LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 7 Novembre 2016 <

Sabato 5 Novembre 2016

Domenica 6 Novembre 2016

Lunedì 7 Novembre 2016

Martedì 8 Novembre 2016

Mercoledì 9 Novembre 2016

Giovedì 10 Novembre 2016

Venerdì 11 Novembre 2016

Sabato 12 Novembre 2016

Domenica 13 Novembre 2016

Lunedì 14 Novembre 2016


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Lunedì della XXXII settimana del Tempo Ordinario (Anno pari)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Verde
PO321 ;
Le diverse parole di questo brano si concatenano sorprendentemente, meglio di quanto sembrerebbe a prima vista.
Scandalizzare significa qui non suscitare negli altri il biasimo ma, al contrario, indurre a confondere il bene e il male, distogliere da ciò che Dio attende e che è il vero bene.
Si comprende allora come provocare la caduta o lo smarrimento del proprio fratello sia ancora più grave che cadere o ingannare se stessi. Si comprende soprattutto l’estrema responsabilità che deriva da questa cosa ammirevole: l’immensa solidarietà umana.
Da un punto di vista generale, statistico, è inevitabile che avvenga lo scandalo. Ma non è mai necessario che io lo provochi e ne sia vittima. L’inevitabile non è una scusa ma una ragione precisa per stare in guardia. Ed è ancora troppo passivo: abbiamo la responsabilità bella e buona, pur senza giudicare, e nell’intento di perdonare senza limiti, di rivelare agli altri il male che seminano intorno a loro. Quale fede non esige ciò dagli uni e dagli altri?
Ma la fede non è una questione di quantità: l’essenziale, è che essa sia, anche in embrione, la nostra fiducia in Cristo, il nostro slancio verso di lui, il nostro desiderio di lui.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
La mia preghiera giunga fino a te;
tendi, o Signore, l’orecchio alla mia preghiera. (Sal 88,3)


Colletta
Dio grande e misericordioso,
allontana ogni ostacolo nel nostro cammino verso di te,
perché, nella serenità del corpo e dello spirito,
possiamo dedicarci liberamente al tuo servizio.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Tt 1,1-9
Stabilisci alcuni presbiteri in ogni città, secondo le istruzioni che ti ho dato.

Dalla lettera di san Paolo apostolo a Tito

Paolo, servo di Dio e apostolo di Gesù Cristo per portare alla fede quelli che Dio ha scelto e per far conoscere la verità, che è conforme a un’autentica religiosità, nella speranza della vita eterna – promessa fin dai secoli eterni da Dio, il quale non mente, e manifestata al tempo stabilito nella sua parola mediante la predicazione, a me affidata per ordine di Dio, nostro salvatore –, a Tito, mio vero figlio nella medesima fede: grazia e pace da Dio Padre e da Cristo Gesù, nostro salvatore.
Per questo ti ho lasciato a Creta: perché tu metta ordine in quello che rimane da fare e stabilisca alcuni presbìteri in ogni città, secondo le istruzioni che ti ho dato. Ognuno di loro sia irreprensibile, marito di una sola donna e abbia figli credenti, non accusabili di vita dissoluta o indisciplinati.
Il vescovo infatti, come amministratore di Dio, deve essere irreprensibile: non arrogante, non collerico, non dedito al vino, non violento, non avido di guadagni disonesti, ma ospitale, amante del bene, assennato, giusto, santo, padrone di sé, fedele alla Parola, degna di fede, che gli è stata insegnata, perché sia in grado di esortare con la sua sana dottrina e di confutare i suoi oppositori.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 23

Ecco la generazione che cerca il tuo volto, Signore.

Del Signore è la terra e quanto contiene:
il mondo, con i suoi abitanti.
È lui che l’ha fondato sui mari
e sui fiumi l’ha stabilito.

Chi potrà salire il monte del Signore?
Chi potrà stare nel suo luogo santo?
Chi ha mani innocenti e cuore puro,
chi non si rivolge agli idoli.

Egli otterrà benedizione dal Signore,
giustizia da Dio sua salvezza.
Ecco la generazione che lo cerca,
che cerca il tuo volto, Dio di Giacobbe.

Canto al Vangelo (Fil 2,15)
Alleluia, alleluia.
Risplendete come astri nel mondo,
tenendo salda la parola di vita.
Alleluia.

>

Vangelo

Lc 17,1-6
Se sette volte ritornerà a te dicendo: Sono pentito, tu gli perdonerai.


