del popolo, perché tutti glorificavano Dio per l’accaduto.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 117

Ti rendo grazie, Signore, perché mi hai risposto.

Rendete grazie al Signore perché è buono,
perché il suo amore è per sempre.
Mia forza e mio canto è il Signore,
egli è stato la mia salvezza.
Grida di giubilo e di vittoria nelle tende dei giusti:
la destra del Signore ha fatto prodezze.

La destra del Signore si è innalzata,
la destra del Signore ha fatto prodezze.
Non morirò, ma resterò in vita
e annuncerò le opere del Signore.
Il Signore mi ha castigato duramente,
ma non mi ha consegnato alla morte.

Apritemi le porte della giustizia:
vi entrerò per ringraziare il Signore.
È questa la porta del Signore:
per essa entrano i giusti.
Ti rendo grazie, perché mi hai risposto,
perché sei stato la mia salvezza.

Sequenza
[Facoltativa]

Alla vittima pasquale,
s’innalzi oggi il sacrificio di lode.
L’Agnello ha redento il suo gregge,
l’Innocente ha riconciliato
noi peccatori col Padre.

Morte e Vita si sono affrontate
in un prodigioso duello.
Il Signore della vita era morto;
ma ora, vivo, trionfa.

«Raccontaci, Maria:
che hai visto sulla via?».
«La tomba del Cristo vivente,
la gloria del Cristo risorto,
e gli angeli suoi testimoni,
il sudario e le sue vesti.
Cristo, mia speranza, è risorto:
precede i suoi in Galilea».

Sì, ne siamo certi:
Cristo è davvero risorto.
Tu, Re vittorioso,
abbi pietà di noi.

Canto al Vangelo (Sal 117,24)
Alleluia, alleluia.
Questo è il giorno fatto dal Signore:
rallegriamoci ed esultiamo.
Alleluia.

>

Vangelo

Mc 16,9-15
Andate in tutto il mondo e proclamate il vangelo.


+ Dal Vangelo secondo Marco

Risorto al mattino, il primo giorno dopo il sabato, Gesù apparve prima a Maria di Màgdala, dalla quale aveva scacciato sette demòni. Questa andò ad annunciarlo a quanti erano stati con lui ed erano in lutto e in pianto. Ma essi, udito che era vivo e che era stato visto da lei, non credettero.
Dopo questo, apparve sotto altro aspetto a due di loro, mentre erano in cammino verso la campagna. Anch’essi ritornarono ad annunciarlo agli altri; ma non credettero neppure a loro.
Alla fine apparve anche agli Undici, mentre erano a tavola, e li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore, perché non avevano creduto a quelli che lo avevano visto risorto. E disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
La sicurezza e il coraggio della testimonianza della fede sono frutto della grazia del Risorto, accolta con docilità umile e obbediente. Preghiamo insieme e diciamo:
Infondi coraggio alla nostra fede, o Signore.

- Per la Chiesa, perchè i successori degli apostoli, che hanno ricevuto la missione di annunciare il vangelo, siano sempre docili alla potenza dello Spirito del Risorto. Preghiamo.
- Per gli uomini di governo, perchè prendano decisioni conformi ai disegni di Dio e servano veramente la persona umana. Preghiamo.
- Per tutti gli uomini a cui Cristo invia i suoi missionari, perchè sappiano riconoscere i veri apostoli del Risorto, distinti da qualunque altro messaggio di dottrina religiosa o di propaganda ideologica. Preghiamo.
- Per coloro che sono tentati di silenzio, di rispetto umano, di fronte alle persecuzioni attuali della fede cristiana, perchè lo Spirito li sostenga col coraggio e con la franchezza propria dell'esperienza del Risorto. Preghiamo.
- Per noi qui presenti, perchè sappiamo attingere dalla comunione eucaristica la forza necessaria per l'annuncio missionario della nostra fede. Preghiamo.
- Per quanti nella parrocchia non credono più in Dio. Preghiamo.

