LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 20 Febbraio 2016 <

Giovedì 18 Febbraio 2016

Venerdì 19 Febbraio 2016

Sabato 20 Febbraio 2016

Domenica 21 Febbraio 2016

Lunedì 22 Febbraio 2016

Martedì 23 Febbraio 2016

Mercoledì 24 Febbraio 2016

Giovedì 25 Febbraio 2016

Venerdì 26 Febbraio 2016

Sabato 27 Febbraio 2016


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:


  Sabato della I settimana di Quaresima

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Viola
EQ016 ;
Quando leggiamo il brano di Vangelo di oggi, dobbiamo soprattutto pregare, dobbiamo implorare Gesù per poterlo vivere pienamente. Dobbiamo supplicare lo Spirito Santo di cambiare i nostri cuori al punto di poter perdonare e amare come Gesù, che ci ha dato la più grande prova del suo amore per noi sulla croce.
È umano, è naturale che noi non possiamo amare i nostri nemici. Possiamo a stento evitare di ripagarli con gli stessi torti, ed è già molto! Ma Gesù ci chiama a molto di più. Egli ci dice di “amarli e di pregare per loro”. Dio ha creato il nostro cuore in modo che esso non possa essere neutrale. Quando restiamo indifferenti nei confronti di qualcuno, siamo incapaci di scoprire ciò che vi è di migliore in lui, siamo incapaci di perdonarlo veramente. Si tratta ancora, quindi, di imitare il nostro Padre celeste, non nella sua potenza, nella sua saggezza, nella sua intelligenza, ma nella sua bontà e nella sua misericordia. Lui che non solo “fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti”, ma che ha sacrificato il suo Figlio, il suo Figlio prediletto, per Giuda come per il buon ladrone, per tutti gli uomini.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
La legge del Signore è perfetta e rinfranca il cuore;
la testimonianza del Signore è verace
e rende saggi i semplici. (Sal 19,8)


Colletta
O Dio, Padre di eterna misericordia,
fa’ che si convertano a te i nostri cuori,
perché nella ricerca dell’unico bene necessario
e nelle opere di carità fraterna
siamo sempre consacrati alla tua lode.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Dt 26,16-19
Sarai un popolo consacrato al Signore tuo Dio.

Dal libro del Deuteronòmio

Mosè parlò al popolo, e disse:
«Oggi il Signore, tuo Dio, ti comanda di mettere in pratica queste leggi e queste norme. Osservale e mettile in pratica con tutto il cuore e con tutta l’anima.
Tu hai sentito oggi il Signore dichiarare che egli sarà Dio per te, ma solo se tu camminerai per le sue vie e osserverai le sue leggi, i suoi comandi, le sue norme e ascolterai la sua voce.
Il Signore ti ha fatto dichiarare oggi che tu sarai il suo popolo particolare, come egli ti ha detto, ma solo se osserverai tutti i suoi comandi.
Egli ti metterà, per gloria, rinomanza e splendore, sopra tutte le nazioni che ha fatto e tu sarai un popolo consacrato al Signore, tuo Dio, come egli ha promesso».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 118

Beato chi cammina nella legge del Signore.

Beato chi è integro nella sua via
e cammina nella legge del Signore.
Beato chi custodisce i suoi insegnamenti
e lo cerca con tutto il cuore.

Tu hai promulgato i tuoi precetti
perché siano osservati interamente.
Siano stabili le mie vie
nel custodire i tuoi decreti.

Ti loderò con cuore sincero,
quando avrò appreso i tuoi giusti giudizi.
Voglio osservare i tuoi decreti:
non abbandonarmi mai.

Canto al Vangelo (2Cor 6,2)
Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria!
Ecco ora il momento favorevole,
ecco ora il giorno della salvezza!
Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria!

>

Vangelo

Mt 5,43-48
Siate perfetti come il Padre vostro celeste.


+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo” e odierai il tuo nemico. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti.
Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani?
Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Il Signore che ci ha scelti come suo popolo, donandoci la legge perfetta dell'amore, perchè divenissimo simili a lui che è l'amore, ora ci viene incontro e ascolta la nostra umile preghiera. Per questo diciamo:
Insegnaci ad amare, Signore.