+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«È inevitabile che vengano scandali, ma guai a colui a causa del quale vengono. È meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare, piuttosto che scandalizzare uno di questi piccoli. State attenti a voi stessi!
Se il tuo fratello commetterà una colpa, rimproveralo; ma se si pentirà, perdonagli. E se commetterà una colpa sette volte al giorno contro di te e sette volte ritornerà a te dicendo: “Sono pentito”, tu gli perdonerai».
Gli apostoli dissero al Signore: «Accresci in noi la fede!». Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “Sràdicati e vai a piantarti nel mare”, ed esso vi obbedirebbe».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
In cammino verso la patria celeste, come Israele siamo soggetti a mille tentazioni. Da Dio imploriamo il soccorso per non stancarci lungo la strada. Diciamo insieme:
Signore, aumenta la fede del tuo popolo.

Quando nel mondo si dubita di te, del tuo amore e della tua provvidenza. Preghiamo:
Quando ci pare che non rispondi più e non ti preoccupi di noi. Preghiamo:
Quando il male sembra premiato, il cattivo arricchito, l'ingiusto fortunato. Preghiamo:
Quando i tuoi sacerdoti non danno buon esempio, i vescovi non entusiasmano, i battezzati non sostengono. Preghiamo:
Quando la società degli uomini non riesce a perdonare, dimenticare e capire. Preghiamo:
Quando incontriamo persone deluse e sconfitte, incomprese e tradite. Preghiamo:
Quando siamo stanchi di preghiera, vuoti di speranza, incapaci di carità. Preghiamo:
Quando i cristiani si adagiano nella mentalità corrente, si appesantiscono di tiepidezze e reagiscono come pagani. Preghiamo:

Dio dei nostri padri, anche nel deserto hai saputo dare acqua e manna al tuo popolo in marcia verso la terra promessa. La fragilità della nostra condizione umana invoca ancora l'abbondanza delle tue attenzioni. Seguici, Padre, con l'amore di cui in eterno ricolmi Gesù Cristo, tuo Figlio e nostro Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
Volgi il tuo sguardo, o Padre,
alle offerte della tua Chiesa,
e fa’ che partecipiamo con fede
alla passione gloriosa del tuo Figlio,
che ora celebriamo nel mistero.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Il Signore è mio pastore, non manco di nulla;
in pascoli di erbe fresche mi fa riposare,
ad acque tranquille mi conduce. (Sal 23,1-2)

Oppure:
I discepoli riconobbero Gesù, il Signore,
nello spezzare il pane. (Lc 24,35)