Signore, tu conosci la nostra durezza di cuore che spesso si traduce in incredulità o indifferenza; fa' che la luce della fede pasquale ci illumini e riscaldi, fino a spingerci alla diffusione coraggiosa del tuo vangelo. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
O Dio, che in questi santi misteri
compi l’opera della nostra redenzione,
fa’ che questa celebrazione pasquale
sia per noi fonte di perenne letizia.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO PASQUALE I
Cristo agnello pasquale

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
proclamare sempre la tua gloria, o Signore,
e soprattutto esaltarti in questo giorno
nel quale Cristo, nostra Pasqua, si è immolato.
È lui il vero Agnello
che ha tolto i peccati del mondo,
è lui che morendo ha distrutto la morte
e risorgendo ha ridato a noi la vita.
Per questo mistero,
nella pienezza della gioia pasquale,
l’umanità esulta su tutta la terra,
e con l’assemblea degli angeli e dei santi
canta l’inno della tua gloria: Santo...


Antifona di comunione
Voi tutti che siete stati battezzati in Cristo,
di Cristo vi siete rivestiti. Alleluia. (Gal 2, 37)

Oppure:
“Andate in tutto il mondo,
predicate il Vangelo a ogni creatura”. Alleluia. (Mc 16,15)


Preghiera dopo la comunione
Guarda con bontà, o Signore, il tuo popolo,
che hai rinnovato con i sacramenti pasquali,
e guidalo alla gloria incorruttibile della risurrezione.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 22-04-2017)
Commento su Mc 16, 9-15
«Risorto al mattino, il primo giorno dopo il sabato, Gesù apparve prima a Maria di Màgdala, dalla quale aveva scacciato sette demòni. Questa andò ad annunciarlo a quanti erano stati con lui ed erano in lutto e in pianto. Ma essi, udito che era vivo e che era stato visto da lei, non credettero. Dopo ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 02-04-2016)
Li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore
La non fede dei discepoli nella risurrezione di Gesù, in quel contesto storico, è più necessaria della stessa fede. Se avessero creduto all'istante, tutti avrebbero potuto pensare ad una suggestione di massa. Uno porta la notizia e tutti si lasciano influenzare da lui. Non credendo, i discepoli atte ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 02-04-2016)
Commento su Mc 16,9-15
«Alla fine apparve agli Undici, mentre stavano a mensa e li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore, perché non avevano creduto a quelli che lo avevano visto risuscitato. Gesù disse: "Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo ad ogni creatura». Mc 16,9-15 Come vivere questa Par ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 11-04-2015)
Commento su Mc 16, 10
"Questa andò ad annunciarlo a quanti erano stati con lui ed erano in lutto e in pianto. Ma essi, udito che era vivo e che era stato visto da lei, non credettero." Mc 16, 10 Come vivere questa Parola? Questa settimana di Pasqua si chiude con le apparizioni del Risorto raccontate da Marco evangeli ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 11-04-2015)
Non avevano creduto a quelli che lo avevano visto risorto
Gesù non rimprovera i suoi discepoli perché non hanno creduto ai cultori della sacra scienza, agli ermeneuti della Scrittura, agli esegeti della Parola di Dio. Lui sa che queste vie non sono vie della fede. Uno può anche possedere tutta la dottrina che sgorga dalla Scrittura, ma non per questo è anc ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 26-04-2014)
Proclamate il Vangelo a ogni creatura
Nell'Antico Israele non vi era alcuna missione evangelizzatrice presso le nazioni pagane. Nei forti momenti di crisi della fede, Dio investiva della missione profetica e lo inviava a ricordare la Parola al suo popolo, che viveva nella trasgressione dell'Alleanza dl Sinai. La vocazione di tutti i pro ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 26-04-2014)
Commento su Mc 16,15
«Andate in tutto il mondo e proclamate il vangelo». Mc 16,15 Come vivere questa Parola? L'evangelista Marco conclude il suo vangelo riassumendo vari episodi riguardanti le apparizioni di Gesù Risorto, riportandone le testimonianze: quella d Maria di Magdala, quella ai discepoli di Emmaus e infin ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 06-04-2013)
Commento su Mc 16,9-15