Per il Papa, i vescovi e i sacerdoti che, come Mosè, hanno il compito di far conoscere la legge dell'amore cristiano: siano loro i primi a praticarla con l'umiltà e il coraggio dei pastori del gregge. Preghiamo:
Per le società lacerate da divisioni e conflitti: il messaggio di Gesù sull'amore dei nemici favorisca la ricerca di nuovi rapporti di giustizia e di pace. Preghiamo:
Per il mondo della sofferenza che invoca amore e solidarietà: trovino nella nostra comunità lo spazio della speranza e della vita. Preghiamo:
Per i gruppi delle comunità ecclesiali: vivano la carità e promuovano servizi efficaci con la gratuità del vangelo. Preghiamo:
Per noi che rinnoviamo il sacrificio della croce: sappiamo offrire amore e pace ai nostri vicini. Preghiamo.
Per quelli che rifiutano la legge di Dio credendola estranea all'uomo.
Per coloro che all'amore preferiscono la forza, il prestigio, l'onore, ecc.

O Dio, noi siamo qualcosa di particolare per te, perchè siamo il tuo popolo; aiutaci ad imitarti nel dono dell'amore, perchè ogni nostro fratello, anche il nemico, diventi qualcosa di particolare per noi. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
Signore Dio nostro,
l’offerta di questi santi misteri
ci renda degni di ricevere il dono della tua salvezza.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO DI QUARESIMA I
Il significato spirituale della Quaresima

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno.
Ogni anno tu doni ai tuoi fedeli di prepararsi con gioia,
purificati nello spirito,
alla celebrazione della Pasqua,
perché, assidui nella preghiera e nella carità operosa,
attingano ai misteri della redenzione
la pienezza della vita nuova
in Cristo tuo Figlio, nostro salvatore.
E noi, uniti agli Angeli e agli Arcangeli,
ai Troni e alle Dominazioni
e alla moltitudine dei Cori celesti,
cantiamo con voce incessante
l’inno della tua gloria: Santo...


Antifona di comunione
“Siate perfetti”, dice il Signore,
“come è perfetto il vostro Padre
che è nei cieli”. (Mt 5,48)