Preghiera dopo la comunione
Ti ringraziamo dei tuoi doni, o Padre;
la forza dello Spirito Santo,
che ci hai comunicato in questi sacramenti,
rimanga in noi e trasformi tutta la nostra vita.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 07-11-2016)
State attenti a voi stessi!
Il peccato di scandalo è causa di rovina eterna non solo per chi lo commette, ma anche per coloro che da esso sono trascinati nell'errore, giungendo fino a disprezzare Dio, il suo culto, la sua religione santa, le sue istituzioni. Il Primo Libro di Samuele ci rivela quanto deleterio può essere uno s ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 10-11-2014)
Commento su Lc 17, 5-6
«Gli apostoli dissero al Signore: "Accresci in noi la fede!". Il Signore rispose: "Se aveste fede come un granello di senape, potreste dire a questo gelso: "Sradicati e vai a piantarti nel mare ed esso vi obbedirebbe"». Lc 17, 5-6 Come vivere questa Parola? Alcuni capitoli prima del testo evangel ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 10-11-2014)
State attenti a voi stessi!
Nell'Antico Testamento chi sta attento a se stesso, chi vive con coscienza retta, pura, delicata, chi conduce una vita perennemente rivolta al bene è Giobbe. Ho stretto un patto con i miei occhi, di non fissare lo sguardo su una vergine. E invece, quale sorte mi assegna Dio di lassù e quale eredità ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 11-11-2013)
Commento su Lc 17,1-6
Hai ragione, Signore: ci vuole un sacco di fede, molto più di quanta crediamo di avere. Una fede cristallina, robusta per poter accogliere una Parola così esigente, così assurda. Una Parola che ci chiede di perdonare sempre, senza calcolo, senza tirarci indietro, senza accampare mille scuse. Una fed ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 11-11-2013)
Commento su Sapienza 1,1
Amate la giustizia, voi giudici della terra, pensate al Signore con bontà d'animo e cercatelo con cuore semplice. Sapienza 1,1 Come vivere questa Parola? Queste parole, in apertura al libro della Sapienza, pur appartenendo al contenuto sapienziale dell'Antica Alleanza, sono già in qualche modo sp ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 11-11-2013)
Se un tuo fratello pecca, rimproveralo; ma se si pente, perdonagli
Un miracolo in casa nostra Quante volte sbagliamo, con parole provocatorie od offensive dette con cattiveria, con atti contro i nostri fratelli per ripicca o egoismo, con omissioni per non aver compiuto il nostro dovere o non aver agito per il bene di qualcuno quando avremmo potuto, con pensieri ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 11-11-2013)
È inevitabile che vengano scandali
La più bella storia su uno scandalo evitato, non commesso, è quella narrata dal secondo Libro dei Maccabei. Eleàzaro fingendo avrebbe potuto salvare la sua vita. Preferisce il martirio per non dare scandalo ai più giovani. Questi sarebbero stati indotti nell'errore dalla sua finzione. Avrebbero anch ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 12-11-2012)
Commento su Luca 17,1-6
Hai ragione, Signore, non abbiamo fede. Ci illudiamo di credere ma quando siamo di fronte alle difficoltà tutto si sfalda come neve al sole. Non ne abbiamo nemmeno un briciolo, quanta ne basterebbe per spostare le montagne di indifferenza e di superficialità che ci riempiono il cuore. Guarda la ques ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 12-11-2012)
È inevitabile che vengano scandali
Evitare ogni scandalo è principio di retta azione. Ognuno di noi deve impegnare se stesso perché nessuno scandalo venga attraverso tutto il suo corpo, né immediato, all'istante, e neanche nel futuro, a motivo di azioni nascoste e segrete che di certo un giorno verranno alla luce. La vita dei nostri ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 12-11-2012)
Scandalizzare uno di questi piccoli
Quando analizziamo una notizia, un fatto che accade attorno a noi, il pensiero di qualcuno o le motivazioni che lo spingono ad un certo comportamento utilizziamo sempre il nostro modo di pensare, facciamo leva sulla nostra esperienza, analizziamo il nostro mondo. Non è sbagliato, ma è parziale e qui ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 12-11-2012)
Commento su Luca 17,1
E' inevitabile che vengono scandali; ma guai a colui a causa del quale vengono. Lc 17,1 Come vivere questa parola? Gesù continua il suo insegnamento ai discepoli. Egli accetta che lo scandalo sia a volte inevitabile nei rapporti umani per la nostra fragilità e per il cattivo uso della nostra libe ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 07-11-2011)
Commento su Sapienza 1,1
Cercate Dio con cuore semplice. Sap 1,1 Come vivere questa Parola? Il libro della Sapienza, di cui oggi si inizia la lettura, si apre con l'invito a cercare Dio con cuore semplice. Non è un invito nuovo per la Scrittura, anzi, direi che è sotteso a tutta la Bibbia, anche se solo alcune volte emer ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 07-11-2011)
È inevitabile che vengano scandali
Lo scandalo è un'autorizzazione a peccare data ai piccoli e ai deboli nella fede attraverso un nostro comportamento errato, malvagio, cattivo, turpe, impuro, non casto, non santo, non appropriato, non conveniente. Dobbiamo formarci in ordine allo scandalo una coscienza altamente delicata. Niente ch ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 08-11-2010)
State attenti a voi stessi!
Lo scandalo è vera scuola per l'apprendimento del male. Come la scuola inizia dall'Asilo, prosegue con le Elementari, si perfeziona con le Medie, i Licei, le Università e si conclude con il Dottorato di ricerca, così è per lo scandalo. Abbiamo scuole di ogni tipo, di ogni genere, di ogni misura, di ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 08-11-2010)
Gli scandali, la fede e il perdono
Tutto ciò che è peccato, il male in tutte le sue esterne manifestazioni, costituisce motivo di scandalo. Poiché queste tristi esperienze fanno parte della nostra vita quotidiana, anche il giusto pecca sette volte al giorno, gli scandali, lo afferma lo stesso Gesù, sono in una certa misura inevitabil ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 10-11-2008)

Sì, ci vuole fede per perdonare sette volte, cioè sempre. Pensateci bene: viene da voi un amico e vi chiede scusa perché vi ha sparlato dietro; fate i signori, lo perdonate, che diamine siamo pur sempre dei cristiani! Dopo due ore torna e vi chiede di nuovo scusa perché, nel frattempo, vi ha di nuov ...
(continua)