LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 28 Ottobre 2016 <

Mercoledì 26 Ottobre 2016

Giovedì 27 Ottobre 2016

Venerdì 28 Ottobre 2016

Sabato 29 Ottobre 2016

Domenica 30 Ottobre 2016

Lunedì 31 Ottobre 2016

Martedì 1 Novembre 2016

Mercoledì 2 Novembre 2016

Giovedì 3 Novembre 2016

Venerdì 4 Novembre 2016


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  SANTI SIMONE E GIUDA

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: FESTA
Colore liturgico: Rosso
S1028 ;

La festa degli Apostoli ci dà l'occasione di acquistare maggiore consapevolezza delle due imprescindibili dimensioni della Chiesa, che è corpo di Cristo e tempio dello Spirito Santo, e non può essere l'uno senza l'altro. E un'illusione credere di poter ricevere lo Spirito Santo senza far parte del corpo di Cristo, perché lo Spirito Santo è lo Spirito di Cristo e si riceve nel corpo di Cristo. La Chiesa come corpo di Cristo ha anche un aspetto visibile: per questo Gesù scelse i Dodici e sceglie nel tempo i loro successori, a formare la struttura visibile del suo corpo, quasi continuazione dell'incarnazione. Appartenendo al suo corpo, possiamo ricevere il suo Spirito ed essere intimamente uniti a lui in un solo corpo e in un solo Spirito.
La prima lettura, dalla lettera agli Efesini, esprime bene queste due dimensioni. "Siete edificati sopra il fondamento degli Apostoli e dei profeti, avendo come pietra angolare lo stesso Cristo Gesù": è l'aspetto visibile del corpo di Cristo, che è un organismo con la propria struttura. E in Cristo "la costruzione cresce ben ordinata":
ogni membro ha la propria funzione e il proprio posto. Scrive Paolo più avanti nella stessa lettera: "E lui (Cristo) che ha stabilito alcuni come Apostoli, altri come profeti, altri come evangelisti, altri come pastori...". Ognuno ha ricevuto la grazia "secondo la misura del dono di Cristo". Ed ecco la seconda dimensione, invisibile: "In lui anche voi insieme con gli altri venite edificati per diventare dimora di Dio per mezzo dello Spirito".
Anche nella prima lettera ai Corinzi Paolo mette in evidenza lo stesso concetto: "I vostri corpi sono membra di Cristo... Il vostro corpo è tempio dello Spirito Santo" (6,15.19).

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Dio ha scelto questi uomini santi
nella generosità del suo amore
e ha dato loro una gloria eterna.


Colletta
O Dio, che per mezzo degli Apostoli
ci hai fatto conoscere il tuo mistero di salvezza,
per l’intercessione dei santi Simone e Giuda
concedi alla tua Chiesa di crescere continuamente
con l’adesione di nuovi popoli al Vangelo.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Ef 2,19-22
Edificati sopra il fondamento degli apostoli.

Dalla lettera di san Paolo apostolo agli Efesìni

Fratelli, voi non siete più stranieri né ospiti, ma siete concittadini dei santi e familiari di Dio, edificati sopra il fondamento degli apostoli e dei profeti, avendo come pietra d’angolo lo stesso Cristo Gesù.
In lui tutta la costruzione cresce ben ordinata per essere tempio santo nel Signore; in lui anche voi venite edificati insieme per diventare abitazione di Dio per mezzo dello Spirito.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 18

Per tutta la terra si diffonde il loro annuncio.

I cieli narrano la gloria di Dio,
l’opera delle sue mani annuncia il firmamento.
Il giorno al giorno ne affida il racconto
e la notte alla notte ne trasmette notizia.

Senza linguaggio, senza parole,
senza che si oda la loro voce,
per tutta la terra si diffonde il loro annuncio
e ai confini del mondo il loro messaggio.

Canto al Vangelo ()
Alleluia, alleluia.
Noi ti lodiamo, Dio, ti proclamiamo Signore;
ti acclama il coro degli apostoli.
Alleluia.

>

Vangelo

Lc 6,12-19
Ne scelse dodici ai quali diede anche il nome di apostoli.


+ Dal Vangelo secondo Luca

In quei giorni, Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli: Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso; Giacomo, figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; Giuda, figlio di Giacomo; e Giuda Iscariota, che divenne il traditore.
Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne, che erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie; anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti. Tutta la folla cercava di toccarlo, perché da lui usciva una forza che guariva tutti.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Fratelli, redenti da Cristo, siamo diventati familiari di Dio, pietre vive di un unico edificio spirituale. Ben saldi nella fede degli apostoli, eleviamo la nostra supplica dicendo:
Dimora in noi, Signore, col tuo Spirito.

Perchè la Chiesa, con umiltà e pace, manifesti la presenza viva del Risorto fra gli uomini. Preghiamo:
Perchè i cristiani siano irradiazione del vangelo nel mondo, e la storia della salvezza diventi storia di tutta l'umanità. Preghiamo:
Perchè pastori e laici collaborino a far crescere in armonia e santità l'edificio della Chiesa e l'intera famiglia umana. Preghiamo:
Perchè gli edifici di culto siano mete dello spirito, e facilitino l'incontro personale con Dio. Preghiamo:
Perchè dal cuore dei fedeli l'orazione scorra come un fiume silenzioso e benefico, a lode di Dio e a vantaggio dell'umanità. Preghiamo:
Per le vocazioni giovanili.
Per il nostro vescovo.

O Signore, nella gioia di essere concittadini dei santi e tuoi familiari, ti esprimiamo il nostro rendimento di grazie, in unione con Cristo, nostra pietra angolare, che vive con te nella gloria per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Preghiera sulle offerte
Accogli, Signore, i doni, che il tuo popolo ti offre
nel ricordo glorioso dei santi apostoli Simone e Giuda,
e ravviva la nostra fede,
perché possiamo celebrare degnamente i santi misteri.
Per Cristo nostro Signore.