Preghiera dopo la comunione
Non manchi mai la tua benevolenza, Signore,
a coloro che nutri con questi santi misteri,
e poiché ci hai accolti
alla scuola della tua sapienza,
continua ad assisterci con il tuo paterno aiuto.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 20-02-2016)
Pregate per quelli che vi perseguitano
L'Antico Testamento conosce la mitezza dinanzi a coloro che perseguitano da parte dei perseguitati attraverso il Re Davide. Con grande visione di fede si lascia insultare, perseguitare, senza alcuna reazione, vietando ogni reazione da parte degli altri. Quando poi il re Davide fu giunto a Bacurìm, ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 20-02-2016)
Commento su Mt 5, 44-48
«Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28-02-2015)
Commento su Mt 5, 48
«Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste». Mt 5, 48 Come vivere questa Parola? Il vangelo di oggi ci chiede di imitare la perfezione dell'amore e della misericordia del nostro Padre celeste, pronto ad accogliere tutti e gioisci quando i suoi figli seguono il suo esempi ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28-02-2015)
Affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli
La Scrittura Santa sempre vuole che noi contempliamo il nostro Dio e da Lui impariamo come si vive. Il nostro Dio è colui che perdona e ama tutti, senza alcuna distinzione di razza, popolo, nazione, tribù. Ogni uomo è frutto delle sue mani, opera della sua santità. Lui vuole che nessuno si perda. È ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15-03-2014)
Siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste
La perfezione di Dio, sulla quale oggi Gesù ci ammaestra, è già rivelata nell'Antico Testamento, anche se ancora manca della sua pienezza che è data solo in Cristo Signore. È però un buon inizio dal quale partire per essere anche noi perfetti, santi, misericordiosi come il nostro Dio. L'uomo è chiam ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 15-03-2014)
Commento su Mt 5, 46-47
"Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani?" Mt 5, 46-47 Come vivere questa Parola? Certo, la vita vale nella misura in cui ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 23-02-2013)
Commento su Mt 5,43-48
Quanto mi mette in crisi questa parola del Signore! Quanto vorrei che non l'avesse mai pronunciata! Il suo ragionamento è drammaticamente lineare: se amiamo quanti ci amano cosa facciamo di straordinario? Ci è naturale voler bene a quanti ci trovano simpatici! La novità del vangelo consiste, invece, ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 23-02-2013)
Fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni
Il sole e la pioggia non guardano in faccia a nessuno, arrivano per i buoni e per i meno bravi, per i poco peccatori (uomini senza peccati non ne esistono) e per i peccatori. Irradiano i loro effetti benefici senza giudicare nessuno, in piena democrazia. In questa vita siamo tutti uguali agli occhi ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23-02-2013)
Affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli
La Scrittura Santa mai ha insegnato l'odio per il nemico. Questo insegnamento veniva dalla tradizione degli uomini, non certo dalla Parola del Signore. Dio ha sempre chiesto un amore verso tutti, senza alcuna distinzione, differenza, un amore universale. Non ti rallegrare per la caduta del tuo ne ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 23-02-2013)
Commento su Deuteronomio 26, 17
"Egli sarà Dio per te, solo se camminerai per le sue vie..." Dt 26, 17 Come vivere questa parola? CAMMINARE NELLE SUE VIE La settimana si chiude con una specie di inclusione: la prima lettura di oggi è presa dalla stesso capitolo del Deuteronomio come la prima lettura di domenica scorsa; domeni ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 03-03-2012)
Commento su Matteo 5,43-48
Il discorso della montagna presente in Matteo è destabilizzante per i contemporanei di Gesù e per noi oggi. Per i farisei, in particolare, che reputavano Legge inviolabile gli oltre seicento precetti della tradizione orale che nulla avevano a che fare con Mosè e che Gesù si permette di correggere li ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 03-03-2012)
Commento su Matteo 5,45
Siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. Mt 5,45 Come vivere questa Parola? Dicevano del grande sovrano egiziano che era figlio del sole. E non c'era espressione più altamente laudativa per dirne ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 03-03-2012)
Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste
L'imitazione di Dio è l'unica regola di verità per ogni suo adoratore. Chi adora il Signore in spirito e verità, deve agire come Lui agisce, comportarsi come Lui si comporta, pensare come Lui pensa, volere ciò che Lui vuole. Questo significa che noi dobbiamo perennemente guardare verso di Lui, senza ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 27-02-2010)
Perfetti nell'amore
Perfetti nell'amore. Come il Padre celeste. La perfezione dell'amore non corrisponde affatto con quella terrena. La perfezione dell'amore significa lasciarsi riempire fino in fondo dalla presenza di Dio che ci rende perfetti in quel momento. Ma è Lui che ci rende perfetti, non nella perfezio ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 27-02-2010)

Dalla Parola del giorno "Voglio osservare i tuoi decreti: non abbandonarmi mai!" Come vivere questa Parola? Le letture di oggi sono tutte incentrate sulla "Legge" di Dio. Il Salmo riprende il tema con tonalità gioiose: è "beato" chi cammina nella legge del Signore e custodisce i suoi insegnamen ...
(continua)
padre Lino Pedron     (Omelia del 27-02-2010)

Il comandamento dell'amore, esteso indistintamente a tutti, è il supremo completamento della Legge (v. 17). A questa conclusione Gesù è arrivato lentamente dopo aver parlato dell'astensione dall'ira e dell'immediata riconciliazione (vv. 21-26), del rispetto verso la donna (vv. 27-30) e la propria mo ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 07-03-2009)

Se amiamo coloro che ci amano che cosa facciamo di straordinario? Pagina destabilizzante, quella di oggi, vertice del vangelo, scomoda e inusuale, politicamente scorretta, acida, insopportabile. Eppure vera. Non siamo discepoli del Nazareno per diventare dei bravi ragazzi, per diventare testimoni de ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 16-02-2008)

Siamo chiamati, amici, a superare la giustizia degli scribi e dei farisei: Gesù ci chiede di amare i nostri nemici e di pregare per loro. Una richiesta perlomeno sconcertante, che nasce da un interrogativo provocatorio che pone Gesù: cosa facciamo di straordinario se ci mettiamo ad amare le persone ...
(continua)