Il vangelo di Marco si era chiuso in maniera troppo brusca, con le donne che il giorno delle resurrezione erano fuggite piene di spavento, senza dire niente a nessuno. Per questa ragione un discepolo dell'evangelista si era sentito in dovere di aggiungere qualche versetto, fornendo un riassunto dell ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 06-04-2013)
Li rimproverò per la loro incredulità
Siamo così tanto permalosi che ogni volta che ci viene fatta un'osservazione, magari con il cuore in mano, con l'affetto di un padre, di un amico, di un compagno, pensiamo sempre di essere giudicati, molto probabilmente perché siamo i primi a giudicare e, di conseguenza, pensiamo che tutti agiscano ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 06-04-2013)
Commento su Atti 4,20-21
"Li richiamarono e ordinarono loro di non parlare in alcun modo né d'insegnare nel nome di Gesù. Ma Pietro e Giovanni replicarono: "Se sia giusto dinanzi a Dio obbedire a voi invece che a Dio, giudicatelo voi. Noi non possiamo tacere quello che abbiamo visto e udito." Atti 4, 20-21 Come vivere que ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 06-04-2013)
Li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore
L'evento della risurrezione è manifestato dai Vangeli con poche parole. Marco in modo particolare insiste sull'incredulità dei discepoli. È quella stessa incredulità di cui parla San Paolo nella Prima Lettera ai Corinzi, impegnato a combatterla con grande sapienza e intelligenza. Eppure la risurrezi ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 14-04-2012)
Commento su Marco 16,9-15
Quella che abbiamo letto è la curiosa e destabilizzante conclusione del vangelo di Marco. È evidente anche ai non-addetti ai lavori che si tratta di un'aggiunta al vangelo di Marco, primo nostro evangelista, una specie di riassunto delle apparizioni del risorto presenti negli altri Sinottici. Il van ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 14-04-2012)
Commento su Marco 16,10-11
Questa andò ad annunciarlo a quanti erano stati con lui ed erano in lutto e in pianto. Ma essi, udito che era vivo e che era stato visto da lei, non credettero. Mc 16,10-11 Come vivere questa Parola? Il brano del vangelo di Marco, che oggi la liturgia ci offre, è un riassunto narrativo dei fatt ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 14-04-2012)
Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura
La notizia dei sette demòni dai quali Maria di Magdala è stata liberata dal Signore così è narrata con semplicità dal Vangelo secondo Luca: "In seguito egli se ne andava per città e villaggi, predicando e annunciando la buona notizia del regno di Dio. C'erano con lui i Dodici e alcune donne che eran ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 30-04-2011)
Commento su Marco 16,9
Dalla Parola del giorno Risorto al mattino, il primo giorno dopo il sabato, Gesù apparve prima a Maria di Magdala, dalla quale aveva scacciato sette demoni. Come vivere questa Parola? Mattino di Pasqua, mattino soleggiato o comunque vivificato da un'aria primaverile. Intorno è silenzio e pace. ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 30-04-2011)
Li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore
Marco è l'Evangelista che più di ogni altro ci mette dinanzi alla difficoltà per gli apostoli di credere nella risurrezione del Signore. Le donne credono. Gli uomini no. Si rifiutano. Non vogliono credere. Il non volere implica un atto della volontà. L'intelligenza avrebbe tutti i buoni motivi per a ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 18-04-2009)

Questo finale del vangelo di Marco, ci dicono gli esegeti, è un'aggiunta posteriore della sua comunità, e si vede. È una specie di piccolo Bignami delle apparizioni del risorto. In verità, se leggete bene il suo vangelo, Marco conclude il suo racconto con le donne che fuggono dal sepolcro piene di p ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 29-03-2008)

Marco, a differenza degli altri evangelisti, non si dilunga sui racconti della resurrezione, né li approfondisce. Anzi, alcuni studiosi sostengono che la pagina che abbiamo ascoltato sia stata aggiunta a posteriori, quasi per colmare una mancanza. E sentiamo, in queste parole, lo schema della sintes ...
(continua)