Prefazio degli Apostoli.


Antifona di comunione
“Se uno mi ama, osserverà la mia parola,
e il Padre mio lo amerà,
e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui”. (Gv 14,23)

Oppure:
Gesù ne scelse dodici,
perché stessero sempre con lui. (Mc 3,14)


Preghiera dopo la comunione
Signore, che ci hai accolti alla tua mensa
nel glorioso ricordo dei santi apostoli Simone e Giuda,
per il tuo Spirito operante in questi misteri
confermaci sempre nel tuo amore.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28-10-2016)
Chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici
Gesù deve costituire il popolo della Nuova Alleanza. Sceglie i dodici patriarchi, segno delle dodici tribù di Israele. Ecco la prima differenza tra l'Antica e la Nuova Alleanza. Nell'Antica si era popolo di Dio per nascita. I dodici patriarchi sono i dodici figli di Giacobbe. Nella Nuova nulla è per ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28-10-2015)
Chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici
La Scrittura Santa ci rivela che è sempre Dio che sceglie chi deve compiere la sua opera. Spesso sono scelte che vanno al di là di ogni logica umana. Persone sulle quali noi ci saremmo fermati da Dio vengono scartate, persone che mai avremmo potuto neanche immaginare come utili a Dio, dal Signore so ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28-10-2015)
Commento su Lc 6, 12-16
«In quei giorni, Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli.: Simone, al quale diede anche il nome di Pietro... Giacomo, Giovanni... Simone, detto Zelota, Giuda, ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28-10-2014)
Commento su Lc 6,12-13
«In quei giorni, Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli». Lc 6,12-13 Come vivere questa Parola? Ricordando gli Apostoli, noi ritorniamo alle radici della n ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28-10-2014)
Chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici
Mosè è stanco. Non riesce più a portare da solo sulle spalle i figli di Israele. Il Signore gli viene in soccorso. Gli pone accanto altri settanta uomini che condividano assieme a lui tutto il giogo del popolo nel suo viaggio verso la terra promessa. La storia va sempre redenta, salvata. Il Signore ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 28-10-2013)
Commento su Lc 6,12-19
Oggi celebriamo la festa di due apostoli di cui sappiamo poco ma che, come gli altri, hanno partecipato alla splendida avventura della sequela del Maestro. Un'occasione per tornare all'origine del nostro percorso di fede... Di loro sappiamo ben poco: Simone è soprannominato Cananeo o Zelota; Giuda ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 28-10-2013)
Da lui usciva una forza che sanava tutti
I viaggi della speranza per guarire Il dottor Bex era un medico francese, un bravissimo cardiologo, una persona meravigliosa che ha investito gran parte del suo denaro guadagnato come luminare per accogliere tanti bambini in adozione. Tutti andavano da lui, specie dall'Italia, come ultimo viaggi ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28-10-2013)
Commento su Luca 6,13-16
Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli: Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso; Giacomo, figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; Giuda, figlio d ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28-10-2013)
Passò tutta la notte pregando Dio
Una delle più stupende verità che l'Antico Testamento ci lascia in eredità è la fede nel Dio Onnipotente che interviene nella nostra storia e la conduce secondo il suo volere. L'uomo non è signore, padrone della storia. Essa non è nelle sue mani. Non può essere condotta secondo la sua volontà. Perch ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28-10-2011)
Commento su Efesini 2,21
In lui tutta la costruzione cresce ben ordinata per essere tempio santo nel Signore; in lui anche voi venite edificati insieme per diventare abitazione di Dio per mezzo dello Spirito. Ef 2,21 Come vivere questa parola? Oggi festeggiamo gli apostoli Simone, chiamato zelota e Giuda di Giacomo. Il ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28-10-2011)
Chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici
Nell'elezione dei suoi Apostoli Gesù non mette nulla di suo. Chi sceglie è il Padre. Chi gli dona i discepoli è Dio. Questa verità deve essere affermata con forza, energia di Spirito Santo. È solo Dio l'Autore di una chiamata, vocazione, elezione, invio, ministero, dono, carisma. Dio opera in Cristo ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28-10-2010)
Chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici
Studiare Cristo Gesù, non è soltanto cercare di comprendere quanto Lui dice, insegna, come lo dice e come lo insegna. Chi si ferma alle sole parole di Gesù, ha una conoscenza assai parziale del suo Maestro e Signore. Studiare Cristo vuol dire esaminare ogni suo gesto, ciò che fa prima e ciò che fa d ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28-10-2010)

Dalla Parola del giorno Voi non siete più stranieri né ospiti, ma siete concittadini dei santi e familiari di Dio. Come vivere questa Parola? A S.Paolo, innamorato di Cristo che ha afferrato pienamente la sua vita nella luce, importa una cosa sola: rendere consapevoli quelli di Efeso e noi del ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 28-10-2009)

Gesù sceglie dodici collaboratori fra le persone più improbabili che si possano immaginare. Fra questi, oggi, Giuda Taddeo e Simone. Sì, proprio lui, Simone il terrorista! Ogni volta che celebriamo la festa di un apostolo, affondiamo le nostre radici della fede nel passato. Eppure rischiamo di di ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 28-10-2008)

Simone e Giuda, due nomi di una lista di dodici, due di cui sappiamo ben poco, due del gruppo degli apostoli, il gruppo che impegna tutta la notte di preghiera di Gesù affinché la sua scelta sia in sintonia con la volontà del Padre. Leggete l'elenco dei dodici: forse Gesù era assonnato, dopo ave ...
(continua)